Intervista Privata

94Report
Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera è una cena privata con sei belle donne che hanno ricevuto inviti. Le donne sono arrivate al ristorante dell'hotel riservato per stasera alle 19 per l'aperitivo e la cena alle 20. I pochi prescelti odorano di denaro, potere e pubblicità come le mie caramelle per il braccio. Ho detto loro di vestirsi bene per fare colpo. Tutto si era presentato, come richiesto. Come previsto.

Una delle donne, in particolare, è un knock-out. Ha 20 anni, single, 5' 7", pesa circa 110. È una modella e studentessa universitaria in Vietnam. Si chiama Lu. Indossava un abito corto nero aderente che mostrava le sue lunghe gambe, con una fila di bottoni di perle davanti. L'ho fatta sedere il più lontano possibile da me durante la cena. Vedo che è delusa da questo. Alla fine del pasto, le ho fatto segno di venire a sedersi vicino a me, fumando il mio sigaro e bevendo scotch, le ho offerto un bere. "Quindi sei una modella." Le ho detto. "Mi piacerebbe passare un po' di tempo con te", dissi, con un sorriso, alzandomi in piedi. Sento che Lu è nervosa. Lei è la prescelta, da tutti le donne qui, di John Malone, il presidente del consiglio. Faccio un cenno al mio autista. Sapeva cosa fare. "Vieni con me, Lu", le dissi. La condussi sulla pista da ballo verso un paio di impressionanti doppie porte. Le porte dell'ascensore privato della mia suite. La camera da letto della suite è impressionante. Apro le porte, avverto un'altra fitta di esitazione quando vede l'enorme letto nella grande stanza. Di nuovo, lo controlla bene. Il miomano, nella parte bassa della sua schiena, guidandola leggermente verso l'interno. Mentre mi giro, per chiudere le porte dietro di noi, Lu e me soddisfatte.

La camera da letto principale è enorme, con una vista su New York spettacolare. Una parete è in vetro dal pavimento al soffitto. Le tende sono aperte. Le luci del comodino sono ai lati del grande letto matrimoniale, già abbassato. A parte questo, era la luce riflessa dalla vista, che inondava la stanza di una luce soffusa. " Bella vista?" Ho detto alla mia adorabile e rispettosa Lu. Vent'anni, un bel viso, morbidi occhi color cioccolato, lunghi capelli neri e un corpo caldo. La musica soft suona tranquillamente. Annuisce: bella vista. Mi chiedo se sa parlare inglese, non importa se non lo sa. Le prendo la mano, me la porge con cautela, tenendomi le dita come crede di dover fare. L'ho condotta alla vista. È venuta, obbediente. Quando è arrivata alla finestra, ho detto: "Ora balleremo, ti conoscerò". Parlava inglese, almeno lo capiva, perché si gira e tende le braccia. "No, no, mia cara" dissi, sono contento che abbia capito. "Questa vista è troppo bella per sprecarla. Affronteremo la vista e balleremo in modo che entrambi possiamo godercela." Un cipiglio perplesso è apparso sul suo viso, così la giro verso il panorama, mi sposto dietro di lei e le metto le braccia intorno alla vita.

Un culetto impertinente si adatta perfettamente al mio cavallo, le sue spalle e la sua schiena contro il mio petto e l'addome; i capelli in cima alla sua testa mi solleticano leggermente il naso. Muovo ulteriormente le braccia intorno al suo corpo minuto, e inizio a ballare, comincio a muovermi da un piede all'altro, muovendo il mio cavallo contro il suo culetto stretto. Esita, ma solo per un secondo, poi appoggia leggermente le mani sulle mie braccia che la circondano, e inizia a muoversi come ho fatto io. Cosa le passa per la testa, in quella sua graziosa testolina, mi chiedo. "Fino a che punto andrà?" senza dubbio. Chissà a quale conclusione arriverà? Ho scoperto che ci sono due modi in cui puoi giocare questa situazione - se sei me, cioè. Puoi essere cauto e sottile, pensare ai loro sentimenti e procedere con cautela; oppure puoi fare a meno della sottigliezza, scartare del tutto i loro sentimenti e fare quello che diavolo vuoi. Con la deliziosa Lu avevo deciso, appena l'avevo vista entrare nel ristorante, che avrei fatto di lei quello che volevo. Ha quell'effetto su un uomo, si può dire.

