Diventa la mia troia o altro

49Report
Diventa la mia troia o altro

L'ultima volta ti ho lasciato con l'essere stato beccato a fare sesso con Adam da John. Le voci che ho sentito erano quelle di John e Angelo, erano entrati nell'appartamento proprio mentre il mio orgasmo era finito. Sono riuscito a scivolare via dal grembo di Adam. Mentre mi alzavo, la mia figa ha ruttato e la sborra ha iniziato a scorrermi lungo le cosce. Adam nel frattempo è sprofondato ancora di più nel divano.

“JANET, che cazzo,” urlò John mentre si avvicinava al divano.

"Lascia che ti spieghi, John", risposi con tono di paura.

John si è avvicinato al divano e ha visto che era Adam quello che stavo cavalcando, ha urlato: "Ti avevo detto di stare con il suo Adam, di vegliare su di lei e di essere suo amico", "NON SCOPARTLA".

Adam non ha detto niente, è solo codardo sul divano. John ha iniziato a fare una mossa verso il divano verso Adam. Potevo vedere la rabbia nei suoi occhi mentre lo faceva. Fortunatamente, Angelo lo afferrò da dietro e fermò la sua avanzata verso Adam.

“Calmati John prima di fare qualcosa di cui ti pentirai,” disse Angelo allontanandolo dal divano.

"PERCHÉ Janet", "Perché scoparmi alle spalle in questo modo?" chiese John mentre Angelo lo teneva.

"PERCHÉ perché eri fuori a divertirti con GINA, ecco perché", gli ho urlato.

Angelo si è avvicinato a John spingendo contro il suo petto mentre mi guardava mentre rispondeva: "No, ti sbagli Miss Janet, Gina è scomparsa, si è presentata all'aeroporto come doveva anche lei oggi", "John è stato con io tutto il giorno cercando di rintracciarla.

"Gina è scomparsa", risposi tristemente.

Sono rimasto lì a fissare John; Ero stato così stupido. Ancora una volta, ero saltato alle conclusioni, pensando che stesse facendo qualcosa di diverso da quello che era veramente. Il mio cuore è sprofondato nel mio petto perché sapevo di essere in grossi guai.

"Non ti importa Janet, la tua fottuta gelosia non ti permetterà di interessarti solo a te stessa", "La tua fottuta gelosia ci distruggerà un giorno", rispose John mentre scuoteva la testa.

John gli prese un piede e diede un calcio allo schienale del divano mentre chiedeva: "Allora qual è la tua fottuta scusa, Adam?"

Adam guardò imbarazzato dal divano verso John mentre lui rispondeva: "Stavo solo facendo come hai chiesto a John, la stavo solo rendendo felice".

La mia figa ruttò di nuovo quando lo sperma di Adam mi uscì. John guardò la mia figa mentre diceva: "Dannazione, sembra che tu l'abbia riempita di fottuta felicità".

"Allora di chi è stata l'idea del sesso?" chiese John con rabbia.

"Gli stavo solo mostrando le basi perché era vergine, John", singhiozzai.

"UNA VERGINE", John schernì. «Diglielo Adam», aggiunse John.

"AH quella era una bugia, Janet", disse Adam imbarazzato con la testa china.

Adam ha confessato che non era vergine, l'ha accettato solo per convincermi a scoparlo. John si avvicinò a noi mentre diceva ad Adam di vestirsi. John si è girato verso di me e mi ha detto di portare il mio fottuto culo in camera da letto. John mi ha detto che mi avrebbe raggiunto tra un minuto o due. Corsi in camera da letto piangendo, sapevo di essere nei guai. Mi sono seduto sul bordo del letto, ho usato il lenzuolo per pulire un po' di sperma di Adam dalla mia figa. Ho sentito John parlare con Angelo.

"Porta Adam qui a casa e assicurati di dargli quello che gli viene in mente", disse John ad Angelo.

“SI,” rispose Angelo.

Ho sentito la nostra porta d'ingresso chiudersi mentre John entrava in camera da letto, "Janet ti sei divertita con Adam?" chiese John mentre torreggiava su di me mentre mi sedevo sul letto.

"NO John", risposi mentre lo guardavo.

"Bene, vedremo presto se stai mentendo di nuovo", rispose John mentre accendeva la TV nella nostra camera da letto.

John si avvicinò all'armadio e raggiunse l'interno dietro la porta. Ho sentito un ronzio meccanico provenire dall'armadio. I suoni erano come quelli che fa un registratore mentre si riavvolge. John si voltò verso di me con un telecomando in mano.

"Allora, ti interessa dirmi la verità o devo mostrartela?" chiese John mentre saliva sul letto.

"John, mi dispiace e sì, mi sono divertito con Adam", risposi mentre mi alzavo dal letto.

Mi sono avvicinato per prendere la mia vestaglia mentre me la infilavo. John mi ha detto di togliermelo, gli piaceva il fottuto completo da troia che indossavo. John mi ha detto che era bello quasi quanto il vestito che avevo addosso nel parcheggio del centro commerciale. Mi voltai verso di lui con un'espressione di orrore sul viso. Sapeva del mio divertimento con i tre uomini al centro commerciale. John sembrava essere calmo e collettivo mentre mi diceva che sapeva esattamente quello che stavo facendo.

"John, mi dispiace, ho solo pensato..." iniziai a dire quando John mi fermò.

"So che stavi controllando la tua gelosia", disse John.

Lo guardai in modo strano, mentre pensavo tra me e me come lo sapeva. Ero lì spaventato a morte, dato che non avevo idea che lui sapesse qualcosa di quello che avevo combinato anch'io. Gli ho detto ancora una volta che mi dispiaceva per tutto quello che avevo fatto. Mi arrampico sul letto strisciando lentamente verso di lui.

"Va bene Janet, non sono arrabbiato con te, sono solo ferito perché avresti potuto dirmi cosa stavi facendo", disse John mentre apriva il braccio per farmi coccolare contro di lui.

"John, come hai potuto non essere arrabbiato con me", gli chiesi mentre mi rannicchiavo accanto a lui.

