Sexy avvocato del sud

579Report
Sexy avvocato del sud

Anna è andata a letto ed è impegnata a fare progetti mentre mi sente tornare a casa. Sono nella Carolina del Sud ad assistere Anne in un caso giudiziario.
Una delle caratteristiche della casa che sta affittando è che non aveva bagni privati. La mattina seguente Anne ha aspettato finché non mi ha sentito muovermi e poi si è diretta verso il bagno tra le nostre stanze. Indossava un perizoma e si copriva a metà i seni sodi con un asciugamano. Come aveva previsto, mi incontra nel corridoio e le capita di far cadere l'asciugamano. La fisso mentre fa un grosso problema raccogliendolo e alla fine coprendosi di nuovo prima di andare in bagno.

Più tardi quel giorno mi alleno nella palestra allestita in una delle camere degli ospiti. Anne usa il tapis roulant, generalmente indossava una maglietta grande e un reggiseno da allenamento rigido. Questa volta ha indossato un reggiseno con coppa C che aveva usato quando era al college. Ora che le sue tette sono coppe B, ha agito come un reggiseno push-up e le dà una scollatura impressionante. Indossava pantaloncini da bici minimal e indossava una maglietta per buona misura. Sono sul vogatore, di fronte al tapis roulant quando lei entra. Passa a un duro programma di allenamento e non passa molto tempo prima che sudi molto. Si toglie la maglietta gettandola di lato e continua a correre, consapevole dei miei occhi incollati ai suoi seni che rimbalzano.

Dopo la doccia decide di indossare una canotta con la minigonna che di solito indossava solo sotto le magliette. Decide che le spalline del reggiseno sarebbero troppo brutte, quindi non ha indossato un reggiseno. Entra in cucina mentre sto cucinando appoggiata al piano di lavoro, sapendo benissimo che la sua postura ha messo in risalto la pienezza dei suoi seni. Sente la tensione dei suoi capezzoli.
"Cosa c'è per cena, John?" chiede casualmente. "Pasta Alfredo con pane all'aglio," risposi, lottando per distogliere lo sguardo da lei.
"Cosa ha portato a quella sessione di allenamento?" Chiedo. "Normalmente te la prendi comoda?" "Oh, mi sono vista nuda allo specchio," mi sta prendendo in giro Anne adesso. "Ho visto quanto sono diventata grassa. Ho bisogno di smaltirne un po'." "Non essere sciocco, non sei grasso!" "No? Guarda che culo!!!" Anne ha alzato la gonna mettendo in mostra un fondoschiena perfettamente arrotondato, con una sottile striscia di pizzo rosa che scende lungo la fessura".
"Non c'è niente che non va nel tuo culo," protestai. "Le donne dovrebbero avere le curve."

"Ma non come questi," protestò Anne e si prese i seni. "Sono enormi!" "Sono perfettamente normali. Ora siediti che ti servo la cena." Anne sorride soddisfatta mentre si siede al tavolo della cucina. Ovviamente sto lottando con il suo display. Dentro la sua testa faceva più progetti. Mi prenderà in giro senza pietà per le prossime due settimane e poi prenderà della lingerie sexy e si concederà a me. Sarà una sorpresa. Le cose non sono andate proprio secondo i piani... Per la settimana successiva Anne ha preso l'abitudine di correre senza reggiseno per casa. Ha colto ogni occasione per chinarsi davanti a me, e indossa minigonne attillate, ho sempre una visuale completa del suo culo e della sua figa ricoperta di seta o pizzo. La fiducia di Anne è al massimo quando è tornata a casa dal tribunale il venerdì successivo. Fuori piove a dirotto e lei è fradicia. C'è un altro biglietto sul frigorifero e lei gelosamente ha pensato che fossi di nuovo fuori per un appuntamento. Ma la nota diceva "Sei in punizione".

