A Fantasy Too Far Capitolo 3

681Report
A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3

Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non è quasi mai rappresentata, quasi mai menzionata, ma ci sarebbe voluto un po' più di tempo prima che si instaurasse quella stasi.

L'ha lasciata con una cosa. Il suo cellulare aveva un messaggio di testo contenente una foto di lei nuda sul letto, con colletto e polsini ancora al loro posto. Ovviamente le aveva drogato il cibo in modo da poterla portare a casa senza interruzioni e avere libero accesso al posto, incluso riavvitare completamente le lampadine esterne nelle loro prese. Qualunque cosa sapesse di lei prima, poteva benissimo sapere molto di più ora, o almeno il suo numero di cellulare. Anche lei aveva il suo, anche se probabilmente era solo un telefono prepagato. Non riusciva nemmeno a usarlo. La mossa successiva era sua, come lo erano state le precedenti.

Non dovette aspettare molto, però. Venerdì sera ha ricevuto un altro sms da lui:

Sei un divorziato recente. Hai tradito tuo marito, molto, ma poiché il tuo avvocato era molto meglio del suo, è stato regalmente incasinato nell'accordo. L'unico motivo per cui è riuscito a tenere la casa è che tu non la volevi. Presumibilmente lo incontrerai in pubblico domani alle 10 per prendere il resto delle tue cose che hai lasciato.

Insieme a questo c'era un indirizzo che si risolveva in un vecchio parco industriale. Era uno scenario di vendetta perfetto. Il personaggio dell'ex moglie stava solo chiedendo di essere vittima di qualche orribile attacco. Era la prima volta che doveva partecipare attivamente, andare da qualche parte, fare qualcosa fuori dall'ordinario. Non c'era ancora nessuna parola di sicurezza impostata, nessun controllo da parte sua. Per stare al sicuro, tutto quello che doveva fare era restare a casa. Mentre le sue dita scivolavano dentro le sue mutandine e nella sua figa bagnata, si chiese cosa avesse pianificato. A questo punto, la sicurezza era fuori questione. Avere il controllo zero sulla situazione è stata la parte più spaventosa, ma è stata anche la più grande svolta. La mancanza di controllo era il fulcro della fantasia, dopotutto. È davvero preso con la forza se lo hai organizzato e puoi fermarlo in qualsiasi momento? Inoltre, anche se avesse avuto una parola di sicurezza, niente fino a quel momento ne avrebbe giustificato l'uso, quindi non contava nemmeno averne una? Aveva bisogno di andare, aveva bisogno di scoprirlo, aveva bisogno di soffrire come meritava questa stronza ex moglie.

Si è presentata all'ora stabilita, indossando un vecchio vestito che non le sarebbe dispiaciuto perdere. Era il luogo perfetto, metà delle unità nel parco erano vuote e, essendo il fine settimana, non c'era nessun altro in giro. Sapeva di essere nel posto giusto, per terra c'era il materasso su cui aveva passato il fine settimana precedente. Scese dalla macchina, si allontanò da essa verso il materasso e si trasformò in una stupida modalità fica da bambina. "Ciao? Tesoro? Dove sei? Pensavo che ci saremmo incontrati in un centro commerciale o qualcosa del genere. Giuro su Dio che se mi mandassi qui a fare una cacciata all'oca, avrai notizie dal mio avvocato!"

Quattro uomini che indossavano passamontagna sono apparsi da dietro l'angolo dell'edificio. Sembravano delinquenti. Sentì il cuore batterle nel petto. Una scena di gang? È stata una sorpresa, ma buona. Due di loro avevano persino la pelle più scura, creando un bonus interrazziale. "Oh, sei nel posto giusto, piccola", disse l'uomo in testa. "Tuo marito è davvero scontento di come sono andate le cose. Ci ha chiesto di lavorare sul tuo culo traditore e assicurarci che nessun uomo ti vorrà mai più, non importa quanto intervento ricostruttivo tu abbia. Ma ci ha detto di divertirci un po' con il nostro proprio con te prima, un ultimo evviva per quel tuo bel faccino."

