Assistenza medica

1.5KReport
Assistenza medica

Il primo segno è stato il dolore.

Non era tutto il tempo, lo colpiva in momenti diversi durante la giornata. Una specie di pulsazione e dolore che aumentava e gradualmente diminuiva. È iniziato qualche anno fa, dopo che aveva lasciato la chiesa.

Quando il pastore era stato sorpreso a sbattere il direttore del coro dopo ore, Derek James aveva finalmente visto la luce, per così dire. In tutti questi anni, crescendo in chiesa, la gente gli diceva che il sesso era brutto, che non dovevi toccarti, che aspettavi il matrimonio e restavi fedele a tua moglie. Ebbene, se il pastore non poteva farlo, chi potrebbe farlo?

Tenne per sé il suo malcontento per un po', ma poi iniziò a notare quanti soldi chiedevano e con quale frequenza, e pensò a quanto fosse elegante la chiesa e a come il pastore guidasse ancora un caddy e avesse un orologio d'oro nonostante della sua presunta disgrazia. Si è insinuato su di lui e alla fine se ne è andato.

È stato un sollievo più che altro. Ma non c'era sollievo per una cosa. Quello era il dolore. Gli attraversava l'inguine ed era alleviato solo dai suoi sogni occasionali di donne, con le quali non sapeva affatto come relazionarsi. Derek amava le donne, ma non sapeva cosa dire loro.

Quindi non ha detto niente. Rimase nel suo cubicolo al lavoro e cercava di non pensare a Debbie la receptionist, con i suoi capelli biondi rossi e il seno voluttuoso, o a Kaniesha che lavorava in Contabilità con il suo culo perfettamente rotondo che rimbalzava quando camminava, o a Lena in Shipping con lei corpo muscoloso e abbronzato, la sua risata bassa e roca e le sue labbra che fanno vergognare Angelina Jolie. Ma li sognava, spesso, e si svegliava per trovare un pasticcio nel letto e pensieri che non sapeva come gestire gli turbinavano nella testa. E poi il dolore sarebbe scomparso, per un po'.

Non riusciva ancora a masturbarsi. Si sentiva sempre come se qualcuno lo stesse guardando.

E ora c'era il dolore. Proprio qui." Dove l'unica volta che si toccava era lavarsi.

Il giorno in cui è dovuto rimanere a casa dal lavoro a causa del dolore, Derek si è spaventato e ha chiamato il dottore. Non aveva scelta di medici a causa del suo piano assicurativo e dopo 45 minuti al telefono è stato finalmente indirizzato da un dottor Farren come suo medico di "assistenza primaria". A quel punto non gli importava se fosse il dottor Frankenstein o il dottor Lecter, purché potessero liberarsi del dolore.

Sulla strada per l'ufficio del dottor Farren visualizzò cose orribili, una specie di terribile problema, qualche malattia rara o robaccia strisciante che stava distruggendo la sua virilità, anche se pensò amaramente al fatto che, dato che non lo usava comunque, non fare differenza.

L'ufficio era bianco e pulito e la sala d'attesa era piena di Persone. La rivista, appunto. Insieme a Sports Illustrated e Woman's Day e piccoli opuscoli con titoli allegri come "Come affrontare la tua anchilosi spondilitica" e "Cosa fare contro la prassitelite edematosa" e "Come affrontare la tua condrite pilorica". Nessuna delle riviste era più recente del 2003 e non voleva azzardare i libretti; la sua ipocondria era già in marcia.

L'infermiera lo chiamò nella stanza degli esami e lui aspettò. Il dottor Farren si presentò e gemette dentro di sé. Una donna. Avrebbe dovuto dire a una donna di questo... dolore.

Era amichevole ma professionale. "L'infermiera mi ha detto che hai dolore nella zona inguinale", ha detto. "Se vuoi che un medico di sesso maschile ti esamini, penso che possiamo provvedere a questo, se ti senti più a tuo agio?"

"N... No!" ha detto Derek. Per quanto imbarazzante fosse per una donna guardare il suo... sai... sarebbe anche peggio se lo facesse qualcuno. "Penso di poter farcela, um, sai?"

«Va bene», rispose il dottor Farren. C'era silenzio nella stanza. Lei lo guardò. La guardò. Passò un momento. Poi un altro.

"Sig. Giacomo?" disse dolcemente. "Non posso esaminarti con i vestiti addosso."

