Un compleanno incesto Capitolo 22

329Report
Un compleanno incesto Capitolo 22

Questo capitolo è una storia in POV, che si alterna tra Rita, Randy, Stephanie, Chris e Ashley. Ho pensato che sarebbe stata una buona idea entrare nelle loro menti dopo quello che è successo alla festa. Spero ti diverta.






RANDY


Non potevo credere a quello che era appena successo. La notte stava andando così bene e in un batter d'occhio è diventata una merda. Si è scoperto che Ashley si era presa gioco di noi fin dall'inizio e mi aveva preparato per fare la più grande caduta immaginabile, e ci riuscì. Lo sguardo che Rita mi ha rivolto mentre se ne andava mi ha fatto venire voglia di morire, mi sono sentito orribile. Sembrava che non volesse avere nient'altro a che fare con me, ed era qualcosa che non potevo avere, dovevo inseguirla, lei e Stephanie, anche lei era ferita allo stesso modo. Mi sono messa i pantaloni più velocemente che potevo e sono corsa giù per le scale dietro di loro, ancora svegliandomi dagli effetti dell'alcol che cercavano di svanire. Sono uscito e ho visto la nostra macchina sparita, e un'altra al suo posto, ma la macchina di Stephanie e Chris era ancora lì, quindi ho pensato che almeno Stephanie fosse ancora lì, quindi sono tornata in casa a cercarla. L'ho cercata ovunque ma non sono riuscita a trovarla, ma questo non mi ha impedito di cercare. All'improvviso, dal nulla, ho avuto un capogiro e mi sono appoggiato a qualunque cosa ci fosse intorno a me in quel momento, e quando l'effetto si è esaurito, Chris era in piedi di fronte a me con in mano una birra, la stessa birra che ha dato inizio a tutto questo pasticcio.

“COSA FAI FUORI DAL LETTO, UOMO? DOVRESTI PRENDERLA CON FACILITÀ!" Chris urlò sopra la musica ancora a tutto volume, nessuna delle quali sembrava troppo piacevole al momento.

"EHI UOMO, HAI VISTO RITA O STEPHANIE?"

"L'ULTIMA VOLTA CHE LI HO VISTI STAVANO ANDANDO DI SOPRA A VERIFICARTI."

"FANCULO! DOBBIAMO ANDARE, È SUCCESSO QUALCOSA DI STUPIDAMENTE FOTTUTO, RAGAZZO.

"COSA INTENDI? QUELLO CHE È SUCCESSO?"

"Te lo dirò in macchina, ma dobbiamo andare adesso."

Tornammo alla porta d'ingresso e chi ci sarebbe stato lì? La puttana stessa. “EHI RANDY, PARTI COSÌ PRESTO?” Ashley sorrise guardandomi attraverso.

"Vaffanculo ASHLEY!" Le ho urlato direttamente prima di uscire dalla porta.

"SE RICORDO BENE, HAI APPENA PROVATO", mi urlò dietro, ridendo.

"Di cosa sta parlando?" chiese Chris mentre arrivavamo alla macchina.

“Dai, ti dirò tutto, andiamo e basta”.

"Ho la sensazione che non mi piacerà il suono di questa cosa..."

"Non lo sei, nemmeno un po'."


RITA


“CHE CAZZO STAVA FACENDO? NON POSSO CREDERE A QUESTO!” Ho urlato mentre guidavo per strada, forse un po’ troppo veloce, ma con quello che ho appena visto, non mi importava davvero.

«Sono incazzato quanto te, intendo tra tutti, lei? Perché, cazzo!" - gridò Stephanie.

"Non lo so nemmeno... semplicemente non... non posso... CHE CAZZO!"

"Non sto cercando di scusarlo o altro, ma forse ha bevuto troppo?"

"No, lo stavo guardando, non beveva molto, sapeva quello che stava facendo!"

Rimasi seduto lì in silenzio per un minuto, soprattutto per la rabbia di non sapere cosa dire dopo, ma anche perché la mia gola cominciava a formicolare per aver urlato così tanto. Mi ha aiutato un po', ma mi ha anche fatto riflettere sulle azioni accadute meno di dieci minuti fa, e alla fine ho capito. La realtà ha colpito, Randy mi ha tradito, una frase che non avrei mai pensato di dire nemmeno in un milione di anni, ma lo fece, e il pensiero mi colpì così forte da farmi piangere.

"Oh mio Dio, non posso crederci!" dissi, le lacrime scorrevano così frequenti da distorcere la mia vista. “Mi ha tradito, ci ha tradito! Cosa sto per fare?"

“Non lo so, non avrei mai pensato che saremmo finiti in questa situazione…”

Stephanie fu interrotta dallo squillo del telefono, che si rivelò essere Randy a chiamarla.

“Non mi chiama nemmeno! Lasciaci in pace, bastardo imbroglione!” Ho urlato.

Lei ignorò la chiamata e tutte quelle successive finché lui non colse il suggerimento e smise del tutto di chiamarla. Era l'ultima persona con cui volevo parlare in quel momento. L'ho odiato. Non appena le lacrime iniziarono lentamente a fermarsi, tornarono con tutta la loro forza.

“Mi dispiace tanto Rita, se non l’avessi visto con i miei occhi non ci avrei creduto. c'è qualcosa che posso fare, proprio niente?"

"No, voglio solo andare a casa, voglio che questa notte finisca."


RANDY


Ho informato Chris di quello che era successo e lui si è seduto lì mentre gli raccontavo tutto... la parrucca, i vestiti abbinati, tutto, e sembrava che mi credesse, per fortuna.

"Amico, è così incasinato, non so cosa dirti..." ha detto Chris.

“Immagina come mi sento. Non posso credere di avermi permesso di ingannarmi in quel modo, devo essere la persona più stupida del pianeta! Chi si lascia ingannare dai capelli finti, davvero?"

"A quanto pare è così, ma sai che non la vedranno in questo modo."

"Lo so, non rispondono nemmeno al telefono, ignorano immediatamente le chiamate."

"Sempre un brutto segno."

“Non voglio pensarci, non voglio nemmeno sapere cosa gli passa per la testa…”

“Sfortunatamente non hai questo lusso, devi sistemare questo problema. Dove stiamo andando comunque?"

"Casa tua, Rita deve accompagnare Stephanie, se arriviamo in tempo potremmo prenderli."

Andiamo a casa loro, un po' più velocemente di quanto avremmo dovuto, ma era per una buona causa. Per quanto sia stato positivo, non siamo arrivati ​​abbastanza in fretta, Rita aveva accompagnato Stephanie e se n'era andata, e Stephanie era seduta in veranda con le braccia incrociate più incazzata che mai.

“Beh, guarda chi è! Se non è il più grande pezzo di merda traditore del mondo! Chris, perché gli hai dato un passaggio? Avresti dovuto lasciare che il suo culo traditore tornasse a casa! ha detto Stefania.

"Stefania…"

"Non cercare di difenderlo, non vorrai trovarti nella stessa barca in cui si trova lui."

"Stephanie, per favore, non puoi credere sinceramente che farei una cosa del genere a uno di voi due, non dopo tutto quello che abbiamo passato", ho supplicato.

"So cosa ho visto Randy, i miei occhi non mentono!"

"Ero ubriaco, credimi, giuro che pensavo che fossi tu."

"Mi sembri abbastanza bene..."

"Se succede qualcosa del genere, è una grande notizia."

"Pensavo avessi detto che eri ubriaco?"

"Sì, lo ero."

"Ma hai APPENA detto che era una grande notizia..."

"Ma è stato un buzzkill, non ti seguo..."

"Queste sono due cose diverse Randy, se eri ubriaco sapevi cosa stavi facendo."

"Ma ho detto che ero ubriaco."

"Ma catturarti è stato un fiasco, che chiaramente non significa portare ubriachi."

Tutte le sue trappole verbali mi stavano davvero facendo arrabbiare ancora più di quanto già lo fossi. “Dannazione Steph! Non vedi che ero incastrato!

“Sai cosa mi dà davvero fastidio? Per tutto questo tempo non hai detto neanche una volta che ti dispiaceva."

Ho abbassato la testa, sapendo che questa conversazione non sarebbe andata neanche lontanamente dove avevo bisogno, lei era arrabbiata e tutta la ragione è andata fuori dalla porta. Chris è tornato alla macchina, immaginando la stessa cosa che ho fatto io e ho tenuto il broncio proprio dietro di lui.

"Non posso davvero credere che tu possa fare qualcosa del genere, Randy", ha detto Stephanie dopo di me. "Se sono così incazzato, immagina come deve sentirsi Rita."

Non vedevo affatto l'ora.


ASHLEY


Mi sono seduto sul letto sorseggiando il mio drink mentre rivivevo nella mia testa il disastro appena accaduto a causa della mia genialità. Ha funzionato assolutamente alla perfezione, non avrei potuto pianificarlo meglio. La rabbia immediata di Stephanie ha quasi sigillato la loro rottura, e Rita che è entrata è stata la ciliegina sulla torta. Non solo ho rovinato la sua relazione con la sua ragazza, ma ora anche sua sorella sa che è un bastardo traditore! A volte mi stupisco delle cose che so fare.

"Eccoti, ti ho cercato ovunque", disse Becky facendo capolino dalla porta. “Dov’è il gruppo di beneficenza? Non li vedo da nessuna parte."

"Se ne sono già andati, probabilmente lo stanno discutendo proprio adesso."