Era un bluff. Doveva esserlo, giusto? Questi ragazzi erano coinvolti in qualche modo. Che razza di psicopatico dovrebbe essere per lasciarla a casa sana e salva l'ultima volta solo per farlo adesso? Poi di nuovo, niente di tutto questo era stato sensato da quando aveva iniziato a seguire la sua corsa. In un modo o nell'altro, però, la sua risposta è stata la stessa: si è voltata ed è corsa verso la sua macchina. Non poteva andare molto veloce con i suoi tacchi alti "scopami" però, e l'hanno raggiunta facilmente. Ha urlato quando uno l'ha afferrata in un abbraccio da orso, l'ha presa in braccio e l'ha portata in braccio, poi l'ha gettata sul materasso.

Gli altri tre si avventarono su di lei e la tennero ferma mentre le strappavano i vestiti di dosso e tiravano fuori i loro cazzi duri e pronti per andare. "Aiuto! Aiutami! Nooooo!" urlò mentre il primo di loro si arrampicava su di lei, costringeva il suo membro duro nella sua figa e la picchiava velocemente e forte. Lottò, ma non aveva alcuna speranza di togliersi di dosso il grosso livido. Ha grugnito mentre ha liberato il suo carico di sperma in profondità, poi si è tirato fuori per far posto al prossimo stupratore. Il gallo successivo si spinse velocemente e riprese da dove il primo si era interrotto. Ecco il vantaggio principale di una gang bang o di uno stupro di gruppo, un sacco di ragazzi per continuare l'azione mentre gli altri si riprendevano, con tutti i presenti che le lanciavano insulti e insulti mentre veniva usata. Un'altra esplosione di sperma dentro di lei e un'altra canna fresca per sostituire quella esaurita. Non aveva mai dovuto sopportare di farsi scopare così a lungo in una volta sola, ed è stato meraviglioso. Ha continuato a chiedere aiuto, fortunatamente non è arrivato nessuno. Alla fine il quarto e ultimo cazzo si è spinto nella sua figa piena di crema tripla, sbattendola forte. "Nooo, nooo, per favore," piagnucolò mentre la riempiva ancora e ancora e alla fine aggiungeva il suo sperma al mix dentro di lei.

Uno degli altri bruti era pronto ad andare di nuovo, questa volta dopo aver spinto nella sua figa l'ha afferrata e si è capovolto, posizionandola sopra di lui. Sentì immediatamente un altro attaccante mettersi in posizione dietro di lei, infilandole il cazzo nel buco del culo. Ha urlato alla ruvida doppia penetrazione. "Ehi amico, vieni qui dentro", disse uno di loro. In risposta all'invito, il terzo afferrò una manciata dei suoi capelli e spinse la sua carne direttamente nella sua bocca, che lei convenientemente non chiuse in tempo. Ha spinto fino in fondo, seppellendo il naso tra i suoi capelli e facendola vomitare solo un po', e poi ha proceduto a scoparla con il cranio.

Una tripla penetrazione, tutti e tre i buchi del cazzo riempiti, la cosiddetta posizione "a tenuta d'aria". Era da secoli che voleva provarlo. Si sentiva così totalmente, gloriosamente usata. Con la sua bocca piena di cazzo, grugniti di protesta e gemiti di piacere da troia erano indistinguibili. Il suo corpo tremava violentemente con un potente orgasmo, e per quanto ne sapevano era semplicemente più inutile lottare contro di loro. Quando il cazzo dell'aggressore numero quattro è stato riportato in uno stato duro, ha picchiato il ragazzo che le stava scopando il culo e ha preso il suo posto. Lui, a sua volta, ha spostato quello che le ha sbattuto la gola. Lei finse di essere disgustata e cercò di tirarsi indietro, ma lui le tenne saldamente il viso tra le gambe mentre lei assaporava il sapore del suo culo sul suo cazzo.

Continuarono a ruotare le posizioni, passando dal culo alla bocca molte altre volte. Essere sbattuta da tre direzioni l'ha fatta venire altre due volte. Alla fine il ragazzo sotto di lei gemette forte mentre le sborrava nella fica. La spinse via, di nuovo sulla schiena. "Per favore, per favore, basta. Lasciami andare," pregò, sperando di incitarli a restare più a lungo. Non era delusa. Dopo aver condiviso il suo culo e la sua bocca, gli altri tre volevano di nuovo nella sua figa. Quando il cazzo duro si spinse dentro, gemette di dolore. Stava iniziando ad avere un po' di dolore laggiù. Era meraviglioso.

