Megan e la mamma vengono beccate

747Report
Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo soldi giocando a poker su internet dal mio computer portatile. Questo se non ricevo un pasto gratuito in un bar locale, bevo una pinta di birra nella stanza sul retro di un pub o visito un'amica che è marito o fidanzato potrebbe essere al lavoro o fuori con i suoi amici. Sì, la vita è davvero così dura quassù in alta campagna.

L'unica cosa che non mi piace è fare il turno notturno dalle dieci alle sei. Non puoi avere una birra gratis dopo le dodici in punto! Tuttavia, a volte ci sono compensazioni, a volte gloriose. Quello che segue è un resoconto di una di queste notti d'estate.

Erano circa le undici. Avevo appena impostato il radar su una strada secondaria e ora ero impegnato a bere caffè da una fiaschetta e a leggere l'ultimo romanzo di Irvine Welsh, riflettendo su quanto bene sembra capire quei tratti maschili scozzesi di razzismo occasionale, abuso di alcol e piccola corruzione, quando Sono stato bruscamente interrotto quando si è accesa la vecchia luce rossa di viaggio. Una grande Range Rover è scivolata via, circa venti miglia all'ora più veloce di quanto avrebbe dovuto. Ho buttato il caffè fuori dalla finestra, ho lasciato cadere il libro e l'ho inseguito; sirene accese. Oh, come amo quel suono.

L'ho inseguito velocemente e quando l'auto si è fermata ho parcheggiato di fronte. Ho chiamato e controllato la targa - Era un veicolo noleggiato - poi mi sono avvicinato, mano sulla mia pistola Tazer; beh, non sai mai cosa potrebbe scatenarsi in questi giorni, e non l'ho ancora usato su nessuno, il che è sicuramente un peccato.

C'erano due figure nella parte anteriore del veicolo. Il finestrino del guidatore si è abbassato e si è accesa una luce interna. Parlò una voce femminile preoccupata con una specie di accento americano.

"C'è qualche tipo di problema qui agente signore?"

L'ho guardata in faccia; era un'attraente donna di mezza età con grandi occhi verdi vivaci, labbra piene e sensuali e folti capelli castani ondulati. Ho sentito un leggero nodo allo stomaco e le mie sopracciglia si sono alzate leggermente.

"Oh, no, non c'è nessun grosso problema qui mamma", risposi, cercando di nascondere la lieve eccitazione che una donna di bell'aspetto in qualche modo induce sempre in me. «Però stavi andando a cinquanta miglia all'ora in una zona di trenta. Potrei doverti dare una multa per eccesso di velocità.

Ora parlò una voce femminile diversa, dal suono più giovane, questa volta dal sedile del passeggero anteriore.

"Accidenti mamma, papà sarà davvero incazzato se c'è un'altra multa da pagare!"

Mi chinai ancora di più e la guardai. WOW, che bellezza! Questa era una giovane donna dall'aspetto davvero raffinato, forse nella tarda adolescenza. Aveva lunghi capelli biondi lisci con qualche ciocca color fragola, molto trucco e un viso più stretto e definito della sua "mamma", ma le labbra carnose e gli occhi verdi maliziosi e incantevoli erano proprio gli stessi. Sembrava avere una bella figura snella con tutte le curve anche nei punti giusti. Ho sentito un leggero ispessimento sul davanti dei pantaloni.

"Potete entrambi scendere dall'auto per favore e mostrarmi un documento d'identità."

“Oh, sì signore,” rispose la mamma, basandosi sul rispetto probabilmente finto un po' troppo perché suonasse vero. Poi entrambi scesero e si fermarono passivamente. La mamma era piuttosto completa; indossava un lungo abito floreale rosso chiaro e giallo lungo fino alla caviglia. Sua figlia indossava jeans attillati e un top sulla pancia. Le sue tette vivace sporgevano alte e orgogliose e il suo culo era stretto e perfetto; come due piccole pesche tonde. Ho iniziato a interrogarli, solo per ottenere quante più informazioni possibili per motivi personali piuttosto che professionali. La mia curiosità è stata suscitata, quindi parla.

La mamma era ancora in uno stato d'animo educato e collaborativo. “Mi chiamo signora Lisa Liebesperma, e questa è mia figlia Megan, signore. L'abbiamo raggiunta ieri. Veniamo da Des Moines, Stati Uniti. Megan è una studentessa che inizierà la laurea in giurisprudenza presso l'Università qui nella bellissima Scozia il mese prossimo, e io e mio marito la stiamo aiutando ad ambientarsi e ad avere una vacanza in questa bellissima terra. Mi lanciò un grande sorriso insincero e servile. «Alloggiamo all'hotel circa un chilometro e mezzo più avanti su questa strada. Mio marito è andato a giocare a golf oggi e siamo stati in città, e poi stasera siamo andati a vedere una band. Mi dispiace di aver accelerato, signore, avevo troppa fretta per tornare a letto. Il jet lag è una tale seccatura.

