Una Fuck-Bike per Wendy

98Report
Una Fuck-Bike per Wendy

Wendy sorrise mentre superavano il campo di partenza. Il sole stava già calando sulla folla indaffarata, magliette colorate e chiacchiere nervose sovraccaricavano i suoi sensi.

"Grazie per averlo fatto, Luke! Mi inventerò presto."

"Non preoccuparti, Wendy. Lasciami vincere questa volta."

"Nessuna possibilità, tesoro. Vedrai il mio sedere dall'inizio alla fine. Come sempre."

"Allora chiedo una scopata di compensazione dopo," mise il broncio, i suoi occhi scintillanti di lussuria.

"Con piacere, Luke, con piacere. Troviamo un posto dove parcheggiare, ci restano solo 10 minuti."

"Sei sicuro che riuscirai a gestire le 50 miglia questa volta senza metterti in imbarazzo?" Wendy sorrise compiaciuto, accarezzandogli il sedere mentre scaricava le due bici.

"Mi preoccuperei di più per te, Wen," ridacchiò, "Bella sella, comunque."

"Sì, personalizzato e di forma anatomica. Costoso come un cazzo ma il mio piccolo strappo è in paradiso da quando l'ho preso!"

Era un fatto poco noto al di fuori delle squadre femminili professionistiche che le tipiche selle da corsa mettevano un sacco di stress sull'anatomia femminile, specialmente sui pezzi più succosi. Wendy ha dovuto imparare questo nel modo più duro, come ha fatto quasi tutte le altre donne. Le sue parti tenere erano rosse e crude per la maggior parte del primo anno quando iniziò seriamente la sua carriera. Dopo una fase di ricerca disperata di una soluzione al suo problema, aveva concluso con riluttanza che doveva semplicemente sopportare una figa costantemente dolorante e dolorante se voleva essere anche solo una ciclista semi-professionista mediocre. Ma poi, per fortuna, un collega più esperto ha riconosciuto la sua lotta e le ha rivelato alcuni segreti salvavita.

Da allora si è fatta la ceretta laggiù, poiché anche la più piccola ciocca di capelli poteva portare a brutte infezioni. Aveva anche rinunciato a indossare biancheria intima durante le gare e invece aveva investito in pantaloncini da bici terribilmente costosi e personalizzati con cuscinetti in gel nei punti giusti. Inoltre, ha inzuppato religiosamente il suo sesso nudo in quantità eccessive di lubrificante per impieghi gravosi ogni volta che andava in bicicletta per garantire uno scivolamento senza attrito e, soprattutto, indolore tra la sua pelle e i pantaloncini durante la gara.

Con la borsa dell'essenziale in una mano e il vestito da corsa nell'altra, Wendy svanì in una delle bancarelle. Con mosse ben praticate, si tolse i vestiti e si accovacciò per spruzzare una sana dose di lubrificante nel suo sesso pulito e immacolato quando improvvisamente si rese conto di una sorpresa indesiderata. I cuscinetti in gel dei suoi pantaloncini da corsa erano danneggiati e un liquido vile e appiccicoso ricopriva un'ampia area dell'inguine dei pantaloncini.

"Cazzo, che casino!" imprecò, "Non lascerò che questa roba mi si avvicini!"

Era furiosa. Senza pantaloncini di ricambio le erano rimaste poche opzioni. Ma dovrebbe annullare l'intera gara solo per uno stupido incidente? Cosa penserebbe di lei Luke, ora che lo ha trascinato con successo e lo ha persino fatto partecipare all'evento? Ispezionò di nuovo il triste capo di abbigliamento e si chiese se c'era un modo per salvare la situazione.

