Ginocchia sbucciate

429Report
Ginocchia sbucciate

Era domenica, un giorno intero di riposo dal lavoro. Ciò significava che avevo l'intera giornata da dedicare all'altro mio lavoro, quello su cui avrei dovuto concentrarmi anni fa. Avevo programmato di fare un lavoro serio sulla mia tesi. Dal lato sbagliato del mio trentacinquesimo compleanno, io, Joseph Middleton, ero un ragazzo del college.

Ero uno studente medio al liceo. I miei voti non erano abbastanza buoni per entrare in un college decente, cosa che non mi importava in quel momento. Semplicemente non mi importava molto se non uscire con i miei amici e cercare di scopare. Il problema era che non avevo competenze commerciabili. Nessuno avrebbe assunto uno stupido ragazzo pigro per fare molto di più che, beh, girare hamburger, che era quello che stavo già facendo. Non quello che volevo.

Quindi, mi sono arruolato nell'esercito. È stato molto più difficile di quanto mi aspettassi all'inizio, ma sono maturato quasi dall'oggi al domani. In parte era l'istinto di sopravvivenza di base, ma in qualche modo, all'improvviso volevo essere BRAVO in qualcosa. Si è scoperto che ero bravo con un fucile. Molto buona.

Onestamente, sono abbastanza sano psicologicamente da dire che c'era una certa soddisfazione nell'essere un cecchino. Ho fatto bene il mio lavoro. Molti soldati americani hanno dovuto combattere un altro giorno grazie a me. Un certo numero di soldati nemici non lo fece. Questa era la semplice necessità della guerra. Una parte di me voleva fare carriera nell'esercito, ma l'altra parte di me voleva tornare a casa e farmi strada nel mondo civile.

Il fascino della vita civile ha vinto. Ho ottenuto il mio congedo con onore e sono tornato a casa. Forte, orgoglioso, sicuro di sé, intelligente e duro, ho avuto un pugno di medaglie. Sfortunatamente, non ci sono molti lavori civili per ragazzi che possono sparare con una pistola, ma che non vogliono essere cecchini della polizia. Non c'era modo di tornare a due polpette di manzo e salsa speciale, quindi ho finito per trovare un lavoro come operaio edile.

È stato un lavoro duro per alcuni dei ragazzi della nostra squadra. Ho subito capito quale dei ragazzi aveva bisogno di allenamento e condizionamento, quali ragazzi non erano motivati ​​e chi doveva essere licenziato. Non ero esplicito al riguardo, ma tutti nella troupe sapevano che avevo il loro numero. Mi piaceva il lavoro e, a quanto pare, piacevo al capo. Nuovi corsi di formazione e promozioni sono arrivati ​​facilmente.

Tuttavia, pensavo di volere di più dalla vita. Potrei continuare come ero, e forse, un giorno, avere una mia piccola impresa edile. Ma ho cominciato a pensare a quanto freddo facesse lavorare fuori in inverno, e quanto soffocante potesse essere caldo in un cantiere in estate. Gli stivali fangosi stavano perdendo il loro fascino. Così erano le notti seduti a casa da soli, troppo stanchi per uscire e divertirsi.

Una pubblicità televisiva per corsi part-time e online presso la vicina università ha attirato la mia attenzione. Ho chiamato e ho scoperto che potevo fare l'auditing di un corso solo per un paio di dollari, quindi il giorno successivo, miseramente piovoso, sono andato al campus. Un ragazzo nerd lavorava come receptionist nell'ufficio principale. Tirò fuori il modulo che avevo compilato online e poi fece una telefonata.

Portando la mano sul ricevitore, mi disse: "Posso mandarti a un corso di inglese da matricola oa un corso di biologia da matricola".

“So leggere e scrivere, ma odio sezionare le rane. Penso che andrò con la classe di inglese,” dissi.

E 'stato dieci anni fa. Ora sto lavorando alla tesi di laurea. Non insegnerò al liceo. Voglio insegnare nella stessa università che mi ha rubato il sonno per tutto questo tempo. Avrei potuto prendere la via più facile. Il GI Bill mi avrebbe permesso di andare a scuola a tempo pieno e di accettare un lavoro part-time solo per spendere soldi. Girando gli hamburger.

Ho soggiornato con l'impresa edile. Sei anni nell'esercito e tutti quegli anni sui cantieri mi hanno tenuto giovane. Sono sano e grosso. Sembra di vivere in palestra, ma non ho tempo. Quando non sono al lavoro, mi spacco il culo con la scuola. È pagato. Mi è già stato promesso che l'università mi assumerà non appena avrò completato la mia laurea.

Il mio appartamento è al secondo piano di una vecchia casa. I gradini del mio balcone conducono al parcheggio nel vicolo dove i ragazzi del quartiere vanno in skateboard. Questi ragazzi non sono atleti seri come i fantini da tavola che vedi in TV. Si stanno divertendo, però, e stanno fuori dai guai. Sanno che so che sono lì, e sanno anche che non chiamerò il padrone di casa per farli rimuovere, a patto che stiano lontano dalla mia macchina, tengano basso il rumore e raccolgano la spazzatura quando se ne vanno. Anch'io ero un bambino una volta.

A quelli di voi che non l'hanno fatto, vi dico, non pensate che gli accademici non siano "lavoro". Loro sono. Non il lavoro fisico a cui mi sono abituato da civile, e non il lavoro di soldato combattente, ma comunque il lavoro.

Per questo lavoro, avevo bisogno di una relativa calma per potermi concentrare. Era una bella giornata di primavera, quindi le mie finestre erano aperte. I rumori dei camion che rimbombavano lungo la mia strada stretta e mal asfaltata erano più forti del solito, ma avevo la mia fidata radio per la musica. Non ci è voluto molto perché le chiacchiere, le risate e le urla occasionali dei ragazzini skater nel vicolo sottostante si mescolassero bene con il resto del rumore di fondo. Ho cominciato a lavorare.

