Schiava del sesso_(1)

382Report
Schiava del sesso_(1)

Lillian Grey, capelli biondi, occhi azzurri, piccola diavolessa sexy in jeans attillati e top bikini minuscolo. Corre lungo il recinto con il suo piccolo pony bianco, le piccole tette che rimbalzano, nessuna idea al mondo di cosa stia facendo al bracciante di suo padre. Big John, grosso proprio come vengono, enorme scuro e muscoloso; cattura il suo sguardo. Lei pensa a quanto deve essere enorme il suo membro e sente quel piccolo brivido nelle cosce. Pensa tra sé e sé, sono dieci a 20 proprio lì, mentre un grosso cazzo si flette nella sua tuta.
Quando Lillian finì la sua cavalcata, portò il suo pony alla sua stalla, lo spazzolò e gli diede da mangiare un dolcetto. Stava chiudendo la porta principale della stalla quando si rese conto di non averlo mai fatto prima. Sapeva che doveva chiuderla, era stata l'ultima ad andarsene. Tuttavia non era abbastanza pesante da abbattere la grande porta, stava solo oscillando dalla corda, pesando solo 82 libbre. Quando la voce di Big John rimbombò proprio dietro di lei, lei sobbalzò e cadde a terra. Si è sentita subito così imbarazzata. Lui sorrise e tese la mano per aiutarla ad alzarsi. Lei infilò la sua delicata manina bianca nella gigantesca mano nera e ruvida e lui la tirò in piedi.
"Mi dispiace di averti spaventata, signorina Lillian." "Va bene John, mi dispiace di aver litigato. Davvero non mi spaventi affatto, voglio dire, penso che tu sia fantastico, voglio dire che sei bello da vedere. Voglio dire, mi piace vederti." Lei inciampò nelle sue parole non sapendo cosa dire e non volendo sembrargli nervosa. "Non ti preoccupare Miss Lillian, non mi hai offeso nessuno, mi piaci anche tu. Ma mi spaventi un po'. Non credo che tuo padre 'Mista Grey' mi vorrebbe e tu sei da solo a parlare così. Che ne dici di andare avanti e io chiudo questa porta e me ne vado a breve?" "Perché mia madre e mio padre sono partiti per quella gita in barca sul fiume di cui hanno parlato e io sono l'unico 'Master Grey' della tenuta per la prossima settimana. Quindi non voglio che tu abbia paura di parlarmi ok "Magari trascorriamo un po' di tempo insieme, potremmo conoscerci ed essere amici?" Big John pensò tra sé che gli sarebbe piaciuto dedicare del tempo a conoscerla, soprattutto come sarebbe stato cercare di infilare il suo grosso cazzo nella sua figa stretta. "Ora è molto gentile da parte tua, signorina Lillian, ma sento davvero che non dovremmo conoscerci troppo da vicino. Ti conosco da quando eri solo una ragazzina e ora sei cresciuta. Conosci uomini non possono fare a meno di sentire ciò che ottengono. Penso che non dovremmo cercare di metterci troppo a nostro agio. Lillian non sapeva cosa pensare di quello che aveva detto, ma lui è il maggiore di lei e non voleva essere scortese, quindi si limitò a sorridere e a dare la buonanotte.
Più tardi quella notte Lillian era l'unica a casa così pensava che si sarebbe divertita un po'. Ha chiuso a chiave la porta della sua camera da letto, per abitudine stanotte visto che non c'era nessun altro lì. Corse alla sua cassettiera e in fondo al cassetto delle mutandine tirò fuori la sua bacchetta di vetro che aveva comprato a Parigi quando i suoi genitori non stavano guardando. Era una minuscola bacchetta di vetro liscia lunga circa 4 pollici con una piccola lampadina a un'estremità. Poi si è lasciata cadere sul letto e ha iniziato a strofinare la sua dolce figa vergine attraverso la camicia da notte. Si bagnava subito, era sempre così bagnata e si chiedeva se fosse normale o se fosse un mostro. Poi sentì bussare alla porta sul retro. Lei balzò in piedi e mise la sua bacchetta sotto il cuscino e corse giù verso la porta della cucina. Poteva vedere dalla luce del portico che era Big John, la sua figa sussultò solo al pensiero di lui.