Senza troppe speranze, Wendy prese un paio di forbici dalla sua borsa e tagliò con cura gli assorbenti danneggiati. Esaminando i risultati con scetticismo, si infilò i pantaloncini e li tirò su. La sua figa nuda ora respirava all'aria aperta, ma quando ha chiuso le gambe... Guardando lo specchio di fronte a lei, ha controllato attentamente la presenza di eventuali segni di indecenza ma è stata sorpresa di non trovarne nessuno, a patto di fare attenzione a non esporsi.

"Questo... questo potrebbe davvero funzionare! Devo solo ricordarmi di stare al mio posto!" pensò Wendy, allargando sperimentalmente le cosce finché il biancore del suo sesso luccicante e lubrificato divenne di nuovo visibile.

"Ma accidenti è questo osceno! Stai nascosta, ragazza volgare, o ci metteremo nei guai!" sorrise compiaciuta, accarezzandosi leggermente la figa nuda.

Scrollandosi di dosso questa distrazione imprevista, Wendy ha proceduto a togliersi la maglietta e a slacciare il suo reggiseno massiccio e decisamente non sexy che aveva difficoltà a contenere il suo enorme seno. Da quando aveva cresciuto quei due cuccioli, aveva lottato per gestirli. Aveva sperato di rimpicciolirli un po' con tutto il ciclismo e l'esercizio, ma non aveva avuto fortuna. Distraevano come sempre e si intromettevano molto.

Dopo una serie di esperimenti infruttuosi, si era accontentata di un approccio piuttosto scomodo ma efficace per gestirli durante le sue gare che essenzialmente si riduceva a non indossare alcun reggiseno sotto un top a tubino di due taglie troppo piccolo. In questo modo i suoi grossi seni sono stati schiacciati quanto più appiattiti, così la loro resistenza aerodinamica è stata ridotta al minimo. Per evitare imbarazzanti capezzoli, di solito indossava sopra un set di pasticcini bianchi e non sexy. Ha pescato nella sua borsa per quegli accessori essenziali. Dopo un po' di ricerche gemette infastidita e capovolse l'oggetto, cercando disperatamente gli adesivi salva-modestia ma non si trovavano da nessuna parte.

"Semplicemente così tipico," disse infuriata, "Se le cose vanno storte, lo fanno in modo spettacolare. Una figa all'aperto e morsi che spuntano attraverso il mio top succinto! Brava, ragazza!"

Ma non si sarebbe arresa così facilmente. Wendy si strinse nella parte superiore del tubo rosa caldo e spinse i seni in giro. Con un'espressione accigliata si guardò allo specchio e scosse la testa. Quei ciottoli duri che spuntavano dalla fragile cima erano semplicemente troppo. Avrebbe attirato tutta l'attenzione sulle sue tette e sarebbe stata squalificata se non avesse prestato attenzione. Wendy ha cercato nella sua borsa qualcosa, qualsiasi cosa che potesse aiutarla. Ma non c'era niente. Tranne... si è ritrovata a giocare con il suo kit di riparazione e all'improvviso ha avuto un'idea. Forse potrebbe usare le patch di riparazione? Aprì la scatoletta e afferrò i due adesivi più grandi, entrambi neri come la notte con il loro caratteristico bordo rosso. Si tolse di nuovo la parte superiore aderente e si mise uno dei cerotti sul capezzolo sinistro. Era quasi abbastanza grande. Se lo avesse incollato in posizione, avrebbe almeno coperto la maggior parte del suo capezzolo e, si spera, sarebbe stato sufficiente per mantenersi decente. Aprì il tubetto di colla e ne spruzzò un po' sul cerotto. Poi afferrò il pezzetto di gomma e lo spinse semplicemente sul capezzolo che si stava indurendo. Sussultò per la sensazione di bruciore mentre la colla si fissava lentamente, ma la teneva stretta contro il seno. Poi ripeté la procedura dall'altro lato.