Ci fu un piccolo tonfo fuori. Poi ho sentito piangere. La maggior parte dei bambini che giocavano nel vicolo erano giovani adolescenti. Quando cadevano, ridevano, o se si facevano davvero del male, cercavano di comportarsi da maschilismo e di pronunciare una ridicola combinazione di volgarità che avevano raccolto alle medie. Di tanto in tanto, qualche ragazza di dodici anni aspirante puzzolente usciva, ma erano anche troppo dure per piangere in pubblico, e inoltre, spesso si sedevano sui gradini e cercavano di farsi notare dai ragazzi più grandi. Quel pianto suonava come un bambino più piccolo. Il ragazzo era piuttosto rumoroso e il lamento non si è fermato.

"G. Io. Joe! GI Joe! Un ragazzino di circa quattordici anni che si faceva chiamare "Slash" è venuto su per i miei gradini e ha bussato alla mia porta a zanzariera. I pattinatori mi chiamavano “G. I. Joe” a causa della targa Veterans of Foreign Wars sulla mia macchina. Di tanto in tanto uno di loro mi faceva una domanda sul mio servizio militare, ma eravamo poco più che conoscenti annui. Nessuno di loro era mai venuto di sopra alla mia porta.

«Sean è ferito. Non sappiamo cosa fare,” urlò Slash attraverso la porta. "G. Io. Joe?"

Accidenti. Stavo appena iniziando la conclusione del mio articolo. Avevo avuto una grande idea e potevo sentirla scivolare via.

"G. Io. Joe? Sei lì dentro, amico?"

"In arrivo!"

Mi sono alzato e sono andato alla porta.

«Sean è ferito. Puoi aiutarlo? Dovremmo chiamare un'ambulanza o qualcosa del genere?"

Un ragazzino, forse sette o otto anni, era seduto sul mio gradino più in basso, strillando gli occhi.

"Cos'è successo, Slash?" chiesi all'adolescente mentre lo seguivo giù per i gradini. "Chi è lui?"

«Si chiama Sean. Vive in Poplar Street, di fronte alla casa di Dogbreath. Dogbreath era un ragazzo grassoccio e trasandato, parte dell'equipaggio che pattinava nel mio vicolo. “Ha cercato di saltare la sua tavola sul marciapiede. Gli abbiamo detto che non poteva farlo, ma non avrebbe ascoltato".

A questo punto, ero in ginocchio accanto al ragazzo. Con la voce più confortante che riuscii a gestire, dissi: “Sean, mi chiamo Joe. Abito al piano di sopra. Dimmi cosa fa male, figliolo.

"Le mie ginocchia", si lamentò Sean.

Potevo vedere alcune bruciature di spazzola attraverso il tessuto strappato dei suoi pantaloni. “Ok, Sean, ho bisogno che ti calmi e mi ascolti. Puoi farlo?”

“Sì,” piagnucolò.

"Qualcos'altro fa male oltre alle ginocchia?"

"Le mie mani." C'era qualche eruzione cutanea sui palmi delle sue mani. Sarebbero stati doloranti per un po', ma non c'erano sanguinamenti o gonfiori.

"Hai battuto la testa?"

"No. La mamma mi fa indossare il mio casco".

“Come sei caduto? Come sei atterrato?"

Sean singhiozzò, ma cercò di ricomporsi. “Volevo saltare sul tuo gradino come fanno i bambini grandi. Non sono saltato abbastanza in alto. La mia tavola ha colpito il gradino e sono caduto".

"Sei volato via dalla tavola e sei atterrato su mani e ginocchia?"

"Credo."

"Il piccoletto ce l'ha quasi fatta", ha detto Dogbreath. “Le sue ruote hanno colpito il bordo del gradino. Il consiglio si fermò, ma lui no. Non ha affrontato la pianta. Atterrò in ginocchio e scivolò un po', ma tese le mani. Non credo che abbia colpito nient'altro".

"Voglio andare a casa", disse Sean, cercando di soffocare un singhiozzo.

"Puoi alzarti? Ti accompagno a casa,” dissi.

"OK."

Sono andato di sopra e ho chiuso a chiave la porta, e poi ho portato Sean a casa sua. Il ragazzo era un soldato. Prese il suo skateboard e iniziò a camminare, ma potevo dire che gli faceva davvero male. Poplar Street era dall'altra parte del mio vicolo, e quando siamo arrivati ​​lì, ho deciso che sarebbe stato più facile e veloce per lui se l'avessi portato.

Con Sean su un fianco e la sua tavola e il suo casco nell'altra mano, ci siamo diretti verso casa sua. Sean, che era stato calmo per tutto il tempo in cui l'ho portato in braccio, ha iniziato a piangere di nuovo mentre lo posavo. Corse in casa urlando: "Mamma!"

Poco dopo, ero tornato a casa, cercando di mettere insieme l'idea assassina che temevo di aver perso per il mio giornale. Bussarono di nuovo alla mia porta a zanzariera. Merda. E adesso? Tutto quello che volevo era lavorare in pace.

Mi sono alzato e sono andato alla mia porta.

Era stagliata dal sole pomeridiano alle sue spalle. Non sapevo chi fosse. "Sì?"

"Sei G.I. Joe?"

«Joseph Middleton, signora. Posso aiutarla?"

"Sono la madre di Sean, Mandy Rogers."

"Oh mi dispiace. Entra, signora Rogers. Come sta Sean?

«Sono la signorina Rogers, Mandy, per favore. Sean sta bene. L'ho portato a casa di mia madre a guardare la TV in modo da poter venire qui e ringraziarti”, ha detto, entrando dalla porta.

Questa donna era sbalorditiva. Lussuosi capelli castano scuro ondulati incorniciavano il viso di una ragazza da copertina con enormi occhi azzurri, un naso perfetto e labbra leggermente imbronciate. Sembrava non truccata, ed era vestita con jeans e una maglietta larga -- abiti da casa anonimi. Sembrava una modella.

«Per favore, siediti» dissi. "Vuoi del tè freddo?"

"Grazie, sarebbe carino."

Sono andato nella mia piccola cucina e ho versato due bicchieri. Quando sono tornato in soggiorno, Mandy stava guardando la bandiera del mio battaglione, le foto di servizio e gli elogi sul muro. "Ora so perché i ragazzi ti chiamano G. I. Joe", ha detto.

“Un giorno ho sentito alcuni di loro parlare nel vicolo di quanto sarebbe bello essere un cecchino che uccide le persone, come in alcuni videogiochi. Sembravano che pensassero che sarebbe stato divertente. Sono sceso al piano di sotto e li ho sistemati. Nel combattimento reale, non puoi 'rigenerare'".

