Lucy viene scopata dal padre della sua migliore amica

545Report
Lucy viene scopata dal padre della sua migliore amica

Erano le 15:00 di mercoledì e il caldo della giornata estiva si abbatteva su Lucy e la sua amica Jillian mentre tornavano a casa da scuola. Il marciapiede era caldo e ricoperto di foglie e noci degli alberi che fiancheggiavano la strada di Jillian. Mentre il sole bruciava, le foglie gocciolavano un aroma caldo che ricordava a Lucy il pot-pourri che aveva annusato in un negozio di candele boutique nella strada principale della sua piccola città. L'aria era calda e l'odore della flora bruciata la fece girare la testa assonnata e soddisfatta. Le due ragazze imboccarono il vialetto di Jillian mentre chiacchieravano eccitate del fine settimana mentre passavano davanti agli irrigatori che sputavano in modo irregolare, imitando l'odore della pioggia nella luce del sole estivo, gocce d'acqua che coprivano l'erba verde e rigogliosa, come piccoli cristalli che catturano i raggi del sole.

La casa di Jillian era grande e antica, era stata un mulino per 200 anni prima che suo padre la trasformasse nella loro casa di famiglia. Cinque anni di pianificazione, ore di notti trascorse da solo, ossessionato da ogni dettaglio. Era bellissimo, Lucy aveva sempre amato la casa dei suoi amici, Lucy aveva sempre ammirato la bellezza, in tutte le sue forme sebbene fosse giovane. Alzò lo sguardo verso la casa mentre si trovava in fondo alle scale del portico. I suoi occhi verdi scrutavano i dettagli nel mattone rosso che forse aveva perso prima, spingendo indietro i suoi lunghi capelli biondi naturali per vedere, solo per farli ricadere per metà sull'occhio destro.

Jillian ha frugato nella sua cartella mentre appoggiava la borsa dei libri sulle ginocchia per il bene delle chiavi di casa, Lucy ha preso la borsa dei libri della sua amica per aiutarla a destreggiarsi tra il carico. Le corte treccine marroni di Jillian rimbalzavano nella brezza calda. Improvvisamente la porta si aprì, "Ehi ragazze, venite nel suo caldo fetido là fuori" sorrise suo padre mentre si allontanava dalla porta per far entrare le due ragazze. Entrarono tutti mentre il padre di Jillian chiudeva dietro di loro la grande porta di legno e le ragazze proseguirono nella luminosa cucina in fondo al corridoio, gettando a casaccio le borse sul pavimento, dirigendosi dritte al frigorifero per i ghiaccioli.

Mentre il padre di Jillian seguiva sua figlia e la sua amica lungo il corridoio fino alla cucina, la sua testa era ancora piena di una casa che stava costruendo. Le stampe blu erano l'ossessione della sua vita. "Ciao Mr Cleaver, come stai" intervenne Lucy, l'amica di Jillian, lui alzò lo sguardo ed eccola lì, seduta sul bancone di marmo della cucina, le gambe incrociate e coperta fino alla coscia con le calze nere della scuola. La sua pelle abbronzata e unta che spuntava dalla gonna scozzese blu scuro, l'aveva chiaramente arrotolata: un trucco da scolaretta a cui Tom aveva assistito durante la sua esperienza al liceo, anche se non era mai stato fortunato con ragazze del genere, preferiva passare il tempo in biblioteca, sprecato tempo, Gesù, era quasi una minigonna. Stava succhiando velocemente un blocco di ghiaccio rosso cercando di leccare il liquido rosso che si scioglieva mentre le cadeva sul mento, sorridendo mentre mi guardava in silenzio. Perché la stava notando in quel modo? Praticamente viveva a casa sua da anni durante l'estate poiché i suoi genitori viaggiavano molto e alla famiglia piaceva averla intorno, era una buona compagna per Jillian, che era bassa, tozza e diciamocelo, un tipico idiota. Ma Lucy era materiale da modella per adolescenti, era alta, magra, abbronzata e bionda, aveva sempre avuto fidanzati ed era popolare, quello che vedeva in Jillian per amicizia era il suo intelletto. Andarono d'accordo con una lezione di studio in biblioteca sulla storia e da allora erano stati buoni amici.

Ma ora sembrava diversa, mi scossi dallo stordimento e mi resi conto che mi stava ancora fissando, "oh bene, bene, come stai Lucy?" "Molto bene" accennò al suo blocco di ghiaccio e ridacchiò, in risposta riuscii a sollevare il pollice mentre mi abbassavo la maglietta sopra i boxer e camminavo velocemente verso il mio ufficio. Ho sorriso mentre chiudevo la porta, lei mi ha salutato con la mano, ho chiuso la porta e mi sono girato lasciando uscire un grande sospiro. Mi sono avvicinato alla mia sedia e mi sono lasciato cadere, gli occhi sono tornati al mio mondo di progetto. Mi stropicciai gli occhi e presi il mio caffè... Solo per rendermi conto di averlo lasciato accanto al fornello in cucina.