Ho controllato e chiamato i loro documenti d'identità, che andavano bene, notando che Megan aveva diciannove anni e sua madre quarantatré. A questo punto avrei dovuto solo scrivere una multa e lasciarli andare, ma in realtà stavo cercando una scusa qualsiasi per riportarli alla stazione di polizia. Avevo progetti, beh, speranze, per questi due. Ho chiesto alla mamma se avesse bevuto alcolici; ha detto che non l'aveva fatto, ma l'ho respirata lo stesso. Era negativo. Entrambi cominciarono a diventare un po' irrequieti, impazienti di andarsene.

"Controllerò solo le vostre borse signore e poi potete andare per la vostra strada", ho detto loro.

Questo sembrava infastidire Megan. “Non puoi semplicemente lasciarci andare? non ce n'è bisogno, vero?

L'ho ignorata e ho controllato le loro borse sul cofano dell'auto. La mia torcia ha rivelato che la borsa della mamma non conteneva nient'altro che l'ordinario, ma quella di Megan... beh, bene, bene. Dentro un pacchetto di sigarette c'erano quattro spinelli arrotolati a mano e alcune pillole, probabilmente Ecstasy. Sorrisi tra me, stava migliorando. Le canne le avrebbero solo procurato un avvertimento, ma l'Ecstasy, beh, quella era un'altra questione. Era nei guai e lo sapeva. Tenni aperto il pacchetto e mostrai a entrambe le donne il contenuto.

Megan gridò con voce in preda al panico: "Mamma, non sono miei, onestamente mamma, non so cosa siano o cosa ci facciano lì!"

"Accidenti Megan", ribatté sua madre con voce furiosa, "Stupida piccola puttana!"

"Ok", dissi, "Voi due venite con me, vi arresto per sospetto possesso illegale di stupefacenti di grado uno e tre".

Ho girato Megan e le ho ammanettato i polsi. Sua madre ha protestato ad alta voce che non era necessario. Ho ammanettato anche lei e li ho condotti sul retro della mia macchina di pattuglia. "Attento alla testa", dissi, quasi ridendo mentre li spingevo sui sedili.

Ho chiamato la stazione per dire che stavo portando dentro due "sospetti". C'era solo il sergente, il vecchio Billy, di servizio lì. I dieci minuti di viaggio sono stati esilaranti, con la mamma che massacra verbalmente Megan sui pericoli della droga, infrange la legge, scherza con i ragazzi sbagliati, la vergogna che stava procurando loro, ecc. come sarà tra un po'!”

Siamo arrivati ​​alla stazione. Il vecchio Billy, sorseggiando un bicchierino di whisky piuttosto piccolo, mi fece l'occhiolino e si accarezzò la barba grigia, indovinando, forse, come sarebbe andato a finire un mio "interrogatorio". Ho tolto loro le manette, li ho portati nella suite di custodia e ho fatto loro segno di sedersi.

La mamma era ancora furiosa. “Voglio fare delle telefonate, mio ​​marito ci aspetta e ci serve anche un avvocato”.

“Questo può aspettare,” dissi, “Non sei stato ancora accusato. Potrebbe essere necessario esaminare i narcotici in un laboratorio per determinarne l'esatta natura, e dovrò anche perquisire entrambi per qualsiasi altra sostanza illegale nascosta. Se non viene trovato nient'altro, posso, posso solo lasciarti andare senza accuse, ma se mi causi problemi verrai mandato in prigione in attesa di giudizio prima di comparire davanti ai tribunali, il che potrebbe richiedere alcune settimane. Questa era una stronzata totale, ma sembravano inghiottirla.

«Senti», dissi, cercando di iniettare nella mia voce una nota di simpatia e comprensione. “Ci sono due modi in cui possiamo gestire la cosa. Il modo facile e il modo difficile. Pensateci signore, torno tra cinque minuti.

Li ho lasciati soli e sono andato da Billy alla reception, dove come al solito abbiamo parlato di sport. Stava guardando il suo dvd di calcio preferito su un piccolo televisore per circa la novecentesima volta: "Le dieci migliori vittorie dei Glasgow Rangers contro il Celtic". Gli ho spiegato lo scenario; abbiamo condiviso una delle canne di Megan, poi, dopo un addio, "Divertiti figliolo", e alcuni batti cinque da parte di Billy, sono tornato dai miei due "criminali", un brusio felice e calmo che emanava da tutto il mio essere. Le due donne sembravano entrambe serie; Megan sembrava arrabbiata e la mamma un po' rassegnata.