Il mio punto filosofico è che più ricchezza, potere personale e potere commerciale dell'azienda di cui sei amministratore delegato, meno considerazione devono aspettarsi realisticamente coloro che lavorano sotto di te o coloro che supportano coloro che lavorano sotto di te - e il gruppo internazionale di aziende La mia testa è ampia come la finestra dalla quale sto guardando e enorme come il letto alle mie spalle! Mi è sempre piaciuta New York", dissi, facendo scivolare il palmo della mano su un gratificante ventre piatto e sodo da ragazza. Lascio che scenda verso il suo pube, che su di lei, scopro quando sono arrivato lì, è aggressivamente prominente. Si bloccò quando la tocco lì, poi si rilassa. Con l'altra mano le corro davanti, verso i suoi seni. Si bloccò una seconda volta quando la mia mano raggiunse i suoi piccoli seni impertinenti prendendo a coppa una manciata sorprendentemente grassoccia. I suoi piedi smettono di muoversi .Così hanno fatto i suoi fianchi.Le sue gambe si sono spezzate insieme.

Continuo a ondeggiare al ritmo della musica come se non mi fossi accorta che la mia dolce ninfa asiatica si è fermata, o che avevo il suo seno in una mano e il pube nell'altra. Inizio, a lavorare su entrambi. Per accarezzare delicatamente, e coppa, e spremere; premere, accarezzare e accarezzare. "Sì, morbida ed elastica, amo le giovani donne asiatiche." Ripeto, guardando sopra la sua testa il panorama, voce un profondo raschiare da anni di sigari e molte delle migliori marche di cognac e scotch. "Essere presidente del consiglio significa che posso far progredire la tua carriera di modella", dissi, senza approfondire. Come se qualcosa si fosse improvvisamente acceso nella sua mente – 'Chairman of the Board', forse? – si sbloccò lentamente, i suoi piedi cominciarono timidamente a riprendere il loro trascinamento, ei suoi fianchi ricominciarono a oscillare. Sento che si sta sforzando di rilassarsi, unirsi, partecipare, mentre le mie dita continuano a brancolare e accarezzare le sue parti più sensibili. "Sei del Vietnam?" chiedo, facendo conversazione.
"Sì", risponde lei.

Le sue mani scendono lungo i fianchi. Le presi il seno sollevandolo delicatamente contro di lei, il mio dito e il mio pollice che rotolavano e le pizzicavano il capezzolo. Molti asiatici si imbottiscono i reggiseni per compensare ciò che potrebbero sentire che vorrebbero avere, ma non lo fanno... ma il seno di Lu mi riempie piacevolmente la mano, rendendo superfluo il bisogno di imbottire il suo reggiseno. Prendo il capezzolo leggermente coperto tra le dita arrotolandolo delicatamente. Sento i suoi fianchi sollevarsi, come se si alzasse in punta di piedi. Mi piace sempre che vadano in punta di piedi. Lu si sta comportando come mi piace. Muovo l'altra mano sull'altro suo seno e ripeto la carezza, per essere ricompensato da un arco della sua schiena e da uno stiramento di caviglie e piedi sulle punte delle dita delicate. Rilascio i piselli duri che ho tirato fuori dal nascondiglio al centro dei suoi seni, accarezzandoli dolcemente. Accarezzo, pizzico e stringo i suoi capezzoli duri e i suoi seni morbidi. Sto cercando di suscitare questo piccolo boccone di giovane femminilità. Appoggio la testa sul suo collo e chiedo: "Nata in Vietnam?" Poi le bacio il collo. Ha un sapore pulito, giovane e fresco. "Sì", risponde lei, mantenendo le cose semplici, guardando fuori dalla finestra la notte, le sue mani che giacciono flosce lungo il suo fianco mentre le mie continuano a lavorare sui suoi seni piacevolmente formosi.

" Mi piace?" chiedo, spostando le dita sui bottoni sul davanti del suo vestito sottile di maglia. Comincio ad annullarli, iniziando dall'alto e procedendo verso il basso. "Sì, mi piace", risponde, la voce chiara, educata. "Non sono stata sola con un uomo", aggiunge, sentendo che è meglio che uno di noi parli. Sentendo, forse, che tirando fuori la sua inesperienza con le carezze la libererò dal suo tormento. Cos'altro sta passando per la sua graziosa mente orientale? Spera contro ogni speranza che questo vecchio arrapato la guardi nudo, apprezzi la sua bellezza e bellezza e la lasci andare? O vorrò... fare di più con lei. A lei? Se conclude che io... vorrò fare di più, con lei, con lei... quale sarà la sua opinione su questo?