"Per quanto tempo sei stato in servizio?"

"Sei anni. Ho pensato di farne una carriera, ma ho iniziato a chiedermi quante altre volte sarei riuscita a farla franca con l'essere il "tiratore" invece che il "tiratore". Era ora di tornare a casa», dissi.

"Cosa fai adesso?" chiese, sorseggiando il suo tè.

“Lavoro nell'edilizia e vado al college part-time. Stavo facendo i compiti quando ho sentito Sean piangere nel vicolo".

"Sai cos'è successo? Uno dei ragazzi più grandi lo ha spinto?»

"No. Sono bambini abbastanza decenti. Sembrava che stessero cercando di prendersi cura di lui. Uno di loro ha detto che suo figlio ha provato una mossa che gli avevano detto che non poteva fare, ma ci ha provato comunque. È caduto dalla tavola e si è strappato le ginocchia. Sta bene?"

“Starà bene. È stato davvero bravo a lasciarmi pulire. Ha detto che GI Joe gli ha detto di essere duro.

Risi. “Gli ho detto che doveva lasciare che la mamma si prendesse cura delle sue ferite. È un ragazzino tosto, però. Ha pianto quando si è fatto male per la prima volta, ma si è calmato e voleva tornare a casa a piedi".

"Ha detto che l'hai portato tu."

«Solo l'ultimo piccolo modo. Potrei dire che le sue ginocchia gli facevano davvero male. Stava piangendo abbastanza forte subito dopo essere caduto, ma si è fermato mentre gli parlavo".

Mandy ha detto: “Ha pianto quando è entrato in casa, ma i ragazzini lo fanno quando sono feriti. Ho pulito le sue bruciature da spazzola e gli ho fasciato le ginocchia. Ha detto che vuole che vada al negozio a comprare le bende di GI Joe. Penso che gli piaci davvero.”

Ho riso, e lei ha sorriso con me.

“E tu, Mandy? Cosa fai?" Ho chiesto.

“Sono un paralegale. Lavoro per uno studio legale d'affari in città".

«Ti chiamavi Miss Rogers. Posso chiederti dov'è il padre di Sean?"

“Ah! Puoi chiedere. Lo faccio sempre. Non l'ho visto da quando gli ho detto che ero incinta di Sean. Sono passati otto anni. Quindi, sono una mamma single. Lavoro da casa il più possibile e mia madre aiuta a fare da babysitter, ma è difficile essere sia mamma che papà. Oggi, Sean voleva andare sul suo skateboard e sapevo che sarebbe stato con Melvin e Fred".

"Melvin e Fred?"

“Gli altri ragazzi li chiamano Slash e Dogbreath,” ridacchiò. “Penso che siano a quell'età in cui i ragazzi cercano di essere radicali e duri. Sono bravi ragazzi, davvero, e trattano Sean come un fratellino, quindi ho pensato che sarebbe stato d'accordo con loro. Ad ogni modo, per una volta era tranquillo a casa, quindi ho deciso di fare un bel bagno a lungo in un bagnoschiuma. Immagino che questo faccia di me una pessima madre".

"No, fa di te una madre che sa che a volte ha bisogno di prendersi qualche minuto per se stessa", dissi.

"E tu?" chiese Mandy. "Qualsiasi bambino?"

"No, non ho avuto tempo."

«Ascolta la voce dell'esperienza, Joe. Non ci vuole molto per fare un bambino,” rise. “Con il padre di Sean, ci sono voluti circa tre minuti da quando eravamo completamente vestiti fino a quando ero incinta. Non mi ha mai più chiamato dopo aver ottenuto ciò che voleva".

"Mi piacerebbe pensare che mi ci vorrebbe molto più tempo di tre minuti per fare un bambino!" Risi. «Inoltre, ci vogliono almeno diciotto anni per trasformare quel bambino in un adulto. Non sono il tipo di uomo che prende queste cose alla leggera".

Sorseggiammo il nostro tè in un silenzio leggermente imbarazzato per un minuto.

"Vivi qui da solo?" alla fine ha chiesto.

“Solo io, i miei libri, il mio computer e i miei stivali da lavoro. Quando finisco la tesi, ho un lavoro in attesa all'università. Quegli stivali verranno seppelliti in una cerimonia molto solenne. Se non dovrò mai più guardare un elmetto o una pistola sparachiodi, per me andrà benissimo.

“Dimmi, cosa fai per cena? Sento che dovrei fare qualcosa per te per ripagarti", ha detto Mandy.

«Non è necessario che tu lo faccia», dissi.

"Sì, certamente. Inoltre, so che Sean sarebbe entusiasta se venissi a cena stasera.

«Bene, allora va bene. A che ora devo passare?"

"Le sei vanno bene?"

Pochi minuti prima delle sei di sera, stavo suonando al campanello di Mandy. Sean ha risposto alla porta. "Ciao, GI Joe!"

"Come sono le ginocchia, ragazzone?" chiesi, accovacciandomi per essere al suo livello.

"Un po 'meglio. Voglio vedere?" Corse verso il divano e si sedette, tenendo le ginocchia su. "La mamma dice che devo tenere le bende, quindi non posso davvero mostrartelo, ma ha detto che staranno bene."

Mandy aveva svolto un lavoro magistrale con le medicazioni. Aveva persino disegnato una piccola stella dell'esercito al centro di ogni garza.

«La mamma dice che domani mi porterà le bende G. I. Joe. Diventerò un uomo dell'esercito da grande".

"Dov'è la mamma, comunque?" Ho chiesto.

“Sul retro. Andiamo, forza!"

Sean mi condusse attraverso la casa fino al terrazzo fuori dalla cucina, e poi trotterellò via per giocare sull'altalena che pendeva da un albero in fondo al cortile.

Mandy stava cucinando hamburger sulla griglia. "Ciao, Joe!" Lo disse con un sorriso.

