LA MIA PRIMA AFFARE SERIA - PARTE 1

71Report
LA MIA PRIMA AFFARE SERIA - PARTE 1

All'età di 13 anni ho subito un'operazione per rimuovere un tumore nella parte posteriore del cervello. Dopo l'operazione sono rimasto cieco. È stato un grande shock e mi ci sono voluti mesi per accettarlo. A volte mi ribello ancora al fatto, ma che diavolo, mi sto godendo la vita ed è per questo che sto scrivendo questo.

Sono rimasto a casa per quasi un anno, ma poi sono stato mandato in una scuola per bambini ciechi. Era lontano da dove viviamo, quindi sono dovuto stare nel collegio della scuola. In realtà avevo completato il Grade 8, ma hanno pensato che fosse meglio se ripetessi l'anno per imparare a leggere il Braille e adattarmi alla vita di un bambino cieco. Sono riuscito abbastanza bene e in breve tempo sono stato sintonizzato sulla mia nuova vita.

I miei genitori erano cristiani severi e anche la scuola che frequentavo era di proprietà della chiesa e loro applicavano la religione in modo abbastanza rigoroso. Ragazze e ragazzi erano tenuti separati con regole ferree. Avevamo pensioni separate e i campi da gioco erano separati da sentieri che erano confini da non attraversare. Fu così che per un po' di tempo non imparai molto sui ragazzi. Ero anche timida e timida e cercavo di essere una brava ragazza. Non mi sono mescolato molto con le ragazze che erano considerate le ragazze CATTIVE. Avevo un fratellino di 10 anni più giovane di me, quindi sapevo che aspetto avesse una cosa da ragazzo, ma per il resto ero molto ignorante.

In terza media un ragazzo di nome David mi ha chiesto di diventare la sua ragazza. Era al suo ultimo anno, quindi ne sono stato molto onorato ed eccitato e ho accettato con entusiasmo. Non potevamo vederci molto, a causa delle rigide regole, ma qua e là abbiamo trovato occasioni per incontrarci di nascosto. All'inizio abbiamo solo chiacchierato e ci siamo tenuti per mano. Poi, un giorno, mi ha baciato quando ci siamo salutati. Ero sia imbarazzato che eccitato da questo. Quella notte mi sono sdraiato sul letto e ho ripercorso gli eventi della notte più e più volte, assaporando la sensazione delle sue labbra sulle mie. La volta successiva che ci siamo incontrati mi ha tenuto vicino e ha iniziato a baciarmi seriamente. Per molto tempo siamo rimasti in piedi tenendoci l'un l'altro con le labbra premute insieme. Poi ho sentito le sue labbra aprirsi un po' e la sua lingua premere contro le mie labbra. All'inizio ero troppo scioccata per fare qualsiasi cosa, ma dopo un po' ho aperto le labbra e lui mi ha infilato la lingua in bocca. Mi eccitò tremendamente e dopo tanto tempo riuscii a trovare abbastanza coraggio per spingere anche la mia lingua nella sua bocca. Era così bello sentire il suo corpo forte contro di me e le nostre lingue che si toccavano.

Lo abbiamo fatto per un paio di volte fino a quando una notte, ha mosso lentamente la mano tra di noi e ha iniziato a toccarmi la tetta. Ancora una volta, ero imbarazzato, ma mi sentivo così bene che non ho opposto resistenza. Alla fine mi stava accarezzando entrambe le tette mentre ci stavamo ancora baciando. Poi ha mosso la sua mano verso il mio inguine. Questo mi ha imbarazzato troppo e gli ho tenuto la mano. Poi ha provato con l'altra mano e anche io ho dovuto tenerla. Ha rotto la mia presa e ha riprovato. Ho iniziato a piangere e gli ho detto di smetterla. Si è arrabbiato e mi ha detto che sono uno stupido bambino. Ero molto ferito e ho pianto fino alla mia stanza. Le altre ragazze del mio dormitorio volevano sapere cosa fosse successo, ma non potevo dirglielo. Il giorno dopo ho raccontato alla mia migliore amica quello che era successo e lei ha detto che avevo fatto la cosa giusta.