Allento tutti i bottoni sul davanti del suo vestito, osservando il nostro riflesso nella finestra mentre lo guardo. Allentando la parte inferiore del vestito per arrivare ai bottoni vicino all'orlo, scoprendo le gambe ricoperte di calze... come faccio io. La guardo mentre mi lascia sbottonare il vestito, le mani tenute con discrezione per non intralciare. L'ho allargato. Nel riflesso, luci tremolanti che si infrangono qua e là, vedo una giovane donna sexy in un reggiseno leggero, un perizoma sorprendentemente corto e selvaggiamente scarlatto; calze alte fino alla coscia che finiscono sei pollici più in basso delle sue mutandine, offrendo una vista appetitosa di cosce lisce color crema. Sono dietro di lei, le tengo aperto il vestito. "Meglio che te lo tolga," le dico, lasciandola andare. La guardo mentre si toglie il vestito, lo prende con cura dietro di sé, distoglie lo sguardo, lo piega. Si guarda intorno per vedere dove potrebbe metterlo. Si sposta su una sedia vicina e la posiziona ordinatamente sul bracciolo. Mentre si raddrizza lancia uno sguardo nella mia direzione. Curvo il dito, una volta. Lei torna al mio fianco. Quando mi raggiunge si affaccia di nuovo alla finestra. Mi lascia premere il mio corpo contro di lei da dietro. Mi lascia mettere le mie braccia intorno a lei. Si rilassa contro di me quando tiro. La prendo tra le mie braccia, godendomi la sensazione della sua pelle.

"Metti le mani dietro la mia testa," dico, guardando i suoi occhi nello specchio mentre mi guardano, ammirando il modo in cui segue le mie istruzioni. Le sue mani si estendono su e indietro, i gomiti in alto, il busto allungato, la colonna vertebrale ben inarcata, il seno forzato verso l'alto e verso l'esterno. Prendo un seno in ogni mano e ricomincio a muovermi al ritmo della musica. Si muove a tempo con me. Il suo corpo è morbido, liscio e sodo nei punti giusti. Il seno allungato e vivace mi ha sempre eccitato. Faccio scorrere il reggiseno di fissaggio anteriore. Lo sposto da parte e prendo a coppa ciò che c'è dentro. Seni paffuti che mi riempiono la mano. "Allora da quanto tempo fai la modella", chiedo... questa cosa morbida... giovane... "Tre anni", risponde lei. La sua pronuncia inglese è abbastanza buona. Guardo i suoi seni nel riflesso della finestra... e le mani larghe che li accarezzano... e il modo in cui guarda le mie mani, e il modo in cui le sue sono tese dietro la mia testa, una vicino a un orecchio. "Gioca con le mie orecchie", le dico, e guardo dalla finestra mentre inizia a farlo. Le sue dita sono pulite e snelle. Trova un lobo e accarezza dolcemente. I miei occhi si chiudono. Le passo le mani sul davanti. La morbida levigatezza della sua pelle, la leggera concavità dello stomaco, la minuscola rientranza dell'ombelico, i muscoli allungati insegnavano su entrambi i lati. Le mie dita arrivano alla cintura del suo perizoma selvaggio. Infilo la mano all'interno della sottile fascia di tessuto che scivola seducentemente più in basso. Il suo pube sotto è nudo. Faccio scivolare le mie dita sulle labbra della sua figa e comincio ad esplorarla. Sono incuriosito e incoraggiato da quanto sia già diventata liscia e umida. Inarca la schiena. Le rollo il clitoride, una volta poi due. Inarca di nuovo la schiena. apro gli occhi. Il riflesso del suo corpo nella finestra è netto, compatto. Sembra molto più morbido ed è molto più caldo di quanto sembri nella finestra. I suoi occhi, noto, si sono chiusi, anche se la punta delle sue dita continua a giocare con il mio orecchio: una delle sue dita sembra cercare l'apertura.