I suoi capelli erano raccolti in una coda di cavallo che sporgeva attraverso l'apertura sul retro di un berretto da baseball. I jeans e la t-shirt ampia che indossava in precedenza erano stati sostituiti da pantaloncini da campo e un top classico con scollo all'americana. In realtà era vestita in modo piuttosto modesto, considerando il caldo della serata, ma ho avuto un migliore apprezzamento del suo corpo. Potrei avere molte fantasie su questa donna.

"Spero che gli hamburger alla griglia siano ok", ha detto. "Sono i preferiti di Sean."

"Anche il mio, ora, ma ho attraversato una fase in cui non potevo mangiare carne macinata", ho riso.

"Come mai?"

“Quando ero al liceo, giravo gli hamburger per vivere. Sono arrivato al punto che non ho potuto mangiare fast food per anni. La cucina dell'esercito aveva un sapore migliore. Anche adesso, odio i clown dai capelli rossi.

Mandy rise. “Non sopporto ancora le ragazze con le trecce rosse. Il mio manager in realtà ha inviato un suggerimento alla società affinché tutti noi dovremmo indossare parrucche per assomigliare alla ragazza sull'insegna".

“Oh, un odiato rivale nelle guerre degli hamburger! È sicuro per me mangiare qui?" ho preso in giro.

“Prometto che i miei hamburger sono migliori di qualsiasi cosa ognuno di noi facesse. Ora, battere il cibo della mensa dell'esercito o "Pasti pronti da mangiare" può essere una sfida".

"Grazie per avermi invitato", ho riso.

"Sean non smetteva di parlare di quanto fosse bello che tu venissi qui stasera", disse Mandy. “Continuava a chiedermi quanti giorni mancano prima che possa arruolarsi. Non riesco proprio a fargli capire il concetto di "dimenticalo".

“L'esercito non è per tutti. È stato per me per un po', ma ora che sono fuori non mi guardo mai indietro".

"Com'era, essere in combattimento, Joe?"

“Non posso descriverlo. Non è che non ne voglia parlare. Diventerò un professionista inglese, quindi dovrei essere in grado di esprimermi, ma non ho le parole”.

"Eri spaventato?" chiese Mandy.

"No. Più come se fossi spaventato a morte, se pensassi troppo a quello che stavamo facendo.

"Come potresti funzionare?"

«Be'», dissi, «avevo un lavoro da fare. Lo abbiamo fatto tutti. Dipendevamo l'uno dall'altro. Sapevo di essere bravo nel mio lavoro e mi fidavo che i miei ragazzi fossero bravi nel loro. Se lasci che la paura ti entri in testa sul campo, sei un uomo morto".

"Non riesco a vedere come potresti farlo", ha detto Mandy.

"Non riesco a vedere come puoi lavorare a tempo pieno ed essere ancora la mamma di quel tuo ragazzo", ho risposto.

“Fai quello che devi fare,” ridacchiò. "Credo di aver capito, quando la metti in questo modo." Ha iniziato a togliere gli hamburger dalla griglia. “Sean,” chiamò. "È ora di lavarsi le mani per cena."

“Va bene, mamma. Anche G. I. Joe dovrebbe lavare il suo? chiese Sean, correndo verso il ponte.

"Vuoi lavarti?" Me lo ha chiesto Mandy.

«Andrò ad aiutare Sean» dissi.

"Prima porta a destra", ha chiamato mentre seguivo il ragazzo in casa.

Dopo aver mangiato, Mandy e io ci siamo seduti sul ponte, a guardare Sean giocare nel cortile sul retro.

"Cosa fai per divertirti?" Ho chiesto.

Rimase in silenzio per un momento. Poi mi rivolse un sorriso mesto. "Conta che amo il mio lavoro?"

“È fantastico, ma non è quello che intendevo. Quali sono gli altri tuoi interessi?"

"Essere la migliore madre che posso essere per Sean."

“Spero che sia divertente per te, anche se è anche lavoro. Fai mai qualcosa solo per te? Solo perché lo vuoi?"

"Uhm, bagni di schiuma?" chiese Mandy, imbarazzata.

Potevo sentire le prime fitte di gonfiore nel mio cazzo. Stare con questa donna in un bagno di schiuma potrebbe essere un'esperienza molto interessante. "Intendevo dire, sei libero il prossimo fine settimana e, in tal caso, cosa ti piacerebbe fare?"

"Mi stai chiedendo di uscire?" lei ridacchiò.

"Imbarazzante, immagino, ma sì."

"Dovrò vedere se mia madre può fare da babysitter."

“A seconda di cosa decidiamo di fare, potremmo rendere Sean una parte di esso. Gli piacciono le montagne russe?" Ho chiesto.

Quando sono tornato a casa quella sera, ho provato a lavorare di nuovo alla mia tesi. Ho scritto quattro pagine e cancellato tutte le frasi tranne una. Mandy continuava a saltarmi in testa.

Sabato, i ragazzi più grandi stavano giocando con le loro assi nel vicolo quando sono tornato a casa dal lavoro.

"Com'era l'appuntamento, GI Joe?" Slash mi ha chiamato.

"Data?" Ho chiesto.

"Sì", disse Dogbreath. «Ti ho visto a casa dei Rogers di fronte a me. Quella ragazza è una milf volpe di pietra!”

"Sì, ne hai preso qualcuno?" chiese Slash.

Mi sono avvicinato ai due ragazzi. Potevo vedere nei loro occhi che sapevano che non ero divertito. "Sai", dissi, "deve schifo avere genitori che chiamerebbero i loro figli Melvin e Fred". Poi sono andato di sopra e ho chiuso la porta.

La domenica mattina seguente, Mandy e suo figlio vennero a casa mia. Stavamo per trascorrere la giornata in un vicino parco divertimenti. Si era offerta di guidare, dato che Sean e il suo seggiolino di sicurezza non sarebbero entrati nel mio camion.

Sean ha bussato alla mia porta a zanzariera. "Pronto per partire, GI Joe?" gridò.

«Entrate, voi due», dissi, aprendo la porta. "Fammi prendere un po' di crema solare."

"Ne ho un po' in macchina." disse Mandy.

Era favolosa, come al solito. Indossava una t-shirt bianca aderente e pantaloncini di jeans tagliati che mostravano le sue belle gambe. I suoi grandi occhi azzurri erano nascosti dietro un paio di occhiali da sole, ei suoi capelli le ricadevano sulle spalle. Ho cercato di non fissare.

