La morte veste SEMPRE di nero - Capitolo 1

726Report
La morte veste SEMPRE di nero - Capitolo 1

Capitolo 1

L'ombra a forma di uomo nel cortile del vicino dall'altra parte della strada non si era mossa negli ultimi 20 minuti, ma era del tutto possibile che gli occhi di Glenn gli stessero giocando brutti scherzi mentre la sua mente in preda al panico lavorava a tempo pieno sul suo dilemma. Erano passate due settimane da quando il contratto era stato adempiuto dalla gilda degli assassini di Ar e lui doveva ancora inviare loro il pagamento, ovviamente, non lo avevano esattamente cercato nemmeno per il loro oro, ma era ancora estremamente preoccupato. Silas aveva visto cosa succede alle persone che non pagano in tempo; la Gilda ne fa un esempio MOLTO duro e prende anche il loro oro. È sempre saggio non assumere la Gilda a meno che non si sia completamente disperati.

Le scariche radiofoniche crepitavano nell'orecchio dell'uomo mentre osservava la casa dall'altra parte della strada. Sapeva che gli abitanti erano dentro poiché li aveva visti entrare tutti all'inizio della giornata, anche se la casa era completamente buia. Rispose via radio al suo Signore la situazione e continuò ad aspettare nell'ombra mentre il resto della sua squadra si avvicinava alla casa per impedire qualsiasi fuga prima dell'arrivo di Lord Krinn.

Una lunga limousine grigio metallizzato si fermò davanti alla casa e Silas quasi ebbe un infarto, Lord Krinn in persona era qui. La sua infrazione di non aver pagato il contratto doveva essere considerata incredibilmente grave per il futuro stesso maestro della Gilda. Silas ha detto tranquillamente a sua moglie di nascondere Cynthia, la loro figlia di 17 anni, nel vespaio e poi di ricongiungersi a lui. Marla afferrò rapidamente la mano di Cynthia e la trascinò al piano di sopra nella camera da letto principale e aprendo il pannello segreto nell'armadio di suo marito, spinse Cynthia nel vespaio/stanza antipanico che era stata nascosta lì, quindi tornò rapidamente in soggiorno proprio mentre qualcuno bussava al porta d'ingresso. Silas sospirò udibilmente poi accese le luci nella stanza mentre entrava nell'atrio, accendendo anche le luci lì. Infine, accese la luce del portico prima di aprire e aprire la porta d'ingresso e consentire agli uomini lì di entrare.

"Lord Krinn, buona vigilia a te." Marla sentì dire suo marito mentre si chinava verso il primo dei tre uomini che entravano. L'uomo avvertì Silas mentre si toglieva lo spolverino di pelle nera, il secondo uomo in fila lo prese diligentemente dal suo padrone e lo avvolse in modo protettivo sul suo braccio, senza preoccuparsi di rimuovere il proprio spolverino, né l'uomo dietro di lui.

«Silas, mi sei mancato al consiglio la scorsa settimana. Mi aspettavo di vederti e ricevere il pagamento per il lavoro che la mia gilda ha svolto per te. Deve esserti sfuggito di mente... forse hai confuso la data dell'ultimo consiglio?" Lord Krinn rispose con la sua voce profonda e vellutata dopo una completa valutazione dell'uomo che chiamava Silas. Silas rabbrividì al suono della voce di Lord Krinn, la paura visibile nei suoi occhi. Anche Marla rabbrividì, ma per un motivo completamente diverso quando le sue mutandine iniziarono a inumidirsi per l'eccitazione. Quest'uomo trasudava mascolinità e crudo potere sessuale e da tutti gli anni che lei e Silas avevano trascorso nello stile di vita goreano, il suo corpo reagiva automaticamente. Lord Krinn distolse la sua attenzione da Silas e scivolò come un pericoloso predatore nel soggiorno verso di lei, “Ahh Marla, è bello rivederti. È stato cosa? Due anni da quando ci hai onorato in consiglio ai piedi di Silas? le fece le fusa mentre prendeva le sue dita nella sua mano forte e le baciava dolcemente l'interno del polso, annusando dolcemente il suo profumo con una leggera inspirazione mentre le sue labbra le facevano battere il cuore nel petto. Si sentiva stordita dalla lussuria mentre i suoi succhi sgorgavano nelle sue mutandine già umide, il suo cervello urlava che quest'uomo era la morte incarnata e che era a pochi centimetri da lei.