Una volta che ha avuto un secondo carico di sperma nella sua figa dall'ultimo dei quattro uomini, è praticamente sgorgato da lei. Non doveva fingere di essere esausta mentre giaceva lì sul materasso, non poteva davvero muoversi senza uno sforzo maggiore di quello che desiderava radunare. Quello che sembrava essere al comando è sceso ancora una volta e si è messo a cavalcioni sul suo corpo, ma invece di brandire il suo cazzo contro di lei, ha tirato fuori un coltello. Fece cenno agli altri di avvicinarsi per tenerle le braccia abbassate. "Beh, piccola, sei davvero una gran fottuta. Capisco perché eri così popolare con tutti quegli altri ragazzi. È un vero peccato quello che devo farti ora, perché sei sicuramente un gustoso pezzo di culo", ha disse, tirando indietro il coltello.

Che cosa? No. Merda, l'avrebbe fatto davvero. Merda. Merda. Merda. Vero, genuino panico la riempì quando si rese conto che non c'era via d'uscita per lei. Ha provato a dimenarsi ma è stata bloccata in modo troppo efficace. Vide il coltello scendere verso il suo viso con un movimento tagliente. Chiuse gli occhi e strillò. Sentì la lama muoversi sul suo viso, e poi di nuovo nell'altra direzione, e una terza volta. Sentì la lama che le colpiva i seni. Continuò a urlare, la sua voce rotta dai singhiozzi. Dietro le sue stesse grida di dolore, sentiva... una risata? Tutti e quattro. Nemmeno una risata crudele, c'era qualcosa di divertente. All'improvviso si rese conto che il suo viso non le faceva male.

Aprì gli occhi. Lo guardò mentre le conficcava il coltello nel petto. Si schiacciò sotto la lama, che a sua volta si piegò di lato. Un coltello da palcoscenico in gomma. Era assolutamente illesa. "Avresti dovuto vedere la tua faccia", disse il finto slasher, e scoppiò di nuovo a ridere. Si alzò e gettò il coltello sul materasso accanto a lei. Li perse di vista mentre si allontanavano, con lo sguardo fisso quasi inespressivo verso il cielo.

Il cuore le batteva ancora rapidamente nel petto. Il suo corpo era sovraccarico di adrenalina senza un posto dove andare. Tutto il suo corpo iniziò a tremare in modo incontrollabile. Si passò le mani sul corpo, cercando di calmarsi. Le sue dita sfiorarono il suo clitoride e lei sussultò, poi emise un lungo sospiro. Respirò profondamente mentre si massaggiava il clitoride e il suo corpo finalmente si sistemò.

"Maledizione, sei davvero una troia insaziabile. Dopo tutto quello che ti serve ancora?" Uno degli stupratori era tornato ed era seduto sul materasso accanto a lei. Quella voce, lui non aveva parlato durante lo stupro, ma lei l'aveva riconosciuta, intimamente. Si tolse il passamontagna.

"Tu", ha detto.

"Me."

"Gli altri tre?" lei chiese.

"Avevo già la mia maschera quando sono arrivati ​​qui, quindi per quanto ne sapevano, ero solo uno degli altri teppisti che ho assunto per violentare la mia 'ex moglie' e spaventarti a morte, ma assolutamente non per ferirti al di là di lividi accidentali", ha spiegato. Un silenzio nervoso cadde tra loro, ma alla fine lo ruppe di nuovo. "Hai portato il tuo computer in riparazione qualche mese fa. Sono il tipo che ha fatto il lavoro su di esso." Quindi era così. Se ne è dimenticata fino ad ora. Era finito per essere una sorta di guasto hardware, hanno dovuto sostituire qualcosa nei bit interni per far funzionare di nuovo il suo sistema correttamente. Era tutt'altro che un'esperta di quella roba.

"Facciamo sempre una piccola ricerca sui dischi rigidi quando accendiamo le scatole per un test di sistema. Non per cose personali, ma ci piace copiare musica e giochi che troviamo. E il porno. C'è quasi sempre del porno da prendere . E poi sul tuo, beh, ovviamente ho trovato i tuoi registri delle chat. Poi la cronologia del tuo browser è stata molto interessante e ho anche trovato le tue liste di storie preferite su quei siti erotici. Tutto ciò ha reso la lettura molto... istruttiva. Ho ricevuto il tuo indirizzo appena fuori dall'ordine di lavoro."

