Brianne

54Report
Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 ". Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo, mi ha salutato e ha sorriso mentre passava. Ho restituito il saluto. Mentre mi passava davanti, girai la testa, assaporando l'immagine di lei che camminava lungo il sentiero con la gonna corta blu. La conoscevo solo vagamente a livello personale, quel tanto che bastava per essere salutata se ci fossimo incrociati nel corridoio, o fuori dalla scuola.
Sono andato al mio solito posto dove ho mangiato nel corridoio, ma il mio amico Ryan non c'era. Suppongo che stia facendo un test o qualcosa del genere. Era uno studente onorario e spesso doveva fare cazzate accademiche a pranzo. Mi sono seduto e ho pranzato da solo, con la schiena appoggiata al mio armadietto. Dopo aver finito di mangiare, ho tirato fuori un libro da leggere. Mentre leggevo, ho sentito una gola chiara vicino a me. Ho cercato. Brianne era lì, a guardarmi. "Uh uh", dissi stupidamente. Lei sorrise e disse: "Ehi, il tuo amico Ryan era in chimica a fare un test con me e abbiamo iniziato una conversazione". Non sapevo cosa dire, quindi ho continuato a fissarla. "Ha detto che hai problemi nella tua classe di matematica." Non avevo idea di cosa potesse avere a che fare con qualcosa, ma annuii con la testa in segno di riconoscimento, ancora senza la minima idea di cosa dire. «Be', si chiedeva se mi sarebbe piaciuto insegnarti. Ha detto che l'avrebbe fatto, ma non era molto bravo in matematica". Questo è quando finalmente l'ho messo insieme. Ryan era bravo in matematica e spesso mi aiutava con i compiti di matematica. Sapeva però che avevo una cotta per Brianne, quindi starà cercando di incastrarci.
"Sì, sarebbe fantastico", dissi, trovando finalmente la mia voce. Sorrise di nuovo e mi porse un foglietto. "Chiamami se hai bisogno di aiuto e possiamo fissare una data di tutoraggio." Lei sorrise di nuovo e se ne andò. Il campanello suonò e feci le valigie. Mentre andavo in classe ero perso nei suoi pensieri. Sembrava un po' strano che fosse disposta a fare da tutor a qualcuno che conosceva appena solo perché qualcun altro seduto accanto a lei in Chimica le ha chiesto se lo avrebbe fatto. Ma ho sempre saputo che era molto gentile, e ho pensato che fosse per questo che aveva acconsentito. Non vedevo l'ora di parlarne con Ryan, ma non l'ho avuto fino alla settima ora, che era matematica. I successivi due periodi prima della settima sono andati avanti strisciando, finché finalmente sono stato in grado di entrare nella mia classe di matematica.
Ryan era seduto, la testa affondata nei suoi appunti di matematica, assicurandosi di essere pronto per la lezione imminente. Mi sono seduto accanto a lui. Il nostro insegnante di matematica, il signor Barson, è stato davvero fantastico. È stato uno dei pochi insegnanti quest'anno che ci ha permesso di sederci dove volevamo, cosa che pensavo fosse un po' stupida, visto che eravamo all'ultimo anno al liceo. Era a capo della classe, ascoltando il suo I-pod fino al suono della campanella. Quando mi sono seduto accanto a Ryan, ha alzato lo sguardo e un enorme sorriso gli è apparso sul viso. "Beh", ha chiesto, "lei ha parlato con te?" "Sì", ho risposto, "come hai fatto?" Ha continuato: “È stato facile, è disposta a fare qualsiasi cosa per aiutare qualcuno. Dovevo solo iniziare una conversazione con lei". Sapevo che era più facile per lui di quanto non potesse mai essere per me, era davvero bravo a parlare con le ragazze, nonostante fosse nerd come me. Probabilmente non sarei mai stato in grado di iniziare una conversazione con lei.