Wendy ha analizzato il risultato da vicino allo specchio e ha concluso che questo era tutto ciò che poteva fare. Si strinse di nuovo nella parte superiore e sistemò con cura i suoi tesori distraenti finché non fu soddisfatta del risultato. Poi si è infilata le scarpe da corsa, ha chiuso i lacci rosa, ha indossato il suo casco rosa sui suoi caratteristici capelli blu e si è infilato gli occhiali da sole altrettanto rosa sul naso. Ora completamente vestita, Wendy ha esaminato il suo lavoro allo specchio e ha visto una giovane donna in forma e calda pronta a conquistare il mondo. Sembrava fantastica!

Di nuovo per strada, Wendy ha cercato Luke e la sua bicicletta. La ciclista riluttante e la sua compagna di sesso preferita le fece un cenno con la mano dal centro dell'affollato campo di partenza.

"Era ora," rise, porgendo il pezzo di stoffa con il numero di partenza alla ragazza che cammina goffamente, "Uhm, va tutto bene per te? Sembri un po' arrossato! La gara inizia da un momento all'altro!"

Wendy voleva raccontargli dei suoi incidenti, che poteva sentire l'aria sfiorare le sue labbra gocciolanti di lubrificante, che aveva dei cerotti da riparare incollati sulle tette e che era a pochi centimetri dall'imbarazzo totale. Ma un annuncio ai corridori di montare le bici ha cancellato tutto. Wendy scrollò le spalle, fece scivolare il buco del pezzo di stoffa bianca con il suo numero sopra la testa e legò i lati in modo che non svolazzasse. Quindi tolse il rivestimento della sua costosa sella e si preparò a montare. Almeno quelle lacune e guide anatomicamente corrette assicurerebbero che la sua figa nuda non subisca alcuno stress eccessivo.

Piuttosto goffamente, per non esporsi per caso, si mise a cavalcioni sulla sua sella. Uno sguardo perplesso le adornò il viso quando si sedette lentamente sulla sua bicicletta. Qualcosa sembrava diverso laggiù! All'inizio pensò che la ragione fosse la sua insolita nudità, ma poi si convinse che la piccola protuberanza di gomma che premeva proprio sulla parte superiore del suo sesso non c'era prima. Una rapida stima di dove sarebbe stato l'urto, una volta che fosse stata in sella alla sua bicicletta, l'ha fatta arrossire.

"Mio povero bottone d'amore," pensò, e "ti ammazzo per questo, Luke!"

Prima che potesse più compatire se stessa, lo sparo esplose e Wendy stava spingendo i pedali. Il vento in faccia e l'adrenalina nel sangue le fecero presto dimenticare tutti quei dettagli imbarazzanti e concentrarono la sua mente sulla vittoria della gara.

Fino a quando la manopola posizionata opportunamente non ha iniziato a vibrare.

Wendy perse improvvisamente la concentrazione e tutto ciò a cui riusciva a pensare era la sua figa gocciolante ed esposta e quanto voleva scopare Luke in questo momento. Era tutto un po' troppo per lei. Aveva paura di cadere dalla bici con tutte quelle distrazioni, ma in qualche modo la sua memoria muscolare è riuscita e l'ha tenuta in carreggiata. Wendy ha lottato per ignorare il ronzio provocante tra le sue gambe e più di una volta stava per sollevare il culo dalla sella per sfuggire alle vibrazioni diaboliche. Ma la paura di mettere in mostra i suoi pezzi indecenti in qualche modo ha prevalso.

Poi ha sentito qualcosa che scatta e pochi istanti dopo un oggetto gommoso piuttosto pesante premuto proprio nel suo sesso lubrificato.

"Luke, bastardo!" lei imprecò, "Questo non è divertente!"

Le sue gambe spingevano i pedali mentre correva su per la collina mentre il suo povero clitoride veniva torturato da vibrazioni incessanti e un oggetto spesso sbatteva ripetutamente all'interno del suo foro tremante e gocciolante di lubrificante. Interruppe brevemente la pedalata, sperando che quella scopata fastidiosa finisse. E in basso ed ecco, è successo! Il bastone del cazzo ha smesso di muoversi non appena i suoi pedali si sono fermati ed è rimasto in profondità nel suo corpo, solo che ora ha invece iniziato ad espandersi.

