Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

1KReport
Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

Capitolo 5
LE PRIME SESSIONI DI MAYIM

Laura è andata in bagno verso la fine della giornata di lavoro e ha preso le pillole che le aveva dato il dottor Windred. Le ricordarono quanto fosse stata eccitata quella mattina, una eccitazione che non aveva mai soddisfatto, e per un momento pensò di rinchiudersi in un gabinetto e di sbronzarsi. Ma non si fidava di se stessa per masturbarsi al lavoro senza essere beccata, e comunque Amy le aveva detto di non giocare con se stessa prima di presentarsi in clinica.

Quindi ha appena lasciato il lavoro, la sua figa già bagnata.

Erica aveva ancora l'auto, quindi Laura è andata dal lavoro alla clinica lavorando. Non era lontano: il lavoro di Laura era in città, quindi la clinica era a soli cinque isolati di distanza. Aveva camminato molto più lontano per la città mentre andava a fare shopping. Ma in qualche modo questo sembrava diverso. Passò ogni passo del percorso a pensare alla sua fica - a quanto fosse stata bagnata quella mattina, a quanto fosse bagnata ora dalle pillole, e se quella sexy Amy avrebbe messo di nuovo un cazzo di plastica dentro quella sera. Laura ha cercato di pensare ad altre cose, ma non è andata bene. Le sostanze chimiche che pulsavano nel suo corpo stavano stimolando e rafforzando la sua eccitazione, rendendo difficile pensare a qualcosa di diverso dalla sua vagina.

Quando Laura raggiunse la clinica, le sue labbra erano enormemente gonfie, le sue mutandine erano fradicie di succhi di fica e anche solo la sensazione delle sue cosce che si sfregavano insieme mentre camminava era così erotica che Laura faceva piccoli gemiti da troia ogni quarto o quinto passo. Si fermò fuori dalla clinica, sentendo le vertigini, e pensò allo stato in cui si trovava. Non poteva semplicemente entrare con le mutandine bagnate, vero? Ma non riusciva a togliersele molto bene, e inoltre, senza le sue mutandine, i succhi di fica le scorrerebbero solo giù per le gambe. Forse dovrebbe fermarsi qui e togliersi comunque le mutandine. Forse dovrebbe provare a spazzare via un po' del suo nettare da puttana dalla sua fica. Forse dovrebbe semplicemente tenerla in piedi e strofinarsi un po' la figa - sarebbe così bello...

Riprese il controllo e scoprì che la sua mano stava già giocherellando con l'orlo della gonna. Non riusciva a credere a se stessa - aveva appena iniziato a masturbarsi in una strada pubblica. Queste pillole erano incredibilmente forti. Dovrebbe stare attenta a questo in futuro. Decise di affrettarsi ad entrare - per quanto imbarazzante fosse la sua fica eccitata, doveva essere ciò che il dottor Windred ei suoi assistenti si aspettavano dalle pillole, quindi probabilmente non gli dispiacerebbe.

Non ha dovuto aspettare alla reception questa volta - Amy era già lì e sembrava per favore vederla. La bella ragazza bionda fragola sorrideva in un modo che faceva cose interessanti al castoro già pulsante di Laura.

"Oh, sono così felice che tu sia tornato," disse, prendendo la mano di Laura. Si sentiva bene: la pelle di Amy era liscia e morbida.

"Certo che sono tornata," disse Laura, il respiro pesante che stava facendo le faceva sembrare divertente la voce.

Amy sorrise maliziosa. "Vedo che hai preso le pillole", ha detto. Laura, umiliata, distolse lo sguardo. Dio, Amy poteva persino vedere quanto fosse bagnata Laura mentre lei era ancora vestita.

Lasciò che Amy la conducesse dalla reception nel corridoio al di là, e nella stessa stanza in cui Laura si era cambiata l'ultima volta.

"Come prima," disse Amy. "Svestiti. Almeno questa volta non ti farai un'iniezione nella tua tetta, eh?"