Big John era in piedi sulla veranda chiedendosi perché lei fosse lì e non rispondesse alla porta, sperava che lei sapesse che era lui e non un estraneo. Poi la porta si spalancò e lei rimase lì con una vecchia camicia da notte che la faceva sembrare di nuovo una bambina. Lei sorrise e lo salutò e lui fece lo stesso.
"Signorina Lillian, volevo solo dirti che sarò tua amica e che potremmo passare un po' di tempo a conoscerci a vicenda." Il cuore di Lillian sussultò e la sua figa sussultò e si riempì ancora una volta di succhi. Sperava davvero che non si accorgesse della macchia bagnata sul davanti del suo vestito. ha detto "Fantastico John, possiamo andare a nuotare o possiamo guardare la televisione o possiamo andare nella mia camera da letto e giocare". Il sangue è salito alla punta del suo cazzo alla menzione della sua camera da letto, ha immediatamente detto che voleva giocare nella sua camera da letto senza pensarci due volte.
Si sedettero sul tappeto sul pavimento della sua camera da letto mentre lei leggeva l'elenco dei giochi che aveva. Non sapeva leggere e tutti i giochi che lei aveva richiesto di leggere. Non sapeva cosa scegliere. Le disse di scegliere e quando lei decise di scarabeo non sapeva cosa dire. Si sedette sulla tavola e divise le tessere. Lillian ha suonato una parola e poi si sono semplicemente seduti lì. Fissò le tessere con intento e poi disse che non aveva niente da giocare. Si rese conto in quel momento che non sapeva leggere. Così lo afferrò per la testa e lo condusse alla biblioteca di famiglia. Lo spinse giù nella sedia da lettura con schienale alto in pelle gigante di suo padre.
È corsa verso uno scaffale e ha chiesto a John che tipo di storia volesse ascoltare, ha detto che aveva bisogno di leggere ad alta voce per la scuola e aveva voglia di farlo ora. Ha detto che non sapeva che tipo e che avrebbe dovuto scegliere. Essendo la ragazza furtiva che era, sapeva dove suo padre aveva nascosto un libro segreto. Corse a prenderlo dal suo nascondiglio e corse da John e lo spinse indietro per rilassarsi sulla sedia e si sedette sulle sue ginocchia e si sdraiò contro il suo petto. Non sapeva cosa fare lei era seduta proprio sul suo cazzo, lo avrebbe sentito. Ha iniziato a leggere ad alta voce...
"Il Signore disse alla sua cameriera di togliersi il vestito dal corpo e di bagnare il mio in modo naturale. Non sporcare le acque del mio bagno con il tuo panno contadino."
Big John non capiva bene quello che stava dicendo, ma capì il nocciolo soprattutto quando notò la macchia umida che cresceva tra le sue gambe. Ha continuato a leggere il libro di ditry di suo padre e ha iniziato a macinare il suo culetto stretto sul suo cazzo in crescita. Lo stary è uscito proprio graffico e sporco. Non riusciva a credere che queste parole passassero attraverso le dolci labbra vergini di Miss Lillian. Voleva toccarla ed era sicuro che lei lo volesse, gli stava strofinando il culo su tutto il cazzo. Il suo cazzo iniziò a dolere ea sussultare, essendo limitato dai suoi pantaloni. Poteva sentire il suo cazzo e lo adorava, non riusciva a credere a quello che stava facendo. Suo padre l'avrebbe uccisa. Big John è stato completamente colto alla sprovvista quando ha afferrato la sua mano destra dal bracciolo o dalla sedia e l'ha posizionata proprio sui suoi piccoli seni.
Big John sapeva come cogliere un suggerimento così le mise l'altra mano sull'altra tetta e iniziò a massaggiargliele mentre dondolava un po' i fianchi e la ascoltava leggere quella sporca storia. Era così elettrizzata da quello che stava accadendo, non era mai stata toccata in quel modo da nessuno tranne se stessa, figuriamoci da un uomo di colore enorme, calvo, muscoloso, di 300 libbre. Voleva di più così gli afferrò la mano e se la mise sul culo. Solo una delle sue mani era abbastanza grande da farci entrare l'intero culo. Le prese il sedere a coppa in modo che il suo dito indice potesse strofinarle la clitoride attraverso la camicia da notte. Era così preoccupata che lui potesse pensare che fosse una pazza per quanto si fosse bagnata. Sentì la sua figa inondarsi e richiudersi e inzuppare il dito nel suo abito. Lei lo adorava e aveva bisogno di altro.
