Dipendenza_(0)

855Report
Dipendenza_(0)

Godetevi la storia e lasciate un commento.


Dipendenza

"Allora Doc, ahh domanda folle - è possibile essere um, tipo, dipendenti da una persona?" Era una domanda folle e Tom era in qualche modo imbarazzato anche solo a farsela, ma era una domanda su cui si stava ponendo da giorni ormai.

Il dottore, in realtà uno psicologo, era un uomo calvo con gli occhiali sulla cinquantina, che aveva sentito un sacco di cose più folli nei suoi vent'anni di pratica. Sapeva che Tom era serio e aveva bisogno di maggiori informazioni prima di poter dare una risposta. "Pensi di essere dipendente da una persona, signor Jensen?"

Tom fece un respiro profondo e si grattò la fronte prima di rispondere "Beh, c'è questa ragazza che mi piace, immagino, ma mi piacciono molte ragazze se capisci cosa intendo." Alzò lo sguardo verso il dottore che stava scrivendo qualcosa sulla sua cartellina, poi continuò. “Voglio dire, in un certo senso gioco sul campo in questo momento, sai, non sono ancora pronto per sistemarmi. Ma poi c'è questa ragazza che è sexy, e sono uscito con lei un paio di volte, ed è stato bello sai, ma era proprio come qualsiasi altra volta e qualsiasi altra ragazza. Era solo una... una distrazione, immagino. Sai che era divertente e tutto il resto, ma non di più. Si fermò a pensare a cos'altro dire perché il resto era complicato.

Il dottore alzò lo sguardo e si aggiustò gli occhiali "Continui signor Jensen, sta andando bene."

Un altro sospiro e poi “Beh, siamo usciti tipo, forse tre volte e vedevo ancora altre ragazze. Lo sapeva anche lei. Le ho detto che non ero esclusivo con lei fin dall'inizio, non era come se lo stessi nascondendo, sai. E poi, una notte, mi chiama di punto in bianco e dice che vuole vedermi. In realtà mi ha detto che voleva fare sesso. Non era nemmeno la prima volta che facevamo sesso. Quindi sono andato oltre e, come se una cosa tira l'altra, sai e ci spogliamo e lei, come se mi tirasse la faccia verso di lei ... sai.

"Voleva che tu facessi sesso orale con lei." il buon dottore finì per lui.

"Si è così. Quindi, se vado laggiù e la sento... ed è come se ci fosse qualcosa nel suo odore. Non è normale, ma non in modo negativo o altro. Era come se non ne avessi mai abbastanza del suo odore e lei continuava a incoraggiarmi a farlo. "Continua ad annusami" dice e "è così, inspira tutto". È come se sapesse qualcosa, ma al momento non mi ero reso conto che qualcosa non andava. Continuavo a sentire il suo profumo ed era come il paradiso. Alzò lo sguardo verso il dottore e si rese conto che questa volta stava ascoltando attentamente, senza più scrivere.

"Puoi descrivere cosa hai provato mentre la stavi annusando?"

“Non lo pensavo davvero in quel momento, ma più tardi, quando ci ho pensato, mi sono reso conto che mi sentivo... quasi ubriaco. Come se fossi inebriato dal suo odore. La parte più strana di questo è che continuo ad avere queste voglie adesso. Non posso stare lontano da lei per più di un giorno o ho... crisi di astinenza".

Il dottore si sistemò sulla sedia, come se si fosse sentito a disagio, e fece la domanda successiva. "Puoi spiegare cosa intendi per 'prelievi'?"

“Beh, non mi sono ammalato o altro, ma divento molto teso e non riesco a pensare con chiarezza. Tutto quello a cui riesco a pensare è tornare tra le sue gambe e annusarla e leccarla. Anche quando sono con un'altra donna, potremmo fare sesso e io potrei mangiarle la figa ”si fermò quando si rese conto di quanto avesse appena parlato in modo rozzo e guardò per vedere se aveva offeso il dottore. Non c'era alcuna differenza distinguibile nel suo comportamento, quindi Tom ha continuato "Scusa, potrei fare sesso orale e sto ancora pensando a quanto velocemente posso uscire da lì per andare a vedere Ka- l'altra ragazza. È strano.

"E il tuo lavoro, ha sofferto per niente?" Il dottore chiese.

Un altro respiro profondo di Tom e poi “Sì, penso sempre a lei al lavoro. Il mio capo ha notato che non sono stato me stesso e mi ha chiesto cosa stava succedendo. Gli ho detto che ho dei problemi personali con cui ho a che fare. Doc, sta influenzando ogni aspetto della mia vita ultimamente. Se passo più di un giorno senza vederla, senza annusarla, non riesco a dormire, non riesco a funzionare e temo che stia peggiorando.

«Quando è stata l'ultima volta che sei stato con lei?»

“Sono andato a casa sua ieri sera verso le otto e ogni sera sento il bisogno di andare prima. Solo pochi giorni fa potevo resistere fino alle dieci di sera. E quando vado a casa sua, anche quando arrivo senza chiamare, mi sta aspettando, come se sapesse che mi presenterò.

Il buon dottore rimase seduto per circa venti secondi a pensare a quello che gli era stato detto, poi diede il suo punto di vista “Beh, ad essere onesto signor Jensen, non puoi diventare dipendente dall'odore di una persona; tuttavia, i succhi che una donna eccitata produce dalla sua vagina possono essere piuttosto afrodisiaci per un uomo eterosessuale e possono creare sentimenti simili nella moda a una dipendenza. Mi sembra però che la tua reazione sia molto più intensa del normale. Ha influenzato tutti gli aspetti della tua vita e non è una buona cosa. Non per sminuirla, signor Jensen, ma credo che quello che sta vivendo sia tutto nella sua testa. Forse i tuoi sentimenti per questa giovane donna sono più profondi di quello che sei disposto ad ammettere. L'amore funziona in modi strani sai.

“NON sono innamorato di lei, se è quello che pensi. È carina e tutto il resto, ma non è davvero il mio tipo.

«Ma sei andato a letto con lei.»

"Sì, è stato un bel momento e tutto il resto, ma non voglio sposarla o altro."

Annuendo con la testa, il dottore in psicologia si alzò e guardò l'orologio sul muro. “Ti insegnerò alcuni esercizi per calmarti e concentrarti. Credo che questa sarà una soluzione facile, ma devi solo concentrare il tuo cervello su qualcosa di diverso dalla signorina che ti ha messo in una tale situazione. Ti consiglierò anche di procurarti un sonnifero da banco per aiutarti a riposare bene la notte. Penso che tu possa prenderti cura di questo relativamente facile signor Jensen, e ti renderai conto che non sei affatto dipendente da lei, solo infatuato.

"Spero che tu abbia ragione dottore."

2

Più tardi quella sera, Tom iniziò a sentire di nuovo l'impulso intorno alle cinque del pomeriggio e iniziò immediatamente a fare gli esercizi di respirazione che aveva imparato in precedenza. Respirare profondamente e scrollarsi di dosso lo stress lo hanno aiutato a sentirsi meglio dopo dieci minuti ed era fiducioso che avrebbe funzionato. Il dottore gli disse che se avesse resistito a tornare da lei, il suo corpo avrebbe dimenticato il desiderio e avrebbe potuto tornare alla sua vita normale. Durò circa venti minuti mentre cercava di tenersi occupato, ma poi ricominciò a pensare a lei. Ha resistito per dieci minuti, poi ha ripreso a respirare finché non si è rilassato e ha ripreso a pensare con chiarezza. Questa volta gli ci vollero venti minuti per calmarsi e adesso erano le sei.

Si è dato da fare per preparare la cena e ha provato a cantare alla radio, ma presto si è ritrovato di nuovo con le voglie. Diede un'occhiata all'orologio e fu sorpreso di vedere che erano solo le sei e dieci e si sentiva ancora più nervoso di prima che facesse gli esercizi calmanti la seconda volta. Aveva programmato di resistere fino alle otto e poi prendere un sonnifero, sperando che se avesse superato la notte, avrebbe messo quanta più distanza possibile tra sé e lei.

