Il loro mondo parte 3

418Report
Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana?

Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male.

Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi come una bambola di pezza, senza alcun motivo. Sono stato perfettamente rispettoso con lui e mia moglie per tutto il giorno. non riuscivo a capirlo.

Ma, ripeto, Randy non ha bisogno di un motivo per abusare di me - lo so fin troppo bene. Spesso mi picchiava per qualsiasi piccola cosa, e non potevo dire una parola al riguardo. Cosa potrei dire? Era il ragazzo di Monica! Non poteva sbagliare ai suoi occhi.

Dopo che Randy mi ha preso a calci per qualche minuto, mi ha ordinato di portargli la borsa da palestra piena di attrezzature per il bondage che teniamo nel seminterrato. Dopo che ho recuperato la borsa, ha iniziato a legarmi strettamente. Non ha mostrato pietà per me, legando i nodi più strettamente che poteva. Ci sono voluti solo pochi secondi perché i miei arti legati diventassero completamente insensibili.

Dov'era mia moglie durante tutto questo? Era in bagno, a dare gli ultimi ritocchi al trucco, a prepararsi per la festa. Non le importava di meno che venissi picchiato a sangue nella stanza accanto - questo è ciò che mi ha ferito di più. Per lei, nel migliore dei casi ero una seccatura, un pezzo di merda il cui unico scopo era servire lei e Randy mani e piedi. Sapevo che non avrei ricevuto simpatia da lei.

Dopo che Randy mi ebbe legato fino alla sua soddisfazione, mi afferrò per l'orecchio e si contorse, facendomi guaire involontariamente. Randy mi ha trascinato per l'orecchio nel cortile sul retro. Era impossibile stargli dietro nel mio stato legato, e sono caduto a faccia in giù tre volte lungo la strada. Ogni volta che cadevo, Randy prendeva una manciata di capelli e mi tirava in piedi, poi mi torceva di nuovo l'orecchio per farmi muovere. Infine, abbiamo raggiunto il capannone di stoccaggio del metallo.

Randy ha aperto la porta e mi ha preso a calci nel culo, facendomi barcollare nella piccola struttura. Ho sbattuto forte la testa contro il tosaerba. Mentre cercavo di riacquistare il senno, sono stato improvvisamente immerso nell'oscurità quando Randy ha sbattuto la porta. Il suono della serratura chiusa ha segnato il mio destino.

"Torneremo più tardi stasera, frocio," lo schernì Randy. "Cerca di avere pensieri positivi mentre siamo via, okay?" Ascoltai il suono dei suoi passi che si allontanavano mentre giacevo lì nell'oscurità, incapace di muovermi, le mie mani ei miei piedi che già pulsavano per le corde tese.

Non riesco a descrivere la giornata empia che ho trascorso in quell'orribile capannone. Ho bollito tutto il giorno sotto il caldo sole di luglio. La copertura metallica del capannone fungeva da conduttore del già insopportabile calore. Le bruciature della corda ai polsi e alle caviglie sono durate più di un mese.

È stato il giorno peggiore che abbia mai trascorso in vita mia.

Dopo alcune ore, sono diventato delirante. La mia mente ha iniziato a consumarsi come una batteria scarica. La mia lingua ha cominciato a gonfiarsi. Ero sicuro che Randy mi avesse lasciato qui a morire.

Quando quella sera la porta del capanno si aprì, non ebbi nemmeno la forza di girare la testa e alzare lo sguardo per vedere chi fosse. Attraverso il mio velo di torpore, ho sentito la voce di Randy:

"Ti sei divertito oggi, frocio? Beh, io di certo no! La festa è stata una vera seccatura! Hanno finito la birra dopo solo due barili! Ci credi?"

Mi diede una gomitata con il suo stivale da cowboy e usò il piede per farmi rotolare sulla schiena. "Andiamo, coglione, è ora di far muovere il tuo culo dispiaciuto! Il tempo delle pause è finito! Io e Monica abbiamo bisogno di te in casa." Mi afferrò per i capelli e mi sollevò rudemente in piedi. Una volta in piedi, si voltò e tornò in casa, lasciandomi a seguirlo come meglio potevo.

