Le mie figlie fedeli

336Report
Le mie figlie fedeli

Leslie scese le scale saltellando con la sua graziosa minigonna blu, mostrando la sua figura formosa mentre scendeva. Era fantastica come sempre, truccandosi e pettinandosi per apparire meravigliosa per il suo viaggio. Un grande sorriso le attraversò il viso mentre camminava verso di me nel corridoio, luccicante ma timida da ragazzina.
"Ehi papà", disse raggiante mentre si stringeva tra le mie braccia.
"Ehi tesoro, sei pronto per il viaggio?" risposi mentre la abbracciavo forte baciandole la testa
“Sì papà” sorrise “Starai bene qui senza di me?”
"Oh, dovremmo cavarcela bene per una settimana", ho scherzato
"Mi mancherai mentre non ci sono" intervenne Leslie e mi afferrò dolcemente la maglietta
Abby osservava sua sorella e suo padre dalla cucina, alzando lo sguardo dalla lezione di algebra. Osservò suo padre chinarsi e le sussurrò all'orecchio. Leslie ridacchiò piano ed entrambe lanciarono una rapida occhiata ad Abby. Guardò i suoi compiti ma si chiese di quali segreti stessero parlando.

"Va bene tesoro, allora verrò a prenderti domenica, ok?" L'ho abbracciata un'ultima volta
"Allora ci vediamo papà, divertitevi voi due mentre non ci sono", mi baciò dolcemente sulla guancia per diversi secondi prolungati e poi si voltò e fece l'occhiolino a sua sorella mentre usciva impettita dalla porta.
Abby era davvero perplessa adesso, stava succedendo qualcosa di cui non era a conoscenza? Stavano organizzando una specie di festa a sorpresa per lei o qualcosa del genere? Tutta la faccenda la faceva sentire davvero esclusa e ferita. Dopo il divorzio, Abby aveva notato che suo padre e sua sorella erano diventati sempre più intimi quando le ragazze restavano dai padri, ma non sapeva veramente cosa lo avesse portato a ciò, non aveva notato che passavano molto tempo insieme. Abby trascorreva la maggior parte del tempo dopo le lezioni del liceo nella sua stanza a chiacchierare con i suoi amici al computer. Abby non era realmente preoccupata della loro relazione fino ad ora e ha deciso che questa settimana, mentre sua sorella era ad un ritiro di orientamento al college e lei trascorreva l'intera settimana con suo padre, sarebbe andata a fondo della questione.

Abby chiuse il taccuino e cominciò a dirigersi al piano di sopra quando si imbatté in suo padre che entrava in cucina in costume da bagno. Rimase sorpresa da quanto fosse in forma. Aveva nuotato in piscina tutte le sere prima di cena.
"Oh, mi dispiace papà, non stavo guardando dove stavo andando", spiegò Abby facendosi di lato per permettergli di entrare in cucina
“Va bene, tesoro,” ho sorriso “che cosa hai voglia di fare per cena stasera? Tua sorella non sarà qui a cucinare. Stavo pensando a pizza e film. Mi sento come se non uscissimo mai più."
"Suona bene" Abby sorrise a suo padre "Sarò nella mia stanza, chiamami quando sarà pronto."
Un po' più tardi suonò il campanello e io aprii la porta, scherzando con il ragazzo della pizza sul fatto che lavoravo una sera a scuola prima di rientrare.
"È qui" ho urlato ad Abby quando mi sono reso conto che era proprio dietro di me
Dopo cena ho lavato i piatti prima di raggiungere Abby in soggiorno. Ho detto ad Abby che avrebbe dovuto mettersi qualcosa di più comodo e le ho assicurato che per me andava bene che indossasse pochissimo in casa, ma non in pubblico. Lei sorrise e corse di sopra, scendendo con una maglietta larga e un paio di mutandine perizoma. Ho abbassato le luci mentre mettevo il film dell'orrore e sono andato sul divano per sedermi accanto a lei. Scivolai più vicino a lei finché i nostri corpi non si toccarono. Le misi un braccio intorno alle spalle e la avvicinai a me. Lei sorrise e infilò la testa nella mia spalla.