Cercò di ignorare i sentimenti che stavano crescendo in lui, dopotutto stava ancora cucinando, ma presto fu così preoccupato che finì per bruciare il suo pasto. Affamato e arrabbiato con se stesso, si sedette e ricominciò a respirare. Anche facendo i suoi esercizi, non riusciva ancora a calmare le sue incessanti voglie e dopo soli dieci minuti di tentativi, decise che aveva bisogno dei sonniferi. Il problema era che quando era uscito dallo studio del dottore si era dimenticato di fermarsi in farmacia e questo significava che adesso doveva uscire. Prese le chiavi uscì dalla porta.

Era quasi arrivato alla farmacia prima di voltarsi e dirigersi verso la casa di Kayla. Era convinto che lei gli avesse fatto qualcosa ed era determinato ad affrontarla e scoprire cosa. Ha infranto più di un limite di velocità lungo la strada e alla fine è entrato nel suo vialetto. Erano le sette.

Tom salì di corsa i gradini dell'ingresso e si fermò davanti alla porta. Fece un respiro profondo e lo lasciò uscire tra le labbra increspate e poi bussò sonoramente. Mentre aspettava con impazienza, notò che la sua mano solitamente ferma tremava molto. Chiuse il pugno e incrociò le braccia sul petto. Pochi secondi dopo, ha sentito una voce femminile dall'interno della casa gridare "Puoi entrare Tom". Era decisamente Kayla, ma come faceva a sapere che era lui?

Aprì la porta ed entrò nell'atrio, chiudendosi la porta alle spalle. Si fece strada lungo il breve corridoio fino alla stanza che pensava sarebbe stata lei, e mentre camminava stava lottando con emozioni contrastanti. Da un lato, era arrabbiato con se stesso per essere così debole e arrabbiato con Kayla perché era sicuro che lei avesse qualcosa a che fare con il suo problema; d'altra parte, era eccitato e non vedeva l'ora di essere nella stessa stanza con lei.

Svoltò a destra ed entrò in soggiorno e fu sollevato nel vedere che lei era sdraiata sul divano. Sembrava la stessa di sempre; lunghezza fino alle spalle, capelli ricci rosso fuoco, un'infarinatura di lentiggini sulle guance e sulla fronte, labbra rosse spesse e morbide e un grazioso nasino. I suoi occhi erano ciò che Tom notava sempre per primo, però. I suoi occhi avevano un modo che lui trovava super sexy. Indipendentemente dall'argomento della conversazione o da cosa stesse guardando, pensava che i suoi occhi fossero la sua caratteristica migliore. Anche il suo corpo non era troppo malandato, anche se nella sua mente avrebbe potuto perdere qualche chilo. Non era affatto grassa, ma aveva un po' più di grasso sulla pancia di quanto lui preferisse. Pensava anche che il suo culo avesse troppo cuscino. Anche se sarebbe d'accordo sul fatto che fosse una donna bellissima e perfetta per un ragazzo fortunato, non era adatta a lui perché voleva essere visto con una bambola Barbie.

"Ciao Tom, ti stavo aspettando." Disse sorridendo dolcemente.

Tom era confuso perché non le aveva detto che sarebbe venuto. "Perché, mi stavano aspettando?" chiese.

"Andiamo Tom, sappiamo entrambi che non puoi resistermi."

Tom fece tutto il possibile per trattenersi dal correre verso di lei e tuffarsi tra le sue gambe, ma anche la sua rabbia stava crescendo. "CHE DIAVOLO MI HAI FATTO!?!" urlò, aggirando un tavolo, ma resistendo all'impulso di saltarle addosso.

Non mostrando paura, Kayla ha detto "Siediti Tom".

Sentendo una goccia di sudore rotolargli lungo la tempia, Tom rimase scioccato dal suo atteggiamento. Dopotutto, lui era un uomo forte e lei era solo una donna. Avrebbe potuto facilmente fare a modo suo se avesse voluto, eppure lei non sembrava minimamente preoccupata. Ha combattuto l'impulso di continuare a urlare e ha detto "Non voglio sedermi, voglio sapere la verità".

“Tom, quando ti dico di fare qualcosa, mi aspetto che tu la faccia senza metterla in discussione. Ora metti giù il culo.

Si fermò solo per un secondo, poi si sedette sullo sgabello di fronte a lei. Se qualcuno gli avesse chiesto più tardi perché si fosse seduto quando lei glielo aveva ordinato, avrebbe detto che era perché voleva sapere cosa gli aveva fatto, ma la verità era che non sapeva perché le aveva obbedito.

"Bravo ragazzo." Lei sorrise di nuovo brillantemente. “Va bene, quindi vuoi la verità eh? Sapevo che l'avresti fatto abbastanza presto. Quindi, da dove cominciare? Bene, per cominciare, l'azienda per cui lavoro, Scent Designs, ha iniziato a testare quelli che ci piace chiamare "profumi firmati". L'idea è che prendano un campione del DNA di un cliente e lo usino per creare un profumo che si adatti perfettamente a quella persona. Avevano bisogno di una varietà di DNA di diverse persone e mi sono offerto volontario. Hanno creato profumi per venti persone diverse e hanno iniziato a testarlo sui primi cinque volontari. Ero negli ultimi cinque, quindi inizialmente non ho ricevuto nessuno dei miei profumi speciali.

I test sono stati un successo, in un primo momento. Ai primi cinque volontari è stato detto di portare il loro profumo o colonia preferito. Hanno usato la roba acquistata in negozio su un braccio e il profumo specializzato sull'altro. A una giuria è stato assegnato il compito di annusare ogni braccio individualmente e quindi scegliere quale profumo preferissero. Apparentemente, è diventato abbastanza ovvio che c'era qualcosa di diverso quando i giudici hanno annusato i profumi firmati. Tutti hanno scelto le versioni potenziate dal DNA senza che prima gli fosse stato detto quale fosse il braccio.

“Un giorno dopo che sono stati condotti i test iniziali, sia i giudici che i soggetti hanno iniziato a sperimentare alcuni effetti collaterali peculiari. I giudici desideravano disperatamente tornare dalla persona che avevano originariamente annusato. Erano diventati dipendenti, a causa di un odore. Nel frattempo, tutti i soggetti del test hanno chiesto più profumo. Ebbene, i test avrebbero dovuto interrompersi in quel momento, ma invece ai giudici e ai soggetti del test è stato dato ciò che volevano. A ogni soggetto del test è stato dato più del loro profumo individuale e ogni giudice è stato autorizzato ad annusarli. Ho avuto la fortuna di poter vedere cosa stava succedendo e devo dirtelo, Tom, sono rimasto affascinato.

“Queste persone erano relativamente estranee, ma era come se avessero perso le loro inibizioni. Nessuno si è spogliato o altro, ma sto parlando, i giudici stavano ficcando il naso in posti che non avrebbero mai fatto se non fosse stato per l'odore, e a nessuno di loro sembrava importare minimamente, purché avessero quello che volevano. Dopodiché, tutta la produzione di nuovi profumi firmati è stata interrotta fino a quando i nostri scienziati non sono riusciti a capire l'intera faccenda della dipendenza, e gli altri quindici soggetti del test sono stati sospesi, nessun altro poteva usare la roba. Voglio dire, volevamo qualcosa che la gente amasse, ma da cui non diventasse dipendente.

“Nel frattempo, i cinque soggetti del test e i giudici originali hanno continuato con l'esperimento. Almeno per qualche altro giorno comunque. Vedete, un altro effetto collaterale è diventato evidente dopo alcuni giorni di utilizzo. Parti del corpo dei soggetti del test si stavano... allargando e diventando più sensibili ad ogni applicazione del profumo. A quel punto è stato stabilito che c'erano troppi rischi per continuare il programma, quindi è stato chiuso. Tutte le persone che sono diventate dipendenti hanno dovuto sottoporsi a disintossicazione specializzata. Non ci sono stati danni a lungo termine, ma il resto dei profumi firmati che sono stati realizzati doveva essere distrutto. Non volevo che il mio lotto venisse distrutto Tom, volevo quello che avevano i soggetti del test e avevo bisogno di trovare un modo per ottenere il mio profumo prima che fosse distrutto.