Poi più tardi quel giorno un'altra ragazza mi ha detto qualcosa che mi ha fatto sentire che non avrei mai più voluto vedere David. Ha detto di aver sentito parlare un paio di ragazzi il giorno prima. Uno di loro ha chiesto a David come si sente il mio posto privato e quando ha detto loro che non mi aveva ancora toccato laggiù, hanno riso di lui e gli hanno detto che doveva fargli annusare la mano quella notte quando sarebbe tornato dopo avermi visto. Ero così, così deluso e triste. Quando David ha provato a parlarmi più tardi quel giorno, l'ho ignorato e praticamente sono scappato. Ho pianto molto nei giorni successivi, ma ho deciso di non parlargli più.

David iniziò presto a frequentare una delle ragazze "cattive" della scuola. Si è divertita molto a raccontarmi tutto di loro. Ho cercato di evitarla il più possibile, ma lei si è impegnata a dirmi ogni volta che si sono incontrati, cosa hanno fatto. Apparentemente, non ci volle molto prima che facessero sesso.

Dopo di che sono rimasto molto per me stesso e per molto tempo non sono stato coinvolto con i ragazzi. Fu solo a metà del mio ultimo anno che un ragazzo di nome Peter, che frequentava la mia stessa classe, mi chiese di uscire con lui. Fino a quel momento usciva con un'altra ragazza della nostra classe e inizialmente gli ho detto di no. Dopo qualche giorno, l'altra ragazza mi ha detto che si erano davvero lasciati e che non dovevo sentirmi male per lei se voleva uscire con me.

Così, qualche giorno dopo andammo a vedere un'opera di Shakespeare. Peter ha chiesto se poteva sedersi accanto a me sull'autobus. Durante lo spettacolo mi prese la mano e il mio cuore batteva all'impazzata. Sulla via del ritorno a scuola mi ha tenuto di nuovo la mano. Ad un certo punto mi ha messo una mano sulla tetta, ma io l'ho tolta e lui non ha insistito. Mentre giacevo a letto quella notte, ho pensato tra me e me che ero stato uno sciocco a togliergli la mano. Probabilmente penserà che sono troppo presuntuosa e smetterà di uscire con me. Fortunatamente mi sbagliavo. Il giorno dopo spostò la sua scrivania proprio accanto alla mia.

Avevamo tempo di studio obbligatorio dalle cinque del pomeriggio alle nove di sera con solo un'ora di pausa per la cena. Peter mi ha detto di chiedere il permesso ai genitori della pensione per andare a studiare prima nel pomeriggio. Non hanno avuto problemi con esso e in realtà mi hanno incoraggiato a farlo. Così io e Peter ci siamo incontrati in classe alle tre. Le nostre sedie erano vicine l'una all'altra e chinandoci potevamo baciarci. C'erano anche alcuni altri ragazzi che studiavano ai loro banchi, ma poiché erano tutti ciechi quanto me e Peter, non sapevano nulla dei nostri baci lì in fondo. È stato piuttosto eccitante baciarsi così appassionatamente con altre persone nella stessa stanza.

All'inizio di quell'anno sono stata scelta come caposcuola della scuola e questo mi ha dato molta influenza con i miei genitori in pensione. Ho chiesto loro se Peter poteva venirmi a trovare qualche volta. Furono d'accordo con la disposizione che dovevamo sederci nel salotto con la porta sempre aperta.

Quel sabato sera venne per la sua prima visita. Comprai dei biscotti e preparai il caffè e aspettai con impazienza che arrivasse. Il cuore mi è quasi saltato fuori quando ho sentito suonare il campanello. Era Pietro. Andammo in salotto e ci sedemmo sul divano dietro la porta. La casa aveva pavimenti in legno, quindi potevamo sentire se qualcuno si avvicinava. Nessuno l'ha fatto, però, e dopo aver preso il caffè e i biscotti ci siamo subito abbracciati e abbiamo cominciato a baciarci. Peter mi ha passato la mano sulla schiena e sulle spalle e alla fine le sue mani si sono spostate sulle mie tette. Questa volta non ho resistito. Li ha accarezzati a lungo facendomi sentire come se stessi fluttuando tra le nuvole. Mi sentivo molto caldo tra le gambe e ne ero un po' imbarazzato, ma mi sentivo così bene che ho presto accantonato ogni scrupolo sulla sensazione tra le gambe. Quando se ne andò quella notte andai in bagno per fare pipì e rimasi piuttosto scioccato nel trovare le mie mutandine bagnate fradicie.

