La Baia Capitolo 5

370Report
La Baia Capitolo 5

Il cappuccio nero cadeva allentato sulle spalle di Will. Il suo battito cominciò ad accelerare e il suo respiro divenne affannoso. Inizialmente Will pensò che il cappuccio potesse soffocarlo, ma si rese conto mentre faceva uno sforzo concertato per rallentare il respiro, il cappuccio aveva ben poco effetto sulla sua assunzione di ossigeno. Fu momentaneamente spaventato quando perse la capacità di vedere ciò che lo circondava, ma poiché sembrava che non accadesse nient'altro, la sua paura si attenuò e la sua curiosità cominciò a prendere il sopravvento. Dopotutto, pensò, anche se Jackie non lo aveva detto direttamente, lo aveva invitato a fare sesso con Amber, e ora che era lì con quattro donne in casa, la cosa poteva diventare molto interessante. Il cappuccio e i polsini devono far parte di un gioco che vogliono fare con me, pensò. Jackie mi ha dato una parola di sicurezza, qual era... Primo. Ha detto che avrei potuto uscire da qualunque situazione mi trovassi dicendo Primo. Quel pensiero sembrò tranquillizzare i nervi di Will.

"Va bene ragazze, ascoltate attentamente", Jackie ora stava abbracciando pienamente il suo ruolo di Dominatrice quale era. Amber, Kim e Anne hanno prestato alla loro padrona tutta la loro totale attenzione.

“Ora che c’è un uomo in casa ci saranno delle nuove regole. Primo; non devi toccare il suo corpo, da nessuna parte. Se ti chiede di toccarlo, per qualcosa di semplice come grattargli un prurito, non farlo senza il mio permesso. Will, se e quando le tue mani saranno libere, non toccherai le ragazze a meno che non ti dia il permesso, e non potrai chiedermi di toccarle, solo loro hanno il diritto di chiedere di toccarti. Sei qui per il loro piacere, non viceversa. Presumo che anche tu proverai una certa soddisfazione, ma ciò avverrà solo come risultato del piacere alle ragazze.

Dopo aver sentito questo da Jackie, il sangue iniziò a fluire nel cazzo di Will e si formò un leggero rigonfiamento nei suoi pantaloncini.

“Ragazze, in nessun caso dovete versare lo sperma di Will, o anche il suo pre-sperma, su di voi o dentro di voi, senza il mio esplicito permesso. A titolo di cortesia, ti dirò che per la tua prima infrazione sarai severamente punito. Tratterò le parti del tuo corpo che si riempiono di sperma versandovi sopra della cera calda, e poi trascorrerai due ore in cantina. Ripetute violazioni comporteranno trattamenti con cera più severi e un aumento del tempo in cantina. Spero di non essere costretto a punire nessuno di voi”.

La cantina era il nome dello spazio tra il pavimento della prigione e il terreno sotto la casa. Mentre a tutte le ragazze era stata mostrata la cantina, solo Kim aveva trascorso del tempo lì dentro per punizione. La cantina era in realtà un piccolo vespaio sotto il pavimento della prigione. Era lungo circa otto piedi, largo sei piedi e alto quattro piedi. Le pareti erano costruite con assi non abbinate e durante il giorno una piccola quantità di luce poteva filtrare attraverso varie fessure. Di notte era buio pesto. Il pavimento era di roccia e terra, e c'era un piccolo tappeto molto logoro su cui l'occupante poteva sedersi. Fortunatamente alle Hawaii non ci sono serpenti e ci sono pochi insetti che pungono, quindi l'unica vera preoccupazione era per gli scarafaggi che giravano sotto casa. Dopo essere rimasta chiusa nuda in cantina per quattro ore, Kim aveva preso molto freddo e non aveva altra scelta che urinare in un angolo. Quando Mistress Jackie liberò il suo sottomarino, sentì l'odore della puzza e fece versare a Kim due pentole di acqua bollente nel punto in cui aveva fatto pipì. Ciò non eliminò del tutto l'odore, e ogni successivo occupante ora avrebbe dovuto affrontare anche quello.

“Ragazze”, continuò Jackie, “questo sarà un processo educativo per ognuna di voi. Ti mostrerò vari modi per dare piacere a un uomo e darò istruzioni a Will di usare le mani, la bocca e il cazzo per darti piacere in un modo che solo un uomo può fare. Anche se ognuno di voi ha fatto un lavoro superbo nel dare piacere a me, così come agli altri, imparerete che la fame e i desideri di un uomo possono creare sentimenti intensi che dovete ancora provare.

Ancora una volta, sentendo Jackie parlare del piacere che avrebbe dato alle ragazze, il cazzo di Will stava diventando più duro e premeva saldamente contro i suoi pantaloncini. Poi è arrivata la notizia non così bella.

“Per ridurre le possibilità che queste regole vengano violate, Will deve indossare una gabbia per galli quando è in casa. Non so ancora se Will intende seguire le regole, o se i suoi desideri carnali lo supereranno e avrà bisogno di trovare sfogo, usando uno dei tuoi corpi per soddisfare il suo cazzo. Una volta che avrà dimostrato di essere un sottomarino obbediente, potrebbe passare un po' di tempo senza le sue palle e il suo cazzo sotto chiave."

Sentendo ciò, la forza dell’erezione di Will cominciò a vacillare.

"Infine", voleva spiegare Jackie ai suoi sostituti. “Come ho affermato prima, Will è qui per il tuo piacere, non per il suo. Gli occhi di Will devono rimanere coperti a meno che non dichiari diversamente. Voi tre siete giovani donne molto belle e Will non merita il piacere di vedere i vostri corpi sexy, deliziare i suoi occhi con i vostri colli, seni rotondi, capezzoli rosa, culi sodi, fighe lisce e piedi nudi. Will, devi restare in silenzio e mantenere le parole al minimo. Se inizi a parlare troppo, non esiterò a metterti un bavaglio in bocca”.

I pensieri di Will erano persi nell'elenco stilato da Jackie delle parti del corpo delle ragazze che desiderava avere il piacere di vedere e toccare. Aveva un'immagine mentale abbastanza buona dei corpi nudi di Amber e Jackie, ma la sua immaginazione correva selvaggia con come sarebbero apparsi l'alta e snella Kim e la piccola cherubina Anne quando si sarebbero spogliate. La sua erezione aumentò, e poi sentì le prime gocce di liquido pre-eiaculazione fuoriuscire dalla punta del suo cazzo, immediatamente assorbite dal tessuto dei suoi pantaloncini.
Jackie fissava direttamente l'inguine di Will quando parlava dei corpi delle ragazze. Sapeva che questo giovane stallone era arrapato quanto poteva e fantasticava di fare sesso con quattro donne adesso. Era ora di rinchiudergli il cazzo.

“Kim e Anne, prendete Will per le braccia e portatelo nella prigione. Mettilo contro il muro, dove le sue braccia e le sue gambe saranno fissate.

Le ragazze fecero come era stato detto loro e afferrarono le braccia di Will sopra i gomiti. Con gli occhi coperti, Will notò che gli altri sensi avevano cominciato a compensare la sua mancanza di vista. Le dita di Kim e Anne erano così morbide. Lo tenevano delicatamente per le braccia ed esercitavano pochissima pressione su di lui mentre lo guidavano lungo il corridoio fino alla prigione. Nello stato di eccitazione di Will, iniziò a pensare alle mani di queste strane ragazze che lo toccavano su tutto il corpo.

