Il regalo di compleanno - Appena maggiorenne_(0)

661Report
Il regalo di compleanno - Appena maggiorenne_(0)

Era il suo diciottesimo compleanno e tremava per l'eccitazione mentre si avvicinava al bar. L'uomo che stava incontrando le aveva detto di vestirsi il più da troia possibile, quindi indossava un top di pizzo senza reggiseno, le sue piccole tette vivace con i capezzoli rosa stretti completamente scoperti e una minigonna che le copriva a malapena il culo. Questa non sarebbe stata la sua prima volta in alcun modo, ma sarebbe stata la sua prima volta con un "adulto" e lei aveva parlato con lui online per settimane ma lui si rifiutava di scoparla finché non fosse diventata legale. Mentre si avvicinava alla porta dello squallido bar dove stava camminando, pensò alle cose depravate che lui le aveva promesso di farle ed entrare nello sporco bar appena vestita fu il primo passo. Sapeva di essere messa alla prova per vedere se avrebbe seguito le sue istruzioni, ma non aveva idea che l'avrebbe resa così sexy sapendo che ogni uomo nel bar l'avrebbe guardata e avrebbe fantasticato di essere quello che avrebbe scopato il suo giovane stretto corpo.
Poteva sentire il succo della sua figa bagnarle le cosce mentre apriva la porta e si guardava intorno in cerca del suo appuntamento. Era seduto al bar, un bell'uomo sui quarantacinque anni, i suoi capelli nero scuro con un po' di grigio sulle tempie, sembrava uno che farebbe sesso con sua moglie una volta alla settimana nella posizione del missionario, niente come il ragazzo che l'avrebbe usata come un secchio di sperma a buon mercato per il suo compleanno. La guardò mentre lei si avvicinava a lui e lei guardò i suoi occhi che le spostavano il corpo dagli altissimi tacchi a spillo al suo viso giovane. Si fermò di fronte a lui e lui immediatamente infilò una mano sotto la sua gonna e infilò tre dita nella sua stretta fica bagnata.
"Mmmmm" mormorò "almeno segui semplici istruzioni puttana. Non ero sicuro che ci saresti entrata e dopo aver visto il posto"
Non sapeva che il suo nome fosse Pheobe, le aveva detto fin dall'inizio che non gli interessava chi fosse, non aveva intenzione di chiamarla altro che troia, puttana, cagna o fica. Nemmeno lei sapeva il suo nome, doveva solo chiamarlo Signore, Maestro o Papà.
"Ho un documento d'identità" le chiese il corpulento barista e distolse la sua attenzione dall'uomo che le riempiva la fica con le dita.
Lo ha tirato fuori e lo ha consegnato al barista e ha avuto la sua prima vera occhiata al luogo in cui era attualmente molestata da uno sconosciuto virtuale. Il bar era molto buio ed era pieno per lo più di uomini, uomini che sembravano motociclisti sarebbe la descrizione migliore, omoni con i capelli lunghi sotto la bandana e coperti di tatuaggi. Le poche donne nel bar sembravano puttane abituate e la maggior parte al momento veniva palpata dai grossi uomini rozzi. Quasi tutti gli uomini del bar la stavano fissando. Dimostrava al massimo 16 anni e aveva un aspetto quasi angelico con i suoi lunghi capelli biondo chiaro e gli occhi verde brillante.
Sentì il pollice dell'uomo accarezzarle brutalmente la clitoride e venne proprio lì mentre fissava gli uomini dall'aspetto rozzo che la fissavano.
"Grazie signore" sussurrò piano mentre lui tirava fuori le dita da lei.
"Sali sulla fica dello sgabello e voglio che tu ti assicuri di mostrare a tutti gli uomini qui dentro la tua fica mentre sali"
Lei gli sorrise, le fossette lampeggianti mentre si arrampicava sullo sgabello con le gambe divaricate. La sua fica nuda in mostra mentre si arrampicava.