Feci solo pochi passi prima che le mie gambe traballanti cedessero e cadessi a faccia in giù sull'erba. Dopo diversi tentativi, sapevo che non sarei stato in grado di rimettermi in piedi. Così ho strisciato attraverso il cortile sul retro come un verme, muovendomi alla velocità consentita dal mio corpo torturato.

Sono arrivato alla porta sul retro, ma non riuscivo ad alzarmi per raggiungere la maniglia. "Aiuto!" Riuscii a squittire mentre graffiavo la porta come un gatto. "Mi aiuti per favore!"

Dopo circa 10 minuti, la porta sul retro si aprì e apparve Monica. Indossava ancora la minigonna nera che le avevo stirato prima. Lei mi guardò e ridacchiò, scuotendo la testa incredula.

"Sei un pezzo di merda dispiaciuto, lo sai, stronzo?" mi chiese mentre si accucciava e cominciava a sciogliere i miei nodi. Dal modo in cui era piegata, potevo vedere il suo cavallo e le mutandine di seta bianca che avevo lavato a mano così tante volte. È bastato per farmi uscire dal delirio.

"Ti sei divertita oggi?" Smise di slegarmi per un secondo e mi guardò divertita, un sorriso ironico sulle sue labbra. "Poveretto. So che Randy può essere cattivo a volte... ma è un tale fusto!"

Rise tra sé e sé e scosse la testa. "Giuro, non so perché sopporti questa merda a volte! Dimmi - perché sopporti questo? Voglio dire, cucini, pulisci, mi succhi le dita dei piedi, succhi il cazzo di Randy - e tutto il resto ottieni in cambio è uno schiaffo in faccia! Perché ti lasci trattare così?" Si avvicinò a me e io rabbrividii quando sentii il suo respiro caldo nel mio orecchio. "È perché mi ami?"

"Sì, Monica, ti amo più di ogni altra cosa al mondo," ansimai, le lacrime cominciarono a formarsi nei miei occhi.

"È carino, tesoro. Non posso dire che ti amo, ma è il pensiero che conta, giusto? Non sei un gran marito - ma sai come leccare un culo, te lo do quello", ha scherzato mentre continuava a slegarmi. "E tu sei così premuroso: quanti mariti permetterebbero al fidanzato della propria moglie di vivere con loro? Sei una vera pesca, tesoro!"

Finalmente le mie mani ei miei piedi erano liberi. "Grazie, Monica," ansimai mentre cercavo di rimettermi in piedi. Non mi ha risposto mentre si girava ed entrava in casa senza voltarsi indietro.

Mi alzai a fatica e la seguii in soggiorno. Randy era seduto sul divano a guardare la televisione. Monica si lasciò cadere sul divano accanto a lui.

"Vai a prendermi una birra fresca", ordinò Monica quando entrai per la prima volta in soggiorno.

"Anche io", ha aggiunto Randy.

Quando sono tornato dalla cucina, Randy stava lottando per togliersi gli stivali da cowboy. Mentre gli poggio la birra davanti, ha messo i piedi sul tavolino. "Togliti questi dannati stivali," ordinò, agitato.

È stata dura, ma alla fine sono riuscito a togliergli gli stivali ostinati. Ho notato che erano scrostate; Avrei dovuto lucidarli più tardi.

"Massaggiami i piedi," disse Randy casualmente mentre mi accarezzava il naso con il suo piede coperto di calzini.

Mi inginocchiai davanti a Randy e iniziai devotamente a massaggiargli i piedi. Non mi prestò molta attenzione mentre si sdraiava sul divano con un braccio intorno a Monica. Ha iniziato a giocare distrattamente con la tetta di mia moglie mentre si sedevano e guardavano la TV.

