Il dilemma di Donnie

594Report
Il dilemma di Donnie

TUTTI IN QUESTA STORIA HANNO ALMENO DI 18 ANNI O PI.

Donnie Hamilton è il tipico fratellino adolescente fastidioso. C'erano solo due anni di differenza nell'età tra lui e sua sorella maggiore, Lucy. Dal modo immaturo in cui si è comportato, si potrebbe pensare che ci fosse molto più di un divario di età. Tollerava il comportamento giovanile di Donnie perché lo amava. Ha imparato a sopportare i suoi scherzi perché ha capito che Donnie stava attraversando la pubertà e stava iniziando a interessarsi alle ragazze. Sapeva anche che era troppo giovane e inesperto per capire perché fosse attratto dal sesso opposto. Ogni volta che portava le sue amiche a casa loro per un pigiama party, lui si comportava male.

Lucy è una bellissima ragazza con capelli dorati, occhi blu cristallino e labbra carnose e sensuali. Donnie è l'esatto opposto di sua sorella. È un ragazzo alto e allampanato con lentiggini e piedi grandi che lo hanno reso scoordinato e inadatto per lo sport o qualsiasi cosa che richiedesse agilità. Donnie aveva pochissimi amici. Lucy, d'altra parte, era una delle ragazze più popolari della scuola. Lucy era una calamita per i ragazzi, e i ragazzi cadevano su se stessi per starle vicino. Se aveva bisogno di qualcosa, c'era sempre un giovane lì a prenderla per lei.

Lucy era il capitano della sua squadra di cheerleader, presidente della sua classe senior ed è stata eletta regina del ritorno a casa per due anni di fila. Donnie non era esattamente brutto, ma sembrava respingere la maggior parte delle ragazze con il suo comportamento imprevedibile e le apparenze poco attraenti. Era un po' un secchione che amava la scienza e i computer.

Donnie aveva un set di chimica e spesso trovava formule chimiche su Internet da usare con gli esperimenti. Uno dei suoi preferiti era l'idrogeno solforato (gas di uova marce) che ha rilasciato una notte quando sua sorella aveva un pigiama party. La camera da letto di Lucy puzzava di scoregge per il resto della notte e le ragazze hanno dovuto spostare il loro pigiama party nella tana.

Quando Donnie aveva diciotto anni e frequentava le superiori, era ancora vergine e non aveva una ragazza. Aveva iniziato a notare le tette, ma finora su Internet ne aveva viste solo di nude. L'unica cosa che Donnie sapeva del sesso, l'aveva imparata dai siti porno. Non sapeva ancora come relazionarsi con successo con il sesso opposto. Era un po' come un bambino di dieci anni che inseguiva e tirava i capelli delle ragazze da cui era attratto nel parco giochi. Sapeva che era ora di crescere e imparare a comportarsi come un adolescente con esperienza sessuale.

Donnie desiderava disperatamente avere una ragazza e perdere la verginità, quindi ha controllato i suoi siti porno per scoprire cosa volevano le ragazze in un fidanzato. Notò che tutti gli uomini sui siti porno avevano cazzi da dieci a dodici pollici. Donnie misurò il suo cazzo e scoprì che era solo una frazione sotto i sette pollici. Doveva trovare un modo per far crescere un lungo cazzo. Ha cercato su Internet una formula chimica che promettesse un cazzo più grande e più duro e ha anche affermato che sarebbe rimasto duro fino a quando una ragazza non fosse stata soddisfatta. Ha sottolineato che rimanere duro era importante quando si trattava di soddisfare una donna.

Donnie ha preparato la sua chimica e ha lavorato tutto il pomeriggio, perfezionando i potenti cambiamenti anatomici impliciti nel suo cazzo. Dopo aver fatto bollire il liquido, si ritrovò con quattro once di polvere bianca fine. Le indicazioni su Internet garantivano che un cucchiaino di polvere in una tazza di liquido avrebbe fornito i risultati promessi. Donnie bevve l'intruglio e si mise ad aspettare che la reazione avesse luogo. All'ora di cena nulla era cambiato. Il suo cazzo non c'era più e non si sentiva diverso.