Lei balzò in piedi inaspettatamente e lo trascinò per mano nella sua camera da letto, lui camminò lì dolorosamente con il suo cazzo duro intrappolato nei pantaloni. Lo spinse sul letto e la sua bacchetta rotolò fuori da sotto il cuscino. Lui lo raccolse e lei arrossì. "Signorina Lillian cos'è questa cosa qui?" Arrossì di nuovo e glielo disse. Le ha chiesto se lo usava, e lei gli ha detto che l'aveva fatto, ma aveva paura di spingerlo oltre la sua ciliegia. Sorrise e lo posò sul letto per un uso successivo. Si sdraiò sul suo e la tirò su finché non si sedette sul suo petto. lei lo guardò male mentre sentiva il battito del suo cuore nella sua figa, lui le tirò la camicia da notte sopra la testa e poi vide che non aveva le mutandine.
Poi l'ha tirata su a cavalcioni sulla sua piccola figa sopra la sua bocca, le ha afferrato i fianchi stretti ed è andato in città sulla sua clitoride con la sua lunga lingua, lei si è dimenata e si è scossa senza sapere cosa fare, ha solo urlato e gemuto. John si fermò e la baciò proprio sulla bocca facendole assaggiare se stessa. Poi baciandole un po' la figa ma lui l'ha lasciata libera per vedere cosa avrebbe fatto e lei è rimasta proprio lì con la sua figa incastrata proprio nella sua bocca desiderosa, lui ha assaporato i suoi succhi e le ha dato un incontrollabile orgasmo piagnucoloso, poi lei l'ha lasciata riposati un po'.
Le disse: "Ora mi spogli". Lei obbedì e iniziò a sbottonargli i bavaglini e lui lo aiutò con il resto. Una volta che si fu tolto i vestiti, la fece sedere sul suo petto come prima, ma questa volta sentì la figa bagnata su di lui. Il suo cazzo sussultava e si agitava. La attirò per sdraiarsi su di lui, petto contro petto e iniziò a baciarla, lei era una brava baciatrice e gli succhiava le labbra e la lingua. Lei gli appoggiò la fica sul petto duro, lui le tenne la parte bassa della schiena con una mano e la tirò vicino a sé e con l'altra mano iniziò a strofinarle l'interno coscia e le labbra della fica. Era così bagnata che le goccioline gli scorrevano lungo i fianchi, facendogli dolere il cazzo. Le strofinò il piccolo clitoride e questo la fece iniziare a gemere e lui si fermò poi confermò che erano gli unici in casa prima che continuasse. Le piaceva davvero farsi massaggiare il clitoride, gemeva e girava la testa e gli faceva cadere la fica bagnata fradicia contro il suo petto e la sua mano.
La tenne più stretta per la vita e la strinse a sé e cercò di inserire il mignolo, semplicemente non entrava, lei stava spingendo e lui si stava dimenando e spingendo ma lei era troppo stretta, anche il suo mignolo era Enorme. Si ricordò della bacchetta di vetro e afferrò che era grande circa la metà del suo mignolo. lo strofinò attorno al suo clitoride e al suo buco e lo fece bello e lubrificato poi lo spinse nella sua figa, desiderò che fosse il suo cazzo palpitante. Lo spinse dentro e fuori finché non si mosse liberamente, lei gemette e premette il suo corpo contro il suo. Si sentiva così bene che non era mai stata toccata in quel modo e lui sapeva davvero come far funzionare la sua bacchetta. Tirò fuori la bacchetta e iniziò a strofinarle di nuovo il mignolo intorno alla figa e velocemente la scopò con la bacchetta dentro e fuori di nuovo, poi lo sostituì con il suo mignolo, lei si sentiva così piena e le allargava la figa. Ha semplicemente tenuto fermo il suo e le ha permesso di abituarsi alle sue dimensioni fino a quando lei non ha mosso i fianchi e voleva che lui muovesse di nuovo la mano. Le ha strofinato l'imene, l'ha fatta impazzire.