"Ce l'hai fatta? ha funzionato?"

“Alla perfezione. Stephanie è entrata proprio mentre lo stavo segando."

Lei spalancò gli occhi quando entrò nella stanza. "Veramente? Sei una stronza così malvagia!"

"Grazie. L'ho esposto anche a Rita, lei è arrivata dietro l'angolo subito dopo Stephanie, ora anche lei lo vede come un traditore, e l'ha visto con i suoi occhi, quindi no, lui ha detto, lei ha detto.

“Ashley, ne sei sicura? Intendo…"

"Ehi, mi sono mai sbagliato?"

"Hai ragione, scusa."

"Hai proprio ragione, ma visto che tutto è andato alla perfezione e sei vestita da troia, lascerò perdere," dissi mentre la baciavo, trascinando la mia lingua tutto intorno all'interno della sua bocca.

"Tornerai alla festa?"

"Sì, torno tra qualche minuto", le dissi mentre lasciava la stanza.

Presi un altro sorso del mio drink, uno giù, uno da bere. Non riesco a credere quanto sia stato facile, qualche drink e in un batter d'occhio ho avuto la mano sul suo cazzo, che si è rivelato essere più grande di quanto pensassi per lui... ma non importa. Ora che lui e Stephanie hanno finito, posso concentrarmi su Rita, che ora che ho menzionato ha attirato la mia attenzione più di quanto avrebbe dovuto. Sembrava ferita, troppo ferita, ma sono gemelle, quindi forse ci sto interpretando troppo. Per ora, vincerò io, Randy sarà eliminato e Ashley vincerà di nuovo. Accidenti, è bello vincere.


RANDY


Ci siamo fermati davanti alla casa e mi sono seduto lì, sapendo che dovevo entrare, ma temendo di doverlo fare. L'auto era lì, quindi sapevo che Rita era a casa, ma non volevo affrontare quello sguardo di vergogna per la seconda volta, ma dovevo riabilitare il mio nome, quindi dovevo rassegnarmi e fare quello che dovevo fare. . Ho fatto un respiro profondo e sono sceso dall'auto, osservando il sentiero fino alla porta d'ingresso, cosa che in quel momento mi ha assolutamente inorridito.

"Andiamo amico, non puoi restare lì per sempre", ha detto Chris dall'auto.

"Lo so, ho solo paura di cosa succederà una volta entrato."

"Sì. Buona fortuna amico, proverò a parlare con Steph, magari togliendotela un po' di dosso."

"Grazie, ci vediamo", dissi mentre si allontanava.

Feci un altro respiro profondo e risalii il sentiero fino alla porta d'ingresso. Ho tirato fuori le chiavi per aprirla e si è aperta con mamma e zia Lisa in piedi proprio lì.

"Quello che è successo? Rita è tornata a casa pochi istanti fa piangendo a dirotto, non si è fermata nemmeno a raccontarci cosa è successo", ha detto zia Lisa.

"È una storia piuttosto lunga", dissi sperando di superarli e raggiungere Rita.

"Fallo breve", disse la mamma severamente.

"Fondamentalmente, pensa di avermi sorpreso a tradirla."

"Ora, perché mai dovrebbe pensarlo?" chiese zia Lisa.

"Beh, perché è entrata Ashley e io ci siamo baciati, beh Stephanie l'ha fatto."

La mamma sbuffò. “Beh, è ​​difficile confonderlo con l’imbroglio. Che diavolo stavi pensando!"

“È stato un incidente, pensavo fosse Stephanie! Ho bevuto molto."

"Mi sembra che tu stia bene", ha detto la mamma.

Ho deciso di evitare la disputa precedente che ho avuto con Stephanie. "La gravità della situazione mi ha svegliato, come un mucchio di adrenalina o qualcosa del genere."

"Randy, non posso crederti, come hai potuto essere così sbadato?"

"Stavamo tutti bevendo, ero l'unico che non riusciva a trattenermi, quindi Chris mi ha portato in una stanza per rinfrescarmi, ti sto dicendo che Ashley mi ha preparato!"

“L'ha fatto? E come ha fatto esattamente Ashley dai capelli rossi a trasformarsi in Stephanie?" chiese zia Lisa.

“Indossava esattamente lo stesso vestito di Stephanie e aveva una parrucca! Lo ha raccolto dal lato del letto quando tutti se ne sono andati, e in più io avevo un sacco di bevute!»

“Non hai notato alcuna differenza? È difficile da credere”, ha detto la mamma.

"Hai fatto esattamente la stessa cosa a me, mamma, e allora non me ne sono accorto, ed ero sobrio."

Rimase in silenzio per un minuto, sapendo che c'era del vero in quello che avevo detto. Zia Lisa la guardò con quella faccia da "me lo dici più tardi" prima di guardare di nuovo me. "Non si tratta di me, si tratta di te e di lei, e di come risolverai la situazione."

“Mi sento una schifezza totale. Non puoi credere che le avrei mai fatto qualcosa del genere intenzionalmente? La amo troppo per vederla così, e quello sguardo che mi ha lanciato, volevo morire proprio lì," ha detto sentendosi di nuovo una merda.

La mamma mi ha massaggiato la parte superiore della schiena. “No tesoro, non pensiamo che tu volessi farlo, ma è successo a causa della scarsa capacità di giudizio di tutti. Ti abbiamo detto che quella ragazza non era brava, nessuno passa da quello cattivo a quello carino senza che accada qualcosa che cambia la vita.

“Avrei dovuto ascoltarti, ora devo pagare per questo. è ancora di sopra?"

"Sì, tuo padre ha cercato di calmarla, ma non ha avuto molta fortuna", ha detto zia Lisa.

Proprio al momento giusto papà scese le scale e immediatamente mi guardò negli occhi; mi ha lanciato quello sguardo che ti faceva paura di distogliere lo sguardo.

"Non so cosa hai fatto, ma faresti meglio ad andare lassù e sistemare le cose, subito."

"Si signore!"

Questo era tutto quello che potevo dire, ero troppo spaventata per dire altro. Papà si arrabbiava raramente, quindi quando lo faceva sapevamo che qualunque cosa non andasse era meglio risolverla al più presto. Gli importava davvero quando uno di noi faceva un errore e non voleva lasciarlo riposare durante la notte e costruirlo, dovevamo aggiustarlo proprio in quel momento, che era l'unico modo per farlo in questa situazione. Ho guardato mamma e zia Lisa per avere conferma...

“ALZATI LÌ!” papà ha urlato spaventandomi a morte, al che ho subito annuito.

Sono arrivato alla porta della nostra stanza e ho potuto vedere dall'oscurità sotto la porta che le luci erano spente e potevo sentirla piangere. Ho messo la mano sulla porta e ho sbattuto la testa contro, vergognandomi. Ho costretto la persona più importante della mia vita a chiudersi nella nostra stanza e a piangere, per qualcosa che avrebbe potuto essere facilmente evitato, se non fossi stato così stupido. Che diavolo ho fatto?


RITA


Ero a letto e piangevo sul cuscino. Ancora non riesco a credere a quello che è successo, ma so cosa hanno visto i miei occhi. Ashley lo stava baciando e, peggio ancora, lui ricambiava il bacio, non c'era altro modo di aggirarlo. Papà è stato gentile nel cercare di aiutarmi, e volevo che lo facesse, ma non potevo dirgli niente, non senza mettere a repentaglio la nostra situazione, se già non lo eravamo. Abbiamo già litigato, ma non è mai stato così, non a causa dei tradimenti. Non so come farò a superare tutto questo, o anche se dovrei.

“Rita, per favore, fammi entrare,” mi chiese Randy mentre bussava alla porta, strappandomi dai miei pensieri.

“Vai via Randy, non voglio vederti adesso”, ho risposto tra le lacrime.

"Sappiamo entrambi che non succederà."

"Allora faresti meglio a metterti comodo perché è lì che dormirai."

Dire questo mi ha ricordato quella volta in cui ero là fuori cercando di entrare a causa di una discussione che avevamo avuto, solo che non era così seria come adesso, strano come cambiano le cose. Ho aspettato là fuori tutta la notte che mi lasciasse entrare e non l'ha mai fatto, ora mi sembra fin troppo ironico che sia nella stessa posizione in cui mi trovavo io. Può stare lì fuori per un mese intero, non mi interessa, è tecnicamente è ancora nella sua stanza ma non lo faccio ancora entrare, non dopo quello che ha fatto, non può andare a dormire sul divano.

"Rita, per favore, fammi entrare, parliamone."

"Per favore, lasciami in pace."

Lo sento sedersi contro la porta e sbattere la testa contro di essa, una sensazione che conosco fin troppo bene. Potrebbe essere una cosa stronza da fare, ma andava fatta, sono troppo arrabbiato per parlare e le persone tendono a prendere decisioni sbagliate quando sono arrabbiate.

“Rita… Rita… Rita per favore…”

“Randy fermati e basta! Parlerò quando sarò pronto, ma per ora, lasciami in pace.

Alla fine si era arreso, almeno per ora. Non potevo sopportare di guardarlo stasera, non dopo che lei gli era sopra, lo baciava, lo toccava, come se fosse suo, e lui glielo permetteva! Lei prese l'unica cosa che pensavo fosse mia e gli affondò dentro i suoi artigli squallidi. Mi ha davvero convinto, pensando di essere cambiata in meglio, ma in realtà stava solo cercando di arrivare a Randy, e ci è riuscita, e lui non ha fatto nulla per fermarla. Ho stretto il cuscino e ho nascosto la testa nel letto, lei ha preso la cosa che contava di più per me, la stronza ha vinto ancora.