Dopo cena, la famiglia si stabilì nella tana per guardare insieme la TV. Donnie era irrequieto e continuava a lasciare la stanza ogni venti o trenta minuti per controllare e vedere se c'erano cambiamenti al suo cazzo. Non c'era. Sembrava che avesse un'erezione alla minima stimolazione, ma era abbastanza tipico per un adolescente con ormoni rabbiosi. Verso le dieci, la famiglia si ritirò nelle loro camere per la notte. Donnie ha avuto una notte agitata. Continuava a sognare ragazze nude che sfilavano davanti a lui. Di tanto in tanto, il suo sogno includeva sua madre e sua sorella tra le ragazze nude.

La mattina dopo Donnie scese a fare colazione e fece un passo in cucina. Sua madre era impegnata a preparare la colazione come al solito, ma c'era qualcosa di diverso. Donnie scosse la testa e guardò di nuovo. Perché non aveva notato prima il bagliore dei fianchi di sua madre? Indossava una gonna scura al ginocchio e una camicetta bianca trasparente che le abbracciò la vita. Il suo sedere si curvava bene sotto quella gonna. Il contorno del suo reggiseno di pizzo bianco era inconfondibile sotto la sua camicia bianca trasparente. Era sexy? Per la prima volta nella sua vita, pensò che lo fosse. Poteva vedere il rigonfiamento del lato destro della sua tetta sotto la maglietta, che tremolava mentre mescolava il preparato per pancake con un cucchiaio grande. "Santa vacca", pensò tra sé e sé. Non l'aveva mai notato prima, ma sua madre era accaldata. Ha avuto un'erezione guardando sua madre. Ha dovuto sedersi e nasconderlo da lei.

Un attimo dopo, la sorella di Donnie entrò in cucina e prese il suo solito posto dall'altra parte del tavolo. Alzando gli occhi dalla colazione, fissò sua sorella maggiore. Come aveva fatto a non notare quanto fosse graziosa e delicata? Occhi azzurri morbidi. Un sorriso caldo e coinvolgente. Sua sorella maggiore aveva un aspetto diverso. Le spalline del reggiseno sono visibili sulle sue spalle strette. E le sue tette? Oh, Dio, le sue tette sono piccole e sode, appena fuori proprio lì. Come aveva fatto a non notarli prima? La verità è che non aveva mai notato Lucy in quel modo prima. I suoi piccoli fianchi snelli. Il suo naso delicato. Il suo collo lungo e sottile. Come non l'aveva mai visto prima? Cercò di sorriderle. Il suo cazzo è diventato scomodamente duro e ha cercato di acclimatarlo di nascosto. Sua madre gli lanciò uno sguardo interrogativo. Donnie ha cercato di coinvolgere la sua sorella maggiore con chiacchiere sull'annuario che stava pubblicando per il suo college, ma continuava a inciampare nelle sue parole. Alla fine si arrese, si scusò e andò a scuola.

Il cazzo di Donnie non aveva apportato le modifiche promesse su Internet, quindi ha studiato la formula chimica e ha deciso che il dosaggio doveva dipendere dal peso corporeo. Invece di un cucchiaino di polvere bianca, ne mise un cucchiaio in una tazza di tè caldo e lo bevve insieme alla cena. Verso le due del mattino, Donnie si svegliò. Fuori era ancora buio. Si girò nel suo groviglio di lenzuola e gemette. Qualcosa sembrava strano. Molto strano. Si girò e si girò, cercando di mettersi comodo. C'era qualcosa che non andava nel suo cazzo. Donnie si girò, saltò fuori dal letto e si tirò giù i boxer per esaminarsi. Il suo cazzo era duro, molto duro. Non lo era più, ma era gonfio, grasso e doleva terribilmente. Era il peggior caso di palle blu che avesse mai visto. Aveva urgente bisogno di venire. Donnie corse in bagno, spinse i boxer fino alle caviglie e iniziò a masturbarsi in modo aggressivo. Strinse la mano intorno al suo cazzo duro e martellava via. Le immagini di sua madre e sua sorella gli balzarono in mente. Afferrò il suo cazzo e aumentò il ritmo. Adesso era più duro di quanto non fosse mai stato in vita sua. Il suo cazzo era davvero uno spettacolo da vedere. La testa era viola e a forma di fungo. Le vene sporgevano e pulsavano.