Lei non lo capiva. È un'adulta, non ha infranto nessuna regola della casa, perché diavolo la sto mettendo in punizione? È andata in camera sua per cambiarsi scoprendo che la porta era chiusa a chiave. Prova alcune delle altre stanze e anche loro sono chiuse. Solo la cucina e la mia camera da letto sono aperte. Entra nella mia camera da letto e vede un vestito sul letto. C'è un biglietto appuntato su di esso e lei se lo tolse e lesse "Le giovani donne che cercano di giocare a giochi da adulti con uomini più anziani finiscono in tutti i tipi di guai. Indossa questi vestiti e aspettami". Anne è confusa, ma sta tremando ed è bagnata, quindi si cambia i vestiti sul letto. Si sedette sul letto e rimase lì per un po' finché non si annoiò. Ha deciso di andare a prepararsi uno spuntino, ma con sua sorpresa la porta è chiusa a chiave. È intrappolata qui. Ora sta iniziando a farsi prendere dal panico. Questo non è divertente. Che diavolo stavo combinando?
È ormai buio quando finalmente sente la mia macchina nel vialetto. Salta giù dal letto e inizia a bussare alla porta, urlandomi di farla uscire. Sente i miei passi decisi nel corridoio.

"Allontanati dalla porta," abbaiai, con una voce che non aveva mai sentito. Fece come le era stato detto e presto la porta si aprì. "Cosa diavolo credi di fare?" mi urla. "Sono un adulto. Non puoi trattarmi così?" Comincia a correre fuori dalla camera da letto ma l'ho afferrata per un braccio che la tirava indietro. La mia faccia è dura e il mio sguardo minaccioso quando i nostri occhi si sono incontrati. "Oh, ma va bene che tu saltelli per la casa come il burlone in città?" Anne deglutisce. Non è così che dovrebbe accadere. "Intendevo quello che diceva il mio biglietto. Se provi a giocare con i pezzi grossi devi accettarne le conseguenze. È il momento della tua punizione." Mi sono seduto sul lato del mio letto guardandola. I miei occhi le dicevano che facevo sul serio. "Vieni qui ora," dissi, la mia voce cupa e minacciosa.

Anne si avvicina a me e io la afferro facendola sdraiare sulle mie ginocchia. Tiro su la gonna ammirando il perizoma che scompare tra le sue morbide natiche. "Che culetto così dolce," dissi accarezzandolo. "Peccato che ho bisogno di punirlo." Infilo un dito dentro il perizoma e proprio mentre Anne pensava di tirarlo giù lo afferro con forza strappandoglielo di dosso. Poi sente il forte impatto del palmo della mia mano contro il suo sedere. Lei urla per il dolore e la sorpresa. "Questo è per andare in giro nuda!" La schiaffeggio di nuovo. "Questo è per non indossare un reggiseno a casa." La schiaffeggio ancora una volta. "Questo è per allenarsi con quegli abiti succinti." Ancora una volta la mia mano le schiaffeggia forte il culo. "Questo è per saltellare per casa indossando quasi niente." Il culo di Anne inizia a diventare rosa adesso e lei piagnucola a ogni schiaffo ea ogni accusa. Ma le sta succedendo qualcosa. A parte il dolore che sta provando, trova anche la situazione stranamente erotica. Ogni volta che sente la mia mano sul suo culo nudo si sente sempre più arrapata per me. Ovviamente non sono interessato e lei chiede di più.