«Sì... Sì, Lord Krinn... due anni, signore. Per favore, ti piacerebbe metterti a tuo agio? Posso offrirti un drink?" balbettò mentre, lentamente ma con cautela, faceva scivolare le dita dalla sua presa per non offenderlo. Lentamente si inginocchiò davanti a lui, guardando i suoi stivali di pelle nera lucidati mentre assumeva la posa di Nadu, il dorso delle mani appoggiato con il palmo in alto sulla parte superiore delle sue cosce lussureggianti, le ginocchia divaricate e la schiena dritta come un asta. Ridacchiò di apprezzamento mentre le passava accanto e si sedeva sulla sedia preferita del suo padrone, Silas incapace di fare nulla perché aveva accolto la morte nella loro casa.

Lord Krinn rifletté per un minuto o due, poi disse con quella voce che le fece venir voglia di gettarsi ai suoi piedi e supplicarlo di usarla a suo piacimento: «Prenderò tre dita di scotch girl. So che Silas ha nascosto un po' di Glen Livet da qualche parte.

Si voltò verso il bar nell'angolo della stanza e strisciò sul pavimento in totale sottomissione a Lord Krinn mentre suo marito osservava dall'ingresso, rannicchiato per la paura e incapace di resistere mentre gli occhi di Lord Krinn lo attraversavano. Dita ghiacciate gli strinsero tutto il petto e pensò che sarebbe stato meglio se il suo cuore fosse esploso in quel momento ponendo fine a quelle che era sicuro sarebbero state ore o giorni di tortura. Improvvisamente, Silas sentì una forte mano sulla sua spalla che lo guidò verso il divano di fronte a Lord Krinn e lo costrinse a sedersi.

Cynthia non riusciva a capire cosa stesse succedendo, sua madre e suo padre erano entrambi visibilmente terrorizzati mentre veniva portata di corsa nel piccolo nascondiglio che era appena abbastanza grande per loro tre, il loro terrore le faceva ribollire la paura nello stomaco mentre aspettava nel buio della stanza del panico.

Marla strisciava sul pavimento in ginocchio; le rocce di vetro si appiattiscono nel palmo di una mano, l'altra lo tiene saldamente per evitare che si rovesci mentre si avvicinava. Abbassando gli occhi ancora una volta sui suoi stivali, gli offrì rispettosamente il bicchiere. Allungò una mano, prendendoglielo dalla mano, notando che si era spogliata nuda quando era al bar per rispetto della sua posizione. Ha valutato il suo corpo nudo lentamente, impressionato dalla sua figura mentre si inginocchiava di fronte a lui, le sue gambe si spalancavano offrendogli la figa. Poteva chiaramente vedere la sua eccitazione dalla lucentezza lucida dei suoi succhi all'interno delle sue cosce. Lord Krinn si sporse in avanti e le sussurrò all'orecchio: "Dov'è tua figlia, Cynthia, piccola?" poi si sedette e sorseggiava lo scotch dal sapore incredibilmente vecchio.

La paura balenò negli occhi di Marla mentre guardava velocemente le scale e poi tornava ai suoi stivali: “Non è in casa, signore. Passare a casa di un amico stasera, Lord Krinn.

Sorrise lentamente al suo debole tentativo di inganno: “Davvero? In una notte di scuola?"