Jackie rimase in soggiorno con Amber. Aveva bisogno di bilanciare i propri desideri per costringere Will a sottomettersi a lei, con i sentimenti romantici di Amber nei suoi confronti. Poteva percepire l'apprensione di Amber e vedere un po' di delusione nei suoi occhi. Jackie aveva bisogno di rassicurare il suo sottomarino che le cose erano sulla strada giusta con Will e che Amber sarebbe stata coinvolta nel suo addestramento.

“Amber, voglio che tu leghi i polsi di Will al muro e gli togli i pantaloncini. Puoi toccare il suo corpo nel processo. Ecco la gabbia per il cazzo", disse, facendo dondolare il dispositivo di metallo dall'indice sinistro, offrendolo al suo sottomesso. “Puoi rinchiudere il cazzo e le palle di Will e assicurarti che nulla si faccia male nel processo. Poiché questa è la prima volta che Will entra nel sotterraneo, potresti parlargli per tutta la notte, ma non incoraggiarlo a parlare, altrimenti lo imbavaglierò. E come ho detto, non farti venire addosso il suo pre-cum mentre lavori. Ho visto la sua erezione e la macchia bagnata che formava sui suoi pantaloncini."

Amber era contenta che la sua Padrona le stesse dando una certa autorità nell'addestramento di Will. Era la seconda volta oggi che faceva parte della formazione, invece di essere la tirocinante. Credeva che tutto avesse a che fare con il suo ruolo nel fornire gli orgasmi esplosivi di Jackie all'inizio della giornata. Se questo è ciò che serve per mantenere la sua Padrona di buon umore, dovrebbe trovare un modo per mantenerlo così.

Jackie si voltò per dirigersi verso la prigione e Amber la seguì direttamente. Lì Kim e Anne avevano posizionato Will contro il muro, davanti alla grande X di legno su cui erano fissati molti anelli di metallo. C'erano molti binari d'illuminazione installati sul soffitto del sotterraneo, ma solo due luci erano accese, ed entrambe erano mirate al punto in cui si trovava Will. Quando Will entrò nella stanza, attraverso il cappuccio credette di vedere una grande sedia e tre mobili più piccoli davanti alla sedia. Non appena le ragazze lo posizionarono con le spalle al muro, le luci, che brillavano sulla cappa, anche se non troppo forti, gli oscurarono la visuale della stanza.

"OK ragazze", Jackie fece conoscere il suo ingresso. Resteremo nella prigione per un po', togliti i vestiti e mettili nel cestino a cui appartengono, anche tu, Amber."

Will poteva sentire il rumore dei pantaloncini e delle magliette che si toglievano. Sentì i vestiti colpire il cestino mentre le ragazze seguivano l'ordine della loro padrona. Nessuno ha parlato.
"Siediti e lascia che Amber si occupi del nostro amico qui." Kim e Anne presero posto sul pavimento, sui lettini in schiuma ricoperti di velluto. I lettini avevano la forma di un'onda, con lo schienale che si alzava abbastanza in alto da appoggiare la testa, fornendo supporto alle gambe con l'onda più piccola al centro. I salotti favorivano molteplici posizioni del corpo e le ragazze le avevano quasi esplorate tutte.

Will poteva vedere l'ombra di Amber avvicinarsi a lui e in un attimo poteva sentire il profumo sul suo corpo. Amber avrebbe sfruttato appieno il permesso della sua padrona di toccare Will mentre eseguiva l'ordine di mettere il suo cazzo nella gabbia del cazzo. Posò i palmi delle mani sul suo petto nudo e gli passò delicatamente i capezzoli. Il suo corpo sussultò e la sua erezione pulsò contro l'interno dei suoi pantaloncini.

"Ciao tesoro, benvenuto nel mio mondo", disse Amber dolcemente.

Prima che Will potesse rispondere, Amber continuò. “Shhhh... non dire una parola. Mi prenderò cura di te e tutto andrà bene. Questo è un buon inizio per te. La padrona Jackie è di ottimo umore con te in casa. Penso che stasera ci divertiremo molto”.

Mentre parlava con Will, gli sganciò le manette da dietro la schiena. Gli sollevò il braccio destro e gli fissò il polsino alla tavola a destra della testa. Lei gli passò davanti e gli agganciò il polso sinistro alla tavola opposta.

“Ti ho assicurato le braccia in modo che tu non possa toccarci o tentare di proteggere il tuo corpo come ti ha detto la signora Jackie. Ti toglierò i pantaloncini e poi ti fisserò le caviglie al muro con un altro paio di polsini. Starai bene, tesoro, fidati di me."

Mentre Amber sbottonava la parte superiore dei pantaloncini di Will, il suo cazzo pulsava per l'imminente libertà. Mentre abbassava la cerniera, il suo cazzo sussultò con tale forza che immediatamente salì fino alla parte superiore dei pantaloncini, e Amber sorrise quando vide la testa a forma di fungo gonfia di sangue. Notò subito la chiara fuoriuscita di liquido dalla punta, una parte della quale era già colata sull'asta. Lei fece molta attenzione mentre gli toglieva l'apertura dei pantaloncini ai lati, per non farsi venire addosso niente del pre-avvento. Kim e Anne tremavano in attesa di vedere cosa si nascondeva nei pantaloncini di Will. Entrambi salivavano e dovettero forzare la deglutizione per non sbavare.

Amber ha tirato i pantaloncini di Will sul suo culo muscoloso e, una volta liberato, li ha lasciati andare e la gravità ha preso il sopravvento e sono caduti a terra. Lei si allontanò da lui, ma il suo corpo bloccava ancora la vista del cazzo di Will alle altre ragazze.

«Mio, mio... il tuo cazzo è ancora più grande di quanto lo fosse il giorno in cui io e Jackie ti abbiamo fatto una sega sopra la Baia. È davvero bellissimo, Will. Non vedo l'ora di sentirti nel profondo della mia figa. Mmmm…"

Sentendo ciò, il cazzo di Will cominciò a pulsare e un altro carico di sperma emerse dalla punta. Ora che il suo uccello era puntato verso l'alto, ondeggiando nell'aria fresca, il pre-cum correva per un breve tratto fino al fondo della sua testa gonfia, e gocciolava sul pavimento, producendo una sottile, lunga e chiara striscia di liquido. Amber lo guardò accadere e iniziò a chiedersi come lei e le ragazze avrebbero potuto obbedire alla loro Padrona e non entrare in contatto con lei. Amber si fece da parte, rivelando per la prima volta il cazzo di Will a Kim e Anne.

"Oh wow!" esclamò Anna. I suoi occhi si ingrandirono mentre cercava di assorbire la vista. Diede una rapida occhiata alla sua Padrona per vedere se la stava osservando, e lo era. La figa di Anne era diventata sempre più bagnata da quando le era stato detto di abbassarsi i pantaloncini e piegarsi davanti a Jackie, e poi quando il plug anale è entrato, la sua eccitazione è salita al livello successivo. Voleva solo toccarsi un po' il clitoride. Poteva sentire che il suo clitoride si era gonfiato abbastanza da poter sbirciare da sotto il cappuccio, e qualche tocco morbido sarebbe stato fantastico in questo momento.

"Oh mia parola, è enorme!" gridò Kim. Lei deglutì a fatica e fissò il suo cazzo. La sua mente stava cercando di stabilire una connessione tra il corpo magro e tonico di Will e il cazzo grosso e grosso che stava ritto tra le sue gambe. Il naso di Kim si contrasse, poiché aveva un senso dell'olfatto molto sensibile, e poteva sentire il profumo terroso del pre-sperma di Will, e questo la fece leccarsi involontariamente le labbra.