La lezione di matematica oggi è stata facile, ho capito praticamente tutto, ma ero ansiosa di vedere Brianne, quindi ho deciso che l'avrei chiamata e le avrei chiesto aiuto comunque. Quando ho lasciato la matematica, ho ringraziato di nuovo Ryan, ha detto che non era un problema e ho iniziato la mia passeggiata verso casa. Mentre tornavo a casa, ho immaginato che Brianne venisse a casa mia per istruirmi nuda. Nella mia testa bussò alla porta e io risposi. Stava tremando, fuori faceva freddo e pioveva. Il suo corpo era completamente nudo, le braccia premute contro le tette. Entrò e mi abbracciò con gratitudine. Poi ha iniziato a baciarmi e... mi sono liberato dal sogno ad occhi aperti mentre mi avvicinavo a casa mia, guardando il cielo azzurro e limpido. Sapevo che non sarebbe mai successo. Anche se per qualche motivo fosse venuta a casa mia nuda, mia madre non lavorava più e non permetteva a nessuna ragazza nuda di entrare in casa di baciarmi. Ho pensato a mia madre che era a casa con fastidio, come avrei potuto passare del tempo da solo con Brianne se mia madre era lì. Non avrebbe mai perso di vista una ragazza in casa. Mi piaceva mia madre, ma poteva essere piuttosto ficcanaso, ed ero sicuro che non avrei ottenuto una parola in privato. Ho iniziato a sentirmi infelice, non l'avevo nemmeno considerato.
Mentre entravo, ho iniziato a pensare di non chiamarla. Ho deciso di non farlo però, non sarei arrivato da nessuna parte a farlo. Così sono salito in camera mia e ho tirato fuori il cellulare. Ho guardato il numero e l'ho composto. Suonò per un po' e lei rispose. "Ciao", ha detto. "Ehi, sono io, mi chiedevo se ti andrebbe ancora bene insegnarmi?" Ho chiesto.
"Oh, certo", ha risposto, "quando pensi che avrai bisogno di tutoraggio?"
"Beh, in realtà non capisco i compiti di stasera, pensi che potresti aiutarmi?"
“Sì, certo, devo solo fare un paio di cose, poi posso venire subito a prenderti. Qual è il tuo indirizzo?" Le ho dato l'indirizzo e lei ha detto che sarebbe finita tra un po'. È stato un momento dopo che ha riattaccato che mi sono reso conto di quello che aveva detto, che sarebbe venuta a prendermi, il che significava che non avrei dovuto preoccuparmi che mia madre fosse un ostacolo.
Ho preso il mio zaino e l'ho messo vicino alla porta. Ho urlato a mia madre che stavo uscendo per un po', e lei mi ha detto di tornare prima delle nove. Quando Brianne si fermò con la sua macchina, mi diressi verso la porta. Si era cambiata d'abito da quando era finita la scuola, indossava blue jeans attillati, che mettevano in mostra il suo culo perfetto, e una canotta rossa scollata. Sono stato sorpreso di vederla indossare la canottiera, non ha mai indossato niente del genere a scuola. Potevo vedere le sue spalline nere del reggiseno sotto di esso. "Grazie per essere passato a prendermi", dissi entrando nella sua piccola utilitaria. "Nessun problema", ha detto, "sono solo contenta di aver potuto aiutare". Quando siamo arrivati ​​a casa sua, ho sussultato. La sua casa era piuttosto grande, due piani, ma non piccola e scadente che assomigliava a casa mia, il prato era tagliato perfettamente e decorato, e la vernice era di un bel colore blu, invece del terribile giallo senape scrostato di casa mia. Ridacchiò leggermente quando mi vide ansimare. "Hai intenzione di svenire loro?" chiese scherzosamente. "Potrei, se anche l'interno fosse così carino." Rise al mio commento e si fermò in garage. "Avete una macchina?" chiese mentre spegneva il motore. “No, non ho ancora nemmeno la patente e non ho un'auto con cui esercitarmi quindi non riesco davvero a prenderne una. La macchina di mia madre si è rotta, non la usa comunque, non lavora più». "Fa schifo", ha detto. "Si, parlamene." Mi condusse nella sua cucina dove aveva una di quelle sbarre da cucina, che era come un tavolo incassato in mezzo alla cucina. Ci sedemmo sugli sgabelli imbottiti e io tirai fuori i compiti. Mentre mi aiutava, abbiamo parlato di altre cose, guida, scuola, film recenti. Mi stavo davvero divertendo e anche lei sembrava esserlo.