La paura balenò di nuovo nei suoi occhi mentre lui annuiva lentamente a uno dei suoi uomini e suo marito ululava di dolore, un profondo squarcio da coltello nel braccio, il sangue che gli inzuppava rapidamente la camicia. L'uomo vestito di nero di fronte a lei fece scivolare il piede con lo stivale sul pavimento e tra le sue cosce finché la punta dello stivale non toccò il suo sesso tremante e iniziò a strofinare lentamente la punta contro di lei. Sussultò udibilmente mentre guardava il suo stivale iniziare a darle piacere, i succhi della sua figa cominciavano a ricoprire la pelle lucida, la sua mente che girava.

"Dov'è Cynthia, piccola?" le sussurrò di nuovo con la sua voce setosa ei petali del suo fiore femminile si aprirono in risposta, la punta del suo stivale che scavava più a fondo e trovava facilmente il suo clitoride in una manovra ben praticata. Gemeva in risposta mentre la sua figa tremava, ancora più dei suoi succhi fuoriuscivano sullo stivale mentre gemeva debolmente: "Passare la notte a casa di un amico, signore".

Di nuovo, fece un cenno al suo uomo e Silas urlò di nuovo quando un altro squarcio di coltello apparve sullo stesso braccio e si sfregò più velocemente contro di lei, il suo intero corpo cominciava a tremare ora mentre gemiti e ansimi bassi le passavano costantemente sulle labbra, la sua mente si confondeva con il piacere che quest'uomo della morte stava costruendo in lei.



“Silas, dov'è tua figlia? Dimmelo e tutto questo finisce in questo momento senza ulteriori danni a te o a tua "moglie" e il tuo debito è soddisfatto". Disse Lord Krinn mentre premeva più saldamente l'alluce contro il clitoride di Marla e si strofinava più velocemente e un terzo squarcio apparve nel braccio di Silas per portare a casa la dichiarazione.

Piagnucolando per un motivo completamente diverso da sua moglie, Silas balbettò: "È a casa di un amico, signore, proprio come ha detto Marla". E un altro taglio apparve sul suo braccio in risposta all'ovvia bugia.

Al piano di sopra, nella stanza del panico, Cynthia sentì suo padre urlare per il dolore, il suo stomaco che si agitava per la paura e poi ripetutamente mentre suo padre gridava molte altre volte. Le sue dita iniziarono a cercare freneticamente il fermo della porta all'interno della stanza del panico per poter andare dai suoi genitori.

Lord Gronn sentì un leggero scricchiolio provenire da qualche parte mentre si trovava nel corridoio al piano di sopra dopo essere venuto quassù in risposta a Marla che lanciava un'occhiata su per le scale. Sorrise un sorriso stretto quando si rese conto che sarebbe stata un po' una caccia e il suo battito iniziò a reagire in risposta. Chiuse gli occhi e ordinò mentalmente al suo cuore e al suo respiro di calmarsi mentre il suo senso dell'udito si attenuava mentre cercava la fonte del suono.

Lord Krinn bevve il suo scotch in un sorso, il liquido liscio lo scaldava mentre si sporgeva leggermente in avanti sulla sedia. Senza fermare il movimento del suo stivale sul sesso di Marla, allungò delicatamente una mano e le accarezzò la guancia, poi le inclinò delicatamente la testa con un dito sotto il mento in modo che lei lo guardasse negli occhi... i suoi splendidi occhi grigio acciaio, "Dimmi Marla , tua figlia è davvero a casa di un amico?”

Marla gemette in risposta mentre tutto il suo corpo tremava al suo primo orgasmo, facendo sorridere maliziosamente il Lord Assassino di Ar. Impercettibilmente lei scosse la testa in risposta alla sua domanda e lui sorrise ampiamente, sapendo di aver infranto le difese di questo sottomarino e molto facilmente: “Questa è una brava ragazza. Dov'è tua figlia Marla? Nascondersi da qualche parte al piano di sopra?" la sua voce liscia l'eccitava fino alla sua stessa anima mentre la sua mano scendeva lentamente fino al suo seno sinistro pieno e ampio, le dita che stuzzicavano e pizzicavano il suo capezzolo incredibilmente duro.