Amber sorrideva da un orecchio all'altro mentre sentiva la reazione dei suoi amici al corpo nudo di Will e alla sua furiosa erezione. Si chinò su un ginocchio per fissare la caviglia sinistra di Will, poi si spostò verso la sua destra, evitando le gocce di sperma che erano cadute sul pavimento di piastrelle. La sua testa era all'altezza della vita di Will e notò le sue grandi palle che pendevano dal suo corpo. Voleva dargli una piccola ricompensa per essersi comportato così bene fino a quel momento, quindi allungò la mano destra e prese il suo sacco nel palmo. Lei fece rotolare dolcemente le palle nella sua mano, e le tirò su verso il suo corpo, dove fece scivolare il dito indice sul suo perineo, e fino al suo buco del culo. Quella mossa sorprese Will e fece sussultare tutto il suo corpo. Era la prima volta che sentiva le restrizioni che lo tenevano legato al muro. La contrazione muscolare costrinse un'esplosione di pre-eiaculazione fuori dalla punta del suo cazzo e, senza sosta, gocciolò in un lungo filo sul pavimento.

“Amber, togligli le mani dalle palle. Non ti ho dato il permesso di toccarlo lì. Le sue palle non hanno niente a che fare con le istruzioni che ti ho dato." Jackie non aveva idea che Amber gli avesse palpato il buco del culo o avrebbe potuto punirla per l'indiscrezione.

Amber sapeva che non era prudente disobbedire a Jackie, ma aveva ancora una cosa da fare prima di sedersi tra Kim e Anne. Si alzò, si sporse con cautela in avanti e baciò Will sulla clavicola.

"Bravo ragazzo. Divertiti stasera", sussurrò Amber in modo che gli altri non potessero sentire.

"Siediti signorina!" Jackie abbaiò. Sebbene non fosse davvero arrabbiata per le azioni di Amber, aveva bisogno di dimostrare alle ragazze che aveva saldamente il controllo di tutto ciò che accadeva nel sotterraneo. Jackie era molto eccitata dalla vista del corpo nudo di Will e del suo cazzo gocciolante. Mentre ripensava all'orgasmo che lui le aveva dato con la bocca e al rilascio che aveva provato squirtando al culmine del suo climax, sentì i muscoli della sua figa contrarsi involontariamente, una, due, tre volte. Pensò che potesse essere l'inizio di un piccolo orgasmo, ma le contrazioni si calmarono.

Jackie si alzò e fece il giro dove Amber era seduta nel suo salotto di fronte alla sedia più grande di Jackie. Si voltò e affrontò le tre ragazze che continuavano a fissare l'uomo nudo incatenato al muro della loro casa. Jackie guardò la gabbia del cazzo che Amber ora teneva di nuovo in mano. All'improvviso le venne in mente un problema. La gabbia da quattro pollici aveva lo scopo di impedire l'erezione e, pertanto, un pene eretto da otto pollici non poteva entrare nel dispositivo. Ora cosa avrebbe dovuto fare?

Jackie si avvicinò lentamente a Will, attenta a non proiettare un'ombra sul suo cappuccio. Anche attraverso il tessuto del cappuccio, Will riuscì a sentire il profumo di Jackie quando si avvicinò. All'improvviso Will sentì le sue dita sul suo cazzo duro.

Jackie prese il cazzo di Will tra il pollice e l'indice della mano destra. Lo sollevò e guardò la punta. Pulsò una volta e ne fuoriuscì del pre-cum più chiaro e scivoloso. Fece scivolare il dito e il pollice lungo l'asta e pizzicò la punta della testa gonfia, catturando il pre-cum sul pollice come una goccia di miele. Le tre ragazze la fissarono con occhi selvaggi, mentre lei portava lentamente la mano alla bocca e leccava il liquido dal pollice. La figa di Jackie iniziò a pulsare di nuovo, e lei ebbe un fugace pensiero che si sarebbe semplicemente alzata la gonna, si sarebbe girata e piegata, e avrebbe impalato la sua figa bagnata sul cazzo eretto di Will.

“Mmm… ragazze, va bene. Potrebbe essere tra i migliori che abbia mai assaggiato. A giudicare dalla piccola pozzanghera sul pavimento, sembra che Will possa continuare a tirare fuori il suo pre-sperma. Voglio che lo assaggiate anche voi tre, ma giusto per avvisarvi, il suo sapore vi farà arrapare moltissimo. Potrebbe farti pensare di succhiarlo direttamente dal cazzo di Will o di infilare la sua verga in profondità nella tua figa. Questo è ciò che il pre-cum dovrebbe farti, liberare tutte le tue inibizioni. Quindi, ancora una volta, ti avverto. Puoi assaporarlo, ma dovrai controllarti.

"Mistress Jackie, posso toccarmi il clitoride adesso, e quando assaggerò il pre-sperma?" dovette chiedere Anne mentre i suoi succhi stavano uscendo dal fondo delle labbra della sua figa, giù sul plug ingioiellato ancora nel suo culo.

“No Anne, non puoi toccarti il ​​clitoride. Stai seduto." Jackie sapeva che le sue ragazze erano nervose come mai prima d'ora.

Kim sudava visibilmente nell'ambiente fresco della prigione e si sforzava di tenere le mani sulle ginocchia. Jackie la guardò e pensò che se le avesse detto di alzarsi, le sarebbe rimasta una grossa macchia bagnata sotto il sedere. Fortunatamente le coperture di velluto si staccavano da quei salotti e potevano entrare nella lavatrice.

“Amber, dal momento che rivendichi Will come tuo ragazzo; fornirai a Kim e Anne un piccolo assaggio del pre-cum del tuo ragazzo. Vieni qui."
Amber si alzò e raggiunse Jackie, fermandosi di fronte a Will. Jackie sollevò la mano destra di Amber e ne annusò il dorso. Puzzava del succo di fica che ci aveva messo sopra quella notte. Jackie pensò velocemente.

“Amber, metterò un po’ del pre-sperma di Will sulla parte superiore delle tue cosce e le ragazze lo leccheranno via per assaggiarlo. Metti una gamba tra quelle di Will.
Amber fece come le era stato detto. Mise la gamba destra tra le gambe di Will e Jackie gli afferrò l'uccello vicino alla base e lo strinse abbastanza forte da far sussultare Will. Il risultato fu quello sperato da Jackie, e sulla punta apparve una quantità maggiore di liquido trasparente. Diresse il cazzo di Will verso il basso per incontrare la gamba di Amber e si asciugò il pre-sperma sulla parte superiore della coscia, appena sotto l'osso dell'anca. Amber fece un passo indietro e poi mise la gamba sinistra in avanti.

"Bel lavoro Will", disse Jackie. "Dammi un'altra dose del tuo pre-cum."

Jackie gli strinse la base del cazzo come aveva fatto prima, ma non ne uscì nulla. Lei prese le sue palle e cominciò a massaggiarle nella mano. Amber sapeva che stava correndo un grosso rischio con la sua Padrona, ma si sporse in avanti e iniziò a baciare Will sul capezzolo destro.

“Bella mossa, tesoro. Chiedi al tuo ragazzo di pompare ancora un po' del suo pre-sperma per noi."