"Dove sono i tuoi genitori?" Ho chiesto. “Lavorano fino a tardi, sono ingegneri architettonici e di solito non tornano a casa prima delle nove, a volte più tardi. Sono davvero seri riguardo al loro lavoro". "Sono entrambi ingegneri?" Ho detto. "Sì, lavorano entrambi anche nello stesso ufficio." È riuscita ad aiutarmi con i miei calcoli abbastanza rapidamente, visto che sapevo già come farlo. Dopo mi ha chiesto se volevo vedere un film con lei. Ho risposto che mi sarebbe piaciuto, e lei ne ha infilato uno nel lettore DVD. Ci siamo seduti uno accanto all'altro e l'abbiamo guardato. Ero estremamente nervoso, non mi ero mai seduto da solo con una ragazza a guardare un film prima. Abbiamo continuato a parlarne un po' durante il film, e ho iniziato a scoprire di avere più cose in comune con lei di quanto avrei mai immaginato. Era anche interessata all'arte, frequentava un corso avanzato. Non ero in nessuna classe o altro, ma mi piaceva molto disegnare. Le ho mostrato un paio delle mie foto dal mio zaino e lei mi ha detto che dovevo unirmi alla classe.
Alla fine del film, era seduta molto vicino a me, appoggiata alla mia spalla. Sembrò rendersi conto per la prima volta di come era seduta, e si sedette dritta. Stava arrossendo. "Cosa c'è che non va?" Ho chiesto. "Niente di sbagliato", ha detto. “Semplicemente non voglio fare nulla con cui potresti sentirti a disagio. Dovrei solo insegnarti, non voglio...» Sembrava non capire cosa stesse cercando di dire. Ho cercato di aiutare. "Sto bene con qualsiasi cosa tu stia bene con te, io uh, mi piaci davvero." Lei mi guardò, come sorpresa. Poi, con mia sorpresa, mi baciò. La sua lingua scivolò nella mia bocca e io risposi facendo lo stesso. Ero preoccupato di non essere bravo a baciare, questa era la prima volta che lo facevo. Abbiamo continuato a baciarci per un bel po', le mie mani si stavano sfregando sulla sua schiena, ma all'improvviso ha spostato le mie mani più in basso sul suo culo mentre ci baciavamo. ero in paradiso. Il suo culo che ho sempre guardato allontanarsi da me nei corridoi, su cui spesso fantasticavo. Ho iniziato a massaggiarle il culo, ma con cautela, non volevo offenderla. Come se mi leggesse nel pensiero, si staccò dal bacio per un momento. “Non preoccuparti, mi piaci che mi tocchi, vai avanti. Ha ricominciato a baciarmi e le mie mani le hanno afferrato il culo leggermente. Dopo che non ho ricevuto alcuna risposta negativa, le ho stretto entrambe le guance. Questo le ha fatto iniziare a baciarmi più appassionatamente. Abbiamo continuato in questo modo per un po', finché non ha fatto scivolare le mani sotto la mia maglietta, facendomi fremere leggermente la schiena. Poi ha interrotto di nuovo il bacio e mi ha fatto scivolare la maglietta sulla testa. Sono rimasto estremamente sorpreso. "Cosa stai facendo?" Ho chiesto. Sembrava confusa. “Non vuoi, uh-” la interruppi, “Sì, ma sei sicuro di volerlo-” come risposta iniziò a baciarmi di nuovo. Continuai a baciarla, e infilai le mani nella parte posteriore dei suoi pantaloni, sopra le sue mutandine. Poi ho fatto scivolare lentamente le mani in cerchio, portandole in avanti. Lei sussultò per questo, e io le sbottonai i pantaloni. Mentre abbassavo la cerniera, vidi che anche le sue mutandine erano nere, intonate al reggiseno. Ho provato a toglierle i jeans, ma ho avuto qualche difficoltà, lei ha riso e mi ha aiutato a toglierli. Poi mi ha aiutato a togliermi i pantaloni e le ho tirato la canottiera sopra la testa.