"Questo è un vantaggio", ha ammesso Laura. Questa volta si trascinò dietro lo schermo senza obiezioni. Sperava ancora che quella sera sarebbe stata una ripetizione della notte precedente. Poteva quasi sentire già quel vibratore di plastica che le ronzava nella fica. Era così eccitata che non riuscì a resistere a spremere i suoi meloni un paio di volte mentre si toglieva il reggiseno, ritoccando i suoi capezzoli duri come un diamante, e poi dandole un paio di sfregamenti veloci alla sua figa bagnata fradicia mentre si toglieva le mutandine. Non era sicura di cosa fare con le mutandine - erano bagnate e appiccicose dal suo nettare del cazzo - ma non riusciva davvero a pensare a nient'altro che avvolgerle con gli altri suoi vestiti. Tenendo i suoi vestiti in un fagotto che copriva le sue tette, è uscita dallo schermo per darli ad Amy.

Solo che Amy non c'era. Mentre Laura veniva cambiata, Amy era scomparsa ed era stata collocata dall'altra assistenza del dottor Windred, Royce. Chi era maschio.

Laura si bloccò. Un ragazzo la stava guardando ed era nuda. Per quanto Laura sapesse, nessun ragazzo l'aveva mai fatto in vita sua. Almeno non faccia a faccia - (la webcam non contava, giusto?).

Era ovviamente interessato a ciò che vedeva. Stava sorridendo e osservava visibilmente in su e in giù il suo corpo, dal suo viso arrossato, alla sua fica esposta ed eccitata, alle sue tette, per lo più coperte dal suo fagotto di vestiti.

strillò Laura, e saltò indietro dietro lo schermo.

"Amy sta preparando la stanza", la chiamò Royce. "Devi consegnarmi i tuoi vestiti."

"Posso avere un vestito?" chiese Laura.

"No", disse Royce. "Dai, abbiamo un calendario serrato. Se non vuoi partecipare non possiamo farti, ma se hai intenzione di farlo, devi farlo secondo i nostri orari".

Laura gemette dentro di sé. Non poteva non partecipare: il suo ricattatore l'avrebbe uccisa.

Con riluttanza, tornò di nuovo alla vista di Royce. Cercò di posizionare il fascio di vestiti in modo da coprire sia il seno che la vagnia, ma poi si rese conto che doveva comunque darli a Royce, e così con riluttanza glieli consegnò, lasciandola completamente esposta al suo sguardo.

Royce sorrise. Infilò una mano nella pila di vestiti ed estrasse le mutandine bagnate, tenendole con un dito adunco.

"Hai avuto un incidente?" ha deriso.

Laura ha cercato di ignorarlo. "La stanza del dottor Windred, o la... stanza con la sedia?"

"Hai fretta per la sedia, vero? Vuoi un cazzo in quella tua piccola fica lesbo?"

Laura arrossì di furia. La cosa peggiore era che era ancora eccitata. Sicuramente questo tipo di insaziabile inculata si intrometterebbe nel suo brusio sessuale? Ma non lo era, e si è scoperto che Laura poteva essere incredibilmente arrabbiata e incredibilmente eccitata allo stesso tempo. Voleva il cazzo di plastica nella sua fica. Quindi è rimasta in silenzio e ha aspettato che Royce rispondesse.

"La sedia," disse infine, ridendo. "Vai avanti, salta avanti, coniglietto."

Laura corse via dalla stanza con gratitudine, quasi correndo lungo il corridoio per raggiungere la sala prove e perdersi di vista.

La stanza era come prima: la sedia costruita su misura, lo schermo e la videocamera. Laura ha notato che la telecamera stava già registrando. Con suo sollievo, Amy era qui e sembrava che Royce non l'avesse seguita. Amy sorrise a Laura e fece cenno al sedile. "Scusa se ti lascio a Royce, ma siamo tutti professionisti qui."

Laura ha pensato di lamentarsi di Royce, ma non riusciva a capire esattamente cosa aveva fatto Royce che era poco professionale, quindi si è semplicemente seduta sulla sedia. Come prima, Amy ha allacciato i polsi e le caviglie di Laura, quindi ha messo una cinghia intorno alla vita di Laura. La figa di Laura, che prima era stata bagnata, ora sbavava in attesa del dildo.

"Quindi oggi stiamo misurando la tua risposta agli stimoli lesbici", ha detto Amy. "Ti mostreremo del porno lesbico sullo schermo e valuteremo le tue reazioni rispetto a ieri". La ragazza carina si accovacciò accanto alla sedia e Laura sussultò quando sentì la mano guantata di Amy lubrificarle l'ano, prima di far scivolare la piccola protuberanza contro lo sfintere. Poi Amy si spostò tra le gambe di Laura.

