Il segreto del successo

69Report
Il segreto del successo

Ellen era seduta alla sua scrivania e lavorava al rapporto profitti e perdite della società. Ellen ha iniziato come temporanea 6 anni fa e ha fatto carriera fino alla posizione in cui si trova ora, assistente amministrativa del COO. Aveva lavorato molto duramente dentro e fuori l'ufficio per arrivare dov'era. Mentre lavorava al rapporto, è eccitata.

"Si signore."

"Ellen, puoi per favore entrare qui e chiudere a chiave la porta quando entri?"

“Sii lì”

Ellen si guardò intorno nell'ufficio mentre si girava sulla sedia. Si mosse sulla sedia e sollevò la gonna. Allungò una mano sotto la gonna e fece scivolare lentamente il perizoma di pizzo lungo i fianchi e le gambe toniche e abbronzate. Aprì il cassetto della scrivania e li mise dentro, tirò fuori una fascia e si raccolse i lunghi capelli castani in una coda di cavallo. Si alzò, si aggiustò la gonna e andò alla porta dietro la scrivania. Con la mano sulla maniglia della porta, fece un respiro profondo ed entrò. Come le era stato ordinato, chiuse e chiuse a chiave la porta dietro di sé. Si voltò verso il suo capo con un sorriso falso sul volto. Mentre inizia a camminare verso la sua scrivania, inizia a sbottonarsi la camicetta.

"Ha bisogno di qualcosa, signore?"

"Sì Ellen, lo voglio"

Pete era un dirigente sposato di 52 anni. Aveva la reputazione di creare un sacco di soldi nelle aziende per cui lavorava. Era un ragazzo obeso e quando la giovane e sexy Ellen gli si avvicinò, sollevò la pancia e cominciò a slacciargli i pantaloni. Mentre Ellen si avvicinava, si aprì la camicetta, il reggiseno nero era pieno del suo seno 34 DD.

"Togliti il ​​reggiseno e fammi vedere le tette che ti ho comprato."

Lei si è inginocchiata e ha allungato la mano per sganciarsi il reggiseno e lasciare che le sue tette rimbalzassero mentre lui tirava fuori il suo piccolo cazzo grassoccio. È andata subito al lavoro. Aprì la bocca e inghiottì la sua intera lunghezza senza preparazione. Lei gli prese le palle mentre muoveva la testa su e giù per il suo cazzo. Le sue mani erano sulle sue tette, tirandole i capezzoli mentre gemeva e pompava i fianchi spingendo il cazzo nella sua bocca.

"Ok, sono pronto" disse Pete severamente.

Ellen si alzò, si tirò su la gonna e si chinò sulla scrivania. Il suo seno premuto contro il legno freddo. Pete, con i pantaloni intorno alla caviglia, si è mosso dietro di lei e ha piantato il suo cazzo nella sua figa liscia e stretta. Le prese i fianchi e la colpì forte. Ellen gemette mentre lui la picchiava, si sollevò in modo che i suoi capezzoli sfregassero contro il legno liscio della scrivania. La durezza della scrivania stava inviando elettricità attraverso il suo corpo. Stava per venire davvero questa volta, se fosse durato ancora qualche minuto, invece di dover fingere. Sentì Pete iniziare a gemere, sapeva che stava arrivando così strillò dolcemente e strinse forte le labbra della figa attorno al suo cazzo, e finse un altro orgasmo mentre sentiva Pete rilasciare il suo sperma dentro di lei.

Si staccò e ricadde sulla sedia mentre respirava pesantemente. Ellen si chinò e raccolse il reggiseno da terra e se lo rimise, poi si aggiustò la gonna.

"Non dimenticare il tuo appuntamento delle 2 con il signor Smith, ed è il tuo anniversario, quindi ho fatto consegnare una dozzina di rose all'ufficio di tua moglie." disse Ellen uscendo dall'ufficio di Pete.

Ellen si fermò alla sua scrivania, ne tirò fuori il perizoma, lo infilò nella borsetta e si diresse in bagno per pulire. Con lo sperma di Pete che le scorreva lungo la coscia, aprì la porta di una stalla ed entrò. Una volta ripulita, è tornata alla sua scrivania per finire il suo lavoro.