"Oh, giusto, giusto", disse. Sono un perfetto idiota, pensò. Si è spogliato rapidamente mentre lei prendeva appunti di qualche tipo. Poi si sedette sul lettino, che era freddo come il ghiaccio. Alzò lo sguardo e immediatamente la sua fronte si corrugò.

Derek si sentiva male. Lo sapeva. Questa era una malattia orribile.

"Sig. James", ha detto il dottor Farren, "posso vedere da qui che devi soffrire molto".

“Sì,” disse. MA DA COSA! Gridò mentalmente. Che malattia orribile ho?

"Questo è il caso più avanzato di Puteulanus Orbis Res che abbia mai visto", ha detto. "Hai mai eiaculato?"

Derek è morto ancora di più dentro. "No", disse. "Io solo... ehm... no."

"Niente fidanzata o fidanzato?" lei disse. “Nessuna vita sessuale di cui parlare? Nemmeno la masturbazione?"

“No,” disse con totale infelicità.

"Questo lo spiega allora", ha detto. "Il dolore proviene da una completa non emissione di materiale spermatozoico, apparentemente risalente all'adolescenza". Ha maneggiato con cautela le sue palle, che erano viola ed enormi. Con suo totale imbarazzo, Derek ebbe immediatamente un'erezione. Combinato con il dolore, questo non è stato il suo giorno migliore. In realtà, voleva morire. Ancora.

Ha esaminato i suoi genitali. La sua mano liscia scivolò sulla sua erezione. Era la sua immaginazione o era un po' troppo familiare? No, non potrebbe essere. In realtà non l'ha accarezzato e spremuto, vero? Cercò di toglierlo dalla sua mente terrorizzata. «Davvero una buona reazione», disse la dottoressa Farren, quasi tra sé. "Eccezionale fisiologia urogenitale". Derek pensava che stesse immaginando le cose, ma sembrava quasi un po' malinconica.

Il dottor Farren fece un passo indietro. "Sig. James", ha detto, "Ho un trattamento che potrebbe offrirti un po' di sollievo, ma a questo punto è piuttosto sperimentale. Tuttavia, poiché questo è un caso estremo, dobbiamo fare qualcosa, altrimenti questo dolore potrebbe non andare via. Sicuramente peggiorerà, in effetti".

Le palle di Derek facevano ancora male e anche la sua erezione gonfiata ora faceva male. «Qualsiasi cosa, per favore» disse. “Voglio solo sentire qualcosa oltre a questo dolore. Ho il cancro?"

«No» disse il dottor Farren. “Hai il peggior caso di Puteulanus Orbis Res che abbia mai visto in vita mia, e se non facciamo qualcosa questo pomeriggio, non si può dire cosa accadrà. Ma abbiamo qualcosa per questo. Fammi chiamare l'infermiera Bucksam. È stata addestrata con il nostro nuovo dispositivo ed è molto brava con questo genere di cose. Possiamo averla qui in 10 minuti".

"Comporta... aghi, o taglio o altro?" Derek squittì.

«Niente affatto» disse il dottor Farren con voce rassicurante. "Non esiste una procedura invasiva e fornirà un sollievo completo, te lo posso assicurare."

"La mia assicurazione lo copre?" ha detto Derek. Il dolore era incredibile. Non poteva credere di aver fatto quella domanda. Si rese conto dopo averlo detto che non gli importava più se gli costava lo stipendio dell'intero anno.

"Sì", ha detto. "Fammi chiamare l'infermiera, posso dire che stai soffrendo."

"Fallo", disse Derek. "Qualsiasi cosa."

I 10 minuti trascorsero come l'eternità mentre si copriva con un lenzuolo nella fredda stanza degli esami. La sua erezione, ovviamente, si rifiutava di andare via. Pensò a sua nonna, pensò al baseball, pensò al fegato e alle cipolle, e i suoi pensieri tornavano ancora alla mano molto liscia e femminile del dottor Farren che lo toccava. E il suo cazzo si è gonfiato di nuovo.

Dopo qualche milione di eoni, la porta si aprì cigolando e vide una giovane infermiera portare qualcosa nella stanza che era coperta da una coperta. Si chiuse la porta alle spalle.

"Sig. Giacomo?" lei disse. "Sono l'infermiera Bucksam."