"Stai ancora bene con tutto questo?" chiese a Laura.

Laura annuì, disperata perché continuasse a inserire il dildo.

Invece, Amy si chinò e fece scorrere il dito lungo le labbra di Laura. Laura non riuscì a trattenersi dal gemere di lussuria.

"Sai, non tutti i nostri soggetti sono così belli da guardare", ha detto Amy. "Penso che siamo fortunati ad averti." E poi si inginocchiò e spinse il dildo, finalmente, nella fica di Laura. Laura ha fatto un lungo sospiro di gioia da troia, e poi di nuovo quando i vibratori hanno iniziato a lavorare sul suo buco del cazzo e sul suo clitoride.

Amy fece un passo indietro e il grande schermo di proiezione che Laura stava affrontando prese vita. Abbastanza sicuro, stava mostrando porno lesbico. È iniziato con belle donne che si spogliavano, per poi passare a loro che si baciavano, poi si toccavano e si leccavano.

Laura ha raggiunto l'orgasmo velocemente e spesso. Il suo pensiero cosciente svanì quasi immediatamente, e presto si perse in un mare di lussuria, lottando contro il delizioso dildo più forte che poteva mentre guardava le belle troie sullo schermo che si scopavano a vicenda. Scoprì che si stava godendo la sensazione del secondo dildo che le colpiva il sedere, e la sensazione che quasi, ma non del tutto, penetrava nel suo ano ha smesso di essere scomoda ed è diventata una presa in giro frustrante. Non importa quanto forte si spingesse indietro, non riusciva a farla andare per quei pochi millimetri in più e nel culo.

Sullo schermo le immagini sono cambiate per mostrare le donne che si dominano e si fanno male a vicenda. Ha visto una fantasia di stupro, di una donna che aggredisce e poi usa un partner riluttante. Ha visto una donna usare una frusta sul seno di un'altra ragazza dai grossi seni. Le immagini finali mostravano una donna che urinava nella bocca di una troia prigioniera riluttante. Questi scenari erano scomodi per Laura; di solito non guardava il porno in questo modo e non si sentiva a suo agio nell'essere eccitata da loro. Ma le pillole e la stimolazione avevano fatto qualcosa di strano nella sua mente a quel punto, e si ritrovò a continuare a raggiungere l'orgasmo guardando le ragazze ferirsi e degradarsi a vicenda.

Come prima, il processo alla fine si fermò senza preavviso, lasciando Laura esasperante tra un orgasmo e l'altro. Alzò lo sguardo su Amy con gli occhi sfocati. "Per favore, fammi venire di nuovo Amy," disse, anche se la sua gola era così secca che Amy avrebbe potuto non essere in grado di capirla. Ci ha provato di nuovo. "Ho bisogno di venire. Per favore, Amy."

Amy sembrava divertita. "Cosa faresti per me se ti lasciassi venire?"

Laura era confusa. Lei farebbe qualsiasi cosa. "Potresti fottermi", disse Laura. "Potresti usarmi. Per favore, fammi venire."

Amy rise. "Oh, che dolcezza, tesoro. Ma non mi è ancora permesso farlo con te. Ti alziamo dalla sedia. Ma prima, cosa mi dici per averti fatto avere tutti quegli orgasmi da troia?"

Laura ricordata dall'ultima volta. "Grazie, Amy."

"E grazie anche a Royce."

Laura è diventata pallida. Si guardò intorno e, come se non bastasse, c'era Royce, in piedi vicino alla porta. Aveva appena visto Laura trascorrere un'ora nuda e scoparsi un dildo? Un ragazzo l'aveva osservata mentre lo faceva? Si sentì iniziare a tremare involontariamente, anche se quella avrebbe potuto essere solo una reazione agli ormoni sessuali che erano usciti dal suo sistema.

"Laura?" ha chiesto Amy. Non aveva ancora slacciato le gambe di Laura, e Laura era ancora seduta con la fica aperta in modo osceno. All'improvviso Laura non voleva altro che essere vestita, quindi ha detto quello che pensava l'avrebbe fatta alzare dalla sedia.