La posta è partita all'1:30. Josh, il tizio dell'ufficio posta le ha fatto l'occhiolino mentre posava una pila di posta sulla sua scrivania. Josh era uno studente universitario e figlio di uno dei dirigenti inferiori. Era di qualche anno più giovane di Ellen ma lei lo trovava carino, quindi mentre si allontanava lei gli sorrise mentre si scostava la frangia dal viso. Mentre frugava nella posta, una busta anonima attirò la sua attenzione. Non c'erano né nome né indirizzo, così cedette alla sua curiosità e aprì la busta.

Nella busta c'era un biglietto con dentro una busta più piccola. La nota diceva:

"Incontriamoci nell'ufficio posta alle 16:00....J"

Ellen aprì la busta più piccola. All'interno c'erano diverse foto. Le lacrime si sono accumulate negli occhi di Ellen quando ha visto le foto. Ogni foto era di lei. C'erano foto di lei con Pete, il signor Smith, l'amministratore delegato e la signora Norris, il direttore delle finanze. L'ultima foto non le era familiare. Era di un cazzo eretto. Un bel cazzo pensò Ellen. Rimise le foto nella busta e le mise nella borsetta.

Il resto della giornata è stato uno spreco. Tutto ciò che Ellen ha provato a fare, l'ha incasinato. La sua mente continuava a tornare alle foto. Se questa persona sapeva dei suoi affari, chi altro lo sapeva? Come ha avuto le foto? Guardava l'orologio mentre si mordicchiava le unghie, un'abitudine che aveva alle medie. Alle 15:00 le farfalle nel suo stomaco si erano trasformate in aquile.

Alle 3:30, Pete è tornato dal suo incontro con il signor Smith. Posò una pila di fascicoli sulla sua scrivania.

“Li esamineremo domani. Sto andando via. Hai fatto quelle prenotazioni per me per cena stasera?"

“Ah sì signore. O'Malley è alle 19:30.»

"Sei un tesoro Ellen." Entrò nel suo ufficio, raccolse le sue cose e se ne andò.

Per i successivi 20 minuti Ellen rimase a guardare l'orologio. Alle 3:50 fece un respiro profondo e si alzò. Si abbassò, prese la borsetta e si diresse verso l'ascensore. Quando la porta si chiuse, premette il pulsante "B", quindi il pulsante non-stop. Rimase a guardare mentre passava piano per piano finché la porta del seminterrato non si aprì finalmente. Uscì lentamente dall'ascensore. Quando i suoi occhi si abituarono all'oscurità dell'ufficio postale, si avviò lentamente lungo il sentiero tra le curve e le scrivanie.

All'improvviso una luce intensa le balenò negli occhi.

"Non posso credere che tu ti sia presentato davvero, ma immagino che non avevi molta scelta, vero?" disse una voce dall'oscurità.

“L'adorabile Ellen Griffis, avevi paura che quelle foto finissero nella posta di tutti i dirigenti? O avevi paura che le altre donne scoprissero come hai fatto a salire la scala così in fretta? Cos'era Ellen?

"Chi sei e come hai ottenuto quelle foto?"

“Oh signorina Ellen, non è nella posizione di fare domande. Ora, se non ti dispiace, potresti spostarti verso la luce?"

Ellen fece lentamente come le aveva ordinato la voce. Mentre si avvicinava, vide una figura avanzare davanti alla luce. Era Josh.

"Josh, perché lo fai?"

"Perché voglio quello che tutti quaggiù dicono che non potrò mai avere."

"Che cosa?"

"Voi. Elena, ti voglio.

“Josh, non possiamo farlo. Non posso.

"Perchè no? Perché non indosso un abito o perché non ho 6 cifre in banca?”

Elena abbassò la testa. Per la prima volta veniva definita una puttana di alto livello. La parte più triste era che era esattamente quello che era. Si era trasferita in azienda solo perché si era fatta strada fino a quel punto. Aveva usato i suoi talenti per soddisfare ogni persona per cui aveva lavorato, incluso il padre di Josh.

“Ok Josh”

Josh si avvicinò e la prese per mano e la condusse in un'altra stanza. Nella stanza c'era una piccola culla. L'unica luce nella stanza proveniva da 3 candele che si trovavano su un tavolo. Josh la condusse al lettino e si avvicinò per baciarla. Lei indietreggiò.