"Janet, ti amo perché sei te", "In più so che non sono stato qui per te di recente per quanto riguarda il calcio", "Non avevo pensato che tu facessi sesso con Adam", rispose John mentre faceva scivolare il braccio intorno alle spalle. io sul letto.

“John, devo chiederti cosa intendevi quando hai detto ad Angelo di dargli quello che aveva in serbo per lui,” chiesi con preoccupazione sul viso.

John ha fatto una piccola risata mentre ha risposto: "Non preoccuparti per la tua verginella, è in buone mani, Angelo lo sta presentando a mia zia, tutto qui". John mi guardò e aggiunse: "Pensavi che fosse qualcos'altro, vero?"

Ho scosso la testa sì mentre John ha detto: "Questo è tutto il tuo problema, Janet, pensi troppo". "Pensi che mi scopi ogni donna che incontro", "Janet, se mai mi fotterò un'altra donna, sarà sempre con la tua benedizione."

"Mi dispiace John, so che quando divento geloso ti turba, ma perché hai chiesto ad Adam di vegliare su di me?" chiesi guardandolo in faccia.

"Ho solo pensato che ti avesse dato qualcuno con cui parlare anche quando non ero in giro." "Non avrei mai pensato che avresti provato qualcosa con lui." "In più il fatto che Kim gli stava facendo del sesso come favore per me, quindi non ero preoccupato per lui", ha risposto John accarezzando i miei lunghi capelli biondi con la mano.

“L'ho scopato solo perché ce l'avevo con te,” risposi lanciandogli uno sguardo triste.

"Sì, ho pensato che potresti aver fatto qualcuno dopo avermi dato il culo e aver detto quanto eri una ragazza cattiva", ha detto John. "In più sapevo che qualcuno ti aveva scopato prima che tornassi a casa perché quella figa era stata usata, lo capivo," aggiunse sorridendomi.

"Mi chiedevo se lo sapessi", risposi mentre gli accarezzavo il viso con la mano.

"Non ero sicuro che fosse Adam, quindi è per questo che ho truccato la mia videosorveglianza su di te", disse John mentre faceva clic sul telecomando che aveva in mano.

La TV prese vita mostrando Adam che si spogliava in soggiorno. Potevi sentire il vetro rompersi quando Adam si voltò verso la camera da letto con uno sguardo preoccupato. Sono entrato nell'inquadratura e poi sono uscito dall'inquadratura per accendere un po' di musica. Con la musica in sottofondo, ho iniziato a ballare sul nastro che stava suonando in TV.

Devo ammettere che vedermi su nastro mi ha fatto capire alcune cose. Uno era che sembravo sexy in quel vestito. Due, avevo bisogno di lavorare sui miei passi di danza. Tre, dio se sembravo davvero una troia mentre ballavo e suonavo davanti ad Adam. Feci scorrere la mano sul davanti dei pantaloni da jogging di John. Direi che si stava godendo quello che stava guardando. Il suo cazzo era duro e palpitante mentre lo strofinavo con la mano.

Ho giocato con il suo cazzo mentre tornavo a guardarmi in TV. Potevo sentire la mia figa iniziare a scaldarsi mentre guardavo Adam che si tirava il cazzo mentre ballavo davanti a lui. Stavo rimbalzando il culo contro il cazzo di Adam nel video.

"Sicuramente stavi prendendo in giro quel ragazzo con il tuo culo." "Sei proprio una troia del cazzo", disse John. Poi John ha spinto la mia testa verso il suo cazzo mentre diceva: "Succhialo, piccola troia".

Mi sono spostato verso il suo cazzo mettendomi le mani e le ginocchia accanto a lui, ho liberato il suo cazzo dai suoi pantaloni da jogging. Il suo cazzo schizzò fuori dai suoi pantaloni da jogging in piedi duro e palpitante. Ci avvolsi le dita intorno mentre iniziavo a pompare la mia mano su e giù sul suo cazzo. Ho messo le mie labbra sul suo cazzo mentre tiravo fuori la lingua leccando la testa del suo cazzo. Feci scorrere la lingua intorno alla base della sua testa di cazzo mentre pompavo il suo cazzo rimanente con la mano.

"HO DETTO DI SUCCHIARLO TROIA", urlò duramente John mentre afferrava una manciata dei miei lunghi capelli biondi e li tirava.

Ho subito preso il suo cazzo in bocca. Ho iniziato a muovere la testa su e giù su di esso. Stavo solo lavorando circa la metà del suo cazzo nella mia bocca. Lo stavo succhiando forte ogni volta che alzavo la bocca sul suo cazzo. Ho sentito John che mi passava la mano sulla sommità della testa.

John ha spinto la mia testa giù per il suo cazzo mentre diceva: "Succhia tutto troia", mentre spingeva la mia testa fino alla base del suo cazzo.

John mi ha tenuto la testa bassa con la bocca piena del suo cazzo. Ho dovuto respirare attraverso il naso mentre mi teneva la testa bassa. John iniziò a tirarmi i capelli sollevando la mia bocca dalla base del suo cazzo. Mi ha tirato la testa su per il cazzo usando i miei lunghi capelli biondi. Quando ebbe la mia bocca ancora appena avvolta intorno al suo cazzo, mi spinse indietro la testa spingendo tutto il suo cazzo nella mia bocca.

"Guarda che puttana infili le tue tette in faccia a quel ragazzo," disse John mentre riportava la mia testa sul suo cazzo.

Ho guardato con la coda dell'occhio per vedere che stavo usando le mie tette sulla faccia di Adam nel video. Ho appena succhiato più forte il cazzo di John mentre guardavo il video. John iniziò a tirarmi la testa su e giù sul suo cazzo con la mano avvolta nei miei capelli. Tra lui che era energico con me e guardarmi in video la mia figa gocciolava.

"Dannata puttana quel ragazzo stava perdendo un po' di pre-cum", ha detto John. "Scommetto solo che ti è piaciuto leccare quella roba", ha aggiunto.

Aveva ragione su questo, Adam ha effettivamente fatto fuoriuscire enormi quantità di pre-cum dal suo cazzo. Ho sempre amato il gusto del pre-cum fin dalla prima volta che l'ho assaggiato con mio fratello anni fa. John iniziò a muovere i fianchi verso l'alto mentre spingeva la mia testa sul suo cazzo. Ho visto nel video che ora stavo prendendo il cazzo di Adam tra le mie tette.