«Grazie, Royce», disse.

Amy si fermò, continuando a non slacciare le cinture a Laura. "Grazie, Royce, per avermi guardato venire", ha suggerito.

Laura acconsentì in fretta. "Grazie, Royce, per avermi guardato venire", disse, arrossendo.

Soddisfatta, Amy finì di far alzare Laura dalla sedia e le restituì i suoi vestiti. Laura si vestì il più in fretta possibile, con Royce che la osservava impassibile per tutto il tempo.

L'hanno lasciata andare a casa, quindi, e ancora una volta Laura è tornata a casa e, dopo essere stata accolta da Erica, l'ha spinta a terra e l'ha scopata proprio lì nel corridoio principale. Mentre appoggiava la fica contro la faccia del suo amante sottomesso, pensò ai film che aveva visto di ragazze che si facevano male e abusavano a vicenda, e poi raggiunse di nuovo l'orgasmo e smise di pensare a qualsiasi cosa.

***

Il giorno successivo - un martedì - era uno dei giorni liberi di Laura, per il quale Laura era grata. Ha passato la giornata a casa, ha preso le pillole il pomeriggio e la sera si è diretta alla Mayim Clinic, con la figa gocciolante, aspettando un'altra notte di delizioso piacere nella sua figa. Era consapevole di quanto fosse strano avere un appuntamento per masturbarsi davanti alla gente per motivi scientifici, e la metteva a disagio quando ci pensava in quel modo, ma d'altra parte era stata finora la sua migliore esperienza sessuale vita. Anche con Royce coinvolto.

Anche lei si era ritrovata a pensare sempre di più ad Amy. Laura era incredibilmente felice con Erica, ma questo non ha magicamente spento il suo desiderio sessuale, e durante la sua giornata di lavoro si è ritrovata a fantasticare sulla splendida bionda fragola alla Mayim Clinic. Immaginava Amy che la baciava, si spogliava, strofinava le tette contro quelle di Laura. Ha fantasticato su Amy che decidesse di non usare il dildo sulla sedia, e invece si limitasse a sditalinare Laura o, meglio ancora, a leccarsi la fica per un'ora. Quando Laura doveva prendere le pillole, era già bagnata.

Amy era lì alla clinica, portando Laura negli spogliatoi per cambiarsi. Laura ha deciso di non preoccuparsi dello schermo oggi e si è semplicemente spogliata di fronte ad Amy, che in ogni caso l'avrebbe vista nuda. Amy sembrava felice di questa svolta degli eventi e Laura sperava di non immaginare una scintilla di attrazione negli occhi di Amy mentre guardava il corpo nudo di Laura.

Ha portato Laura nella stanza con la sedia e l'ha allacciata. Laura ha sospirato felice mentre Amy ha spinto il dildo posteriore contro il suo sedere, e poi ha stretto il dildo principale nella sua figa.

"Sembra che ti stia divertendo", ha scherzato Amy.

"Un po'" arrossì Laura.

Fu solo quando furono inseriti i dildo che Royce entrò nella stanza. Laura si irrigidì un po'. "Deve essere qui?" lei chiese.

"Sì", rispose seccamente Amy, e non disse altro.

Le immagini sono iniziate sullo schermo - bellissime troie, che mostrano le loro tette - e Laura ha iniziato a rilassarsi nel ronzio del dildo nella sua fica. Ma poi le immagini sono cambiate: sono comparsi uomini, che hanno baciato le donne, accarezzando le loro tette. Gli uomini erano nudi, con cazzi lunghi e duri, e presto le donne gli facevano pompini, si inginocchiavano e succhiavano i loro cazzi.

"Cos'è questo?" chiese Laura. La sua fica si stava irrigidendo e stava istintivamente cercando di staccarsi dal dildo, ma ovviamente non poteva.

"Ieri abbiamo testato le tue risposte agli stimoli lesbici", ha detto Amy. "Oggi stiamo facendo le cose da etero. Guardalo e o sborra o no, va bene in ogni caso."

Laura non aveva alcuna intenzione di venire alle foto di uomini. Ha cercato di disimpegnarsi dalle immagini, ha cercato di rendere la sua figa secca e riluttante. Ma i farmaci erano nel suo sistema e la sua fica stava ancora reagendo alla stimolazione che stava ricevendo, anche se Laura era stata disattivata da ciò che era sullo schermo.

