L'incidente che ha cambiato in meglio la mia vita

161Report
L'incidente che ha cambiato in meglio la mia vita

L'incidente che ha cambiato la mia vita in meglio.

Al liceo, avevo fatto sesso solo con 2 ragazze. Il primo è stato perché ho sentito che era "facile". Come si è scoperto, lo era. L'ho scopata al primo appuntamento. C'era un grosso problema, o dovrei dire un piccolo problema. Il mio cazzo è piccolo. Nella migliore delle ipotesi è di 5 pollici. A questa ragazza piaceva scopare e so che non mi stavo prendendo cura di lei. Ho scoperto che si stava scopando gli altri quando dovevamo uscire insieme. Questa storia non durò a lungo. Non potevo prendermi cura di lei sessualmente.

La mia seconda ragazza non scopava tutti, ma era come me. Nessuno di noi sapeva cosa stavamo facendo. Avevo pochissima esperienza, e nemmeno lei. Potevo togliermi le pietre e godermi il sesso immensamente, ma sapevo che non stavo suonando il suo campanello. Questa relazione non stava andando da nessuna parte.

A causa del mese in cui sono nato, ho iniziato la scuola quando avevo 5 anni invece di 6. Dopo 12 anni di scuola, mi sono diplomato all'età di 17 anni. Mi sono arruolato nell'esercito dopo il liceo, come avevano fatto tutti i maschi della mia famiglia sempre fatto. Quando sono uscito dal campo di addestramento, sono stato assegnato a un sito radar su una piccola isola nella baia di Boston. Avevamo un ponte che andava dalla terraferma all'isola, con il cancello per il sito sulla terraferma. Quando sono stato assegnato qui, avevo appena compiuto 18 anni.

Il giorno che ha cambiato la mia vita, ero di guardia al cancello principale. Una bella giornata primaverile con tanto sole che ci ha fatto sentire benissimo dopo il freddo che stavamo avendo. Ho visto una bellissima vecchia Olds Holiday del 1955 venire al cancello. Pensavo che una nuova recluta ricca sarebbe arrivata come me, direttamente dall'addestramento di base. Mentre si avvicinava, ho potuto vedere che guidava una vecchia signora. Mentre si avvicinava al cancello, mi chiedevo cosa volesse venire qui. Deve essere persa.

Ho aperto il cancello e sono andato alla sua macchina e le ho chiesto se potevo aiutarla. Avvicinandomi alla sua finestra, ho pensato che fosse sulla sessantina, ma non ne sono sicuro.

Ha chiesto se c'era una bacheca o un posto dove poteva mettere un avviso dove tutti potevano vederlo. Ho risposto che c'era. ma cosa voleva che fosse pubblicato.

Ha risposto che aveva una casa sulla baia che affittava stanze in estate a persone che volevano solo scappare per la settimana, rilassarsi e divertirsi e rilassarsi e prendere la vita facile, e ha bisogno di aiuto per ottenere le stanze e casa pronta per l'estate. Aveva bisogno di qualcuno che la aiutasse a dipingere, pulire e spostare le cose. Non era un duro lavoro ma stava invecchiando e suo marito era morto qualche anno prima e c'era solo lei, e non poteva fare tutto.

Ho pensato "diavolo John. Potresti usare qualche soldo in più. La paga dell'esercito ti tiene a malapena in birra e fuma". Ho risposto: "Sarei felice di aiutarti se le mie ore libere mi permettessero di fare il lavoro di cui avevi bisogno?"

Mi guardò e mi chiese quando potevo iniziare. Le ho detto che ho lavorato 2 giorni e un giorno libero, e il mio giorno libero era domani. Ha detto "fantastico" e ha preso accordi per portarmi a casa sua.