"Ahi, vedo che gli hai dato il pizzicotto per rallentarlo un po'", disse John lasciandomi andare i capelli.

Continuavo a muovere la testa su e giù sul suo cazzo. Stavo prendendo tutto il suo cazzo profondamente nella mia bocca. Ho sentito John dirmi che stavo ballando come una vera troia davanti ad Adam. Ero troppo impegnato a succhiare il suo cazzo duro e strofinare la mia figa per guardare verso la TV. Mentre stavo succhiando ho lasciato la mia mano vagare tra le mie gambe. La mia figa era bagnata mentre strofinavo le dita contro le labbra della mia figa.

"Togli la mano dalla tua figa", urlò John seguito da uno schiocco forte sul mio sedere con la mano. "Ho detto di tirare via la mano", urlò di nuovo John.

Ho giocato con la mia mano sulla mia figa solo per vedere cosa avrebbe fatto. Ragazzo, sicuramente avrei voluto aver mosso la mano quando me l'ha detto. Ho sentito la mano piena di John atterrare esattamente sul mio sedere con forza mentre il suono di un forte schiocco riempiva la stanza. Mi sentivo il culo come se qualcuno ci avesse infilato sopra un attizzatoio rovente. Il mio sedere stava bruciando nel punto in cui la sua mano era atterrata.

"OWW," urlai mentre staccavo la bocca dal suo cazzo.

John mi afferrò di nuovo la testa per i capelli e mi spinse indietro la testa sul suo cazzo mentre diceva: "Nessun corpo ti ha detto di smettere di succhiare la troia, vero?"

“No,” riuscii a dire prima che mi riempisse di nuovo la bocca del suo cazzo.

John fece scorrere leggermente la mano sul punto in cui mi aveva schiaffeggiato sul sedere. La sua mano faceva sentire caldo il punto mentre lo strofinava. Ho fatto oscillare la testa su e giù sul suo cazzo mentre mi strofinava il culo con la mano. John ha fatto scivolare un paio di dita sulle labbra della mia figa.

"Sei bagnata fradicia, fottuta puttana", "Mi stai fottutamente amando essere energica con te", disse John mentre si massaggiava le labbra della mia figa con le dita. "Guarda la tua fottuta troia che si sfrega la tua figa mentre stuzzichi quel ragazzo con il tuo corpo", aggiunse John mentre mi staccava la testa dal suo cazzo.

John ha afferrato i miei lunghi capelli biondi mentre indirizzava la mia attenzione alla TV. Ero in TV a ballare davanti ad Adam mentre giocavo con la mia fica. Le dita di John che si strofinavano sulle labbra della mia figa stavano facendo gocciolare i miei succhi. Ho guardato mentre spingevo Adam di nuovo sul divano mentre mi alzavo in grembo. John ha spinto due delle sue dita in profondità nella mia figa mentre mi guardavo sedermi sul cazzo di Adam.

"Volevi quel cazzo nella tua fottuta figa, vero troia", ha detto John mentre iniziavo a cavalcare il cazzo di Adam. Il cazzo di John ha iniziato a pulsare nella mia bocca quando l'ho sentito dire: "Dannata troia, stavi macinando quella figa sul suo cazzo".

Ho alzato lo sguardo verso la TV e aveva ragione, mi stavo dondolando avanti e indietro con forza sul suo cazzo. John ha affondato le dita nella mia figa e le ha arricciate verso il basso finché non ha trovato il mio posto speciale. Premette le dita contro di esso e iniziò a strofinare la punta delle dita sul mio punto. Dio, le dita di quest'uomo hanno sempre saputo come spingere i miei bottoni nella mia figa.

John mi stava tirando i capelli mentre giocava con il mio punto speciale, ho gemuto, "John mi farai venire", mentre mi dondolavo contro le sue dita nella mia figa.

"Sborrami sulle dita, piccola puttana," urlò John spingendo la mia testa sul suo cazzo.

Ho aperto la bocca e John ha spinto tutta la mia testa sul suo cazzo. Il suo cazzo era praticamente nella mia gola. Quando le mie labbra toccarono i suoi peli pubici, il mio corpo iniziò a contrarsi. Potevo solo gemere sul suo cazzo mentre il mio orgasmo veniva su di me. La mia figa ha iniziato a spruzzare i suoi succhi sulle sue dita e sul letto. John continuava a infilare le dita nella mia figa facendo durare il mio orgasmo per sempre.

Giuro che ha fatto schizzare la mia figa per più di un minuto. L'interno della mia figa ha iniziato a essere irritato mentre le sue dita scavavano nel mio punto speciale. Dopo un po', divenne decisamente scomodo mentre si arricciava e distendeva le dita contro di esso.

Ho staccato la testa dal suo cazzo mentre dicevo con un gemito: "John, non credo di poter venire più".

"CONTINUA A SUCCHIARE", urlò John mentre dava uno strattone ai miei lunghi capelli biondi.

Ho sentito John togliere le dita dalla mia figa mentre mi costringeva ancora una volta a prendere tutto il suo cazzo nella mia bocca. Cristo, non avevo mai visto John così energico prima. Inoltre, il suo essere energico con me stava solo facendo contrarre di più la mia figa. Lo adoravo facendomi succhiare il suo cazzo così com'era. Tornai a muovere la testa su e giù per tutta la lunghezza del suo cazzo con rinnovato vigore.

“Che brava troietta del cazzo,” gemette John mentre gli succhiavo forte il cazzo.

Ho sentito la mano di John vagare sul mio sedere mentre gli succhiavo il cazzo. L'ho sentito passare le dita sotto la mia figa bagnata e gocciolante, spalmando i miei succhi tra le natiche. Ho succhiato ancora più forte il suo cazzo mentre lo sentivo giocare con il mio buco del culo solo con la punta del dito. Ho tirato su la bocca dal suo cazzo al colpo successivo.

"AHhh che si sente bene," gemetti mentre mi passava la punta del dito intorno al buco del culo.