"Non lo fai da quando ero una ragazzina, papà", fece le fusa Abby, rimboccandosi amorevolmente a suo padre. Le piaceva sentire l'attenzione per una volta invece che ricadere tutta sulla sorella maggiore.
"Sei ancora la mia bambina, per me" risposi e feci scivolare il braccio lungo il suo fianco finché non fu avvolto attorno alla sua parte bassa della schiena.
"Papà, perché sei stato così vicino a Leslie ultimamente?" mi chiese Abby alzando lo sguardo con i suoi piccoli occhi azzurri.
“Tua sorella mi ha aiutato moltissimo in questo divorzio da tua madre” risposi accarezzandole i lunghi capelli biondo oro. “È stata bravissima nell’aiutarmi a pulire e a cucinare i pasti per noi tre. Inoltre ha aiutato con i miei bisogni di uomo”
"Cosa significa papà?" chiese Abby nascondendosi dietro la sua spalla e scrutandolo negli occhi
“Bene tesoro, il mio corpo ha bisogno dello stimolo di una donna per calmare i miei impulsi. Tua sorella è molto sessuale e noi siamo intimi in quel modo”. Mentre dicevo questo, ho fatto scivolare la mano dal suo fianco alla pelle elastica del suo culo liscio. La mia mano si fece strada sotto di lei finché non sentii la sua figa coperta di mutandine. Si spostò istintivamente dalla mia mano mentre sentivo il suo corpo caldo da sotto.
“Cosa stai facendo papà, non dovresti toccarmi lì? Cosa stai facendo...» protestò Abby

Sapevo che era ora o mai più. Dovevo essere deciso con lei altrimenti avrei perso la mia occasione per sempre. “Sono tuo padre, tesoro, e ti amo moltissimo. Mi ami?" Ho interrotto
"Certo papà, ma perché stai facendo questo?" Abby mi guardò confusa
“Sei diventata una bellissima ragazza e voglio mostrarti quanto mi rendi felice. Mi lascerai toccare adesso perché non vuoi che io sia deluso da te. Vuoi che ti ami tanto quanto amo tua sorella, vero?" Ho insistito. Ho sentito il suo corpo allentarsi e Abby si è limitata ad annuire. Ho continuato la mia esplorazione mentre le mie dita le accarezzavano delicatamente la figa attraverso le morbide mutandine.
"Divertiti" le ho sussurrato all'orecchio mentre continuavo a massaggiarle la fica. L'ho afferrata dolcemente e l'ho baciata a lungo; lei non ricambiò il bacio, ma non oppose nemmeno resistenza. L'ho inclinata verso il basso in modo che si stendesse sul divano e ho iniziato lentamente a farle scivolare la maglietta verso l'alto, baciandole il meraviglioso stomaco mentre lo facevo.
"Papà, non voglio davvero fare una cosa del genere", ripeté Abby. "È sbagliato." Mentre cercava di sollevarsi sui gomiti.
“Non voglio arrabbiarmi, tesoro”, ho avvertito “dagli una possibilità, ti prometto che ti piacerà. Ora dimmi che mi ami."
"Ti amo" mormorò piano
"Non riesco a sentirti!" Ho rimproverato “E chiamami papà”

"Ti amo papà", disse questa volta più forte, lanciandomi quello sguardo di sfida. Ho continuato a baciarle la pancia e le ho sollevato la maglietta sopra la testa, gettandola a terra. Ero pieno di lussuria mentre le mie labbra si spostavano sul suo bel seno. Era da molto tempo che non mi sentivo così emozionato. Mi sono fatto strada lungo le sue gambe, togliendole il perizoma mentre mi posizionavo tra le sue gambe e iniziavo a leccarle la figa liscia come la seta. La mia lingua correva in tondo mentre sondavo e insaponavo la sua fica. Nonostante i suoi migliori sforzi, dalle sue labbra uscirono diversi gemiti sordi. Si era morsa il labbro inferiore in una qualche forma di protesta per ignorare l'evidente piacere che stava provando.
"Va bene che ci si senta bene, tesoro" l'ho incoraggiata
"Ok papà" decise gettando indietro la testa emettendo un forte gemito.
Mi sono fermato un attimo e lei è balzata in avanti, con la faccia confusa
"Perché ti fermi?" piagnucolò
"È ora che impari come compiacere il tuo papà, stasera diventerai la mia bambola dell'amore" ho annunciato