Eravamo entrambi solo in mutande. Ho fatto scivolare lentamente le mani dal suo ombelico, lungo i suoi fianchi, e al suo reggiseno. Mi sono allungato dietro e ho cercato di slacciarlo. Ho avuto difficoltà con questo, ma dopo un minuto di giocherellare e qualche risata, sono riuscito a sganciarlo. Il reggiseno è caduto e ho fissato le sue tette. Erano meglio di quanto avessi mai immaginato, in tutte le mie fantasie. Erano leggermente più grandi di quanto sembravano mentre indossava i vestiti. Ha piccoli capezzoli rosa e piccole areole intorno. Le sue tette erano leggermente più pallide rispetto al resto del suo corpo. Ho guardato per qualche secondo, poi ho messo la mano su uno di loro. Ho iniziato a strofinarlo delicatamente e poi l'ho strizzato. Sembrava godersela leggermente. Ho messo l'altra mano sull'altra sua tetta e ho iniziato a strizzarla. Li ho spostato la mia bocca fino alle sue tette e ho iniziato a succhiarle i capezzoli mentre continuavo a strofinarli. Dopo un po' guardai le sue mutandine. Erano estremamente bagnati. Ho spostato le mie mani dalle sue tette e lentamente ho fatto scivolare giù le sue mutandine. Lei ansimò silenziosamente. Ho guardato la sua figa. Era anche pallido e sembrava molto stretto. Era anche estremamente bagnato. Era ben rasata. Ho abbassato la testa e ho iniziato a leccarle la figa. Ha emesso un gemito sommesso mentre lo facevo. La mia lingua ha leccato su e giù, e poi ho iniziato a giocare con il suo clitoride. Iniziò a gemere più forte. Ho continuato a farlo e le ho afferrato il culo con le mani. Lo strinsi forte e lei emise un gemito più forte. Questo è andato avanti per un po', prima che si mettesse a sedere e mi chiedesse di togliermi le mutande.
Li ho tirati giù nervosamente e lei ha spostato la sua bocca sul mio cazzo. Ha leccato l'asta del mio cazzo molto duro e sulla testa. Poi ha avvolto la sua bocca intorno al mio cazzo e ha iniziato a muovere lentamente la testa verso il basso. Si mosse su e giù, prendendo lentamente la mano. Provavo una grande quantità di piacere mentre lo faceva. Ero preoccupata di venire troppo presto, ma sono riuscita a trattenermi dal farlo. Dopo un po' ha staccato la bocca dal mio cazzo e si è distesa sul divano con le gambe aperte. "Voglio che mi scopi", ha detto.
"Non ho il preservativo"
"Prendo la pillola"
"Come mai?" ho chiesto per curiosità.
"Lo prendo per il mio periodo, in modo che non sia così male." Poi, come per incoraggiarmi, ha afferrato il mio cazzo bagnato con la mano e ha iniziato a muovere la mano su e giù, eccitandomi ancora di più. Quando si è fermata, ho spostato il mio cazzo fino alla sua figa, e lentamente ho iniziato a scivolare dentro. Mentre spingevo dentro, ho sentito una resistenza e mi sono fermato. «Continua», disse. Ho continuato a spingere e il suo imene si è rotto. Ho capito che doveva essere vergine. Ha ansimato per il dolore mentre lo facevo, e le ho chiesto se stava bene. “Sì, sto bene, continua così. Ho spinto fino in fondo e sono rimasto lì per un minuto.