"Mi dispiace, John," singhiozzò Anne. "Dire che ti dispiace non funziona," rido crudelmente. "Devi mostrarlo. Scendi dalle mie ginocchia e mettiti in ginocchio." Anne fece come le era stato detto. "Buona Anne, mi piace quando non metti in discussione i miei ordini. Tienilo a mente. Ora aprimi la zip e tira fuori il mio cazzo." Anne mi fissa con gli occhi spalancati. Avevo davvero detto quello che pensava avessi detto? "Non mi hai sentito? Ho detto, mi piace quando non metti in discussione i miei ordini. Ora tira fuori il mio cazzo di cazzo o ti do un'altra dose della mia mano al culo." Questa volta è pronta ad agire. Lei mi apre la cerniera dei pantaloni e cerca il mio cazzo dentro le mutandine. È abbastanza morbido, ma la dimensione è comunque impressionante. "Così va meglio. Beh, cosa stai aspettando? Una piccola presa in giro come se non avessi bisogno di istruzioni per la parte successiva." "Ma..." la voce di Anne si spense. " Non l'ho mai fatto prima." "Non hai mai succhiato un cazzo prima? Già, e il Papa non è cattolico." "Lo prometto. Sono uscito al college e ho limonato solo con ragazzi." " Sei serio?" " SÌ!"

"Bene, bene, bene... Questo renderà tutto molto più dolce per me, vero? Non pensavo che avrei avuto l'opportunità di prendere un'altra verginità. Bene, iniziamo con la tua bocca vergine. Succhi e usi la lingua per stuzzicarmi finché non vengo. Non è scienza missilistica. Qualsiasi troia può farlo! Cosa stai aspettando? Apri la bocca e datti da fare!" Ha aperto le labbra e ha iniziato a leccare il mio cazzo. C'è una piccola goccia di pre-cum da assaggiare e scopre che le piace il gusto. Si spalanca risucchiandomi. Non sono andato molto lontano perché le sue labbra sono secche. Mi ha lasciato andare e ha iniziato a leccarmi l'asta. Si passa la lingua sulle labbra risucchiandomi di nuovo stuzzicandomi con la lingua mentre mi infilo dentro. Ancora non sono andato molto lontano. Il mio cazzo ora è grosso e duro e la sua bocca è così grande. "Prendimi in gola, mia troia amica," le ordino, ma lei non sapeva come fare. Le sto già colpendo la parte posteriore della bocca. Sente le mie mani sulla nuca e poi si rende conto di cosa intendevo con la sua gola. Continua a deglutire mentre il mio cazzo le ostruisce le vie respiratorie. Lei è prossima al panico e io sto gemendo. Le lacrime le rigano il viso e proprio mentre pensava di svenire le lascio andare la testa e la lascio respirare.

"Non fermarti," dissi con voce roca e lei continuava a succhiarmelo. Con la sua mano attorno alla base del mio albero duro come la roccia e le sue labbra avvolte intorno alla parte superiore, lavora bene e con forza il mio cazzo. Poi sente di nuovo le mie mani sulla sua testa e proprio mentre pensava che mi sarei spinto ancora una volta in profondità nella sua gola, ho lasciato un forte gemito e il mio cazzo si è mosso nella sua bocca. All'improvviso sente un flusso dopo l'altro del mio sperma colpirle la bocca e inizia a deglutirlo. Quando ho finito di sborrare, esco dalla sua bocca e un po' del mio sperma le scorre lungo il mento. "Sembri una vera troia così," penso mentre mi tolgo i vestiti. " Spogliati." Anna si è tolta i vestiti e ha visto il suo sedere rosa nello specchio. Il pensiero dello schiocco le fece venire un formicolio alla figa e si rese conto di quanto fosse bagnata. Questo non è per niente come l'incontro romantico che aveva in mente, ma sapeva che le era piaciuto schiaffeggiare e succhiare il mio cazzo. Si chiede cosa le farei dopo. Le giro intorno, ispezionando il suo corpo. Le prendo le tette e le mordo i capezzoli, facendola strillare di gioia.