Mmm il blocco di ghiaccio era color ciliegia, il mio preferito. Mi sono seduto sulla panca della cucina mentre succhiavo il succo del ghiacciolo, Jillian era nella sua stanza a prendere degli appunti su Roma che voleva che guardassi con lei, discutevamo costantemente delle nostre lezioni di storia. Mentre mi sedevo sulla fredda panca di marmo, spostai la gonna da sotto di me in modo che la pietra fredda si posasse contro le mie mutande, era piacevole contro la mia pelle intima. Mi sono guardato intorno in cucina, il lavoro in marmo color crema era bellissimo. Tom, voglio dire, il padre di Jillian era davvero bravo in quello che faceva. Una tazza fumante accanto alla stufa attirò la mia attenzione, guardai di nuovo la porta dell'ufficio del papà di Jillian, rimase chiusa e silenziosa. Sono saltato giù dal bancone, ghiacciolo in mano e in bocca, e ho afferrato il manico della tazza. Ho leccato via l'ultimo pezzo di ghiaccio dal bastoncino e l'ho gettato nel cestino e ho portato la tazza fino alla porta dell'ufficio. Ho bussato delicatamente alla porta di legno e ho ammirato le mie unghie a punta francese mentre aspettavo, "Uh, sì .." smorzato dall'altra parte del legno costoso. Girando la maniglia di metallo nella mia mano, spinsi lentamente contro la porta e girai la testa, "Ehm? Tipo, signor Cleaver, hai lasciato il tuo caffè sul bancone, non volevo che tu morissi di sete quindi .. spero va bene che te l'abbia portato io" Tom alzò lo sguardo in silenzio, e poi sorrise, le sue grandi mani appoggiate sulle grandi scrivanie di legno, le cianografie scomposte. "Oh grazie Lucy, solo qui andrà bene" mentre faceva un po' di spazio sulla sua scrivania gremita. Mi sono avvicinata, una mano tenendo il caffè pieno e fumante e l'altra con il palmo premuto contro la parte posteriore della gonna, era davvero corta e all'improvviso ne sono stata imbarazzata e consapevole, in questo piccolo ufficio foderato di libri. Mentre posavo la tazza sulla scrivania, abbassai lo sguardo sui fogli, "cos'è questo?" sbottai mentre indicavo con la mia unghia curata un vecchio edificio decrepito.

Mia figlia non aveva mai mostrato interesse per i miei progetti, ma qui Lucy stava indicando il mio portfolio protetto fissandomi negli occhi con la sua domanda che mi indugiava nelle orecchie. "Oh, beh, è ​​un edificio che sto trasformando in appartamenti.. Ancora molto in lavorazione, temo, i lavori inizieranno la prossima settimana e sto solo ultimando" i suoi occhi tornarono sulle immagini mentre le ripercorreva con la punta delle dita, semiseduta mentre si sporgeva per vedere meglio, "Oh, questo è bellissimo Mr Cleaver.." Esclamò, la sua voce affannosa e gentile. I capelli le ricadevano al rallentatore sui seni, appena coperti dalla sottile camicia bianca della scuola. In quel momento, Jillian irruppe, "Luc!!" Ho sentito entrambi sobbalzare "Ho lasciato il mio foglio nell'armadietto, devo correre a prenderlo, ci metterò al massimo 30 minuti, ti va bene mentre vado a prenderlo? So che svenisci dal caldo e tutto il resto, non preoccuparti, papà può mostrarti il ​​suo nuovo progetto, so che ami quel genere di cose, ok?" Lucy alzò la testa ma i suoi occhi rimasero fissi sulle fotografie "Okay JiJi ci vediamo presto, prenditi il ​​tuo tempo, mi rilasserò qui" Jillian voltò velocemente la porta "Cya presto" passi, la porta d'ingresso sbatté. Silenzio. Silenzio da solo con Lucy.