"Ok allora signore, ho parlato con il mio ufficiale superiore e sembra che debba condurre una ricerca interna per verificare la presenza di altro contrabbando."

Questa notizia sembrò impiegare qualche secondo prima di essere compresa correttamente. Poi il comportamento educato, quasi sottomesso, della mamma nei miei confronti è cambiato totalmente quando questa informazione ha preso piede.

"Non c'è modo! Vaffanculo stronzo, questa è una grave invasione dei nostri diritti umani e totalmente illegale pervertito.

Megan si unì a lui, i suoi occhi verdi fiammeggianti. “Sì, fatti fottere, stramboide; non puoi farlo. Io studio legge, andiamo subito o ci saranno problemi.

In linea con la mia formazione, sono rimasto calmo davanti a questo doppio assalto verbale, limitandomi ad osservare: “Non parlarmi della legge del mio paese. Questo è un caso legato alla droga, ora voi due vi spoglierete nudi o finirete in prigione per entrambi".

"Mamma", ha gridato una furiosa Megan in risposta, "Fermalo, non è assolutamente possibile che ciò accada. È solo un malato che cerca eccitazioni sessuali mettendoci a nudo!

"Bene", ho risposto, "Sei una donna perspicace, posso vedere che hai tutto il cervello per fare bene alla tua università Megan."

Adesso la mamma cercava di essere di nuovo educata. “Senta, per favore non ci faccia fare questo agente, signore. Possiamo pagarti un po' di soldi per porre fine a tutto questo, ok?"

“Beh, ora stai aggiungendo il tentativo di corruzione agli altri tuoi potenziali reati,” risposi con calma, pensando che avrei comunque 'liberato' un paio di centinaia di contanti dalla sua borsa. "Smettila di prendermi in giro e togliti quei vestiti adesso!"

Dopo un altro paio di minuti di suppliche da parte della mamma e abusi verbali da parte di Megan, ho ribadito il punto. "Spogliatevi o andrà in prigione, signore."

“Mamma, non farlo,” implorò Megan, mentre la donna più anziana iniziava a sbottonarsi il vestito tradizionale.

"Hun", ha risposto la mamma. “Facciamola finita, e forse, solo forse, quando saremo entrambi qui nudi imparerai una lezione. È chiedere troppo?"

Megan ha fatto un ultimo appello che è caduto nel vuoto mentre la mamma si toglieva il vestito e si toglieva rapidamente ed efficacemente il reggiseno bianco e le mutandine.

Le ho ordinato di mettere le mani contro un muro mentre i miei occhi la assorbivano. Avevo decisamente sottovalutato il fascino di questa donna alta e matura. Aveva tette grosse, pesanti e sode sormontate da capezzoli brunastri semplicemente belli ed enormi, che erano massicciamente eretti. La sua vita era piuttosto sottile in proporzione ai suoi fianchi larghi, e soprattutto aveva delle natiche grandi, piene, ma ancora abbastanza sode e rotonde. Aveva un grande cespuglio pubico scuro che era stato tagliato corto. Il mio cazzo stava combattendo la sua costrizione. Qualunque siano le circostanze, sicuramente la bellezza è una cosa da ammirare?

A malincuore, in un certo senso, mi sono rivolto a Megan. "Ok signorina testa di droga, sto aspettando, togli i vestiti."

"Per favore, agente", implorò. "Almeno lasciamelo fare in un'altra stanza!"

«Megan», disse la mamma. "Fallo e basta tesoro, facciamola finita il più velocemente possibile."

Dietro alcune lacrime chiaramente finte, presumibilmente a beneficio di sua madre, Megan finalmente se la cavò, per togliersi le scarpe, sfilarsi i jeans e il perizoma e poi via con la parte superiore della pancia e un reggiseno blu scuro. Si coprì l'inguine con le mani. Megan era davvero bellissima, alta circa un metro e novanta, snella con gambe lunghe, un magnifico sedere piccolo, stretto e rotondo e un seno perfetto e vivace di media grandezza, sormontato, come sua madre, da enormi capezzoli castani eretti, che, su ciascuno, sebbene ci fossero usi migliori, potresti facilmente appendere un cappotto pesante. Le ho ordinato di mettere le mani contro il muro e ho osservato la sua bella figa, che era totalmente priva di peli. Sembrava grande perché il suo culo era stretto e piccolo.