E, ha dovuto ammettere, non è stata completamente respinta. C'erano ancora belle ragazze. C'erano tette e c'erano fiche. E c'erano piccoli accenni di contenuto lesbico. Un uomo di colore ha sborrato su tutte le grandi tette finte di una puttana, e poi un'altra bella ragazza si è avvicinata e ha leccato lo sperma dalle tette della prima ragazza. Belle ragazze che si leccavano le tette a vicenda era eccitante, anche se era coinvolto lo sperma. E forse Laura poteva immaginare che tutti questi cazzi fossero solo dei dildo. Quella ragazza, piegata su un tavolo e scopata da dietro - potrebbe essere Laura, che viene scopata da Erica con un cinturino. O meglio ancora, Amy con la cinghia. La sua figa si contorceva al pensiero, e poi all'improvviso Laura stava venendo.

Dopodiché, l'idea di resistere alle immagini di sesso uomo contro donna era svanita. Non era ancora eccitata dagli uomini, ma è diventato un gioco trasformare ciò che stava vedendo in qualcosa che l'avrebbe fatta venire. Donne che succhiano dildo, non cazzi. Donne che si strofinano una cinghia tra le tette, non un cazzo. Donne che rimbalzano su e giù sul vibratore del loro amante, non sul pene di un uomo.

Laura ha scoperto qualcosa di strano su se stessa mentre osservava. Le piacevano le sborrate. Le piaceva quando gli uomini spruzzavano sperma su tutto il viso e le tette di una donna. Le piaceva quando si tiravano fuori dalla fica di una ragazza e rivelavano che trasudava sperma bianco che gocciolava dal buco della ragazza. Non sapeva perché le piacesse così tanto, ma pensava che forse avesse a che fare con quanto le piacesse leccare la fica. C'era qualcosa nell'avere succhi sessuali su tutto il viso... e questo era meglio del semplice nettare della fica di una donna, perché era diverso. Potresti DIRE. Se avesse raccolto alcuni dei succhi d'amore di Erica e li avesse spinti nella sua stessa fica, sarebbe stato lo stesso di quello che era già lì. Ma lo sperma era bianco e appiccicoso e quando una ragazza aveva lo sperma nella figa era ovvio che era stata appena scopata. E qualcosa in questo fatto ha reso Laura incredibilmente bagnata.

Laura ha raggiunto l'orgasmo di nuovo mentre rifletteva su questa scoperta su se stessa. Certo, non voleva scopare con un uomo, ma poteva usarlo nella sua normale routine sessuale? Come sarebbe avere un dildo che ti pompa qualcosa di caldo e appiccicoso mentre raggiungi l'orgasmo? Forse poteva versarsi una cioccolata calda sulle tette e farsi leccare da Erica, e nella sua mente fingere che fosse sperma?

Quando le immagini si sono fermate, Laura non era nello stato di troia e distratto in cui era stata le ultime due notti, ma aveva comunque sborrato tre volte. Aveva raggiunto la felicità sessuale tre volte, mentre guardava gli uomini. Arrossì quando Amy la slacciò, vergognandosi di incontrarla negli occhi. Che tipo di lesbica era? Che tipo di traditore delle lesbiche ovunque? Dovevano essere le droghe, giusto? Normalmente non era così.

Amy si fermò ancora una volta per slacciare le gambe di Laura, e Laura ricordò quello che aveva da dire. "Grazie, Amy. Grazie Royce per avermi guardato venire."

"Grazie Amy per avermi permesso di venire come una troia", corresse Amy.

Come una troia? Laura arrossì. Era una cosa terribile da dire. Ma era vero. E mentre scendeva dal suo sballo sessuale, Laura voleva ancora una volta coprirsi dallo sguardo di Royce il più rapidamente possibile.

"Grazie, Amy, per avermi fatto venire come una troia", disse Laura a bassa voce, e Amy le sorrise immediatamente e le slacciò la cintura.

***

Il mercoledì dopo il lavoro sembrava più o meno lo stesso. Amy salutò Laura come al solito e la portò negli spogliatoi. Laura è stata costretta a spogliarsi davanti a Royce questa volta; era orribile, ma era grata che questa volta non avesse detto nulla e si fosse astenuto dal commentare la sua figa gocciolante. Quindi è stata condotta alla sedia e allacciata al suo posto.