Un'ora dopo, Donnie non era ancora venuta. Il sangue gli uscì dalla testa e riempì il suo cazzo gonfio. Stava diventando stordito e le sue braccia sembravano sul punto di cadere. Non aveva mai provato niente del genere. Si avvicinò alla finestra del bagno con i boxer ancora intorno alle caviglie e aprì la finestra. L'aria fredda e frizzante gli schiarì la testa. Donnie ha preso a calci i suoi boxer e li ha depositati nel cesto dei vestiti. Donnie ha condiviso un bagno Jack n' Jill con sua sorella maggiore, Lucy. Aprì la porta che collegava le due camere da letto e si diresse verso il letto di sua sorella. Donnie si sedette sul bordo del letto di sua sorella, piangendo a causa del suo cazzo dolorosamente duro e dolorante. Singhiozzava di dolore mentre le scuoteva la spalla. Si svegliò di soprassalto e disse: "Cosa c'è, Donnie? Perché piangi?"

"È il mio cazzo", singhiozzò. "Fa così male che non lo sopporto".

Lucy si sedette sul letto e vide che Donnie era nudo dalla vita in giù e il suo cazzo era sull'attenti. Lucy non aveva mai dato molta considerazione al cazzo del suo fratellino se non le poche volte in cui aveva notato la sua eccitazione che creava un rigonfiamento nei suoi pantaloni.

«Cosa diavolo vuoi che faccia, Donnie? Sono tua SORELLA! Non dovrei vedere il tuo... la tua….. cosa…. come quello.

"Per favore aiutami, Lucy", ha supplicato, "ho solo bisogno di venire".

"Beh, vai in bagno e fatti una sega, o sculaccia la tua scimmia, o qualunque cosa diavolo facciano i ragazzi per farsi venire", urlò Lucy.

"Ho picchiato per più di un'ora e mezza. Ci sono andato vicino, ma non sono stato in grado di spingermi oltre il limite e venire", ha spiegato Donnie a sua sorella. "Ho pensato che forse se l'avessi fatto, finalmente sarei venuto."

“Donna! Sono tua SORELLA! Non dovrei toccare mio fratello in quel modo. Non è giusto. Si chiama incesto".

" Per favore! Per favore! Per favore, Lucia! Ti prometto che non ti chiederò mai un altro favore finché vivrò», implorò. "Aiutami solo a venire questa volta."

Lucy considerò l'agonia sul viso del suo fratellino. Il suo cuore era con lui perché poteva vedere che era sinceramente ferito. Lucy cedette e chiese a suo fratello di sdraiarsi sulla schiena. Poi si è infilata tra le sue gambe. Lucy si tirò indietro sui talloni ed esaminò per un momento il cazzo di Donnie. Aveva visto un sacco di cazzi, ma mai un cazzo così grande. Lucy usciva con molti ragazzi al liceo e all'università ed era diventata molto abile nel fare una sega. Non era una delle sue cose preferite, quindi ha imparato a togliersele velocemente.

Lucy avvolse la mano attorno al cazzo di Donnie e disse: "Mi devi un sacco di tempo, Donnie".

Lucy mise entrambe le mani intorno al cazzo del suo fratellino e sentì le vene e i muscoli sotto la sua pelle. Il cazzo di Donnie si contrasse e palpitava sotto il tocco esperto di sua sorella. Lucy ha usato per la prima volta il metodo "twist and turn", in cui faceva scivolare entrambe le mani su e giù per la sua asta mentre ruotava ogni mano nella direzione opposta. Lucy avrebbe alternativamente fatto scivolare il palmo della mano sulla testa del cazzo di Donnie, ogni tre o quattro viaggi fino alla cima del suo albero, prestando particolare attenzione al suo frenulo sensibile.

Entrambi questi approcci di solito tiravano fuori un ragazzo piuttosto rapidamente. Quando nessuno dei due ha lavorato su Donnie, è passata a quella che chiamava "l'opzione nucleare". Una tecnica consolidata che sfociava sempre in un orgasmo esplosivo. Quella tecnica consisteva nel massaggiare delicatamente le palle di Donnie con una mano mentre faceva scivolare l'altra mano sul suo cazzo pulsante fino al suo fungo mentre lei stimolava di nuovo il frenulo. Mentre continuava a lavorare la sua asta in quel modo, gli solleticava le palle con la punta delle dita. Nessuno era mai durato più di pochi secondi con quel metodo.