Poi ho cominciato a tirare fuori lentamente ea spingere indietro. Stavo pompando dentro di lei, e lei gemeva di piacere. Mentre continuavo, ho cominciato ad accelerare. I suoi gemiti si intensificarono mentre lo facevo. Mentre la scopavo, ho afferrato le sue tette che rimbalzavano e ho iniziato a giocarci. Lei gemette di più e io iniziai ad andare più veloce. Le sue gambe erano divaricate sul divano. Le sue mani afferrarono la spalliera del divano, e il lato di esso, mentre continuavo. Dopo un po' mi ha chiesto se volevo provare un'altra posizione. Mi sono tirato fuori da lei, e lei si è appoggiata al divano con le mani, le sue ginocchia erano sul pavimento. Mi sono spostato dietro di lei e sono scivolato nella sua figa. Ho ricominciato a picchiarla e lei ha ricominciato a lamentarsi. Le sue mani erano premute contro lo schienale del divano e la sua testa era leggermente girata all'indietro per guardarmi. Ho afferrato di nuovo il suo culo perfetto, stringendolo in estasi, e poi ho continuato a scoparla. "Sbattimi il culo!" ha urlato all'improvviso, e le ho schiaffeggiato la guancia destra del culo con la mano. "Oh sì, per favore più forte!" Ho iniziato a scoparla più forte, facendo rimbalzare le sue tette molto rapidamente e le ho anche schiaffeggiato il culo più forte che potevo. "Cazzo sì, fanculo!" ha urlato.
Abbiamo cambiato di nuovo posizione, questa volta ha allargato le gambe a terra, il più lontano possibile, e io le ho trattenute spingendole più indietro. Il suo culo era leggermente sollevato da terra a causa di come la stavo spingendo, e la sua schiena era piegata. Poi ho spinto di nuovo dentro di lei e ho iniziato a scoparla. Stavo andando forte come prima, le sue tette rimbalzavano avanti e indietro e lei stava quasi urlando di piacere. Ho continuato a scoparla e lei si è aggrappata alle sue gambe, tenendole ferme. Le mie mani erano quindi libere di toccarla di nuovo, e mi sono sporto in avanti mentre la scopavo e le ho afferrato le tette. Li stringevo forte e poi li strofinavo. "Sì!" gemette e gridò: "Più forte!" Ho dovuto premere le mani nelle sue tette e poi ho iniziato a scoparla più forte. "Sì! Fottimi, fottimi!” ha urlato. Mi stavo quasi avvicinando alla fine ora, e lei gemette, "Penso che verrò!" Volevo che finisse prima di me, quindi mi sono trattenuto e ho continuato. "Sì, continua, continua!" ha esortato. “Sono quasi loro! Fottimi!” ha iniziato a gemere ancora più forte, e poi ho sentito le mie palle stringersi e ho capito che non avrei potuto resistere più a lungo. Ho sentito uno spruzzo dopo l'altro di sborra fuoriuscire, ma mentre ciò accadeva, potevo sentire la sua figa stringersi intorno al mio cazzo, anche lei stava avendo un orgasmo. Ho continuato ad andare avanti finché ho potuto, e alla fine lei si è fermata.
L'ho tirata fuori e lei mi ha portato in bagno così che potessimo fare la doccia e pulire. Dopo che siamo usciti dalla doccia, le ho chiesto perché fosse così disposta a farlo così in fretta. "Perché mi piaci, potrei dirlo solo parlandoti stasera, e potrei dire che ti piacevo, e, beh, immagino di essere un po' eccitato", ha detto mentre ridacchiava. Anch'io ho riso: "Sì, forse solo un po'. Questo significa che stavano uscendo, giusto", ho chiesto scherzosamente. "Sì, dovrei dirlo", ha detto. Ho controllato l'orologio, erano quasi le nove. "Devo tornare a casa", dissi. Mi ha portato a casa e le ho dato il bacio della buonanotte. Ero finalmente felice, avevo la ragazza dei miei sogni.

Storie simili

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

27 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

17 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.