ASHLEY


“Dove state andando, puttane? Aiutami a pulire", dissi mentre Becky, Carina e Dana cercavano di andarsene.

Si accasciarono di nuovo nella stanza, sapendo che avrebbero quasi evitato di dover ripulire una montagna di lattine di birra, bottiglie di vino, scatole di pizza e un mucchio di altra schifezza che era stata sparsa per la casa. Nemmeno io avevo voglia di pulire, ma visto il risultato che la festa ha avuto per tutta la notte, ne è valsa decisamente la pena.

"Quindi ora che la fase uno è terminata, cosa c'è dopo?" chiese Dana.

"Dobbiamo fare la stessa cosa con Chris, tagliarlo fuori da Stephanie e Rita," dissi.

"Non sarà duro come lo era Randy, lui e Stephanie non sono gemelli, e ora che Rita è tutta sconvolta per aver scoperto che Randy la tradisce, avrà problemi di fiducia", ha detto Carina.

“È esattamente quello che stavo pensando. Adesso sarà nervosa per ogni piccola cosa, quindi la più piccola cosa potrebbe mandare Chris fuori dalla porta.

"Lo sai che probabilmente sono tutti arrabbiati con te, vero?" chiese Becky.

"Sono preparato per questo, ho già pianificato quello che voglio fare."

“Dobbiamo fregare Chris? Voglio dire, è davvero carino. L'hai visto con quel costume da delfino? Volevo affrontarlo in quel momento!" Becky ha detto.

“Come Carina era addosso a Randy quando ha suonato il campanello alla partita di carnevale? Giuro che non ci vuole molto per voi due, troie", rise Dana.

"Stai zitto Dana, sai che mi piace un ragazzo con le braccia forti!" Carina si è difesa.

"Per favore, vorresti un ragazzo senza braccia purché abbia un cazzo!" Dana si vendicò.

"Dobbiamo avere il "di chi è una troia?" parla di nuovo? Vinci tutti! E sì, dobbiamo prendere anche Chris, non possiamo avere un ripiego, e dobbiamo prendere anche Stephanie e Rita”, ho detto.

"Chi cerchiamo per primo?" chiese Carina.

“Stephanie, dobbiamo prenderla mentre è ancora arrabbiata, Rita si riprenderà dal fatto che la sua gemella l'ha tradita così potrà aspettare, poi quando Chris tradirà sarà un doppio smacco e lei non resisterà nemmeno. Questo mi ricorda, qualcuno ha notato qualcosa di strano con loro?

"Strano? Tipo cosa?" chiese Becky mentre legava i sacchi della spazzatura pieni di lattine di birra vuote.

“Non lo so, niente. Rita era davvero incazzata quando ci ha visto baciarci…”

“Non lo saresti? Hanno quella strana cosa da gemelli, dovrebbero essere sempre consapevoli l'uno dell'altro e lei non aveva idea di cosa stesse succedendo, e in più lo ha sorpreso a tradire la sua migliore amica, e con te tra tutte le persone, Sono sorpreso che non abbia provato a colpirlo con qualcosa. Sicuramente non si fida affatto di lui adesso", ha detto Dana.

"Nemmeno io, ma ho ancora un leggero vantaggio su di lui che intendo sfruttare."

"Che cos'è? Farai la parte della ragazzina innocente?" Becky ha scherzato.

"Non preoccuparti per questo, la tua testolina vuota, ho capito."

"Ehi, qualcuno ha lasciato il telefono qui!" urlò Carina dalla cucina.

“Lascia perdere per ora. Lo esaminerò più tardi. Dobbiamo finire di pulire questo posto prima che mio padre decida di fare un salto."

"Come faremo a riportare tutti questi tavoli in garage?" chiese Becky.

"Chiama Chris e vedi se vuole aiutare", rise Dana.

"Sì, chiama Randy già che ci sei, non gli importerà che gli abbiamo appena rovinato la vita", ha aggiunto Carina.

Ho riso della casualità delle loro battute, ma poi sono tornato agli affari. Ho dovuto pianificare tutto e assicurarmi di non affrettare la partenza su qualcosa. Se tutto va come voglio, tra circa una settimana starò seduto bene. Le parti difficili sono finite, passiamo alla fase due.


RANDY


Sicuramente il sonno non è stato facile stanotte. Ci volle un po' prima che Rita smettesse finalmente di piangere abbastanza da andare a dormire. Non mi sono mai mosso, ero ancora appollaiato contro la porta, rivivendo tutto nella mia testa. Dove ho sbagliato? Quanto ho dovuto bere affinché le mie azioni non fossero più mie? La sensazione peggiore è che non mi credano, come fanno a non vedere che sono stato incastrato? Se la scarpa fosse dall'altra parte non crederei mai per un secondo che Rita mi abbia tradito, nemmeno un po'. Mamma, papà e zia Lisa mi passarono davanti per andare nelle loro stanze, con le donne che mi lanciavano quello sguardo "Resisti lì", e papà che mi lanciava quel "piccolo bastardo, se non aggiusti questa cosa mi spezzo". tu a metà” guarda, posso dire con certezza che ero bloccato tra l'incudine e il martello. Ho accettato il fatto che stasera non avrei messo piede nella stanza, quindi mi sono messo a mio agio contro la porta e alla fine, dopo quelle che mi sono sembrate ore, finalmente mi sono addormentato.

Mi sono ritrovato a fare di nuovo quel sogno con le porte; questo aveva la porta con la lettera A sopra, Ashley. La odiavo così tanto in questo momento, mi ha incastrato e ha rovinato la fiducia che io e Rita abbiamo condiviso per tutta la vita, forse per sempre. Non volevo altro che riaverla indietro nel peggiore dei modi possibile, non mi importava il risultato. Potevo sentire la rabbia crescere dentro di me anche se era un sogno; Ho bruciato uno sguardo di odio attraverso la A sulla porta. Ero così concentrato sulla lettera che quasi non sentivo la folata di vento che si avvicinava a me e mi circondava.

"Stai attento", sussurrò qualcuno, e poi in un attimo il vento se ne andò.

Non appena il vento si è calmato, un lampo di luce si è fatto strada dall'altra parte della stanza verso di me. Mi sono guardato intorno, non c'era nessun posto dove scappare. Ero intrappolato nel mio sogno con un raggio di luce diretto verso di me. Ho provato a proteggermi, ma in sogno quanto puoi fare davvero? Mi preparai mentre la luce si avvicinava sempre di più, finché non fu proprio su di me. Mi sono coperto il viso con le braccia e sono rimasto fermo mentre la luce mi colpiva, allargando le braccia e facendo ronzare la testa, e di soprassalto mi sono svegliato.

Sono uscito dal sonno disorientato e sudato. Ho guardato il telefono, erano solo le 4:17 del mattino e nessuna possibilità di riaddormentarmi. Sono andato a giocare con il telefono per passare il tempo, ma con la batteria quasi scarica l'opzione è passata, quindi sono rimasto seduto lì, fissando l'oscurità finché i miei occhi non si sono abituati abbastanza da distinguere tutto nella mia vista. Sono rimasto seduto lì così a lungo che il sole ha iniziato a uscire, poi il mio corpo ha deciso di provare finalmente ad addormentarsi, immagino. Non avrei potuto dormire per più di dieci minuti prima di sentire qualcuno scuotermi e aprire gli occhi per vedere la mamma che mi guardava.

"Senza fortuna, eh?"

"No. Non mi guarderà nemmeno."

“Dategli un po’ di tempo, non parlerà immediatamente. Preparo qualcosa per la colazione, forse aiuta."

La mamma tornò nella sua stanza e io mi appoggiai alla porta finché non la sentii aprirsi e Rita uscì. Non si è nemmeno girata a guardarmi, ma ho visto che i suoi occhi erano rossi dal pianto. È andata in bagno e ha chiuso la porta, e io ho guardato la porta per tutto il tempo che è rimasta lì. Uscì circa cinque minuti dopo e ritornò nella stanza, ignorandomi di nuovo completamente. Non sarebbe stato facile, neanche lontanamente.

Ho portato a termine la mia routine mattutina (per lo più) e sono andato a fare colazione, dove eravamo già tutti tranne Rita e io. Mi sono seduto e ho fissato il mio cibo. Non mi ero reso conto di quanto fossi affamato finché non l'ho avuto proprio di fronte a me, ma la mia fame è stata frenata quando Rita è scesa indossando un accappatoio gigante che non sapevo nemmeno possedesse. Lei mi ha visto, si è voltata ed è tornata di sopra, e mi è crollato il cuore, volevo crollare proprio lì, ma dovevo restare forte se volevo riaverla. La tensione in quella stanza era così alta che qualsiasi cosa detta avrebbe potuto trasformarsi in una discussione.

"Ok, voglio sapere cosa è successo e lo voglio sapere adesso!" parlò papà.

"Non è niente che non possiamo aggiustare papà, solo un sacco di confusione, incomprensioni e cose del genere", ho detto.

"Questo non mi dice cosa è successo."

“È davvero imbarazzante papà, per entrambi…”

“Bene, faresti meglio a chiarire; Non mi piace questo silenzio imbarazzante, questa atmosfera rabbiosa che circola in questa casa. Lasciala calmare e poi sistemala."