L'ha scopata con il suo mignolo per un po' di più tutto il tempo lasciandola gocciolare sul suo dito indice, che era grosso come il pollice di suo padre. Non che questo avesse mai avuto intenzione di intromettersi nella sua figa stretta. Ha cambiato rapidamente dito e lei era congelata. Lui agitò il dito, lei gemette e il suo corpo iniziò a tremare ea chiudersi. I suoi fianchi tremarono e inavvertitamente si fottò di più sul suo enorme dito. Passò al suo dito medio sempre più grande e lei gli crollò sul petto e lui la tenne ferma e le lasciò riprendere fiato. Ha iniziato a baciarla di nuovo e lei lo ha baciato con passione così sapeva che voleva andare avanti. L'ha scopata con il dito e lei ha gemuto e gli ha cavalcato il dito. Sapeva che si sarebbe rotta l'imene e il suo cazzo era geloso. Non aveva mai fatto scoppiare una ciliegia come questa prima, quindi era ancora entusiasta di farlo.
Lillian si dimenò sul suo dito immobile e lo spinse verso il basso. Muoveva la mano un po' più in alto ogni poche volte che lei saliva e poi scendeva e poi si fermava di colpo e urlava. Si sdraiò sul suo petto aggrappandosi a lui e lui la tenne stretta e stretta al suo petto di nuovo mentre lei tremava e iniziava a muovere il dito più in profondità nella sua figa vergine. Veniva toccata dove non era mai stata toccata prima e questo la mandò in un selvaggio orgasmo urlante. La teneva stretta in modo che non si facesse del male. John muoveva il dito dentro e fuori, mentre la sua figa stretta si aggrappava al suo dito e si schiacciava e stringeva e tremava. Il suo cazzo ballava e ballava dolorosamente. Lei iniziò a prendere il ritmo delle cose così lui la lasciò andare e tenne di nuovo ferma la mano e la lasciò cavalcare sul suo grosso dito medio. Cavalcò su e giù per il suo dito, sfidandosi ad andare sempre più in profondità. Strofinando la sua clitoride lungo il lato del suo dito ogni colpo. Lo adorava e la sua figa stava versando ora.
Big John ebbe un'idea e le tolse la mano. Lui lo afferrò per la vita e la rattristò sull'asta del suo cazzo gigante, lei non sapeva cosa fare con quella grossa bestia viola su cui sedeva ma era calda e pulsava e la faceva sentire così bene. Ha strofinato la sua figa sul suo albero venoso. il succo di figa scorreva sul suo cazzo e lei continuava a macinare se stessa su e giù per i suoi 9 pollici di lunghezza. Si sentiva come se potesse venire, ma non voleva. Doveva farla rallentare. John voleva essere dentro di lei. La fece sedere un po' in alto e la mise a cavalcioni sulla sua spessa testa di cazzo puntata proprio nel suo piccolo buco. Subito Lillian iniziò a spingere e spingere contro di esso. Gli faceva male così teneva il suo cazzo fermo per lei. L'ha tenuta per la sua piccola vita magra e l'ha aiutata a provare a salire sul suo cazzo. La sua testa di cazzo è diventata davvero scivolosa con il suo succo e ha iniziato a intromettersi e all'improvviso è saltato dentro.
Emise un urlo e si trasformò in pietra, le lacrime le rigarono il viso. John la confortò e tenne fermo il suo cazzo alla testa che gli faceva male e si sentiva pizzicato. Poteva riempire la sua figa convulsioni e casseforme. Stava avendo un altro orgasmo. Lei crollò sul suo petto e gli occhi le rotearono all'indietro e gemette e urlò. Quando smise di muoversi, John le accarezzò la schiena e le strofinò il culo e piegò la sua enorme testa di cazzo dentro di lei, facendola sussultare e avere scosse di assestamento dal suo ultimo orgasmo. Rimasero sdraiati così per un bel po' e proprio quando John iniziò ad addormentarsi, sentì la sua figa inondarsi di umidità e lei iniziò a provare a cavalcare il suo cazzo. Il suo flash si aprì e lui le strofinò il corpo e la accarezzò in modo incoraggiante. Rimase in silenzio, voleva sentire ogni suono che faceva per assicurarsi che non si stesse facendo male.