"Vaffanculo, Luke," imprecò, "Vaffanculo a te e al cavallo su cui sei salito!"

Ricominciò a pedalare, facendo una smorfia per l'incredibile tratto laggiù. In qualche modo Wendy è riuscita a bloccare le sensazioni irritanti e ha guadagnato di nuovo velocità mentre la sua figa è stata martellata dal grasso dildo. Le ci volle un po' per riconoscere che l'oggetto contundente si stava rimpicciolendo fintanto che manteneva la pedalata al di sopra di un certo ritmo. Una volta capito, ha cercato di trovare il giusto equilibrio tra il martellare il suo sesso in poltiglia e farlo a pezzi. Peggio ancora, tutte le scopate e le vibrazioni eccitavano il suo corpo a non finire e lei più di una volta gemeva e rabbrividiva mentre un orgasmo le lavava il corpo.

Ma in qualche modo è riuscita a rimanere in pista ed è stata persino in testa alla gara, soprattutto perché era l'unica pilota professionista in campo, ma comunque un'impresa impressionante in queste circostanze.

Poi è successo. Durante un'altra sequenza di distrazione, mentre il suo corpo maltrattato aveva uno spasmo di beatitudine, uno dei concorrenti la raggiunse lentamente sulla destra. Solo allora si è accorta della troupe televisiva nell'auto di fronte a lei e dell'enorme telecamera che le hanno puntato direttamente in faccia. Wendy arrossì sperando che almeno avrebbe avuto un aspetto decente sullo schermo. Ma poi la sua natura competitiva ha preso piede e ha dato tutto.

Appena in tempo si rese conto che il suo sedere si stava muovendo verso l'alto, che il suo corpo cercava di portarla nella posizione giusta per ottimizzare la forza. E all'improvviso si rese conto che era a pochi centimetri dal mostrare la sua figa nuda, gocciolante e completamente fottuta a un pubblico piuttosto vasto. Arrossendo furiosamente, sbatté il culo sulla sella, spingendo il grosso dildo ancora più a fondo in se stessa. Wendy stava ancora gemendo per la brutale penetrazione quando qualcosa scattò udibilmente. Pochi istanti dopo Wendy sentì la sua parte superiore tesa crollare e volare via, le sue enormi tette esplodere fuori dai loro stretti confini e rimbalzare liberamente sotto il sottile pezzo di stoffa bianca con il suo numero di partenza. Wendy voleva solo sprofondare nel terreno e piangere a squarciagola.

Poteva solo immaginare come apparissero le sue tette ondeggianti e saltellanti in TV e stava già pensando di abbandonare semplicemente la gara. Se solo potesse impedire ai suoi gemelli di rimbalzare, le cose sarebbero molto più sopportabili. Mentre si scervellava per trovare una soluzione, il resto del suo corpo era bloccato nel pilota automatico, tenendola in carreggiata proprio dietro al suo avversario. Wendy stava guardando in basso la sua bici quando l'ispirazione ha colpito. La bottiglia d'acqua! Più precisamente quei due elastici che aveva fatto scivolare intorno alla bottiglia qualche tempo prima per non farla sbattere! Se fosse in grado di far scivolare quelle fasce intorno alle sue tette, sarebbero sicuramente in una tale stretta che rimbalzerebbero molto meno! Valeva la pena di tentare.