“Fortunatamente per me, però, piaccio al tizio responsabile della distruzione dei campioni. È un bravo ragazzo, ma è una specie di fanatico, per niente come te. Tutto quello che ho dovuto fare è stato sbattere le ciglia un paio di volte e promettergli un pompino e lui ha tirato fuori il mio campione. Poi dovevo solo scegliere la persona perfetta per essere la mia puttana, e dopo aver scoperto quanto sei brava a letto, tutto quello che dovevo fare era invitarti a fare sesso e spruzzare un po' del mio profumo speciale. Ne sei stato subito catturato, e ogni volta che hai annusato la mia figa in seguito ne sei stato più dipendente fino ad ora.

Tom era infuriato eppure riusciva solo a pensare di ottenere la sua dose. Ha iniziato a borbottare ad alta voce, la sua mente un pasticcio confuso “Sapevo che era qualcosa. Gliel'ho detto ma non mi ha creduto. Ora lo farà, però, deve credermi. Tom non si era nemmeno accorto che stava parlando ad alta voce.

Kayla ha sentito tutto e si è sporta rapidamente in avanti "A chi hai detto Tom?" lei chiese. Guardò i suoi occhi che guizzavano intorno e si rese conto che aveva bisogno di una soluzione per schiarirsi la mente. Non si era ancora spruzzata con il profumo, quindi ha detto "Tom, aspetta qui, ho bisogno di rinfrescarmi e poi puoi avere questo". Indicò il suo inguine e vide i suoi occhi illuminarsi. "Torno subito" assicurò e si affrettò in bagno. Poteva sentire Tom che continuava a borbottare mentre se ne andava. Una volta in bagno, si tirò giù i pantaloncini e afferrò il flacone spray. Ha puntato lo spruzzatore sulla sua figa, ma si è fermata prima di spruzzare. Un sorriso malvagio le apparve sul viso quando le venne un'idea malvagia. Si piegò in avanti all'altezza della vita e con la mano destra aprì la guancia destra del sedere. Poi, con la bottiglia nella mano sinistra, ha posizionato il beccuccio proprio contro il suo buco del culo raggrinzito e ha premuto il grilletto. Sentì il liquido fresco spruzzarle nell'ano e rise forte. Si sentiva così malvagia e non vedeva l'ora di vedere la faccia di Tom.

3

Tornò in soggiorno nuda e vide Tom rianimarsi quando la vide. Si avvicinò al divano e si sedette al centro, allargando le gambe. Tom si è quasi tuffato con la faccia nella sua figa e ha iniziato ad annusare tutt'intorno. Lei lo guardava divertita mentre cercava tutto intorno al suo sesso, ma non riusciva ancora a ottenere ciò di cui aveva un disperato bisogno. Alla fine la guardò confuso. Scoppiò a ridere per l'espressione sul suo viso, non riuscì a trattenersi, sembrava così patetico. Gli prese il viso tra le mani e se lo tirò vicino al viso. “Tesoro,” tubò “Ho un regalo speciale per te stasera. Ho nascosto ciò di cui hai bisogno da qualche parte sul mio corpo e sta a te trovarlo, se lo vuoi davvero.

Ovviamente lo voleva davvero, ed era determinato a trovarlo anche lui. Come un segugio alla ricerca di una volpe, iniziò ad annusare tutto il suo corpo, solleticandole il naso. Era assolutamente frenetico mentre annusava da una parte e dall'altra. Andava su e giù sia per le braccia che per le gambe. I suoi piedi avevano uno sgradevole odore di formaggio, ma lui si fece strada intorno a ogni centimetro e lungo la parte posteriore delle sue gambe. Alla fine la guardò e disse: "Non è qui, ho esaminato ogni centimetro di te".

Sorridendo di nuovo Kayla disse: "Non hai ancora annusato ogni centimetro". e lei fece cenno all'unica parte che lui non aveva sentito, la parte su cui era seduta. Il suo culo. Abbassò lo sguardo su dove era seduta e di nuovo sui suoi occhi. Una lacrima gli scese lungo il viso quando si rese conto di quanto fosse in basso a questo punto. Kayla si allungò e si asciugò la lacrima, poi disse: "Se vuoi la tua dose, devi sdraiarti sul pavimento".

Un uomo un tempo forte che non avrebbe mai permesso a una donna di trattarlo così qualche settimana fa, Tom abbassò la testa sconsolato e rotolò sul pavimento. Il suo cervello non lo voleva e continuava a urlargli di combattere questa sensazione, ma il suo corpo lo desiderava così tanto che il suo cervello fu annullato. La guardò mentre strisciava sopra di lui e gli portava il culo fino al mento. Guardandolo negli occhi, disse: "Temo che dovrai andare a scavare per trovarlo".

Si chiese cosa volesse dire mentre scivolava su di lui. Alzò lo sguardo sul suo sedere e da questa prospettiva gli sembrò enorme. Iniziò ad annusare tutti i globi delle sue guance prima mentre si librava a circa un centimetro sopra di lui. Quando ciò non ha portato i risultati che desiderava, ha infilato il naso nella sua fessura sudata e ha inalato il suo profumo femminile. Il suo odore era forte di muschio ma non troppo sgradevole e lui ebbe solo un leggero sbalzo mentre veniva inalato anche un po' del profumo del designer. Un po' più di indagine e si rese conto che non era sul suo culo ma nel suo culo. Gemette al pensiero di quello che doveva fare. Allungò una mano e la afferrò per la vita e le guidò il buco del culo fino al naso.

"Oh ecco qua, ce l'hai adesso." Disse Kayla mentre lasciava che la trascinasse dove aveva bisogno. Sentì il suo naso affondare nella sua fessura e spingere contro il suo ano. Stava assolutamente amando la sensazione di potere che stava provando in quel momento e pensava tra sé che se si sentiva così bene con un uomo, quanto sarebbe stato bello averne di più.

Non era la prima volta che Tom si trovava così vicino al buco del culo di una donna, ma questa volta era molto diverso. Nei casi precedenti, era stato lui l'aggressore. Diavolo, era sempre l'aggressore con le donne. Nella sua mente era così che doveva essere. Il maschio più forte era il dominante mentre la femmina più debole era la sottomessa. Quello che stava succedendo qui era tutto sbagliato.

Continuava ad annusare profondamente e stava ottenendo un po' di ciò di cui aveva bisogno, ma non abbastanza. Era come un alcolizzato che ha solo un wine cooler. È alcol, ma non abbastanza. Per quanto fosse degradante, stava cercando di infilare il naso nel suo buco del culo, ma non funzionava. Poi la sentì dire qualcosa che lo fece trasalire. "Prova a infilare la lingua lassù, dovrebbe funzionare." Lui rabbrividì ma sapeva che aveva ragione. Era un'orribile sensazione di naufragio pensare che doveva ficcarle la lingua nel culo per ottenere quello che voleva, ma il suo desiderio era così forte a questo punto che ci provò. Ci ha provato ma il muscolo dello sfintere era troppo teso. Poteva sentirsi diventare frenetico finché non sentì la voce calmante di Kayla dire: "Leccalo delicatamente e si aprirà per te".

Avrebbe provato qualsiasi cosa a questo punto, quindi ha iniziato a leccare tutto intorno al suo ano increspato, lubrificandolo con la sua saliva. A Kayla piaceva la sensazione di farsi leccare il buco del culo ed essendo questa la sua prima volta, decise lì per lì che voleva farlo di più. Per circa un minuto che a Tom sembrò una vita, le leccò il buco marrone rugoso. Stava iniziando a pensare che leccare delicatamente non funzionasse quando si rese conto che la sua lingua stava effettivamente affondando più in profondità ogni volta che la faceva scivolare. Si stava allentando, quindi ha colto l'occasione e ha spinto forte ed è stato ricompensato mentre affondava profondamente. Sentì Kayla gemere forte, ma a lui sembrava lontana miglia.

C'era una leggera sensazione di formicolio sulla sua lingua e sentì un impeto attraversargli il corpo. Era così intenso che il suo pene si espanse rapidamente e la sua mente divenne nitidamente focalizzata. Aveva sicuramente raggiunto lo sporco salariale che stava cercando e voleva di più. L'odore e il sapore erano stati dimenticati così come i sentimenti deprimenti che aveva provato e la vergogna. Quello che sentiva ora era il suo bisogno di essere curato. Era come un vampiro che si nutriva del collo di una vittima e traeva forza da quel nutrimento.