"Siediti dietro con me, G. I. Joe", disse Sean mentre si arrampicava sul sedile posteriore.

«Oh, tesoro, Joe è piuttosto grosso. Starà più a suo agio qui con me", disse Mandy, mentre lo allacciava.

Abbiamo passato un po' di tempo alle giostre dei domatori, poiché la mamma pensava che Sean fosse troppo giovane per le attrazioni più selvagge e non era abbastanza alto per alcuni degli altri. Presto Sean si annoiò. Voleva più azione.

“Mamma, voglio fare qualcosa di veloce. Qualcosa di alto.

Stavamo camminando oltre il giro del canale. Era una di quelle montagne russe d'acqua in cui le barche lunghe e strette si tuffavano da una ripida collina in una pozza, facendo un grande tuffo.

«Non lo so, tesoro», disse Mandy a suo figlio. "Non voglio andare in giro per il resto della giornata con i vestiti bagnati."

«Guarda», dissi. "Quelle persone sono appena scese dal giro e non sono poi così bagnate."

«Vieni, mamma», disse Sean, trascinandola verso l'insegna all'ingresso. "Vedi, sono abbastanza grande."

"Va bene, allora", rise Mandy. "Cerchiamo di sederci dove non ci inzupperemo."

Mentre stavamo salendo sulla barca, ho chiesto all'assistente: "Dove dovremmo sederci se non vogliamo bagnarci?"

"Più avanti sei, meglio è", ha detto l'adolescente.

Proprio mentre la corsa si stava allontanando, il ragazzo è corso verso di noi e ha detto: "Forse ho mentito".

C'erano rapide che dovevamo attraversare, cascate in alto ed elefanti animatronici che spruzzavano acqua con le loro proboscidi. Siamo stati un po' schizzati e un po' di spruzzi e nebbia ci hanno inumidito, ma siamo rimasti più o meno asciutti. Fino all'ultima collina.

"Preparati a bagnarti!" gridò l'inserviente in cima alla collina mentre la nostra barca precipitava nell'abisso.

Il primo addetto alla corsa aveva mentito. Le persone nella parte posteriore della barca sono rimaste piuttosto asciutte. Sean si chinò dietro la paratia anteriore, mentre Mandy si spingeva indietro contro di me. Avevo già sentito il suo sedere sodo contro di me alcune volte durante la corsa. Questa volta, si è stretta contro di me abbastanza forte da poter sentire il mio cazzo iniziare a crescere. I suoi splendidi capelli erano contro il mio petto e ho avvolto le mie braccia attorno al suo addome snello in modo protettivo.

L'impatto con l'acqua nella piscina ha inviato un'ondata d'acqua su Mandy e me. Grazie Dio. L'improvviso shock dell'acqua fresca calmò l'erezione che presto sarebbe stata ovvia.

Quando siamo scesi dalla barca, ho visto che Mandy era praticamente fradicia dove le mie braccia non l'avevano coperta. La sua maglietta bianca era diventata quasi trasparente. Così aveva il reggiseno apparentemente sfoderato sotto.

“'Non tutto così bagnato', eh? sono fradicio! E ho freddo!” Mandy rise.

"Mamma, posso vedere le tue tette", rise Sean.

anch'io potrei. Sembravano più grandi bagnati. Abbastanza grande da farmi divertire per ore. Con capezzoli MOLTO duri.

"Che cosa?" esclamò Mandy, guardando in basso. "Oh Dio!" sibilò. Il suo viso divenne cremisi mentre si copriva il seno con le mani. Poi mi ha guardato. "Sono così imbarazzato!"

"G. I. Joe ha visto anche le tue tette, mamma,” ridacchiò Sean.

"Sean, shhhh!" dissi, mettendomi in ginocchio per parlargli. “La mamma ha freddo. Andiamo a prenderle una maglietta nuova. C'è una bancarella proprio laggiù". Alzando lo sguardo verso Mandy, dissi: «Starà bene con me per qualche minuto. Forse potresti guardare quei fiori laggiù dove nessuno può vederti, e io guarderò Sean mentre vai a cambiarti. OK?"

“Grazie,” sussurrò, affrettandosi verso le piantagioni.

Pochi minuti dopo, una Mandy un po' più secca uscì dal bagno delle donne.

“Grazie, Joe. Questo blu scuro rimarrà bello e opaco se si bagna", ha detto.

"Oh, dannazione, non ci avevo pensato", scherzai. "Pensavo solo che corrispondesse ai tuoi occhi."

Mi guardò da vicino, un sorriso che le tirava le labbra. “Non so se mi sento commossa o lusingata,” mormorò, baciandomi dolcemente sulla guancia.

"Dovresti provare entrambi", dissi mentre si allontanava. Il leggero movimento dei suoi seni confermò ciò che pensavo di aver provato quando il suo corpo aveva toccato brevemente il mio. Il suo reggiseno era sparito.

Ha visto dov'erano i miei occhi. “Era troppo bagnato per indossarlo. Quindi è nella borsa con la mia maglietta bagnata. Sii un gentiluomo e portalo per me. Ti darò i soldi per la maglia quando torniamo a casa".

«Non preoccuparti, Mandy. Scusa se stavo fissando.

“Un po' difficile da non vedere. Sembravo una puttana sul palco durante le vacanze di primavera.

“No, sembravi una bella signora colta in una situazione imbarazzante. Ora portiamo Sean in un altro paio di giri,” dissi.

Mi strinse la mano. "Grazie."

Dopo un po' di cibo in concessione e qualche altra corsa, noi (gli adulti) abbiamo deciso che era ora di tornare a casa. Sean dormiva prima che uscissimo dal parcheggio.

"È stato molto divertente", ha detto Mandy mentre guidava. Quasi non l'ho sentita. Il modo in cui la cintura della sua macchina separava quei seni nascosti sotto la sua maglietta mi aveva perso in un sogno ad occhi aperti.

“Mi è piaciuto il nostro appuntamento. Immagino che fosse questo", dissi.

Mandy sorrise. "Non ho un appuntamento in un parco di divertimenti da quando ero un ragazzino delle superiori."

Quando siamo arrivati ​​a casa loro, Mandy ha svegliato Sean. "Vuoi entrare, Joe?"