“Non bacio”

Josh continuò a muovere la testa verso la sua. Le loro labbra si incontrarono. A Ellen piaceva la gentilezza del suo bacio. Gli avvolse le braccia intorno al collo e presto le loro lingue si intrecciarono. La mano di Josh si spostò lentamente sui bottoni della camicetta e lentamente li sganciò. Quando l'ultimo bottone fu slacciato, le spinse giù la camicetta dalle spalle e giù per le braccia. Le baciò il collo e le sue mani si spostarono sulla sua schiena e le sganciarono i ganci del reggiseno. Alzò la testa mentre la toglieva, scoprendole il seno pieno. Prese un seno in ciascuna mano e lo strinse dolcemente guardandoli dall'alto in basso. Ellen sorrise come il suo divertimento con il suo seno. I suoi pollici le premevano i capezzoli mentre la sua mano si spostava sul bottone dei jeans di Josh.

Ellen spinse i jeans di Josh lungo il fianco. Il suo cazzo, quello nelle foto, spuntava dal suo fodero di jeans. Le sue dita lo avvolsero e iniziò ad accarezzarlo lentamente mentre lui giocava con il suo seno. Si abbassò lentamente sulle ginocchia. Sentì le sue mutandine bagnate stringersi contro la sua figa mentre baciava la testa del suo cazzo. Aprì lentamente la bocca e prese il suo cazzo dentro. Mosse la testa avanti e indietro mentre Josh cominciava a gemere e pompare i fianchi verso la sua bocca accogliente. Le mise una mano sulla testa mentre cercava di prenderlo in bocca per tutta la sua lunghezza.

Josh mette le mani sotto le braccia di Ellen e la solleva in piedi. La fece voltare e la spinse contro il muro. Si inginocchiò dietro di lei, accarezzandoti le gambe e il sedere con le mani. Le prese la cerniera della gonna e la tirò giù, tirò la gonna e quella cadde. Josh premette le labbra sulla guancia del culo di Ellen, strofinandole la mano tra le gambe. Ha agganciato le dita nel suo perizoma e le tira giù. Le baciò di nuovo il sedere mentre le sue dita le accarezzavano le labbra lisce. Con l'altra mano le allarga il culo e lascia che la sua lingua prema contro il suo culo. Premette le dita tra le sue labbra umide. La sua lingua correva su e giù per il suo culo stretto.

Josh si alzò e si sedette sul lettino. Elena si voltò. Si rilassò mentre lei camminava lentamente verso di lui. Josh la osservò mentre si avvicinava. I suoi capelli castani lunghi fino alle spalle, il suo seno valorizzato ma bellissimo, la pancia piatta, il pube liscio e le lunghe gambe abbronzate, lui sorrise. Ellen gettò una gamba sopra Josh e la branda e si mise a cavalcioni su di lui. Prese il suo cazzo duro in mano e lo sollevò mentre si abbassava su di esso. Josh afferrò i lati del lettino mentre sentiva le pareti vellutate della sua figa avvolgere il suo cazzo. Lei gli prese il cazzo e gli mise una mano sul petto mentre cominciava a muoversi su e giù. Lei aumentò il ritmo mentre lo cavalcava. Le afferrò la gamba per farla rallentare. Si mosse lentamente su e giù per il suo cazzo. Per la prima volta da molto tempo, si stava godendo il sesso.

Josh si sedette e le prese in bocca il capezzolo sinistro. Cominciò a pompare verso l'alto incontrando la sua spinta. Entrambi si persero nell'estasi man mano che la loro spinta si faceva più intensa. Ellen sentì il suo orgasmo crescere mentre gemeva per il piacere che stava ricevendo da Josh. Le sue gambe si strinsero forte mentre lanciava la testa all'indietro e con un forte gemito, i suoi succhi orgasmici esplosero attorno al cazzo di Josh. In una reazione a catena, il cazzo di Josh ha sparato getti di sperma caldo dentro Ellen.

Entrambi caddero esausti sul lettino.