Mi stavo ancora riprendendo dal mio calvario nel capannone. La mia lingua era ancora gonfia e non avevo bevuto niente per tutto il giorno. Ogni volta che vedevo Monica o Randy bere un sorso della loro birra, il mio cuore si riempiva di gelosia. Ma avevo paura di chiedere loro se potevo avere da bere.

A cosa ero arrivato? Non riuscivo nemmeno a trovare il coraggio di chiedere un bicchiere d'acqua! Ero stato trattenuto così a lungo che sapevo che non sarei mai più riuscito a rialzarmi. Per la millesima volta, mi colpì: questa era la mia triste sorte nella vita - e non c'era niente che potessi fare al riguardo.

Ma alla fine, ho dovuto chiedere. Avevo praticamente la schiuma in bocca, avevo tanta sete.

"Ehm, scusami." Entrambi mi guardarono incuriositi. Raramente iniziavo una conversazione con loro, specialmente mentre guardavano la TV.

Ero terrorizzato, ma dovevo chiedere. "Mi dispiace, ma potrei per favore avere qualcosa da bere?"

Monica guardò Randy e gli strizzò l'occhio scherzosamente. "Non lo so, faccia di cazzo," mi ha schernito. "Quanto lontano sei disposto ad andare per un drink?" Si portò un dito al mento. "Hmmm... vediamo... mangeresti un po' di merda di cane?"

"Sì, Monica, per favore, farò qualsiasi cosa!"

Randy si intromise: "Mangeresti una delle mie caccole?"

"Sì, signore, farò tutto quello che dici."

Randy si rivolse a Monica. "Cosa ne pensi, tesoro? Dovrei far mangiare una cacca a quel fottuto cane?"

Monica arricciò il suo bel naso. "Yuck. È schifoso! Se hai intenzione di farlo, non voglio vederlo!"

"No, va bene," disse Randy. Agitò maestosamente la mano. "Vai avanti, stronzo. Vai a prenderti un drink."

Ero sollevato dal fatto che mi avesse dato il permesso di bere qualcosa quanto lo ero per il fatto che non avrei dovuto mangiare una delle sue caccole. Quando mi voltai per strisciare fuori dalla stanza, Randy mi fermò.

"Aspetta. Perché non lo facciamo una bevanda mista?" disse alzandosi. "Seguimi."

ho deglutito. Sapevo cosa stava arrivando.

Strisciai dietro di lui mentre andava in bagno. Lo guardai dalle mie ginocchia mentre pisciava a lungo, schizzandolo sull'orlo del water.

Dopo che Randy ebbe finito, fece cenno al gabinetto. "Vai avanti. Prendi il tuo drink."

Strisciai con apprensione verso il comò. Sapevo di non avere scelta, quindi ho chiuso gli occhi e ho infilato la faccia nell'acqua pisciata e ho iniziato a leccarla lentamente. Non era quello che avevo in mente, ma almeno ha placato un po' la mia sete.

Ho sentito la voce di Monica che mi chiamava dal soggiorno: "Randy? Diciamo, cosa stai facendo fare adesso al mio povero marito?"

"Vieni qui e guarda tu stesso", rispose Randy.

Dopo un momento, ho sentito Monica ridacchiare dalla porta. "Sei terribile!" lo rimproverò scherzosamente. "Fargli bere la tua acqua pisciata... stai mettendo in imbarazzo il povero caro!"

Randy ridacchiò. "Aww, Monica, è una palla di melma... e le palle di melma non si imbarazzano! Alle palle di melma come lui piace ficcare la faccia nel cesso. Non è vero, palla di melma? Non ti piace ficcare la faccia nel cesso e bere la mia piscia?"

"Sì, signore," gorgogliai meglio che potevo con la faccia nell'acqua del water.

"Beh, visto che ti piace succhiare il piscio, togliti di mezzo", disse Monica. "Devo andare anch'io."

Alzò la minigonna e abbassò le mutandine bianche. Si chinò in avanti mentre iniziava a fare pipì. Randy mi afferrò per i capelli e mi avvicinò il viso alle sue cosce.