I sentimenti che Kayla stava provando erano molto diversi. Era scioccata da quanto fosse bello questo gioco del culo e ha iniziato a strofinarsi la figa fradicia. Non riusciva a ricordare l'ultima volta che la sua figa si è bagnata così senza che nessuno la toccasse. In effetti, era così eccitata che sentiva l'odore della sua eccitazione più forte che mai. Anche questo ha accresciuto la sua eccitazione. Man mano che i sentimenti si intensificavano, si strofinò il clitoride più velocemente e presto dimenticò che c'era un uomo sotto il suo culo.

Si abbassò in modo da sedersi con tutto il peso sulla sua faccia. Il suo respiro era diventato una serie di brevi respiri acuti che suonavano quasi come una locomotiva che sbuffa sui binari. "WHOO WHOO WHOO WHOO" Le sue dita divennero confuse e allungò le gambe dritte, il che mise più peso sulla faccia maltrattata di Tom. I muscoli delle sue gambe si irrigidirono man mano che la pressione aumentava, questo le fece stringere le natiche, schiacciandosi con forza sul suo naso.

Quando Tom ha iniziato a ottenere ciò di cui aveva bisogno dal culo di Kayla, era in paradiso, ma quando lei ha perso il controllo dei suoi muscoli ed è caduta sulla sua faccia, lui era solo dolorante. All'inizio, il peso di lei che premeva sul suo viso era già abbastanza brutto, ma almeno il suo grosso culo era morbido. Aveva ancora la lingua dentro di lei e per il momento era ancora in grado di respirare con qualche difficoltà. Ma quando i suoi muscoli si sono contratti, la morbidezza è scomparsa ed è diventata dura. Non riusciva più a respirare e il suo naso sembrava sul punto di spezzarsi come un ramoscello. Spinse con le mani, cercando di sollevarla per alleviare la pressione, ma nella sua posizione non aveva alcun potere di leva, e quel poco che la mosse non fece che peggiorare le cose quando la lasciò cadere. Sentì uno schiocco e vide delle luci brillanti lampeggiare mentre il dolore esplodeva nella sua testa. Affondò le unghie nelle sue cosce, tremando per l'agonia e guaindo, certo che ora aveva il naso rotto.

Senza alcuna cura al mondo per l'uomo piagnucoloso sotto di lei, Kayla ha iniziato a far rimbalzare il sedere ogni tanto leggermente su e giù mentre il suo orgasmo la raggiungeva. Il suo corpo era coperto da una lucentezza di sudore, i suoi muscoli erano increspati, il suo respiro si era bloccato in gola, e la sua figa e il suo culo si contraevano in increspature mentre cavalcava l'onda del piacere. A un certo punto durante il suo orgasmo, la sua figa ha spruzzato un piccolo getto di liquido chiaro che è gocciolato nei capelli di Tom, e lei ha perso il controllo e ha scoreggiato. Non stava urlando durante il suo intenso sperma, comunque non era una gran urlatrice; invece stringeva i denti, i suoi occhi si rovesciavano all'indietro e il suo corpo tremava come una foglia al vento.

L'agonia per Tom si è intensificata quando ha iniziato a venire perché rimbalzava su e giù. Il suo culo che prima era stato così morbido ora era duro e spietato. Eppure, nonostante il dolore, stava ancora cercando di raggiungere il dolce nettare che le stava lentamente gocciolando dal culo. Il suo bisogno era di essere soddisfatto, la sua dipendenza era saziata nonostante il suo dolore e la sua asfissia. Quando ha iniziato a venire, però, la sua lingua è stata costretta a uscire dal suo sfintere che si è bloccato con forza. Adesso era solo seduto, perché non la aiutava più a venire. Sentì l'umidità sulla testa e quasi istantaneamente le sue guance furono riempite da un potente soffio di aria calda e fetida. Il gas che le è sfuggito dal culo è stato sigillato completamente dalla sua faccia e gran parte è stato inalato nel suo naso ferito. Ora il suo naso sembrava essere in fiamme dall'interno e iniziò a schiaffeggiarle le cosce con le mani, nel disperato tentativo di sloggiarla.

Lo schiaffo sulle sue cosce fu un piccolo fastidio dopo che l'orgasmo monumentale lasciò Kayla in una foschia di beatitudine. Rimase seduta per altri trenta secondi mentre il suo cuore rallentava ei suoi muscoli smettevano di tremare. Alla fine fece scivolare il sedere contro il suo petto e sussultò quando vide la sua faccia. Era rimasto completamente senza fiato per più di un minuto ed era quasi svenuto. La sua faccia era diventata rossa ed era quasi blu. Sulla sua fronte spiccava una vena pulsante. I suoi occhi erano iniettati di sangue e avevano un aspetto stravolto. Aveva due occhi neri e il naso era storto. C'era una crema bianco lattea mista a melma brunastra su tutto il viso come una ciambella glassata. Sembrava che avesse appena combattuto contro un pugile dei pesi massimi. Aveva gli occhi aperti ed era ancora sveglio, ma a malapena. Kayla lo schiaffeggiò leggermente sulle guance finché non si svegliò del tutto, poi scese da lui per farlo recuperare.

Tom si girò su un fianco e si prese il viso tra le mani. «Mi hai rotto il fottuto naso.» ha detto, anche se suonava più come "Mi hai rovinato la fottuta dose". Kayla si è sentita davvero male per avergli rotto il naso, ma non voleva che lo sapesse, quindi si è morsa il labbro e ha detto “Oh povero bambino, sei fortunato che non ti abbia soffocato a morte. Ora, se vuoi essere in grado di ottenere ciò di cui hai bisogno più facilmente la prossima volta, mi dirai con chi hai parlato di me.

Tom si voltò a guardarla "Cosa?" chiese, dimenticando di aver detto qualcosa.

"Dopo che ti ho parlato dei profumi firmati, hai detto 'Gliel'ho detto ma non mi ha creduto.'
Allora a chi hai detto Tom?

Tom chiuse gli occhi mentre soffriva del peggior mal di testa di sempre. «Stavo parlando con il mio psicologo, il dottor Hewes, ma io... non gli ho detto il tuo nome, credo. Non mi ha creduto comunque. Aspetta che gli racconti questa storia però. Forse lo farà HUUAAAH... "non riuscì a finire la frase perché lei si voltò improvvisamente e gli fece cadere il culo addosso, questa volta atterrando proprio sulla sua pancia. Non se lo aspettava e lei gli tolse il fiato.

"Non glielo dirai più perché la prossima volta che andrai a trovarlo, verrò con te."

La confusione sarebbe stata evidente sulla faccia di Tom se la sua faccia non fosse stata rotta e malconcia. Per ora, però, soffriva troppo e si limitò ad annuire in segno di assenso.

4

Tom ha passato la notte con Kayla, ma non nel suo letto. Lo fece dormire ai piedi del suo letto per terra e gli diede un sacchetto di piselli surgelati da mettere sulla sua faccia gonfia. La mattina dopo, ha fatto due telefonate. Il primo riguardava il suo lavoro, al quale mentì e disse che era troppo malato per lavorare e che sarebbe stato fuori per il resto della settimana. Era comunque giovedì, quindi avrebbe saltato solo due giorni e aveva già accumulato diversi giorni di malattia.

La seconda telefonata era all'ufficio del dottor Hewes. Ha chiamato prima che aprissero per i pazienti e ha chiesto all'addetto alla reception se poteva ottenere un appuntamento di emergenza con il medico. Le disse che aveva davvero bisogno dell'ultimo appuntamento possibile, preferibilmente l'ultimo della giornata. Gli disse che era fortunato e che avrebbe potuto vedere il dottore alle quattro di quel pomeriggio, l'ultimo appuntamento. Non aveva idea del motivo per cui Kayla volesse vedere il dottor Hewes o perché volesse essere l'ultimo appuntamento, ma non gli importava nemmeno. Finché si prendeva cura dei suoi bisogni.