"Sicuro."

“Sean tesoro, voglio che tu vada di sopra a farti la doccia. Puoi indossare pantaloncini e una maglietta per la sera. Ti cambio le bende quando scendi.

"Va bene, mamma." Sean salì al piano di sopra.

“È un bravo ragazzo. Stai facendo un ottimo lavoro con lui,” dissi.

"Grazie. A volte, però, non sa quando tenere la bocca chiusa".

"Cosa intendi?" Ho chiesto.

Mandy arrossì di nuovo. "Non aveva bisogno di annunciare al mondo che tutti potevano vedere il mio... il mio... beh, che tutti potevano vedermi oggi."

“Non era così rumoroso. Inoltre, aveva ragione. Li avevo già visti e mi sono goduto lo spettacolo".

“Sì, sembravi proprio così,” sorrise lei.

"Mi dispiace. Immagino che sia stato piuttosto rozzo da parte mia", dissi.

“Non scusarti. Mi è piaciuto vedere la tua reazione. Inoltre, mi è piaciuto il giro sul canale".

"Veramente?"

"Sì, alla fine, quando ho potuto sentirti contro di me."

Adesso toccava a me arrossire. «Non volevo metterti a disagio. Cerco di essere un gentiluomo. Immagino di aver appena reagito alla situazione".

"Cerchi sempre di essere un gentiluomo?" chiese, muovendosi per stare vicino a me. I suoi grandi occhi blu brillavano su di me.

"Non sempre."

Mi mise le braccia sulle spalle e si strinse forte contro di me. È stato il nostro primo bacio. Potevo sentire i suoi seni liberi contro il mio petto, e sono sicuro che poteva sentire la mia virilità allungarsi e riempirsi mentre le nostre lingue si incontravano brevemente.

"Fammi fare una telefonata", sussurrò mentre si allontanava. Potevo vedere il modo in cui i suoi capezzoli deformavano il tessuto della sua maglietta.

In pochi minuti era tornata. «Mia madre viene a prendere Sean per la notte. Questo ci darà l'opportunità di passare un po' di tempo insieme,” disse, stringendosi contro di me per un altro bacio interessante.

Mi preoccupavo un po', ma la mia erezione era svanita quando la mamma di Mandy si è presentata a prendere Sean per la serata. Quando furono al sicuro fuori dalla vista, Mandy si avvicinò a me e mi baciò di nuovo. "Vado di sopra a farmi un bagno", sussurrò quando ci alzammo per prendere aria.

"OK. Andrò a casa e mi pulirò anch'io".

"Joe, aspetta". Si è allontanata da me abbastanza da potermi catturare con i suoi occhi. “Lasciami essere onesto. Sono una mamma single laboriosa. Come lei stesso ha sottolineato, non mi prendo molto tempo per me stesso. Ciò significa, niente appuntamenti, niente fidanzato, niente amore. Non sto cercando quelle cose. A questo punto della mia vita, mio ​​figlio è la cosa più importante. Non ho tempo per una relazione”.

"Va bene. Francamente, finché non avrò finito la tesi e non avrò iniziato il mio lavoro di insegnante, temo che non sarei in grado di dare a una donna il tempo che merita», dissi.

«È pazzesco, e non posso credere che lo stia dicendo, ma vorrei che tu venissi di sopra con me a lavarmi la schiena. Possiamo vedere cosa succede da lì".

"Va bene."

L'ultima volta che avevo fatto un bagno di schiuma era quando ero un ragazzino. In qualche modo, guardando Mandy regolare la temperatura dell'acqua e versare le bolle di sapone, sapevo che non avrei perso la mia paperella di gomma.

Quando la vasca fu piena, mi baciò di nuovo. Le sue mani mi hanno accarezzato la schiena, poi il culo.

“Entriamo,” sussurrò, sollevando l'orlo della mia maglietta.

Quando si è tolta i miei pantaloncini e i miei boxer, ha lasciato che solo la punta delle dita accarezzasse leggermente il mio albero del risveglio. Il suo tocco mi stava rendendo molto duro, molto rapidamente. "Questo è per me?" chiese, i suoi grandi occhi azzurri fissavano i miei.

"È grazie a te."

"Svestimi, per favore", disse Mandy prima di baciarmi di nuovo.

Tirandole la maglietta sopra la testa, ho esposto la sua metà superiore. I suoi seni erano ancora più belli di quanto pensassi, dopo averli visti attraverso i suoi vestiti bagnati al parco. La loro pienezza contrastava magnificamente con il resto del suo busto snello, e le deboli rughe dell'abbronzatura dell'estate precedente delineavano i suoi succulenti capezzoli. Quando ne ho baciato uno, ha emesso un debole gemito e ha avvolto le sue dita più saldamente attorno al mio cazzo.

Mi sono liberato dalla sua mano mentre le baciavo la pancia. Era difficile credere che avesse mai portato un bambino. Anche le ragazze che mi hanno aiutato a conoscere il sesso quando ero al liceo non erano così ferme e lisce come questa.

Le mie dita rilasciarono il bottone sui suoi pantaloncini e abbassai la cerniera. Guardando nei suoi grandi occhi azzurri, potevo vedere uno sguardo di desiderio. La sentivo tremare leggermente mentre abbassavo l'indumento. La pelle liscia delle sue cosce si increspava in minuscoli "pelle d'oca". Il suo aroma era muschiato, ma dolce. Abbiamo camminato fuori tutto il giorno e ora c'era umidità fresca.

Le sue mutandine bianche sembravano abbinarsi al reggiseno che avevo visto al parco dei divertimenti. Erano umidi dove contava, aggrappati al suo sesso. Potevo vedere l'ombra di una piccola quantità di capelli scuri appena sotto il pizzo in alto, ma la pelle che ora si vedeva chiaramente attraverso il tessuto quasi trasparente sopra la sua apertura era pulita e rosa.

Baciandola appena sotto l'ombelico, ho poi spostato le labbra verso il basso finché non ho sentito la stoffa. Riuscii ad afferrare un po' di pizzo tra i denti e cominciai ad abbassarli.

Mandy gemette.