Quando sono arrivato lì, ho visto una casa di 3 piani proprio sull'acqua. Era vecchio, ma tutte le case della zona lo erano. Sembravano tutti dello stesso stile, età e condizione. Si è comportata come se fosse felice che io fossi lì e l'aiutassi con le faccende. Mi ha dato uno schema di ciò che dovevamo fare nelle prossime settimane. Dipingi la maggior parte delle stanze, sposta "roba" dal deposito nelle stanze al garage sul retro o al seminterrato, per rendere disponibili più stanze. Con l'aggiunta di più stanze, ciò significava che sarebbero stati necessari più posti auto. La ghiaia dovrebbe essere sparsa nel suo cortile per fare spazio alle auto aggiuntive. Questo sembrava un pezzo di torta. Nessun duro lavoro.

Abbiamo iniziato pulendo ogni stanza alla volta. Sposta la "roba" fuori, pulisci la stanza, quindi dipingi la stanza. Tutto stava andando bene e quando arrivò l'ora di pranzo, disse di venire a mangiare un boccone. Con pane di segale preparava tramezzini di salame e formaggio. Un grande sottaceto all'aneto e un po' di senape e aveva un ottimo sapore. Dopo pranzo, era di nuovo lì.

Dopo una lunga giornata, e non un duro lavoro, mi ha chiesto di restare e mangiare un boccone. Ho detto "certo". Mi ha chiesto se avevo la patente e se potevo guidare. Le ho detto di sì e ho pensato che mi avrebbe lasciato guidare la sua bellissima macchina. Avevo avuto uno zio che aveva una macchina come questa. Avevo viaggiato con lui e adoravo la sua macchina. Solo i pensieri di me alla guida di uno mi stavano eccitando molto.

Ha risposto che il suo medico voleva che lei bevesse una birra ogni giorno per la sua salute. Ho pensato, certo signora. Conosco molte persone così. Una birra al giorno a scopo medicinale. Mi ha dato le chiavi e i soldi per prendere la birra e mi ha detto dove andare. Voleva Ballantine ale, nella bottiglia da un quarto. Voleva 5 litri. e freddo dal frigorifero. Mi chiedevo se questo fosse per un'impostazione o per 5 giorni. Ho pensato che se il dottore le avesse detto di bere una bottiglia al giorno, non intendeva una bottiglia da un litro. Presi i soldi e mi diressi al negozio con un enorme sorriso stampato in faccia. Le cose stavano andando bene.

Quando sono tornata aveva lo stesso salame, formaggio, pane di segale, sottaceti e senape. Mi prese la birra con uno sguardo felice e andò a prendere i bicchieri. Ci siamo seduti al tavolo e lei ha versato 2 bicchieri. Il suo primo bicchiere è andato giù in uno dal basso verso l'alto. Cominciavo a chiedermi. Si versò un'altra birra e mi passò pane e fixins mentre continuava con il suo secondo bicchiere. Mi preparai un panino e non avevo ancora bevuto il mio primo bicchiere di birra quando lei ne versò il terzo. Questa vecchia ragazza adorava la sua birra. Dopo il terzo bicchiere, si preparò un panino e si versò un quarto bicchiere ea me un secondo. Ha dovuto aprire il secondo litro per riempire i bicchieri.

Penso che stesse diventando un po' brillo mentre iniziava a biascicare un po' le parole. Ho pensato: "John, stai andando bene. Lavoro facile, cibo così com'è, tutta la birra che voglio, ed essere pagato per tutto questo". Dopo il secondo quarto e all'inizio del terzo, ha detto qualcosa che mi ha sconvolto.

"John, bevi un altro sorso di birra e io verrò a baciarti". Che cosa? Io 18 anni, lei 60 qualcosa? Un bacio? Ci ho pensato a lungo, che diavolo. Birra gratis e pagata, a quel punto mi sentivo abbastanza bene. Ho preso un altro drink.