Per fortuna non accadde nulla. Lucy cadde dalla parte di suo fratello, completamente esausta. Le facevano male le braccia e le dita erano intorpidite.

"Non fermarti", strillò Donnie, "ero quasi arrivato!"

“Mi dispiace, Donnie. Ho provato tutto quello che so fare".

Donnie rifletté per un minuto e poi propose nervosamente: "Beh... non tutto".

"Cosa vuoi dire", ha chiesto Lucy?

Donnie esitò a lungo, poi disse cautamente: "Non hai ancora provato la tua bocca".

Lucy balzò in piedi nel letto e fissò il suo fratellino. Il suo viso era rosso e poteva sentire il calore feroce che le saliva dalle spalle e dal collo. A denti stretti, ringhiò: "Sei un fottuto pervertito. Sono tua SORELLA per l'amor di Dio! Le sorelle non fanno pompini ai loro fratelli. In nessun modo ti lascerò infilare quel mostro nella mia bocca!"

Donnie ha riflettuto per un minuto e poi ha detto: "Posso infilarlo nella tua figa?

"Assolutamente no", ringhiò!

Donnie iniziò a piangere di nuovo e si lamentò: "Fa così male, Lucy. Non lo sopporto ancora per molto. Le mie palle non si sono mai sentite così piene e mi fanno così male. So che se riesco a infilarlo in qualcosa di caldo e umido, mi farà venire".

Lucy aveva sempre avuto un punto debole nel suo cuore quando si trattava del suo fratellino. Non avrebbe mai potuto sedersi e lasciarlo passare attraverso tale agonia e dolore senza almeno cercare di alleviare il suo dolore. Lucy si sporse in avanti sulle mani e sulle ginocchia, aprendo la bocca. In una mossa, ha inghiottito il suo grosso cazzo a metà. Il calore che gli avvolgeva l'inguine era inebriante. Donnie si chinò e le afferrò i lati del viso. Ha guardato con stupore mentre sua sorella gli faceva il suo primo pompino.

"Mmmmmmmmm" Lucy gemette mentre le sue labbra scivolavano su e giù per la sua asta.

Donnie rabbrividì quando Lucy fece roteare la lingua intorno alla sua punta sensibile. Pensava che le sue palle fossero strette, ma quando la sua mano si alzò e prese a coppa il suo sacco pieno, Donnie pensò che sarebbe esploso proprio lì.

Lucy emise un gemito quando Donnie iniziò a muovere i fianchi, fottendo lentamente la bocca di sua sorella. Sentì la sua testa gonfia urtarle la gola, ma continuò a pompare. Lo sognava da sempre e non gli sarebbe stato negato.

"Ecco, sorella, succhia il cazzo del tuo fratellino." Lui gemette.

"Yuullaakkkkk," Lucy cercò di parlare mentre lui le spingeva il cazzo in gola.

Donnie sentì le sue palle sbattere contro il mento di Lucy mentre si seppellì nella sua bocca calda e umida, spingendo finché non sentì il suo cazzo entrare nella sua gola. Non c'era dubbio su chi fosse al comando ora, dato che sette pollici del suo cazzo duro allungavano la gola di Lucy ad ogni spinta.

Donnie poteva sentire Lucy che respirava attraverso il naso, guardando in basso la guardò sputare gocciolare dall'angolo della bocca e giù per il suo grazioso mento. Quella vista da sola era quasi sufficiente a fargli desiderare di soffiare il suo carico nella sua gola proprio in quel momento, ma non voleva smettere di provare il magnifico piacere della bocca di sua sorella ancora.

Gli occhi di Lucy si spalancarono e lei lo guardò in faccia. Rilasciò la presa sulle spalle di Donnie e fece scivolare le mani lungo la sua schiena finché non prese una guancia del suo culo in ogni mano. Gli sollevò il culo verso la sua faccia mentre spingeva la bocca sul suo cazzo fino a quando non le colpiva la parte posteriore della gola.

Donnie non riusciva a credere alla troia che sua sorella aveva nascosto dentro. Ognuno dei suoi movimenti calcolati puzzava di sesso e lussuria. Quando Lucy liberò le guance del culo di Donnie dalla sua presa, guardò la bocca di Lucy succhiare forte intorno alla sua corona, e poi scivolare lentamente verso il basso finché il suo naso non fu seppellito nei suoi peli pubici. Donnie poteva sentire il suo cazzo entrare di nuovo nella gola di sua sorella. "Cazzo, gli aveva appena fatto una gola profonda di nuovo", si rese conto.