Amber era felice che la sua padrona approvasse. Morse teneramente il capezzolo eretto di Will e lo leccò nella speranza che rispondesse con più del suo liquido scivoloso.
Dato che il corpo di Amber era molto vicino a quello di Will, la visuale di Jackie su loro due era in qualche modo ostruita. Sapendo ciò, Amber allungò la mano attorno a Will e gli afferrò il sedere destro con la mano sinistra. Gli diede una leggera stretta, ma in realtà stava cercando di spostargli il sedere di lato in modo da potergli accarezzare il buco del culo con il dito. Riuscì a colpire il suo bersaglio e il corpo di Will sussultò per la sorpresa. Questo era tutto ciò di cui aveva bisogno per mandare un altro carico di pre-sperma fuori dal suo cazzo. Amber sentì Jackie asciugarsi il liquido scivoloso sulla gamba, poi lasciò andare il suo sedere e fece un passo indietro.

“Ahh... va bene. Mettiti tra Anne e il tuo salotto. Anne, tu e Kim sedetevi in ​​cima ai lettini e potrete leccare i succhi di Will dalle sue gambe. Puoi mettere le mani su Amber dove vuoi, ma puoi solo leccarle le cosce. Non voglio lingue vaganti”.

Le due ragazze fecero come le era stato detto. Si appollaiarono sulla piccola onda dei lettini e presero ciascuno la coscia di Amber tra le mani. Non persero tempo nel leccare le cosce di Amber. Si comportavano come se fossero affamati di liquido. Entrambi gemettero di gioia, ed entrambi fecero passare una mano sul sedere di Amber, accarezzandolo dolcemente. Fecero scorrere l'altra mano lungo l'interno della coscia di Amber e il dorso delle loro mani si incontrò mentre si avvicinavano alla sua figa. Si fermarono quando le loro dita entrarono in contatto con le labbra umide di Amber. Mentre continuavano a leccare le cosce di Amber, nel tentativo di far credere alla loro Padrona che si stavano ancora godendo il pre-sperma di Will, giocavano con le labbra bagnate di Amber, i suoi succhi ora scorrevano lungo l'indice e il medio. Senza parlare, entrambi pensavano allo stesso modo riguardo alla prossima mossa.

Kim e Anne hanno inserito lentamente un dito ciascuna nella figa di Amber. Il succo della sua figa era caldo e scivoloso sulla loro pelle. Le loro dita entrarono in profondità nella figa bagnata di Amber e, a quel punto, ciascuno dei loro pollici entrò in contatto con il suo clitoride gonfio e iniziò a sfiorare sopra e attorno al bocciolo duro.

Amber non sapeva cosa l'avesse colpita. Le lingue delle ragazze erano fantastiche sulle sue cosce, ma le loro dita le attaccavano la figa e ora provava un piacere immenso. Le sue ginocchia si sono indebolite e ha afferrato la testa delle ragazze per sostenersi. Le due dita giravano all'interno della sua figa, poteva sentire il massaggio sul suo clitoride eccitato e sapeva che stava per venire.

"Ragazze, che sapore ha?" chiese Jackie.

Kim e Anne non staccarono la bocca dalle gambe di Amber per rispondere.

“Ragazze, vi ho fatto una domanda!” Jackie era furiosa perché i due non avevano risposto.

Entrambi sentirono la rabbia nella voce della loro Padrona e smisero di leccare la gamba di Amber e posarono la guancia sul fianco di Amber e guardarono Jackie, in piedi dietro Amber, accanto a Will.

"È meravigliosa, signora Jackie", rispose Anne. "Posso averne qualcuno direttamente dalla fonte?"

Le ragazze avevano lavorato con le dita per accarezzare il punto G di Amber. Entrambi trovarono lo stesso ritmo e strofinarono la punta delle dita sulla carne scivolosa e spugnosa. Amber si piegò in avanti all'altezza della vita, mettendo le mani sulle spalle delle ragazze per sostenersi. Il suo orgasmo era eccezionale.
"Amber", disse Jackie, "stai venendo?" Mentre Amber si chinava ulteriormente, Jackie poteva vedere le mani delle ragazze premute contro la sua figa.

“Oh cazzo! Sììììì...” Amber raggiunse l'orgasmo. Si sollevò sulle punte dei piedi nudi, tutto il suo corpo si contrasse e i muscoli all'interno della sua figa premettero forte sulle dita dentro di lei. Amber inspirò, cercando di riprendere fiato.

“Va bene ragazze, togliete le dita dalla figa di Amber. Amber, sei fortunata che non ti punisca per quell'orgasmo. I tuoi amici si sono presi un po' di libertà con le mie indicazioni, ma non mi hanno disobbedito direttamente. Guardò Will, che manteneva l'erezione ascoltando l'attività nel sotterraneo.

"Vieni qui e lascia che Will ti pulisca le dita." Jackie aveva bisogno di riprendere il controllo della situazione ancora una volta.

Kim e Amber si avvicinarono a Will e si fermarono ai lati di Jackie.

“Kim, tu per primo. Metti la mano nel cofano e trova la faccia di Will. Strofina il succo della figa di Amber dove vuoi."

Kim fece come le era stato detto. Iniziò dal mento di Will, gli passò il dito sulle labbra e gli spalmò un po' del succo della fica sulle narici. Per Will, l'odore e il sapore dell'Ambra erano inebrianti e servivano solo ad aumentare la sua eccitazione. Mosse la testa nel tentativo di catturare le dita di Kim nella sua bocca. Alla fine vinse quella battaglia, ma non finché Kim non ebbe sufficientemente spalmato il succo viscido della sua figa sulla bocca e sulle guance. Kim tolse le dita dalla bocca di Will.

Anne era interessata a fare un gioco. Stava fissando il cazzo eretto di Will, e quando fu il suo turno, fece scivolare due dita direttamente nella bocca di Will e sentì la sua lingua calda e morbida leccarle la lunghezza delle dita. Tremava e sapeva che il suo clitoride aveva bisogno di attenzioni immediate. Pensava che sarebbe morta se non fosse venuta presto. Mosse leggermente il corpo e mise entrambe le gambe attorno alla coscia muscolosa di Will. Spinse il seno nudo contro il busto di Will e gli afferrò il sedere con la mano che non veniva risucchiata profondamente nella sua bocca.

"Cosa pensi di fare, signorina?" chiese Jackie.

Anne era sulla buona strada per raggiungere l'orgasmo e, anche se il suo cervello voleva che si fermasse, il suo corpo non poteva.

Jackie si avvicinò al muro vicino a dove Will era incatenato e recuperò il suo frustino dal gancio. Tornò dietro ad Anne, che stava scopando con furia la gamba di Will, sudata e senza fiato. Kim e Amber si erano seduti ciascuno nei rispettivi salotti.

“OK Anne, hai iniziato tu e non ti fermerai finché non raggiungerai l'orgasmo. Jackie picchiettò leggermente l'estremità di cuoio del frustino contro la guancia destra di Anne, poi gliela schiaffeggiò rapidamente contro la guancia sinistra.

“Ahhh...” espirò Anne, sentendo avvicinarsi l'apice del suo piacere. Mentre i suoi muscoli si contraevano nella figa e nel culo, poteva sentire il plug anale che premeva contro le sue viscere.

Jackie diede di nuovo un colpetto al frustino sulla guancia sinistra. “Ti piace la lingua di Will che ti lecca le dita? Immagina come si sente quella lingua sul tuo clitoride.
"Mmm", gemette Anne. Strinse più forte la coscia di Will e inclinò i fianchi per esercitare maggiore pressione sul clitoride.

Jackie iniziò ad alternare schiaffi decisi, ma non violenti, sulle natiche di Anne mentre il suo ritmo si intensificava.