Lei balzò in piedi e barcollò verso di me. Si mise a cavalcioni sulle mie ginocchia con le sue gambe su entrambi i lati delle mie guardandomi in faccia. Ha bevuto un sorso di birra ed è andato a prendermi la bocca. Mentre mi baciava, la birra scorreva fuori dalla sua bocca ed entrava nella mia. Non so se avesse pianificato che ciò accadesse, o si sentiva solo bene.

Il bacio non era così male. Ricorda che ho avuto solo due ragazze nei miei brevi 18 anni. Ha bevuto un altro drink e di nuovo lo ha lasciato fuoriuscire dalla sua bocca mentre ci baciavamo. Stava cantando "whoopee" e continuava a bere e lasciare che la birra scorresse su di me e su di lei. Rideva, mi abbracciava e mi passava le mani addosso. Poi ha detto "Sono tutta bagnata, devo togliermi questi vestiti bagnati". Si alzò, ma rimase a cavalcioni su di me, si tolse la camicetta e il reggiseno e si rimise a sedere.

Le sue tette non erano quelle a cui ero abituato. Erano molto cadenti ma i suoi capezzoli erano molto grandi e sporgenti. Mi ha abbracciato forte e ha detto che dovevo togliermi la maglietta bagnata. Fanculo. Fuori è andato. Un altro grande abbraccio. Ha strofinato quelle tette su tutto il mio petto. Più birra. Di nuovo, dalla sua bocca ne fu schizzato più di quanto ne fu inghiottito. Ha preso le sue tette inzuppate di birra e me le ha offerte da leccare. L'ho fatto. Tette al gusto di birra. Quei capezzoli stavano diventando enormi e duri. Ho continuato a succhiarli e a quel punto il mio piccolo uccello stava iniziando a rassodarsi. Stavo andando con il flusso. Avevo bevuto abbastanza birra da sentirmi abbastanza bene. Le sue mani sfregano il mio corpo, io le succhio i capezzoli duri. Diavolo, mi stavo divertendo da morire. Sembra che stasera mi farò scopare.

Dopo che il suo prossimo drink le scende nello stomaco e si bagna i pantaloni, si alza e dice che dovrebbe togliersi i pantaloni. Dice semplicemente questo dato di fatto e se li toglie così come le sue mutandine da ragazza grande. Ho visto da vicino la sua figa pelosa. La maggior parte dei suoi capelli erano grigi, e molti. Ricci e bagnati. Mentre stava a cavalcioni sulle mie gambe si è versata la birra nello stomaco e su tutta la sua figa. Ne prese un po' in mano e se lo infilò nella fica. Ha strofinato e strofinato. Più birra nella sua figa. Mi dice di strofinarlo. Ho pensato di nuovo, che diavolo e ho iniziato a strofinare quella figa pelosa e bagnata.

Penso che avessimo finito il nostro ultimo litro di birra quando si alza sul tavolo e si sdraia sulla schiena e si versa altra birra tra le gambe e mi dice di baciarla.

Baciare una figa? Ne ho sentito parlare, ma non avrei mai pensato di farlo. Mi stava guardando dritto negli occhi con tutta la sua bellezza. Le ho detto "Non l'ho mai fatto prima e non so cosa fare". Ha detto che me lo avrebbe detto. Ho pensato alla mia situazione. Sto ricevendo tutta la birra che voglio, ora tutto il sesso che voglio, e vengo pagato per questo. Dovrò renderla felice. Ho deciso di farlo. Mi sono avvicinato al suo vasetto di miele. Ho tirato fuori la lingua e l'ho strofinata nel punto senza peli. Lei gemette e prese le sue mani e aprì le labbra della fica e mi disse di succhiare. L'ho fatto e tutto quello che potevo assaggiare era la birra. Ha preso il suo dito e l'ha messo sul suo clitoride e mi ha detto di passare più tempo proprio lì. L'ho fatto e mentre succhiavo è arrivata altra birra. Ok. Stavo entrando in questo. Non ero sicuro di che sapore avesse la fica, ma la fica alla birra era piuttosto buona.