"Mi comporti ancora come una troia," penso. "Sei sicuro di essere vergine? Lo scoprirò e se hai mentito verrai punito."
«Sono vergine», disse. " Prometto." "Tutte le vergini hanno la fica molto stretta. Divaricate un po' le gambe e fatemi sentire le vostre."
Divarica le gambe e si morde il labbro inferiore mentre la mia mano si infila tra le sue cosce e il mio dito scivola nella sua fessura gocciolante. Tiro indietro il dito leccandolo. "Accidenti sei bagnato," dissi con un sorriso. "E anche tu sei stretto. Ma la maggior parte delle giovani donne lo è. OK, sdraiati sul letto e io esaminerò la tua figa un po' più da vicino." Anna sale sul letto ed è seguita da vicino da me. Le afferro le caviglie spalancandole le gambe. "OK, piccola provocazione," dissi con gli occhi fermamente fissati sulle pieghe rosa bagnate che avevo appena aperto. "Voglio che tu ti tenga le caviglie adesso e non le lasci andare in nessun caso finché non te lo dico io. Capito?" Anna annuì.

"Ora diamo un'occhiata alla tua fica da troia. Guarda quanto sei bagnata. Ti è piaciuto molto essere sculacciato, vero? Dovrò ricordarmi di usare la frusta la prossima volta che avrò bisogno di disciplinarti." Anna chiude gli occhi e immagina come si sentirebbe il bastone quando viene riportata alla realtà dalla sensazione della mia lingua sulla sua figa bagnata. Le lecco tutta la fessura e lei rabbrividisce per la tensione erotica nel suo corpo. Faccio scorrere la mia lingua sul suo clitoride sensibile e lei piange per la sensazione. Poi la mia lingua circonda la sua stretta fessura e lecco i succhi che scorrono liberi. Lentamente, lentamente, la penetro con la mia lingua che la muove dentro di lei, facendola gemere sempre più forte di piacere. "Oh, John," geme. "La tua lingua si sente così bene nella mia fica."
Mi sente ridere dolcemente contro la sua pelle calda mentre continuo la mia esplorazione della sua figa. Uso le mie dita per stuzzicarle la clitoride mentre la scopo con la lingua, facendo schiocchi bagnati. Proprio mentre pensava di venire, ritiro la lingua dalla sua fica e chiudo le labbra attorno alla sua clitoride. Presto un dito è dentro di lei, seguito da un secondo e un terzo. Continuo a stuzzicarle la clitoride con la lingua mentre le mie dita la scopano forte e furiosamente. Vuole impastare le sue tette. Vuole pizzicarsi i capezzoli. Vuole fare qualsiasi cosa per aiutarla a far fronte ai sentimenti intensi nella sua fica, ma non ha osato lasciare andare le caviglie. Poi il suo corpo cede alla tentazione e con un grido venne. La sua fica mi stringe forte le dita e mi inonda la mano di succhi scivolosi.

Tiro lentamente la mano e mi alzo sulle ginocchia, guardando le labbra gonfie della figa che stavo stuzzicando senza pietà. Il mio cazzo è di nuovo duro come la roccia. Lo appoggio contro la sua fessura e poi mi chino in avanti succhiando le tette di Anna. Le mordo i capezzoli stuzzicando la parte inferiore sensibile dei suoi seni sodi. Poi mi muovo ulteriormente e comincio a baciarla. La mia lingua invade la sua bocca prendendone possesso. Respiriamo entrambi a fatica quando ho rotto il blocco delle labbra. "Adesso puoi lasciar andare le tue caviglie, mia troia affamata, e appoggiare le tue gambe sulle mie spalle" dissi. "Ora vado a scopare la mia vergine stuzzicare." Anna geme quando mi sente dondolare contro di lei, coprendomi l'asta con i suoi succhi. Poi mi tiro indietro finché la mia testa a fungo non si annida stretta contro la sua fessura. Sorrido e spingo in avanti, aprendo le labbra della sua figa con la mia asta guardando lo sguardo stupito sul suo viso quando sperimenta per la prima volta la mia taglia. Mi fermo brevemente per darle la possibilità di adattarsi e poi spingo fino a raggiungere una sottile barriera. Mi muovo un po' dentro di lei, facendole alzare i fianchi per ricevere di più da me. Poi ho speronato la barriera, lei urla mentre sfondavo la sua verginità. "Oh Dio....Sei troppo grande...FERMATI...Toglimelo....Mi stai facendo a pezzi....Mi stai spaccando a metà....Bastardo." Sepolto nel profondo della sua fica, mi sono fermato mentre si riprendeva dal dolore acuto del suo primo cazzo che la penetrava.