Il giorno dopo alle 1:30 Josh si avvicinò alla sua scrivania e mise giù la posta. Senza una parola, fece l'occhiolino e fece rotolare il suo carro. Durante lo smistamento della posta, c'era un'altra busta senza indirizzo. Ellen sorrise mentre lo apriva. Dentro c'era un'altra foto, una foto delle mutandine che aveva indossato il giorno prima. In allegato c'era una nota,

“Hai dimenticato questi. Stessa ora, stesso posto... J'

Storie simili

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

920 I più visti

Likes 0

Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo portato la nostra relazione a un nuovo livello. Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione. La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale. Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni...

948 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

996 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

794 I più visti

Likes 0

Mia moglie non sapeva che mi ha reso ricco

Mia moglie non sapeva che mi ha reso ricco da vivoinpr Le mie storie non riflettono necessariamente le mie inclinazioni, desideri, desideri o fantasie personali. Per favore, leggi e goditi questo scritto di fantasia. Charles e Anna Woods vivevano una vita semplice della classe media. L'impiego di Charles pagava uno stipendio sufficiente, quindi Anna non doveva lavorare. Sono sposati da tre anni e sembravano essere una coppia felicemente sposata. Charles guidava un'auto vecchia di dieci anni che è stata ripagata e l'unico debito in sospeso era il loro mutuo. Charles immaginava sua moglie come una moglie trofeo poiché poteva girare la...

756 I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

667 I più visti

Likes 0

Corteggiare un vampiro 7

Di: StormHerald Capitolo 7 Ho ballato la maggior parte della notte, facendo solo una pausa per l'acqua o l'aria fresca con i tre Lycan. Si sono scambiati me e Damien intervenne solo altre due volte prima che mi monopolizzassero del tutto. Esso Era passata la mezzanotte quando ho sventolato la bandiera della resa e gliel'ho detto che ero esausto. Risero e passarono monete a William prima di farmelo sapere erano accampati nella foresta e sarebbero tornati verso domani pomeriggio. Li ringraziai e li guardai allontanarsi la sala da ballo e subito fuori dal balcone. Mia zia era al mio fianco il...

610 I più visti

Likes 0

Una Santa Femmina incontra il cane da guardia..._(1)

Era stretto. Molto stretto. Improvvisamente si ricordò della casa dell'anno scorso quando il suo vestito attillato graffiava le pareti incrostate di fuliggine del camino. Bella casa, grande soggiorno... residente caldo. Sorrise mentre si trascinava più in basso lungo i muri di mattoni, sentendo improvvisamente una brezza salire dal focolare, un ruscello sotto di lei. Qualcuno era appena uscito... o era entrato nella stanza. La brezza le fece saltare la gonna e lei rabbrividì. Non è la notte per andare senza mutandine, pensò. Poi di nuovo, ha dovuto lasciare qualcosa per un regalo. Trattenne il respiro e scivolò giù, senza sentire più...

598 I più visti

Likes 0

È iniziato come solo uno scherzo (rivisto)

Vengo da Madera California, solo la tua famiglia media. Madre, padre, fratello e me stesso. La mia famiglia è molto vicina e aperta l'una con l'altra, ma non siamo mai stati nudi uno di fronte all'altro o pensato l'uno all'altro in modo sessuale. Tuttavia, quando usciamo al negozio o da qualche parte chiediamo c'è qualcosa che qualcuno vuole dal vuoto e quando siamo abbastanza grandi e andiamo al negozio di pornografia locale, chiediamo se qualcuno vuole qualcosa. Di solito, ci prendiamo solo del lubrificante o dei film e andiamo tutti nelle nostre stanze a guardarli. Questa volta, tuttavia, stavo ottenendo...

416 I più visti

Likes 0

Un compleanno incesto Capitolo 17

Uno sfortunato incidente mi ha tenuto lontano dal computer per molto tempo, ma sono tutto guarito e pronto per tornare a scrivere. Spero solo di essere il più vicino a dove stavo scrivendo saggiamente prima della mia improvvisa scomparsa. Quindi, dopo oltre 8 mesi di assenza, la storia di Rita e Randy Stevens continua proprio qui, spero che vi piaccia. Mi sono agitato nel sonno, svegliandomi quando ho sentito qualcosa che mi spingeva il petto più e più volte, al punto in cui ho dovuto affrontare il problema. Con gli occhi sfocati ho guardato attraverso l'oscurità finché non si sono adattati...

197 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.