John pensava che dovessero sembrare divertenti, cazzo. Con lui che è un gigante virtuale così nero da essere quasi viola e lei non essendo molto più grande della tua adolescente media, è sempre stata piccola e molto probabilmente lo sarebbe sempre stata. Era la ragazza più piccola del suo college femminile. E ora stava liberando il grosso cazzo nero del suo papà. Le faceva male la figa e l'allargava così tanto ma si sentiva così bene e non poteva impedirsi di muovere i fianchi e lasciare che l'intruso scivolasse più in profondità, faceva male e bruciava e poi tremò con un altro orgasmo e cavalcò il suo cazzo duro solo per alcuni colpi poi gli caddero di nuovo sul petto e rimase immobile. John le strofinò la schiena e la tenne ferma e le ficcò il cazzo sempre più a fondo molto lentamente.
Lei tenne gli occhi chiusi e gemette, la strinse un po' di più e poi lui si alzò dal letto. Gli occhi di Lillian si spalancarono e lei lo afferrò forte con le braccia e le gambe, ma era difficile perché era così grande. Era come aggrapparsi a un muro per sostenersi. Scivolò più in basso nel suo grosso cazzo, urlò e lo pregò di sostenerla. Non appena sentì la punta del suo cazzo toccare il fondo, la tenne proprio lì. Ha provato a staccarsi usando le sue mani per spingere contro, ma lui lo ha tenuto fermo e stretto completamente impigliato sul suo cazzo che è più grande del suo braccio. Non sapeva cosa fare, faceva così male e lui non l'avrebbe aiutata. lei lottò contro di lui ma lui la tenne stretta. Sebbene dalla sua lotta scoprì che il suo movimento sembrava graffiare un centimetro dentro che non sapeva di averlo fatto.
Si allagò di nuovo e ebbe un orgasmo spastico, durante questo lui si abbassò e si alzò in ginocchio e lo lasciò stare sul pavimento. Lui la fece girare velocemente senza mai tirargli fuori il cazzo così lei era appoggiata contro la sua schiena con il suo cazzo seppellito dentro di lei. Riusciva a malapena a stare in piedi, non riusciva a capire perché la stesse facendo alzare, poi si rese conto che il suo cazzo era ancora dentro di lei e fu presa dal panico. John la teneva stretta contro il suo petto, lei non osava lasciare che le sue gambe cedessero perché allora l'unica cosa che la tratteneva sarebbe stato il suo cazzo che le scavava nella cervice. Erano entrambi così sudati e lei poteva aggrapparsi a qualsiasi cosa con le mani e si costrinse ad alzarsi un po' ma cadde all'indietro, le sue gambe erano gelatinose. Lei continuava a cercare di sollevarsi dal suo cazzo ma non riusciva mai ad alzarsi fino in fondo prima che le sue gambe cedessero. Ma fortunatamente facendo il si è data un altro enorme orgasmo tremante.
John voleva venire così tanto che si voltò sollevandola con il suo cazzo, lei gridò e atterrò sul letto a quattro zampe, il suo cazzo ancora incastrato nel profondo del suo micio gocciolante. John l'afferrò per la vita, le sue mani girarono tutto intorno, non c'era modo di scappare. Si è spinto dentro di lei così forte e veloce da sollevarla dal letto, quindi l'ha tenuta più stretta e si è spinta dentro di lei lentamente, profondamente e con forza. Pianse e seppellì il viso, gridò e si aggrappò al suo copriletto. Big John ha spinto ogni pezzetto del suo mostruosamente enorme cazzo viola in questa minuscola figlia bianca di 80 libbre del suo capo e ha spinto e grugnito dentro di lei mentre le riempiva la figa con il suo latte. Ha urlato e pianto mentre era bloccata in un orgasmo senza fine che non riusciva a smettere di avere.
Alla fine ha smesso di venire quando lui ha tirato fuori completamente il cazzo da lei. quando vide il suo cazzo sopra la sua pancia bianca non riusciva a credere che entrasse nemmeno in quella piccola cosa. Le infilò l'indice e il medio nella figa, ora entravano un po' più facilmente ma la sua fica era ancora aggrappata alle sue dita, le strofinò la clitoride con il pollice e lei gemette e pianse mentre la costringeva a venire ancora una volta . Lei sorrideva e lui l'avvolse in una coperta e caddero insieme...