"Guarda, cazzo... quella è la fica di Monica! Non è carina? Guarda, sta pisciando! Non è la cosa più bella che tu abbia mai visto in vita tua?" Torse la presa sui miei capelli e avvicinò il mio viso alla sacra vagina di mia moglie. "Guarda come sono belli i peli pubici biondi... guarda le sue labbra rosa. Dovresti davvero provarlo qualche volta... non crederesti quanto sia stretto quando ci metti il ​​cazzo per la prima volta. Ma, oh, Dimenticavo: non hai mai avuto il piacere, vero?"

"Diavolo, no, non ha mai avuto il piacere," Monica sbuffò disgustata, prendendo la carta igienica. "Riesci a immaginare qualcuno che voglia davvero scopare questo grassone?"

Detto questo, si è asciugata e poi mi ha infilato in bocca la carta igienica usata, facendomi vomitare. Si alzò, si tirò su le mutandine e mi afferrò forte per la collottola. "Torna al mondo della pipì, tesoro!" Mi ha spostato di nuovo in bagno. Sentii il suo piede scendere sulla mia nuca mentre spingeva la mia faccia nell'acqua, ora benedetta dalla sua urina oltre che da quella di Randy.

"Resta lì finché non ti diremo diversamente."

Li ho sentiti uscire e salire le scale. Non li ho più sentiti fino al mattino successivo, quando hanno chiamato per la colazione.

Per favore commenta come ti è piaciuta questa storia e come pensi che potrebbe migliorare. e se non ti piacciono le storie di cornuti per favore non rispondere con commenti come "questo è stupido" solo non lasciare un messaggio se non ti piacciono questo genere di cose

Storie simili

La nostra amorosa amicizia

Ciao, sono nuovo nella scrittura di storie di sesso, quindi per favore sii gentile. Per la storia renderò le cose più facili con me stesso usando persone che conosco come personaggi. In questo caso, sarò me stesso e lo farò in prima persona e il frutto di questa avventura letteraria sarà una ragazza che conosco chiamata Sarah. Prima lascia che mi descriva, mi chiamo Craig, sono alto 6 piedi e 184 libbre. Ho una bella immagine (credo/spero), che include una confezione da sei, occhi azzurri e una bella linea della mascella. Oh e capelli castani. Quindi, la ragazza... non conosco la...

363 I più visti

Likes 0

La mia vita sessuale Episodio 6 La sorella del migliore amico

Quindi riavvolgiamo gli orologi indietro ai miei giorni di scuola in cui ero con la mia amica/compagna di sesso Amy, sono abbastanza sicuro che non fossimo esattamente amici in quel momento perché ero impegnato in una relazione ma ho finito per uscire da poco non mentirò questa relazione mi ha colpito duramente normalmente ne esco da una e in qualche modo sono felice perché ora posso scopare di nuovo altre ragazze ma questa volta mi ci è voluto un po' per riprendermi. Sono trascorse circa 2 settimane dalla mia brutta rottura e all'epoca la sorella del mio migliore amico Jeff, Paige...

357 I più visti

Likes 0

Il dilemma di Donnie

TUTTI IN QUESTA STORIA HANNO ALMENO DI 18 ANNI O PI. Donnie Hamilton è il tipico fratellino adolescente fastidioso. C'erano solo due anni di differenza nell'età tra lui e sua sorella maggiore, Lucy. Dal modo immaturo in cui si è comportato, si potrebbe pensare che ci fosse molto più di un divario di età. Tollerava il comportamento giovanile di Donnie perché lo amava. Ha imparato a sopportare i suoi scherzi perché ha capito che Donnie stava attraversando la pubertà e stava iniziando a interessarsi alle ragazze. Sapeva anche che era troppo giovane e inesperto per capire perché fosse attratto dal sesso...