Laura poteva sentire la sua fica già contorcersi anche prima che il dildo entrasse. Sapeva cosa stava arrivando. Ha avuto uno spasmo particolarmente felice quando ciascuna delle fibbie era allacciata. Laura era un po' allarmata; stava arrivando ad associare l'essere trattenuto al piacere sessuale? O era solo un'anticipazione della stimolazione a venire? Ha smesso di preoccuparsene molto quando il dildo è scivolato dentro il suo buco e si è acceso, però.

Oggi le immagini non erano né le immagini lesbo del lunedì né l'etero porno del martedì. Invece hanno seguito un tema, ripetuto in una ventina di cortometraggi: due ragazze si spogliavano, iniziavano a baciarsi e poi cominciavano a scoparsi. E poi un maschio entrava nell'inquadratura e si univa. A volte si scopava una delle donne mentre le ragazze continuavano a 69. A volte si limitava a guardare e masturbarsi finché non eiaculava su di loro. A volte entrambe le donne si alzavano e iniziavano a dargli piacere. Man mano che i film andavano avanti, diventavano più estremi e più violenti. Il maschio sculacciava le ragazze o le frustava con una cintura. Li avrebbe smontati e poi violentato uno di loro. Ne trascinava uno per le tette su un letto e poi la scopava. Le donne sembravano sempre deliziate da questo trattamento e sembravano sempre provare più piacere sessuale dall'uomo che l'una dall'altra.

Laura non sapeva cosa pensare di tutto questo, ma la sua figa sì. Sbavava felicemente attraverso l'orgasmo dopo l'orgasmo nel corso del trattamento. A Laura non importava delle donne nei film: erano tutte bellissime, e Laura avrebbe felicemente scopato con qualsiasi di loro. Trovava facile immaginarsi in questi scenari, mentre leccava una porno star sexy, ma ovviamente gli scenari includevano un uomo. Laura ha immaginato curiosamente la sensazione di essere trascinata via dal suo amante da un uomo, e poi violentata mentre il suo amante baciava il suo stupratore o gli leccava il buco del culo. Una parte di lei nel profondo dello stomaco si sentiva male; ma allo stesso tempo i suoi fianchi sbattevano allegramente contro il dildo, e non riusciva a distogliere lo sguardo dalle tette sullo schermo, anche se quelle tette venivano eiaculate.

Naturalmente, tutte le ragazze sullo schermo avevano grandi tette, proprio come Laura. Tette da pornostar. Era quello che Laura si aspettava dalle ragazze di questa troia. Aveva senso.

Quando finì, Laura stava ancora chiedendo di più. Era così bagnata e voleva continuare a venire. "Per favore, per favore..." iniziò a supplicare Amy, ma poi ricordò gli ultimi due giorni. "Grazie, Amy," ansimò. "Grazie per avermi fatto venire come una troia. Grazie, Royce, per avermi guardato venire."

Amy le sorrise, contenta dei ringraziamenti di Laura, ma non la lasciò né la lasciò sborrare. Invece, si è infilata tra le gambe di Laura, ha rimosso il dildo e si è chinata verso la fica di Laura con una specie di dispositivo in mano.

All'inizio il cervello confuso dal sesso di Laura pensava che Amy si stesse per sditalinare la figa, e lei spinse la figa il più lontano possibile verso Amy in previsione. Ma invece, si udì un acuto suono metallico SNAP, e all'improvviso un dolore accecante corse attraverso la fica di Laura. Allontanò l'inguine da Amy e urlò.

Amy mise la mano sulla bocca di Laura. "Silenzio, zitto, stai zitto," disse. Laura, incapace di muovere braccia o gambe, non poté far nulla per togliere la mano di Amy, e dopo un attimo dovette calmarsi per poter respirare. Guardò la sua fica ma non riuscì a vedere cosa avesse fatto Amy per farla soffrire così tanto.

Amy sollevò il dispositivo che aveva usato. Sembrava un incrocio tra un trapano e una siringa.