Ho sentito John che mi stringeva i capelli mentre mi costringeva a tornare sul suo cazzo. Mentre usava la mano per spingere la mia testa sul suo cazzo, l'ho sentito infilare un dito nel mio culo. Scattai un po' in avanti mentre il suo grosso dito mi colpiva il culo.

"Non allontanarti da me troia, quel fottuto stronzo ora mi appartiene", disse John ad alta voce.

Ho sentito John infilarmi un altro dito nel buco del culo. Ha iniziato a farli entrare ea tempo con la mia testa che dondolava sul suo cazzo. Sembrava quasi che stesse strofinando le pareti della mia figa solo attraverso il mio buco del culo. Un altro orgasmo stava per sopraffarmi quando ho sentito il suo cazzo gonfiarsi nella mia bocca e poi ha iniziato a pulsare.

"Prendi il mio sperma, fottuta puttana", urlò John mentre pompava le dita dentro e fuori dal mio culo.

Ho cercato di sollevare un po' la testa dal suo cazzo. Tuttavia, John mi ha appena abbassato la testa. Il suo cazzo pulsava e poi si contorceva mentre il suo sperma soffiava dal suo cazzo in profondità nella mia bocca. Il suo cazzo ha sparato colpi di sperma spessi e pesanti in profondità nella mia bocca. Il volume di sperma proveniente dal suo cazzo era troppo da sopportare per me. Ho fatto del mio meglio per ingoiare tutto il suo sperma, tuttavia ho finito per soffocare e soffocare il suo sperma.

"AHHHhhh, cazzo, svuotami il cazzo, troia del cazzo," gemette John.

Quando ho iniziato a soffocare, ho sentito John lasciare la presa sui miei capelli. Sono stato in grado di staccare la testa dal suo cazzo. Il suo cazzo stava ancora sparando così l'ho afferrato con la mano. Ho munto il resto del suo sperma dal suo cazzo; mi schizzava su tutta la faccia. Ho spremuto il suo cazzo facendo fuoriuscire l'ultimo pezzetto del suo sperma dalla testa del suo cazzo.

Tornai a guardare John mentre leccavo l'ultima goccia di sperma che scorreva lungo la sua testa di cazzo. John mi stava sorridendo mentre lasciavo andare il suo cazzo. Mi girai per rialzarmi accanto a lui. Ho iniziato a strisciare di nuovo verso di lui. John all'improvviso sollevò le gambe e le fece oscillare sopra di me. Ora era seduto sul bordo del letto.

"Non hai ancora finito SLUT", disse John in tono aspro mentre mi guardava.

John si allungò verso di me e mi afferrò proprio sotto le mie braccia. In qualche modo mi ha semplicemente gettato in grembo mentre si sedeva sul bordo del letto. Aveva fatto così in fretta e senza intoppi che non avevo nemmeno il tempo di reagire. Tuttavia, ho sicuramente reagito quando ho sentito la sua grossa mano scendere sul mio sedere.

"Janet, questo farà più male a me che a te", disse John.

John ha schiaffeggiato la sua mano forte e ad angolo retto sul mio sedere. Ho cercato di allontanarmi da lui ma mi teneva ferma con l'altro braccio. Mi contorcevo in grembo mentre mi sculacciava forte il culo. Dio, non ero mai stato sculacciato così duramente in vita mia. Faceva un male da morire, avevo le lacrime che mi rigavano il viso, mentre urlavo e urlavo ogni volta che la sua mano si posava sul mio sedere.

Il mio sedere mi bruciava a ogni colpo della sua mano. Era strano in un certo senso. Perché faceva un male da morire mentre mi sculacciava, ma d'altra parte la mia figa aveva delle convulsioni contro le sue cosce a ogni schiaffo del mio sedere.

"NON MI SCOPERAI MAI PIU' DIETRO LA SCHIENA", urlò John mentre la sua mano mi sculacciava il culo.

Mi sono sdraiato lì piagnucolando e singhiozzando sulle sue ginocchia. John ha finalmente smesso di sculacciarmi. Pensavo che la mia sculacciata fosse finita. Mi sentivo il sedere come se stesse andando a fuoco. Avevo anche dei succhi di figa che scorrevano dalla mia figa mentre mi infilavo contro le sue cosce. All'improvviso ho sentito John schiaffeggiarmi di nuovo forte il culo con la mano.

"Cazzo, mi hai sentito, JANET?" urlò John mentre mi schiaffeggiava forte il culo a ogni parola che usciva dalla sua bocca.

"SÌ JOHN", ho urlato. "PER FAVORE, smettila, per ora starò bene", "Mi dispiace per quello che ho fatto", ho aggiunto.

Intendevo anche quelle parole perché quegli ultimi sei schiaffi sul mio sedere non sono stati affatto piacevoli. In effetti, mi hanno fatto male mentre mi hanno fatto venire le lacrime agli occhi. Rimasi lì a singhiozzare sulle sue ginocchia. John si alzò con me disteso tra le sue braccia. Ha fatto oscillare le mie gambe verso il punto in cui ero in piedi di fronte a lui mentre mi avvolgeva intorno a quelle adorabili braccia grandi.

La mia testa pendeva sepolta contro il suo petto. Singhiozzai contro il suo petto mentre mi stringeva. John mi tenne a lungo senza dire una parola. Alla fine ha tolto le braccia da me mentre si allontanava da me. Ho appena lasciato la mia testa penzoloni mentre si allontanava. John prese due dita e me le mise sotto il mento prima di alzarmi la testa. John guardò il mio viso pieno di lacrime mentre lo guardavo negli occhi.

“Adesso vai sotto la doccia e parleremo quando torno, se mai torno,” disse John senza emozioni nel suo tono di voce.

"Ma dove stai andando?" Ho chiesto. John mi lanciò uno sguardo severo e duro e io aggiunsi frettolosamente: "Non importa, vado a fare la doccia".

Mi girai e uscii dalla nostra camera da letto e lungo il corridoio verso il nostro bagno. Ogni passo che facevo sembrava tirare il mio sedere rosso e ardente. Quando sono arrivato in bagno, ero contento di non averlo più interrogato. Mi sono seduto sul water per fare pipì, ma sono saltato giù dal sedile quando le mie natiche arrossate l'hanno incontrato. Mi sono alzato a fare pipì nel gabinetto.