«Megan», spiegai. “Poiché sei stato trovato con la droga, in linea con la procedura della polizia ho bisogno di perquisire le tue cavità vaginali e anali. Quello che ho bisogno che tu faccia per me è stare in piedi con le gambe divaricate, sporgere il sedere più che puoi e rilassarti. Questo processo non richiederà molto tempo”.

Sorprendentemente ha acconsentito immediatamente alla mia richiesta, e con la sua voluttuosa mamma in piedi accanto a lei, con le mani contro il muro, mi sono infilato i guanti chirurgici e ho allargato quelle piccole guance sode e strette. Mi sono inginocchiato in modo che la mia faccia fosse molto vicina alla sua figa; c'era quell'odore unico davvero delizioso di succo di figa che mi assaliva le narici. Mmm, è stato meraviglioso. Ho separato le sue belle labbra rosa, poi ho infilato un dito nel suo tunnel dell'amore. Era bagnata!

Avrei dovuto usare della gelatina KY come lubrificante, ma non ce n'era davvero bisogno. Megan dimenava il sedere mentre spingevo in profondità la nocca del dito e emettevo un sospiro di piacere chiaramente udibile mentre la penetravo con un secondo dito.

“Va bene Megan, le ho detto. "Non c'è chiaramente nessun contrabbando nascosto lì." Appena prima di togliere le dita le diedi un paio di veloci spinte tipo 'fottuto', provocandole un altro sospiro. "Ora devo fare la ricerca rettale."

Aprii di nuovo le sue guance tese. Il suo buco del culo era stupendo; rosato e raggrinzito. Mi misi un po' di KY sulle dita e ne feci scivolare uno dentro. Hmmm, non così stretto come pensavo. La giovane Megan chiaramente non era estranea ai piaceri del sesso anale. Questa volta sospirò più forte. "Mmmmm." Stava cominciando a piacermi sempre di più, quindi le ho infilato un secondo dito nel sedere e dall'altra mano tre dita nella sua bella figa rosa. Cominciai a spingere dolcemente e con fermezza dentro e fuori da entrambi i deliziosi orifizi. Le sue natiche si stavano stringendo forte e gemeva piacevolmente. Questo è continuato per un paio di minuti. Ho percepito dal modo in cui i suoi buchi mi stavano quasi mungendo le dita, i succhi abbondanti che stava perdendo e il suo respiro affannoso che Megan stava per venire.

Ahimè, questa fantasticheria è stata in qualche modo bruscamente interrotta dalla mamma, che, senza che me ne accorgessi, si era spostata dalla sua posizione contro il muro e da dietro mi aveva tirato indietro le braccia, facendo ritrarre le mie dita con un suono udibile di "schlop".

La mamma era furiosa. “Ma che cazzo stai giocando a quel bastardo. Non è un esame, è una dannata scopata con le dita!

Questo, sebbene vero, mi ha in qualche modo infastidito. “Ok signora,” dissi, afferrandole i polsi e costringendola a chinarsi su un tavolo vicino. "È il tuo turno." Mio Dio, il suo culo grosso e ben fatto era magnifico.

"Pezzo di merda", ha ribattuto la mamma. "Ti sei divertito, ora lasciaci andare!"

Megan è apparsa vicino alla mia spalla e mi ha strofinato una mano sul fianco. "Calmati mamma", disse. “Rilassati, non è così male come sembra.”

"Perché piccola troia, posso vederti per quello che sei adesso", la rimproverò la mamma. "La tua indennità è in grave pericolo quando tuo padre lo scopre!"

«Stai zitta», le dissi. "Metti fuori quel grosso culo, devo controllare se c'è contrabbando."

"Ho solo pensato che visto che ti sei divertito, forse potremmo andare adesso!" Lei gridò.

"Non ho ancora finito con te, signora Liebesperma," ringhiai nel suo orecchio, mentre strofinavo il bacino contro il suo fondoschiena.

Il suo tono cambiò quando sentì la mia furiosa erezione contro il suo culo. "Per favore, agente, sono sposata," borbottò. Come se mi importasse!

"Accidenti mamma", ribatté Megan. "Come se questo ti avesse mai fermato."

“Stai zitta piccola puttana”, ha risposto la mamma.

“No, non starò zitto. Come se ti fottesse un cazzo di essere sposata con papà quando ti sei scopato quel tizio delle pulizie l'anno scorso. O quando avevi quella relazione con il nostro "bravo vicino" signor Kroeger. Accidenti, non hai nemmeno fatto niente quando hai visto quel bastardo afferrarmi e palparmi le tette a quella festa di Natale, fottuto ipocrita.

Bene bene, sembrava che ci potesse essere una bella svolta di vendetta in questo scenario, ho pensato allegramente.