Mi chino leggermente in avanti, arricciandomi intorno a lei, provo a far scivolare il mio dito medio dentro la sua piccola figa molto stretta. È umida. Miele umido. Le sue gambe si aprono di più mentre il mio dito cerca di spingere dentro di lei, e la sua schiena si contorce urgentemente poi geme 'NO...smettila che fa male...per favore," facendo rotolare la testa contro il mio mento. L'altra mia mano passa da seno a seno, capezzolo al capezzolo. Guardo le sue labbra aprire e sento i piccoli sussulti. Le sue labbra formano una 'O', mentre geme dolcemente. Giro la sua testa mettendo le mie labbra sulle sue. Si contorce intorno a me, tirando la mia testa verso la sua, mi scruta la bocca con la lingua. La piccola volpe ci sta provando! Ci muoviamo verso il letto. Questa adorabile piccola ragazza, nuda ma per le sue calze e i suoi tacchi - il suo perizoma è alle sue ginocchia - e io, il toro. Lei cade sul letto, la lascio andare. Lei cade sulla schiena, gli occhi chiusi, le braccia protese, le gambe larghe. La guardo, in piedi tra le sue ginocchia. Mi spoglio, i suoi occhi si aprono un guizzo... Sono andato? Ho perso interesse "No, mio ​​piccolo angelo, rilassati. Lascio cadere i pantaloni e i boxer tutti in una volta. Vedo i suoi occhi spalancati - perché il cazzo mostruoso è duro come una roccia. Il mio soprannome, il toro, è il mio cazzo. " Proprio come tutte le donne asiatiche, il mio cazzo è più lungo e più grosso di quanto avesse mai visto prima. La sua testa gira all'indietro, i suoi occhi sul soffitto, poi le sue mani sono andate alla sua bocca e la sua espressione è di shock.

"Siediti, Lu!" Gliel'ho detto. E lei lo fa. "Perché non vi presentate?" Suggerisco, muovendo il mio cazzo, completamente duro e desideroso, una dimensione mostruosa, nella sua direzione. Fa un piccolo inchino. Allunga due piccole mani delicate portando la mia asta d'acciaio alle sue labbra. Chiudo gli occhi, ma solo dopo aver visto la sua bocca muoversi in avanti verso la punta della testa del mio cazzo, la sua piccola lingua che si allunga e iniziare ad assaggiare la punta. Ora le sue labbra leccano lentamente il bulbo, poi tira il bulbo in bocca. La sua lingua lo circonda lentamente. Fa così caldo lì. Allungo una mano, tra le sue gambe, ancora allargata – si muovono, per farmi spazio – spingo il dito medio dentro di lei. Così caldo, così piccolo, così stretto. Entrambe le estremità di lei. Fletto i fianchi, spingendo ulteriormente il mio cazzo nella sua bocca. Il mio dito, si fa strada fino in fondo dentro di lei, torcendosi e arricciandosi dentro di lei, cercando il suo punto G. Lei ansima e geme intorno al mio cazzo, arriccio il mio dito dentro di lei. Il suo bacino si solleva. L'altra mia mano va dietro la sua testa mentre spingo forte il mio cazzo nella sua bocca, fino alla schiena. Lei imbavaglia, io mi ritiro. Lei segue. Faccio un passo indietro e arriva anche lei, giù dal letto, il mio dito affondato dentro di lei. La abbasso sul tappeto. Le sue ginocchia cadono dal letto. È ancora impalata sul mio dito... e sul mio pene. Prendo il dito da lei. Tiene il mio pene, profondamente nella sua bocca.

Ondeggiamo verso il letto. La sua schiena si inarca, le ginocchia rimangono sul tappeto dove sono, raggiungendo dietro di lei con una mano che si riprende. Il suo collo contro il bordo del letto. Sbilanciato, schiena inarcata, gola tesa, occhi spalancati e sguardo in alto. A me. Prendo posizione sopra di lei e spingo il mio cazzo nella sua gola. Lei grida, i suoi occhi lacrimano. Mi sposto in alto e inizio a scoparle la bocca. Tiene la testa inclinata verso l'alto, il resto del corpo contorto sul pavimento, e mi lascia cadere in gola. So che questa è la prima volta che succhia un cazzo. Prova ad aggiustarsi, mettendo la sua gola in linea con le mie spinte, alzando il mento, alzando la testa, a faccia in su – labbra spalancate e bocca in alto, mentre il mio cazzo pompa dentro e fuori. L'intera manopola del mio cazzo si tuffa nel morbido calore della sua gola. Rimane lì, mentre la sua gola si muove, si contrae come una fica e aspetta, con il respiro trattenuto, finché non mi ritiro, per lasciarla respirare. Cosa che faccio lei deglutisce nel respiro, attraverso il naso, poi ingurgita... di nuovo nella sua gola, per lasciare che il morbido tessuto caldo tenga il nodo del mostro infuocato. Poi fuori... poi di nuovo dentro. Poi fuori... di nuovo dentro.