"Allora," penso contro la sua bocca mentre ansima per il dolore del mio cazzo che lacera la sua verginità e allunga le sue pareti strette, "stavi dicendo la verità. La mia amica troia è vergine dopotutto." Comincio a ritirare il mio cazzo ridacchiando alle proteste di Anna per aver rimosso la mia carne spessa dalla sua fica stretta. Ho aspettato finché non sono quasi uscito e poi sono tornato dentro di lei, questa volta più a fondo. Ripetei l'azione più volte, ogni volta fottendola più forte e più a fondo, le mie spinte ricompensate con strilli di piacere da parte sua. Presto la sto sbattendo furiosamente. Anna sente che la sua fica e la sua cervice vengono colpite dalla mia feroce scopata e lo adora. Presto non può fare altro che venire. "Sto cuuuuummmmmmmmm!!!!!" grida mentre il suo corpo si contorce sotto di me, stringendo forte la mia asta come una morsa e schizzando i suoi succhi intorno alla mia carne gonfia.

Non appena l'orgasmo di Anna si placa, mi allontano da lei schiaffeggiandole il culo un paio di volte finché non diventa lucido e bagnato dei suoi succhi di sperma e gocce del suo sangue. "Mettiti sulle mani e sulle ginocchia, mia piccola provocante," le ho ordinato e lei obbedisce rapidamente. Questa volta non sono entrato in lei dolcemente. L'ho impalata sul mio cazzo in un colpo veloce e duro, entrando completamente dentro di lei. La tiro contro di me per le sue tette che le stringo forte mentre la scopo. Le mie palle continuano a sbattere in una pozza dei suoi succhi arrapati e tutti i suoi sensi sono concentrati sul modo in cui sto usando la sua fica e le sue tette. Essere scopata da un uomo più anziano ed esperto è un milione di volte meglio di quanto avesse immaginato. "Ti piace questo, mia troia?" le sussurro all'orecchio. "Ti piace essere fottuto dal tuo amico? Ti piace essere il mio fottuto giocattolo?" "Oooooh sì," ansima lei. "Scopami, John. Usa la mia fica!" "Sei la mia piccola puttana? A chi appartiene la tua fica?"

"Io sono la tua puttana, John! La mia fica ti appartiene." "Allora mostramelo! Strofina il tuo clitoride finché non vieni!" Anna allunga la mano massaggiandosi furiosamente la clitoride mentre continuo a scoparla. Non ci è voluto molto perché tutto il suo corpo iniziasse a tremare tra le mie braccia mentre la sua fica si contrae intorno al mio cazzo. La sua fica da sborra mi prosciuga, carico dopo carico, finché non crolliamo sul letto. L'ho presa tra le mie braccia. "Tesoro, stasera ti trasferisci nella mia camera da letto." " Veramente?" "Sì, come mi godrò la mia puttanella se non ho la sua fica con me tutte le sere mentre sono qui." "E quando esci per appuntamenti?"
"Non ho bisogno di uscire finché sei disponibile a soddisfare i miei bisogni. Sei tutta la fica di cui avrò bisogno cinque o sei volte al giorno adesso." Anna non riesce a credere alla sua fortuna. Volevo scopare solo lei. Poi, mentre mi rilassavo dopo cena, ho aperto la cerniera dei pantaloni tirando fuori il mio cazzo. "Sii una brava ragazza e succhiami il cazzo," dissi.