Schiaffo. Schiaffo. Schiaffo. Schiaffo. Schiaffo.

"Oh cavolo... sto venendo!" Anne urlò.

Will le stava succhiando forte le dita e aveva piegato leggermente la coscia per migliorare l'angolazione di Anne e fare pressione sul suo clitoride. La sentì gemere e sentì il suo corpo, prima contrarsi su di lui, poi contorcersi nell'orgasmo.

Jackie fece un passo indietro e lasciò che Sub venisse. Poi notò che c'era un problema più grande.

Il pompaggio di Anne su e giù sulla coscia di Will aveva inconsapevolmente fatto sì che la sua anca destra entrasse in contatto con la testa del suo cazzo, e il pre-cum di Will era spalmato sul suo corpo.

Le contrazioni di tutto il corpo di Anne rallentarono finché non si fermarono, e lei fece un passo indietro rispetto a quelle di Will, poi cadde in ginocchio, godendosi i postumi del suo potente e tanto necessario orgasmo. Il suo cuore batteva forte e cercava di riprendere fiato.

Will era incatenato al muro, non vedeva nulla intorno a sé e poteva sentire solo debolmente il respiro di Anne, ma la sua erezione non si placava. Era eccitato e l'unica cosa che lo avrebbe sollevato era rilasciare la pressione che sentiva nelle palle.

Tutti sentirono Jackie parlare. “Alzati, Anna. Hai violato le regole e sarai punito”.

"Che cosa? Cosa ho fatto? Di cosa stai parlando?
"
“Guarda il tuo fianco! È ricoperto dal pre-cum di Will. Questa è una violazione delle regole”.

"NO! Non ho toccato il suo cazzo… mi ha toccato”. Anne si rese conto di essere nei guai e non sapeva cosa dire.

"Vai a letto e sdraiati a faccia in giù!"

"Ma... ma...", balbettò Anne.

"Silenzio! Alzati e vai a sdraiarti sul letto." Jackie era delusa di dover disciplinare uno dei suoi sostituti a quell'ora della notte.

Anne si alzò e si diresse verso il materasso imbottito che poggiava su quattro gambe di legno, al centro della prigione.

"Amber, Kim, fissa i polsi e le caviglie di Anne con le manette sul letto." Jackie sentiva ora l'impeto del suo potere. Le ragazze uscirono dai loro salotti ed eseguirono i loro compiti come indicato dalla loro Padrona.

"No... per favore, non farlo." Anne protestò verbalmente, ma sapeva che era meglio che resistere fisicamente.

Per prima cosa, usando un telecomando, Jackie accese i dimmer delle luci sopra il letto, proiettando una luce calda sul corpo di Anne. Poi prese due candele bianche affusolate da dodici pollici e ne accese una con un accendino, poi accese la seconda candela dallo stoppino della prima. Si avvicinò al letto.

"Mettile un cuscino sotto il fianco destro, ho bisogno che sia inclinato verso di me", disse ad Amber.

Amber sollevò il fianco di Anne e infilò un cuscino tra questo e il materasso.

Le candele bruciavano e creavano una pozza di cera calda in alto. Quando Jackie pensò che ci fosse abbastanza cera fusa, tenne le candele a circa quattro pollici dal fianco di Anne e iniziò a far gocciolare cera calda sul pre-sperma essiccato sul suo fianco.

Anne rimase immobile per le prime gocce di cera, ma cominciò a sentire il calore e ogni goccia sembrava bruciarle la pelle. Strinse i pugni e trattenne il respiro. Fece un respiro profondo solo quando ne aveva bisogno.

Jackie coprì abilmente il fianco di Anne con la cera, goccia dopo goccia. Il calore era intenso in un punto del suo corpo e Anne voleva solo che finisse. Stava trattenendo le lacrime e non voleva che Jackie o le altre ragazze la vedessero piangere. Senza una parola da parte di Jackie, la cera gocciolante si fermò e Jackie spense le candeline.

Anne iniziò a sentirsi sollevata dal fatto che la cera calda e gocciolante avesse smesso. Jackie prese un piccolo asciugamano sul tavolo accanto al letto. Si coprì la mano con l'asciugamano e, con un movimento rapido, mise la mano sul sedere di Anne e affondò le dita e il pollice nella fessura, afferrando il bordo del plug anale ingioiellato. Jackie lo tirò, aspettandosi di liberarlo dal buchetto stretto di Anne, ma non si mosse e lei perse la presa.

Anne immediatamente sentì il suo sedere sollevarsi leggermente dal letto mentre la sua Padrona cercava di rimuovere il tappo anale, e il suo sfintere si irrigidì da solo.

“Libera il culo e dammi la spina! chiese Jackie al suo sottomarino.

“Ci sto provando, padrona. È proprio stretto... ahh... potrei aver bisogno di un minuto per rilassarmi..."

Jackie non aveva intenzione di concedere al suo Sub un altro secondo. Spinse con forza la mano nella fessura di Anne, allargando le guance, e infilò la punta di due dita e il pollice sotto l'estremità svasata. Tirò con tutta la sua forza. Cominciò a muoversi, l’ampio centro del plug allungava lo sfintere di Anne fino ai suoi limiti, e una volta che la parte più larga ebbe oltrepassato il muscolo teso, il sedere di Anne espulse rapidamente l’estremità più piccola del plug.

"Merda!" Anne gridò quando la spina si staccò. Percepì immediatamente la sensazione del suo culo vuoto e spalancato, dell'aria fresca che scorreva dentro, del sangue che si ritirava dal suo ano gonfio.

Jackie appoggiò la spina sul tavolo e poi indirizzò le due ragazze che stavano guardando. "Liberala!" comandò Jackie. Kim e Amber fecero come gli era stato detto.

Una volta rimosse le manette da Anne, Jackie le diede il comando successivo.

"Alzati e vai alla porta della cantina."

"Che cosa? Dove sto andando?" Anne sembrava confusa.

Kim prese Anne per il braccio e la condusse alla porta sul pavimento della prigione. Jackie era proprio dietro di loro. Jackie si chinò e afferrò l'anello di metallo, sollevando la porta. Il sole era già tramontato e in cantina era buio.

"Entra", ordinò Jackie.

"Ma padrona..." Anne cercò di protestare.

Jackie colpì Anne con decisione sul polpaccio con il frustino. Le ginocchia di Anne si piegarono in risposta al dolore e, quando lo fece, Jackie le diede una leggera spinta verso l'apertura della cantina. Anne cadde e cadde completamente in ginocchio. Before she could stand up and continue her protest, Jackie slammed the heavy door above her. The door was thick, and there was no sound from below.

Jackie turned and looked at Will, seeing he still had his erection. “OK, time to get that boy’s cock in his cage so we can release him from the wall.”

Jackie went to one of her special “toy boxes,” the one where she kept all of her LELO brand toys. She had plugged-in the toy to charge it when they arrived home hours earlier. She had never used this particular toy before, but had certainly fantasized about putting it to use one day. She pressed the “On” button on the remote control, and the curved, black toy in her other had immediately began to vibrate. She quickly shut it off; satisfied it would function the way it was intended to. She walked back to her chair, and placed the toy and its remote on the seat.

“Girls, Will is going to need to bend-over to start the next part of the process of putting his cock cage on him. Each of you release one of his wrists, and hold his arms, while I set the bench in front of him.”

Amber and Kim approached Will, and did as they were told, and unclipped his wrist cuffs, lowering his arms to his sides. They each had two hands on him, one holding him on the triceps, the other on his forearm.