Lu inizia a protestare, non le ho mai dato una possibilità. La prossima cosa che seppe, lei è sulla schiena e io sono tra le sue gambe aperte. Prendo Ky gel dal comodino e comincio a massaggiarlo nella sua figa calda e bagnata. Ne metto una generosa quantità sul mio grosso palo palpitante. Lu sente l'enorme testa del mio cazzo sfregare su e giù sulle sue labbra. Sembro enorme contro la sua piccola fessura. Lu piagnucola mentre spingo contro di lei. In nessun modo pensava. Non si adatterà mai. "Oh Lu questo cambierà la tua vita. Sarà doloroso..." Mi chino in avanti appoggiando il mio peso contro di lei. Faccio scivolare il mio cazzo verso l'alto allargando leggermente le sue labbra. Lu sente crescere la pressione. I miei occhi sono chiusi, ringhio basso e minaccioso mentre spingo più forte. Lu sente la sua piccola figa molto stretta che si allunga. Niente di queste dimensioni è mai stato dentro di lei.. La sua figa resiste ma si sta allungando e io non mi calmo dando alla sua piccola figa stretta una pressione costante con una penetrazione minima. La testa non è entrata in lei. Lu pensava che sarebbe stata divisa a metà. "Cazzo sei così fottutamente piccolo e stretto."

Grugnii e strattonai i fianchi in avanti. Poi qualcosa in lei si strappò. Qualcosa ha ceduto. Il dolore è travolgente, una profonda sensazione di bruciore le riempie il bacino mentre il mio cazzo mostruoso caldo e palpitante si fa strada ulteriormente nella sua tenera piccola figa. Una frazione di secondo fa la punta del mio cazzo stava entrando a malapena in lei e all'improvviso la mia testa ha forzato la sua figa ad aprirsi. Lu urla un rumore acuto e doloroso. Lacrime che le rigano il viso. I miei ringhi lasciano il posto ai grugniti mentre spingo di nuovo i fianchi in avanti. Spingo più in profondità mentre la sua figa si sforza di allungarsi e adattarsi alla mia lunghezza e spessore. Lu si allunga spingendo contro la mia pancia per volermi fuori da lei e io ho obbedito fino a quando non sono quasi fuori. Lu cerca di spingermi fino in fondo mentre le afferro le mani bloccandole al suo fianco. Con una risata mi spinsi dentro di lei. Più duro e profondo questa volta guidando tutti i nove pollici dentro di lei. Lu urla di nuovo mentre il mio cazzo colpisce posti mai toccati. Tengo giù le sue mani in modo che non possa impedirmi di impalarla. Ogni spinta allungava il suo stretto tunnel sempre più in profondità. Ogni spinta portava un altro grido e altre lacrime. Ringhiai nel suo orecchio. Tutto quello che può fare è piagnucolare mentre i suoi polmoni bruciano. La faccia di Lu diventa rossa quando pensa a come si sente il mio cazzo dentro di lei. Le sue mani trovano il mio culo e lei mi stringe le guance mentre il mio cazzo scivola dentro e fuori dalla sua figa.

Ho i suoi seni tra le mani, pizzico, tiro, accarezzo e massaggio i morbidi tumuli caldi e malleabili. Come palloncini pieni di miele. Pieno e caldissimo. Si contorce e si contrae mentre il suo caldo santuario interno di metallo fuso viene rapito, la sua figa che si stringe sul mio albero come una morsa, così stretto che il mio cazzo è in paradiso. Spingendomi forte e più a fondo nella sua figa calda e stretta, mi allontano un po', poi mi spingo indietro in "Ngraah!" Lei sussulta. Le sue dita sono tra le sue gambe, le strofinano il clitoride, cercando più eccitazione, più umidità per alleviare il mostro sulla sua strada. Trovo il suo lobo dell'orecchio, lo mordo. Reagisce, ansimando e offrendo di più. Ritiro il mio cazzo quasi del tutto, poi mordo di nuovo. Lei ansima, la sua schiena si inarca mentre io sbatto di nuovo dentro di lei. Si alza verso di me mentre la testa del mio cazzo le colpisce la cervice. Le mie mani sono sui suoi seni, mentre le sue mani afferrano il lenzuolo in pugni stretti, respingendo il mio assalto. Con le sue labbra tese strettamente intorno alla base del mio cazzo, sento la parete posteriore della sua cavità vaginale intorno al mio brutale inserimento. L'immenso senso di pienezza crea una stimolazione pesante che fa vibrare il piacere in tutto il nostro corpo. Si alza lentamente mentre spingo con forza e inesorabilmente la mia asta verso la parete posteriore del suo vasetto di miele. La mia verga mostruosa sta toccando le zone erogene nel profondo della sua vagina cremosa. Sotto di noi le mie palle pelose grondano del suo sperma lattiginoso. La lubrificazione ci aiuta a costruire un ritmo che aumenta solo i piaceri erotici. Ogni spinta verso il basso consecutiva che faccio le polverizza la figa, allentando il suo passaggio estremamente stretto in un pasticcio fradicio