Ho acceso la doccia, mi sono girato e ho visto le mie natiche rosse e luminose nello specchio. Erano più rossi di quanto avessi mai visto quelli di John dopo una sculacciata di sua zia. Entrai lentamente nella doccia anche se l'acqua che mi cadeva contro il sedere mi faceva male. Mi sono girato in modo che il mio culo fosse fuori dall'acqua. Rimasi lì a lasciare che l'acqua mi cadesse sul viso mentre pensavo a quello che era appena successo.

L'acqua calda mi schizzava sui seni mentre chiudevo gli occhi. Ho pensato a quanto mi ero divertito quando John era stato energico con me mentre mi faceva succhiare il suo cazzo. Ho pensato a come faceva spruzzare intensamente la mia figa con le sue dita.

La mia mente andò alla sculacciata che mi aveva dato. Potevo sentire il mio culo ancora bruciare mentre ricordavo quanto avevo amato ogni schiaffo della sua mano contro il mio sedere. Stavo ricominciando ad eccitarmi pensando a quello che mi aveva appena fatto. La mia figa ha iniziato a contrarsi di nuovo mentre me ne stavo lì sotto la doccia a pensarci. Ho afferrato la bacchetta regolabile del soffione della doccia e l'ho fatta pulsare. Ho regolato l'acqua appena un po' calda.

Rimasi lì allargando le gambe mentre dirigevo il flusso dell'acqua pulsante verso la mia figa. Gemetti piano mentre sentivo l'acqua rotolare sulle labbra della mia figa. Ho fatto scorrere la bacchetta della doccia avanti e indietro contro la mia figa lasciando che l'acqua battesse contro le labbra della mia figa. Ho iniziato a pompare la mia figa verso l'acqua pulsante mentre ero lì sotto la doccia.

"AHHhhh Fanculo che ti fa sentire bene," gemetti sotto la doccia.

Mi appoggiai contro il muro mentre reindirizzavo l'acqua pulsante verso la parte anteriore della mia figa. Mentre lo facevo, il mio sedere ha sfiorato il muro. Mi ha fatto male ma mi ha fatto tremare la figa mentre sentivo il bruciore sul culo mentre premevo il sedere contro il muro. Posizionai la bacchetta del soffione della doccia in modo che l'acqua pulsante schizzasse contro il mio clitoride.

"AHHHHHh," gemetti ad alta voce mentre premetti il ​​mio culo in fiamme con fermezza contro il muro.

Il getto d'acqua contro il mio clitoride mi fece tremare mentre un potente orgasmo prendeva il sopravvento sul mio corpo. Mi dimenai contro il muro mentre l'acqua cadeva sopra e contro il mio clitoride. Ho iniziato a scuotere il sedere contro il muro, mi faceva male ma allo stesso tempo mi sentivo così dannatamente bene. Riuscivo a malapena a stare in piedi mentre il mio orgasmo raggiungeva il suo apice. Ho appena tremato contro il muro lasciando cadere la bacchetta della doccia mentre mi strofinavo le mani sulla figa.


In pochi minuti ho ripreso la calma. Ho finito la doccia e sono uscito dalla doccia. Gli specchi e l'intero bagno si erano appannati per il vapore della doccia. Mi sono asciugato e ho notato che il mio sedere era ancora un po' bruciato, ma niente del genere.

Andai in camera da letto dove mi infilai la vestaglia. Mi asciugai i capelli prima di uscire in soggiorno. Ho acceso un po' di musica poi mi sono seduta molto dolcemente sul divano. Il mio sedere era ancora in fiamme ma la puntura stava iniziando ad andare via.

Mi sono seduto lì chiedendomi se John sarebbe tornato. Ho ricominciato a piangere pensando a quanto fossi stato sciocco. Avevo lasciato che la mia gelosia prendesse me. DeRonda mi aveva avvertito e anche Kim. Ho pianto ancora più forte mentre pensavo che se solo li avessi ascoltati. Sapevo che John mi amava con tutto il cuore. Non avrei mai dovuto fare le cose che stavo facendo. Col senno di poi, era John, che avrebbe dovuto essere geloso. Dato che stavo facendo tutto il cazzo in giro. Ho pianto per più di un'ora, li avevo cacciati dall'uomo che amavo così tanto dalla mia vita. Non c'era nessuno da incolpare tranne me stesso.

Mi sono seduto lì a raccontare ogni piccolo incidente di cui ero diventato geloso, sia che fosse a causa di Kim, Gina e Kathy la capo cheerleader o anche di sua zia DeRonda. Ogni uscita era la stessa; John non stava facendo nulla per cui avrei dovuto diventare geloso in primo luogo. Avevo sbagliato così tanto che tutto quello che potevo sperare ora era di non spezzargli il cuore in modo irreparabile.

Ho deciso che non sarei mai più stata gelosa. Tutto quello che potevo fare era sedermi lì e sperare che John tornasse a casa da me. Spero davvero che l'abbia fatto perché avevo qualcos'altro da dirgli oltre al fatto che non sarei mai più geloso. Volevo dirgli quanto mi era piaciuto e quanto lo amavo essere forte con me mentre mi faceva succhiare il suo cazzo.

Volevo dirgli quanto lo amo essere dominante e responsabile di me. La dura sculacciata di cui probabilmente potrei fare a meno, tuttavia avevo fatto qualcosa di sbagliato quindi me lo meritavo. Volevo dire a John che sarei diventata la sua puttana da usare come meglio credeva. Il mio corpo era al suo comando, se mi avesse detto di scopare qualcuno gli avrei chiesto come.

La mia figa ha persino iniziato a contrarsi di nuovo mentre pensavo a John che mi dava ordini. Circa sei ore dopo John tornò a casa. Mi girai verso la porta mentre la guardavo aprirsi lentamente.

I miei occhi si sono spalancati mentre Gina entrava dalla porta con un enorme mazzo di rose tra le braccia. Sono saltato giù dal divano e sono corso da lei. Le ho gettato le braccia intorno mentre le davo un grande abbraccio e iniziavo a baciarla su tutto il viso. Ho rotto le rose tra di noi mentre lo facevo.