Allo stesso tempo, Lucy allungò una mano e si tolse la camicia da notte, e lui poté solo fissare il suo corpo nudo in vista. Non c'è niente come avere una troia nuda e arrapata inginocchiata tra le tue gambe con il tuo cazzo spinto in gola, pensò.

Donnie non ce la faceva più. Allungandosi, intrecciò le dita nei suoi capelli biondi, tenendole la testa ferma e iniziò ad inarcare i fianchi. Donnie poteva sentirla mentre beveva mentre iniziava a scoparle la bocca calda. Pensò che potesse arrabbiarsi, ma invece lei si limitò a canticchiare la sua approvazione per lui che prendeva il comando. La vibrazione del suo mormorio andò dritta alle sue palle bollenti, mandando il suo corpo in sovraccarico e spegnendo il suo cervello nello stesso istante.

"Prendilo, sorella, succhiami il cazzo", ruggì mentre il suo orgasmo cresceva. "Penso che andrò a sborrare," le disse!

Donnie inarcò più forte i fianchi, guidando più a fondo. Poteva sentire Lucy iniziare a vomitare per la sua lunghezza, ma sembrava nutrirsi del suo movimento. Donnie sentì le sue palle sbattere contro il mento coperto di sputi di sua sorella. La vista del suo cazzo sepolto nella sua gola era troppo. Era sul punto di venire.

La sua bocca scivolò all'improvviso dal suo cazzo pulsante e iniziò a tremare mentre il suo orgasmo le attraversava il corpo. Donnie sentì la pressione allentarsi dalle ghiandole, facendo in modo che le sue palle iniziassero a riassestarsi. Lucy stava ancora tremando e convulsamente per il suo orgasmo. Donnie la strinse al petto e premette le labbra sulle sue labbra riarse. Le loro lingue si incontrarono e danzarono.

Lucy si liberò dal loro bacio e disse: "Fottimi... per favore!" Sembrava che stesse implorando.

Era tutto ciò di cui Donnie aveva bisogno; afferrò il suo membro pulsante con una mano mentre si sosteneva con l'altra. Puntando la testa gonfia verso le sue labbra gonfie, abbassò i fianchi. Proprio mentre la punta del suo cazzo toccava la sua umidità, Donnie la guardò negli occhi. Poteva vedere il fuoco che brillava nei suoi occhi.

La testa del cazzo di Donnie aprì le labbra di Lucy come petali bagnati mentre faceva scivolare la testa all'interno, accompagnata da un suono morbido e umido di suzione. Poteva sentire le sue pareti di seta strette che afferravano il suo cazzo mentre spingeva più a fondo.

"Oh, Gesù," gemette Lucy mentre lo fissava in faccia. "Lento Donnie," ansimò. "Non ho mai avuto niente di così grande in me."

Il cazzo di Donnie è il più grande che abbia mai avuto nella sua figa stretta, realizzò. Non c'era da meravigliarsi se le sue pareti sembravano una morsa di velluto, era stretta come una vergine contro i suoi sette pollici. Con un grugnito, spinse giù, giù, giù, facendo scivolare un paio di centimetri in più dentro di lei.

Osservò gli occhi di Lucy sbattere di nuovo, la bocca che si apriva in un silenzioso "Oh" mentre il suo corpo dava un piccolo spasmo sotto di lui. Poteva sentire le sue unghie affondare leggermente nella sua schiena e poi lentamente sollevarsi.

"Mio Dio," Lucy emise un lungo sospiro. "Sono appena tornato, Donnie. Cazzo, è stato bello." Un piccolo sorriso si dipinse sul suo viso. "Fanculo la tua sorella maggiore, fratellino buono e duro", lo esortò.

Con solo metà del suo cazzo dentro la sua figa stretta, Donnie iniziò a scuotere i fianchi, scivolando lentamente dentro e fuori dalla sua figa ora gocciolante. Ad ogni movimento in avanti, lui scivolava sempre più dentro di lei.

