Quasi catturato

566Report
Quasi catturato

Dico:
Bene eccoci qui... tutti e tre ci siamo seduti al ristorante. Abbiamo ordinato il nostro cibo e stiamo semplicemente aspettando
Dico:
Chiacchieriamo di cose inutili come il tempo e simili. Ma torniamo sempre a quanto sei affascinante. Ora caro, saresti così gentile da descrivere cosa indosserai?
Tu dici:
Indosso un vestito nero corto che mi scende circa a metà coscia, e un pezzetto di pizzo sul fondo, con tacchi neri abbinati, 2 pollici, con una fibbia d'argento sul cinturino. Capelli appiattiti che cadono con grazia e un po' di eye liner per mettere in risalto i miei occhi.
Dico:
Molto bella... ora puoi capire perché non riusciamo a smettere di parlare del perché pensiamo che tu sia così incantevole
Dico:
Adesso ci siamo goduti la nostra chiacchierata ma sembra che io abbia un leggero bisogno di andare in bagno. Quindi mi scuso e ti cammino dietro. Lasciando che una delle mie dita ti sfiori la schiena, dandoti il ​​segnale di seguirla
Dico:
Aspetti un attimo immobile al tavolo prima di scusarti e seguirmi.
Dico:
Quando raggiungi i bagni mi vedi aspettare fuori dal bagno delle signore. Apro la porta e ti faccio entrare.
Dico:
Nessuno è dentro per notarci. Ti conduco ai lavandini, davanti al grande specchio
Dico:
Ti lascio solo guardare dentro mentre ti spazzolo i capelli da un lato e ti mordicchio leggermente il collo, respirando dolcemente contro di esso.
Dico:
Le mie mani si posano sulla tua fronte, accarezzandoti lo stomaco e scivolando lungo le tue cosce.
Dico:
"Dobbiamo sbrigarci prima di essere scoperti" ti sussurro all'orecchio.
Dico:
Ti applico una leggera pressione sulla schiena e ti faccio piegare in avanti contro il piano di lavoro. Mi piego sulle ginocchia, frugo in tasca ed estraggo un piccolo vibratore.
Dico:
"Dovresti goderti questo bellissimo." Ti metto una mano sul sedere, spostandolo fino all'orlo della gonna e sollevandolo leggermente. Dando una buona occhiata alla tua figa vestita di mutandine, muovo le dita tra le tue cosce, aprendole.
Tu dici:
Un sorriso si allarga sulle mie labbra mentre ti guardo mentre arrossisci leggermente, inarco la schiena verso l'interno e premo i fianchi all'indietro contro i tuoi, piegandomi completamente e allargando leggermente le gambe.
Dico:
Le mie dita raggiungono la tua fica e premono leggermente contro il tessuto. "Ho intenzione di spostarlo da parte, quindi per favore lubrificalo per me." Ti passo il piccolo vibratore da succhiare mentre le mie dita strofinano delicatamente le labbra della tua figa da dietro
Tu dici:
Avvolgo l'acqua per fare rumore e infilo il vibratore tra le mie labbra, facendo rotolare la lingua in cerchi intorno alla punta, ricoprendola completamente di saliva, emettendo un leggero gemito mentre le tue dita scivolano sulla mia figa che si sta inumidendo.
Dico:
Un mio dito si posa dolcemente contro il tuo clitoride, tenendolo fermo mentre mi avvicino e pianto piccoli baci sulla parte posteriore delle tue cosce.
Tu dici:
Mentre lo fai, allargo ancora di più le gambe, dando ai tuoi morbidi baci un migliore accesso mentre continuo a succhiare il piccolo vibratore, apro l'acqua a tutto volume per sicurezza e comincio a emettere lievi gemiti.
Dico:
Do alla tua figa una leccata pulita con la lingua, assicurandomi che ci sia abbastanza umidità perché possa scivolare dentro.
Dico:
"Adesso andiamo ragazza... Non dobbiamo metterci troppo tempo. Restituiscilo:
Tu dici:
Ci faccio roteare la lingua intorno un'ultima volta prima di sfilarmelo dalla bocca e restituirlo a te, gestendo un dolce e tranquillo "Sì, signore".
Dico:
Prende il vibratore da te, lo accende al livello più basso e te lo fa scivolare dentro velocemente. Quindi lascia andare le mutandine e tieni il vibratore dentro.
Dico:
"Credo che qualcuno ci stia aspettando. Quindi non lasciare che questo sia dentro di te." Do una leggera spinta contro il vibratore, spingendolo più a fondo.