Mi ha afferrato la testa e ha iniziato a strofinarmi la faccia nella sua figa mentre iniziava a muoversi e rimbalzare tutt'intorno. Ha iniziato a lamentarsi e urlare, "sì, sì, sì". Urlò e il suo corpo si irrigidì. Tenne il corpo rigido e poi si rilassò come se fosse andata a dormire. È rimasta lì sdraiata e non ha detto niente.

Dopo un po' mi chiedevo se fosse ubriaca e svenuta? È morta? Sono seduto qui con una voglia dura di scopare qualcosa. C'è una figa succosa che mi fissa negli occhi che ho appena leccato e succhiato finché non si è sparata. Forse dovrei solo aiutare me stesso. Le sue gambe penzolano dal bordo del tavolo ed è proprio nella posizione giusta. Mi metto in posizione e inizio a strofinare il mio cazzo su e giù tra le sue labbra. Mi ha fatto un piccolo gemito mentre lo faccio come se si stesse davvero divertendo. Lo prendo come un "vieni e prendilo tesoro", e ho iniziato. Quando ero circa a metà strada, ha spalancato gli occhi, ha fatto un respiro profondo, si è alzata e ha gridato "no". "Fa male".

Che diavolo? non posso scoparla? È mezza ubriaca, le mangio dannatamente la figa e lei non può o non vuole scoparmi. Ho detto "cosa c'è che non va? Ti sto facendo del male? Non possiamo fare sesso?"

Dice "Sono vecchia e non ho avuto un pene in me da molti anni. Fa male quando mi viene messo qualcosa dentro". Allora ho chiesto se aveva intenzione di farmi un pompino? Lei risponde: "oh no. Non farei nemmeno un pompino a mio marito. Non faccio cose del genere, quindi non posso farlo per te". Ho detto "questo lascia solo il tuo buco del culo. Posso entrare lì?" Sembra scioccata e urla "no. Non ho mai pensato a niente del genere. Il mio buco del culo non è per scopare".

Bene Giovanni. Questo fa schifo alla grande. Niente figa, niente pompini, niente inculate. Sei sfortunato. Mi rannicchio su di lei e le dico: "Ma Ana. Mi sono presa cura di te e ho bisogno di prendermi cura di me. Puoi fare qualcosa per me?" Si fermò e sembrò che stesse pensando pesantemente. "Posso giocare con te e farti uscire? Speravo che potesse fare bene quanto me stesso, quindi le ho detto di provarci.

Sono nuda distesa sul tavolo e la prima cosa che sento è la birra che mi viene versata sul cazzo. Inizia a strofinare. Se non avessi iniziato con un'erezione, quello che stava facendo non mi avrebbe nemmeno fatto venire duro. Ha giocato, ha versato altra birra, come se la birra stesse per farmi venire. Non stavamo andando da nessuna parte. Alla fine le ho detto che non andava bene. Non mi avrebbe fatto venire. Ho chiesto, se non l'ho supplicata di lasciarmi scopare. Di nuovo era in profonda riflessione. Ha detto che se l'avessi leccata di nuovo, mi avrebbe lasciato provare.

Diavolo, sono pronto per questo. Ci siamo scambiati di posto e io ero tra le sue gambe in un lampo. Ecco la birra. (dove sta prendendo tutta quella birra?) Le ho inzuppato la figa e la stavo leccando come se stessi morendo di sete. Ho fatto quello che voleva e le ho anche ficcato la lingua su per quanto ho potuto. Che ottiene un altro gemito da lei. Quando mi ha afferrato di nuovo la testa, ho succhiato e leccato il più velocemente e forte che potevo, il suo piccolo clitoride stava diventando la punta smussata della mia lingua e la stava facendo impazzire. Quando ha iniziato a tremare e ad irrigidirsi, so che stava venendo. Di nuovo si è comportata come se fosse svenuta.