Will could smell Amber on his right, and he turned his head towards her. He whispered, “What is going to happen to me?”

“I don’t know,” Amber whispered back. “As far as I know, you’re the first man that’s ever been in here. If Jackie wants you to bend over, she probably wants to do something to your ass.”

"Tipo cosa?" Will quickly replied.

Jackie appeared out of the dark, wheeling a large wooden bench with a black leather, upholstered top. While it offered some padding, the top was very firm. She placed it length-wise in front of Will and scooted it closer to him, until the end was about a foot away from his body.

“Bend him over girls. Put his chest right here,” Jackie was patting a spot near the center of the bench. “Secure his wrist cuffs to the bottom of the bench legs.”
The girls lowered Will forward, and once his torso was supported by the bench, they dropped his arms down where his hands didn’t quite meet the floor. Amber and Kim clipped the wrist cuffs to the metal loops on the legs of the bench.

Jackie noticed Will looked very uncomfortable, still supporting his lower body with his feet on the ground.

“Bend your knees and lower your body onto the bench. Don’t slide too far forward or your dick will hit the bench. You are in a good spot, just lower your stomach against the top.” Jackie place her hand at the top of Will’s ass, not really pressing it down, more like guiding his body with it.

Will lay on the bench, knees bent and ankles still clipped to the wall. He propped his chin near the end of the bench, supporting the weight of his head. It actually felt good to put his arms down, improving the blood flow into his hands.

“Amber, put a latex glove on your right hand, and get the lube. Come stand behind Will.” Jackie walked to her chair and retrieved the toy she left there. As Amber followed her instructions, the two of them convened behind Will, standing between his slightly spread legs.

“May I touch Will’s body?” Kim asked her Mistress, from where she stood, next to his left shoulder.

“Yes Kim. You can rub his back and distract him from what will likely be a small amount of discomfort.”

Kim immediately placed both her hands on Will’s back, and began tracing the muscular ridges under his skin. Feeling Kim’s soft hands, Will momentarily forgot about the vulnerable position where he lay, and felt pleasure in her caresses.

Just then, he felt another pair of hands pull his butt cheeks apart. “Pour some lube in there,” Jackie directed. “We need to get his ass loosened up a little. Work it in there with your finger.”

Amber stared at Will’s exposed asshole. It looked as masculine and muscular as the rest of his body. She had played with few butts before, but they had all been women. This was the first male ass she was about to explore, and she knew Will’s ass was likely a virgin. She first put some lube on her index finger, then poured an adequate amount directly above his little hole, catching the excess on her fingers before it ran down on his balls.

Amber switched back and forth, massaging Will’s asshole with the knuckle on her index finger and her thumb. She pushed firmly, but noticed Will’s ass was rock solid, and the muscle surrounding his firm hole held stiff. Jackie had released Will’s butt cheeks from her grasp and stepped slightly behind Amber in the tight space between the bench and the wall. Amber wondered if Jackie was touching herself. The sight of Will bent over the bench, balls and erection hanging from his body, was quite erotic, and Amber knew Jackie liked to watch people giving each other pleasure.

Will was surprised that he was enjoying Amber’s gloved fingers on his ass. He fully realized she was going to try and penetrate him, but was considering she may not have the strength to do so. Kim continued to caress and lightly massage his back, and Will thought he started to feel the muscles in his ass begin to relax.

Amber certainly felt Will’s sphincter relax as she was holding her finger against the opening while massaging his perineum with her gloved thumb. She immediately pushed the tip of her finger in, up to the first knuckle, and felt Will’s sphincter tightly contract. She thought if it stayed that tight it would cut off the circulation in the tip of her finger.

Kim had felt Will’s lower back muscles tighten and knew Amber penetrated him. She put a little more pressure on his muscles, and felt them relax under her touch.

When Will relaxed a second time, Amber pushed her finger in deeper, up to her second knuckle. Will let out a small gasp, and his muscles flinched, but did not hold tight. Amber started to slip her finger out, and felt Will’s muscle’s instinctively try and push it on its way.

“No Will,” Amber said to him softly. “You have to resist the urge to push down. Let my finger slide in and out, no pushing on it either way.”

Amber gathered Will’s balls in her bare hand and lifted them away from his body. She wanted to give him some pleasure, and maybe massaging his balls would help him to relax. She glanced over her shoulder, hoping to get the approval of her Mistress, and saw that Jackie’s eyes were squeezed shut and she was biting hard on the side of her lower lip. They were too close together for Amber to look down and see what Jackie’s fingers were doing, but she had a pretty good idea they were rubbing on her clit.

She kept massaging Will’s balls, and his ass really began to relax. As long as she didn’t move too quickly, she could slide her finger all the way in, from top to bottom, and Will’s ass muscles would stay relaxed. His cock though, was a different story. She held her fist with his balls in it, tight against Will’s body, and could feel each flinch of his erect cock. She felt a little disappointment that all of his pre-cum was dripping on the floor, not on her lips and tongue, where she could savor the earthy flavor.

Jackie, who had drifted off into her own world and climaxed, now came back to life. She stepped over Will’s leg and went to her chair to retrieve the toy for Will’s ass. She returned to the bench and stood near Will’s ass, facing Amber. She held up the smooth, black, toy, shaped like an elongated “C.”
“What is that Mistress?” asked Amber, having never seen anything exactly like it.

Still holding the vibrator above Will’s body, she replied, “It’s a prostate massager. When inserted properly, and operated at the correct speed, it will cause Will to ejaculate. Hopefully, after that happens, his cock will shrink to a size that will fit into the cage.”

Taking notice of the vibrator’s girth, Amber realized Will’s ass was going to need to be more than relaxed, it needed to be stretched a little. She began the process of inserting the tip of her middle finger, along with her index finger, and while Will’s ass muscles squeezed on her fingers twice in the process, she had a second finger in his ass in no time.

Jackie took the lube and poured it on the vibrator, coating the outer skin with enough of the liquid until it was shiny and dripping. She handed it to Amber, who released Will’s balls and took the vibrator. She was studying the shape, trying to figure which way it went in.

Jackie could see her Sub’s mild confusion. “The top of the “C,” the pointed end, goes into his ass, and the bottom of the “C,” the blunt end, rests against his perineum, behind his balls.”

Amber smiled, partly because she now understood how the vibrator was meant to work, and partly because she thought it was going to give Will a lot of pleasure.

She slowly slid her slippery fingers out of his ass, and placed the tip of the vibrator against the opening. She immediately noticed the size difference between her fingers and the toy. The vibrator was closer to the diameter of four of her fingers, and she began to push it in.

“Mmmmmm…” Will began a long grunt as he tried to relax his ass—but couldn’t.

“It’s Ok baby,” Amber tried to comfort him. “You can take it. It’s really not that big. Your ass is going to love this.”

“I… don’t… know…” Will said between breaths.

The first two inches of the vibrator were in, but Will’s tight ass was halting any further penetration. Amber suddenly recalled the first time she had a large dildo inserted in her ass, and the trick that put it deep inside her.

“OK Will, I know how this feels. If you just relax, I’ll take it out for a minute. Take a deep breath and let it out. On your second deep breath, relax all of your muscles when you exhale, and it will be over.”

Amber watched Will’s body rise and fall with his first breath. His back expanded with the second breath, and as he exhaled, she felt his sphincter and muscles inside relax, and she instantly shoved the vibrator deep inside his ass, forcing the blunt end against his perineum.

A pained sound escaped Will’s mouth, “Ahhhhhh…” his arms and legs jerked against his restraints for the second time tonight.

