Toman dei Cherokee 5

719Report
Toman dei Cherokee 5

"Il figlio di Drenna?" Sentii improvvisamente il mago sussurrare. Poi mi guardò più intensamente come per vedere qualcosa che gli era sfuggito. "Mio Dio!" disse all'improvviso. "Mi ricordo di te quando eri solo un bambino." Abbassando la testa lo sentii dire. "Mi dispiace tanto per voi, madre e padre. Ne ho sentito parlare solo un mese dopo che se ne erano andati. Se l'avessi saputo, avrei potuto fare qualcosa."

Fissai il mago a bocca aperta anche se non avevo intenzione di abbandonare la mia difesa, no lo sapevo meglio. L'avevo fatto con l'unico amico che avevo a scuola quando aveva cercato di togliermi quello che poteva. Questo ovviamente mi ha fatto incazzare seriamente. Il risultato finale è che lui era morto, io ero vivo e l'intero consiglio ora stava cercando me e Pops.

Guardai attentamente il mago davanti a me, potevo davvero sentire il suo potere, dannazione, come diavolo lo stavo tenendo a bada. Merda, questo aveva un potere serio rispetto a quasi tutti quelli contro cui mi ero scontrato o provato.

"Puoi liberare Toman, lo conosco, sta bene." Ho sentito Pops dire dietro di me.

"Va tutto bene papà, ma io no. Diavolo, potrebbe essere un mutaforma che vuole fare un risucchio di potere su di me. No, penso che continuerò così finché non dimostrerà chi è." l'ho detto a papà.

"Sei molto forte, più forte di quanto ricordassi tuo padre alla tua età. Se avessi voluto avrei potuto raggiungerti facilmente giovanotto. Puoi fidarti di me." Disse il mago mentre si avvicinava al bordo del mio scudo.

"No, non credo che tu possa o lo avresti già fatto!" Gli ho quasi urlato contro.

Gli occhi del mago si strinsero mentre si avvicinava agitando tutto il braccio, poi con un sorriso si mosse oltre il mio scudo! Ringhiando ho fatto un gesto verso di lui osservandolo mentre veniva spinto indietro di qualche passo. L'espressione stupita sul suo viso mi fece sentire compiaciuto per un momento, solo un momento poi si stava muovendo di nuovo in avanti anche se come se fosse al rallentatore.

Ringhiando mi sentivo come se qualcosa dentro di me si aprisse come una porta, poi stava volando all'indietro. Poi è stato inchiodato a un albero che lottava per liberarsi. Con un suo ringhio non solo si liberò, ma volò di nuovo verso di me. Ok, ora ero incazzato perché ho sentito quasi tutto dentro di me aprirsi mentre gli occhi del mago si spalancavano e cadeva a terra.

<"TOMAN! FERMATI! PER FAVORE!"> ho sentito nella mia testa piuttosto energicamente. Girandomi potevo solo fissare l'altra estremità della bolla. Naci era lì in piedi, le lacrime le scendevano dagli occhi. <"Per favore Toman, non fare del male a papà. Sento che sta spingendo ora, se va molto di più si farà male!">

Con un sospiro mi voltai verso il padre di Naci annuendo improvvisamente spensi tutto. Cadendo a terra potevo sentire il potere quasi infinito dentro di me mentre cercavo di chiudere la stessa porta che avevo sentito aprirsi. Respiravo a fatica, era molto più difficile chiuderlo che aprirlo. Un attimo dopo ho sentito una mano morbida sulla mia schiena, "concentrato Toman sentilo, senti il ​​confine, sentilo restringersi".

Annuendo mi sono guardato dentro sentendo l'apertura che si chiudeva a un ritmo più veloce. Girandomi verso Naci, la ringraziai, poi la mia bocca rimase aperta perché potevo sentire che il suo potere era alto quasi quanto il mio!. "Anche tu usi la magia selvaggia?" Ho chiesto.

Naci guardò suo padre che si stava alzando da terra non molto felice. Quando si limitò a scrollare le spalle, lei mi guardò e annuì. "Ho duecentocinquanta anni. So di essere un po' giovane ma sarei comunque onorata di essere tua moglie Toman." Guardando per terra si rifiutò di alzare lo sguardo aspettando che io rispondessi.

"Prima che io possa rispondere a quella Naci, dimmi. Quanti anni pensi che io abbia?" chiesi mentre cercavo di vedere la sua faccia.

"Per quanto tu sia forte, pensavo avessi almeno quattro, quattrocentocinquanta anni." Naci me l'ha detto con tutta onestà.