Il barista le restituì la carta d'identità e le chiese cosa le sarebbe piaciuto bere. Guardò il suo appuntamento, sapeva già meglio che prendere una decisione senza il suo contributo.
"Prendi tre colpi di tequila alla puttana, voglio questa puttana così ubriaca che non sa cosa le stiamo facendo"
Lei gli sorrise dolcemente, totalmente incantata da lui, poi la colpì "Noi?" chiese timidamente, ma sempre più eccitata di secondo in secondo. Era stata passata in giro a un paio di feste dal suo ex e adorava guardarsi intorno agli uomini spaventosi nel bar che quasi arrivò proprio lì pensando che la usassero.
"Certo che stupida puttana" sogghignò il suo accompagnatore "se ti volessi per me, pensi davvero che ti avrei fatta entrare qui con quell'aspetto, mi farei ammazzare cercando di portarti fuori di qui senza almeno un paio di questi ragazzi che ti prendono in giro ". si sporse più vicino "Mi piace infliggere dolore non riceverlo cagna." Allungò una mano e le torse il capezzolo sinistro finché lei non gridò.
Il barista ha messo gli shot sul bancone davanti a lei e il suo accompagnatore le ha liberato la tetta e le ha detto di bere. Ha bevuto rapidamente tutti e tre i colpi mentre il suo appuntamento gliene ordinava altri tre. Poi le ha detto di girarsi con le gambe spalancate fino a quando uno dei ragazzi è venuto a portarla in bagno per scoparsela.
La tequila le stava già annebbiando piacevolmente la testa e lei si voltò, la sua fica bagnata in mostra per il bar. Ci vollero meno di cinque minuti prima che uno degli avventori si avvicinasse a lei.
"è meglio che tu sia disposto a condividere quella bella piccola fica che stai sfoggiando o potremmo semplicemente prenderla" disse mentre lei gli sorrideva.
"Dovrai chiedere al mio accompagnatore se puoi avermi" disse timidamente guardandolo attraverso le ciglia.
"provaci" disse con leggerezza il suo accompagnatore "fammi sapere se è brava come sembra"
L'omone l'afferrò per un braccio trascinandola bruscamente dietro di sé verso il bagno degli uomini. La tirò dentro e lei quasi si sentì soffocare per la puzza di urina mentre lui la afferrava per i capelli e la spingeva in ginocchio con una mano tirando fuori il suo cazzo semi duro con l'altra.
"Succhialo cagna ed è meglio che non senta i denti o pagherai" le ringhiò mentre lei fissava il cazzo di 6 pollici in faccia.
Si sporse in avanti e prese lentamente la punta in bocca succhiando come un bambino, sentì la sua mano stringersi i capelli e ne prese sempre di più in bocca, sentendo il suo cazzo indurirsi e crescere. Le mise entrambe le mani dietro la testa ficcandole il cazzo in bocca finché non iniziò a soffocare, la tenne lì con una mano e usò l'altra per schiaffeggiarla.
Le lacrime iniziarono a scorrere lungo il suo bel viso mentre lottava per respirare.
"guardami mentre ti fotto la tua bocca sporca" ringhiò profondamente "e allarga quelle gambe, voglio vedere quella fica che distruggerò tra un minuto" lei lo guardò in faccia mentre sentiva la punta del suo cazzo in profondità nella sua bocca, la gonna già alzata vicino alla sua vita da quando l'ha spinta a terra, le gambe allargate sempre più larghe fino a quando non poteva allargarle più.
Poteva vedere il duro bagliore nei suoi occhi mentre spingeva il suo cazzo ancora più a fondo nella sua bocca, poteva sentire il suo viso rosso vivo e sentire il bruciore di un altro schiaffo sul viso "ti piace, non troia" disse lui schiaffeggiandola rudemente Ancora.