Tu dici:
Emette un leggero sospiro e preme le mie cosce insieme dimenandomi per un momento prima di rialzarmi e sistemarmi rapidamente i capelli con le mani e girarmi, con le guance leggermente rosse e cenni del capo. "Andiamo allora?" Guarda verso la porta.
Dico:
"Non ancora c'è qualcos'altro che devo fare."
Dico:
Ti tira vicino a me con le mie braccia che avvolgono la tua schiena e tirano le tue labbra verso le mie. Ci baciamo appassionatamente, facendo scivolare ciascuno la nostra lingua, in un dolce abbraccio.
Tu dici:
Chiudo gli occhi per un momento e mi appoggio al bacio avvolgendo felicemente le mie braccia intorno a te per un momento prima di allontanarmi e asciugarti il ​​rossetto dalle labbra, riapplicando rapidamente il rosso scuro alle mie cancellando ogni sbavatura e sorriso.
Dico:
"Ora vai piccola." Ti accarezzo il sedere un paio di volte e ti accompagno alla porta. "E bacia il tuo uomo una volta che sei là fuori."
Dico:
Ti mando fuori per primo mentre vado nel vero bagno degli uomini e aspetto un po'
Tu dici:
Scivolo fuori dalla porta e torno al tavolo, avvicinandomi per baciare dolcemente Dave, lasciando una leggera sbavatura di rossetto prima di sedermi di nuovo, e tenendo le mie cosce strette mentre facciamo una conversazione oziosa.
Dico:
Vengo poco dopo e mi scuso per il mio ritardo. Continuiamo la nostra chiacchierata
Dico:
Mentre discutiamo di cose che potrebbero accadere più tardi stanotte, tengo una mano sotto il tavolo, accarezzandoti leggermente le gambe
Tu dici:
Mentre mi siedo al tavolo lottando per mantenere la calma, avendo difficoltà a concentrarmi sulla conversazione, faccio scivolare una mano sotto il tavolo e guido la tua mano più verso la mia parte interna della coscia.
Dico:
Ti accarezzo dolcemente la gamba e sono sorpresa di sentire che qualcun altro ha avuto la stessa idea. La mia mano sfiora leggermente il tuo fidanzato. Sembra che anche la sua mano sia sotto il tavolo.
Dico:
Continuiamo a chiacchierare per salvare le apparenze, ma dubito che a qualcuno di noi importi davvero e questo mentre facciamo scivolare le mani verso l'interno e lungo l'interno coscia, aprendo le gambe
Tu dici:
Mi mordo il labbro per trattenermi dall'emettere un gemito in mezzo al ristorante; Infilo il dito sotto le mie mutandine di pizzo nero per un momento e poi strofino la tua mano bagnata e quella di Dave. Riesco rapidamente a balbettare "Mi scusi" e mi alzo per dirigermi rapidamente verso il bagno delle donne, le mie guance diventano rapidamente più rosse.
Dico:
Faccio un cenno a Dave e ti seguo dalle signore. Ho fatto sapere a Dave che mi assicurerò che tu sia ben curato e che se non torniamo tra un po' di tempo verrai a cercarci.
Dico:
Ti seguo dritto nel bagno delle donne, sorridendo per tutto il tempo.
Tu dici:
Quando entri nel bagno delle donne sono già chinato sul bancone a guardare la porta ad aspettarti con le gambe divaricate, le guance arrossate, mentre una piccola goccia di umidità scivola lentamente lungo le mie cosce.
Dico:
Entro con noncuranza e chiudo la porta dietro di me. "È stata una performance brillante, devo dire." Cammino verso di te e muovo la mano dalle tue spalle lungo la tua spina dorsale.
Dico:
"Sono sicuro che devi essere molto agitato. Ma credo che dovremmo alleviare un po' di quella pressione." La mia mano scende più in basso e sotto la tua gonna, premendo contro il vibratore
Dico:
Ti scosto le mutandine e sento quanto sono diventate umide
Tu dici:
Emette un forte gemito proprio mentre apro l'acqua, gemendo mentre il vibratore inizia lentamente a scivolare fuori, troppo scivoloso per rimanere in posizione
Dico:
"Oh no... penso che questo debba restare dentro ancora per un po'." Le mie dita lo afferrano, torcendolo ulteriormente e rendendolo più potente. Con un rapido movimento lo ricolloco nel punto a cui appartengo
Dico:
Tengo la mano lì. Prendendo leggermente a coppa la tua figa, mantenendo il vibratore in posizione e mettendo il mio dito medio contro il tuo clitoride.
Dico:
"Certamente ti piacciono quelli, vero?"
Dico:
Le vibrazioni del vibratore attraversano la mia mano e fanno costantemente tremare le mie dita contro il tuo clitoride.
Tu dici:
Emette un forte gemito mentre un liquido ondulato scorre fuori da me, e nella tua mano a coppa, sono in piedi sulla punta dei piedi, le mie gambe tremano leggermente. "Sicuramente hai scelto il giocattolo giusto da portare"
Dico:
Alzo la mano, ancora intrisa dei tuoi succhi. La mia lingua scivola leggermente lungo le mie dita e succhia un po' del tuo meraviglioso sperma. Il vibratore si scuote con forza e inizia a scivolare fuori. "Ecco Unno... non credo che dovrei essere l'unico ad avere un assaggio."
Dico:
Sposto la mia mano bagnata di sperma sulla tua bocca mentre il vibratore cade dalla tua figa e cade sul pavimento, continuando a ronzare.
Tu dici:
Faccio scivolare ciascuna delle tue dita nella mia bocca una alla volta, succhiandole fino a quando il vibratore cade a terra, sollevato, chiudo gli occhi e continuo a succhiare lentamente ciascuna delle tue dita fino a quando tutto lo sperma non è stato ripulito .
Dico:
"Mmmm... che brava ragazza. Ora voglio qualcos'altro. Vai nello stallo in fondo Hun e aspettami lì"
Dico:
Raccolgo il vibratore sul pavimento e te lo porgo, ammiccando.
Tu dici:
Annuisco scivolando nel box e mi siedo, sollevando le gambe e appoggiandole contro pareti separate, appoggiandomi un po' all'indietro mentre infilo di nuovo il vibratore nella mia figa, emettendo un altro lieve gemito.
Dico:
Senti un leggero clic e pochi istanti dopo torno da te. Entro, chiudo la porta del box dietro di noi e ti metto un dito sulle labbra.
Dico:
"Shhh..." mi apro i pantaloni e tiro fuori il cazzo dai boxer.
Dico:
È duro come la roccia e lo accarezzo lentamente, assicurandomi che sia all'altezza della tua testa. "Vai avanti bella."
Tu dici:
Annuisco e poso lentamente le mie labbra sul tuo cazzo e arrossisco mentre elaboro ciò che sta accadendo, le mie guance diventano rosse riscaldando il tuo cazzo mentre scuoto lentamente la testa su e giù per la lunghezza, stando attenta a tenere il vibratore al sicuro dentro la mia figa.
Dico:
Le mie mani afferrano leggermente la tua testa e tremano leggermente, volendo tenerti fermo e spingendo inesorabilmente il mio cazzo nella tua bocca stretta. Ma io resisto e ti permetto di fare quello che vuoi.
Tu dici:
Chiudo gli occhi e accresco il ritmo, muovendomi molto più velocemente mentre faccio scivolare dentro e fuori il tuo cazzo, ingoiandoti ogni volta. Comincio a gemere, inviando vibrazioni per tutta la lunghezza del tuo cazzo, ingoiando saliva ogni pochi secondi in modo che i muscoli della mia gola massaggino ogni centimetro di esso.
Dico:
Gemo leggermente solo per la sensazione dentro la tua bocca e la tua gola. Ma ti tengo forte la testa e ti tiro fuori il cazzo dalla bocca.
Dico:
"Ora mia cara penso che sia ora di provare qualcosa di diverso. Alzati e girati per favore."
Tu dici:
Annuisco con un sommesso "Sissignore" e mi giro facendo attenzione a tenere fermo il vibratore dentro di me.
Dico:
Non appena ti giri e mi mostri il suo meraviglioso sedere, ti sollevo completamente la gonna, scoprendo le tue mutandine.
Dico:
"Non credo che avremo bisogno di questi ancora per molto." Ti tiro giù le mutandine ma assicurandomi che il vibratore rimanga nella tua fica.
Dico:
"Sembrano abbastanza umidi... Ma mettiamoli in ammollo, va bene?"
Tu dici:
"Sì grazie"
Dico:
Quando finalmente ti sollevo le gambe e ti tolgo completamente le mutandine, le avvolgo in una pallina stretta. La mia mano si appoggia dolcemente contro il vibratore mentre abbasso l'intensità e lo rimuovo.
Dico:
Ti prendo le mutandine e te le rimetto contro la figa. Senza il vibratore la tua fica trema a ogni nuovo tocco. Il panno perché per assorbire i tuoi succhi mentre infilo le tue mutandine nella tua figa/
Tu dici:
Ansimo piano alla nuova sensazione e guardo indietro un po' nervosamente
Dico:
"Non preoccuparti, non li perderò. Li sto solo preparando. Inoltre penso che ci sia un altro buco con cui posso divertirmi mentre aspettiamo che le tue mutandine si inzuppino."
Dico:
Una volta che le tue mutandine sono dentro con solo un minuscolo pezzo fuori, pronto per me per tirarlo fuori quando è pronto. Muovo un dito contro il tuo clitoride. Strofinandolo dolcemente. L'altra mia mano ti afferra duramente il sedere. Spaccandoti le guance
Dico:
Sono eccitato alla vista del tuo bocciolo di rosa. Mi infilo un dito in bocca, ricoprendolo di saliva prima di tirarlo fuori e premerlo contro il tuo buco del culo.
Dico:
Lo sento cedere alla prima nocca.
Tu dici:
Emetto un forte gemito e allargo ulteriormente le gambe, sollevando una gamba sul corrimano, allargando ulteriormente le gambe per te mentre le mie mutandine continuano a bagnarsi sempre di più
Dico:
Ti premo ancora di più il dito nel culo. Lentamente ma inesorabilmente entra fino in fondo. Muovo un po' quel dito e poi strofino ancora un po' la tua clitoride per enfatizzare il piacere
Dico:
Guardo le tue mutandine e credo che siano sufficientemente bagnate e le tiro fuori con un sonoro tonfo.
Tu dici:
Ansimo quando il liquido in eccesso mi cola lungo le cosce e dalle mutandine.
Dico:
La mia lingua si precipita immediatamente sulle tue cosce e lecca tutto il liquido in eccesso. Ti tengo il dito nel culo e comincio lentamente a muoverlo dentro e fuori.
Dico:
"Ora so quanto puoi essere rumoroso Hun. Quindi spalancati per me ok?"
Tu dici:
Ti guardo con curiosità. "Spalancare?"
Dico:
"La tua bocca Hun..." sollevo le mutandine zuppe e ti aspetto.
Tu dici:
Arrossisco di un rosso vivo e apro la bocca annuendo.
Dico:
Spingo il pasticcio appiccicoso delle tue mutandine nella tua bocca in attesa e ti bacio la fronte.
Dico:
Pompo il mio dito ancora un paio di volte dentro e fuori dal tuo culo mentre mi posiziono dietro di te ancora una volta.
Dico:
Il mio cazzo pulsa e si contrae mentre mi posiziono e scivolo in avanti spingendo dentro il mio cazzo.
Tu dici:
Succhio dolcemente le mutandine mentre i miei stessi fluidi mi gocciolano in gola; Chiudo gli occhi e gemo nelle mutandine mentre attutiscono i miei suoni, premendo i miei fianchi contro i tuoi.
Dico:
Ho impostato un ritmo costante pompandomi dentro di te lentamente
Dico:
Allo stesso tempo ti tengo il dito nel culo, muovendolo
Dico:
Eccoci qui... cercando di essere il più silenziosi possibile all'interno di un bagno di un ristorante di lusso
Dico:
E poi sentiamo un clic alla porta del bagno che si apre
Dico:
Sembra che siano altre tre donne.
Dico:
Mi fermo per il momento. Cercando di mantenerci segreti
Tu dici:
Gemo molto piano mentre continuo a muovere i fianchi avanti e indietro, facendo scivolare il tuo cazzo e il tuo dito dentro e fuori di me, molto lentamente.
Dico:
Ridacchio leggermente e comincio a spingerti un secondo dito nel culo
Tu dici:
I miei occhi si spalancano mentre emetto un altro gemito involontario, leggermente più forte dell'ultimo mentre smetto di spingere per un momento.
Dico:
Le donne parlano a voce alta e non sembrano accorgersi di noi mentre si occupano dei loro affari
Dico:
Una volta che il mio secondo dito è dentro, lo spingo verso il basso, contro il mio cazzo che riposa nella tua figa
Dico:
Accarezzo le mie dita dentro e fuori dal tuo culo, spingendo costantemente verso il basso. Il mio cazzo si contrae in attesa
Tu dici:
Comincio a spingermi contro di te ancora una volta, ancora un po' lentamente mentre le mie mutandine continuano a soffocare i miei gemiti.
Dico:
Le donne se ne vanno poco senza accorgersi di noi.
Dico:
Mi allungo in avanti e ti tiro fuori le mutandine dalla bocca e le metto sopra il gabinetto.