328 I più visti

Likes 0

L'incidente che ha cambiato in meglio la mia vita

L'incidente che ha cambiato la mia vita in meglio. Al liceo, avevo fatto sesso solo con 2 ragazze. Il primo è stato perché ho sentito che era facile. Come si è scoperto, lo era. L'ho scopata al primo appuntamento. C'era un grosso problema, o dovrei dire un piccolo problema. Il mio cazzo è piccolo. Nella migliore delle ipotesi è di 5 pollici. A questa ragazza piaceva scopare e so che non mi stavo prendendo cura di lei. Ho scoperto che si stava scopando gli altri quando dovevamo uscire insieme. Questa storia non durò a lungo. Non potevo prendermi cura di lei...

361 I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

328 I più visti

Likes 0

SENTIRLO

Sono tornato a casa dalla spesa. Noi ragazze amiamo fare acquisti e io ero via da 3 ore. Sono entrato nella mia camera da letto e ho annusato due cose. Cum e il dopobarba di mio figlio. Due cose che mi piacciono davvero. Ho dovuto indagare. Andavo in giro ad annusare tutto con attenzione. Ho trovato il forte odore di sperma sul mio cuscino. Ho trovato due piccoli punti sul bordo. Ho puntato il naso su di loro. Cum. Non confondere quell'aroma. Ho continuato a girare per la stanza. Sul mio comò c'era una mia foto quando avevo 18 anni al...

257 I più visti

Likes 0

JAMIE: tragica ironia del sesso adolescenziale

C'erano due qualità nel mio compagno di liceo, Kmart Cowboy, che ero sinceramente due qualità nel mio compagno di liceo, Kmart Cowboy, che apprezzavo sinceramente. Prima di tutto, aveva un veicolo. In un momento della mia vita in cui andare in bicicletta diventava sempre più sgradevole, avere un amico con un camion era più importante che indossare biancheria intima pulita. In secondo luogo, Kmart Cowboy ha giocato. Tra tutti i miei soci dell'epoca, Kmart Cowboy aveva più fidanzate, partner sessuali e concubine di quante ne potessi tenere traccia. Queste due qualità mi hanno fornito un incentivo sufficiente a trascorrere una notevole...

213 I più visti

Likes 0

Curve: un vero allenamento

Ben aveva appena compiuto 26 anni quando è stato assunto. Sua madre e sua sorella si erano davvero esercitate dopo gli eccessi delle vacanze e all'inizio di febbraio si allenavano cinque volte a settimana. Né la madre né la figlia erano particolarmente sovrappeso, ma si sono divertite insieme e hanno notato quasi immediatamente che avevano più energia. I due facevano una routine e si attenevano ad essa. Barbara e Torey Reynolds erano membri di Curves, una struttura per esercizi a circuito per sole donne. Ce n'erano diversi vicino a casa loro, incluso uno al centro commerciale in fondo alla strada. Ben...

269 I più visti

Likes 0

Cavalla montata

JoJo è una bellissima donna musulmana di 36 anni, separata dal marito da un anno. È amica di un socio in affari del Medio Oriente. Mi ha invitato a venire a casa sua. È arrivata a casa nello stesso momento in cui sono arrivato io, ci siamo salutati, con ciò si gira velocemente sui tacchi, e se ne va verso la porta sul retro della casa. Guardo il suo culo in quei jeans attillati. Ho dovuto raggiungere e regolare il mio cazzo nei pantaloni. Sono a disagio con il mio cazzo duro nel suo allineamento attuale. Gemetti tra me e me...

415 I più visti

Likes 0

Una Santa Femmina incontra il cane da guardia..._(1)

Era stretto. Molto stretto. Improvvisamente si ricordò della casa dell'anno scorso quando il suo vestito attillato graffiava le pareti incrostate di fuliggine del camino. Bella casa, grande soggiorno... residente caldo. Sorrise mentre si trascinava più in basso lungo i muri di mattoni, sentendo improvvisamente una brezza salire dal focolare, un ruscello sotto di lei. Qualcuno era appena uscito... o era entrato nella stanza. La brezza le fece saltare la gonna e lei rabbrividì. Non è la notte per andare senza mutandine, pensò. Poi di nuovo, ha dovuto lasciare qualcosa per un regalo. Trattenne il respiro e scivolò giù, senza sentire più...

88 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.