Successivamente, è andato in bagno e si è guardato la faccia martoriata. Il suo naso sembrava un po' più dritto dopo che aveva provato a rimetterlo a posto la sera prima. Aveva preso tre aspirine e l'aveva un po' intorpidita con i piselli surgelati prima di tentare di riallinearla. La sua faccia sembrava comunque che avesse avuto un incidente d'auto. Aveva ancora due occhi neri e anche il naso era scolorito.

Fecero colazione insieme e Tom chiese a Kayla cosa avesse in mente al Dr. Hewes. Fece un sorriso un po' malvagio e disse: "Penso che il dottor Hewes sarà molto interessato a scoprire che stavi dicendo la verità. Avevo l'impressione che i dottori dovessero ascoltare i loro pazienti e cercare di aiutarli, non liquidare i loro problemi come qualcosa nelle loro teste".

"Allora gli parlerai di questa cosa dello spray magico?"

“Farò meglio di quel Tom. Glielo farò annusare e tu mi aiuterai. Cioè se vuoi più della mia figa. Tom sapeva che non stava parlando solo della sua figa, ma dello spray da cui avrebbe avuto sintomi di astinenza se non avesse avuto la sua dose quotidiana in tempo. Il pensiero di avere qualcun altro dipendente da Kayla lo rendeva nervoso. E se avesse finito lo spray? Dopotutto ha detto che non veniva più prodotto. Inoltre, era un po' geloso.

"Non credo di essere d'accordo con l'aiutarti a farlo." Ha detto "Voglio dire, perché vorresti farlo?"

Kayla posò la forchetta, prese il tovagliolo e si asciugò la bocca prima di guardarlo negli occhi. «Prima di tutto» disse freddamente «non puoi avere un'opinione. Sei solo uno schiavo mangia culo. Secondo, se non ti piace puoi andartene in qualsiasi momento, sono sicuro che alla fine riuscirai a superare la tua dipendenza da me. riprese la forchetta e diede un altro morso all'uovo prima di dire mentre masticava “Perché non ti metti sotto il tavolo e metti al lavoro la tua fottuta lingua. Sono eccitato.

Tom rimase seduto per un momento a guardare la sua colazione mangiata a metà. Aveva ancora fame e si vergognava di avere così poca forza di volontà. Voleva dirle di andare a farsi scopare ma sapeva che non l'avrebbe fatto. lanciò un'occhiata a Kayla che aveva ripreso a mangiare e poi scivolò in avanti dalla sedia e si inginocchiò sotto il tavolo. Era un tavolino rotondo con quattro sedie intorno e una tovaglia bianca che lo copriva.

Once under the table, he felt like he was in a cocoon. He reached over and pulled apart the sides of her robe, exposing her cotton panties. He could faintly smell her womanly odor. Taking both sides of her panties, he edged them down past her thick thighs, around her folded knees and down her calves until they fell off her feet. As he glanced back up at her exposed vagina, he smelled her aroma again, now much sharper than before.

Realizing that he would have difficulty reaching her like she was sitting, she scooted her ass forward to the edge of the chair and sighed deeply as she felt his mouth attach to her moistening pussy. She hadn’t sprayed any of the scent on this morning so she knew that he wouldn’t get anything out of this other than maybe an erection. For the first few minutes she kept eating her breakfast while he was eating her, but as the feelings intensified, she put down her fork and gripped the side of the table. His tongue was fluttering all around her clit and then he would slide down lower and stick his tongue into her pussy hole before going back to her sensitive clit again.

Something was strange though and Tom realized it the more he licked and sucked her. Her clitoris seemed to be bigger than he remembered it being. He understood that the clitoris was like a miniature penis and that it filled with blood, thereby making it larger, when it was excited, but he had been down here before a few times and he never remembered it being this big. In fact, the first few times he had gone down on her, he had had trouble finding her clit. Now, her clit stuck out more than a half inch and was swelled up to the size of his thumb. It was certainly much more convenient this way and he wrapped his lips around it and whipped his tongue over it as fast as he could.

The sensations for Kayla were inexplicably heightened. To her it felt like he was doing something different than he had done before and it felt divine. She was getting closer and closer and then “AAAAAAAAAHHHHHHHHHSSSSHHHHIIIIITTTTTT” she screamed in ecstasy and was overtaken by her orgasm. Her legs clamped together on Tom’s head reminding him that he still had a headache, and she felt the sudden urge to pee, although she hadn’t had to pee before. She made a split second decision and decided to let it spray, not sure if it was urine or not. She pushed like she was peeing and felt a jet of fluid spray from her twitching cunt. It only intensified the already overwhelming feelings and she opened her mouth and screamed again. This time “OOOOOOOHHHHHHYYYYYYYEEEEEEEESSSSSSSSSS”. She couldn’t remember ever having an orgasm so powerful, or one that lasted so long. It seemed to go on and on and by the time it wound down, she was out of breath, covered in a sheen of sweat, and shaking uncontrollably.

Meanwhile, Tom’s face was wedged between her thighs and he was trying not to drown in her ejaculate. He hadn’t been expecting the sudden forceful spray and his mouth was filled quickly. Some went down his throat and made him cough. He pulled back and bumped his tender nose causing him to yell in pain and lose his erection.

Once finished, Kayla pushed away from the table and made her way to the bathroom without acknowledging the man kneeling under the table. She walked to the bathroom with a purpose and it wasn’t to clean up or to use the toilet, it was to spray her pussy with another squirt of the designer spray. She didn’t know why she did it because Tom wasn’t asking for it yet. For some reason she just felt like she needed it. She had noticed after about the third time she had sprayed herself that it gave her a pleasant tingly feeling and calmed her each time she sprayed herself. She didn’t know what it meant and right now she didn’t care. After she sprayed herself, she lifted the bottle and saw that it was about half empty. For some reason that made her feel nervous about running out and she started to form a plan to ensure that she wouldn’t run out.

5
They both showered and got dressed and Kayla grabbed the bottle and dropped it in her purse. She was going to leave Tom at her place but then decided he could come with her. She had to go to her job in order to secure some more scent. Ten minutes later they pulled into the three quarter full parking lot of Scent Designs. Kayla told Tom to wait in the car and went into the building. She didn’t bother to punch in because she wasn’t planning on working today. Instead, she headed for the laboratory and the one person who could make more of what she needed.

There was at least a dozen people in the lab and the one person that she was looking for was Arnold Peters, the man that she convinced to sneak out her special scent. Arnold was an overweight, balding man with thick glasses and a pimply face. Not the most handsome man for sure and that was why he was so easy to manipulate. She had promised him to suck his dick if he would get her the scent and she hadn’t yet paid him. To be fair, she hadn’t planned to pay him when she made the deal. She knew that he wouldn’t tell anyone because it would mean not only losing his job, but also prosecution. Now however, she needed something else and she had no choice.

She found him sitting at his chair looking into a microscope, and when he saw her standing there, the look he gave her was not very pleasant. “What are you doing here?” he growled under his breath. “Do you want to get me fired?”

“Oh keep your panties on.” She quipped, then “We need to talk, can you take a break?”

He looked around and saw that he was being watched by a couple of coworkers. “C’mon” he said and took her by the arm heading toward the door. As he walked he told another worker “Mark, I’ll be back in fifteen minutes, I’m taking my break.”

Apparently Mark wasn’t too happy with that because he quickly pointed out that it wasn’t time to take a break.

Arnold looked angrily at Mark and snapped back “I don’t take smoking breaks like half the other people in here so I guess it won’t hurt if I take one fifteen minute break.”

Kayla could tell that Mark was not used to being talked to like that and she was impressed with Arnold. She didn’t think he had it in him. She smiled slyly as he led her out of the lab and down the hall. Soon, they were out in the parking lot and he led her to his car, a compact foreign car. He unlocked the doors with a push of a button, put her in the passenger's seat, and hurried around to the drivers seat.

From Kayla’s car, Tom sat wondering what was going on.

Once he was in the car with the door closed, Arnold turned toward Kayla and said “Okay Kayla, what are you doing here?”

“I need some information from you.” She answered.

“Oh you do huh?” she could tell he was angry “Why the hell should I give you anything? We had a deal and you still owe me. I should have known that you wouldn’t pay up.” He looked almost ready to cry.