Rita scese, ma non per venire in cucina, solo per prendere il telefono di casa.

"Ehi tesoro, mangi?" chiese papà.

“No, non ho fame”, rispose Rita.

“Perché prendi il telefono di casa? Il tuo cellulare è morto?" chiese zia Lisa.

"Non riesco a trovarlo, chiamo Stephanie per sapere se l'ho lasciato nella sua macchina."

È scappata di sopra prima che qualcuno potesse chiederle qualcos'altro, soprattutto a me. Evitava comunque qualsiasi contatto visivo con me, ma almeno ora so perché non rispondeva al telefono.


RITA


Presi il telefono di casa e tornai nella stanza appena potei, facendo del mio meglio per deviare tutte le domande che mi venivano poste lungo la strada. Non ero arrabbiato come ieri, ma ero comunque arrabbiato. Non volevo ancora guardarlo, e non ero ancora pronta a parlare, quindi dovrà solo abituarsi a giocare a spia contro spia finché non lo farò. Ho chiamato Steph per potermi sfogare un po'.

"Ti ho chiamato tutta la mattina!" Steph ha risposto non appena ha risposto.

“Non riesco a trovare il mio telefono. Penso di averlo lasciato nella tua macchina."

«Lo controllerò più tardi. Come ti senti, sei ancora arrabbiato?"

"Non è vero?"

"Hai anche bisogno di chiedere? Voglio dire, il coraggio! Pensava che non lo avremmo scoperto?»

"Il fatto che sia Ashley mi fa arrabbiare ancora di più."

"Cosa farai?"

"Non lo so, pensavo che avrei dormito per la rabbia ma sono ancora arrabbiato."

"Ha detto che era ubriaco, ti è sembrato ubriaco?"

"Non l'ho mai visto ubriaco, quindi non saprei nemmeno che aspetto avesse."

"Prima ha detto che era stato ronzato, poi ha detto che era ubriaco, e poi è stato ronzato di nuovo..."

“In ogni caso non è una scusa, soprattutto ad una festa! La festa di Ashley, per giunta! Quanti film hanno con la stessa situazione e lo stesso risultato? Voglio dire, chi lo fa!

"Credimi, stavo pensando la stessa cosa, ieri si è arrabbiato."

"Gli hai parlato ieri?"

"È passato non molto tempo dopo che mi hai accompagnato, Chris l'ha portato."

"Chris lo stava aiutando?"

“Non gli ho dato la possibilità di dire nulla. Mi sono scagliato contro Randy per tutto il tempo finché non se n'è andato.

“Non gli ho detto niente quando siamo partiti, non l’ho nemmeno fatto entrare in camera, ha dormito appoggiato alla porta dopo avermi pregato di farlo entrare per mezz’ora”.

“Avrei fatto la stessa cosa. Se ti arrendi, pensano di poterti calpestare.

“Non era tutto Randy; Ashley sapeva esattamente cosa stava facendo. Potrebbe essere stato tentato o meno da lei, ma lei sapeva benissimo che era stato preso. So per certo che non era ubriaca. Questo dipende ancora principalmente da Randy, LUI ha tradito. Non è possibile che ti abbia scambiato per lei."

«Assolutamente no. E tutti noi abbiamo comprato la sua recita "Sono cambiata/bella ragazza".

“Questa cosa mi deprime ancora una volta. Non voglio più parlarne adesso. Il solo pensiero mi fa venir voglia di fare qualcosa. Forse camminerò
Tibbles o qualcosa del genere.

“Tibbles? Cos'è un Tibbles?"

“È il cane che mi ha preso, un cucciolo carino. Ha dormito qui con me la notte scorsa."

“Ti ha preso un cucciolo dopo quello che è successo? Quanto conveniente. Sta cercando di usare un cane per uscire dalla cuccia, incredibile. Non lasciare che funzioni.

«A dire il vero l'abbiamo preso prima ancora che sapessimo della festa. Ero così felice. È incredibile come una giornata possa passare in modo così meraviglioso per poi trasformarsi in una merda assoluta.

“Ok va bene ti lascio andare, chiamami se non stai facendo niente, ok?”

“Ok, grazie Steph, ciao.”

"Ciao e ricordati di chiamarmi, succede qualsiasi cosa, chiamami."

Ho riattaccato e ho dato un colpetto alle gambe e Tibbles ha colto il suggerimento e mi è saltato in grembo. Lo accarezzo mentre riflettevo su cosa avrei fatto. Non potevo ignorarlo per sempre, ma non potevo nemmeno perdonare quello che era successo. Cosa avrei fatto con Ashley? Non posso semplicemente andare a casa sua e darle schiaffi come se volessi farlo così male, ma nostro padre ha ancora bisogno di suo padre, e so che lo sta ancora usando contro di noi, quindi non posso nemmeno toccarla. Forse se Stephanie picchiasse per me... no, lo farebbe comunque per ritorcersi contro di noi. Mi stavo tormentando con tutte queste domande e scenari e ancora non avevo una risposta a nessuno di essi. Sai cosa? Fanculo. Non mi occuperò di questo oggi, non dovrei farlo. Starò per me e non penserò a niente e nessuno tranne Tibbles, perché è l'unico che voglio vedere in questo momento. Mi sono alzato e ho controllato il corridoio per assicurarmi che fosse sgombro, ho riportato il telefono al piano di sotto e l'ho messo sul caricabatterie. Quando mi sono voltato Randy era proprio lì e mi guardava dritto negli occhi. Voleva che dicessi qualcosa, e quando non l'ho fatto lo ha preso come spunto per parlare, ma quando lo ha fatto, l'ho fermato, ho scosso la testa e me ne sono andato. Non oggi Randy, non voglio sentire nulla o occuparmi di qualsiasi altra cosa relativa a ieri sera, non oggi.


RANDY


Sono passati tre lunghi giorni dall'incidente alla festa. Non ho ricevuto una telefonata da Stephanie, e nemmeno uno sguardo da Rita. L'unico punto positivo in tutto questo è stato che mamma, zia Lisa e Chris mi hanno difeso, anche se non si sono scusati per quello che è successo, sanno che è stato un errore dovuto all'ubriachezza, è semplicemente un peccato che Rita e Stephanie non possano vedere è così. Questi sono stati i tre giorni più lunghi della mia vita, e la parte peggiore, oltre a non parlarmi, è non sapere cosa stanno pensando, come lo stanno gestindo, mi sta uccidendo. Papà mi ha dato il culo per risolvere il problema, ma non riesco nemmeno ad avviare una conversazione, figuriamoci a risolvere il problema. Avevo una lunga strada davanti a me e sembrava essere la più spiacevole possibile. Ero seduto sul divano (il mio letto negli ultimi tre giorni) quando Rita scese le scale preparandosi a portare a spasso Tibbles.

"Ciao", ho provato ad avviare una conversazione.

"Ciao", fu tutto ciò che rispose.

Non rallentò il passo mentre si dirigeva verso la porta e usciva. Non sapevo cosa fare, non è mai stato così grave, al punto da non comunicare. La mamma scese le scale dopo, si sedette accanto a me sul divano e mi appoggiò la mano sulla gamba in modo confortante.

"Ehi, sono stati giorni difficili, eh?"

“È un eufemismo. Non mi guarderà nemmeno."

"Sì, dagli solo un po' più di tempo, lei tornerà."

“Quanto tempo è sufficiente? Se aspetto troppo a lungo potrei perdere un’opportunità, ma se agisco troppo presto divento un idiota invadente che non conosce il significato dello spazio”.

“È così che le donne sono tesoro. Devi conoscere il momento perfetto per dire qualcosa e devi sapere esattamente cosa dire. Siamo creature delicate; il minimo errore potrebbe essere grave.

“Ciò non fa altro che aggiungere molta più pressione a una situazione già pressurizzata…”

“Ho provato a parlarle. Era piuttosto irremovibile su ciò che vedeva, sapevi quello che facevi.

"Ero ubriaco! Nessuno si è mai ubriacato nella storia dei liquori e della birra!”

“Guardalo dal suo punto di vista. Ashley è vestita per uccidere, questo lo puoi attestare. Ti ubriachi, forse per coprire qualcosa che potresti voler fare..."

"Andiamo mamma, quel toro..."

"Lasciami finire. Spari dalla festa dopo aver consumato una buona quantità di liquore per coprire la tua storia, e finisci a letto con la stessa persona che è il punto focale di tutto questo.

“Mamma, andiamo, lo sai che non è andata così, neanche lontanamente!”

“Ti sto solo dicendo come probabilmente si sta svolgendo nella sua testa. Le donne hanno la capacità di scomporre ogni scenario e di essere molto testarde al riguardo, quindi è molto probabile che stia pensando esattamente quello che ti ho appena detto. Il solo fatto di aver scoperto tutto ciò è stato sufficiente per farle passare delle idee in testa, dopo tutto quello che avete passato voi due, era ferita.

"Non pensi che sia un po' troppo conveniente agire in questo modo?"

"Non si tratta di quello che penso, ma di quello che pensa lei, e pensa che tu abbia tradito, consapevolmente."

“Ma non l’ho fatto! Giuro che pensavo fosse Stephanie. Non posso crederci!”

Mi sono coperto il viso con le mani e mi sono chinato in avanti sui gomiti, cercando di elaborare tutte le nuove informazioni che avevo appena ricevuto. Ho fatto un respiro profondo e mi sono seduto lì, sentendo la mano della mamma accarezzare la schiena, il che mi ha ricordato che avevo ancora un enorme casino per ripulire.