È andata subito al lavoro. Il mio cazzo appare più lungo di prima, è sicuramente un grosso mostro. Avvolge avidamente le sue labbra attorno ad esso e la sua lingua lecca il generoso pre-cum che si è raccolto sulla mia testa a fungo. Lei lecca tutta la mia asta e poi prende le mie palle in bocca, stuzzicandole con la lingua, e poi lascia che la sua lingua segua le vene fino alla grossa testa avvolgendo ancora una volta le sue labbra attorno ad essa. Gemo mentre mi succhia in bocca. Le metto le mani sulla testa spingendomi nella sua gola e lei mi sente muovere i fianchi su e giù, scopandole la bocca. All'improvviso esco dalla sua bocca, mi alzo camminando dietro di lei, lei sente il mio piede che le apre le gambe e poi le mie mani che le stringono le tette. Sente il mio cazzo duro contro il suo culo mentre le pizzico e tiro le tette. Anna sente la sua figa gocciolare così tanto ora che ha paura di gocciolare sul tappeto. Grida di sorpresa e di gioia quando il mio dito, lubrificato nella sua fica bagnata, si è fatto strada nel suo buco del culo vergine, recentemente esposto dalle mie mani che le stanno aprendo le natiche. Prendo un tubo dal tavolo, lei sente un gel freddo sul buco del culo. Questo è seguito dal mio dito, massaggiando lentamente il suo buco stretto, distribuendo uniformemente il gel. Poi sente uno schizzo nel suo passaggio stretto, seguito di nuovo dal mio dito. Adesso è dentro di lei, la massaggia e rilassa i suoi muscoli. C'è il suono di uno schizzo finale, che lei immagina sia andato sul mio cazzo.

I miei preparativi per il suo buco hanno funzionato bene mentre la mia testa di fungo le si infila dentro senza troppe difficoltà. Lentamente, lentamente inserisco più della mia asta nel suo buco del culo. Anna pensava che stesse per esplodere. Il dolore che le sto infliggendo nel culo è immenso, ma non è un brutto dolore. È un dolore sexy. È un dolore corneo. Poi mi tiro fuori di nuovo, quasi completamente, e la volta successiva che mi sono infilato dentro di lei sono andato più veloce e il dolore è molto minore. Non riesco a impedire al piacere del suo buco del culo stretto di mandarmi di nuovo oltre il limite. Anna non ha praticamente più forza nel suo corpo mentre il mio cazzo scivola lentamente fuori da lei, lasciando il suo culo grondante sperma sul pavimento.
"Mmmmmmmmmmmm," dissi sorridendole mentre mi alzavo. "Sei un secchio di sperma. È fantastico scoparti." Prendo Anna tra le mie braccia baciandola.

"Hai fatto bene stasera baby," dissi tra i baci. "Ora vado a farmi una doccia e poi devo fare i bagagli per andarmene. Puoi fare una doccia e andare a letto. Probabilmente non ti vedrò fino alle prime ore del mattino, quindi non devi aspettarmi, ma assicurati che la tua fica sia bella e umida quando torno." È mezzanotte passata quando finalmente Anna va a letto e inizia a sognare di essere scopata da me. È diventata sempre più arrapata nei suoi sogni e non voleva svegliarsi dalla dolce sensazione, ma qualcosa la sta tirando fuori dal suo sogno. Quando finalmente si è resa conto di essere sveglia, ha potuto dire che le sue caviglie erano state legate al letto e che le stavo leccando la fica bagnata. “Oh sisssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssss,„ è tutto che può dire come l'attrito della mia stoppia ha portato il suo piacere incommensurabile. Quando seppi che era sveglia, mi muovo sul suo corpo, baciandole la pancia, poi succhiandole le tette prima di appoggiare le mie labbra contro le sue, lasciandole assaggiare la sua figa. "Ti è piaciuto essere fottuto ieri sera?" le chiesi mentre le mordevo le labbra.