Amber let go of the vibrator with her gloved hand, and patted his left butt check with her bare hand. Will thought he might have forced small tears out of the corners of his eyes when the vibrator hit bottom, but since he couldn’t reach his face with his hands, he wasn’t sure.

Jackie stood with her arms crossed, smiling at her Subs. “Stand him up girls. Chain his wrists back up to where they were. They helped Will get to his feet; his huge erection apparently enjoying the pressure of the toy against his prostate gland. There was a small puddle of pre-cum on the floor where his dick had been dripping. The girls were careful not to step in it.

Jackie moved the bench while the Subs secured Will to the wall. She returned to stand directly in front of Will. With her heels on, she was exactly his height.
“Amber, take my blouse off. Kim, take my skirt off.” The subs did as they were instructed, and knowingly place Jackie’s clothes in the basket with their own. Jackie was left wearing her thigh-high black stockings, her strappy heels, and a black-jeweled choker necklace at the bottom of her neck. Amber stared at her mistress and reflected how lucky she was to have this beautiful woman in her life.

Jackie stepped forward and placed her bare tits against Will’s chest. The very slippery tip of Will’s cock pressed into Jackie’s flat stomach, just below her belly button. Ever so slightly, Will moved his body back and forth, making his cock slide against Jackie, and he felt the pleasure in the nerve endings where his cock touched her. Her nipples were hard against his chest, and he craved to have them in his mouth.

“Well young man, your erection will not fit into the cock cage, so we are going to have to do something to get the swelling to go down. Your girlfriend happily inserted that prostate massager in your ass, and now I’m going to use it to make you come. Jackie reached down and grabbed Will’s erection. She had to lean her hips back to point it down, and placed it under her wet pussy lips. She let go, and Will’s cock was trapped under her pussy, pushing up into her wet folds. Jackie rocked her hips, stroking the top of his cock. It felt good, but it wasn’t going to make either of them cum.

Seeing this, Amber’s first thought was that Jackie had placed Will’s cock inside of her pussy, and she felt a sinking feeling in her stomach. She stepped forward and was within four feet of Jackie. Jackie slid backwards off of Will’s cock, and she felt the head move up through her lips and brush over her swollen clit. Will’s cock slapped against his own abdomen when it was finally freed. Jackie turned and was blocked by Amber standing behind her. She knew what her Sub had been thinking.

“No I didn’t fuck him,” she said looking into her eyes. “And if I had, what would you do about it?”

Amber knew there was only one right answer, “Nothing Mistress.”

“Good, let’s all sit on my chair and watch the show!”

Jackie sat in the middle of her curved, large chair, about the size of a love seat, with a high back on it. It was the perfect space for three petite girls, and since Anne was still in the cellar, Amber and Kim would get to watch Will’s climax, while snuggled naked with their Mistress. When they all got comfortable, Jackie hit the button on the remote control. They each saw Will’s body jerk, and heard the clanking of metal the restraints holding him to the wall.

“Woah!” esclamò. When the muscles in ass tightened down, the vibrations felt more intense. His cock stared to flinch in a slow rhythm, and his pre-cum began to flow again.

“Just let it go,” Jackie coached Will. “Feel those vibrations in your ass and just let it go. You are going to love your orgasm tonight. Give us your cum. We want to see it.”

In addition to his uncontrollable pulsing cock, Will began twisting his body side to side. That didn’t do much, other than to slightly move the hard object in his ass, briefly shifting the intense vibrations on his prostate. Will had thought that Jackie was operating the vibrator on its highest speed, just then, he felt the vibrations speed up.

“Geez!” Will said, his knees failing him, causing him to fall the short distance until he was hanging by the wrist cuffs. He tried to regain his footing, but the muscles in his groin and abdomen were starting to contract, and it was difficult to lift his legs. The head of his cock was dark red, with the ridge around the head, a deep purple. Will thought if any more blood flowed into his cock, it would explode.

“Let me stand up!” Will pleaded. The pulsing in his cock quickened, and the pre-cum was nearly a solid stream from the tip to the floor.
Just as he got his left foot planted on the floor, Jackie turned the vibrator up to the next speed.

“Ahhhh!” Will’s foot slipped and he hung from the wrist cuffs, his feet were positioned against the base of the wall, his body was arched outward, towards where the girls sat.

Will’s stomach muscles tightened, and that showed off the cut of his muscular abs and obliques.

“Ready girls?” Jackie asked a rhetorical question. “Let’s see what this boy can do.” With that, she turned the vibrator to the fastest speed.

“Woahhhh… woahhhh…” Will could not speak. The muscles in his throat clamped shut.

His cock stood nearly straight up against his body. The first drop of real cum appeared at the tip.

“Here it cums girls! Watch it cum.” Jackie didn’t need to say a word; the girls’ eyes were already fixated on Will’s cock.

The muscle’s holding up Will’s cock released for a split second, and his cock almost fell perpendicular to his body. Then in an instant, it shot back up, spewing the first, long, white rope of come almost four feet from where he stood. There was a slight delay before his cock repeated that motion, and the second shot of come went farther than the first. Then the contractions sped up, and the cum from the third, fourth, fifth, and sixth explosions, each traveled less than the previous one. Jackie pressed the “off” button on the vibrator, and it went quiet in the room.

Will took in a big gasp of breath, but did not speak. The smell of fresh cum filled the dungeon, and coupled with what their eyes had just witnessed, the girls were extremely aroused. Even the slight shifting of their legs gave their swollen clits pleasure.

Jackie stood up and walked slowly to Will. She slid two fingers over her clit, and was quite surprised that so much wetness had worked its way that high up between her lips. She was careful to avoid Will’s spray of cum on the floor. She stood to the side of his body, and as she had done earlier, she took his cock between her thumb and fore finger, and slid them to the top, expelling a large drop of pure white cum. She wiped it off with her finger, and while she wanted to taste it, she quickly moved her hand up under Will’s hood, and smeared the liquid on his lips and tongue. As Will was distracted by Jackie’s cum covered finger, she reached under him and yanked on the slippery vibrator in his his ass. It had served its purpose. Will flinched hard, and involuntarily assisted Jackie by squeezing his ass muscles, nearly thrusting the device out of her hand.

“Every time you cum in this house, you will taste your own sperm. It may be delivered by a finger, a tongue, or a pussy, but mark my words, you will taste the product of your own pleasure.” Jackie was delivering a new rule to Will.

“What do say to that?” Jackie demanded.

“OK,” Will weakly responded, trying to relax after his orgasm and the abrupt removal of the vibrator.

Jackie raised her knee and it collided with Will’s ball’s, quickly ending the afterglow of his orgasm.

"Ahia!" Will screamed as he twisted his body in response to the pain.

“The only acceptable answer is ‘Yes Mistress.’ Do I make myself clear?”

“Yes… Mistress.” Will nearly forgot to specifically follow her direction.

“You will taste your cum after every orgasm.”

“Yes Mistress.” Will did not hesitate, wanting to avoid a second knee to the groin.

"Così va meglio. Amber, come over here with the cage. Kim, you can kneel here beside Will and watch the process. Be careful, there might be some more cum in Will’s shaft, make sure you don’t get it on you.”