Storie simili

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

1.8K I più visti

Likes 0

La grande guerra 3033 parte 2

Quando Jack aveva appena finito sul poligono di tiro quando Jack, come fai a sparare con quell'arma, tutti quelli che hanno sparato sono stati bruciati dall'interno con etere o sono stati semplicemente uccisi nel modo giusto. Jack ora notò che era stato scoperto e disse semplicemente Ho preso le armi e ho iniziato a sparare. Perché c'è qualcosa che non va. chiese jack. John ora era al telefono con il presidente dicendo che avevano trovato una delle due Umbra e che lui non sa cosa sia. OK, grazie per il lavoro, chiedigli se voleva essere allenato e se lo manda al...

1.5K I più visti

Likes 0

Come rompere il tuo moccioso Cap. 1

La relazione di Tyrone ed Emma è iniziata online. Si sono incontrati su un sito di avatar ed erano entrambi molto interessati alle idee stravaganti. Una relazione è andata subito d'accordo, ma non è mai stata stabile. Poche settimane dopo l'inizio della relazione, Emma è scappata. Come mai? Era perché Tyrone era troppo dispotico? Era perché non era abbastanza bravo? Sembrava pensarlo per mesi. Fino a quando non si sono incontrati di nuovo online e hanno ripreso una relazione. Ma, come raffigurato dall'orologio, è scappata ancora una volta. Tyrone era sconvolto e triste perché è scappata di nuovo. Si incolpò ulteriormente...

1.7K I più visti

Likes 0

L'incidente che ha cambiato in meglio la mia vita

L'incidente che ha cambiato la mia vita in meglio. Al liceo, avevo fatto sesso solo con 2 ragazze. Il primo è stato perché ho sentito che era facile. Come si è scoperto, lo era. L'ho scopata al primo appuntamento. C'era un grosso problema, o dovrei dire un piccolo problema. Il mio cazzo è piccolo. Nella migliore delle ipotesi è di 5 pollici. A questa ragazza piaceva scopare e so che non mi stavo prendendo cura di lei. Ho scoperto che si stava scopando gli altri quando dovevamo uscire insieme. Questa storia non durò a lungo. Non potevo prendermi cura di lei...

1.5K I più visti

Likes 0

La nostra amorosa amicizia

Ciao, sono nuovo nella scrittura di storie di sesso, quindi per favore sii gentile. Per la storia renderò le cose più facili con me stesso usando persone che conosco come personaggi. In questo caso, sarò me stesso e lo farò in prima persona e il frutto di questa avventura letteraria sarà una ragazza che conosco chiamata Sarah. Prima lascia che mi descriva, mi chiamo Craig, sono alto 6 piedi e 184 libbre. Ho una bella immagine (credo/spero), che include una confezione da sei, occhi azzurri e una bella linea della mascella. Oh e capelli castani. Quindi, la ragazza... non conosco la...

1.5K I più visti

Likes 0

La mia vita sessuale Episodio 6 La sorella del migliore amico

Quindi riavvolgiamo gli orologi indietro ai miei giorni di scuola in cui ero con la mia amica/compagna di sesso Amy, sono abbastanza sicuro che non fossimo esattamente amici in quel momento perché ero impegnato in una relazione ma ho finito per uscire da poco non mentirò questa relazione mi ha colpito duramente normalmente ne esco da una e in qualche modo sono felice perché ora posso scopare di nuovo altre ragazze ma questa volta mi ci è voluto un po' per riprendermi. Sono trascorse circa 2 settimane dalla mia brutta rottura e all'epoca la sorella del mio migliore amico Jeff, Paige...

1.6K I più visti

Likes 0

Solo un viaggio in autobus... Onesto 3

Il mondo sembrava congelarsi. Non potevo crederci, mi sentivo come se mi avesse tradito completamente, anche se ci conoscevamo solo da un giorno e un po', mi è sembrato un pugnale nel cuore, perché era così civettuola oggi, deve sapeva quello che stava facendo, ma lo faceva lo stesso anche se aveva un fidanzato. Non volendo pensarci un attimo di più ho chiuso la pagina e il mondo ha ricominciato a girare. “RALPH STAI ASCOLTANDO? Urlò l'insegnante dalla parte anteriore della classe mentre lo facevano. Sì ho chiamato debolmente non avendo la più pallida idea di cosa fosse stato detto negli...

1.5K I più visti

Likes 0

William Potter

William Potter La storia di William Potter è più difficile da raccontare rispetto alle precedenti. Forse sarebbe meglio iniziare con il suo arresto a New Haven Connecticut nel 1662. (Nota: i processi alle streghe di Salem ebbero luogo nel 1692.) Suo figlio adulto John Porter aveva confessato al ministro della chiesa di aver visto suo padre commettere un atto sessuale con un vitello. Il ministro andò dalle autorità e raccontò loro ciò che gli era stato detto da Giovanni. Quando le autorità andarono da Giovanni per ascoltare la storia da lui, si rifiutò di parlare con loro. Lo hanno arrestato con...

1.4K I più visti

Likes 0

S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa. Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non...

1.5K I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.