Tirò rapidamente fuori il suo cazzo ora da 8 pollici fuori dalla sua bocca e la tirò su per i capelli e la piegò sull'orinatoio spingendo le sue palle di cazzo in profondità nella sua figa. Ha gridato mentre lui grugniva, ha pompato un paio di volte tirato fuori ed è venuto su tutte le sue gambe, si è chiuso i pantaloni ed è uscito.
Si sentiva leggermente delusa, la sua fica pulsava desiderando che lui l'avesse punita ancora di più. Aveva voglia di uscire al bar e chiedere l'elemosina per un altro cazzo. Si raddrizzò, tirò giù la gonna finché non le lasciò scoperto il fondo del culo e tornò nel bar. Poteva sentire lo sperma che le colava lungo le gambe.
Sorrise mentre si avvicinava al suo appuntamento e ancora una volta si fermò di fronte a lui con le gambe divaricate. Allungò la mano e ancora una volta le infilò 3 dita nella fica.
"Hmm, non l'ho ancora usato abbastanza per me" lui triste poi la fece voltare e le disse di chinarsi sullo sgabello. Le infilò due dita secche nel profondo del suo buco del culo. "ha scopato questo" ha chiesto
"No signore" disse docilmente "vorresti che trovassi un cazzo per il mio buco del culo"
L'ha afferrata per i capelli e l'ha trascinata verso il tavolo da biliardo sul retro del bar dove c'erano circa 15 ragazzi che giocavano o si aggiravano intorno ai quattro tavoli da biliardo.
La spinse bruscamente a chinarsi su uno dei tavoli dove era appena finito un gioco e le ringhiò all'orecchio "allarga le gambe troia e allungati all'indietro e apri quelle chiappe, mostra a tutti questi uomini che bel piccolo stronzo e lo lascerò sanno che è aperto per gli affari", poi si rivolse ai ragazzi in piedi intorno
"ecco una fica e un buco del culo da diciottenne di prim'ordine, preferisco una fica e un buco del culo ben usati quindi per favore usala fino a quando non sarà così ricoperta di sperma da non essere più riconoscibile" e tornò al bar. Si è chinato e ha parlato con il barista, poi è tornato con il suo drink per guardare lo spettacolo.
Poteva sentire l'aria sulla sua fica esposta e sul buco del culo fino a quando all'improvviso un enorme cazzo le sbatté la fica facendola urlare mentre la allargava. Sentì l'uomo attaccato al cazzo chinarsi su di lei e sussurrare "MMMMM mi piace quando Jake porta qui puttane sporche" poteva sentire il suo respiro sul suo viso e poteva sentire il suo alito disgustoso mentre parlava. Lei soffocò per l'odore mentre lui improvvisamente tirava fuori dalla sua fica sbattendo il suo cazzo nel suo piccolo buco del culo stretto facendola urlare. Sentì gli applausi degli uomini intorno a lei mentre urlava con le lacrime che le rigavano il viso. Una volta l'uomo disgustoso è entrato nella sua fica e l'altro è salito sul tavolo e le ha detto di salire sul suo cazzo. Si arrampicò rapidamente e spinse i fianchi verso il basso prendendo il terzo cazzo per lei nella sua fica e sentì un altro cazzo entrare nel suo buco del culo ora ben lubrificato.
Per l'ora successiva, ha avuto così tanti cazzi nella bocca della fica e nel buco del culo che ha perso il conto. Quando il suo appuntamento ha finalmente posto fine a tutto ciò, non assomigliava per niente all'angelo troia che era entrato nel bar un'ora e mezza prima. Il suo appuntamento l'ha afferrata per i capelli e l'ha tirata fuori dal bar. Era ricoperta di sperma dalla testa ai piedi e sia la fica che il buco del culo erano spalancati.
L'ha spinta a terra e le ha sputato addosso.
"Sei un disgustoso maialino, non ti toccherei con un palo di dieci piedi" rise mentre lei giaceva a terra nel parcheggio "forse la prossima volta"
Si avvicinò alla sua macchina e se ne andò lasciandola lì a piangere e soffrire ancora di più
cazzo.