Mi sono seduto e ho guardato la mamma dritto negli occhi. "Cosa devo fare?"

"Quello che hai cercato di fare per tutto questo tempo, parlare con lei, non c'è altra opzione."

"Mamma, non mi guarderà nemmeno ..."

“Allora falla. Ha avuto tre giorni per andare a prendere ed essere pazza, questo è il minimo, ora è nella fase "devi soffrire", e lo trascinerà fuori fintanto che la lasci. Alcune cose devono essere costrette a noi, non a tutte, ma ad alcune, o ci faremo sempre per la nostra strada. Pensaci tesoro. "

Mi baciò sulla guancia e tornò al piano di sopra. Sono rimasto lì a riflettere su tutto ciò che ha appena detto. So che aveva il mio miglior interesse a cuore, ha spiegato tutto così fluentemente e con emozione, e inoltre è mia madre, e la mamma ha tutta quella natura premurosa quando si tratta dei loro figli, anche se la nostra situazione è un po 'diversa dalla maggior parte degli altri bambini. Ha davvero colpito a casa, ha fatto molti punti validi e mi ha portato all'interno della testa di una donna, e se volevo recuperare Rita, avevo bisogno di capitalizzare questa opportunità e dovevo farlo ora.


CHRIS


Ho camminato oltre la stanza di Steph e ancora una volta, era al telefono, con Rita, che ha fatto il gusto. Mi sono chinato contro il telaio della porta e ho aspettato che lei scendesse; Avevo bisogno di parlarle. Dopo quella che sembrava un'eternità, finalmente appese, e guardò verso la porta e mi vide lì in piedi.

"Hai visto il telefono di Rita? Lo ha perso qualche giorno fa ", ha detto Stephanie.

“È nella sua macchina? La sua casa da qualche parte? Lascialo a casa di Ashley? "

"No, no, e no, nessuno ricorda di averlo visto."

La fissai, senza dire nulla, tornando rapidamente sull'argomento del perché sono entrato qui. Diegò lo sguardo, poi mi di nuovo, immagino di sperare di partire, ma sono rimasto messo. Volevo sapere cosa le stava passando per la testa, volevo alcune risposte e non mi stavo muovendo.

"Non guardarmi così!"

"Non è giusto che stia ottenendo tutta la colpa che conosci."

"Non è giusto quello che ha fatto, e Ashley non è fuori di testa, siamo solo più incazzati a Randy."

"È un po 'crudele e, a differenza di uno di voi", dissi arrivando nella stanza e chiudendo la porta.

"Non me ne pento. Anche attraverso tutta quella "crudele" non ha ancora nemmeno detto che gli dispiaceva! "

"Dire che gli dispiace che ammetterebbe di imbrogliare, e non lo faceva."

"Ashley ha anche detto che voleva baciarla ..."

“E ci credi immediatamente? Anche se è venuto direttamente dalla persona principale coinvolta? Sì, perché è quello che dovresti fare ... "

"So cosa hanno visto Chris, hanno visto Randy baciare Ashley."

“I tuoi occhi ti hanno ingannato. Se credi che avrebbe baciato Ashley, non lo conosci affatto. "

Il suo viso si restringeva e incrociò le braccia. "Perché lo stai difendendo?"

Ho deriso il suo stesso movimento. "Perché stai difendendo Ashley?"

Si sedette lì sbalordita, come se non si aspettava che lo dica, o che avrebbe potuto avere un po 'di verità. "Sto difendendo gli occhi, so cosa hanno visto."

“Oh mio Dio, continui a dirlo! È Ashley! Davvero Steph? "

“Questo peggiora ancora! Se avrebbe fatto casino con lei, allora avrebbe fatto casino con chiunque. "

"Praticamente odiatela, tu e Rita lo sapete."

Mi fissò di nuovo armato. "Quindi sei convinto che non abbia imbrogliato? Che questo è stato tutto solo un incidente ubriaco? Che lo stiamo punendo senza motivo? "

"Pensaci Steph, ha due ragazze e sono entrambe alla stessa festa. Dovresti essere la persona più stupida del mondo per cercare di cavartela con qualcosa del genere! "

"Forse due non erano abbastanza. Forse aveva sempre segretamente qualcosa per Ashley e ha usato odiarla come copertura. Forse usava essere ubriaco come scusa per farlo, ma sappiamo tutti che non era ubriaco, chiaramente si è preso in quella bugia. "

"È un sacco di Maybes. E non è stato catturato; Hai appena usato la logica delle donne per distorcere le sue parole. Non dimenticare che anche voi due siete stati flirt, non eravamo tutti insieme per tutta la notte. "

"Non cercare di capovolgerlo. Probabilmente ha pianificato il tutto. "

Mi stavo frustrando. "Dannazione a Steph, come stai così stupido!"

“Guardalo Chris! Non ha imbrogliato io! Non urlare contro di me così! " Stephanie urlò indietro.

Ho riacquistato la mia compostezza. "Non siamo nemmeno con loro! Tutta questa cosa è una copertina ricorda? "

Non appena ho detto che ha colpito un nervo, con entrambi. Il modo in cui potremmo essere così presi dalla sensazione che non dovrebbe nemmeno esistere è oltre me, eppure qui eravamo, entrambi feriti dalla mia ultima affermazione. Steph tenne lo sguardo in grembo e io al muro. Avevamo dimenticato che tutto ciò doveva nascondere la nostra relazione reale, ma invece abbiamo infranto la regola cardinale ... non attaccarci. Ci siamo incasinati e in realtà abbiamo iniziato a preoccuparmi della relazione che non era nemmeno una relazione, e in cambio tutti si sono fatti male. Non era così che doveva essere.

Mi sono seduto accanto a lei e ho preso la mia mano nella sua. "Senti, non li abbiamo conosciuti ma mezzo anno, ma il modo in cui Randy si sente su Rita e persino su di te, non avrebbe mai tradito nessuno di voi."

"Cosa intendi anche io?"

"Se Randy e Rita non si stavano scherzando tra loro, sarebbe sicuramente uscito con te, lo stesso con me e Rita, siamo tutti solo attratti l'uno dall'altro, immagino."

"Raccolti, siamo un po 'più che raccolti Chris", ha detto sorridendomi.

"Sai cosa intendo", dissi mentre le stringevo la mano.

Mi strinse indietro la mano. "Se Randy non ha imbrogliato, allora cosa è successo davvero?"

"Non lo so, non ci sono stato, ma c'è di più in quello che hai visto. I tuoi occhi non ti stanno mentendo ma non ti stanno mostrando tutta la verità, è troppo conveniente. "

Andò a dire qualcosa, ma prima che il suo telefono iniziasse a squillare. Ho pensato che fosse Rita, fino a quando non ha messo il telefono quando ha visto il suo documento d'identità.

"Parla del diavolo, ora è Ashley."

“Che diavolo ti dice? Non rispondere nemmeno ", dissi con rabbia.

“Ma voglio risposte. Non li prenderò rimandandola. "

Sospirai, sapendo che non potevo scoraggiarla dal rispondere alla chiamata, ho pensato che avrei potuto avvertirla. "Non lasciarla fare casino con la testa, essere più intelligente di lei."
Lei annuì mentre rispondeva al telefono. Mi sono alzato e me ne sono andato, sapendo che sarei stato scatenato comunque. Sono tornato nella mia stanza e mi sono seduto al mio computer. Come potrebbe una notte andare dalla notte migliore in assoluto alla peggiore notte possibile? Qualunque cosa accada con quella telefonata, spero che non compra più cazzate di Ashley e la veda per quello che è, un bugiardo manipolante. Spero che presto scopra la verità, anche Rita, per l'amor di Randy.


RANDY


Ho aspettato pazientemente sul portico che Rita tornasse. Era passata molto tempo, più a lungo del solito, ma mi ha dato il tempo di decidere cosa avrei detto quando è tornata. Alla fine girò l'angolo con piatti e tornò a casa. Mi sono alzato dai gradini e l'ho incontrata sul sentiero che portava alla porta.

"Possiamo parlare?" Ho chiesto.

"Non sono dell'umore giusto", ha detto chiaramente.

"Parlare o semplicemente non con me?"

"Entrambi."

"Dai Rita, sono passati tre giorni senza parlare."

"Non basta, sono ancora pazzo, incazzato, qualunque cosa, sono ancora arrabbiato."

"Con quello che hai visto non ti biasimo."

“Finalmente arrivare pulito? Ti ha preso abbastanza a lungo. "

"Non ammetto nulla, cercherò solo di spiegare ciò che ricordo."

Sospirò. “E pensavo che finalmente avessi posseduto quello che hai fatto. Se non verrai pulito, allora non c'è nulla di cui parlare ", ha detto mentre prendeva i demoli in casa.

Ho seguito proprio dietro di lei fino alla nostra stanza. "Rita non lo sapevo!"

“Va ancora a farlo? Vedi fino a che punto ti ha portato finora. "

"Non riesco a credere che non mi creda, nemmeno un po '", dissi ferito.

"È difficile screditare ciò che i miei occhi hanno visto molto chiaramente Randy."