"Oh merda," gemette Lucy mentre il bacino di lui scendeva sul suo, i suoi sette pollici interi ora sepolti fino in fondo all'interno della sua vagina fradicia. La presa di Lucy si strinse sui fianchi del fratellino, tenendolo fermo.

"Non muoverti per un secondo," ansimò Lucy. "Lasciami fare il lavoro per un po'."

Poteva sentire i suoi fianchi macinare in un lento cerchio sotto di lui mentre il suo monticello di Venere premeva contro il suo bacino. C'erano ritmiche come onde che pulsavano lungo le sue pareti strette mentre sua sorella maggiore si infilzava sulla sua virilità.

"Oh, fratellino," gemette Lucy "Voglio... voglio... voglio..." Poi Donnie osservò gli occhi di sua sorella roteare lentamente all'indietro.

"Ooohhhhhhh" Lucy piagnucolò dolcemente mentre tutto il suo corpo sussultava sotto il suo fratellino. Smise di muoversi mentre un torrente di liquidi sgorgava per inzuppare il cazzo e le palle di Donnie, e poi scese lentamente lungo la fessura del culo di Lucy per inzuppare il lenzuolo sotto di lei.

"Wow", sussurrò Lucy mentre i suoi occhi si concentrarono nuovamente sul viso di Donnie. "Sei sicuro di essere vergine, fratellino?" lei chiese.

"Lo ero fino a un momento fa", ha sorriso di rimando. "Come mai?"

"Perché mi hai già fatto venire tre volte," gli disse. "Eppure, non hai nemmeno iniziato a fottermi davvero."

Donnie si tirò indietro lentamente finché solo la testa del suo cazzo si fermò all'interno della sua apertura bagnata. In bilico su di lei, Donnie incrociò gli occhi con sua sorella. Donnie ha ringraziato silenziosamente le ore passate a guardare il porno che lo aveva preparato a sapere cosa fare per compiacere sessualmente la sua bella sorella.

"Oh, quindi ora vuoi che ti scopi", grugnì? "Intendi così!"

Donnie poi sbatté il suo cazzo con forza, tagliando giù attraverso le sue pareti di velluto, guidando in profondità, in profondità, in profondità. Le gambe di Lucy schizzarono fuori e poi si avvolsero intorno alla vita di suo fratello mentre lei graffiava dolorosamente le sue unghie lungo la sua schiena. Sentì un altro getto di liquidi caldi lavargli la pancia mentre il suo quarto orgasmo squarciava il suo corpo impreparato.

"Oh mio Dio! YESSSS," urlò Lucy mentre si contorceva di nuovo sotto di lui.

I fianchi di Donnie si alzarono e si abbassarono mentre picchiava su di lei senza ritegno. Un vantaggio per suo fratello era una fornitura di energia quasi illimitata integrata dalla miscela chimica che teneva il suo uccello insolitamente duro. Un sorso umido riempì la stanza, mentre il profumo del loro sesso aleggiava pesantemente nell'aria.

"Fottimi...fottimi..." cantò Lucy mentre il suo fratellino le martellava addosso. "Possiedimi, fratellino", disse. "Sono tua per la presa."

Donnie sapeva che non sarebbe durato a lungo. Sarebbe stato un gradito sollievo per le sue palle doloranti, ma non voleva che il piacere del suo cazzo che scivolava dentro e fuori da sua sorella finisse mai. Donnie poteva sentire le sue palle che schiaffeggiavano il culo inzuppato di sborra di sua sorella mentre la scopava con tutto ciò che aveva.

"Oh, mio ​​fottuto Dio", gli occhi di Lucy divennero enormi. "Di nuovo... oh cazzo... oh Dio..." ansimò Lucy.

Donnie osservò Lucy trasformarsi in una massa tremante sotto di lui. Il suo corpo continuava a sussultare e avere spasmi. Le sue mani scivolarono lungo la sua schiena ai lati del suo viso.

"Il mio fratellino mi sta facendo venire così fottutamente forte", la voce seriamente piena di lussuria di Lucy lavò il viso di Donnie.

Donnie sentì le pareti di Lucy incresparsi lungo la sua asta, cercando di mungere lo sperma bollente dalle sue palle. Mentre guardava l'orgasmo della sorella maggiore per la quinta volta, il suo corpo si arrese alle sensazioni mentre le sue palle iniziavano a stringersi. Lucy sussultò, fissando gli occhi nei suoi. Donnie cercò di continuare a guardarla negli occhi mentre il suo orgasmo raggiungeva, onestamente, ma non sarebbe successo. Gli occhi di Donnie ruotarono indietro nella sua testa mentre il suo sperma rilasciato esplodeva dalle sue palle e sparava per tutta la lunghezza del suo cazzo.