Dico:
"Era vicino, non dici?" Infilo di nuovo le mie dita dentro il tuo culo.
Tu dici:
Emetto un forte gemito non appena mi togli le mutandine dalla bocca e ti guardo mentre annuisci. "E avresti potuto ritirarti mentre erano qui!"
Dico:
"Oh no, non mi sognerei mai di farlo." Ho infilato il mio cazzo nella tua figa velocemente un paio di volte. "Ci si sente così bene dentro di te. E so quanto ti eccita."
Tu dici:
Gemo mentre spingi e un piccolo rivolo di liquido fuoriesce ancora una volta mentre respiro senza fiato.
Dico:
"Ora, mentre abbiamo un po' di tempo, sarò un po' rude qui."
Dico:
Tiro fuori le dita dal tuo culo e ti afferro i fianchi.
Dico:
Le mie mani si stringono forte mentre ti tiro indietro contro il mio cazzo. Seppellendomi nel profondo e poi tirandomi fuori velocemente.
Tu dici:
Annuisco e mi preparo a mordermi il labbro.
Dico:
Comincio a pompare il mio cazzo dentro di te in modo animalesco
Dico:
Le mie mani ti stringono ancora di più.
Tu dici:
Mi mordo forte il labbro facendo del mio meglio per soffocare i miei gemiti mentre spingi dentro e fuori, facendomi rimbalzare avanti e indietro.
Dico:
Gemo profondamente mentre il mio cazzo si contrae dentro di te. Tenendoti sui fianchi e spingendo ripetutamente il mio cazzo contro la tua figa, praticamente sbattendo le mie palle contro le tue gambe
Dico:
Lo sento arrivare mentre mi spingo dentro di te follemente. Questa eccitazione è andata crescendo.
Tu dici:
Emetto un forte gemito mentre il liquido schizza sul tuo cazzo mentre le mie gambe tremano mentre mi spingo indietro nel tuo cazzo.
Dico:
Costruire verso un obiettivo finale, l'obiettivo che si intensifica appena sento la tua figa stringere forte il mio cazzo ma sento anche l'umidità contro le mie gambe.
Dico:
Finalmente lo sento. Lo sento arrivare e ti tiro fuori dalla figa.
Dico:
La mia mano va dritta al mio cazzo e pompa velocemente. "In ginocchio! ADESSO!"
Tu dici:
Annuisco e ti guardo in ginocchio velocemente
Dico:
Ti prendo la testa e ti ficco il cazzo in bocca. Spingendolo rapidamente più e più volte, costringendolo in gola
Dico:
Alla fine raggiungo il punto e mi tiro indietro così solo la testa del mio cazzo è nella tua bocca mentre il mio sperma schizza fuori nella tua bocca
Tu dici:
Chiudo gli occhi mentre sento lo sperma atterrare sulla mia lingua ed emetto un gemito sommesso prima di aprire gli occhi e guardarti sorridendo con il tuo cazzo ancora nella mia bocca.
Dico:
Mmmm... È un sollievo che sia uscito così. Con tanta forza dentro la tua meravigliosa bocca.
Dico:
Le mie gambe si indeboliscono e ti tolgo di mezzo e mi siedo sul water. "Ti è piaciuto quell'unno?"
Tu dici:
"Molto" ridacchio e ingoio ogni goccia, asciugandomi l'angolo della bocca con il dorso della mano.
Dico:
"Adesso vieni su ragazza... Dammi un bacio e poi puoi riprovare e vedere se sarò all'altezza della situazione una seconda volta"
Tu dici:
Scivolo sulle tue ginocchia e bacio dolcemente le tue labbra. "Mi hai già sfinito così com'è." Sorrido e premo le mie labbra sulle tue con un po' più di fermezza, e chiudo gli occhi.
Dico:
Mmmm... Le nostre lingue si mescolano dolcemente nelle bocche l'una dell'altra. Non ha senso l'urgenza
Dico:
Le mie mani accarezzano dolcemente la tua schiena
Dico:
Solo strofinando le spalle e il collo.
Tu dici:
Sorrido e ti bacio dolcemente il collo, lasciando un leggerissimo succhiotto. "Pensi che Dave sia preoccupato?"
Dico:
"Oh, gli ho detto di non preoccuparsi e che ti avrei tenuto compagnia. E se no, allora gli ho detto di venire se non fossimo usciti in tempo."
Dico:
Un altro clic mentre la porta si apre per la seconda volta e sembra che una persona stia attraversando il bagno.
Tu dici:
((Onestamente non so se posso venire di nuovo x_x))
Dico:
Metteremo in pausa la storia per ora Hun.
Dico:
-------------------------------------------------- ---------------------------------