Aveva circa 25 anni ed era bionda, con i capelli raccolti in modo efficiente, indossava uno scrub che non poteva affatto nascondere la sua incredibile figura. Questo non ha aiutato. Il cazzo di Derek si è gonfiato sotto il lenzuolo. "Ciao", riuscì a dire.

"Sei il signore con la sindrome di Puteulanus Orbis Res?" disse comprensiva.

"Penso che sia quello che ha detto il dottor Farren", ha risposto Derek. "Che diavolo significa?"

«Oh», disse l'infermiera Bucksam. "Beh, in termini non medici significa palline blu."

Il cervello di Derek tornò di corsa al liceo. Aveva sentito il termine lì. Semplicemente non sapeva cosa significasse. Era stato troppo impegnato nel Young Christian Chess Players Group.

L'infermiera Bucksam vide l'espressione della sua faccia. "Sig. James, non è così insolito,” disse confortante. “Non vediamo spesso un caso così avanzato, ma non è fatale. Di solito le persone trovano una soluzione da sole, ma sembra che tu abbia solo bisogno di un po' di assistenza aggiuntiva".

Ha tolto il coperchio della macchina. Ciò che Derek vide era una scatola grigia quadrata con una serie di manopole e un interruttore, con due tubi flessibili che uscivano di lato. "Questo è il cilindro", disse, indicando un tubo di plastica nell'altra mano. Il tubo sembrava avere un rivestimento in gomma e un piccolo anello nero alla base, con due capezzoli sulla parte superiore del cilindro pronti per essere attaccati ai tubi.

Derek non aveva idea di cosa stesse succedendo. "Non voglio essere stupido, ma cosa..."

Sorrise rassicurante mentre prendeva i tubi di plastica, li portava alla punta del cilindro e iniziava a infilarli al loro posto.

"Signor James, devi davvero essere prosciugato. Utilizzeremo il nostro nuovo dispositivo su di te, una macchina progettata per alleviare casi avanzati di palline blu come le tue nel modo più naturale possibile".

“Il tuo pene sta per sperimentare The Milker. È una macchina originariamente sviluppata per l'uso nelle cliniche dello sperma. È progettato per avere un uomo che eiacula pesantemente in un periodo di tempo relativamente breve, il che è importante in casi di emergenza come il tuo. Fornisce inoltre all'operatore un accesso illimitato ai testicoli del donatore durante la sua mungitura, il che è molto importante quando vogliamo estrarre molto sperma".

"Oh", disse Derek. La verità era che il solo sentirla parlare di ciò lo teneva duro come una roccia.

"L'unico problema", ha detto, "è che dovremo trattenerti, per impedirti di fare movimenti che disturberebbero la macchina. Molti uomini sperimentano movimenti involontari o cercano di afferrare il cilindro, ma devi lasciare che la macchina faccia il suo lavoro. Sei disposto a essere trattenuto?"

Gli occhi dell'infermiera Bucksam brillavano mentre menzionava le restrizioni. Derek credeva quasi che le piacesse, ma ricordò a se stesso che, dopo tutto, era una professionista medica preparata e doveva sapere cosa stava facendo. "Qualsiasi cosa per sbarazzarsi del dolore", ha detto. "Sì."

L'infermiera sorrise. "Grazie", disse. "Ora allunga le braccia e le gambe". Derek lo fece, e lei abilmente lo abbracciò, le braccia distese lungo i fianchi e le gambe divaricate. «Prova a muoverti», disse lei con voce affannosa. Ci ha provato e non ci è riuscito. «Molto bene», disse, un po' troppo entusiasta per essere professionale. "Non possiamo avere questo qui, però", ha continuato, e ha rimosso il lenzuolo dalla parte centrale di Derek. Il suo cazzo si protendeva in aria, con le sue palle pesanti che cadevano sotto. L'infermiera Bucksam fece scorrere la mano sul suo cazzo, circondandolo con le dita. "Solo misurando", ha detto. "Sembra davvero che tu abbia una sana fisiologia del pene." Derek rabbrividì.

L'infermiera ha lubrificato il cilindro con un po' di gelatina. Fece scivolare il dispositivo sul suo cazzo, lentamente, e lui sussultò; sembrava liscia e invitante, come una bocca bagnata. Ha cominciato a diventare più difficile. L'infermiera gli sorrise confortante. O era solo un po' selvaggio? La testa di Derek stava girando.
"Non preoccuparti", disse. "Fammi solo regolare correttamente." Girò un anello nero attorno alla base del mungitore, e lui lo sentì bloccarsi in posizione attorno alla base del suo cazzo con un piccolo sibilo.