Quando ho tirato via il tessuto umido dalle sue labbra, il mio naso era sospeso su di lei. Inspirando profondamente, ho deciso che dovevo assaporarla ora. Le sue mani erano sulle mie spalle mentre la aiutavo a uscire dalle sue mutandine. “Allarga un po' le gambe. Sì, proprio così".

"Joe, cosa stai facendo?" sussurrò mentre le baciavo la coscia. Baciai l'altra più in alto, a un paio di centimetri dalle sue labbra scintillanti. Succhiai delicatamente la pelle tenera, ubriacandomi del sapore del suo sudore, e assaporando l'odore della sua femminilità.

Balbettava: «Non sono pulita. Siamo stati fuori tutto il giorno. Forse dovremmo... Oh, Dio!»

Il mio primo vero assaggio di lei mi ha reso duro come una roccia. Ho iniziato con il piccolo triangolo di capelli scuri, tagliati così corti da poter a malapena arricciarsi, quindi ho tracciato verso il basso, stuzzicando il cappuccio protettivo sul suo centro del piacere. Premendo la mia lingua così delicatamente sulle sue labbra gonfie che si aprirono appena per rivelare la fonte del suo profumo la fece sussultare e tremare.

Ad ogni passaggio della mia lingua, su, giù e di nuovo su, sbocciava di più. Ogni volta che leccavo il suo ingresso, trovavo più nettare per aiutare a lubrificare la mia lingua nel suo viaggio verso il suo clitoride. Ogni ballo della mia lingua sul suo bottone, ogni bacio e sgranocchiare che gli ponevo teneramente sopra, mi guadagnavano un mormorio tremante del suo piacere e fresche goccioline della sua rugiada per la mia lingua assetata quando tornava giù.

L'orgasmo di Mandy è stato meraviglioso da vedere. Her hands had moved from my shoulders to my scalp as I licked her, but as her time approached, she slid her hands to the back of my neck and head, pulling me to her. My hands felt her ass cheeks tighten as her juice flowed more freely. Slowly, her ragged breathing returned toward normal.

Rising to my feet, I pulled her to me. My cock slid up her abdomen as she clung to me, kissing me fiercely. “Do you want to get in the tub, now?” I asked as I played with her hair.

Backing away so she could penetrate me with those eyes again, she said, “When I recover, I'm going to try to make you feel that good.”

Soaking in the fragrant bubbles with Mandy was amazing. We washed each other's backs, along with some other parts. By the time we were drying each other, we were both very anxious to go to bed. I hoped this was going to be an exhausting night.

She led me to her bedroom with her hand wrapped firmly around my straining erection. Lying back on her bed, her damp hair strewn on the pillow, she stretched her arms out to me. “It's been a long time since I've been with a man, Joe. I hope I remember what to do.”

How could this woman, this single mother, a woman who had to be in her late twenties, look so lush and yet so sweet and innocent at the same time? My cock was throbbing almost uncomfortably as I stood looking at her.

“Joe,” Mandy said, “come to bed. I'd like it if you took your time, but I want you inside me. Besides, your cock is dripping on my carpet.”

“You're so beautiful,” I said as I climbed in bed next to her. Lying on my side, I pulled her to me. Our mouths met in a flurry of hot, deep kisses. As my hands strayed from her throat to her breasts, she began to fondle my balls and stroke my hard-on. Her nipples were amazing, succulent, riding high on her full, firm breasts.

When her left nipple was between my lips, Mandy whispered, “No one has sucked on my breasts since I stopped nursing Sean.”

She was stroking me purposefully now, making me even harder, smearing my moisture all over the head of my cock and down the shaft. I wondered how long I could stand this.

As I feasted on her breasts, licking, sucking, kissing, and nibbling, her hips began to move. Their movement attracted my hand, and it moved to her center. Slowly, I pushed my middle finger into her depths.

“Make love to me, Joe,” she whimpered. "Fottimi."

I was amazed at how tightly her vagina gripped my second finger. I felt that my tongue belonged in there again, and I moved down.

“No, please, you can't do that again,” she said as I kissed the tiny patch of dark fuzz above her woman parts.

"Perché no?"

“I haven't tasted you yet,” she said, “and I want to.”

Mandy pushed me onto my back, and kissed me hard and passionately. Our tongues explored and wrestled, and then softer kisses and playful nibbles rained down my chest and belly. She moved her hair so I could see as she held my cock in her hands, admiring it for a moment, before bathing the tip of it with her tongue. When she first took me between her lips, I barely recognized my own voice in the growl of pleasure that came from deep within.

For a while, she contented herself with simply bobbing her head up and down. Then she pulled herself off me and began bathing my cock and balls with her tongue. When she began sucking my balls into her mouth and jacking me firmly with her hand, I felt the pressure building.

“You're going to make me cum,” I said.

"Lo so."

Her mouth engulfed me again, sucking, pulling, willing the juices from me. A hundred sensations overwhelmed me. I thought I could hear my heart thudding in my chest. The smell of my own fresh sweat mingled with the aroma of her pussy. Her beautiful face was impaled on my cock, and her eyes were begging to taste me. The explosion of my overfull cock in her mouth was like none I could remember.

She swallowed every drop as I grunted my appreciation, and then bathed my cock again looking for any essence she may have missed.

“I haven't done that in years,” Mandy said, smiling at me. She moved up in the bed to lie next to me, partially on my chest. Her hand went to my cock again as we kissed. “You're still hard.”

“You make me that way,” I said between tastes of her salty lips.

“May I ride you?” she asked, moving to straddle me. Her hand grasped my cock and positioned it at her weeping hole. Her lower lips parted to admit me, and she slowly lowered herself. In one long, luxurious movement, she encased me, finally settling her weight onto my pelvis.

Ero in paradiso. Her tight, slippery, warm pussy surrounded all of me, and she stayed still for a few moments, both of us glorying in the sensation of our coupling. Slowly, she raised herself until only my tip was still trapped in her wet velvet sheath, and then she allowed herself to sink down again. We fucked for a while this way, slowly, deliberately, allowing ourselves to savor the pleasure of our movements.

“God, this feels so good,” she murmured as she took my cock to the root once more. Changing her position, she leaned forward to offer her breasts to my mouth as she started rocking her hips forward and back on my shaft. I cupped her firm buttocks in my hands as I helped her move.