"Allora uhh, come va la scuola Lucy? Come va la prima settimana dei 16 anni?" Ho fatto un passo per le chiacchiere per alleviare la mia spiacevole sensazione di essere solo con l'amica della mia figlia adolescente, anche se Lucy sembrava impassibile e molto a suo agio appoggiata più vicino alla scrivania tappezzata. "Oh, sai Tom, lezioni noiose e ragazzi ancora più noiosi" improvvisamente balzò in piedi, "Oh, scusa Mr Cleaver, non volevo chiamarti per nome.." Mi alzai, con le mani tremanti , respingendo la sua causa di preoccupazione "va bene Lucy" ho riso "sei un'adulta adesso, puoi chiamare gli adulti con i loro nomi da adulti". Un silenzio colpì improvvisamente la stanza, rotto da una domanda che mi colpì come un treno "come sono un Tom adulto?" La voce di Lucy improvvisamente più profonda e femminile. La guardai negli occhi e caddi sulle mie parole. Si sporse in avanti sorridendo leggermente, all'improvviso mi sentii come un topo e questo gattino stava giocando con me. All'improvviso il caffè, ormai tiepido, si rovesciò e schizzò su tutta l'uniforme di Lucy. Ha strillato e fino ad oggi non sono sicuro se sia stata colpa mia o sua. Mi sono alzato di scatto e l'ho afferrata per le braccia "Mi dispiace! Lascia che ti prenda un asciugamano, vieni in bagno! Oddio, mi dispiace" L'ho trascinata fuori dall'ufficio e l'ho indirizzata al bagno di sopra, cercando di non farlo guardala sotto la gonna mentre le seguivo. Mutandine di seta rossa attirano la mia attenzione da sotto quella corta uniforme blu scuro. Scuoto l'immagine dalla mia testa. Attraversiamo il corridoio, nella camera da letto di me e mia moglie, e la conduciamo nel bagno, ho preso un asciugamano dall'armadio e mentre mi giravo, eccola lì china sul lavandino, il rubinetto aperto, l'acqua che inzuppava il suo caffè bianco gonna macchiata, un reggiseno rosso spuntava dalla biancheria bagnata. Lucy guardava fuori dalla finestra luminosa, ammirando la luce del sole che filtrava, avvolgendo il suo viso perfetto di luce, poi abbassava la testa dirigendosi di nuovo verso la sua camicia fradicia. Non so cosa mi sia preso, forse era l'acqua che le gocciolava sul petto o il modo in cui era china, la gonna che non copriva nulla, quelle mutandine di seta rossa scoperte. Ho lasciato cadere l'asciugamano, la mia mano è scivolata nei miei boxer bianchi, ho afferrato il mio cazzo e ho iniziato a massaggiarmi lentamente l'asta, mentre si induriva nella mia mano. Gli occhi fissi sulle sue mutandine rosse, che luccicavano alla luce della finestra. Era ancora china sul lavandino, correndo a pulirsi la camicia.

La mia uniforme scolastica era ricoperta di caffè nero, ottimo proprio quello di cui avevo bisogno. Girai la testa "Mr Cleaver! Wha..." Prima che potessi finire la frase, il papà del mio migliore amico si era girato e mi aveva coperto la bocca, ho provato ad alzarmi ma lui mi ha spinto contro il bancone con l'altra mano e appoggiò il suo peso contro il mio culo. Potevo sentire il suo cazzo duro contro le mie mutande di seta mentre scivolava su e giù nella nostra lotta, cos'era questa strana emozione che stavo provando? Non avevo paura, non stavo combattendo più forte che potevo, non perché fossi debole: ero una cintura nera. Il calore del corpo di Tom mi ha dato fuoco, ho gemito debolmente contro la forma della sua durezza mentre si premeva con forza contro la mia piccola struttura in difficoltà. Mi ha messo a coppa le mutandine di seta con la sua mano calda, e iniziando a strofinare con decisione le labbra della mia figa, facendomi bagnare ed eccitare, ho potuto sentire il freddo della seta appena bagnata contro la mia figa. Senza una parola, ha fatto scivolare le mie mutandine da un lato e si è accovacciato, la punta della sua lingua calda mi ha fatto dei cerchi intorno alle labbra, mentre premeva il suo viso più a fondo, il suo respiro umido mi toccava ogni parte, le mie ginocchia iniziarono a tremare. "Oh m.. mio!" Ho sussurrato. Ho aperto gli occhi e ho osato alzarmi, lui mi ha afferrato e si è alzato in piedi, strappandomi le mutandine e gettandole via come spazzatura. Sono andato a togliermi le scarpe, "Le piattaforme stanno fottutamente su .." La sua voce era ora scura, roca e profonda. Volevo essere la sua spazzatura. Ha iniziato a strofinarsi il cazzo ea guardarmi la figa, lo voleva, lo vedevo nei suoi occhi, aveva l'aspetto dei ragazzi a scuola quando andavamo a parcheggiare venerdì sera. Mi tirò su la gonna, strofinando la testa pulsante del suo cazzo contro le mie labbra succose. Ho iniziato a farmi male, cercando di tornare sul suo cazzo, lo volevo solo dentro di me, a ogni centimetro da me. Indietreggiò e io sospirai per la frustrazione. Rise, avvolgendomi la mano intorno alla gola, premendo di nuovo il suo cazzo sulla mia piccola fica grassoccia. I miei capelli erano inzuppati dal rubinetto che scorreva, gocciolavano lungo la mia schiena, l'acqua fresca, invadente e profumata dal mio profumo Chanel, la mia gonna aperta, il mio vivace seno da adolescente che si riversava sul mio reggiseno, i capezzoli imperturbabili. Il suo respiro si fece più pesante, e improvvisamente beatitudine, sporco, proibito, beatitudine mentre mi penetrava, immergendo il suo cazzo nella mia umidità. "Scopami, sei stretto" gemette gettando indietro la testa mentre mi stringeva entrambe le mani intorno al collo. Ha iniziato lentamente e duramente, prendendosi il tempo per assicurarsi che mi acclimatassi alla circonferenza del suo cazzo. Quasi cedendo sotto la sua ferma pressione, gemeva mentre la mia figa stretta combatteva contro la sua asta, stringendosi con il mio corpo mentre mi irrigidivo per la sua insistenza. Occupando tutto il mio spazio e altro ancora, mi sono sentito invaso e l'ho adorato.