Jackie stepped back and let the two girls kneel next to Will. Amber unlatched the cage, and opened it up to where she could slide Will’s cock inside. She held it up to Will’s slowly shrinking cock, and could see that it would just now fit inside. She slid it up under his balls, then over the length of his cock, her hand never touching him in the process. Once Will’s cock was inside the metal frame, she folded the latch shut on top. At that moment, Jackie appeared from above her, reached down, and placed a small padlock through the loop in the latch. She snapped the lock shut. Amber released her grip on the cage, and it hung on its own from Will’s cock and balls. She had a fleeting thought that it looked sad in there, if in fact, a cock could show emotion.

“There we go girls. We now are safe from this cock. Unchain Will from the wall and lay him on the bed. Cover him with a blanket; he might need a little rest. Once he’s on the bed, we are going to have a little fun ourselves. I’m guessing you two are as excited as I am, and you poor Kim, you are the only one that hasn’t cum yet tonight, so you are going to be first!”

Kim smiled as she stood up and embraced Jackie, their bare breasts pushed together, meeting nearly exactly on the nipples. Jackie initiated the kiss, so Kim was permitted to willingly participate. After nearly a minute of their two tongues darting inside of each other’s mouths, Kim whispered, “Thank you Mistress.”

Storie simili

Una nuova esperienza

Anita era così eccitata domenica mentre doveva partecipare alla festa di compleanno della sua migliore amica a casa sua. Erano le 16:30 quando era uscita di casa, tutta vestita e orgogliosa del suo aspetto. Ooooooooo! le persone rimarranno davvero sbalordite quando la vedranno con questo nuovo vestito rosso. Saranno davvero gelosi di lei oggi. pensando questi pensieri a se stessa. Finalmente era arrivata a destinazione. era la sua prima volta a casa del suo amico poiché conosceva solo il Block e non c'era mai stata prima. Ha iniziato a localizzare l'appartamento. Mentre lo faceva, suonava in un appartamento nel caso in...

578 I più visti

Likes 0

La migliore amica di mia figlia, parte 1

Questa storia è finzione ed è stata originariamente scritta a mano su un quaderno scolastico a spirale prima ancora che i computer portatili fossero inventati. Probabilmente mentre lavoravo come proiezionista al cinema nei primi anni ottanta. L'ho trascritto per la prima volta in un primo elaboratore di testi circa 20 anni fa e ho salvato i floppy disk fino a quando non ho acquistato un computer moderno. Ecco il testo, così com'è. Spero vi piaccia. La migliore amica di mia figlia, parte 1 Erano circa le 3 del mattino ed ero seduto al tavolo della cucina, con il mio taccuino davanti...

528 I più visti

Likes 0

Angelo 2

Angelo 2 © Questa è una fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone o luoghi reali è casuale. ************************************************** **************** Angel lo fissò sorpreso, mentre l'uomo dall'aspetto divertente è i pantaloni a righe tamponati le lacrime che gli scorrevano sul viso con la coda. Chi sei? Lei chiese. Smise di piangere abbastanza a lungo per rispondere. Pensavo che lo sapessero tutti. Egli ha detto. Sono il gatto dalla coda spogliata. Disse agitando la coda con orgoglio. “La maggior parte mi chiama Stripe. Vedi quanto è lunga la mia coda? Non sono belle le strisce? Angel ha convenuto che la coda era davvero carina...

1.5K I più visti

Likes 0

La rissa bestiale di Bridezilla Brenda -- Parte 3 -- Domare un monello viziato

La rissa bestiale di Bridezilla Brenda Parte 3 -- Addomesticare un monello viziato Cast di personaggi con nome in questa serie: Brenda Robinson -- 26 anni, alta 5'10 140 libbre --- Sposa. Arrogante, viziato, prepotente, ricco, egocentrico e oh così alto e bello. Bradley Eaton -- 27 anni, alto 6'2 pollici, 180 libbre --- Sposo. Studentessa laureata in fisica. Intelligente, laborioso, bello, fedele, affidabile. Amy Robinson -- 21 anni, alta 5'10 e 125 libbre --- Damigella d'onore. Studente universitario di fisica. Intelligente, laboriosa, timida, carina, modesta e molto simpatica. Betty, Susan e Rebecca -- 25-27 anni --- Damigelle d'onore. I migliori...

1.4K I più visti

Likes 0

Il prigioniero (parte 3)

La sveglia di Stephen è suonata alle 6:30 del mattino. «Era strano; la sveglia di solito suonava alle 7.' Si girò per cercare di riaddormentarsi, poi saltò in piedi, ricordando cosa lo stava aspettando al piano di sotto e perché aveva impostato la sveglia così presto. Si alzò, si fece la doccia e si preparò per il lavoro, quindi scese le scale in cucina; mise una fetta di pane nel tostapane e poi scese i gradini fino al seminterrato. Poi spinse la porta del seminterrato e guardò dentro. Ed eccola lì, Jennie Connelly, ancora legata con le gambe divaricate completamente nuda...

1.4K I più visti

Likes 0

Il wrestling ci ha fatto iniziare....

Quando avevo 18 anni avevo un amico intimo con cui uscivo tutto il tempo. Il suo nome era Davide. Anche se entrambi eravamo interessati alle ragazze e all'epoca avevamo amiche fisse, abbiamo trascorso molto tempo insieme e siamo riusciti a finire con qualche sperimentazione sessuale l'uno con l'altro. La prima volta che abbiamo fatto qualcosa, stavamo scherzando sulla dimensione del cazzo e continuava a insistere che era più grande del mio. Ci eravamo visti i cazzi l'uno dell'altro e il suo sembrava essere uguale al mio. Ma ha affermato che è diventato molto, molto più grande quando è diventato difficile. Ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

653 I più visti

Likes 0

Sam & Alicia 9

Ho scritto questo supponendo che tu abbia già letto Sam & Alicia da 1 a 8. Quando mi sono svegliato la mattina dopo, Katrina era appoggiata su un gomito e mi guardava. Sembrava felice. “Buongiorno dormiglione. Avete dormito bene? “Sì, ho dormito come un sasso. Sembri felice. Vuoi un'altra scopata? “Sì, mi sento molto felice. Dovrei essere scioccato da tutte le cose che ho imparato su di te ieri sera, ma non lo sono. Invece mi sento orgoglioso che tu mi abbia incluso in tutto il tuo sesso. I miei genitori sarebbero inorriditi se lo sapessero, ma sono solo entusiasta di...

680 I più visti

Likes 0

Il giorno libero di Sam

Quando suonò l'allarme, tutto ciò a cui Sam riuscì a pensare fu altri 9 giorni e questa merda sarà finita! Sam era un liceale di 17 anni a cui mancava poco più di una settimana per diplomarsi. Ha sempre avuto un disprezzo particolare per il concetto di scuola. Sembrava che più si avvicinava alla fine, più odiava andarci. Tuttavia si alzò dal letto, si asciugò il freddo dagli occhi e continuò a prepararsi per la giornata a scuola. Proprio mentre usciva dalla sua camera da letto verso il bagno, Sam sentì sua madre uscire di casa per andare al lavoro. Sam...

275 I più visti

Likes 0

I simpson_(0)

Bart Simpson si svegliò di nuovo alle sei. Rimase sveglio tutta la notte a guardare Late Night with McBain e non voleva andare a scuola. Quando camminava al piano di sotto, notò un rigonfiamento nei pantaloni. Li aveva già avuti prima, ma mai la mattina, solo quando guardava quei programmi su Fox. Ha organizzato il suo pigiama verde in modo che lo coprisse adeguatamente, e se ne andò di sotto per fingere con sua madre. Quando scese le scale, vide suo padre correre in giro perché era ancora una volta in ritardo al lavoro. Ha avuto appena il tempo di prendere...

275 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.