Ho chiuso la porta dietro di noi una volta entrati nella stanza. "È Ashley! Questo è esattamente il motivo per cui la mamma e la zia Lisa ci hanno detto di non fidarci di lei, e siamo stati stupidi e non abbiamo ascoltato. Non pensi che sia solo un po 'una coincidenza come tutto è appena successo? "

"Sì, sono stato una potente coincidenza come ti sei ubriacato e sono scivolato via."

"Non sono scivolato via, sono stato portato via! Chris ha dovuto portarmi su per le scale. Potevo a malapena stare in piedi! "

"Stavi camminando bene quando ti abbiamo catturato ..."

"Rita Non ho fatto nulla, ero con voi ragazzi e Chris per tutta la notte, tu e Stephanie siete stati quelli che flirtavano con altri ragazzi mentre stavamo bevendo drink!"

Il suo viso si è attorcigliato, e in quel momento sapevo di aver rovinato. “Cerca di capovolgerlo per farti uscire dai guai, bello. Buon discorso Randy ", disse mentre lasciava la stanza, lasciando la porta aperta.

Mi sono seduto sul letto e mi sono fatto scorrere stressante le dita tra i capelli. Sono riuscito a peggiorare le cose. In realtà l'ho fatta parlare e l'ho incasinato indicando il dito, fantastico. Alzai lo sguardo sulla porta e vidi la mamma appoggiata a essa annuendo la sua disapprovazione, come se mi mettessi il piede in bocca, e ho fatto alla grande. Come diavolo devo girare questo?


STEFANIA


Mi sono tirato su di fronte alla casa di Ashley. Mi ha chiamato mentre parlavo con Chris e ho preso la chiamata solo perché volevo risposte e per darle a pugni in faccia. Ho bussato alla porta e lei mi ha lasciato entrare, e mi ponevo un buco attraverso di lei mentre mi guardava. L'ho seguita nella sua stanza, l'ultimo posto in cui mi trovavo quando ero in questa casa.

“Hai un po 'di nervo che mi chiama dopo aver quasi scopato il mio ragazzo, poi portandomi nella stanza in cui l'hai quasi fatto? Cosa mi impedisce di colpirti adesso? " Ho chiesto.

"Sei pazzo, il che è del tutto comprensibile, ma l'ho fatto per un motivo", ha detto Ashley.

Ho riso un po 'all'interno. Oh questo dovrebbe essere buono. "Che è?"

"Per mostrarti che non sei buono per lui, no, che non è affatto abbastanza bravo per te."

Ok che mi ha colto un po 'di sprovvista. "E perché non esattamente?"

“Ricordi anche cosa è successo? Si ubriacò e uscì con me. "

"Sì, sono consapevole. Spero che tu non stia bancarie per essere la tua difesa ... "

"È proprio come tutti i ragazzi, un po 'di alcol fa molta strada. Stavamo letteralmente per scopare quando sei entrato, lo stavo masturbando e tutto. "

Le mie mani hanno piegato in un pugno a loro libero arbitrio. "Lo guarderei se fossi in te."

“Questo è esattamente il mio punto. L'ho fatto per aiutarti. "

Mi sorprendeva sempre di più ogni secondo. "Aspetta cosa? Stai scherzando, vero? Hai provato a scopare il mio ragazzo per aiutarmi? "

"Stava colpendo quasi tutte le ragazze lì e ha cercato di dormire con alcuni di loro!"

"Non me lo ricordo", dissi, sapendo che mi stava dicendo una bugia audace.

"Anche tu e Rita avete avuto le mani piene, ricordi che mi sei baciato e tutti i ragazzi ti hanno sciamato, la tua attenzione non era su nient'altro in quel momento."

Dannazione, aveva ragione. Quel piccolo scivolamento potrebbe eseguire il backup della sua storia, dubbio, ma potrebbe.

Non lo avrei scopato, prendilo il più vicino possibile al sesso. Ho pensato che dal momento che era già una causa persa, avrei mostrato i suoi veri colori. "

"Ha detto che lo hai ingannato, che ti sei vestito come me."

“Con i miei capelli rossi e gli occhi castani? Sì, è molto confuso. Se non avessi fatto quello che ho fatto, avrebbe dormito con qualcun altro, e non avresti saputo nulla al riguardo. "

"Sembrava che lo avresti scopato da dove mi trovavo."

“Ho dovuto farlo sembrare buono. Ragazzi del genere non meritano alcuna clemenza. "

Non sapevo cosa fosse peggio, che la sua storia ha iniziato a avere un po 'senso o che ho iniziato a crederci. Rita e io abbiamo girato entrambi le spalle quando i ragazzi ci hanno sciamato, quindi non abbiamo ricordato di ciò che è accaduto in quel momento. È ancora troppo difficile da chiamare però.

"Fidati di me Steph, l'ho fatto per te, meriti di meglio di qualcuno che ti tradirà, a una festa in cui ti trovi comunque, tale mancanza di rispetto."

Mi sono seduto sul suo letto nel pensiero. Sono venuto qui pronto ad ascoltare uno stratagemma per mezzo peso, poi le dà un pugno in faccia, ora non so cosa fare. Si avvicinò e si sedette accanto a me.

"La stessa cosa mi è successa, ma mi sono assicurato che non sarebbe più successo, o per chiunque altro ho considerato la mia amica", ha detto mentre mi metteva la mano sulla gamba.

L'ho guardato per vedere quanto fosse autentica, ed era davvero genuina o degna dell'Oscar perché non riuscivo a capirlo in entrambi i modi, quindi mi fissai di nuovo in grembo.

"Fidati di me, meriti molto meglio di così."

"Non so cosa fidarsi in questo momento ..."

"Puoi fidarti di me", disse Ashley in un leggero sussurro.

La sua mano che era sul ginocchio mi ha fatto strada la gamba fino alla coscia, e prima che me ne rendessi conto mi stava toccando direttamente la mia figa, in effetti mi stava prendendo a coppa.

"Umm cosa stai facendo?" Ho detto guardandole dalla sua mano.

"Dandoti l'attenzione che non ha fatto."

"I- Oh mio Dio!"

Non ho fatto uscire un'altra parola mentre spingeva le mutandine di lato e mi sono infilato il dito medio. Gemetti forte mentre lo pompò dentro e fuori di me, aggiungendo un altro dito prima che mi togliesse completamente le mutandine senza che io ne rendesse conto L'avevo aiutata sollevando dal letto per lei. Sollevò il risvolto della gonna e spinse due dita nella mia figa. Ho afferrato i suoi lenzuola mentre cercavo di combattere l'impulso di urlare per piacere, senza mai sapere che farsi dita poteva sentirsi così bene. Mi baciò mentre sentivo un altro dito spingere il mio clitoride, cercando di farmi andare oltre il bordo. Stavo per venire, potevo sentirlo. Stava colpendo tutti i punti giusti con la giusta pressione come se avesse fatto un milione di volte. Non mi importava, tutto ciò su cui mi concentravo erano le sue dita magiche che lavoravano la mia figa, poi dal nulla mi facevo volare sulla mente, e un'immagine di Randy lo saltò e mi spaventava il bejesus fuori di me e di nuovo alla realtà. Mi sono seduto la testa e mi sono allontanato la mano dalla mia figa, alla sua disapprovazione.

"Hey, cosa c'è che non va?" chiese Ashley.

"Niente, devo solo andare", dissi, non sembrava affatto convincente.

Ho raccolto le mie cose (con l'eccezione delle mutandine che non riuscivo a trovare) e mi sono imbullonato dalla casa e ho iniziato a te. La mia mente era ronzante. Che diavolo è successo?


Ashley


Dannazione! L'ho quasi avuto! Un altro minuto e sarebbe stata stucco nelle mie mani! Almeno non è stata una perdita totale; Mi sono messo in testa, quindi non dovrebbe essere difficile farlo di nuovo. Ho chiamato Becky che era così ansioso di scoprire cosa è successo, ha risposto prima ancora che il primo anello finisse.

"Quello che è successo? L'hai presa? È ancora lì? " Becky ha parlato.

"Non è andata non molto tempo fa."

"Ha funzionato?"

"Non ancora, l'ho quasi avuto!"

"Dai dettagli, cosa è successo?"

"L'ho avuto nel palmo della mia mano, letteralmente, ma lei è tornata all'ultimo minuto."

"Beh, ora praticamente lo ha tradito, a meno che non si siano già lasciati."

“Però le ho sicuramente dato qualcosa a cui pensare. Accidenti ero così vicino! "

"Come stava?"

“Era davvero fottutamente stretta. Il cazzo di Randy non è poco, quindi o fa kegel o non fanno sesso, conoscendo Randy probabilmente quest'ultimo. "

"Allora qual è il piano adesso?"

"Beh, ci riproverò sicuramente ora che è confusa, ma ho bisogno di capire come farlo ora, è in guardia e ora sarà paranoica con me."

"E Rita?"

"È al limite, con una piccola cosa che minaccia di spingerla oltre, il momento perfetto per creare Chris."

"Accidenti, vorrei poter essere lì! Scommetto che ti stava gocciolando su tutta la mano. "

“Mi merito un Oscar; Ho avuto il dubbio tutto ciò che pensava fosse vero solo giocando bene! Se avessi avuto un altro minuto, sarebbe fuori a fumare una sigaretta in questo momento. "

"Beh, hai questo modo fuorviante di una bella scolaretta su di te che attira le persone."