Non l'avrei lasciata cavarsela rifiutandomi di nuovo. Sono andato dritto alla sua figa con la mia piccola erezione. Ho fatto scivolare tutti i 5 pollici dentro di lei. Ho sentito un grugnito, ma continuo. Faceva caldo e bagnato, ma non così stretto come le ragazze del liceo. Ero così arrapato che avrei potuto scopare un buco in un albero. Ho solo speronato e speronato e forte e veloce come potevo. Non so per quanto tempo le ho versato il maiale, ma ero pronto a soffiare. Per tutta la sera si è trattato di questo. Tutto il bere birra, tutti i baci, tutte le succhiate e leccate di tette, tutta la figa che gioca e per finire, tutta la figa che succhia. Le mie palle si sono strette, si sono rimpicciolite nel mio culo e ho lasciato che si strappasse. Sembrava che non avrei mai smesso di venire. Alla fine, non potevo più venire e il mio cazzo ha iniziato a rimpicciolirsi. Mentre scivolavo fuori, potevo vedere il mio sperma uscire dalla sua figa pelosa. Mi ha fatto battere forte il cuore. L'avevo fatto. Questo è il mio sperma. Lei è la mia puttana adesso. prenderò quello che voglio. Mi sono seduto e ho bevuto un bicchiere di birra.

È rimasta lì come se dormisse. Questa volta ho pensato che fosse svenuta. Con un cazzo morbido e niente da fare, ho deciso di mangiare un panino. Ho mangiato il panino e lei è ancora sdraiata lì. Mentre mangiavo, guardavo i miei succhi che uscivano dalla sua fica. Scorreva fuori e scendeva fino al suo piccolo foro. Ricordo che mi urlava contro che il suo buco del culo non era per scopare, e si comportava come se lo intendesse. Ci ho pensato e poi ho deciso che forse si sbagliava. Se voleva dormire, così fosse. Stavo diventando duro di nuovo e non avevo mai fatto inculare prima.

Presi le sue gambe e le posai sulle mie spalle. C'era la mia prossima conquista. Una figa grigia con i capelli ricci e persino dei capelli intorno al buco del culo. Ho infilato il mio cazzo ora duro nella sua figa per farlo diventare liscio, e poi ho cercato di entrare nel suo culo. Mi ha sorpreso che sia entrato così facilmente. Ma non appena sono entrato nel punto in cui non era più scivoloso, si è stretto. Sono tornato nostro e sono tornato nella sua fica. Questo ha reso il mio cazzo bagnato e scivoloso, sono tornato nel suo culo. È andato più avanti ma non sono ancora riuscito a entrare tutti i 5 pollici. Torna di nuovo nel suo buco bagnato. Questa volta nel suo buco del culo, ero completamente dentro. È stato meraviglioso. Stretto, caldo e scivoloso. Lo amavo. Mentre scivolavo lentamente dentro e fuori, Ana iniziò a grugnire. Mentre faceva questi rumori, il suo culo sembrava contrarsi. Mi sentivo bene, quindi ho accelerato il ritmo. Mentre mi affrettavo, i suoi rumori aumentarono. Mi stava eccitando. Dato che stavo andando più veloce che mai, con il mio cazzo corto, scivolavo fuori ed entravo fino a quando le mie palle non hanno schiaffeggiato il tavolo. Adoravo venire fino in fondo. Mentre tornavo dentro, costringevo il suo culo a farmi rientrare. Questo aggiungerebbe più piacere. Wow, questo era buono. Ana si lamentava costantemente e i suoi muscoli del culo afferravano il mio cazzo per arrivare dove non sarei durato molto più a lungo. Ho affondato le mie dita nei suoi fianchi, l'ho tenuta stretta e l'ho scopata per tutto quello che valevo. ho fatto saltare in aria. Quando ho sborrato, so come si sentiva. Sono quasi svenuto, mi sentivo così bene. Ho avuto difficoltà a stare in piedi così quando il mio cazzo si è sgonfiato ed è scivolato fuori, sono caduto sulla sedia.