"Abbiamo appena iniettato un piccolo dispositivo nella sua carne inguinale", ha detto. "È proprio come un microchip di localizzazione per un cane. Ci aiuterà a controllarti. Registra le statistiche vitali durante il giorno - pressione sanguigna, frequenza cardiaca, livelli di eccitazione, umidità della fica - e le memorizza, quindi possiamo scansionarlo quando vieni qui e recuperi i dati."

"Fa male," piagnucolò Laura.

"Oh, silenzio," disse Amy. "Il tuo corpo è pieno di endorfine in questo momento per tutto il cazzo che hai appena fatto, quindi non ha fatto male neanche lontanamente come avrebbe potuto, e il dolore svanirà rapidamente." Amy sorrise maliziosamente. "Ecco, lascia che ti aiuti."

E poi Laura ha provato la sensazione più meravigliosa di sempre: il dito di Amy che scivolava nella sua buca e iniziava a pompare delicatamente dentro e fuori. All'improvviso il dolore era scomparso e lei era tornata nel mondo del sesso e della lussuria.

"Royce, stai ricevendo questo?" chiese Amy.

"Sì," disse Royce, guardando un computer. "Si sta spremendo bene. Sembra che abbia funzionato."

"Eccellente", disse Amy. Tirò fuori il dito dalla fica di Laura, lo guardò per un momento e poi lo asciugò sul seno di Laura. "C'è un nome proprio per questi, Laura, ma mi piace semplicemente chiamarli 'tag fica'. Solo le ragazze speciali possono avere un 'tag fica'. Dovresti ringraziare."

"Grazie," gemette Laura.

"Grazie cosa?" chiese Amy.

"Grazie, Amy, per avermi messo un tag di fica" disse Laura.

"Okay, quindi domani faremo qualcosa di un po' diverso ora che hai il tag della tua fica", ha detto Amy. "Domani, vogliamo che tu prenda due delle tue pillole alle 9 del mattino, va bene?"

«Ma domani sono al lavoro», protestò debolmente Laura.

"Lo sappiamo. E non vogliamo che tu rimanga a casa o cose del genere. Vai al lavoro. Vogliamo solo leggere per te alcune letture di una giornata normale, ok? E poi prendine altre due prima di venire qui."

"Ma mi bagnerò così tanto!" disse Laura.

"Lo so. E qualunque cosa tu faccia, non giocare con te stesso. O almeno non lasciarti raggiungere l'orgasmo. I dati mostreranno se ti masturbi, e questo ci rovinerà le cose, e saremo molto arrabbiati , bene?"

Laura annuì.

"Brava ragazza", disse Amy, e finalmente slegò Laura.

***

Quando è tornata a casa, Laura non si è nemmeno degnata di chiudere la porta d'ingresso prima di spingere Erica a terra e scoparsela.

(Continua...)

Storie simili

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Una Santa Femmina incontra il cane da guardia..._(1)

Era stretto. Molto stretto. Improvvisamente si ricordò della casa dell'anno scorso quando il suo vestito attillato graffiava le pareti incrostate di fuliggine del camino. Bella casa, grande soggiorno... residente caldo. Sorrise mentre si trascinava più in basso lungo i muri di mattoni, sentendo improvvisamente una brezza salire dal focolare, un ruscello sotto di lei. Qualcuno era appena uscito... o era entrato nella stanza. La brezza le fece saltare la gonna e lei rabbrividì. Non è la notte per andare senza mutandine, pensò. Poi di nuovo, ha dovuto lasciare qualcosa per un regalo. Trattenne il respiro e scivolò giù, senza sentire più...

1.3K I più visti

Likes 0

I miei amici mamma

Si tratta della mamma di Russell. Per cominciare, mi chiamo Jay e il mio migliore amico per la maggior parte della mia vita è stato Russell e questo è il mio diciottesimo compleanno. Beh, almeno la celebrazione del weekend successivo al mio diciottesimo compleanno. Dato che ero ancora al liceo, ho dovuto aspettare fino al fine settimana successivo per urlare ed è proprio quello che Russell e io avevamo programmato. Così venerdì sera presto sono andato a casa di Russell per andarlo a prendere con l'intenzione di andare entrambi alla capanna dei miei genitori per il fine settimana che era vicino...