"Oh sì, John," sospira felice al ricordo. "Ti è piaciuto avere il mio cazzo nel culo?" "Oh sì, è stato meraviglioso."
"Sei una piccola puttana così sporca," penso. "Più mi sporco con te e più ti piace, non è vero?" "Sì, Giovanni."
"Lo adoro, Anna," sorrido. "Adoro come sei la mia puttana del sud. Intendevo quello che ho detto prima. Tornerò a trovarti di nuovo. Ora, scopiamo prima che svenga." Le gambe di Anna sono divaricate con le caviglie legate e io mi infilo velocemente nella sua fica gocciolante. Non mi sono preso il tempo di stuzzicarla, ho sbattuto forte nella sua figa in attesa, spingendomi dentro di lei. L'ho scopata velocemente e furiosamente. La sua fica è calda e bagnata e io sono arrapato. Ho avuto un rilascio diverse ore fa, ma ne avevo bisogno di un altro prima di riuscire ad addormentarmi. Il mio peso corporeo poggia sulle mie braccia ai lati del petto di Anna e guardo le sue tette, fatte rimbalzare con le mie spinte dure nella sua fica stretta.

La sua fica è malconcia e dolorante dopo gli esercizi della notte, ma Anna adora la sensazione di quell'asta dura che la impala ad ogni spinta. Adesso vado veloce. Non pensava che l'avessi scopata così velocemente prima. Il mio sudore gocciolava su di lei e avevo uno sguardo determinato sul mio viso. Abbassa lo sguardo su come il mio cazzo continuava a scomparire nella sua fica glabra. Poi ho fatto un'ultima spinta dura, strofinandomi contro la sua clitoride. Lei inizia a sborrare quando sente il mio cazzo masturbarsi nella sua fica e poi ho grugnito mentre sparavo il mio grosso carico dentro di lei. Quando abbiamo finito di venire, crollo su di lei e lei riesce a malapena a respirare. Sente il mio cazzo ridursi lentamente dentro di lei quando mi sono girato e ho iniziato a russare. Riesce ad abbassarsi ea slegarsi le caviglie e presto si sistema tra le mie braccia e si addormenta di nuovo.

La mattina dopo ho scopato Anna lentamente sotto la doccia. Poi l'ho asciugata prima di vestirmi. Ho fatto telefonate per condurre affari, ma riesco a malapena a concentrarmi mentre Anna faceva i lavori di casa nuda. Tiro fuori il mio cazzo, comincio ad accarezzarlo e presto mi faccio succhiare da Anna, bevendo il mio sperma caldo. Andavo alle riunioni e quando tornavo la facevo sdraiare sul tavolo della cucina e me la mangiavo per cena prima di alzarmi, piegarla in avanti sul tavolo e scoparla di nuovo. Venerdì mattina tiro fuori il culo di Anna dopo una lunga scopata iniziata con il mio cazzo in bocca nel corridoio, continuando con lei che mi cavalcava in cucina e finita con me che le prendevo prima la fica e poi il culo da dietro in camera da letto. Due ore dopo
Sono sul mio jet privato diretto a Chicago. Ho aperto uno studio legale in South Carolina con Anna come partner, quindi sarei dovuto tornare a trovarla.

Storie simili

Stordimento commemorativo, seconda parte

In circostanze diverse, avere Joe tra le mie gambe sarebbe stato un paradiso. Ma con Keith e Rob che si tenevano un braccio e una gamba ciascuno e il puzzo di birra ed erba nell'aria che veniva fuori da loro, era come un incubo diventato realtà. Cerco di allontanarmi dalle labbra di Joe mentre si muove per baciarmi la figa, solo che lui mi afferra per la vita e mi tira sulle sue labbra. Quando le sue labbra toccano le mie labbra esterne, tremo per il suo respiro caldo che tocca la mia pelle fredda. La sua lingua segue le mie...