Ora, mentre ero seduto lì, stavo fissando la sua figa pelosa bagnata con il mio sperma dappertutto, e ora anche il mio sperma trasudava dal suo buco del culo. Ho pensato che se avessi potuto ottenere un'altra erezione, mi sarei scopato di nuovo quello stronzo. Ora so che amo gli stronzi. Ho pensato che se non si fosse mai fatta inculare, ero nella merda. Nessun gioco di parole previsto. Avrebbe avuto un mal di culo quando fosse tornata in sé. Questo mi ha fatto pensare che il mio giro gratis è finito. Niente più leccate di fica, niente più guida di quell'auto d'epoca, niente più birra gratis e niente più soldi extra. Ho pensato, che cazzo. Ho giocato con il mio cazzo finché non è diventato di nuovo duro. Sono scivolato in quel buco del culo liscio fino a quando non ho avuto le palle in profondità. Questa volta sono andato piano per provare tutta la bontà dell'inculata. Questa volta ci è voluto molto più tempo e mi ha sorpreso il fatto che Ana si lamentasse di nuovo e i suoi muscoli del culo afferrassero il mio cazzo mentre stavo tirando fuori. Mi stavo avvicinando e stavo pensando, non era mai stata inculata, non aveva mai succhiato un cazzo e non aveva avuto un cazzo nella figa per anni, quindi perché non darle tutti e nove i metri. Proprio mentre ero pronto a sparare, mi sono tirato fuori e ho fatto il giro del tavolo, le ho aperto la bocca e l'ho lasciato andare. Non mi sono perso con una goccia. L'intero carico è andato nella sua bocca. Non è stato il carico più grande che ho sparato, ma l'ha comunque riempita.

Per tutto il tempo che ho mangiato la seconda volta, è rimasta sdraiata lì come se dormisse o si lamentasse. L'ho scopata nella sua vecchia figa, l'ho scopata due volte nel buco del culo e le ho sparato in bocca. Mi chiedevo se sapesse cosa stava succedendo? Lo saprebbe quando vede la sua fica gocciolante e il buco del culo? Assaggerà lo sperma in bocca? Bene, visto che la mia esperienza è finita, posso anche darle qualcosa per ricordarmi di me. C'erano tre sottaceti all'aneto rimasti nel barattolo. Ne ho fatto scivolare facilmente uno nella sua figa e due nel suo buco del culo pieno di sborra. Mi dispiace Ana, ma questo è qualcosa che non dimenticherò mai.

Addio tesoro.

L'ho lasciata sdraiata lì sul tavolo, nuda, con la sborra che cola da 3 dei suoi orifizi, con un sottaceto nella figa e sottaceti nel buco del culo. Sono tornato alla base. Non avrei mai pensato che l'avrei sentita di nuovo, forse dalla polizia, ma non lei.

3 giorni dopo squillò il telefono in caserma. Era per me, ed era Ana. Ho risposto alla chiamata e si è comportata come se avesse paura di parlare. Alla fine mi ha chiesto se l'avevo presa nel culo. Ho pensato che non ci fosse alcun vantaggio a mentirle, quindi ho detto "sì". "Quanti sottaceti mi hai messo su?" Ho risposto "due nel tuo culo e uno nella tua fica" Poi ha chiesto "quel sapore che avevo in bocca era il tuo sperma?" Ero in un ruolo, quindi perché no. Ho risposto "sì, sapevo che avresti voluto sapere che sapore ha lo sperma" ho detto scherzosamente. Ci fu una lunga pausa, poi lei disse "pensi che io sia la tua sgualdrina?" "Lo eri qualche sera fa. Un boccone, un culo pieno e la tua fica piena. Penserei che sei una sgualdrina." Immagino di essere al di là dell'essere gentile. Un'altra lunga pausa. "Grazie. Ho sempre voluto essere una sgualdrina ma avevo troppa paura per provarci. Mi hai costretto a esserlo, quindi grazie. Pensi che potremmo farlo di nuovo?"