Marla gemette di nuovo mentre annuiva leggermente, un altro orgasmo già cresceva dentro di lei mentre il suo stivale continuava a lavorare contro il suo clitoride infiammato e le labbra della figa e lui che le tirava il capezzolo diventava più insistente, "Va bene Marla, dimmi il segreto di dove si nasconde .” Sussurrò di nuovo quando sentì suo marito e il suo padrone piagnucolare per il dolore sul divano.

La sua mente nuotava in una pozza di profondo desiderio di compiacere quest'uomo mentre continuava a tormentarla sessualmente in un modo che il suo stesso padrone non era mai stato in grado di realizzare. In uno spazio di quelle che sembravano ore a Marla erano trascorsi solo pochi minuti da quando Lord Krinn era entrato nella loro casa e stava suonando il suo corpo come se stesse dirigendo una sinfonia, portandola rapidamente a un crescendo.



"C'è una stanza di panico, maestro." Balbettò mentre il suo corpo si dondolava in un altro potente orgasmo e fu ricompensata con un altro dei suoi sorrisi di approvazione mentre la sua mano si spostava sull'altro seno, accarezzandolo dolcemente e giocando con il suo capezzolo. Prese atto del suo cambio di titolo nella sua mente, ora possedeva definitivamente questo schiavo se lo desiderava, quindi spinse il suo vantaggio, "Dov'è questa stanza del panico, Marla?" chiese mentre la sua mano scivolava lentamente lungo il suo ventre e riposizionava la punta del suo stivale tra le sue cosce, le sue dita abili e potenti scivolavano facilmente attraverso la sua fessura e spingevano due dita dentro di lei mentre il suo pollice trovava il suo clitoride.

Cynthia poteva sentire dei passi leggeri nel corridoio davanti alla camera dei suoi genitori e ha smesso di cercare l'apertura della porta della stanza del panico, trattenendo il respiro per la paura.



Lord Gronn perse le tracce del suono raschiante mentre camminava lentamente lungo il corridoio al piano di sopra, quindi svoltò nella prima porta alla sua destra, entrando in una camera degli ospiti. Lentamente, metodicamente iniziò a perquisire la stanza e trovò un pannello nascosto nell'armadio. Trovando il rilascio, ha trovato una cassaforte a muro con una serratura a quadrante. Appoggiando leggermente l'orecchio contro la porta, iniziò a girare il quadrante ascoltando i clic della serratura, prendendo nota delle loro posizioni sul quadrante. Una volta che ebbe la combinazione fissata nella sua mente, aprì rapidamente la cassaforte. Dentro trovò diverse borse di Gorean Golden Marks, anche se non sufficienti per pagare la loro quota, fu un inizio e le prese, lasciandole cadere nelle tasche del suo spolverino di pelle.

Silas giaceva sul divano, piagnucolando per il dolore, l'intera manica destra della camicia intrisa di sangue dalle dozzine di tagli profondi ma non fatali nel braccio. Non riusciva a credere che Marla stesse dicendo a Lord Krinn dove si trovava la loro figlia e lo avesse persino chiamato "Maestro". Il tradimento che sentiva da lei gli causava ancora più dolore dei tagli al braccio. Sottovoce, l'assassino che lo aveva torturato gli disse all'orecchio: "L'intero calvario può finire in questo momento Silas se dici a Lord Krinn quello che vuole sapere". Quindi l'uomo, supponendo che la risposta fosse di nuovo "No", afferrò Silas per i capelli e lo tirò di nuovo in posizione seduta e gli tagliò il braccio sinistro con il pugnale estremamente affilato in mano, facendolo urlare di nuovo dolore.