Il giorno dopo chiesi a una ragazza che era notoriamente piuttosto birichina, di parlarmi un po' di sesso. Fu molto sorpresa di apprendere che non ne sapevo praticamente nulla. Mi ha detto che è normale che una ragazza si bagni laggiù quando si eccita. Mi ha inoltre detto che la cosa di un ragazzo diventa grande e dura proprio come i nostri luoghi privati ​​​​si bagnano. Ha detto che probabilmente farà un po 'male se un ragazzo mi mette la sua cosa dentro per la prima volta, ma che non dovrebbe essere troppo male e non dovrebbe far male dopo.

Peter e io abbiamo continuato a baciarci quotidianamente in classe e ho notato che avevo le mutandine bagnate ogni volta. Mi chiedevo molto sulla sua cosa. Quanto deve essere duro e grande ogni volta che ci baciamo così. Due settimane dopo è venuto per un'altra visita al mio pensionato. Abbiamo seguito le stesse procedure della volta precedente. Ho deciso che non resisterò se vuole toccarmi tra le mie gambe, ma non ci ha provato. Ha appena giocato con le mie tette e mi ha fatto bagnare molto. Due settimane dopo si è verificata la stessa situazione quando è venuto a trovarmi. Quella notte, quando sono andata a letto, ho infilato la mano nelle mutandine per sentire quanto ero bagnata laggiù. Non mi ero mai masturbato prima, perché ci è stato insegnato che è molto sbagliato giocare con le proprie parti sessuali. Tuttavia, mentre pensavo a Peter, a come mi baciava ea come giocava con le mie tette, ho appena iniziato a massaggiarmi ed è stato così bello. Non potevo fermarmi finché un enorme orgasmo non è esploso nel mio corpo. Quando è finito, mi sono sentito molto in colpa.

Ero afflitto dalla sensazione di corporatura, ma non riuscivo a trattenermi, iniziavo a giocare con me stesso quasi ogni notte. Ho sempre immaginato che fosse Peter a toccarmi laggiù e in qualche modo ha contribuito a scacciare la sensazione di costruzione.

La prossima volta che Peter viene a trovarmi, chiudo la porta del salotto. Ho pensato tra me e me che nessuno è mai venuto a trovarci, quindi tanto vale correre il rischio. Quando abbiamo iniziato a baciarci, l'ho fatto sdraiare sul divano e ci siamo sdraiati uno di fronte all'altro. Ci siamo baciati a lungo e poi, con mio orrore, ho spinto i fianchi in avanti in modo che il mio posto privato si spingesse contro il suo. Potevo sentire la durezza dei suoi pantaloni premere contro il mio clitoride e la sensazione era così fantastica. Ha risposto spingendo anche i suoi fianchi in avanti in modo che la sua durezza premesse proprio tra le mie gambe. Abbiamo continuato a farlo per molto tempo finché non ho sentito avvicinarsi l'orgasmo. Mi sono sentito imbarazzato e sono rimasto molto silenzioso mentre l'orgasmo mi ha colpito. Mi sono assicurato di non rivelare nulla. Continuava a strofinarsi contro di me.

Pochi giorni dopo eravamo soli in classe. Mentre ci baciavamo, ho messo la mia mano sulla gamba di Peter. Rimase seduto immobile mentre gli accarezzavo la gamba. Le sue gambe erano nude mentre indossava pantaloncini. Molto lentamente, ho spostato la mia mano sempre più in alto sulla sua coscia. Quando ho spostato la mano all'interno della sua coscia, ha aperto le gambe. All'orlo dei suoi pantaloncini mi sono fermato a lungo. Sapevo di essere molto cattivo, ma volevo scoprire cosa succede nei suoi pantaloni mentre ci baciavamo. Lentamente ho spostato la mano sulla gamba dei suoi pantaloncini. Poi è successo, ho toccato il duro rigonfiamento nelle sue mutande. Emise un leggero gemito e sapevo che gli piaceva. Ho accarezzato tutto l'enorme durezza. Poi qualcuno era alla porta e ho dovuto fermarmi.