Soddisfatta che il tubo fosse ben fissato, l'infermiera si girò di lato e appoggiò il dito su un interruttore. "Quando premo questo interruttore, il tuo pene sperimenterà una stimolazione progettata per portarti al punto in cui eiaculare in modo massiccio, il che allevierà l'accumulo nei tuoi testicoli". Il cervello di Derek era quasi completamente isolato, tra la sensazione di sollievo del cilindro sul suo pene e la figura dell'infermiera, ma riuscì a pensare che sembrava che si stesse divertendo un po'.

"Ti massaggierò i testicoli mentre ti mungono", ha continuato, "e quando vieni, è la nostra procedura per spremere i testicoli del soggetto, in modo da far uscire tutto l'eiaculato. Semplicemente rilassati." Gli sorrise di nuovo. “Non sarà doloroso. In realtà, tutto il contrario». E con questo, l'infermiera Bucksam ha premuto l'interruttore.

All'inizio non sentì nulla, ma sentì un ronzio. La macchina stava accumulando la sua aspirazione. Cominciò in modo quasi impercettibile, succhiando dolcemente a un ritmo accuratamente programmato, salendo e scendendo lungo la lunghezza del suo cazzo. La sensazione era incredibile, quasi un vortice, ma allo stesso tempo si stringeva forte.

Guardando in basso, vide l'infermiera sorridere in modo disarmante, mentre cercava il suo pacco gonfio e impotente. Afferrando delicatamente, gli strinse delicatamente le palle, una in ogni bella mano. Poi si girò e girò una manopola.

La macchina è diventata insistente. Pulsando, succhiando, attirando deliberatamente i suoi più profondi istinti animali, inviava ondate di sensazioni su e giù per il suo cazzo, stimolandolo, portandolo alla sua piena dimensione, salendo e scendendo. La sensazione di suzione era fantastica. Eppure non c'era nessun rumore, solo il lieve ronzio della macchina e la voce comprensiva dell'infermiera. Abbassò lo sguardo per vedere la macchina che accarezzava il suo cazzo, tirandolo e succhiandolo, mentre l'infermiera osservava la procedura con approvazione.

Con quel bel sorriso comprensivo, ha detto: "Signor James, molti uomini hanno bisogno di stimoli visivi per aiutarli a eiaculare rapidamente. Vuole che me lo tolga?" Si limitò a gemere, sentendola rilasciare le sue palle. La osservò mentre si sfilava il top, rivelando un reggiseno rosa di pizzo che tratteneva a malapena un paio di seni che superavano quelli che aveva mai visto. Il rigonfiamento della sua abbondante scollatura era devastante. L'intricato picchiettio di pizzo del suo fragile reggiseno rosa lo aveva ipnotizzato. Ha notato il suo cazzo gonfiarsi ancora di più nel cilindro di aspirazione. "Mio, mio, questo sembrava aiutare", disse scherzando. Sentì l'infermiera ricominciare a massaggiargli le palle, accarezzando delicatamente la parte inferiore dei suoi dadi gonfi. "Questi sono terribilmente grandi, signor James - dovresti esserlo ringraziandomi per averti sollevato da un carico così pesante!” Si rese conto di essere impotente e la macchina lo stava spingendo a un inevitabile orgasmo. La visione dell'infermiera tettona che aspettava il suo sperma non era d'aiuto, e si sentì cedere all'insistente succhiare e carezze della macchina e all'evidente fascino dell'infermiera.

"Ahhh... eccoci qui Mr. James." Sentì la prima contrazione delle sue palle e iniziò a spingere la parte piatta del palmo verso l'alto, sollevando e premendo contro il suo sacco gonfio. "Riesco a sentire le tue palle che si stringono. Smettila di trattenerti - lascia che il Milker si prenda il tuo carico", disse con tono lusinghiero. "Ti sentirai molto meglio." Continuò a massaggiare con simpatia il suo enorme sacco.