“Oh please, I thought you were the smart one here. I haven’t taken care of my side of the agreement YET because I had to make absolutely sure that what you gave me was the right stuff. For all I knew, you could have given me a spray bottle of water. It took me a few weeks to find the perfect test subject and then I needed a couple more weeks to see if it actually worked.” The expression on his face had completely changed from anger and hurt to hope.

“So did it work?” He asked.

“Like a charm. It works even better than I could have imagined.” This was the hard part for her, but it was necessary. “Take out your cock Arnold.”

Arnold’s eyes got wide. “What…you want to do it here…now?”

“No time like the present. It’s time I showed you that I’m a woman of my word.” she reached across and slid her hand between his legs.

He looked around the parking lot, obviously very nervous. “Jesus Kayla what if someone walks by?”

“Are you gonna take your cock out of your pants or what Arnold? I think he wants to come out.” she was rubbing the rapidly swelling lump.

For a few uncertain moments, Arnold struggled with his worries so Kayla gave him something else to think about, “Don’t forget, you only have about ten more minutes.” That got him moving. He lifted his ass up while unbuttoning his fly and awkwardly slid his pants down.

Kayla smiled at his nervousness and said “You don’t want me to suck you through you underwear now do you?”

Arnold looked at her with wide eyes, seemingly ready to pop out of his head, and then carefully slid down his underwear. He was shy, and seemed embarrassed when his semi-hard penis flopped onto his thigh.

Kayla grinned widely and decided to give him a little encouragement. “Why Arnold, I do believe you’ve been holding out on me.” She took his rapidly rising member into her hand and found that it was sweaty, or maybe it was her own palm that was sweaty, but either way, she was not looking forward to this. She steeled herself, then, licking her lips in an exaggerated sexy way, she leaned down real close and licked the very tip of his penis with the very tip of her tongue. It tasted salty and her nose was filled with his musky smell, but she pushed herself to continue.

Arnold’s dick surged up with blood and was almost instantly fully erect. Standing up at about seven inches with a mushroom shaped head. She blew some cool air on it and giggled when it twitched. Then she sat back up.

Arnold looked almost ready to pass out and nearly yelled “Is that it? You call that a blow job?” he was shaking like a leaf and she hadn’t done anything yet.

“Of course not Arnold. I just need one piece of information first. Tell me who manufactured my special scent and I’ll suck you dry.”

“AHH shit… it was uhh… it was Laura…Laura Stanwick, yeah that’s right she had the fourth batch, the fourth group I mean and she made yours.”

Kayla hadn’t even considered that it might be a woman and she was taken aback for a moment, but then she cleared her head and smiled. “Thank you Arnold. Hope you like this.” she leaned down again and took the head of his cock deep into her mouth, his taste nearly overpowering. She wanted to finish him off as quickly as possible so she lifted up and dropped a big dollop of saliva on his shaft and stroked the lubed up base with her right hand while sucking gently and tickling just below his cock head with her tongue.

Kayla heard Arnold exhale loudly and felt him tense up almost immediately. He gripped the steering wheel with both hands and groaned. “Oh shit oh fuck oh good god I’m cumming” and Kayla felt the first squirt fire into the back of her throat. She quickly pulled her head up and aimed his penis away from her face, inadvertently swallowing the sticky mess in the back of her throat. She hated the taste of semen and was not happy that he didn’t warn her that he was going to shoot. He also came quicker than any guy she had ever sucked off before, under one minute.

She watched his face as he powered through his orgasm, his cum spraying all over the front of his shirt and some splashing his pants. His eyes were shut tightly and his mouth was open in a big O shape. She had always thought that guys in the throes of orgasm made the funniest faces and this was proof. Before he was fully recovered, she slid back into her seat and checked her face in the mirror. Satisfied that she was clean, she opened the passenger door and climbed out, leaving Arnold gasping behind her. She hurried across the parking lot to her car and climbed in the drivers seat.

6

“Damn it” she snapped “It’s a fucking woman. Now what the hell am I going to do?”

Tom, who had been waiting in the passenger's seat was confused. “What are you talking about?”

Kayla sat silently for a thirty count, just thinking and finally sighed and said “The person who made my batch of the designer scent is a woman.”

“So, what does that have to do with anything?”

“Well, I was hoping it would be a man because men are so easy for a woman to manipulate. All we have to do is smile and flirt with them and they melt like butter.”

Tom was about to object but thought better of it, instead he remained quiet.

“It’s much more difficult for a woman like me to get another woman to do something. Unless she’s a lesbian and she’s single. I’m going to need your help Tom. After we go see Dr. Hewes this afternoon, we need to get our hands on Laura Stanwick. She’s the only one who can help you Tom.”

“What do you mean by ‘help me’?” Tom inquired.

“We need someone to make more spray now don’t we.”

The rest of the day was spent making plans, both for when they went to see Dr. Hewes to how they would convince Laura Stanwick to make more stuff. They stopped at an Internet cafe and did some research on Laura. It wasn’t too difficult to find a picture of her and even her address. With a plan in place, they headed back to Kayla’s place.

By three o'clock, Tom was needing another fix. The time between fixes was getting shorter. With one hour left before the appointment, Kayla sprayed her pussy once more and felt the tingling. She was starting to enjoy how the spray made her feel more and more all the time, and couldn’t wait to get Tom’s face down there. She laid on the bed with her knees hanging over the side and watched as he kneeled on the floor and dove in.

This time when he got down there, his eyes were once more drawn to her clit. He was sure that it was even bigger than this morning when he licked her under the table. He wasn’t great with measurements, but he was sure that it was sticking out at least an inch and its thickness was close to a quarter. It was still partially concealed under her labia, but it was resembling a small penis more than ever. He also thought that her lips were thicker. He wanted to question her about it but he smelled her scent, and he forgot. The only thing that he cared about was getting his fix.

He leaned in and pushed his mouth between her labia and breathed in her succulent aroma. His penis surged forward, filling with blood to an almost painful point. He slid his arms under her thighs and settled in when he felt her hands grab the back of his head and pull him tightly against her. Her super plump lips seemingly swallowing his face. His still sore nose was wedged up against her clitoris, which had elongated even more since he had started eating her. The pain in his nose was throbbing or maybe it was her giant clit that was throbbing, he couldn’t be sure, but he was sure that he was going to ask her about it after he was done.

For Kayla, she realized at this point that she wanted pressure against her cunt and pulling his face into her was good, but she really wanted more. She wished that she could sit on his face again, but she was aware that his nose was broken and she had promised him that if he helped her she would make it easier on him. Holding his face tightly against her pussy would have to suffice for now. She was really enjoying the extra sensation that the spray seemed to be giving her. It was an unexpected plus. Not only did it seem to bring her to orgasm faster, but her orgasms seemed to be getting more powerful. She could feel every lick from Tom’s tongue and she just wanted to pull his whole head inside her.

Breathing had become a chore for Tom as his bruised nose was being blocked by Kayla’s enormous clitoris. He was sticking his tongue as deep as he could inside her hole and licking all around it. If she hadn’t been holding his head so tightly, he would have already moved to her clit, but she was waiting for the right moment to shift his mouth and that moment came just as he was completely out of air. As she pulled him up, he inhaled a deep breath through his nose and found his mouth stuffed full of her mini penis.

Her orgasm starting, Kayla wanted her clit sucked and moved his head to that spot. Feeling his mouth wrap around her clit, she thrust her pelvis forward and exploded. “AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH” her whole body went rigid as all her muscles locked. She involuntarily sat up and her heels dug into Tom’s back. Meanwhile, her hands gripped the sides of his head so tightly, that his ears were completely plugged, and quite sore later. Her pussy started spraying his chin, she didn‘t even try to hold it back this time. Every part of her body was gripped in the throes of the most incredible orgasm she had ever felt. It was even better than the last one. Her cunt would spasm and stay contracted for up to fifteen seconds at a time before the contraction would release for about five seconds, and then spasm again. She didn’t squirt the whole time though, she would have dehydrated if she had. Each time her pussy would start another spasm, more fluid would squirt for a second or two and she would scream in ecstasy. About forty five seconds into her orgasm, she wondered if it would ever stop, if she would ever stop cumming. She would go mad with pleasure and eventually her heart would give out and she would die screaming and squirting and laughing hysterically. All in all, her entire orgasm lasted a full minute and twenty seconds before it finally stopped and she fell back on the bed panting and sweating.