Rapidamente Lord Krinn spinse le sue dita profondamente nel suo sesso caldo e liquido mentre il suo pollice girava sul suo clitoride, costruendo la sensazione in profondità in lei mentre spingeva il suo vantaggio su di lei. In lontananza, Marla sentì suo marito strillare, il cui timbro la riscaldava ancora di più mentre gemiti e sussulti continuavano a scivolare dalle sue labbra: "È... ahh... in Silas'... (gemito)... maestro del guardaroba". La sua voce implorò come se chiedesse un altro orgasmo.



La radio crepitò nell'orecchio di Gronn quando la voce del suo Signore giunse attraverso il collegamento informandolo che la stanza del panico era nell'armadio di Silas nella camera da letto principale. Gronn finì rapidamente quello che stava facendo nella stanza degli ospiti e mentre si girava per allontanarsi dalla cassaforte a muro, notò una piccola scatola incastonata nell'angolo della cassaforte. Raccogliendolo, lo aprì con cura e sussultò per quello che c'era dentro. Rapidamente chiuse la scatola e la ripose con riverenza nel taschino interno del suo spolverino, quindi si trasferì rapidamente nella camera da letto principale e nell'armadio di Silas.



Cynthia sentì suo padre urlare di dolore dal piano di sotto, poi sentì dei passi avvicinarsi rapidamente al suo nascondiglio. Non poteva credere che suo padre le avesse detto dove si nascondeva, ma la paura di essere scoperta era come la bile in gola quando iniziò a farsi prendere dal panico.

Il Lord Assassino conficcò un terzo dito in Marla mentre le strofinava il clitoride più velocemente, l'altra mano allungava la mano e le tirava rudemente i capezzoli, allungandoli lontano dal suo corpo mentre i suoi succhi gli inzuppavano la mano e il suo corpo vibrava come le corde di una chitarra pizzicata poiché è venuta per la terza volta in altrettanti minuti. Lui allontanò la mano dal suo sesso e lasciò andare i suoi capezzoli mentre lei gemeva per la perdita, desiderando nient'altro che che questo uomo mortale la toccasse di nuovo, la esplorasse di nuovo e la facesse venire di nuovo.



"Brava ragazza Marla." Sussurrò mentre portava la sua mano sulle sue labbra morbide e ansimante e prendendo avidamente la sua mano tra le sue, iniziò a pulirgli i succhi di dosso con la lingua e le labbra, assicurandosi di ottenere ogni goccia della sua essenza. Una volta che la sua mano fu completamente pulita, si lasciò cadere sullo stivale, il suo culo formoso sporgeva in alto mentre iniziava a pulire i succhi di asciugatura dallo stivale, lucidando la pelle con la lingua.

Silas la fissò attraverso una foschia di dolore mentre raccontava a Lord Krinn del nascondiglio delle loro figlie, poi la guardò scioccata mentre si puliva non solo la sua mano ma anche il suo stivale. Il suo intero mondo crollò su se stesso quando si rese conto che tutto ciò per cui aveva lavorato nel mondo goreano si stava rapidamente sgretolando intorno a lui. Non solo aveva perso la sua schiava, ma avrebbe perso anche sua figlia a causa del suo avido desiderio di andare oltre il destino consentito in questo mondo.

Le dita di Gronn hanno cercato il fermo sul pannello segreto, usando la sua esperienza da quella sulla cassaforte nella camera degli ospiti lo ha aiutato a trovarlo rapidamente. Tirò il fermo e il pannello si aprì silenziosamente, rivelando la stanza del panico e il tesoro all'interno.

Cynthia sentì dei passi avvicinarsi all'armadio e poi fermarsi proprio davanti al pannello che la nascondeva nella stanza del panico. Poteva sentire la persona dall'altra parte che cercava attivamente di aprire il pannello e poi inaspettatamente si aprì per rivelare uno strano uomo che la guardava. Squittì in preda al panico e cercò di addentrarsi più in profondità nella stanza del panico mentre la sua mano si allungava e afferrò una manciata dei suoi lunghi capelli color corvo, trascinandola fuori dal nascondiglio e costringendola a stare in piedi, trascinandola fuori nella stanza in modo che potesse ispezionare il suo premio.