La suzione della macchina era insistente, spingendolo sempre più vicino. Gli occhi del signor James saettarono tra i seni incredibilmente sexy dell'infermiera, il suo reggiseno e la scollatura liscia e profonda che creava, e la delicata catena d'oro che penzolava lì. Era oltre il punto di controllo. Sentì i suoi testicoli sollevarsi, stringersi ulteriormente.

Rilasciò la presa sulle sue palle ancora una volta. "Forse hai bisogno di un po' più di stimolazione visiva", ha detto, e con un'ondulazione morbida, si è tolta il reggiseno. I suoi grandi seni rosa si rovesciarono, ondeggiando leggermente mentre lasciava cadere il reggiseno sullo sgabello da esame. I suoi capezzoli castani spiccavano nell'aria fresca della stanza. "Là. È un aiuto?" Tutto ciò che Derek poteva fare era annuire.

Si chinò con un sorriso furbo e iniziò a massaggiargli di nuovo i testicoli mentre il cilindro cadeva sul suo pene e poi lentamente si tirava su, succhiando il suo cazzo. "Non essere timido, signor James, prosciugo gli uomini come te tutto il tempo. È così normale eiaculare, ed è così bello, e ti darà così tanto sollievo." La sua voce era un po' roca? "Ti sentirai così bene quando sborrerai", disse in modo allettante. "Così bene".

Continuò a fissare i suoi seni enormi e il sorriso confortante. Dopo 2 o 3 lente spremute, iniziò a contrarsi disperatamente contro i suoi vincoli, e sgorgò nel recipiente trasparente con un gemito mentre tirava il suo cazzo all'orgasmo. "Oh sì, ci siamo!" disse con un sorriso. Tirando con decisione, procedette a picchiettare leggermente e massaggiare le sue noci con le mani. "Le palle grandi diventano così strette quando vengono!"

Si sgroppava e sgorgava, riempiendo il recipiente di pompaggio ancora e ancora, e ad ogni scatto, la macchina spazzava via efficacemente il suo sperma nel tubo trasparente. Non c'era più alcun dubbio che l'infermiera Bucksam apprezzasse il suo lavoro: "Sborra per me! Sì, è così, è così!" ringhiò. “Sborra per la tua infermiera. Sborra ora!" Ha continuato a massaggiare e sculacciare le sue palle gonfie, e lui lo ha fatto. La macchina continuò per quello che doveva essere un minuto intero, tirando fuori un flusso di schizzi costanti, ciascuno elogiato. "Bravo ragazzo, bravo ragazzo", fece le fusa mentre lui sgorgava e ansimava. Il suo corpo era completamente fuori dal suo controllo e tutto ciò che poteva vedere erano le stelle. E le tette dell'infermiera, che, riuscì a pensare, erano le tette più divine di sempre. Il che lo fece scattare ancora di più, riempiendo di nuovo il tubo.

Quando finalmente smise di venire, l'infermiera guardò un uomo completamente esausto. "Abbiamo finito di venire, signor James?" chiese con approvazione. Continuava a massaggiargli le palle. Tra i colpi insistenti della mungitrice, ansimava: "Penso che tu abbia capito tutto". Ha rilasciato le sue palle con una mano mentre l'altra ha spento la macchina. "Il dolore è passato?" ha chiesto. “Sì,” riuscì Derek, mentre faceva scivolare via il tubo dal suo cazzo. È venuto via con un leggero schiocco.

"Ecco ora", disse. Si rimise velocemente il reggiseno e si fece scivolare il top scrub sopra la testa, e ancora una volta sembrò professionale. «Non era poi così male, vero? Ora pulisci e quando sei pronto, vieni alla scrivania e compila alcune scartoffie. Ti prenotiamo di nuovo per la prossima settimana?" Si sporse in avanti e sussurrò: "Non vedo l'ora!"

Storie simili

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

617 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

466 I più visti

Likes 0

La mia presentazione_(0)

Ciao, ora ho 54 anni e vorrei raccontarti la mia storia di vita. Quando avevo sette anni, fui messo in un orfanotrofio dal tribunale. Non che io abbia fatto qualcosa di sbagliato, è dove i miei genitori che hanno perso la custodia su di me e due fratelli. Quella volta non lo sapevo, ecco perché desideravo tornare a casa. Quindi sono scappato abbastanza regolarmente. Fu diversi anni dopo che seppi la verità. Comunque, a causa della mia abitudine di scappare a volte, sono stato in diversi orfanotrofi. Là dove buoni e cattivi da loro. Già abbastanza giovane (8 o 9 anni)...