L'ho guardata scioccata cercando oh così tanto di trattenerlo. Finalmente non potendo più ho iniziato a ridere poi erroneamente l'ho guardata di nuovo. Lo sguardo serio sul suo viso mi ha davvero fatto ridere mentre cadevo a terra.

Allungandosi mi colpì il braccio, "Non riesco a vedere cosa ci sia di così dannatamente divertente Toman!" Lei urlò. Guardandomi intorno ho visto che Alto Orso aveva un'espressione confusa sul viso, anche se Pops sorrideva da un orecchio all'altro.

Sfregandomi il braccio smisi finalmente di guardarla negli occhi: "Naci ho solo duecento anni!"

Guardando prima me, poi Pops che stava annuendo di sì, poi suo padre la cui bocca era anch'essa spalancata. «Uno così giovane con quel tipo di potere. Solo mio fratello Merlino è mai stato in grado di fare quello che hai fatto tu oggi! Se ne avessi la possibilità, potresti prenderli tutti con più allenamento!"

Anche Naci stava annuendo, proprio come all'improvviso allungò la mano e si adagiò di nuovo sul mio braccio. "Ow! Dannazione! Che diavolo stai facendo!" Ho urlato.

"Questo è per aver quasi ucciso mio padre!" Poi mi ha dato un altro pugno, "è per non avermelo detto! So che puoi vedere il mio potere anche con tutto lo smorzamento che ho." Poi mi ha dato un pugno una terza volta! Anche se questa volta non è stato affatto difficile. "Questo è per avermi fatto innamorare di te dopo che mi hai salvato la vita! ARGH! Ti odio!" Con un ringhio si voltò e uscì dalla bolla con un'andatura decisa.

Papà sorrideva come se gli fosse stato dato il permesso di fare qualsiasi cosa volesse. Alto Orso roteava gli occhi mentre iniziava a ridacchiare. Rimasi lì a guardarla allontanarsi in lontananza. Ho appena scosso la testa, fantastico, mi odiava, avevo quasi ucciso suo padre. Pensava che cercassi sempre il potere degli altri, qualunque cosa accada. Inoltre ha iniziato ad amarmi dopo che l'ho salvata. Cosa diavolo ero... Mi sono fermato, scuotendo la testa lei COSA!?

Alto Orso stava aiutando Pops mentre entrambi avevano grandi sorrisi sui loro volti. Poi Pops diede una gomitata al fianco di Alto Orso indicandomi. "Guarda Mordaf, penso che stia appena iniziando a rendersi conto di quello che ha detto."

"Davvero ah essere di nuovo giovane, sapendo così poco che uno è quasi un idiota." Poi entrambi iniziarono a ridere quando il mago aiutò Pops ad alzarsi. "Sembra Reg che il tuo potere curativo sia aumentato."

Pops ha scosso la testa indicandomi, "era Toman. Deve vedere solo una volta, poi può farlo anche lui." Pops ha detto un accenno di orgoglio nella sua voce. "Da alcuni giorni ha mostrato un buon livello di apprendimento. Ti suggerisco di stare attento, Mordaf impara guardando."

La bocca di Mordaf si spalancò, "ha la terza vista? Straordinario! Conosco solo altri due e uno di loro impiega molto più tempo per imparare a guardare di quanto sembri Toman. Presumo che tu conosca il mio fratello maggiore Merlino?" Quando Pops annuì, Mordaf si limitò ad annuire: "Pensavo che lo conoscessi". Quando Pops scosse la testa, la bocca di Mordaf non si spalancò. "S... conosci davvero mio fratello?"

"Sai? Ti prego! È il miglior amico che abbia mai avuto. È stato lui ad aiutarmi a superare la morte di mia figlia e di suo marito." disse Pops, con una lacrima che gli sfuggiva dagli occhi.

"Allora Reg, ancora non mi riconosci?" disse Mordaf. Quando Pops scosse la testa no, il mago iniziò improvvisamente a cambiare forma. Quando iniziò a regredire in età, la bocca di Pop si spalancò all'improvviso mentre afferrava l'altro mago in un abbraccio da orso.

"MORDI!" Pops stava urlando. "Per il grande potere! Non ti vedo da più di mille anni!" Mordaf annuì, poi tornò rapidamente alla sua età originaria. Guardandomi sospirò. "Quindi puoi vedere il potere, Merlin potrebbe farlo. Immagino che tu possa anche spegnerli?"

"Sì che posso. Anche se non lo trovo così piacevole come potrebbero farlo gli altri." Qui ho guardato l'idiota piagnucoloso che era dietro di noi. "Trovo anche sgradevole pulire una mente." dissi a entrambi con uno sguardo di disgusto. "Nel suo caso, però, sento di aver fatto un enorme favore a entrambi i mondi".