Mentre Marla puliva il suo stivale, Lord Krinn sentì uno strillo dal piano di sopra che indicava che Gronn aveva trovato il suo pagamento e poi dei passi sulle scale mentre Gronn la trascinava di sotto. La prima vista di Krinn su di lei è stata mozzafiato, i suoi lunghi capelli color corvo erano in netto contrasto con la sua pelle lattiginosa, il suo corpo era lussureggiante, i grandi seni si allargavano per poi dimagrire fino a una vita stretta, quindi il suo corpo si allargava di nuovo all'anca e le sue lunghe gambe muscolose . Questa visione di bellezza provocò una potente eccitazione della sua virilità... qualcosa che sua madre non era stata in grado di realizzare nemmeno completamente nuda e sottomessa. La sua mente vagò mentre la guardava, immaginando la sua potente mano avvolta intorno alla sua vita minuscola mentre le martellava il cazzo dentro. Lentamente iniziò a sorridere alla ragazza che lottava, facendole gelare il sangue, poi guardò Silas e disse: “Pagamento per intero Silas. Grazie mille."



Mentre Cynthia veniva trascinata giù per le scale, osservava rapidamente la scena... suo padre seduto sul divano, la camicia bianca intrisa di quello che doveva essere il suo sangue su entrambe le maniche... sua madre nuda e piegata, leccava lo stivale dell'uomo seduto sulla sedia del padre, il culo e la figa in bella vista per chiunque la guardi... L'uomo in piedi dietro il padre e leggermente a sinistra, un pugnale dall'aspetto malvagio in mano, coperto del sangue di suo padre... e infine l'uomo sulla sedia del padre, che si alza lentamente ai suoi piedi vestito con un abito nero su misura, camicia di seta bianca, cravatta di seta rossa e alto al ginocchio, stivali da equitazione di pelle nera. Il suo potere si irradiava attraverso la stanza, e anche lei, per quanto inesperta, poteva sentirlo e la cosa la turbava profondamente. Poi ha sentito le parole che hanno mandato in frantumi il suo mondo…” Pagamento integrale. Grazie mille." a suo padre. Poi fece cenno all'uomo che la teneva di portarla fuori e la portò fuori dalla porta.

Lord Krinn si alzò e si allontanò da Marla, facendola alzare lo sguardo vergognandosi della sua reazione nei suoi confronti, vedendo brevemente lo sguardo sul viso di sua figlia prima che fosse trascinata fuori di casa da Lord Gronn. Si mise la faccia tra le mani e pianse piano mentre si inginocchiava sul pavimento, poi sentì parlare il Re Assassino mentre recuperava lo spolverino e se lo stendeva sul braccio: “Dalest, uccidi Silas come punizione per il suo mancato pagamento. Tu e il resto degli uomini fuori potete fare a modo vostro con Marla... fatene un'impressione duratura e poi tornate alla fortezza quando avete finito. Usala e contrassegnala come desideri, ma lasciala in vita. Poi uscì di casa a grandi passi, dirigendosi verso la sua limousine in attesa. L'ultima cosa che ricordava chiaramente era il gorgoglio di Silas quando l'assassino di nome Dalest gli tagliò la gola prima di sentire diverse paia di mani sul suo corpo...

Storie simili

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

993 I più visti

Likes 0

Il mio sexy compagno di ufficio - III

Non potevo togliere Vathsala dalla mia mente. Non era una reginetta di bellezza come ho detto prima, ma era decisamente attraente e sexy. Ora che ho avuto due incontri con lei, tutti molto erotici e sensuali, ha occupato totalmente il mio mondo. E mi doveva per quello che aveva l'ultima volta quando ero bloccato sotto il suo tavolo e non l'ho dimenticato. Vathsala mi ha evitato per i giorni successivi a quell'incidente, e io ero piuttosto arrabbiato per l'intera faccenda. 'Cosa le ho fatto di male?' Mi sono sempre chiesto. Ma non fino a quando non ho colto per caso quel...