“Chi io? Sono solo un affascinante rosso innocente senza ulteriori motivi! "

“Nessuna modestia neanche. Crederò che il giorno in cui Channing Tatum dice che è gay. "

“Qualunque cagna, potrei essere. Ok, devo richiamarti, devo ottenere il resto del mio piano. "

"Non mi hai ancora dato alcun dettaglio!"

"Dirò a te e a tutti gli altri più tardi. Chiamali e riempili prima. "

"La prossima volta che dovremmo essere tutti lì, non riesce a allontanarsi da tutti noi."

"Lo capirò. Chiamami con tutti in linea tra un'ora. "

"Ok, questo sarà fottutamente fantastico!"

Ho riattaccato e sono sceso di sotto per ottenere qualcosa da mangiare mentre mi è successo nella mia testa. Stephanie era un busto, ma non completamente. Ho piantato un seme, ora tutto quello che dovevo fare era suscitare qualche problema e guardarlo crescere. Potrei divertirmi molto con lei. Rita, d'altra parte, sarebbe stata un po 'più complicata. Ho attraversato il bancone e ho visto il telefono che Carina ha trovato l'altro giorno. L'ho raccolto e ho aperto lo schermo, era Rita. C'era una foto di lei che faceva un selfie con un cucciolo, e dato che era l'unica a perdere un telefono, era sicuro dire che era suo. Ho avuto la fortuna e lei non aveva una password protetta, quindi ho preso una banana e l'ho portata e il suo telefono nella mia stanza, forse potrebbe avere qualcosa di utile.


STEFANIA


Che diavolo era quello? Sono andato laggiù per ottenere alcune risposte, forse a pugni il viso, ma alla fine mi sono dito. Stavo accelerando la strada come se qualcuno mi stava inseguendo, ero così amplificato, e il fatto che ero ancora eccitato non aiutava neanche. Non sapevo cosa pensare ora. Avrebbe potuto facilmente spingere su Randy, ma avrebbe anche potuto indietreggiare, lo stesso per lui. L'ho fermato, potrei non averlo fermato subito, ma l'ho comunque fermato. Fanculo! Sono ancora più confuso di prima. Non so cosa fare della sua storia ora. Alcuni dei sono veri, e alcuni sono decisamente schifosi, ma quanto e quali parti? Cazzo se lo so. Ho chiamato la casa di Rita dal momento che non sapeva ancora dove fosse il suo cellulare, ma sua madre ha raccolto.

"Ciao signora S., c'è Rita lì?"

"Ciao Stephanie, no, è fuori a camminare il suo cane in questo momento."

"Puoi farmi chiamarmi quando torna?"

"Cosa certa. Oh, e mentre ti ho, anche se non sono affari miei, puoi per favore scoprire cosa è realmente successo prima di condannare Randy? So che non farebbe mai niente del genere, qualcosa non va nel modo in cui tutto è stato svolto. "

“Sì, penso di averlo capito in prima persona. Hai la mia parola signora S. "

"Grazie, amore. Sarò sicuro di dire a Rita di chiamarti non appena entra. "

"Grazie signora S. Ci vediamo più tardi."

Ho appeso il telefono e ho girato la nostra strada. Mi sono radunato il meglio che potevo mentre mi sono avvicinato al vialetto e sono entrato in casa. Era buio, il che significava che mamma e papà non erano ancora tornati e Chris non ha lasciato la sua stanza da quando sono andato da Ashley. Sono andato nella sua stanza e ho bussato alla sua porta finché non ha detto che era OK entrare Voi.

"Non spegnere il porno a causa di me che torni a casa", ho scherzato.

"Divertente. Allora come è andato? " Chiese Chris senza tanto che si allontanava dallo schermo.

Ho fatto un respiro profondo e ho deciso di dirgli solo la verità diretta. "Mi ha toccato."


CHRIS


Mi sono girato così in fretta che le mie cuffie sono volate dalla testa. "Aspetta di nuovo, lei cosa?"

Ha giocato con le dita e guarda i suoi piedi. "Mi ha toccato" ripeté più morbido.

Non so se ero confuso o perplesso di più. Questo mi ha colto così alla sprovvista che non volevo distrazioni mentre lo spiegava, quindi ho tagliato il gioco, nel mezzo di un deathmatch online, è stato così grave. "Come diavolo ha finito per farlo?"

"Mi stava dicendo cosa è successo e tutto, dicendo come Randy stava colpendo le altre ragazze quando non stavamo guardando e come è entrata per assicurarsi che non andasse troppo lontano."

"E quanto credi?"

"Ad essere sincero, non lo so, ma ha senso come ha detto."

"Questo perché è Ashley! Probabilmente ha provato l'intero discorso! "

"Non lo so, ma sicuramente avrebbe potuto scegliere un percorso migliore di quasi lo scopa."

"Quindi lasciami farlo direttamente, ha praticamente confessato tutto ciò che ha fatto con lui in faccia, ma è fuori di testa per perché l'ha fatto?"

"Non ho mai detto che era fuori di testa ..."

"Poi fa la sua magia su di te e mette la mano sulla gonna e ancora non ti prendi piede?"

"Non è così semplice, non è come se la abbia invitato a dirermi! Non ricordo nemmeno come sia successo, un minuto stavamo discutendo e il minuto successivo le mie mutandine erano spente, non sono andato laggiù con l'intento di essere dito ", dissi mentre guardavo la gonna.

"Non è ... dove sono esattamente le tue mutandine?" Chiese Chris mentre prendeva il mio lampo accidentale.

"Non lo so, sono ancora a casa sua da qualche parte, non riuscivo a trovarli."

Sospirai. "E sei ancora confuso su cosa sta succedendo? Andiamo Steph, sei più intelligente di questo! È una cosa del codice ragazza in cui il ragazzo ha sempre torto, non importa cosa? "

"C'è troppo da fare, non riesco a pensare dritto ..."

"Ti sta giocando! E ti stai innamorando! " Ho detto mentre mi avvicinavo a lei.

C'è stato un silenzio per un bel po 'di tempo mentre tutto ciò che è stato detto è stato assorbito. La guardai chiedendo come potesse lasciare che Ashley la manipolasse così dopo tutto quello che le aveva detto, dopo tutto quello che faceva. Non c'era modo di lasciarmi fare questo, nemmeno per un secondo.

"Non puoi seriamente darle il beneficio del dubbio", ho detto rompendo il silenzio.

"Non lo sono, guardo solo la situazione in modo diverso da te."

“Anche Rita? Essere arrabbiato con lui la rende ancora più incazzata con lui, qualcuno deve dare. Non c'è modo che Randy lo abbia fatto di proposito ed entrambi lo sapete. "

“Dai Chris, se tu fossi me e tu entrassi con Randy a baciare qualcun altro, saresti pazzo anche da morire, non stai pensando a ciò che li ha portati nella stanza, tutto ciò su cui ti concentri è la merda che sta accadendo davanti a te e quanto sei arrabbiato. "

“Posso capire che, davvero posso, ma devi guardarlo anche dalla sua vista, è stato ubriaco e ha detto che indossava le stesse cose che avevi, ha persino detto che i suoi capelli erano biondi, è un po ' Difficile credere che non fosse una configurazione. "

"Per qualcuno che è stato ubriaco ha sicuramente un grande ricordo ..."

"Andiamo Steph, siamo stati entrambi così, non puoi dirmi che non ricordi le piccole cose che sono successe proprio prima che tu stesse per fare sesso."

"Non sono quello di processo qui, non sei quello di processo qui, Randy è, Randy ha incasinato."

"Quindi se mi fosse successo la stessa cosa, ci crederesti anche tu?"

Mi guardò e iniziò a dire qualcosa, ma chiuse la bocca e si sedette lì con la testa giù per girare le dita.

"Lo prendo come un sì allora ..."

"No, non l'ho fatto ... puoi trattenere il tuo liquore meglio che può."

"Ma pensi ancora che mi scherzerei con Ashley, non ..."

"No Chris non l'ho detto! So che non lo faresti, è diverso con te. "

"Perché è diverso con me?"

"Tu sai perché."

"No, non so perché, quindi per favore dimmi così possiamo chiarire tutto questo."

"Perché ti amo cazzo, idiota!"

Ora è stato il mio turno di essere senza parole. Non l'ho davvero visto arrivare. Ero stato così concluso nella discussione che non ho notato, no, non dirò di aver notato, ma non ho riconosciuto le sue abitudini che fa quando vuole dire qualcosa. Le sue mani tremavano un po 'e ad essere onesti, anche le mie. Mi sono seduto accanto a lei e mi sono tirato i capelli dietro l'orecchio in modo da poter vedere il suo viso. Era un po 'rossa sulle guance ma il suo viso era ancora morbido e bello.

"Stefania…"

“Rita e Randy sono una copertina per noi proprio come noi per loro. Potremmo aver fatto cose con loro, ma era prima che tutto ciò accadesse. Camminando su di lui in quel modo, non mi sono arrabbiato con Randy, beh, ma è successo, tutto ciò a cui ho pensato eri tu. "

"Me?"

"Lo sguardo sul viso di Rita quando entrò su Randy mi fece quasi piangere. Era come se tutto ciò che avesse mai conosciuto fosse appena svanito. Sai come si sentono l'uno con l'altro, se questo potrebbe accadere a loro, per quanto sono innamorati, che possibilità abbiamo? "

Finalmente ha cliccato. Stephanie aveva appena ammesso di essere innamorato di me, ed ero a una perdita completa per le parole. Penso di saperlo da sempre, ma non stavo prestando attenzione abbastanza bene da risolvere tutto. Sorprendentemente, però, l'idea non mi ha scoraggiato, non per minimo, la rendeva solo molto più importante per me, ma perché il silenzio? È qualcosa che dovrei sapere.