Mordaf stava annuendo quando Pops ha detto: "ah, non è niente. Guardami, puoi dire qualcosa di diverso?"

Mordaf allungò la mano passandola su Pops, poi la SUA bocca rimase spalancata. "Quando diavolo hai sviluppato la capacità di sentire i livelli di potere degli altri." Chiese.

"Non l'ho fatto", ha detto Pops. "Toman l'ha fatto."
La bocca di Mordaf si spalancò mentre mi guardava. Poi ancora più forte. "Buon dio figliolo, dimmi, quanto del mio potere sono attualmente in grado di usare?"

Ho guardato Pops e non mi è sembrata una buona idea. <Lascio a te Toman. Mi fido di lui per la mia vita, andavamo a scuola insieme anche se allora le cose erano molto diverse.> Vennero i suoi pensieri.

"Non ti conosco bene come Pops, e l'ultima volta che ho detto a qualcuno di un'abilità che avevo, hanno provato a risucchiarmi di potere. Mi sono spinto indietro sentendo il loro cuore fermarsi e poi esplodere. Voglio solo essere lasciato solo purtroppo dopo oggi temo che mi inseguiranno ancora di più. Non sono ancora abbastanza forte, quasi ma non ancora. Ho detto onestamente a Mordaf aspettando la sua risposta per determinare fino a che punto potevo spingermi.

Mordaf rimase pensieroso per un momento, poi annuì, "Capisco il tuo punto di vista, perdonami, non te lo chiederò più. Ricordo solo che quel fratello potrebbe fare qualcosa come ho chiesto."

Annuii mentre sentivo ogni parola che aveva detto. Non provavo rancore, odio o desiderio di potere. Mordaf stava per rivolgersi a Pops quando dissi: "Sei aperto a malapena per tre quarti. Hai più abilità di quante ne abbia mai viste in qualsiasi altro mago. Quasi vedo in te che posso anche fare, ne vedo solo tre che Non posso ancora farlo".

La bocca di Mordaf si spalancò mentre poteva solo fissarmi. Poi stava annuendo, "aspetta! Hai detto appena tre quarti. Ero più avanti una volta." Con un sospiro annuì. Sorridendo ho allungato la mano senza muovermi colpendo il punto che ho visto una volta era stato aperto. All'improvviso i suoi occhi si spalancarono mentre cadeva in ginocchio. "Per il grande potere! Sei un utente totale!" Rivolgendosi a Pops, ha affermato. "Devi portarlo da mio fratello! È l'unico altro utente totale che io abbia mai sentito o visto!"

La bocca di Pops si spalancò, poi scosse la testa no. "Tuo fratello è su un'isola in cui sono stato solo una volta. Anche se potessi ritrovarla sarei morto molto prima di raggiungerla. Anche con i livelli extra che Toman mi ha dato non avrei alcuna possibilità. Ha cercato di riposare per il secolo scorso, l'ultima volta che l'ho visto era stufo del rumore e degli idioti utenti d'élite come ha detto".

"Potrei sempre chiamarlo", ha detto Mordaf. "Non sono potente come lui, ma sono ancora suo fratello che sono destinato a superare."

Pops guardò Mordaf spalancando gli occhi, poi scosse la testa. "Hai il potere, te lo concedo, ma anche a te verrebbe dato il culo con le cose che ho visto che Merlino ha messo lì."

Mordaf si sporse in avanti sussurrando: "Per il grande potere sta ancora giocando con lucertole e insetti?" Pops si limitò ad annuire e poi ridacchiò un momento.

"Diceva sempre che erano i suoi migliori amici, ricordo il ragno che cresceva a casa sua. Spaventava a morte tutti intorno a lui. I vicini dannatamente vicini si ribellarono finché non se ne sbarazzò. È stato un brutto casino."

Mordaf stava annuendo e poi sorrise: "Sembra Merl. Comunque potrei provarci soprattutto dopo che Toman me ne ha riaperto un po'."

"Non sono sicuro che sia una buona idea, penso che potrebbero essere in ascolto per qualcuno che cerca di contattarlo. Inoltre ha detto che mi avrebbe cercato tra qualche decennio. Non ci vorrà molto, sono sicuro che è sono stufo della quiete ormai."

"Devo tornare alla tribù", qui Mordaf schioccò le dita assumendo improvvisamente le sembianze di Alto Orso.