815 I più visti

Likes 0

Becca

Questa è la vera storia di come ho perso la verginità all'età di quattordici anni. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------------------------- Hai la crema solare? mi ha chiesto mio padre. No, lo metterò alla festa, risposi. Eravamo in macchina a una festa a casa dei miei amici. Si chiamava Genna e andavamo a scuola insieme da diversi anni. Ero eccitato per questa festa per uno scopo. Mentre pensavo al motivo, la mia mente è tornata alla conversazione che ho avuto online con una delle ragazze della mia classe. (Nomi visualizzati inventati) D-Rock16: Ciao BeccaP69: Ehi, watsup Gabe D-Rock: Sai quel gioco che abbiamo giocato...

760 I più visti

Likes 0

Sexy avvocato del sud

Anna è andata a letto ed è impegnata a fare progetti mentre mi sente tornare a casa. Sono nella Carolina del Sud ad assistere Anne in un caso giudiziario. Una delle caratteristiche della casa che sta affittando è che non aveva bagni privati. La mattina seguente Anne ha aspettato finché non mi ha sentito muovermi e poi si è diretta verso il bagno tra le nostre stanze. Indossava un perizoma e si copriva a metà i seni sodi con un asciugamano. Come aveva previsto, mi incontra nel corridoio e le capita di far cadere l'asciugamano. La fisso mentre fa un grosso...

500 I più visti

Likes 0

L'ipnotismo è una cosa potente

Sì. Mia mamma ha iniziato a darmi queste compresse ormonali per ingrandire le mie tette perché non mi permetteva di mettere gli impianti. Ho scritto a Jami. È il mio migliore amico dai tempi di Kindy. Potrei dirgli qualsiasi cosa. Funziona già, Grace? Jami rispose seguito da una faccia ammiccante. Haha ti piacerebbe un pervertito. Ho scritto ridendo. Che ne dici di quella cosa dell'ipnotismo che stavi provando? chiese. Sta andando bene, ho solo bisogno di due persone per provarlo. Gliel'ho detto. Stavo pensando ai miei genitori, ma potrebbe essere noioso. Ho detto. Che ne dici di me e Joey della...

484 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

397 I più visti

Likes 0

Festa Madre Figlia (3 di 12)

Festa mamma-figlia (parte 3 - Mamma, papà e Anna trio) Non appena il film finisce, abbasso la bocca di Tom verso la figa di sua figlia e gli dico che spetta a lui decidere se avrà un orgasmo oggi. Cosa vorresti che facesse papà? Sto imparando velocemente che esiste più di un tipo di tortura per la mia figa. Tieni la mia figa al limite il più a lungo possibile senza permetterle di produrre sperma. Quando avrai finito, mamma mi stuzzicherà la figa con lei bocca allo stesso modo. Manteniamo Anna sull'orlo dell'orgasmo per quasi un'ora e quando stacco la bocca...

375 I più visti

Likes 0

Lettera d'amore_(0)

Lettera ad un amore. Tutti abbiamo avuto qualcuno nella nostra vita che abbiamo amato veramente, alcuni di noi lo hanno ancora nella nostra vita, altri, come me, lo hanno perso. Al mio carissimo tesoro, Beh, sono passati tre anni dall'ultima volta che ti ho visto. Tre anni da quando ho sentito la tua risata. Tre anni da quando ti ho abbracciato. Tre degli anni più lunghi e miserabili della mia vita. Non passa giorno che non ti penso, non ti parlo, anche se non sei fisicamente lì, ti parlo ancora e spero che tu possa sentirmi. Ogni volta che chiudo gli...

329 I più visti

Likes 0

Risveglio_(1)

(Figlio di Eric) Il problema per i ragazzi nel raggiungere il punto della piena realizzazione sessuale è che sono sempre duri. Non sappiamo perché, abbiamo solo un'idea di quale sia la causa. Quindi nell'ultimo mese, ogni volta che guardavo mia madre, diventava difficile. Voglio dire, non aiutava il fatto che mia madre indossasse sempre quasi nulla la mattina, mentre preparava la colazione. Di solito una camicia da notte e mutandine quasi trasparenti. (Kevin il papà) era un poliziotto che lavorava a tutte le ore. Turni frazionati e così via. Mentre teneva la sua bellissima moglie tra le braccia, guardando nei suoi...

336 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.