Pochi giorni dopo abbiamo avuto un'altra possibilità di stare da soli e quando abbiamo iniziato a baciarci, ho messo la mano sul davanti dei suoi pantaloncini. Per un po' ho accarezzato il rigonfiamento delle sue mutande, poi sono diventata molto audace e ho infilato la mano nelle sue mutande. Wow, è stato così strano sentire quella cosa lunga e dura! Ho pensato che avrebbe avuto peli dappertutto, ma era così liscio e piacevole al tatto. Non sapevo come gestire correttamente la cosa di un ragazzo, quindi l'ho solo accarezzata e spostata un po'. Ho notato che si è davvero divertito quando ho toccato il piccolo foro all'estremità, quindi l'ho strofinato un bel po'. Poi, all'improvviso, mi strinse molto forte e gemette. Il momento successivo divenne tutto bagnato nelle sue mutande. Pensavo avesse avuto un incidente, ma mentre tiravo fuori la mano, ho notato che l'umidità sulla mia mano è tutta appiccicosa, niente come la pipì. Mi ha detto che gli dispiace di avermi incasinato la mano e che doveva pulirsi da solo. Sono rimasto sbalordito da quello che è successo, ma mi sono anche sentito molto bene per averlo fatto avere un orgasmo. Annusai la mia mano e notai un odore molto particolare. Sono andata in bagno a lavarmi le mani e poi sono tornata. Quando è tornato mi ha sussurrato all'orecchio che ero una ragazza molto cattiva. Ero molto imbarazzata e arrossivo copiosamente, ma ero anche felice.

Ho deciso che volevo andare fino in fondo e avere la sua cosa dentro di me. La mia coscienza mi tormentava molto, ma ero determinato a fare sesso con lui. Ero così innamorato e sapevo solo che volevo che fosse lui a togliermi la verginità. Ho anche pensato che se avesse avuto rapporti con me, non mi avrebbe mai lasciato.

Quando venne di nuovo a trovarmi, ancora una volta chiusi la porta e, come prima, lo attirai accanto a me sul divano. Per un po' restiamo sdraiati a baciarci ea sfregare i nostri inguini l'uno contro l'altro. Poi mi sono allontanato un po' e ho messo la mia mano tra di noi. Ho sentito la sua cintura e l'ho allentata. Poi ho slacciato il bottone e la cerniera dei suoi pantaloni. Ho messo la mia mano nelle sue mutande e ho iniziato a giocare con la sua cosa. Non l'ho fatto per troppo tempo, perché allora non volevo che arrivasse all'orgasmo: lo volevo dentro di me. Ero troppo timido per dirlo, quindi ho tirato fuori la sua cosa e l'ho lasciata così, sperando che facesse il resto. Ha colto l'indizio, perché un attimo dopo mi ha messo una mano sulla gamba e ha trovato l'orlo della mia gonna. Mi ha tirato su la gonna e ha iniziato a tirarmi le mutandine. Mi sono girato sulla schiena e l'ho aiutato a togliermi le mutandine e poi ho allargato le gambe. Si è inginocchiato tra le mie gambe e l'ho sentito spingere la sua cosa tra le mie gambe. È stato così bello quando ha toccato il mio posto privato. Dopo circa un minuto non riusciva ancora a trovare la mia vagina e fece un sospiro di frustrazione e si sdraiò accanto a me. Mi girai su un fianco e spinsi i fianchi in avanti. Ho allungato la mano e ho afferrato la sua cosa e l'ho portata all'apertura della mia vagina. Si è spinto in avanti e la sua cosa è entrata dritta dentro di me. Ho sentito una leggera sensazione di bruciore, ma non era affatto male. Mi sono rotolato sopra di lui e lui ha iniziato a dondolare i fianchi in modo che la sua cosa si spingesse in profondità dentro di me. Mi sentivo bene, ma non durò a lungo. Probabilmente 10 o 20 secondi dopo gemette e io sentii la strana sensazione della sua umidità zampillare in profondità nella mia vagina e poi rimase immobile e con uno shock capii che era finita. Mi sono alzato e ho cercato le mie mutandine. Li ho trovati sul pavimento e li ho indossati velocemente. Anche lui si è alzato e si è chiuso i pantaloni e poi ci siamo seduti e io ho detto che non sono più vergine”. Ha detto che non avremmo dovuto farlo. Mi sentivo molto, molto in colpa. Poi ci siamo resi conto che non usavamo alcuna protezione e che poteva esserci la possibilità che potessi rimanere incinta. Abbiamo pregato insieme e chiesto al Signore di perdonarci e di impedirmi di rimanere incinta.