Megan ha continuato. “Ora prendi quello che vuole darti. Guarda come ti piace!

"Perché tu", ha iniziato a rispondere la mamma in modo aggressivo prima che la fermassi sculacciandole forte il culo e gridando: "Chiudila! Ora collaborerai o vuoi la prigione?" Docilmente lei rispose: "Sì, acconsentirò".

Soddisfatto di questo, mi sono voltato per lubrificare un nuovo paio di guanti, ma Megan mi ha preceduto, sorridendomi mentre mi applicava un po' di KY sulle dita. Ho separato le grosse natiche della mamma. Mmmm, che delizioso anello da culo aveva; tutto rugoso e leggermente disteso. Ho infilato un dito dritto dentro. "Ahhhh, ha pianto." La mamma era molto più stretta di sua figlia. Immagino che non le sia mai piaciuta l'amore da dietro le quinte.

"Per favore, signore", supplicò. “Smettila, fa male.”

Ho fatto una rapida indagine in giro, con suo evidente disagio. «Va bene», esclamai. "Ora girati e sdraiati sulla schiena sul tavolo con le gambe divaricate." Lo ha fatto ma era palesemente insoddisfatta della situazione.

«Per l'amor di Dio», supplicò. “Questo è così umiliante. Per favore fermati."

Ignorandola, ho infilato rapidamente un paio di dita nella sua deliziosa figa dai capelli scuri, rifinita, che era di un colore rosso intenso, diverso dal grazioso tunnel rosa di sua figlia. Era gentile e umida e non ha dato alcuna reazione reale se non lanciandomi uno sguardo sarcastico da "un vero grosso problema". Ho spinto abbastanza vigorosamente dentro e fuori la sua figa succosa e fangosa. Aveva un clitoride davvero grosso e prominente che cominciava a mostrarsi con effetti sempre maggiori. Ho iniziato ad accarezzarlo dall'interno, poi a passarci sopra il pollice dall'esterno. Questo ha fatto andare avanti la vecchia vacca; i suoi fianchi erano in controtendenza e lei stava stringendo i denti. I suoi enormi capezzoli scuri la sua enormemente eretto. Ho dato a ciascuno di allora un succhiare e un morso.

"Beh, guarda un po'", intervenne Megan. "Sembri una cagna in calore, mamma." La mamma non ha risposto, ha solo emesso dei gemiti bassi.

Megan ha quindi iniziato a lavorare il suo clitoride mentre continuavo il mio "esame" poco professionale della mamma. Poi, con mia grande sorpresa, la giovane donna ha cominciato a massaggiare il mio cazzo furioso attraverso i miei pantaloni. Mi sentivo davvero bene. Ho tirato fuori le dita dalla figa della mamma, mi sono chinato verso Megan e ho sussurrato in un orecchio delicato. "Succhiamelo."

"Ok", rispose Megan, sorridendo. "Allora siamo tutti a posto, senza accuse?"

"Forse", risposi.

"Mamma", mormorò Megan. "Potrei aver trovato un modo per uscire da questo casino, ma, per favore, tieni gli occhi chiusi."

Megan si inginocchiò e, con una mano ovviamente ben esperta, slacciò il bottone dei miei pantaloni, tirò giù le mosche e mi tolse rapidamente i pantaloni e le mutande. La mia spessa erezione di otto pollici si liberò.

Megan, no! La mamma abbaiò. Ma questo non ha superato la bella bionda. Mi guardò sfacciatamente sorridendo sia con i suoi vividi occhi verdi che con la bocca, prima di sputare sul mio cazzo e leccarlo, ricoprendolo di saliva. Poi, mantenendo ancora il contatto visivo, mi ha preso in bocca, ha chiuso le sue labbra carnose e ha bevuto via, succhiandomi davvero in profondità. Ho fatto scivolare un paio di dita nella figa bagnata di succo della mamma. "Sua figlia succhia certamente un cazzo cattivo, signora Liebesperma", le dissi.

"Vaffanculo stronzo!" Fu la sua risposta piuttosto priva di fascino. "E toglimi le dita adesso!" Ne ho inserito un terzo.

Megan mi stava davvero succhiando forte ora, divorando letteralmente il mio cazzo come un mini aspirapolvere. Potevo sentire le mie palle stringersi in quel vecchio modo familiare, ero molto vicino a venire. Megan lo ha percepito e con un 'pop' udibile ha rilasciato il mio strumento pulsante. La mia temporanea delusione per questo fu, tuttavia, alleviata, quando la giovane sfacciata sfacciata mi fece l'occhiolino e annuì alle mie dita, che stavano ancora lavorando su sua madre, che in quel momento era lei stessa tornata a quel gemito soddisfatto, e stava mungendo le mie dita con i suoi muscoli della figa.