525 I più visti

Likes 0

Scopala finché non ti ama

Non è un culto. Non so nemmeno perché ho bisogno di chiarire questo. Sono tornato dalla morte, sì, ma al giorno d'oggi non è così raro con le piastre elettriche e la RCP. Sono solo un ragazzo che si è ripreso più che completamente dopo un incidente d'auto. Come i cuccioli che sentono il tintinnio delle chiavi del loro padrone, l'ingresso del mio appartamento era affollato di ragazze eccitate in ginocchio. Sono tutto il loro mondo. Cucinano e puliscono. Si fanno la ceretta alla fica e si truccano in modo discreto per far risaltare gli occhi e le labbra solo per...

564 I più visti

Likes 0

L'ora della grande zucca - Un racconto di Halloween_(1)

Notte di Halloween Linus sospirò forte, preparato ancora una volta alla delusione. Ogni anno aspettava che la Grande Zucca apparisse la notte di Halloween, ma non era mai successo. E questo era l'anno in cui Sally, la ragazza che amava, lo aveva finalmente accompagnato al campo delle zucche. Voleva davvero che accadesse quest'anno, se non altro per convalidare le sue convinzioni di fronte a Sally. Quanto a Sally, non poteva credere che stesse facendo questo. Eccola lì, a gelare il culo, senza Halloween, per un ragazzo che portava ancora una coperta in giro. Ma lei non poteva farne a meno. Lo...

1.2K I più visti

Likes 0

La mia presentazione_(0)

Ciao, ora ho 54 anni e vorrei raccontarti la mia storia di vita. Quando avevo sette anni, fui messo in un orfanotrofio dal tribunale. Non che io abbia fatto qualcosa di sbagliato, è dove i miei genitori che hanno perso la custodia su di me e due fratelli. Quella volta non lo sapevo, ecco perché desideravo tornare a casa. Quindi sono scappato abbastanza regolarmente. Fu diversi anni dopo che seppi la verità. Comunque, a causa della mia abitudine di scappare a volte, sono stato in diversi orfanotrofi. Là dove buoni e cattivi da loro. Già abbastanza giovane (8 o 9 anni)...

855 I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

631 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

481 I più visti

Likes 0

Risveglio_(1)

(Figlio di Eric) Il problema per i ragazzi nel raggiungere il punto della piena realizzazione sessuale è che sono sempre duri. Non sappiamo perché, abbiamo solo un'idea di quale sia la causa. Quindi nell'ultimo mese, ogni volta che guardavo mia madre, diventava difficile. Voglio dire, non aiutava il fatto che mia madre indossasse sempre quasi nulla la mattina, mentre preparava la colazione. Di solito una camicia da notte e mutandine quasi trasparenti. (Kevin il papà) era un poliziotto che lavorava a tutte le ore. Turni frazionati e così via. Mentre teneva la sua bellissima moglie tra le braccia, guardando nei suoi...

421 I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.6K I più visti

Likes 0

Addestrato per servire

Ero nella mia camera da letto al piano di sopra mentre i miei genitori tenevano la loro festa annuale di Capodanno al piano di sotto. Gli unici bagni erano al piano di sopra e il bagno degli ospiti era in fondo al corridoio rispetto alla mia camera, quindi ho sentito persone salire e scendere le scale. Mi ero appena messo il pigiama ed ero seduto su un lato del mio letto a guardare gli annunci su Popular Mechanics quando la porta della camera si è aperta. Era la signora Smythe che viveva dall'altra parte della strada. Indossava un vestito blu tafata...

1.5K I più visti

Likes 0

Piccole donne arrapate

Matthew Ryder osservò in silenzio le lancette dell'orologio che avanzavano lentamente verso le undici, restringendosi come le lame di una serie di cesoie da giardino. A disagio nell'insolito abito antracite e nella cravatta scura, il giovane aveva la testa chinata per fissare un paio di scarpe di vernice nera in cui era quasi possibile distinguere i suoi lineamenti belli ma gravi. Alla tenera età di diciassette anni, la perdita di un padre fu uno strazio straziante, soprattutto perché era l’unica famiglia che il ragazzo inesperto avesse mai conosciuto. Eppure le cose stavano per cambiare radicalmente con l'introduzione nella sua vita delle...

451 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.