"Perché non mi hai detto Steph?"

"Non era ovvio? Ti ho dato tutti i segni. "

"E la costante colpire su Randy e tutto questo?"

“All'inizio ero dentro di lui sì, ma quando ho iniziato a vedere come era con Rita, mi ha fatto guardarti davvero anche più di quanto non fossi già. Dopo un po 'ho persino iniziato a fare cose per renderti geloso, ma non hai mai preso piede. Sono venuto da lui proprio di fronte a te, puoi non aver preso il suggerimento, stupido! " Stephanie rise.

"Non sapevo che ci fossero sentimenti attaccati, ho pensato che fosse solo sesso con noi."

"Questo perché sei testato! Fondamentalmente continuavi a dire a Rita e Randy che non saremmo stati qualcosa di simile a loro, il che faceva male, quindi ho cercato di apprezzare Randy, ma non funzionava, tutto continuava a farmi pensare a te, anche quando io ho provato a non farlo. "
Avevo l'aspetto più stupido sul mio viso mentre spingevo tutto dentro. "Non lo sapevo davvero. Con tutte le battute "Kiss Ass" ho pensato che fossi sulla stessa pagina come me. "

“All'inizio ero, ma Rita e Randy lo hanno cambiato. Non puoi dirmi che non senti nulla quando li vedi un calcio insieme. "

“L'ho fatto, ma l'ho sempre forzato. Randy ha persino detto qualcosa al riguardo e non gli ho detto. Non avrei mai pensato che avremmo salito al loro livello, ma ... "

"Ma, ma cosa?"

"Ma molto è cambiato. Rita e Randy mi hanno cancellato. Ho iniziato a diventare geloso quando avrei visto che fai qualcosa con Randy, quindi mi sarei distinto con Rita dieci volte più forte, e stasera, se avessi fatto sesso con lui, non credo che avrei avuto stato in grado di nasconderlo. "

"Non avremmo fatto sesso reale, solo un sacco di cose che lo portano. Non volevi tutto questo tra la roba, quindi lo avrei preso da Randy e mi saremmo bastati al sesso. "

Era ora di fare una mossa. Se non avessi detto nulla ora, allora sarei bloccato negli amici con la zona di benefici con mia sorella, c'è una frase che non avrei mai pensato di dire. Le presi la mano e aspettai che lei mi guardasse, e quando lo fece, quasi dimensi cosa avrei detto. È incredibile come sentimenti ed emozioni possano renderti senza parole a una persona che hai conosciuto per tutta la vita, ma non eravamo solo fratello e sorella o partner sessuali, non più.
"Non so se arriveremo mai dove sono Rita e Randy, ma sono più che disposto a provare."

Non ha detto nulla, mi ha appena guardato con i suoi occhi blu brillanti e sorrise. Non riuscivo a distogliere lo sguardo, è come se fossi intrappolato nello sguardo, ma era una bella sensazione, una non che non avevo mai provato prima, ma disposto a esplorare al massimo. Mi mise una mano sulla guancia e sospirò, come se un peso fosse sollevato da lei e poteva respirare di nuovo felice.

"Ti amo Chris."

"Ti amo anche io Steph", dissi senza esitazione.

"Voglio dire, ti amo davvero", ha detto mentre chiudeva quel piccolo spazio che avevamo tra di noi.

Sono andato a dire che ti amo di nuovo, ma mi ho fermato tirando la

Storie simili

Una nuova esperienza

Anita era così eccitata domenica mentre doveva partecipare alla festa di compleanno della sua migliore amica a casa sua. Erano le 16:30 quando era uscita di casa, tutta vestita e orgogliosa del suo aspetto. Ooooooooo! le persone rimarranno davvero sbalordite quando la vedranno con questo nuovo vestito rosso. Saranno davvero gelosi di lei oggi. pensando questi pensieri a se stessa. Finalmente era arrivata a destinazione. era la sua prima volta a casa del suo amico poiché conosceva solo il Block e non c'era mai stata prima. Ha iniziato a localizzare l'appartamento. Mentre lo faceva, suonava in un appartamento nel caso in...

578 I più visti

Likes 0

La migliore amica di mia figlia, parte 1

Questa storia è finzione ed è stata originariamente scritta a mano su un quaderno scolastico a spirale prima ancora che i computer portatili fossero inventati. Probabilmente mentre lavoravo come proiezionista al cinema nei primi anni ottanta. L'ho trascritto per la prima volta in un primo elaboratore di testi circa 20 anni fa e ho salvato i floppy disk fino a quando non ho acquistato un computer moderno. Ecco il testo, così com'è. Spero vi piaccia. La migliore amica di mia figlia, parte 1 Erano circa le 3 del mattino ed ero seduto al tavolo della cucina, con il mio taccuino davanti...

528 I più visti

Likes 0

Angelo 2

Angelo 2 © Questa è una fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone o luoghi reali è casuale. ************************************************** **************** Angel lo fissò sorpreso, mentre l'uomo dall'aspetto divertente è i pantaloni a righe tamponati le lacrime che gli scorrevano sul viso con la coda. Chi sei? Lei chiese. Smise di piangere abbastanza a lungo per rispondere. Pensavo che lo sapessero tutti. Egli ha detto. Sono il gatto dalla coda spogliata. Disse agitando la coda con orgoglio. “La maggior parte mi chiama Stripe. Vedi quanto è lunga la mia coda? Non sono belle le strisce? Angel ha convenuto che la coda era davvero carina...

1.5K I più visti

Likes 0

La rissa bestiale di Bridezilla Brenda -- Parte 3 -- Domare un monello viziato

La rissa bestiale di Bridezilla Brenda Parte 3 -- Addomesticare un monello viziato Cast di personaggi con nome in questa serie: Brenda Robinson -- 26 anni, alta 5'10 140 libbre --- Sposa. Arrogante, viziato, prepotente, ricco, egocentrico e oh così alto e bello. Bradley Eaton -- 27 anni, alto 6'2 pollici, 180 libbre --- Sposo. Studentessa laureata in fisica. Intelligente, laborioso, bello, fedele, affidabile. Amy Robinson -- 21 anni, alta 5'10 e 125 libbre --- Damigella d'onore. Studente universitario di fisica. Intelligente, laboriosa, timida, carina, modesta e molto simpatica. Betty, Susan e Rebecca -- 25-27 anni --- Damigelle d'onore. I migliori...

1.4K I più visti

Likes 0

Il prigioniero (parte 3)

La sveglia di Stephen è suonata alle 6:30 del mattino. «Era strano; la sveglia di solito suonava alle 7.' Si girò per cercare di riaddormentarsi, poi saltò in piedi, ricordando cosa lo stava aspettando al piano di sotto e perché aveva impostato la sveglia così presto. Si alzò, si fece la doccia e si preparò per il lavoro, quindi scese le scale in cucina; mise una fetta di pane nel tostapane e poi scese i gradini fino al seminterrato. Poi spinse la porta del seminterrato e guardò dentro. Ed eccola lì, Jennie Connelly, ancora legata con le gambe divaricate completamente nuda...

1.4K I più visti

Likes 0

Il wrestling ci ha fatto iniziare....

Quando avevo 18 anni avevo un amico intimo con cui uscivo tutto il tempo. Il suo nome era Davide. Anche se entrambi eravamo interessati alle ragazze e all'epoca avevamo amiche fisse, abbiamo trascorso molto tempo insieme e siamo riusciti a finire con qualche sperimentazione sessuale l'uno con l'altro. La prima volta che abbiamo fatto qualcosa, stavamo scherzando sulla dimensione del cazzo e continuava a insistere che era più grande del mio. Ci eravamo visti i cazzi l'uno dell'altro e il suo sembrava essere uguale al mio. Ma ha affermato che è diventato molto, molto più grande quando è diventato difficile. Ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

653 I più visti

Likes 0

Sam & Alicia 9

Ho scritto questo supponendo che tu abbia già letto Sam & Alicia da 1 a 8. Quando mi sono svegliato la mattina dopo, Katrina era appoggiata su un gomito e mi guardava. Sembrava felice. “Buongiorno dormiglione. Avete dormito bene? “Sì, ho dormito come un sasso. Sembri felice. Vuoi un'altra scopata? “Sì, mi sento molto felice. Dovrei essere scioccato da tutte le cose che ho imparato su di te ieri sera, ma non lo sono. Invece mi sento orgoglioso che tu mi abbia incluso in tutto il tuo sesso. I miei genitori sarebbero inorriditi se lo sapessero, ma sono solo entusiasta di...

680 I più visti

Likes 0

Il giorno libero di Sam

Quando suonò l'allarme, tutto ciò a cui Sam riuscì a pensare fu altri 9 giorni e questa merda sarà finita! Sam era un liceale di 17 anni a cui mancava poco più di una settimana per diplomarsi. Ha sempre avuto un disprezzo particolare per il concetto di scuola. Sembrava che più si avvicinava alla fine, più odiava andarci. Tuttavia si alzò dal letto, si asciugò il freddo dagli occhi e continuò a prepararsi per la giornata a scuola. Proprio mentre usciva dalla sua camera da letto verso il bagno, Sam sentì sua madre uscire di casa per andare al lavoro. Sam...

275 I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.