Mi sono sentito dentro di lei, Lucy, la migliore amica della mia bambina. Era calda e stretta, mi sono spinto dentro di lei completamente e mi sono appoggiato a lei, era il paradiso, volevo restare in paradiso. Emise dei piccoli piagnucolii e gemette "Mmmm.. Sì... Mhmmm" sussurrò, potevo sentire l'umidità della sua fica mentre si eccitava sempre di più. Stava macinando all'unisono con me mentre scopavamo sotto la sua uniforme scolastica. Avevo bisogno di baciarla, mi chinai su di lei e la baciai da dietro, mentre continuavo a fotterla fino in fondo. Il mio cazzo è andato a sbattere contro la sua figa rasata da adolescente, all'improvviso mi è venuta la sensazione, la sensazione prima del rilascio definitivo. "Sto per venire.. sto.. Uhhh cazzo.." Ho cercato di rallentare per tirarmi fuori, ma Lucy continuava a rimbalzare sul mio cazzo e mi teneva i fianchi in modo che non potessi muovermi, non ho combattuto suo. "Sborra dentro di me, per favore vieni dentro di me, dai, ci sei quasi, riempimi per favore, oh dio.. Dio!!" Lei piagnucolò silenziosamente. La sborra le ha riempito la fica bagnata ed è gocciolata sul pavimento del bagno, abbiamo rallentato e fermato, ancora dentro di lei.

All'improvviso, la porta d'ingresso suonò al piano di sotto, entrando in azione mi rimisi i boxer. Ho consegnato a Lucy le sue mutandine di seta rossa, i suoi occhi hanno incontrato i miei, non abbiamo detto niente mentre la baciavo sulla testa dei quattro e mi schiarivo la gola, lasciandola a pulire in bagno. Ho sorriso mentre chiudevo la porta del bagno per rispetto della sua privacy, la privacy che avevo appena violato nel modo più estremo, stranamente lei mi ha sorriso e mi ha fatto l'occhiolino mentre si chinava per sistemarsi i collant. Sospirai, "che cazzo ho appena fatto?" Ho pensato mentre sorridevo leggermente pensando alla figa stretta di Lucy e al modo in cui le sue mutandine di seta si sentivano contro il mio cazzo, mentre correvo giù per le scale verso la porta d'ingresso.

Tom chiuse la porta del bagno, sorridendo. Ricambiai il sorriso fingendo di essere impegnato con la mia uniforme scolastica. Una volta che ho sentito i suoi passi svanire in lontananza, ho tirato fuori la minuscola telecamera spia che avevo messo nell'armadietto dei medicinali mentre mi prendeva un asciugamano. Mhmm, è stato fin troppo facile, ho pensato mentre sorridevo guardando la minuscola telecamera.

Storie simili

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

1.8K I più visti

Likes 0

La grande guerra 3033 parte 2

Quando Jack aveva appena finito sul poligono di tiro quando Jack, come fai a sparare con quell'arma, tutti quelli che hanno sparato sono stati bruciati dall'interno con etere o sono stati semplicemente uccisi nel modo giusto. Jack ora notò che era stato scoperto e disse semplicemente Ho preso le armi e ho iniziato a sparare. Perché c'è qualcosa che non va. chiese jack. John ora era al telefono con il presidente dicendo che avevano trovato una delle due Umbra e che lui non sa cosa sia. OK, grazie per il lavoro, chiedigli se voleva essere allenato e se lo manda al...