Mi fermo. Sono radicato in lei fino in fondo. C'è così tanto da fare dentro di lei, che devo restare ancora ad assaporarlo. Lo stretto tunnel di questa adorabile piccola asiatica è in costante spasmo attorno a questo invasore ostile. Ci sono increspature e umidità e diffusione di calore intorno al mio albero palpitante. Il suo respiro è diventato ansimante. Le sue dita stringono il lenzuolo con i pugni serrati. La sua testa sta rotolando da un lato all'altro sul cuscino. La faccio alzare dal cuscino, allontanandomi lentamente da lei. Le lunghe trecce lucenti dei suoi capelli neri escono dalla coperta del letto come alghe che vengono sollevate dal mare. Il suo collo si inarca, prima quando il mio cazzo è quasi fuori – poi si ferma, come fa lei, e aspettiamo, poi la sua testa cade all'indietro mentre il mio cazzo si spinge a casa e la riempie di nuovo fino in fondo. "Ngeee!" lei guaisce. Poi 'Ngraaaah!' lei geme. "Ngraaah!" – "Sì!" "Ngaaah!" In - "Sì!" Basta con questo gioco! È ora di scopare seriamente.

Il suo corpo trema e ha le convulsioni. I gemiti e i gemiti di lei assumono una vita propria. "Ngraah!" – poi, "Aaah!" – e, "Aaah!" di nuovo – poi, "Ngraah!" – e, "Aaah!" – e, "Ngraah!" di nuovo – poi "Ngraah!" ancora. Il suo viso è contorto in un'espressione di dolore. Adoro quando li ho così. Quando tutto ciò che vogliono è che io continui l'impalamento, in modo che possano continuare, con intermezzi occasionali, per dieci secondi. Quando raggiungono l'orgasmo e si ammorbidiscono, poi rabbrividiscono, poi raggiungono, poi vanno avanti, di nuovo, finché non vengono colpiti dal prossimo. Cinque, poi sei. Mi piace vederli andare oltre il limite. Mi controllo, lei non può, e non lo fa, "Ngraaaagh!" Ansima, tremando per la sesta volta, gli occhi che roteano nella testa. Guardo il suo viso nello specchio dall'altra parte della stanza. Contorto dal dolore mentre il mio cazzo scivola dentro e fuori dal suo corpo elegante, dolce e scivoloso, ricoperto di sudore. Poi la calma lampo della beatitudine mentre lei raggiunge di nuovo l'orgasmo. Non mi sono fermato mentre lei cerca di recuperare il ritardo, riprendendo il ritmo. "Ngraah! – Aaah! – Aaah! – Eeeh! – Eeeh! – Eeeh! – Oooh!"

Si sta avvicinando alla sua prossima vetta infuocata. Lo sento nel modo in cui le sue cosce si induriscono, allargandosi. Come se stesse per saltare. "Mheeeeewh," urla, questa volta rallento, per lasciarmi mungere completamente. "Mheeeeewh," urla di nuovo, tutta dolce e acquiescente tra le mie braccia. Una volta che è stata munta e spremuta di nuovo, la faccio rotolare e le riordino le gambe. Quindi falla rotolare di nuovo e posiziona la cosa dolce a cavalcioni di me. Lei sopra, io sotto, il mio mostro sepolto nel profondo. È coperta di sudore. Brilla come una roccia liscia sotto una cascata. I suoi occhi sono piscine morbide. "Meeeoow," ansima, le labbra divaricate, gli occhi semplici fessure lascive. Le sue mani sono piatte sul mio stomaco, il mio pene, rampante dentro di lei. Comincia a cavalcarlo verso il suo prossimo grande orgasmo della notte. Insaziabile piccola puttana che è, penso tra me e me, mentre la guardo!