"Ok... cosa devo fare?" gli chiese volentieri ma incuriosita
"Prima di tutto devi togliere i pantaloni di papà" la guidai mentre mi toglievo la maglietta. Mi sono appoggiato allo schienale del divano e lei si è inginocchiata tra le mie gambe. Mi ha slacciato la fibbia della cintura e mi ha abbassato i pantaloni e i boxer solo per trovare un cazzo pulsante puntato dritto in aria. "Ora voglio che tu lo baci, fai finta che sia il tuo lecca-lecca" ho continuato "dimostra a papà quanto lo ami" Lei si è abbassata lentamente verso il mio cazzo prima di prenderne la testa in bocca.
"Ecco fatto, bambina, ora muoviti su e giù e fai scorrere la lingua sopra la testa" ho supplicato
Ha fatto quello che le avevo chiesto e lo ha fatto bene, ho buttato indietro la testa emettendo un gemito.
"È giusto?" chiese togliendosi il cazzo dalla bocca, facendomi il visino più innocente come faceva
"Perfetto tesoro" le assicurai, spingendo di nuovo la sua testa sul mio cazzo. Lo succhiò per quelle che sembravano ore, ma sicuramente passarono solo circa dieci minuti prima che la fermassi.
"Il mio è il primo cazzo che tu abbia mai visto prima, vero principessa?" le ho chiesto con fermezza
"Certo papà, sono una brava ragazza", ha risposto, potevo dire che si stava davvero appassionando e stava cominciando a vedere cosa volevo da lei. L'ho fermata però e l'ho messa sul divano. Era ora che avessi un pezzo di quella dolce figa tutta per me. L'ho messa sul divano, baciandola profondamente, questa volta lei mi ha ricambiato con passione.
“È ora che tu abbia il cazzo di tuo papà. Lo metterò nella tua figa in attesa adesso "

“Mmm, mettimi dentro il tuo cazzo, papà, voglio essere tuo. Voglio fare ancora meglio di quanto fa Leslie per te. Voglio che tu mi ami di più.
"Ooo lo farai, tesoro, lo farai." le ho assicurato. Ho messo il mio cazzo all'ingresso della sua figa stretta e l'ho baciata dolcemente sulle labbra mentre lo facevo scivolare dentro, prendendola come se fosse mia. All'inizio mi afferrò con forza, ma dopo un minuto iniziò a gemere. Scivolai dentro e fuori lentamente, sentendo la tensione e il calore che la mia dolce bambina mi lasciava scopare.
"Oo sei così stretta", le ho detto mentre sorridevo "Chi è la bambina di papà?"
"Ooo sono papà, sono tuo per sempre, puoi farmi tutto quello che vuoi." Ho sorriso mentre immaginavo il suo dolce culo che stavo per prendere.
“Sono felice di sentirtelo dire, tesoro, perché ho qualcos’altro in mente per te adesso” le dissi con una luce emozionata negli occhi.
“Che papà? Cosa posso fare per renderti così felice?" lei ridacchiò
"Ti infilerò il mio cazzo nel culo e poi ti sborrerò sul tuo bel viso"
"Oh, non farà male a papà?"

“Farà un po' male, ma il tuo papà adora incularti e sogna da molto tempo il tuo dolce culetto. Me lo darai? Dimmi cosa posso fare." IO
“Sì papà, mi metterai il tuo cazzo nel culo. È così sbagliato ma lo adoro. Voglio il tuo sperma, voglio che tu mi faccia tuo per sempre.
"Oo lo farò tesoro, sarai sempre la mia bambina."
Ho posizionato il mio cazzo all'ingresso del suo piccolo buco del culo rosa e ho spinto delicatamente la testa dentro. Ho forzato delicatamente il mio cazzo fino a quando non è stato completamente dentro il suo dolce culo.
"Oo che brava ragazza, dì a papà che lo vuoi." Le ho ordinato mentre muovevo il cazzo dentro e fuori dal suo culetto stretto.
"Voglio essere tuo. Infila il tuo cazzo nel mio culo stretto. Fallo” Mi ha incitato
Le ho riempito il culo morbido con il mio cazzo, scopandola forte mentre le stringevo i fianchi. Lei gemette e strinse il culo attorno al mio cazzo finché non fui sul punto di venire.
“Apri la bocca tesoro” grugnii tra i gemiti
Lo fece mentre tiravo fuori il cazzo e spruzzavo il mio sperma sul suo viso voglioso, versando il mio carico nella sua bocca e sulle sue morbide guance bianche.
"Oooh Abby" ho gridato
"mmm" gemette facendomi l'occhiolino mentre finivo.
Dopo che è uscita dal bagno ci siamo addormentati insieme sul divano. Sarebbe stata una settimana divertente. Avevamo così tanto da recuperare.