'Vuole che scopi sua madre', fu il mio ovvio pensiero. Beh, davvero sarebbe stato molto poco galante ignorare la richiesta del mio nuovo amico. E pensare che prima Megan si era riferita a me come "un pazzo in cerca di eccitazioni sessuali". Parla della pentola che chiama il bollitore nero!

Ho ritirato le mie dita dalla bella figa fradicia della mamma. "È ora di darti un piccolo extra, signora", le dissi.

«Bastardo», rispose lei, ma senza toni di sfida nella voce. Allargò leggermente le gambe aprendo la sua fica matura spalancata alla vista completa.

Mi sono infilato dentro di lei con fermezza, le palle in profondità e l'ho tenuto lì. Si sentiva più stretta di quanto avrei pensato. "Sei davvero un cattivo figlio di puttana", ha osservato, ma ha fatto un sorriso soddisfatto quando ho iniziato a cavalcarla e giocare con i suoi enormi capezzoli gommosi.

Megan si è seduta sul tavolo, guardando attentamente me e la mamma scopare con un sorriso delizioso sul viso. Stava anche pizzicando i suoi grandi capezzoli e talvolta lavorando il suo clitoride. Amava la scena. "Almeno ora non dirai a papà che fumo droga o succhio cazzi, eh mamma."

La stanza iniziò davvero a inzupparsi del dolce profumo del sesso e del suono della pelle che schiaffeggiava, mentre aumentavo il ritmo e mi scagliavo contro la mamma. Ho messo le mani sul suo grosso clitoride e ho lavorato bene quel bel bocciolo.

“Ohhhh, Ahhhhh. Scopami, grosso bastardo», implorò la mamma. Cominciò a mordersi il labbro inferiore. Poi strillò ad alta voce; la sua spina dorsale si inarcò all'indietro come un arco e lei venne in grande stile. Potevo letteralmente sentire il suo sperma proiettile, mentre il suo succo di figa si spalmava su entrambe le nostre cosce.

Ho tirato fuori ancora duro come la roccia e non speso, mi sono chinato, ho baciato profondamente la bocca della mamma e ho massaggiato i suoi grandi seni ansimanti. "Ok, signora L, ci siamo occupati della sua multa per eccesso di velocità."

"Possiamo andare ora agente?" chiese la mamma.

«No, non ancora, c'è ancora il piccolo problema delle canne e delle pillole di tua figlia», risposi. Quindi, guardando Megan ancora sorridente, le disse: "Chiuditi sul tavolo, per favore, signorina, e spingi fuori il sedere". Ha gentilmente acconsentito alla mia richiesta.

Ho avvicinato il viso per osservare appieno le delizie che questa giovane donna aveva da offrire. Dato che, a differenza della sua mamma più voluttuosa, aveva le natiche piccole, la sua figa rosa e gonfia sembrava proporzionalmente grande, e il suo odore era forte e incantevole. L'ho leccata da dietro con la lingua, assaporando e assaporando il nettare che è il succo d'amore di una giovane donna; un drink di cui non mi stancherò mai fino al giorno della mia morte.

Non volendo sembrare egoista o scortese, le ho fatto rotolare la clitoride e l'ho portata vicino all'orgasmo. Queste erano due donne molto orgasmiche, per non dire altro. Ho leccato Megan, che ha le chiappe dove si dimenava. Stava sgroppando e quasi gocciolava sperma. Con un rapido movimento mi sono tirato indietro, ho allineato i fianchi e ho portato a casa il mio grosso cazzo, le palle in profondità. L'ho martellata, l'ho scopata come un treno, pizzicandole le tette e sculacciandole il culo. La giovane donna è venuta come una banshee: gemendo, sgroppando, grugnendo come un animale selvatico felino.

Mi tirai indietro e fuori, poi raccolsi il mio fiato piuttosto irregolare per un minuto mentre Megan si accasciava in avanti sul tavolo, ma con quel sedere invitante ancora esposto. Ho sentito la mamma fare una leggera risata, seguita da "Megan, sei davvero una troia tesoro".

Mi sono inginocchiato di nuovo e le ho aperto le natiche; leccai l'anello del buco del culo con la mia lingua e poi lo infilai proprio dentro il suo culo, assaporando un odore muschiato ma piacevole. Dovevo solo scoparmelo.

Con l'intenzione di prendere la gelatina KY, mi voltai e vidi che la mamma si era vestita. Sorrideva e aveva in mano il KY che mi ha subito passato. «Grazie», dissi, sinceramente.