"Oooohhh," Lucy emise un ruggito primordiale mentre la prima esplosione si riversava fuori per lavare le sue pareti in preda agli spasmi.

Donnie si rimise a fuoco sul viso di Lucy come meglio poté mentre le sue chiappe si tesero, e una seconda raffica esplose per inondare la sua figa in attesa. Poteva vedere lo sguardo di meraviglia nei suoi occhi.

"Gesù", gemette Lucy. "Lo sento, oh mio Dio." Lei rabbrividì sotto di lui.

Quando l'ultimo spasmo del suo cazzo colpì, dovevano essere tre o quattro corde calde che aveva sciolto dentro di lei. Donnie si dondolava sui talloni tra le cosce divaricate di Lucy, guardando in basso tra i loro corpi uniti.

La vista erotica del suo cazzo che scivolava dalla sua figa stretta era abbastanza eccitante. Tuttavia, l'immagine aggiuntiva di gocce bianche di crema che arruffava entrambi i loro peli pubici, mentre la loro crema mista filtrava da lei, gli fece venire un brivido lungo la schiena.

"Non sono più vergine." Donnie esultò mentre guardava la sua bellissima sorella.

"No, non lo sei" Lucy allungò una mano e fece scorrere le dita lungo il suo petto peloso. "Ora, il mio GRANDE fratellino è un uomo." Lei disse.

Mentre Donnie faceva scivolare il suo cazzo fuori dalla figa stretta di Lucy, era entusiasta di vederlo ricoperto della loro melma liscia, e le sue palle non gli facevano più male e pulsavano. Era ancora più eccitato nel rendersi conto che dopo aver svuotato le palle, era ancora duro come una roccia. Voleva di più da sua sorella e intendeva averla.

"Sono il tuo uomo?" chiese Donnie mentre sua sorella fissava inchiodato il suo cazzo palpitante.

"Per sempre fratellino", sussurrò Lucy di rimando.

Donnie si chinò e iniziò a far rotolare Lucy sullo stomaco. Tirandosi sui fianchi, si alzò sulle mani e sulle ginocchia sul letto. Lei lo guardò da sopra la spalla mentre lui si posizionava dietro di lei. C'era un fuoco nei suoi occhi che non aveva mai visto prima.

"Mi monti?" Lucy ringhiò. "Ti fotterai tua sorella maggiore come una cagna in calore?"

Donnie ringhiò di lussuria mentre trascinava la testa gonfia del suo cazzo insieme alle labbra intrise di sperma di sua sorella. In vita sua non aveva mai sentito sua sorella parlare in quel modo; era come se fosse diventata la troia che aveva sognato.

"Adoro questa posizione, cazzo," gemette Lucy. "Era troppo tempo che non ero così soddisfatto; ora fottimi come la puttana che sono. Ogni buco che ho appartiene a te ora, fratellino."

Donnie ha sbattuto contro la sua figa fradicia e ha chiesto: "Lucy, so che ti avevo promesso che non avrei mai più chiesto un favore come questo, ma pensi di poter organizzare che mi scopi alcune delle tue sorelle della sorellanza la prossima volta che divento duro? come questo?"

“Donna! Sono tua SORELLA! Mi sono fatto prima il tuffo sul tuo meraviglioso cazzo!”

Storie simili

Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

Capitolo 5 LE PRIME SESSIONI DI MAYIM Laura è andata in bagno verso la fine della giornata di lavoro e ha preso le pillole che le aveva dato il dottor Windred. Le ricordarono quanto fosse stata eccitata quella mattina, una eccitazione che non aveva mai soddisfatto, e per un momento pensò di rinchiudersi in un gabinetto e di sbronzarsi. Ma non si fidava di se stessa per masturbarsi al lavoro senza essere beccata, e comunque Amy le aveva detto di non giocare con se stessa prima di presentarsi in clinica. Quindi ha appena lasciato il lavoro, la sua figa già bagnata...