Continua.

Storie simili

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

920 I più visti

Likes 0

Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo portato la nostra relazione a un nuovo livello. Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione. La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale. Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni...

948 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

996 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

794 I più visti

Likes 0

Mia moglie non sapeva che mi ha reso ricco

Mia moglie non sapeva che mi ha reso ricco da vivoinpr Le mie storie non riflettono necessariamente le mie inclinazioni, desideri, desideri o fantasie personali. Per favore, leggi e goditi questo scritto di fantasia. Charles e Anna Woods vivevano una vita semplice della classe media. L'impiego di Charles pagava uno stipendio sufficiente, quindi Anna non doveva lavorare. Sono sposati da tre anni e sembravano essere una coppia felicemente sposata. Charles guidava un'auto vecchia di dieci anni che è stata ripagata e l'unico debito in sospeso era il loro mutuo. Charles immaginava sua moglie come una moglie trofeo poiché poteva girare la...

756 I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

667 I più visti

Likes 0

Corteggiare un vampiro 7

Di: StormHerald Capitolo 7 Ho ballato la maggior parte della notte, facendo solo una pausa per l'acqua o l'aria fresca con i tre Lycan. Si sono scambiati me e Damien intervenne solo altre due volte prima che mi monopolizzassero del tutto. Esso Era passata la mezzanotte quando ho sventolato la bandiera della resa e gliel'ho detto che ero esausto. Risero e passarono monete a William prima di farmelo sapere erano accampati nella foresta e sarebbero tornati verso domani pomeriggio. Li ringraziai e li guardai allontanarsi la sala da ballo e subito fuori dal balcone. Mia zia era al mio fianco il...

610 I più visti

Likes 0

Una Santa Femmina incontra il cane da guardia..._(1)

Era stretto. Molto stretto. Improvvisamente si ricordò della casa dell'anno scorso quando il suo vestito attillato graffiava le pareti incrostate di fuliggine del camino. Bella casa, grande soggiorno... residente caldo. Sorrise mentre si trascinava più in basso lungo i muri di mattoni, sentendo improvvisamente una brezza salire dal focolare, un ruscello sotto di lei. Qualcuno era appena uscito... o era entrato nella stanza. La brezza le fece saltare la gonna e lei rabbrividì. Non è la notte per andare senza mutandine, pensò. Poi di nuovo, ha dovuto lasciare qualcosa per un regalo. Trattenne il respiro e scivolò giù, senza sentire più...

598 I più visti

Likes 0

È iniziato come solo uno scherzo (rivisto)

Vengo da Madera California, solo la tua famiglia media. Madre, padre, fratello e me stesso. La mia famiglia è molto vicina e aperta l'una con l'altra, ma non siamo mai stati nudi uno di fronte all'altro o pensato l'uno all'altro in modo sessuale. Tuttavia, quando usciamo al negozio o da qualche parte chiediamo c'è qualcosa che qualcuno vuole dal vuoto e quando siamo abbastanza grandi e andiamo al negozio di pornografia locale, chiediamo se qualcuno vuole qualcosa. Di solito, ci prendiamo solo del lubrificante o dei film e andiamo tutti nelle nostre stanze a guardarli. Questa volta, tuttavia, stavo ottenendo...

416 I più visti

Likes 0

Un compleanno incesto Capitolo 17

Uno sfortunato incidente mi ha tenuto lontano dal computer per molto tempo, ma sono tutto guarito e pronto per tornare a scrivere. Spero solo di essere il più vicino a dove stavo scrivendo saggiamente prima della mia improvvisa scomparsa. Quindi, dopo oltre 8 mesi di assenza, la storia di Rita e Randy Stevens continua proprio qui, spero che vi piaccia. Mi sono agitato nel sonno, svegliandomi quando ho sentito qualcosa che mi spingeva il petto più e più volte, al punto in cui ho dovuto affrontare il problema. Con gli occhi sfocati ho guardato attraverso l'oscurità finché non si sono adattati...

197 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.