Ne ho applicato una generosa quantità al mio cazzo e poi ho iniziato a lavorarne un po' nel sedere di Megan. "Mamma, fermalo per l'amor del cielo."

"Stai zitta, piccola troia", ha risposto la mamma. “Comportati come una puttana Missy e verrai trattata come una puttana. Potresti imparare una lezione anche sull'avere droghe. Guarda dove ti ha portato. Ora stai zitto, prendilo, e possiamo andarcene da qui.»

"Sì", ho concordato. “Oh, e Megan, siamo aperti su questo. Il tuo buco del culo non è neanche lontanamente stretto come quello di tua madre. Non sarà esattamente la tua prima inculata, vero?»

Questo non ha portato risposta, quindi mi sono avvicinato delicatamente, all'inizio di circa tre pollici di profondità. Megan irrigidì le natiche e sembrò leggermente a disagio. Tuttavia, il suo anello si è presto allentato e lei ha emesso alcuni delicati gemiti di piacere mentre lavoravo più a fondo dentro di lei e la scopavo lentamente.

«Cos'è questo», disse la mamma. Sembrava che avesse trovato uno dei manganelli delle nostre ufficiali donne, o "dildo" come li chiamiamo di solito. Sono fatti di gomma solida, sono lunghi circa nove pollici e la mamma ne stava lubrificando uno!

La mamma ha preso il controllo. La malata! Mi ha fatto sedere su una sedia dallo schienale duro e ha fatto sedere Megan su di me, con la faccia rivolta dall'altra parte, con le palle del mio cazzo nel profondo del suo buco del culo progressivamente meno stretto. La mamma poi si è inginocchiata e ha scopato la fica adolescente di Megan con il 'dildo'. Spingevamo simultaneamente, io che le facevo rimbalzare il culo su e giù su di me in profondità, poi tornavo indietro con la mamma e poi facevo lo stesso con una sorta di ritmo osceno. Megan si stava scopando seriamente.

"Awwwww, Ahhhhhhh", gemeva ad alta voce per il puro piacere, "Fuck me voi malvagi bastardi, fuck me, fuck me, FUCK ME!" Noi facemmo!

Alla fine, dopo apparentemente molto tempo ma in realtà probabilmente solo pochi minuti, la giovane donna è arrivata in enormi ondate di spasmi, e anche io mi sono unita, svuotando le mie palle e schizzando il suo intestino con enormi quantità di sperma cremoso e denso. . La mamma ha ritirato il dildo e ha aiutato sua figlia a staccarsi dal mio cazzo, con un suono udibile di "schlop" mentre si liberava.

La mamma ha aiutato Megan esausta a pulire un lavandino, poi a vestirsi. Ho lanciato loro un saluto di tipo militare. “Grazie signore, i vostri debiti con la società sono stati pagati per intero. Ti riporterò alla tua macchina e poi sarai totalmente libero di andare.

Durante il breve e tranquillo viaggio non fu detta quasi una parola. Quando siamo tornati alla loro macchina ho consegnato a mamma le chiavi e ho restituito a entrambi i loro bagagli, meno le pastiglie e le canne di Megan, e trecento sterline di "spese" dalla borsa di mamma.

Con voce molto sarcastica, la mamma mi ha detto addio. “Accidenti, agente, grazie per tutto il suo gentile aiuto. Sei davvero un moderno cavaliere della strada. Tuttavia, non mi dispiaceva lo strano sarcasmo di una signora matura così raffinata come questa. Tanto più che un minuto prima mi aveva dato il suo numero di cellulare.

Sono tornato alla stazione. Billy stava guardando di nuovo lo stesso dvd di calcio dei Rangers! Gli ho fatto un resoconto degli eventi, che ha portato un sorriso sui suoi vecchi lineamenti corrotti e degenerati, poi abbiamo condiviso un'altra delle articolazioni di Megan. Bella merda anche! Ho abbassato la testa per dormire, con Billy che mi ha promesso di svegliarmi poco prima che il grande capo arrivasse di turno domattina. Avevo bisogno di riposo, era stata una notte faticosa. Per tutta la cattiva stampa che riceviamo; le accuse di corruzione e brutalità, credetemi, non è davvero una passeggiata difendere il braccio forte della legge!

Storie simili

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

857 I più visti

Likes 0

Toman dei Cherokee 5

Il figlio di Drenna? Sentii improvvisamente il mago sussurrare. Poi mi guardò più intensamente come per vedere qualcosa che gli era sfuggito. Mio Dio! disse all'improvviso. Mi ricordo di te quando eri solo un bambino. Abbassando la testa lo sentii dire. Mi dispiace tanto per voi, madre e padre. Ne ho sentito parlare solo un mese dopo che se ne erano andati. Se l'avessi saputo, avrei potuto fare qualcosa. Fissai il mago a bocca aperta anche se non avevo intenzione di abbandonare la mia difesa, no lo sapevo meglio. L'avevo fatto con l'unico amico che avevo a scuola quando aveva cercato...