81 I più visti

Likes 0

Tette enormi

Il mio primo incontro con il sesso è avvenuto quando avevo 14 anni. Per cominciare il mio nome è sara e avevo delle tette enormi per la mia età. Ero praticamente un'adolescente, non mi piacevano molto le cose femminili. amavo e praticavo tutti i tipi di sport. lascia che mi descriva allora, avevo 5'4 115 capelli castani e occhi verdi. avevo un corpo molto femminile con tette 36d. beh, ogni ragazza sa che praticare qualsiasi sport con tette enormi può causare problemi.quindi li odiavo con passione.il giorno in cui tutto è iniziato, sono appena tornato a casa dall'allenamento di calcio e...

393 I più visti

Likes 0

Condiviso con lo sperma: Amanda usata?

Capitolo 1 Rivelato Cumslut Chiunque incontri Amanda pensa che sia una donna molto bella e intelligente con alti standard personali e un atteggiamento serio nei confronti della vita. E lei è quello, ma solo fuori dalla camera da letto! Di media statura, con capelli castani fini e ben arricciati, Amanda ha un corpo attraente e ben proporzionato creato da un'infanzia di nuoto agonistico e atletica leggera, e mantenuto da un interesse adulto per la danza e il netball. Le sue gambe sono proporzionate e ben tonificate, i suoi fianchi ben fatti, la sua vita stretta con una pancia liscia e i...

475 I più visti

Likes 0

Kerri e Angie (Capitolo 2 - Il turno di Mel)

Questo è il secondo capitolo della mia serie. I nomi delle schermate inclusi in questo SONO FALSI. Kerri ed io eravamo migliori amiche ma due sere prima eravamo amanti, entrambi abbiamo vissuto la nostra prima esperienza lesbica. Anche se poteva sembrare che questo avrebbe reso la nostra relazione imbarazzante, ci ha quasi reso più forti per quanto riguarda l'amicizia. Eravamo entrambi così eccitati che quando ci siamo parlati al telefono sabato sera abbiamo fatto sesso telefonico appassionato, parlando dei nostri altri desideri profondi e pianificando la prossima volta che saremmo stati insieme, da soli. Lunedì è arrivato. Ho camminato lungo l'atrio...

422 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

477 I più visti

Likes 0

Cinema_(1)

Sono stato fortunato ad essere giovane negli anni '70 per godermi i cinema di sesso. Avevo 25 anni mia moglie aveva 34 anni sposata e divorziata con 3 figli da uomini diversi. È una bionda con un trucco occhi blu e nero molto aspro.34.24. 36..eravamo nel nord di Londra a fare shopping un sabato. Passammo davanti a un vecchio cinema chiuso che si trasformò in sala bingo e poi tornammo al cinema per i film porno. così, invece di fare shopping, ha comprato una minigonna di cotone attillata giallo brillante e un tubo abbinato. Siamo andati a casa, si è truccata...

431 I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 2, Chapter 10: The Hermaphrodite's Passion

L'harem del ladro Libro due: L'harem malvagio di Rogue Parte dieci: La passione dell'ermafrodita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a B0b e WRC 264 per la versione beta di questo. Capitolo ventotto: Ispirare l'arte cattiva Sven Falk - La foresta di Lhes, Le terre di conflitto di Zeutch La dolce bocca di Nathalie è stata meravigliosa mentre succhiava il mio cazzo per ripulire i succhi della figa di Aingeal, le sue trecce che si riversavano sulle mie cosce. Gemevo, il piacere correva su e giù per il mio cazzo mentre guardavo l'aoi si. Il suo cazzo si...

517 I più visti

Likes 0

Club Gomorra. La saga delle femminucce. Prologo Giorno Zero.

Scorri la tana del coniglio. Mi chiamo Ryan Everest, sono un maschio di 22 anni, il mio colore di capelli è castano scuro, arriva quasi alle spalle, ho gli occhi di colore verde e sono alto poco più di un metro e ottanta, non sono il più dotato ma ne parlerò più in dettaglio più avanti. Da dove comincio... beh, immagino che il posto migliore per iniziare sia il giorno in cui ho incontrato Lady Gomorra... Era solo un altro giorno. Una giornata trascorsa seduta al laptop, saltando da un blog porno Tumblr all'altro. Non riesco nemmeno a ricordare come sono...

462 I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

94 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

683 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.