She picked up her rhythm, and I began to meet her thrusts with my own. Her cobalt eyes were open wide at first, boring into me, but gradually, her lids began to flutter. As we went faster, her eyes lost focus and began to roll up in her head. Her breathing became audible, progressing from deep breaths to gasps. “Cumming, cumming, cumming!” she whined.

Her already tight pussy squeezed me tighter as we fucked. I could feel the ripples of motion inside of her as her moisture bathed my cock and balls. Then she collapsed on top of me and sought my mouth with hers.

When she had regained herself, she said, “I want you to cum again. I want you to fill me. Per favore. I need it.”

Holding her tightly, I rolled her onto her back and lifted her legs onto my shoulders. Grasping her ass in my hands, I plunged myself deep inside her, over and over. Her beautiful face was beaming at me as she saw the ecstasy on mine. Over and over, firmly, but never roughly, I plowed this woman. Every inch of me was swallowed repeatedly by her swollen, hot lower lips. It had been quite a while since I had taken the time to enjoy a woman, and I wanted this to last, but soon, I knew it wouldn't.

When her lashes began to flutter again, I realized that she was going to cum with me. Each grunt I made as I spewed inside her was answered by a moan or gasp of her own. And still we continued our coupling.

Finally spent, I pulled my softening cock from her well-soaked depths. Lying down again, I pulled her to me. We slept.

Her phone woke us. As she talked, I admired her. She had rolled away from me, allowing me to caress the warm, smooth skin of her back and to play with her sleep-tousled hair. “See you then, Mom,” she said, hanging up the phone.

She rolled over to cuddle with me again. Stroking her fingers lazily over my chest and abdomen, she asked, “What do you want out of our relationship?”

“Frankly, I'm not sure. When I asked you out, I thought we would just have some fun together getting to know each other better,” I said.

Lei rise. “I did have fun, and I think I do know you a little better than I did when we left for the amusement park. Sean loves you, and I enjoyed being with you all day. And all night. I'm not ready to even think about the future. Can we just keep things at this level?”

“If that's what you want,” I said.

“You probably shouldn't be in my bed when Sean and Mom get here.”

“I guess you're right. That could be awkward.”

“Don't worry. Mom had a pretty good idea of why I wanted Sean out of the house last night. She even asked me on the phone if an hour would give me enough time to do what I wanted to do this morning.”

“What's that?” I asked.

“See if I can talk you into fucking me again,” she said with a smile as her hand found my re-invigorated cock. “I want you to take me again. I need to feel you shoot your cum into me one more time before you go.”

She moved to her hands and knees. Her juices were glistening on her sex, inviting me to enter her. L'ho fatto.

After we finished, we took a quick shower together. When we were dressed, I helped her strip the rumpled sheets from her bed and to re-make it. Then it was time for me to go.

At her front door, we stopped to kiss. “I never considered having a fuck buddy,” Mandy said.

“Is that what we are?” I asked.

“Can we be?” Mandy had fixed on me again with her intense blue eyes.

“I'd like that,” I said, opening the door and walking outside. I heard the door latch quietly behind me.

The skateboard kids were in the alley when I got home. Dogbreath called, “Hey, G. I. Joe! I saw you at the Rogers' house last night. Are you just getting home now?”

“Shut up, Fred,” Slash said as I went upstairs.

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

777 I più visti

Likes 0

La grande guerra 3033 parte 2

Quando Jack aveva appena finito sul poligono di tiro quando Jack, come fai a sparare con quell'arma, tutti quelli che hanno sparato sono stati bruciati dall'interno con etere o sono stati semplicemente uccisi nel modo giusto. Jack ora notò che era stato scoperto e disse semplicemente Ho preso le armi e ho iniziato a sparare. Perché c'è qualcosa che non va. chiese jack. John ora era al telefono con il presidente dicendo che avevano trovato una delle due Umbra e che lui non sa cosa sia. OK, grazie per il lavoro, chiedigli se voleva essere allenato e se lo manda al...

688 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

574 I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

398 I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

690 I più visti

Likes 0

A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3 Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non...

696 I più visti

Likes 0

La mia vita sessuale Episodio 6 La sorella del migliore amico

Quindi riavvolgiamo gli orologi indietro ai miei giorni di scuola in cui ero con la mia amica/compagna di sesso Amy, sono abbastanza sicuro che non fossimo esattamente amici in quel momento perché ero impegnato in una relazione ma ho finito per uscire da poco non mentirò questa relazione mi ha colpito duramente normalmente ne esco da una e in qualche modo sono felice perché ora posso scopare di nuovo altre ragazze ma questa volta mi ci è voluto un po' per riprendermi. Sono trascorse circa 2 settimane dalla mia brutta rottura e all'epoca la sorella del mio migliore amico Jeff, Paige...

643 I più visti

Likes 0

S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa. Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non...

625 I più visti

Likes 0

Il dilemma di Donnie

TUTTI IN QUESTA STORIA HANNO ALMENO DI 18 ANNI O PI. Donnie Hamilton è il tipico fratellino adolescente fastidioso. C'erano solo due anni di differenza nell'età tra lui e sua sorella maggiore, Lucy. Dal modo immaturo in cui si è comportato, si potrebbe pensare che ci fosse molto più di un divario di età. Tollerava il comportamento giovanile di Donnie perché lo amava. Ha imparato a sopportare i suoi scherzi perché ha capito che Donnie stava attraversando la pubertà e stava iniziando a interessarsi alle ragazze. Sapeva anche che era troppo giovane e inesperto per capire perché fosse attratto dal sesso...

605 I più visti

Likes 0

Curve: un vero allenamento

Ben aveva appena compiuto 26 anni quando è stato assunto. Sua madre e sua sorella si erano davvero esercitate dopo gli eccessi delle vacanze e all'inizio di febbraio si allenavano cinque volte a settimana. Né la madre né la figlia erano particolarmente sovrappeso, ma si sono divertite insieme e hanno notato quasi immediatamente che avevano più energia. I due facevano una routine e si attenevano ad essa. Barbara e Torey Reynolds erano membri di Curves, una struttura per esercizi a circuito per sole donne. Ce n'erano diversi vicino a casa loro, incluso uno al centro commerciale in fondo alla strada. Ben...

532 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.