**Commenti e valutazioni apprezzati. Per favore fatemi sapere se vi piace questa storia. Sto cercando di decidere se continuare questa trama**

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

1.7K I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.5K I più visti

Likes 0

La morte veste SEMPRE di nero - Capitolo 1

Capitolo 1 L'ombra a forma di uomo nel cortile del vicino dall'altra parte della strada non si era mossa negli ultimi 20 minuti, ma era del tutto possibile che gli occhi di Glenn gli stessero giocando brutti scherzi mentre la sua mente in preda al panico lavorava a tempo pieno sul suo dilemma. Erano passate due settimane da quando il contratto era stato adempiuto dalla gilda degli assassini di Ar e lui doveva ancora inviare loro il pagamento, ovviamente, non lo avevano esattamente cercato nemmeno per il loro oro, ma era ancora estremamente preoccupato. Silas aveva visto cosa succede alle persone...

1.5K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricatto e cetrioli

Questa è un'opera di finzione. La prima volta che scrivo, le critiche costruttive sono sempre consentite, non c'è molto sesso perdonami, volevo introdurre i personaggi. RICATTO E CETRIOLI Dovremmo prendere dei cetrioli, ho sentito dire da una ragazza. Io, Justin Hunter, ero seduto da solo in una delle quattro mense della Forrester University. Questo in particolare era il terzo più grande e la ragazza che ha detto che era seduta a un tavolo di fronte al mio. Avevo quasi finito di mangiare quando queste due ragazze vennero a sedersi a un tavolo accanto al mio. Sedevano fianco a fianco su un...

999 I più visti

Likes 0

Prendendo Sarah, seconda parte

Prendendo Sarah, seconda parte Aiuto da un amico. Nelle poche settimane trascorse da quando avevo registrato Sarah in bagno, ho provato numerose volte a rivederla, senza alcun risultato. Ho avuto l'opportunità di vederla rapidamente in primo piano. Un giorno si era addormentata sul suo letto, la cuccetta più in alto dopo la scuola e Anne aveva chiamato di sopra che la cena era pronta e che avrei svegliato Sarah. Entrando nella sua stanza ho visto che in effetti dormiva profondamente. Quando mi sono avvicinato a lei ho visto che i suoi pantaloncini erano molto larghi su di lei. Sapevo che se...

888 I più visti

Likes 0

Picchiato al rifugio

Sono un uomo di 35 anni che vive da solo in una capanna isolata nel bosco. Sono 6'1 con capelli biondi e occhi azzurri. Non ho mai avuto problemi portare a casa le donne. Sono un veterinario e ho un ufficio in città. Faccio anche volontariato in un canile nei fine settimana. I proprietari salva i cani e trova loro una casa una volta che li ho esaminati. Alcuni entrano piuttosto brutte, quindi impiegano un po' più di tempo a guarire. Altri sono belli cani che sono stati semplicemente abbandonati da qualche parte. Il vicino più vicino vive a 15 miglia...

844 I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

787 I più visti

Likes 0

Dipendenza_(0)

Godetevi la storia e lasciate un commento. Dipendenza Allora Doc, ahh domanda folle - è possibile essere um, tipo, dipendenti da una persona? Era una domanda folle e Tom era in qualche modo imbarazzato anche solo a farsela, ma era una domanda su cui si stava ponendo da giorni ormai. Il dottore, in realtà uno psicologo, era un uomo calvo con gli occhiali sulla cinquantina, che aveva sentito un sacco di cose più folli nei suoi vent'anni di pratica. Sapeva che Tom era serio e aveva bisogno di maggiori informazioni prima di poter dare una risposta. Pensi di essere dipendente da...

872 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.