When Tom was released he had one thought on his mind. His penis was ready to pop off. He was so horny and he didn’t wait for permission. He stood up and pushed himself deep into her puffed out pussy. It was like sliding into a soft blast furnace it was so hot, but it felt incredible and he started pumping away like a man possessed. It only took him about forty five seconds before he reached his apex and deposited his seed with a loud groan deep inside her sucking twat. Having exhausted himself, he dropped on top of her to catch his breath.

They laid together for five minutes catching their breath before Kayla looked at the clock and said “Shit, we need to get moving.” it was twenty past three and they had to be at Dr. Hewes by four. They jumped up and rushed around taking a quick five minute shower and getting dressed. Then they headed for her car.

7

They arrived at Dr. Hewes office at 3:50. The receptionist, a young girl named Miranda that Tom guessed was about nineteen years old, smiled as they walked in and said “Good afternoon Mr. Jensen. I forgot that you were coming in this afternoon.”

Tom smiled back at the pretty girl “Hi Miranda. I’d like you to meet my friend Kayla. She’ll be sitting in my session with Dr. Hewes today.”

Miranda glanced at Kayla, smiled and said a quick “Hi”, then looked back at Tom. “You can have a seat and Marvin will be with you in a few minutes.”

“Thanks” Tom said and went to the other end of the room to sit. Kayla sat next to him and quickly leaned in to whisper in his ear “Holy shit is she horny for you.”

“What! She’s just a kid, don’t say that.” Tom argued.

“Oh come on, she’s not that young. I’ll bet she’s twenty years old, and I saw the way she looked at you. She thinks you’re all that. Why don’t you go talk to her, she’s kinda cute.”

Tom did agree that she was cute, he thought that from the first time he met her. She wasn’t a typical beauty either and that somehow added to her attractiveness. She was short, about five foot three and she had short black hair in a boyish cut. Not typically what attracted Tom, but it worked with her cherub face. She kind of resembled a pin-up girl from the forties. She also had a nicely proportioned figure, not fat, but not a paper thin waif either. Her lips and cheeks were plump and her perfectly straight teeth shined when she smiled, which was often. She also wore a tiny diamond on the side of her nose.

“Kayla, she’s cute but she’s too young for me. I’m nearly old enough to be her father.” Tom said rather unconvincingly. He had slept with young ladies before, none under eighteen of course, but he didn’t like to advertise it. It always made him feel sort of guilty. He was thirty four years old after all. Maybe not ready to get married, but ready to start acting more his age.

“I’ll handle this” Kayla stood up and walked up to the desk, leaving Tom wide eyed and wondering.

Miranda looked up at Kayla and smiled “Can I help you with something?” lei chiese.

Kayla used her most disarming smile and said “Well actually, I wanted to ask if I could get your opinion on something, you know, I need a ladies perspective.”

“Oh sure” Miranda was only too happy to help.

“I just bought this new perfume” Kayla started, pulling the bottle out of her purse “and I want you to tell me what you think.”

Tom saw the bottle come out and quickly stood up. He started to rush toward them intending to stop her but he was too late as he saw Kayla quickly spray her wrist and hold it under Miranda’s nose. “NO” he said quietly but forcefully.

Miranda, not focused on Tom, leaned in for a quick whiff and her expression changed instantly. Tom saw her eyes sort of gloss over and she immediately grasped Kayla’s arm with both her hands, one on her wrist and one on her palm. She held the arm gently but firmly as she kept inhaling the scent over and over making mewling sounds. Her eyes seemed to get heavy and as Tom reached the desk he watched in dismay as Miranda actually licked the wrist. He pulled Kayla away and admonished her under his breath.

“What the hell do you think you’re doing?” He whispered sharply. “Why would you do that?”

Kayla pushed him gently away replied “I know you want to fuck her, now you’ll get your chance. If I decide to let you that is.”

“Damn it Kayla, you can’t do that.”

“She’ll do anything now to get her fix, just like you. Whatever I tell her to do.”

Tom wanted to continue, but just then Dr. Hewes came out “Mr. Jensen, come on in.”.

Looking back to the receptionist who was sitting with a peaceful look on her face, Tom turned toward the doctor and sighed deeply. He felt good right now because he had gotten his fix just and hour ago, so he wanted to drag Kayla out of there and berate her. However he was worried about how he would feel later when the cravings started. The last thing he wanted right now was to piss her off. He stepped forward and said “Dr. Hewes, I’d like you to meet my friend Kayla.”

Kayla stepped forward and offered her hand to shake. Shaking her hand Dr. Hewes said “So, are you the one who Tom is addicted to?”

Smiling sheepishly, Kayla shrugged, raised her eyebrows and said “Can you blame him doc?”.

The good doctor laughed “Well come in and let’s talk about it.”

8

As she walked into the room in front of Tom, Kayla pulled her v-neck shirt away from her chest and sprayed one squirt of the scent between her breast. No one else noticed because her back was to them.

Once in the room with the door shut, Kayla and Tom sat on the couch and Dr. Hewes sat in his leather chair. “So Tom, tell me why you felt the need for another appointment so soon after our last one.”

Tom looked at Kayla who nodded and then back to the doctor. “Well, I told you that I thought I was addicted to her,” he motioned to Kayla “and I was right. She told me why I am addicted to her, and it’s not at all what you thought.”

The doctor nodded as if he completely understood and then asked “So Kayla, why don’t you tell me what you told Tom.”

Kayla stood up and said “Well, maybe it would be easier if I just showed you.” she confidently strolled around to where Dr. Hewes was sitting and held her hand in front of him. “Would you stand up please.”

For a moment, he looked at her with a quizzical expression, then she said “Trust me, I won’t bite.” and he nodded and did as she asked.

Once he was standing face to face with Kayla he said “Okay, now what?”. he glanced over her shoulder to look at Tom still on the couch and suddenly his vision was blocked as Kayla pulled her top off over her head. His shock was evident by the look on his face “What are you doing? Put your top back on miss.” he was flustered but tried to remain professional.

Kayla just stood there in her bra smiling “Do you like what you see doc?” lei chiese. Then she reached up and unclipped the front latch and freed her rather ample breasts. “Sometimes it’s nice to get that thing off, it can be rather restricting you know.” she added.

The good doctor had seen enough “What is the meaning of this? Mr. Jensen will you please tell your lady friend to put her clothes back on and leave my office immediately.” He had no idea what kind of stunt this was, but he was not amused. He started to turn away from her when she jumped into his arms, wrapping her legs around his waist and her arms around his head. He was so surprised that he fell backward, right into his leather chair. Kayla used this to her advantage and quickly slid up so his face was right between her breasts. From there, she clamped her arms together on either side to trap his face.

As Dr. Hewes struggled to free himself from the assault, he became aware of a wonderful smell and even though he was frightened by this crazy woman, he soon calmed down and only wanted to breathe in her scent. It was heavenly and he wrapped his arms around her back and closed his eyes and kept breathing in her essence. He felt his cock getting hard in his pants and all thoughts of professionalism had left his head.

Kayla also felt his manhood growing under her ass. It felt too good to waste so she started wiggling her hips back and forth. It took only a few minutes of her sliding her ass back and forth before the good doctor fired his load into his boxers.

After several minutes of Dr. Hewes breathing in the designer scent from between Kaylas tits, she finally disentangled herself from him and stood up. “Now you understand what Tom means. He wasn’t lying to you doc. He really is addicted to me. You’ll find out.”

Still sitting in his chair, looking rather disheveled now, Dr. Hewes looked back at Tom “What has she done to me?” he asked slightly out of breath.

Tom shrugged and said “The same thing she did to me doc.”