"GINA, sei al sicuro grazie a dio", dissi mentre mi aggrappavo a lei per tutta la vita.

"Sì, sono Janet, grazie a mia cugina", ha risposto Gina mentre la lasciavo andare.

Mi sono guardato intorno e ho visto anche John entrare dalla porta. John mi guardò ma non potevo sopportare di guardarlo negli occhi per paura di quello che avrei visto. Mi voltai verso Gina mentre John chiudeva la porta. Le ho chiesto cosa intendesse grazie a John.

Gina mi ha detto che John aveva guidato tre ore a tratta fino all'aeroporto per venire a prenderla. Mi ha detto che avrebbe dovuto passare la notte lì, dato che non c'erano aerei che volassero fino al giorno dopo.

Gina mi sorrise mentre diceva: "Il tuo John è stato il mio giorno in armatura splendente".

"Quello è il cavaliere dall'armatura scintillante, Gina", disse John con una piccola risata.

"Janet, guarda, John ci ha portato entrambi i fiori", disse Gina sollevando le rose.

"Penso che quelli appartengano tutti a te perché non merito i fiori dopo quello che ho fatto", risposi abbassando la testa.

"Ora che eri una ragazza così cattiva, anche mia cugina mi ha raccontato tutto di quello che hai combinato", disse Gina mentre guardava verso John.

John si avvicinò a me e mi sollevò il mento dal petto mentre diceva: "Sì, è stata una bambina cattiva, tuttavia è ancora la mia bambina cattiva", mentre mi prendeva tra le sue braccia e mi baciava appassionatamente .

Sapevo dalla passione e dai sentimenti in quel bacio che mi amava ancora. Avvolsi le mie braccia attorno a lui mentre ricambiavo il suo bacio con più passione della mia. Ho rotto il nostro bacio mentre mi abbracciava forte. Mi alzai in punta di piedi mentre gli sussurravo all'orecchio: "Mi dispiace John per avermi dato, non te lo farò mai più, lo prometto con tutto il cuore e l'anima".

Ho sentito John muovere le sue labbra sul mio orecchio e poi ha sussurrato di rimando: "Solo se te lo dico anche io, perché per ora il tuo culo appartiene a me, mia piccola troia" mentre sentivo le sue mani strofinarsi contro il mio sedere ancora in fiamme.

Ho sussultato un po' quando le sue mani mi hanno toccato il sedere, ho sentito Gina dire: "HA Ah, ti sei fatto sculacciare il sedere piccola troia".

John e io scoppiammo entrambi a ridere mentre lo diceva con una voce così piccola da bambino. Gina ha posato le rose sul tavolo della cucina e mentre tornava verso di noi; con un braccio ancora attorno a me prese Gina nell'altro braccio. Tirò Gina verso di noi mentre noi tre stavamo lì abbracciati tra le sue braccia.

John ha rotto il suo abbraccio mentre ha detto: "Voi ragazze dovrete scusarmi perché domani ho un allenamento presto", ci ha dato un lungo bacio prima di allontanarsi verso la camera da letto.

Gina e io andammo a sederci sul divano. Abbiamo iniziato a raccontarci cosa stava succedendo nelle nostre vite. Pochi minuti dopo John entra di nuovo nudo nel soggiorno. Il suo cazzo oscilla ad ogni passo che fa. Gina ed io stavamo solo fissando il suo cazzo e le sue palle mentre camminava verso di noi.

John ci ha raggiunto vicino al divano e ha detto: "A proposito troia, voglio che tu faccia divertire mio cugino qui", mentre lancia un grosso dildo con cinturino tra di noi. "Farai meglio ad assicurarti che le piaccia o altro", aggiunge John sorridendomi prima di voltarsi e andarsene.

Ho indossato la cinghia e l'ho appoggiata sul tavolino. Sono tornato a parlare con Gina. Ho notato che Gina prestava più attenzione allo strap on che a me. Ho tirato su il cinturino e gliel'ho scosso.

"Preferiresti parlare con questo piuttosto che con me?" Le ho chiesto.

Gina mi ha sorriso mentre ha risposto: "Hai sentito mio cugino, ha detto che è meglio che mi diverta o altro", sorridendomi da un orecchio all'altro.

"OK, allora qual è il tuo piacere, Gina?" chiesi anch'io con un sorriso.

Gina mi ha tolto la cinghia dalla mano mentre prima mi diceva che voleva vedere che aspetto avevo con quella addosso. Me lo restituì; Mi sono avvicinato al bordo del divano e ho infilato la cinghia su entrambe le mie lunghe gambe. Mi alzai chiudendo e allacciandomi la vestaglia. Mi voltai verso Gina mostrandole il rigonfiamento che spuntava sotto la mia vestaglia. Mi avvicinai a lei mentre allungava la mano. Gina tastò la cinghia attraverso la mia vestaglia.

"Fammi vedere il tuo cazzo, fottuta troia", disse Gina in modo sexy mentre faceva scorrere la mano sul cinturino.

Rimasi lì e mi slegai la vestaglia, poi la aprii esponendole il mio finto cazzo duro. Ho preso la mia mano e l'ho pompata avanti e indietro sul mio cazzo finto. Gina mi stava guardando dal divano; guardava più le mie tette che il mio cazzo finto. Ho tolto la mano dal cazzo finto. Ho usato entrambe le mani mentre mi accarezzavo i seni mentre mi trovavo di fronte a lei.

Gina si alzò e mi aiutò a togliermi la vestaglia. Strofinò il suo corpo completamente vestito contro il mio mentre lo faceva. Gina ha lasciato la mia vestaglia scivolare sul pavimento mentre la sentivo prendermi tra le sue braccia. Mi strinse forte a sé mentre le nostre labbra si incontravano in un profondo bacio appassionato e io la avvolsi con le mie braccia.

Gina mi stava baciando e leccando la mia faccia mentre diceva: "Oh, quanto mi sei mancata Janet".

Le leccai l'orecchio prima di rispondere: "Anche tu mi sei mancata Gina, ma per favore chiamami la tua fottuta troia", mentre le leccavo l'interno dell'orecchio.

"OK mia troia puoi spogliarmi," Gina rispose sexy.