842 I più visti

Likes 0

Stordimento commemorativo, seconda parte

In circostanze diverse, avere Joe tra le mie gambe sarebbe stato un paradiso. Ma con Keith e Rob che si tenevano un braccio e una gamba ciascuno e il puzzo di birra ed erba nell'aria che veniva fuori da loro, era come un incubo diventato realtà. Cerco di allontanarmi dalle labbra di Joe mentre si muove per baciarmi la figa, solo che lui mi afferra per la vita e mi tira sulle sue labbra. Quando le sue labbra toccano le mie labbra esterne, tremo per il suo respiro caldo che tocca la mia pelle fredda. La sua lingua segue le mie...

516 I più visti

Likes 0

Harry Potter Adventures: Capitolo 4 - Parte 2 di 3 - La ricompensa di Ron

Questa storia non riflette gli atteggiamenti oi personaggi della serie di Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 4 – parte 2 Harry, Ginny, Katie e Demelza sono entrati tutti nella sala comune di Grifondoro per trovare le celebrazioni della festa in pieno svolgimento. La stanza era buia tranne che per le luci brillanti che emanavano dalle punte delle bacchette delle persone, mentre le agitavano come bastoncini luminosi. La musica suonava ad alto volume dallo stereo e qualcuno era andato nelle cucine e aveva portato da bere alla festa. Eccitate ragazze del 4° anno ballavano sui tavoli mentre erano...

1.7K I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

1.5K I più visti

Likes 0

La mamma ha beccato me e papà

Sono un giornalista investigativo per un giornale di medie dimensioni nello stato della California. Scrivo anche storie freelance per varie riviste. Quindi sono sempre alla ricerca di storie di interesse umano. Conoscevo una storia che mi affascinava, accaduta diversi anni fa. Era stato pubblicato solo su articoli di giornale, ma sentivo che avrei potuto vendere un articolo a riguardo. Ma per essere pubblicato richiederebbe un resoconto scritto con estrema attenzione. Alcuni anni fa un uomo nella mia città natale è stato condannato a diversi anni di carcere per rapporti sessuali illegali con la figlia minorenne. Il suo nome non è mai...

482 I più visti

Likes 0

Il dispositivo di controllo mentale Breve: brama di pompino della madre

Il dispositivo di controllo mentale in breve Voglia di pompino della madre Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto questo beta! Dean Michaels sedeva sulla panchina del parco, digitando sul suo laptop, il suo dispositivo di controllo mentale seduto accanto a lui. Stava per testarlo per la prima volta. Entrò il primo comando. e tutti quelli che avevano meno di diciotto anni cominciarono a lasciare le vicinanze. Aveva viaggiato lontano da casa sua per testare il dispositivo. Guidato per due ore in modo che non ci fosse alcuna possibilità che qualcuno qui intorno lo...

1.2K I più visti

Likes 0

LA MIA PRIMA AFFARE SERIA - PARTE 1

All'età di 13 anni ho subito un'operazione per rimuovere un tumore nella parte posteriore del cervello. Dopo l'operazione sono rimasto cieco. È stato un grande shock e mi ci sono voluti mesi per accettarlo. A volte mi ribello ancora al fatto, ma che diavolo, mi sto godendo la vita ed è per questo che sto scrivendo questo. Sono rimasto a casa per quasi un anno, ma poi sono stato mandato in una scuola per bambini ciechi. Era lontano da dove viviamo, quindi sono dovuto stare nel collegio della scuola. In realtà avevo completato il Grade 8, ma hanno pensato che fosse...

880 I più visti

Likes 0

Impero perduto 62

0001 - Tempo 0003 - Conner- Thomas 0097 - Asso - Zimmel 0098 - Lucia 0101 - Shelby (nave madre) - Lucie 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco - Marrone 0778 - gen 0798 - Celeste - Shelby (umana) 0908 - Tara - Mara -------------------------- Non cresciuto - non numerato ------------------------ 3 - a bordo di Shelby 2 in re-gen 1000 - Sherry - perso al momento 0999 - Zan - anch'esso perso -------------------------------- Conosciuto e OR numerato ------------------------------- 0501 - Taddeo ???? - Lena --------------------------- Derrick osservò Jonathon apparire dal portale...

676 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.