Kayla walked over to Dr. Hewes desk and took a piece of paper and a pen and wrote down her address, and her cell phone number. Then she walked back to the doctor who seemed almost frightened of her. “You’re going to need me in a few days. If I were you, I’d come visit as soon as you start feeling the craving. You can try to resist, but you won’t be able to.” While she talked, she was putting her bra and shirt back on, then she turned to Tom and said “Let’s go, we have a woman to find.” She headed toward the door but before she went out she turned back to Dr. Hewes and said “Oh and by the way doc, if you tell anyone about this, you won’t get anymore of what you’re going to need.”

As they walked back out into the waiting room, the pretty receptionist was still seated behind her desk looking a bit stoned. Kayla wrote down her number again and tucked it into Miranda’s hand. Then she held her wrist in front of her again and let the girl breathe in her scent once more. As if in a drug induced high, the cute receptionist mewled sexily and started smelling and licking the wrist . Tom was fascinated and a little turned on by what he was watching. After a few minutes, Kayla pulled her hand away and grabbing Tom by the arm, marched toward the exit as if she were a mother leading a child.

9

Later that evening they were parked in front of Laura Stanwick’s house, and watched as she returned home from work. Laura was a tall athletic woman with long straight blonde hair and glasses. She was a forty year old divorced woman with a twenty year old daughter in college. Her friends would say she was married to her job, and after her first marriage ended badly, (she walked in on him having sex with two men) she had no desire to get married again.

Once inside the house, she turned on her stereo and slipped off her shoes. Walking barefoot into her bedroom, she took off her button up shirt and bra, then slipped a cut off tank top on. She then sat on the edge of the bed and pulled off her dress pants and panties and put on a pair of workout shorts. She then headed into the kitchen to get some bottled water, but was sidetracked by a knock at the front door.

Figuring that it was a friend of hers that sometimes went to the gym with her after work, she opened the door without first checking who was there. It wasn’t her friend, it was a pretty red head. “Can I help you?” she asked, wondering what this woman was selling.

Kayla smiled sweetly “Hi, I’m so sorry to bother you but I was wondering if I could use your phone real quick, my car just quit running and I left my cell phone on the counter when I left earlier. If I could just call my brother, he’s a mechanic and he lives locally.”

Laura, who stood eight inches taller and outweighed Kayla by sixty pounds, figured that she had nothing to worry about and stepped aside, welcoming her in. “I’ve been in the same predicament before so I know how you feel. Come on in, the phone is over there on the wall.”

“Thank you so much, I’ll make it quick.” Kayla replied as she made her way past the tall blonde. As Laura turned to follow, she saw movement out of the corner of her eye and turned back to the door to see a man coming in. The distraction was just enough for Kayla to turn back and place the Taser against the side of Laura’s waist and shock her with enough voltage to drop her like a stone. She had never used her Taser before so she wasn’t sure what to expect. She liked what she saw.

To Laura, the shock from the Taser was like getting jabbed with needle

Storie simili

Assistenza medica

Il primo segno è stato il dolore. Non era tutto il tempo, lo colpiva in momenti diversi durante la giornata. Una specie di pulsazione e dolore che aumentava e gradualmente diminuiva. È iniziato qualche anno fa, dopo che aveva lasciato la chiesa. Quando il pastore era stato sorpreso a sbattere il direttore del coro dopo ore, Derek James aveva finalmente visto la luce, per così dire. In tutti questi anni, crescendo in chiesa, la gente gli diceva che il sesso era brutto, che non dovevi toccarti, che aspettavi il matrimonio e restavi fedele a tua moglie. Ebbene, se il pastore non...

1.4K I più visti

Likes 0

Ginocchia sbucciate

Era domenica, un giorno intero di riposo dal lavoro. Ciò significava che avevo l'intera giornata da dedicare all'altro mio lavoro, quello su cui avrei dovuto concentrarmi anni fa. Avevo programmato di fare un lavoro serio sulla mia tesi. Dal lato sbagliato del mio trentacinquesimo compleanno, io, Joseph Middleton, ero un ragazzo del college. Ero uno studente medio al liceo. I miei voti non erano abbastanza buoni per entrare in un college decente, cosa che non mi importava in quel momento. Semplicemente non mi importava molto se non uscire con i miei amici e cercare di scopare. Il problema era che non...

1.4K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Una Santa Femmina incontra il cane da guardia..._(1)

Era stretto. Molto stretto. Improvvisamente si ricordò della casa dell'anno scorso quando il suo vestito attillato graffiava le pareti incrostate di fuliggine del camino. Bella casa, grande soggiorno... residente caldo. Sorrise mentre si trascinava più in basso lungo i muri di mattoni, sentendo improvvisamente una brezza salire dal focolare, un ruscello sotto di lei. Qualcuno era appena uscito... o era entrato nella stanza. La brezza le fece saltare la gonna e lei rabbrividì. Non è la notte per andare senza mutandine, pensò. Poi di nuovo, ha dovuto lasciare qualcosa per un regalo. Trattenne il respiro e scivolò giù, senza sentire più...

1.3K I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

Il segreto del successo

Ellen era seduta alla sua scrivania e lavorava al rapporto profitti e perdite della società. Ellen ha iniziato come temporanea 6 anni fa e ha fatto carriera fino alla posizione in cui si trova ora, assistente amministrativa del COO. Aveva lavorato molto duramente dentro e fuori l'ufficio per arrivare dov'era. Mentre lavorava al rapporto, è eccitata. Si signore. Ellen, puoi per favore entrare qui e chiudere a chiave la porta quando entri? “Sii lì” Ellen si guardò intorno nell'ufficio mentre si girava sulla sedia. Si mosse sulla sedia e sollevò la gonna. Allungò una mano sotto la gonna e fece scivolare...

816 I più visti

Likes 0

LA MIA PRIMA AFFARE SERIA - PARTE 1

All'età di 13 anni ho subito un'operazione per rimuovere un tumore nella parte posteriore del cervello. Dopo l'operazione sono rimasto cieco. È stato un grande shock e mi ci sono voluti mesi per accettarlo. A volte mi ribello ancora al fatto, ma che diavolo, mi sto godendo la vita ed è per questo che sto scrivendo questo. Sono rimasto a casa per quasi un anno, ma poi sono stato mandato in una scuola per bambini ciechi. Era lontano da dove viviamo, quindi sono dovuto stare nel collegio della scuola. In realtà avevo completato il Grade 8, ma hanno pensato che fosse...

817 I più visti

Likes 0

I miei amici mamma

Si tratta della mamma di Russell. Per cominciare, mi chiamo Jay e il mio migliore amico per la maggior parte della mia vita è stato Russell e questo è il mio diciottesimo compleanno. Beh, almeno la celebrazione del weekend successivo al mio diciottesimo compleanno. Dato che ero ancora al liceo, ho dovuto aspettare fino al fine settimana successivo per urlare ed è proprio quello che Russell e io avevamo programmato. Così venerdì sera presto sono andato a casa di Russell per andarlo a prendere con l'intenzione di andare entrambi alla capanna dei miei genitori per il fine settimana che era vicino...

815 I più visti

Likes 0

Regina dei draghi

Ho iniziato a scriverlo anni fa e di recente l'ho trovato sul mio hard disk. È un work in progress, fatemi sapere se vi piace. *** Dana, la maestra di caccia del Re Serpente, colei che era conosciuta nel paese come la Regina dei Draghi, percorse il corridoio polveroso con un passo potente. I servitori si precipitarono negli angoli per consentirle il passaggio, le loro teste abbassate in segno di sottomissione. Le guardie scattarono sull'attenti e pregarono che non avesse il tempo di notare qualche piccolo errore nel protocollo. “Signora Dana! Davvero un piacere prenderti - potrei disturbarti per un momento...

849 I più visti

Likes 0

Becca

Questa è la vera storia di come ho perso la verginità all'età di quattordici anni. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------------------------- Hai la crema solare? mi ha chiesto mio padre. No, lo metterò alla festa, risposi. Eravamo in macchina a una festa a casa dei miei amici. Si chiamava Genna e andavamo a scuola insieme da diversi anni. Ero eccitato per questa festa per uno scopo. Mentre pensavo al motivo, la mia mente è tornata alla conversazione che ho avuto online con una delle ragazze della mia classe. (Nomi visualizzati inventati) D-Rock16: Ciao BeccaP69: Ehi, watsup Gabe D-Rock: Sai quel gioco che abbiamo giocato...

760 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.