Ma come avrebbe dovuto farlo mentre correva, con la bici che la scopava senza senso, con una telecamera puntata proprio in faccia? Ci ha subito pensato e ha deciso che valeva la pena provare. Ha accelerato leggermente e si è avvicinata il più possibile al pilota di fronte a lei. In questo modo la telecamera l'avrebbe vista solo in parte e lei avrebbe potuto infilare quelle fasce sui suoi meloni senza che se ne accorgessero. Tese la mano verso il basso e afferrò la bottiglia. Poi ha riconosciuto il suo errore. Avrebbe dovuto usare entrambe le mani per togliere le gomme, ed entrambe per tirarsele sopra il seno. Ma per farlo, avrebbe dovuto stare in equilibrio sulla bici correttamente, piegata com'era, non c'era modo che potesse togliere entrambe le mani dal manubrio. Ma poi il suo corpo sarebbe stato sollevato così in alto che la telecamera l'avrebbe facilmente vista! L'intero pubblico avrebbe visto le sue tette nude mentre ci spingeva sopra gli elastici! Questa non era certamente un'opzione.

Ha analizzato di nuovo il suo piano. All'improvviso il suo viso si illuminò. Chi ha detto che aveva bisogno di mettere quelle fasce sulle sue tette nude? Potrebbe anche spremerli sopra il panno fragile! Sembrerebbe un po' goffa con la sua metà superiore, ma non c'era alcuna indecenza coinvolta, vero? Dopotutto avrebbe funzionato! Wendy era estasiata. Implementando rapidamente la sua strategia, sollevò la parte superiore del corpo per liberare le mani. Un altro dettaglio irritante la fermò sui suoi passi. Il dildo ha improvvisamente martellato contro parti completamente diverse del suo sesso e il suo buco scivoloso si è allungato un po' fuori forma! Si chiese se avrebbe potuto ignorare quella parte mentre lavorava alla soluzione, ma decise di mantenere almeno quel dannato albero il più fermo possibile mentre era in equilibrio a mani libere. Si alzò di nuovo, fermò i pedali e tolse le mani dal manubrio mentre il dildo incorporato all'interno cresceva lentamente. Il cuore le batteva forte, il battito accelerava mentre afferrava la bottiglia e si toglieva rapidamente gli elastici, facendoli scattare intorno al polso. Wendy sospirò mentre riponeva la bottiglia nel supporto e tornava in posizione. I suoi piedi iniziarono a pedalare ancora una volta, lavorando disperatamente per ridurre il bastone del cazzo a una dimensione più maneggevole. Era quasi arrivata, solo un altro passo per domare le sue enormi palle di carne rimbalzanti.

Wendy sospirò e si preparò per la parte finale del suo piano. Ancora una volta sollevò il corpo e smise di pedalare. Il suo corpo tremante cercò disperatamente di far fronte all'albero in crescita e alle terribili vibrazioni. Si chiese quanto sarebbe stata sbattuta e dolorante la sua figa dopo questa corsa da incubo e poi si rimproverò per non essersi concentrata adeguatamente sul compito a portata di mano. Lasciò andare il manubrio e si tolse rapidamente una delle fasce dal polso. Senza pensarci troppo aprì il pezzo di gomma più che poteva e se lo infilò sul seno sinistro. Poi si è lasciata andare.

La compressione è stata terribile! Sentì il suo enorme seno cambiare forma, sentì il sangue pulsarle nelle orecchie. Ha rapidamente abbassato lo sguardo per controllare la situazione ed è stata felice di vedere che la band è rimasta al suo posto e che i rimbalzi da quel lato si erano calmati in modo significativo. Soddisfatta del risultato, ha ripetuto di nuovo il processo dall'altra parte e alla fine si è rimessa in posizione e ha ripreso a pedalare.

Con suo sgomento, un certo numero di corridori l'aveva superata durante tutto il giocherellare e il suo io interiore le urlava di essere così stupida. Inoltre, il dildo dentro di lei era cresciuto in proporzioni enormi ed era sicuramente vicino a farla a pezzi. Wendy guardò il display e vide che le restavano solo poche miglia al traguardo. Se voleva non mettersi in imbarazzo doveva dare tutto ciò che le era rimasto. E se ciò significasse che la sua figa spalancata sarebbe stata in mostra, così sia! Comunque era tutta colpa di Luke!