1.5K I più visti

Likes 0

Come rompere il tuo moccioso Cap. 1

La relazione di Tyrone ed Emma è iniziata online. Si sono incontrati su un sito di avatar ed erano entrambi molto interessati alle idee stravaganti. Una relazione è andata subito d'accordo, ma non è mai stata stabile. Poche settimane dopo l'inizio della relazione, Emma è scappata. Come mai? Era perché Tyrone era troppo dispotico? Era perché non era abbastanza bravo? Sembrava pensarlo per mesi. Fino a quando non si sono incontrati di nuovo online e hanno ripreso una relazione. Ma, come raffigurato dall'orologio, è scappata ancora una volta. Tyrone era sconvolto e triste perché è scappata di nuovo. Si incolpò ulteriormente...

1.7K I più visti

Likes 0

L'incidente che ha cambiato in meglio la mia vita

L'incidente che ha cambiato la mia vita in meglio. Al liceo, avevo fatto sesso solo con 2 ragazze. Il primo è stato perché ho sentito che era facile. Come si è scoperto, lo era. L'ho scopata al primo appuntamento. C'era un grosso problema, o dovrei dire un piccolo problema. Il mio cazzo è piccolo. Nella migliore delle ipotesi è di 5 pollici. A questa ragazza piaceva scopare e so che non mi stavo prendendo cura di lei. Ho scoperto che si stava scopando gli altri quando dovevamo uscire insieme. Questa storia non durò a lungo. Non potevo prendermi cura di lei...

1.5K I più visti

Likes 0

La nostra amorosa amicizia

Ciao, sono nuovo nella scrittura di storie di sesso, quindi per favore sii gentile. Per la storia renderò le cose più facili con me stesso usando persone che conosco come personaggi. In questo caso, sarò me stesso e lo farò in prima persona e il frutto di questa avventura letteraria sarà una ragazza che conosco chiamata Sarah. Prima lascia che mi descriva, mi chiamo Craig, sono alto 6 piedi e 184 libbre. Ho una bella immagine (credo/spero), che include una confezione da sei, occhi azzurri e una bella linea della mascella. Oh e capelli castani. Quindi, la ragazza... non conosco la...

1.5K I più visti

Likes 0

La mia vita sessuale Episodio 6 La sorella del migliore amico

Quindi riavvolgiamo gli orologi indietro ai miei giorni di scuola in cui ero con la mia amica/compagna di sesso Amy, sono abbastanza sicuro che non fossimo esattamente amici in quel momento perché ero impegnato in una relazione ma ho finito per uscire da poco non mentirò questa relazione mi ha colpito duramente normalmente ne esco da una e in qualche modo sono felice perché ora posso scopare di nuovo altre ragazze ma questa volta mi ci è voluto un po' per riprendermi. Sono trascorse circa 2 settimane dalla mia brutta rottura e all'epoca la sorella del mio migliore amico Jeff, Paige...

1.6K I più visti

Likes 0

Solo un viaggio in autobus... Onesto 3

Il mondo sembrava congelarsi. Non potevo crederci, mi sentivo come se mi avesse tradito completamente, anche se ci conoscevamo solo da un giorno e un po', mi è sembrato un pugnale nel cuore, perché era così civettuola oggi, deve sapeva quello che stava facendo, ma lo faceva lo stesso anche se aveva un fidanzato. Non volendo pensarci un attimo di più ho chiuso la pagina e il mondo ha ricominciato a girare. “RALPH STAI ASCOLTANDO? Urlò l'insegnante dalla parte anteriore della classe mentre lo facevano. Sì ho chiamato debolmente non avendo la più pallida idea di cosa fosse stato detto negli...

1.5K I più visti

Likes 0

William Potter

William Potter La storia di William Potter è più difficile da raccontare rispetto alle precedenti. Forse sarebbe meglio iniziare con il suo arresto a New Haven Connecticut nel 1662. (Nota: i processi alle streghe di Salem ebbero luogo nel 1692.) Suo figlio adulto John Porter aveva confessato al ministro della chiesa di aver visto suo padre commettere un atto sessuale con un vitello. Il ministro andò dalle autorità e raccontò loro ciò che gli era stato detto da Giovanni. Quando le autorità andarono da Giovanni per ascoltare la storia da lui, si rifiutò di parlare con loro. Lo hanno arrestato con...

1.4K I più visti

Likes 0

S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa. Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non...

1.5K I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.