Storie simili

Gli archivi Jeff ed Ellie. . . Episodi 1 e 2

Episodio n. 1: massaggio alla schiena per la sorella e molto altro Quindi mi chiamo Jeff e ho 16 anni. La mia sorellina Ellie ne ha 14. Siamo abbastanza legati dato che siamo solo noi e nostra madre e lei lavora molto di notte. Come la maggior parte dei ragazzi, so di essere davvero molto eccitato. Comunque, ultimamente ho notato quanto stia diventando sexy Ellie. È sempre stata molto divertente e carina. . . ma ultimamente ho notato che anche lei sta diventando molto sexy. È solo circa 5 piedi 2 ma ha gambe molto lunghe per la sua altezza e...

1.1K I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

857 I più visti

Likes 0

Toman dei Cherokee 5

Il figlio di Drenna? Sentii improvvisamente il mago sussurrare. Poi mi guardò più intensamente come per vedere qualcosa che gli era sfuggito. Mio Dio! disse all'improvviso. Mi ricordo di te quando eri solo un bambino. Abbassando la testa lo sentii dire. Mi dispiace tanto per voi, madre e padre. Ne ho sentito parlare solo un mese dopo che se ne erano andati. Se l'avessi saputo, avrei potuto fare qualcosa. Fissai il mago a bocca aperta anche se non avevo intenzione di abbandonare la mia difesa, no lo sapevo meglio. L'avevo fatto con l'unico amico che avevo a scuola quando aveva cercato...

713 I più visti

Likes 0

Lucy viene scopata dal padre della sua migliore amica

Erano le 15:00 di mercoledì e il caldo della giornata estiva si abbatteva su Lucy e la sua amica Jillian mentre tornavano a casa da scuola. Il marciapiede era caldo e ricoperto di foglie e noci degli alberi che fiancheggiavano la strada di Jillian. Mentre il sole bruciava, le foglie gocciolavano un aroma caldo che ricordava a Lucy il pot-pourri che aveva annusato in un negozio di candele boutique nella strada principale della sua piccola città. L'aria era calda e l'odore della flora bruciata la fece girare la testa assonnata e soddisfatta. Le due ragazze imboccarono il vialetto di Jillian mentre...

615 I più visti

Likes 0

L'abuso di Bayonetta - Capitolo 13 - Paradiso

La fresca pioggia autunnale picchiettava sulla passerella di ciottoli mentre James seguiva in fretta Bayonetta nella sua nuova tana. Corsero dal parcheggio all'ingresso di un condominio dall'aspetto elegante e poco familiare. Quando raggiunsero l'atrio, i loro corpi rivestiti di pelle e lattice erano lucidi e gocciolanti. Era quasi rinfrescante dopo il tempo trascorso nella terra desolata. La pioggia è servita a lavare via la polvere residua e la sporcizia del deserto. La donna seduta alla reception li guardò brevemente e inarcò un sopracciglio. Tornò alla sua rivista mentre la coppia si dirigeva verso l'ascensore e Cereza premeva il pulsante di chiamata...

585 I più visti

Likes 0

Polly è la sorella minore di mia moglie

POLLY LA SORELLINA DI MIA MOGLIE! I nomi sono stati cambiati nel caso lo vedesse il nuovo marito della sorellina di mia moglie. Mia moglie Sherry ed io ci siamo sposati circa un anno e mezzo fa e siamo ancora molto innamorati. Era la mia seconda moglie ed era anche sposata prima. Sapevo che proveniva da una famiglia numerosa del Texas, ma non ne vedevo nessuno dal matrimonio. Senza che mia moglie mi dicesse che sua sorella minore Polly era con lei una sera quando tornai a casa dal lavoro. Aveva circa ventotto anni ed era carina quasi quanto mia moglie...

530 I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

503 I più visti

Likes 0

La mia figliastra senzatetto, parte 3

Mentre Chelsea giaceva a letto con noi, qualcosa si risvegliò dentro di lei. Non voleva più le donne della sua età. Li voleva giovani. Voleva adolescenti. L'emozione di essere il primo per qualcuno è stata travolgente. E l'eccitazione nel guardare il suo ragazzo far scoppiare la ciliegia di Ronnie era quasi più di quanto potesse sopportare. Sapeva che le ripercussioni per essere stata scoperta sarebbero state gravi, ma ora aveva un sedicenne che poteva aiutarla. Potrebbe essere molto divertente. Ronnie giaceva a letto, con la testa appoggiata sul petto del patrigno. Non poteva credere a quello che era successo in meno...

524 I più visti

Likes 0

Breve incontro universitario

La festa di Capodanno di Steve... …aveva un numero pari di ragazzi e ragazze, ma in qualche modo sapevo che se fossi finita con qualcuno sarebbe stata Ann. Non fraintendermi: non era brutta, solo un po' banale e tozza. Era un po' più bassa di me e piuttosto magra, anche se aveva un bel sedere impertinente. Infatti, quando sono arrivati ​​i balli lenti, Ann e io ci siamo ritrovati insieme e lei mi ha guardato in attesa. Allora ti va di ballare, Ann? Sì grazie! lei rispose e io l'abbracciai mentre lei mi sorrideva. Ray era convinto che le piacessi e...

369 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.