Wendy era determinata a vincere questa gara, nonostante tutte le sfide che ha dovuto affrontare. Le sue gambe cambiarono improvvisamente marcia ei suoi muscoli forti fornirono la potenza di cui aveva bisogno. Il grasso pistone strillò mentre scivolava dentro di lei sempre più profondamente e con forza come mai prima, ma Wendy sapeva che si trattava solo di un inconveniente temporaneo. Mentre accelerava e ricominciava a sorpassare i dilettanti, il suo corpo si spostò nella posizione ottimale, con le sue tette ora ben legate che oscillavano sotto di lei e il suo culo in alto in aria, esponendo il frenetico dildo che si schiantava dentro e fuori di lei per tutti mondo da vedere. Ma non importava a Wendy. In effetti, era contenta che le vibrazioni irritanti fossero improvvisamente scomparse e si chiese se avrebbe dovuto alzare il culo molto prima.

Gli spettatori che sono riusciti a individuare il grasso bastone del cazzo che martellava nella fica di Wendy lungo la strada potevano solo guardare a bocca aperta lo spettacolo. Per fortuna la maggior parte di loro era così distratta dalle sue tette legate che non si resero conto dei pezzi anche più spremiagrumi. In ogni caso, niente di tutto ciò aveva alcuna rilevanza per Wendy. Tutto il suo essere era concentrato su una cosa e solo una cosa, vincere questa gara. Desiderava solo di aver applicato più lubrificante al suo sesso perché il cazzo senza fine le ha davvero messo a dura prova.

Lentamente il suo corpo si è eccitato ancora una volta. Quanti orgasmi ha vissuto dall'inizio della gara? Aveva perso il conto molto tempo fa. Wendy non riusciva a credere che ce ne fosse uno in più dentro di lei, che la sua piccola figa fosse così eccitata dall'abuso che aveva ricevuto da farle ribollire il sangue. La ragazza in forma gemeva e gemeva di nuovo mentre tornava dura. Il suo corpo tremava e tremava mentre il suo busto si sollevava in estasi, scuotendo le sue enormi tette simili a palle a tutti quelli che guardavano. E proprio in quel momento, nel momento stesso in cui ha urlato di piacere, si è precipitata sul traguardo, proprio dietro il suo ultimo concorrente. E poi, all'improvviso, la corsa è finita.

A Wendy ci è voluto un po' per tornare in sé. Ma quando ha riconosciuto che la gara era finita, è rimasta delusa di non essere riuscita a farcela alla fine. Che era solo la seconda dopo tutto quello che aveva dato. Poi, lentamente, la realtà è ricomparsa e si è resa conto di quanto fosse eccitata per il martellamento senza fine e di quanto fosse dolorante il suo piccolo buco per tutto l'attrito che doveva sopportare. Il suo corpo stava ancora tremando quando si staccò dal grosso dildo e inciampò in piedi. Dov'era quell'idiota?

Wendy fece solo uno sforzo simbolico per tenere le gambe chiuse. Sicuramente la maggior parte delle persone aveva visto quella parte del suo corpo già dopo il suo piccolo spettacolo. Quando ha individuato Luke al lato della folla, è esplosa di rabbia. Quel fottuto pervertito l'aveva fatta passare attraverso questo calvario! Perché dovrebbe farle una cosa del genere? Corse verso di lui, ignorando il suo inguine spalancato e gridò "Felice di quello che hai fatto?" Ebbe appena il tempo di guardarla prima che la sua mano raggiungesse il suo inguine e le sue dita si chiudessero attorno ai gioielli di famiglia.