Ebbene, la mia vita è cambiata. Altro da sborrare se ti piace questo.

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

289 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

256 I più visti

Likes 0

Il mio sexy compagno di ufficio - III

Non potevo togliere Vathsala dalla mia mente. Non era una reginetta di bellezza come ho detto prima, ma era decisamente attraente e sexy. Ora che ho avuto due incontri con lei, tutti molto erotici e sensuali, ha occupato totalmente il mio mondo. E mi doveva per quello che aveva l'ultima volta quando ero bloccato sotto il suo tavolo e non l'ho dimenticato. Vathsala mi ha evitato per i giorni successivi a quell'incidente, e io ero piuttosto arrabbiato per l'intera faccenda. 'Cosa le ho fatto di male?' Mi sono sempre chiesto. Ma non fino a quando non ho colto per caso quel...

224 I più visti

Likes 0

La mia insegnante sexy_(0)

La campana ha suonato. Il nome del mio insegnante era Ella maya. Era così calda. Aveva un seno enorme che spuntava fuori, Mi è piaciuto quando si è chinata. Potresti vedere il suo culo. Lewis, per favore resta indietro, il resto di voi può andare! Tutti si precipitarono fuori. non ho fatto niente di male? Vuoi un aiuto in più? Possiamo andare a casa mia adesso, se vuoi? Telefonerò ai tuoi genitori? Whoa. S-sì per favore ho detto. Lei sorrise. Poi ha telefonato ai miei genitori e siamo andati a casa sua. *l'aiuto è terminato.* Posso usare il bagno? Ho chiesto...

220 I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

214 I più visti

Likes 0

Cavalla montata

JoJo è una bellissima donna musulmana di 36 anni, separata dal marito da un anno. È amica di un socio in affari del Medio Oriente. Mi ha invitato a venire a casa sua. È arrivata a casa nello stesso momento in cui sono arrivato io, ci siamo salutati, con ciò si gira velocemente sui tacchi, e se ne va verso la porta sul retro della casa. Guardo il suo culo in quei jeans attillati. Ho dovuto raggiungere e regolare il mio cazzo nei pantaloni. Sono a disagio con il mio cazzo duro nel suo allineamento attuale. Gemetti tra me e me...

205 I più visti

Likes 0

A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3 Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non...

199 I più visti

Likes 0

William Potter

William Potter La storia di William Potter è più difficile da raccontare rispetto alle precedenti. Forse sarebbe meglio iniziare con il suo arresto a New Haven Connecticut nel 1662. (Nota: i processi alle streghe di Salem ebbero luogo nel 1692.) Suo figlio adulto John Porter aveva confessato al ministro della chiesa di aver visto suo padre commettere un atto sessuale con un vitello. Il ministro andò dalle autorità e raccontò loro ciò che gli era stato detto da Giovanni. Quando le autorità andarono da Giovanni per ascoltare la storia da lui, si rifiutò di parlare con loro. Lo hanno arrestato con...

123 I più visti

Likes 0

Addestrato per servire

Ero nella mia camera da letto al piano di sopra mentre i miei genitori tenevano la loro festa annuale di Capodanno al piano di sotto. Gli unici bagni erano al piano di sopra e il bagno degli ospiti era in fondo al corridoio rispetto alla mia camera, quindi ho sentito persone salire e scendere le scale. Mi ero appena messo il pigiama ed ero seduto su un lato del mio letto a guardare gli annunci su Popular Mechanics quando la porta della camera si è aperta. Era la signora Smythe che viveva dall'altra parte della strada. Indossava un vestito blu tafata...

25 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

0 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.