713 I più visti

Likes 0

Lucy viene scopata dal padre della sua migliore amica

Erano le 15:00 di mercoledì e il caldo della giornata estiva si abbatteva su Lucy e la sua amica Jillian mentre tornavano a casa da scuola. Il marciapiede era caldo e ricoperto di foglie e noci degli alberi che fiancheggiavano la strada di Jillian. Mentre il sole bruciava, le foglie gocciolavano un aroma caldo che ricordava a Lucy il pot-pourri che aveva annusato in un negozio di candele boutique nella strada principale della sua piccola città. L'aria era calda e l'odore della flora bruciata la fece girare la testa assonnata e soddisfatta. Le due ragazze imboccarono il vialetto di Jillian mentre...

615 I più visti

Likes 0

Polly è la sorella minore di mia moglie

POLLY LA SORELLINA DI MIA MOGLIE! I nomi sono stati cambiati nel caso lo vedesse il nuovo marito della sorellina di mia moglie. Mia moglie Sherry ed io ci siamo sposati circa un anno e mezzo fa e siamo ancora molto innamorati. Era la mia seconda moglie ed era anche sposata prima. Sapevo che proveniva da una famiglia numerosa del Texas, ma non ne vedevo nessuno dal matrimonio. Senza che mia moglie mi dicesse che sua sorella minore Polly era con lei una sera quando tornai a casa dal lavoro. Aveva circa ventotto anni ed era carina quasi quanto mia moglie...

530 I più visti

Likes 0

La mia figliastra senzatetto, parte 3

Mentre Chelsea giaceva a letto con noi, qualcosa si risvegliò dentro di lei. Non voleva più le donne della sua età. Li voleva giovani. Voleva adolescenti. L'emozione di essere il primo per qualcuno è stata travolgente. E l'eccitazione nel guardare il suo ragazzo far scoppiare la ciliegia di Ronnie era quasi più di quanto potesse sopportare. Sapeva che le ripercussioni per essere stata scoperta sarebbero state gravi, ma ora aveva un sedicenne che poteva aiutarla. Potrebbe essere molto divertente. Ronnie giaceva a letto, con la testa appoggiata sul petto del patrigno. Non poteva credere a quello che era successo in meno...

524 I più visti

Likes 0

Breve incontro universitario

La festa di Capodanno di Steve... …aveva un numero pari di ragazzi e ragazze, ma in qualche modo sapevo che se fossi finita con qualcuno sarebbe stata Ann. Non fraintendermi: non era brutta, solo un po' banale e tozza. Era un po' più bassa di me e piuttosto magra, anche se aveva un bel sedere impertinente. Infatti, quando sono arrivati ​​i balli lenti, Ann e io ci siamo ritrovati insieme e lei mi ha guardato in attesa. Allora ti va di ballare, Ann? Sì grazie! lei rispose e io l'abbracciai mentre lei mi sorrideva. Ray era convinto che le piacessi e...

369 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

365 I più visti

Likes 0

Festa Madre Figlia (3 di 12)

Festa mamma-figlia (parte 3 - Mamma, papà e Anna trio) Non appena il film finisce, abbasso la bocca di Tom verso la figa di sua figlia e gli dico che spetta a lui decidere se avrà un orgasmo oggi. Cosa vorresti che facesse papà? Sto imparando velocemente che esiste più di un tipo di tortura per la mia figa. Tieni la mia figa al limite il più a lungo possibile senza permetterle di produrre sperma. Quando avrai finito, mamma mi stuzzicherà la figa con lei bocca allo stesso modo. Manteniamo Anna sull'orlo dell'orgasmo per quasi un'ora e quando stacco la bocca...

334 I più visti

Likes 0

I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

IL SEDICESIMO GIORNO I nostri eroi si alzarono vivi e freschi come appena arrivati ​​dalla confessione; ma a ben guardare si sarebbe potuto notare che il Duc cominciava a stancarsi un po'. La colpa di questo avrebbe potuto essere attribuita a Duclos; non c'è dubbio che la ragazza avesse completamente padroneggiato l'arte di procurargli delizia e che, secondo le sue stesse parole, i suoi scarichi erano lubrificanti con nessun altro, il che confermerebbe l'idea che queste cose dipendono esclusivamente dal capriccio, dall'idiosincrasia , e che l'età, l'aspetto, la virtù e tutto il resto non hanno nulla a che fare con il...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.