"Vieni con me, pervertito", sibilò mentre lo trascinava per primo in un parco vicino, "Non capisco davvero perché mi hai fatto questo ma ti assicuro che ci saranno delle conseguenze. Ora fottimi forte e veloce in modo che il mio corpo maltrattato possa finalmente rilassarsi. E dopo ti prenderò a pugni l'inguine fino a quando le tue palle non saranno gonfie come pompelmi. O forse le morderò semplicemente. Non ho ancora deciso quella parte. Ma prima devi fottimi. ORA!"

Luke ridacchiò mentre il suo amico di scopare arrabbiato lo conduceva in un'area nascosta. Questo piccolo progetto era sicuramente stato divertente, e ora ha persino avuto modo di scopare questa dea arrabbiata! La sua figa era probabilmente così tenera e dolorante che ogni mossa l'avrebbe fatta strillare! La spinse a pecorina e sbatté il suo cazzo duro nel buco caldo e fradicio di fronte a lui. Senza troppa cura iniziò a sbattere contro il corpo tremante e sussultato e si chiese quanto tempo ci sarebbe voluto per far venire questa donna dopo tutti gli abusi che la sua fica stretta aveva ricevuto. Abbassò la testa all'orecchio di lei mentre continuava a scoparla e sussurrò: "Ammetti solo che ti è piaciuto, Wen. Sei una piccola troia e lo sai."

"Ma quelle telecamere! La mia carriera è finita dopo questo, stronzo!"

Si spinse più a fondo, sicuro che non sarebbe durato ancora a lungo. Le sue dita trovarono il suo clitoride duro e iniziarono a giocarci. Ha sussurrato: "Ho fatto un patto con la troupe. Non rilasceranno al pubblico gli scatti succosi. Tuttavia, ho permesso loro di conservare le registrazioni per il loro piacere privato", ridacchiò, "Ne vuoi anche una copia? "

Poteva sentire la sua figa contorcersi attorno al suo cazzo duro. Poi borbottò, "Y...sì, penso di volerlo. Ma questo non significa che tutto va bene e dandy adesso!"

"Oh, lo so! Ti arrabbierai con me per i prossimi giorni e probabilmente mi scoperai scioccamente finché il mio cazzo non sarà rosso e crudo. A proposito, la troupe televisiva voleva qualcosa in cambio della loro discrezione."

Sentì il suo buco sciatto tendersi attorno al suo cazzo, facendogli quasi perdere il carico.

"Dovrai lasciarli giocare con le tue tette."

Wendy squittì mentre lui guidava più a fondo in lei, le sue dita strofinandole furiosamente il clitoride.

"Pensavo che le tue tette avrebbero goduto di un po' di cure da parte di quei ragazzi. Ti stanno aspettando nel loro furgone. Se non ci arrivi entro la prossima ora o giù di lì, l'affare è annullato però."

Wendy urlò di piacere mentre il suo corpo esplose ancora una volta in un incredibile orgasmo. Poco dopo, Luke svuotò il suo seme nel suo corpo ancora tremante mentre premeva il suo corpo caldo e allenato strettamente contro il suo. Che donna incredibile!

Wendy lo respinse lentamente dopo essersi calmata e sorrise: "Penso di non avere scelta allora. Devo comunque togliermi quelle toppe riparatrici dalle tette, forse questi ragazzi possono aiutarmi? Dov'è il furgone?"

"Proprio laggiù," sorrise Luke mentre Wendy si rimetteva di nuovo i suoi pantaloncini distrutti, "Divertiti!"

Osservò silenziosamente la ragazza dirigersi verso il veicolo e non poté fare a meno di chiedersi cosa avrebbero fatto quei ragazzi a quelle sue favolose tette. Luke era sicuro che le sarebbe piaciuta la piccola attenzione in più dopo tutto quello che le aveva fatto passare. Gli avrebbe raccontato ogni dettaglio il giorno successivo, senza dubbio. Forse avrebbero potuto guardare la registrazione insieme mentre lei cercava di renderlo geloso con il suo rapporto. Sì, è stata una buona idea. Si chiese come avrebbe reagito alle riprese ravvicinate della sua figa brutalmente scopata e delle sue tette rimbalzanti che aveva ordinato. Non vedeva l'ora di vederlo!