Non c'è niente che devo fare ora. Resta duro come me e dove sono, perché lei farà il resto. Guardo i suoi occhi, ora chiusi, e la sua schiena che si inarca, i suoi fianchi che si muovono con forza su e giù, puntando il suo clitoride al mio pube. Quindi più veloce. Raggiungo i suoi piccoli fianchi rotondi, prendendoli a coppa – non per accelerare o rallentare, ma semplicemente perché mi piace sentire i suoi muscoli lavorare. Senza fiato, "Ngraah! – Aaah! – Ngraah! – Aaah! – Aaah! – Aaah! – Ngraah!" Alla fine, questa volta, devo unirmi a lei. La sua espressione facciale è di soddisfazione, energia e cupa lussuria sfrenata, che soccombo a me stessa. Mi scarico nel profondo di lei. "Ngeeeaagh," ansima in un grido ansimante forte e acuto, il che rende il mio gemito debole in confronto. Poi le sue palpebre si sollevano, una frazione, e attraverso di esse vede la mia espressione, pace e soddisfazione mentre si accartoccia su di me. Rimaniamo così – lei è distesa sopra di me, io sono ancora sepolto nel profondo, a riprendere fiato. Poi le sue braccia si avvicinano lentamente alla mia testa e la tengono stretta. Mi tiro fuori da lei, ancora duro e luccicante con la sua umidità tinta di sangue che ricopre il mio cazzo. Lu si stese sul letto profondamente imbarazzata e vergognosa.

Sono tornato un paio di minuti dopo, dico a Lu di muoversi sulle sue mani e sulle sue ginocchia e di aprire le sue gambe per me. Arrossendo, lasciò che le gambe si aprissero di nuovo rendendosi conto che erano state serrate. La spingo giù come volevo. Il suo culo per aria, nonostante la sua volontà, la faceva sentire esposta e vulnerabile. Paura e confusione si contorcevano nel suo cervello mentre mi posizionavo tra le sue gambe. È eccitata in modo proibito. Il mio cazzo duro è annidato tra le sue chiappe e si spinge contro il suo piccolo buco del culo vergine. Sembra scivoloso, appiccicoso e incredibilmente enorme. L'incalzante minaccia del dolore, è come le possenti radici di una quercia che raggiungono le profondità della terra. Improvvisamente in un'esplosione di dolore ed estasi, sente il suo corpo aprirsi a me, mentre il mio grosso cazzo è in profondità dentro di lei. Crolla sul tappeto, le braccia che cedono sotto di lei. Con la forza della mia spinta, il mio peso la segue, ma lei non lo sente. Il mondo è diventato nero, è svenuta per l'immenso dolore del mio cazzo che si fa strada nel suo piccolo buco del culo stretto.

Lu si svegliò, pochi istanti dopo, con il culo che pulsava, inviando un dolore bruciante e bianco in tutti i sensi con il viso bagnato e le lacrime che le offuscavano la vista. Le accarezzo i capelli, il dolore persistente si diffonde come fuoco dal suo buco allungato. Non ho aspettato molto, con il suo pianto comincio a spingere dentro e fuori dal suo buco del culo allungato e lacerato. Mi fermo qualche minuto dopo, per spalmare altro lubrificante sul mio cazzo, senza mai tirarlo fuori completamente. Poi riprendendo le mie spinte lunghe e lente nel suo buchetto. Il suo culo lacerato in fiamme, sopportando brevi colpi, la scopo, forte e veloce. Lu ora faceva male, in entrambi i buchi, sentendosi violata, usata e stranamente desiderata. Nel suo dolore misto a piacere non sapeva se voleva che la smettessi o la scopassi più forte. Ho deciso per lei, sono venuto, sparando il mio sperma caldo dentro di lei. Rimasi lì per un momento sopra di lei, il mio cazzo che si ammorbidiva dentro di lei, ansimando e sudando, cercando di riprendere fiato prima di allontanarsi finalmente da lei. Si arrampica per trovare i suoi vestiti e coprirsi con la piccola protezione che i suoi vestiti potrebbero offrirle. Quando si è vestita ho chiamato la mia guardia del corpo per accompagnare Lu nella sua stanza.

Storie simili

I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

IL SEDICESIMO GIORNO I nostri eroi si alzarono vivi e freschi come appena arrivati ​​dalla confessione; ma a ben guardare si sarebbe potuto notare che il Duc cominciava a stancarsi un po'. La colpa di questo avrebbe potuto essere attribuita a Duclos; non c'è dubbio che la ragazza avesse completamente padroneggiato l'arte di procurargli delizia e che, secondo le sue stesse parole, i suoi scarichi erano lubrificanti con nessun altro, il che confermerebbe l'idea che queste cose dipendono esclusivamente dal capriccio, dall'idiosincrasia , e che l'età, l'aspetto, la virtù e tutto il resto non hanno nulla a che fare con il...