929 I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

920 I più visti

Likes 0

Come rompere il tuo moccioso Cap. 1

La relazione di Tyrone ed Emma è iniziata online. Si sono incontrati su un sito di avatar ed erano entrambi molto interessati alle idee stravaganti. Una relazione è andata subito d'accordo, ma non è mai stata stabile. Poche settimane dopo l'inizio della relazione, Emma è scappata. Come mai? Era perché Tyrone era troppo dispotico? Era perché non era abbastanza bravo? Sembrava pensarlo per mesi. Fino a quando non si sono incontrati di nuovo online e hanno ripreso una relazione. Ma, come raffigurato dall'orologio, è scappata ancora una volta. Tyrone era sconvolto e triste perché è scappata di nuovo. Si incolpò ulteriormente...

914 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

791 I più visti

Likes 0

Mia moglie non sapeva che mi ha reso ricco

Mia moglie non sapeva che mi ha reso ricco da vivoinpr Le mie storie non riflettono necessariamente le mie inclinazioni, desideri, desideri o fantasie personali. Per favore, leggi e goditi questo scritto di fantasia. Charles e Anna Woods vivevano una vita semplice della classe media. L'impiego di Charles pagava uno stipendio sufficiente, quindi Anna non doveva lavorare. Sono sposati da tre anni e sembravano essere una coppia felicemente sposata. Charles guidava un'auto vecchia di dieci anni che è stata ripagata e l'unico debito in sospeso era il loro mutuo. Charles immaginava sua moglie come una moglie trofeo poiché poteva girare la...

753 I più visti

Likes 0

Morte per fottuto cap. 14

L'anno cinque La storia di Andrea È il database che è importante. Avevo insegnato agli idioti a programmare a partire da quando avevano tre anni. Sono molto più intelligenti di me. Tre anni erano troppo piccoli per imparare a programmare? Non credo. Ho fatto il progetto iniziale del sistema, ma presto lo consegnerò anche a loro. Ammettiamolo, quando i cervelli sono svenuti in questa famiglia, io ero l'ultimo della fila. Comunque il loro incarico recentemente è stato quello di costruirmi un firewall. Ho un piano. È un buon piano e ne sono orgoglioso. La mia teoria è che tra non molto...

657 I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

664 I più visti

Likes 0

Corteggiare un vampiro 7

Di: StormHerald Capitolo 7 Ho ballato la maggior parte della notte, facendo solo una pausa per l'acqua o l'aria fresca con i tre Lycan. Si sono scambiati me e Damien intervenne solo altre due volte prima che mi monopolizzassero del tutto. Esso Era passata la mezzanotte quando ho sventolato la bandiera della resa e gliel'ho detto che ero esausto. Risero e passarono monete a William prima di farmelo sapere erano accampati nella foresta e sarebbero tornati verso domani pomeriggio. Li ringraziai e li guardai allontanarsi la sala da ballo e subito fuori dal balcone. Mia zia era al mio fianco il...

607 I più visti

Likes 0

Il wrestling ci ha fatto iniziare....

Quando avevo 18 anni avevo un amico intimo con cui uscivo tutto il tempo. Il suo nome era Davide. Anche se entrambi eravamo interessati alle ragazze e all'epoca avevamo amiche fisse, abbiamo trascorso molto tempo insieme e siamo riusciti a finire con qualche sperimentazione sessuale l'uno con l'altro. La prima volta che abbiamo fatto qualcosa, stavamo scherzando sulla dimensione del cazzo e continuava a insistere che era più grande del mio. Ci eravamo visti i cazzi l'uno dell'altro e il suo sembrava essere uguale al mio. Ma ha affermato che è diventato molto, molto più grande quando è diventato difficile. Ha...

657 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.