Ho sbottonato la camicetta che aveva togliendola mentre le baciavo e leccavo le braccia mentre gliela toglievo. Ciò l'ha lasciata lì in piedi nel suo reggiseno sexy e pantaloni eleganti. Poi le ho sbottonato i pantaloni; Li ho tirati giù oltre le sue cosce. Gina indossava un paio di collant che non facevano nulla per nascondere il suo intero nido di capelli sulla sua figa. Le ho baciato la parte anteriore dei collant mentre le tiravo giù i pantaloni.

Le ho detto di sedersi sul divano, cosa che ha fatto. Ho abbassato la mano e ho afferrato uno dei suoi piedi coperti dal tacco alto. Lentamente le tolsi la scarpa con il tacco alto dal piede. Le accarezzai la pianta del piede mentre baciavo le sue belle dita attraverso il nylon che le copriva. Ho alzato lo sguardo su Gina per vedere che si stava strofinando la figa pelosa attraverso i collant mentre le toglievo l'altro tacco alto.

Ho giocato con i suoi piedi mentre si strofinava la figa. Mi sono alzato e ho messo il mio cazzo finto tra i suoi piedi. Ho lavorato i suoi piedi coperti di nylon avanti e indietro sul mio cazzo finto proprio come se mi stesse facendo un lavoro con i piedi.

"I tuoi piedi si sentono così bene sul mio cazzo", dissi con voce profonda e virile.

I saw Gina almost bust up laughing as I said that, however with a straight face she told me that I bet that cock would feel better in her mouth. Gina slipped her feet up onto the sofa and she laid down flat on her back. She told me to get in a sixty-nine with her. When I got on top of her, I reached for the waistband of her pantyhose.

“Leave them on slut, eat my pussy through my pantyhose,” Gina said as I felt her tugging on the strap on.

The strap on that I have is almost like a double-headed dildo in that there is a small fat cock that sticks up inside my pussy when I wear it. I could feel the fat stubby cock sliding in and out of my pussy as Gina ran her hand up and down my fake cock. I started to kiss and lick my way up her thighs as she spread her legs apart on the sofa.

That gave me better access to her nylon-covered pussy. I used my hand first to rub at the crotch of her pantyhose. They were wet with her juices; I rubbed hard and fast at her pussy making my hand wet with her juices. I placed my hands under each of her thighs as I pulled them up and spread them apart even more. When I did, I saw that there was a tiny tear in the crotch of her pantyhose. I managed to wiggle one of my fingers up through the hole. I brushed my fingers against her hanging pussy lips.

“AHhhh slut that feels good,” I heard Gina say as I toyed at her pussy with my one finger.

I felt Gina bending the strap on cock downward, which worked the stubby back cock up against the roof of my pussy. I heard sucking sounds coming from behind me. I knew Gina was sucking on the strap on hanging in her face. I worked my one finger up into her pussy; I ran it in and out listening to the wet sounds that it made. They almost matched the sucking sounds coming from Gina.

I managed to wiggle another finger up through the rip her pantyhose. I placed each of my fingers at the sides of the rip. I pulled my fingers apart as the nylon ruptured splitting into a big hole. Gina’s hair and pussy filled the hole as I expanded it bigger. I used both my hands as I ran them down against her hairy pussy.

I pulled at her exposed pussy lips with my fingers. I pulled her pussy lips apart as I buried my face fully into her black hairy pussy. Gina gave out a moan as my tongue shot between her pussy lips. I buried my tongue up deep into her hole. I started to lick wildly with my tongue buried up in her pussy.

I started to squirm on top of Gina as she squirmed below me. Gina was moaning beneath me as she rocked the strap on in and out of my pussy. I figured she must have seen that fat stubby cock part of it buried up in my pussy. I started to rock as she tugged at the strap on. I could feel my own orgasm building up when I felt Gina go tense.

“AHHhhhh SLUT,” Gina moaned from under me as her pussy left go a small but noticeable squirt.

I lapped at her juices as they flowed from her pussy. I used a finger to brush at her clit as I ran my tongue up and down between her pussy lips. Gina just moaned under me as I licked up her juices.

“FUCK me slut, use your cock on me,” Gina moaned out.

I pulled my wet face from between her legs as I spun around on top of her. I took hold of her ankles as I got between her up stretched legs. The strap on cock was lying against her pussy as I started to rub it back and forth. It slipped nicely through her wet thick hair down there.

“FUCK ME DAMN IT,” Gina yelled out as she reached down for the strap on.

Gina guided it to her pussy as I slowly pushed it forward. I ran about half of it in then back out. I fucked her slowly and teasingly for a few minutes. Gina was rolling her hips forward toward me each time I drove the strap on up into her pussy. I finally worked the entire strap on up into her pussy as she left out a loud moan. I fucked her steadily with my strap on as she moaned under me.

Each time I would bury the dildo up into her I would rock on it. Doing this caused that fat little stubby part up in my pussy to rub against my special spot. I had her legs on my shoulders as I started to plow my strap on in and out of her pussy. My own pussy was sucking at the other end as I rammed my strap on hard and deep into Gina’s pussy.

“CUM with me slut,” “AHHhh cum with meee…” Gina yelled out.

I left her legs drop from my shoulders as I buried my strap on up to the hilt in her pussy. I lie down flat on Gina kissing her as I rocked back and forth driving the dildo up her and causing the stubby fat part to grind into my special spot.

“AHHhhhh,” I managed to scream out as my orgasm took over.

My orgasm was a strong and powerful one as my whole body shook on top of Gina. Gina’s juices erupted at the same time as mine did. I could feel hers splashing against my pussy mound as my own flowed out of me. I felt Gina take her two hands to my butt.

“AHHHhhhh OWWWW,” I screamed as she pulled me down against her with both of her hands on my butt.
The warm burning sensation I felt as she grasped at my butt cheeks just kicked my orgasm into high gear. I felt the back end of my strap on pop from my pussy as I started to pee freely as Gina pulled me down tightly against herself.

I swear I almost passed out from the feeling I had just gotten. It was one of my best ever orgasms in my life. My eyes rounded up into the back on my head as I just squirmed on top of Gina. My body seemed to just shake uncontrollably as my orgasm slowed to just a small tremor. I slowly regained control and my composure.