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

896 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

874 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

800 I più visti

Likes 0

Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo portato la nostra relazione a un nuovo livello. Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione. La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale. Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni...

817 I più visti

Likes 0

A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3 Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non...

799 I più visti

Likes 0

I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

IL SEDICESIMO GIORNO I nostri eroi si alzarono vivi e freschi come appena arrivati ​​dalla confessione; ma a ben guardare si sarebbe potuto notare che il Duc cominciava a stancarsi un po'. La colpa di questo avrebbe potuto essere attribuita a Duclos; non c'è dubbio che la ragazza avesse completamente padroneggiato l'arte di procurargli delizia e che, secondo le sue stesse parole, i suoi scarichi erano lubrificanti con nessun altro, il che confermerebbe l'idea che queste cose dipendono esclusivamente dal capriccio, dall'idiosincrasia , e che l'età, l'aspetto, la virtù e tutto il resto non hanno nulla a che fare con il...

749 I più visti

Likes 0

La nostra amorosa amicizia

Ciao, sono nuovo nella scrittura di storie di sesso, quindi per favore sii gentile. Per la storia renderò le cose più facili con me stesso usando persone che conosco come personaggi. In questo caso, sarò me stesso e lo farò in prima persona e il frutto di questa avventura letteraria sarà una ragazza che conosco chiamata Sarah. Prima lascia che mi descriva, mi chiamo Craig, sono alto 6 piedi e 184 libbre. Ho una bella immagine (credo/spero), che include una confezione da sei, occhi azzurri e una bella linea della mascella. Oh e capelli castani. Quindi, la ragazza... non conosco la...

748 I più visti

Likes 0

Solo un viaggio in autobus... Onesto 3

Il mondo sembrava congelarsi. Non potevo crederci, mi sentivo come se mi avesse tradito completamente, anche se ci conoscevamo solo da un giorno e un po', mi è sembrato un pugnale nel cuore, perché era così civettuola oggi, deve sapeva quello che stava facendo, ma lo faceva lo stesso anche se aveva un fidanzato. Non volendo pensarci un attimo di più ho chiuso la pagina e il mondo ha ricominciato a girare. “RALPH STAI ASCOLTANDO? Urlò l'insegnante dalla parte anteriore della classe mentre lo facevano. Sì ho chiamato debolmente non avendo la più pallida idea di cosa fosse stato detto negli...

751 I più visti

Likes 0

Angelo 2

Angelo 2 © Questa è una fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone o luoghi reali è casuale. ************************************************** **************** Angel lo fissò sorpreso, mentre l'uomo dall'aspetto divertente è i pantaloni a righe tamponati le lacrime che gli scorrevano sul viso con la coda. Chi sei? Lei chiese. Smise di piangere abbastanza a lungo per rispondere. Pensavo che lo sapessero tutti. Egli ha detto. Sono il gatto dalla coda spogliata. Disse agitando la coda con orgoglio. “La maggior parte mi chiama Stripe. Vedi quanto è lunga la mia coda? Non sono belle le strisce? Angel ha convenuto che la coda era davvero carina...

709 I più visti

Likes 0

William Potter

William Potter La storia di William Potter è più difficile da raccontare rispetto alle precedenti. Forse sarebbe meglio iniziare con il suo arresto a New Haven Connecticut nel 1662. (Nota: i processi alle streghe di Salem ebbero luogo nel 1692.) Suo figlio adulto John Porter aveva confessato al ministro della chiesa di aver visto suo padre commettere un atto sessuale con un vitello. Il ministro andò dalle autorità e raccontò loro ciò che gli era stato detto da Giovanni. Quando le autorità andarono da Giovanni per ascoltare la storia da lui, si rifiutò di parlare con loro. Lo hanno arrestato con...

699 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.