0 I più visti

Likes 0

Il mio sexy compagno di ufficio - III

Non potevo togliere Vathsala dalla mia mente. Non era una reginetta di bellezza come ho detto prima, ma era decisamente attraente e sexy. Ora che ho avuto due incontri con lei, tutti molto erotici e sensuali, ha occupato totalmente il mio mondo. E mi doveva per quello che aveva l'ultima volta quando ero bloccato sotto il suo tavolo e non l'ho dimenticato. Vathsala mi ha evitato per i giorni successivi a quell'incidente, e io ero piuttosto arrabbiato per l'intera faccenda. 'Cosa le ho fatto di male?' Mi sono sempre chiesto. Ma non fino a quando non ho colto per caso quel...

78 I più visti

Likes 0

La mia insegnante sexy_(0)

La campana ha suonato. Il nome del mio insegnante era Ella maya. Era così calda. Aveva un seno enorme che spuntava fuori, Mi è piaciuto quando si è chinata. Potresti vedere il suo culo. Lewis, per favore resta indietro, il resto di voi può andare! Tutti si precipitarono fuori. non ho fatto niente di male? Vuoi un aiuto in più? Possiamo andare a casa mia adesso, se vuoi? Telefonerò ai tuoi genitori? Whoa. S-sì per favore ho detto. Lei sorrise. Poi ha telefonato ai miei genitori e siamo andati a casa sua. *l'aiuto è terminato.* Posso usare il bagno? Ho chiesto...

69 I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

67 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

103 I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

79 I più visti

Likes 0

La grande guerra 3033 parte 2

Quando Jack aveva appena finito sul poligono di tiro quando Jack, come fai a sparare con quell'arma, tutti quelli che hanno sparato sono stati bruciati dall'interno con etere o sono stati semplicemente uccisi nel modo giusto. Jack ora notò che era stato scoperto e disse semplicemente Ho preso le armi e ho iniziato a sparare. Perché c'è qualcosa che non va. chiese jack. John ora era al telefono con il presidente dicendo che avevano trovato una delle due Umbra e che lui non sa cosa sia. OK, grazie per il lavoro, chiedigli se voleva essere allenato e se lo manda al...

66 I più visti

Likes 0

Foxy Knoxy -3 Inizia il calvario di Meredith

Prima: Foxy Knoxy Prima: Foxy Knoxy II (Foxy Knoxy – Studenti stranieri Amanda e Meredith litigano nel loro appartamento in una piccola città italiana. Amanda va al bar dove va nella stanza sul retro per intrattenere tre uomini un po' rudi. Finito con gli uomini che Amanda aspetta al bar per il suo ragazzo. Meredith esce per scopare e trova Rudy, un immigrato dall'Africa scontento di Meredith) Ora è più così. Meredith poteva sentire il grosso rigonfiamento nei pantaloni di Rudy con il piede. Rudy sorrise e smise di parlare mentre Meredith muoveva il piede contro il suo cazzo gonfio. Rudy...

53 I più visti

Likes 0

Cavalla montata

JoJo è una bellissima donna musulmana di 36 anni, separata dal marito da un anno. È amica di un socio in affari del Medio Oriente. Mi ha invitato a venire a casa sua. È arrivata a casa nello stesso momento in cui sono arrivato io, ci siamo salutati, con ciò si gira velocemente sui tacchi, e se ne va verso la porta sul retro della casa. Guardo il suo culo in quei jeans attillati. Ho dovuto raggiungere e regolare il mio cazzo nei pantaloni. Sono a disagio con il mio cazzo duro nel suo allineamento attuale. Gemetti tra me e me...

44 I più visti

Likes 0

Come rompere il tuo moccioso Cap. 1

La relazione di Tyrone ed Emma è iniziata online. Si sono incontrati su un sito di avatar ed erano entrambi molto interessati alle idee stravaganti. Una relazione è andata subito d'accordo, ma non è mai stata stabile. Poche settimane dopo l'inizio della relazione, Emma è scappata. Come mai? Era perché Tyrone era troppo dispotico? Era perché non era abbastanza bravo? Sembrava pensarlo per mesi. Fino a quando non si sono incontrati di nuovo online e hanno ripreso una relazione. Ma, come raffigurato dall'orologio, è scappata ancora una volta. Tyrone era sconvolto e triste perché è scappata di nuovo. Si incolpò ulteriormente...

47 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.