“Janet, JANET, is you OK,” I heard Gina yelling.

I opened my eyes as I lifted my head from her as I replied, “Dam, I have missed you girl,” as I slowly got off from atop her.

Gina’s completely lower body was wet with my pee and my pussy juices mostly my pee. I took my robe and I told her I was sorry about that as I wipe her down with my robe. Gina told me not to be that some of that was her own pee as she had lost control as well. Gina sat up and we embraced each other just holding each other as our hands rubbed at our backs.

I pulled away from her as I asked with a smile, “Well did you enjoy yourself?”

“Oh very much my little slut, I am sure my cousin will be pleased,” Gina replied. “If he is not then you come live with me my slut for that was the best orgasm I have ever had,” Gina added before she took me into her arms kissing me deeply and with passion.

As we kissed, my body filled with a warm and an incredible feeling. I pondered the feeling for a split second when it hit me. I was having that same wonderful feeling that I get after each time I ever made love to John. It was the first time I ever had that feeling with anyone other than him.

I just kissed Gina back with passion and feelings as I bathed in that glorious feeling racing through my entire body. We kissed some more then cleaned the sofa the best we could before we both showered together. Gina and I both climbed into bed with John, her on one side of him and me on the other.

John did not wake up, however he rolled over onto his back and as he stretched, his arms out Gina cuddled up against one side of him as I did as well. Those lovely arms came down and wrapped around each of us as they pulled us tightly against his sides.

I looked over to Gina who was staring back at me; I ran my hand partway across John’s chest as she did the same. We held each others hands as we just smiled at each other. I was wondering if she was wondering the same thing that I was as I stared into her sparkling eyes. Why did I get those incredible, fantastic, wonderful feelings after our little fun? I soon drifted off to sleep wondering if Gina was wondering too.

That will close this chapter. I learned never to ever cheat on John again. I knew if I ever did, I would lose him for good. I also found out he was OK with me having sex with someone else as long as he knew about it. I have always believed that was something his aunt may have taught him as he grew up around swingers. I also found out that his cousin Gina can give me much pleasure and I was looking forward to more fun with her and John both. I was also looking forward to just what John has in mind with me being his little slut. As always, tell me if you enjoyed my story or not, sorry it was a little late coming as we took a little vacation over Thanksgiving. All I can tell you about that is god Italy was so lovely this time of year. Coming up next will be my story about going to a special homecoming party and a very special Christmas theme true story.
Janet

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

896 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

874 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

800 I più visti

Likes 0

Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo portato la nostra relazione a un nuovo livello. Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione. La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale. Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni...

817 I più visti

Likes 0

A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3 Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non...

799 I più visti

Likes 0

I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

IL SEDICESIMO GIORNO I nostri eroi si alzarono vivi e freschi come appena arrivati ​​dalla confessione; ma a ben guardare si sarebbe potuto notare che il Duc cominciava a stancarsi un po'. La colpa di questo avrebbe potuto essere attribuita a Duclos; non c'è dubbio che la ragazza avesse completamente padroneggiato l'arte di procurargli delizia e che, secondo le sue stesse parole, i suoi scarichi erano lubrificanti con nessun altro, il che confermerebbe l'idea che queste cose dipendono esclusivamente dal capriccio, dall'idiosincrasia , e che l'età, l'aspetto, la virtù e tutto il resto non hanno nulla a che fare con il...

749 I più visti

Likes 0

La nostra amorosa amicizia

Ciao, sono nuovo nella scrittura di storie di sesso, quindi per favore sii gentile. Per la storia renderò le cose più facili con me stesso usando persone che conosco come personaggi. In questo caso, sarò me stesso e lo farò in prima persona e il frutto di questa avventura letteraria sarà una ragazza che conosco chiamata Sarah. Prima lascia che mi descriva, mi chiamo Craig, sono alto 6 piedi e 184 libbre. Ho una bella immagine (credo/spero), che include una confezione da sei, occhi azzurri e una bella linea della mascella. Oh e capelli castani. Quindi, la ragazza... non conosco la...

748 I più visti

Likes 0

Solo un viaggio in autobus... Onesto 3

Il mondo sembrava congelarsi. Non potevo crederci, mi sentivo come se mi avesse tradito completamente, anche se ci conoscevamo solo da un giorno e un po', mi è sembrato un pugnale nel cuore, perché era così civettuola oggi, deve sapeva quello che stava facendo, ma lo faceva lo stesso anche se aveva un fidanzato. Non volendo pensarci un attimo di più ho chiuso la pagina e il mondo ha ricominciato a girare. “RALPH STAI ASCOLTANDO? Urlò l'insegnante dalla parte anteriore della classe mentre lo facevano. Sì ho chiamato debolmente non avendo la più pallida idea di cosa fosse stato detto negli...

751 I più visti

Likes 0

Angelo 2

Angelo 2 © Questa è una fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone o luoghi reali è casuale. ************************************************** **************** Angel lo fissò sorpreso, mentre l'uomo dall'aspetto divertente è i pantaloni a righe tamponati le lacrime che gli scorrevano sul viso con la coda. Chi sei? Lei chiese. Smise di piangere abbastanza a lungo per rispondere. Pensavo che lo sapessero tutti. Egli ha detto. Sono il gatto dalla coda spogliata. Disse agitando la coda con orgoglio. “La maggior parte mi chiama Stripe. Vedi quanto è lunga la mia coda? Non sono belle le strisce? Angel ha convenuto che la coda era davvero carina...

709 I più visti

Likes 0

William Potter

William Potter La storia di William Potter è più difficile da raccontare rispetto alle precedenti. Forse sarebbe meglio iniziare con il suo arresto a New Haven Connecticut nel 1662. (Nota: i processi alle streghe di Salem ebbero luogo nel 1692.) Suo figlio adulto John Porter aveva confessato al ministro della chiesa di aver visto suo padre commettere un atto sessuale con un vitello. Il ministro andò dalle autorità e raccontò loro ciò che gli era stato detto da Giovanni. Quando le autorità andarono da Giovanni per ascoltare la storia da lui, si rifiutò di parlare con loro. Lo hanno arrestato con...

699 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.