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

1.6K I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

1.8K I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

1.5K I più visti

Likes 0

Il mio sexy compagno di ufficio - III

Non potevo togliere Vathsala dalla mia mente. Non era una reginetta di bellezza come ho detto prima, ma era decisamente attraente e sexy. Ora che ho avuto due incontri con lei, tutti molto erotici e sensuali, ha occupato totalmente il mio mondo. E mi doveva per quello che aveva l'ultima volta quando ero bloccato sotto il suo tavolo e non l'ho dimenticato. Vathsala mi ha evitato per i giorni successivi a quell'incidente, e io ero piuttosto arrabbiato per l'intera faccenda. 'Cosa le ho fatto di male?' Mi sono sempre chiesto. Ma non fino a quando non ho colto per caso quel...

1.6K I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

1.6K I più visti

Likes 0

La grande guerra 3033 parte 2

Quando Jack aveva appena finito sul poligono di tiro quando Jack, come fai a sparare con quell'arma, tutti quelli che hanno sparato sono stati bruciati dall'interno con etere o sono stati semplicemente uccisi nel modo giusto. Jack ora notò che era stato scoperto e disse semplicemente Ho preso le armi e ho iniziato a sparare. Perché c'è qualcosa che non va. chiese jack. John ora era al telefono con il presidente dicendo che avevano trovato una delle due Umbra e che lui non sa cosa sia. OK, grazie per il lavoro, chiedigli se voleva essere allenato e se lo manda al...

1.5K I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

1.5K I più visti

Likes 0

Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo portato la nostra relazione a un nuovo livello. Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione. La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale. Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni...

1.5K I più visti

Likes 0

Foxy Knoxy -3 Inizia il calvario di Meredith

Prima: Foxy Knoxy Prima: Foxy Knoxy II (Foxy Knoxy – Studenti stranieri Amanda e Meredith litigano nel loro appartamento in una piccola città italiana. Amanda va al bar dove va nella stanza sul retro per intrattenere tre uomini un po' rudi. Finito con gli uomini che Amanda aspetta al bar per il suo ragazzo. Meredith esce per scopare e trova Rudy, un immigrato dall'Africa scontento di Meredith) Ora è più così. Meredith poteva sentire il grosso rigonfiamento nei pantaloni di Rudy con il piede. Rudy sorrise e smise di parlare mentre Meredith muoveva il piede contro il suo cazzo gonfio. Rudy...

1.8K I più visti

Likes 0

Cavalla montata

JoJo è una bellissima donna musulmana di 36 anni, separata dal marito da un anno. È amica di un socio in affari del Medio Oriente. Mi ha invitato a venire a casa sua. È arrivata a casa nello stesso momento in cui sono arrivato io, ci siamo salutati, con ciò si gira velocemente sui tacchi, e se ne va verso la porta sul retro della casa. Guardo il suo culo in quei jeans attillati. Ho dovuto raggiungere e regolare il mio cazzo nei pantaloni. Sono a disagio con il mio cazzo duro nel suo allineamento attuale. Gemetti tra me e me...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.