Un altro silenzio imbarazzante. Non era sicura di cosa fare di tutto questo, cosa dirgli. "Sai che... non ho mai picchiato una donna, prima di te. Non lo farei... a parte te," disse, suonando decisamente timido ora. Voleva che lei sapesse che era un bravo ragazzo, davvero, che in realtà non era un mostro nella vita reale. No. C'era qualcos'altro nella sua voce, nei suoi occhi. Voleva rassicurazione da lei che non era un mostro, che poteva allontanarsi dalla violenza che le aveva fatto ed essere di nuovo un bravo ragazzo. Non aveva niente da dire, nemmeno un sorriso per tranquillizzarlo.

Aveva seguito il suo esempio lungo il sentiero oscuro, un uomo civilizzato che giocava a essere il selvaggio, ma avrebbe potuto farlo senza un'oscurità già profonda da cui attingere? E una volta scatenato, potrebbe mai essere completamente chiuso di nuovo? Certo, potrebbe tornare ad essere l'uomo civilizzato, ma una parte di esso potrebbe sempre tormentarlo, desiderando una puttana masochista che voleva l'abuso che sapeva di poter dare. No, non aveva alcun aiuto per lui lì. Non riusciva nemmeno a trattenersi. Non c'era modo di conciliare ciò che entrambi avevano fatto l'uno con l'altro con una qualsiasi forma di normalità. Forse erano entrambi solo persone incasinate. O forse ci stava leggendo troppo. La sua espressione cambiò in una di cupa accettazione, e distolse lo sguardo da lei.

"Ho installato alcune videocamere da queste parti. Le ho avute anche nel mio seminterrato lo scorso fine settimana. Ti manderò una copia di tutte le riprese video", ha offerto.

"No, non puoi!" esclamò lei, mettendosi subito a sedere e stringendosi a lui per farlo voltare verso di lei. "Se invii quei video alla mia famiglia e ai miei colleghi, non potrò mai più mostrare la mia faccia! Per favore, farò qualsiasi cosa!"

Il suo viso passò dalla confusione alla realizzazione, e poi si contorse in un sorriso crudele. Sì, ha capito e stava per stare al gioco. Tornando al tono di voce brutale che le era molto più familiare, disse: "In tal caso, farai tutto quello che dico d'ora in poi. Obbedienza totale, a meno che tu non voglia che tutti quelli che conosci vedano che amante del cazzo puttana sei. Ora ti possiedo."

Lei annuì e disse con calma: "Sì, Maestro". È stato così bello pronunciare quelle parole. Il suo corpo si sentiva elettrizzato, la sua figa formicolava quasi al punto di venire. Non aveva intenzione di abbandonare la sua vita e vivere il resto incatenata nel seminterrato di lui, ma sicuramente più fine settimana di quello. Forse più a lungo ogni tanto, se avesse usato i giorni di vacanza per staccare dal lavoro.

Si chiese cos'altro sarebbe stato in grado di inventare anche lui. Non ci sarebbero state più scene di falso pericolo in cui non avrebbe potuto dire se era in pericolo o meno. A questo punto, si fidava troppo del fatto che non le avrebbe mai inflitto alcun danno duraturo. Quella parte era finita. Tuttavia, altre possibilità erano spalancate. C'erano ancora altri nodi da esplorare, limitati solo dai pochissimi confini e limiti che le erano rimasti. Forse nemmeno quelli.

Lo fissò negli occhi. Le aveva preso tutto e, così facendo, le aveva dato tutto. Lei si chinò bruscamente e lo baciò, un bacio feroce, affamato, appassionato, e lui ricambiò il bacio con la stessa forte, rude intensità. Quanto durerebbe, quanto lontano potrebbero andare? Chi lo sapeva. Ma in quel momento si sentiva la vittima di stupro più felice e soddisfatta del mondo.

LA FINE

- - -

© il Perv Otaku, 2016

Quest'opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 4.0 Internazionale.
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/

Storie simili

Cinema_(1)

Sono stato fortunato ad essere giovane negli anni '70 per godermi i cinema di sesso. Avevo 25 anni mia moglie aveva 34 anni sposata e divorziata con 3 figli da uomini diversi. È una bionda con un trucco occhi blu e nero molto aspro.34.24. 36..eravamo nel nord di Londra a fare shopping un sabato. Passammo davanti a un vecchio cinema chiuso che si trasformò in sala bingo e poi tornammo al cinema per i film porno. così, invece di fare shopping, ha comprato una minigonna di cotone attillata giallo brillante e un tubo abbinato. Siamo andati a casa, si è truccata...

423 I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

85 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

674 I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

676 I più visti

Likes 0

Condiviso con lo sperma: Amanda usata?

Capitolo 1 Rivelato Cumslut Chiunque incontri Amanda pensa che sia una donna molto bella e intelligente con alti standard personali e un atteggiamento serio nei confronti della vita. E lei è quello, ma solo fuori dalla camera da letto! Di media statura, con capelli castani fini e ben arricciati, Amanda ha un corpo attraente e ben proporzionato creato da un'infanzia di nuoto agonistico e atletica leggera, e mantenuto da un interesse adulto per la danza e il netball. Le sue gambe sono proporzionate e ben tonificate, i suoi fianchi ben fatti, la sua vita stretta con una pancia liscia e i...

469 I più visti

Likes 0

Kerri e Angie (Capitolo 2 - Il turno di Mel)

Questo è il secondo capitolo della mia serie. I nomi delle schermate inclusi in questo SONO FALSI. Kerri ed io eravamo migliori amiche ma due sere prima eravamo amanti, entrambi abbiamo vissuto la nostra prima esperienza lesbica. Anche se poteva sembrare che questo avrebbe reso la nostra relazione imbarazzante, ci ha quasi reso più forti per quanto riguarda l'amicizia. Eravamo entrambi così eccitati che quando ci siamo parlati al telefono sabato sera abbiamo fatto sesso telefonico appassionato, parlando dei nostri altri desideri profondi e pianificando la prossima volta che saremmo stati insieme, da soli. Lunedì è arrivato. Ho camminato lungo l'atrio...

416 I più visti

Likes 0

Tette enormi

Il mio primo incontro con il sesso è avvenuto quando avevo 14 anni. Per cominciare il mio nome è sara e avevo delle tette enormi per la mia età. Ero praticamente un'adolescente, non mi piacevano molto le cose femminili. amavo e praticavo tutti i tipi di sport. lascia che mi descriva allora, avevo 5'4 115 capelli castani e occhi verdi. avevo un corpo molto femminile con tette 36d. beh, ogni ragazza sa che praticare qualsiasi sport con tette enormi può causare problemi.quindi li odiavo con passione.il giorno in cui tutto è iniziato, sono appena tornato a casa dall'allenamento di calcio e...

388 I più visti

Likes 0

Insegnante trans parte 4 miss barnes padrona rachel_(0)

La signorina Barnes è andata a incontrare la sua amica Rachel, l'ha portata a casa sua bussare alla porta rachel, aprire la porta, lasciare che la signorina Barnes chiudesse la porta, Rachel ha venduto un drink che ha venduto sì, per favore. Dopo 5 minuti erano in vita a bere. C'è caffè rachel venduto perché vuoi sapere se ho una fattoria La signorina Barnes le ha raccontato la storia del buco che ha venduto portala in un paio di giorni possiamo divertirci Rachel guardala scommetti che sei eccitata per la mia figa di 55 anni Miss Barnes ha venduto sì padrona...

333 I più visti

Likes 0

Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

Capitolo 5 LE PRIME SESSIONI DI MAYIM Laura è andata in bagno verso la fine della giornata di lavoro e ha preso le pillole che le aveva dato il dottor Windred. Le ricordarono quanto fosse stata eccitata quella mattina, una eccitazione che non aveva mai soddisfatto, e per un momento pensò di rinchiudersi in un gabinetto e di sbronzarsi. Ma non si fidava di se stessa per masturbarsi al lavoro senza essere beccata, e comunque Amy le aveva detto di non giocare con se stessa prima di presentarsi in clinica. Quindi ha appena lasciato il lavoro, la sua figa già bagnata...

80 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

471 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.