Entrambi lo guardammo allontanarsi mentre si voltava verso di me. "Penso che sia ora che inizi a insegnarti qualche incantesimo. Io..." Pops smise di guardarmi, poi sorrise. "Basta guardare figliolo, poi voglio che tu lo ripeta. Dopo dobbiamo fare qualcosa per l'idiota sbavante lì." disse Pops indicando l'ex mago che stava cercando di leccare l'erba.

Poche ore dopo Pops aveva affrontato quasi tutti gli incantesimi che conosceva. Poi con quello che avevo aperto in lui ne fece qualcuna in più che non aveva conosciuto qualche giorno fa. Mi sono seduto quando abbiamo finito la mia testa martellava le mie tempie palpitanti. "Mi dispiace Toman, so che fa male, dovrebbe finire tra poche ore. Questo è tutto quello che ho, anche se so che hai imparato quello che Mordaf ha cercato di fare. Non ho idea di come farlo. Forse dovremmo prenderlo per insegnartene un po'".

"Sembra una buona idea papà, ma quando? Sembra così impegnato con la tribù, avrebbe tempo?" Ho chiesto a Pops pensandoci.

"Perché non glielo chiediamo?" Pop ha risposto. "Sono sicuro che è molto più abile nel parlare del pensiero di quanto lo sia mai stato io."

Ci ho pensato un attimo poi ho annuito. ["Orso alto?]

Un attimo dopo i suoi pensieri vennero a entrambi. [Va tutto bene con voi due? Nessuno di voi due è ricomparso, stavo cominciando a preoccuparmi come lo è la vostra sposa. È una dura ma lo so ..]

[È maleducato parlare di me quando sono qui, padre!] Arrivarono i pensieri rabbiosi di Naci. [Forse ti piacerebbe provare di nuovo a cucinare? Se ricordo bene l'ultima volta che hai quasi bruciato il tepee!]

Ci fu un gemito che entrambi pensammo fosse di Alto Orso. Poi abbiamo sentito una risatina in seguito.

[Allora cosa c'è che non va?] chiese Alto Orso.

[Ho mostrato a Toman tutto quello che potevo. Sono contento di aver imparato tanto quanto ho fatto. Inoltre ho alcune cose che posso fare ora grazie a lui. Abbiamo bisogno che tu gli mostri di più; Temo che tu sia l'unico che può farlo. Questo dopo che ci siamo sbarazzati dell'idiota borbottante qui.] Ha detto Pops prendendo il sopravvento.

[Sarei felice di farlo, anche se temo che potrebbero volerci altri due giorni prima di poterlo fare.] Giunse la risposta di Alto Orso.

[Cercheremo di tornare il prima possibile.] Gliel'ha detto Pops.

[Avete avuto meglio entrambi!] Ho sentito i pensieri di Naci urlare contro di noi. [Potrei odiarti ma non voglio che ti accada nulla. Sei l'unico su cui posso esercitarmi e con!] Deglutii a fatica quando mi arrivarono quei pensieri. [Voi maschi pensate sempre al sesso! Potrei usare la mia magia! Non lo uso da molto tempo.]

Ho riso imbarazzato, poi mi sono arrabbiato. [Ovviamente hai dimenticato che sono vergine come TU SEI!] Ho pensato di sentire con forza il suo urlo mentre veniva buttata a terra.]

Ringhiando disse: [Te ne devo uno adesso. Aspetta solo che torni!]

Ridacchiando guardai mentre Pops si concentrava e poi apriva un portale. Passando attraverso ho visto che eravamo più avanti nel futuro. Guardandosi intorno sembravano altri duecento anni. "Dobbiamo prenderci cura di Toman, anche se non hanno magia, hanno armi potenti. Qualsiasi magia che usiamo qui porterà non solo il consiglio ma anche gli umani. Ricordi l'incantesimo?"

"Sì, papà," dissi mortalmente seriamente. "Più in fretta che posso." Pops annuì mentre aprivo circa la metà del mio potere. Concentrandomi sulle camere del consiglio dei maghi, ho aperto un portale facendo letteralmente passare l'ormai idiota ex mago e poi chiudendolo di scatto.

"Adesso presto!" Ha detto Pops proprio mentre stavo avviando il portale. All'improvviso un fulmine colpì il mio scudo. Accidenti! Avevano agenti anche qui!

"Ah! Eccoti bastardo! Cosa ti sei stupito di vedermi?" Sparando un altro fulmine rimase scioccato quando si riflesse indietro e lo fece cadere in aria. "Ah colpo fortunato! Aw! Ti sei fatto aiutare da quel pietoso nonno!" Ridendo più forte l'idiota non mi ha nemmeno sentito quando gli ho strappato via metà del suo potere. Urlando a squarciagola Mi lanciò uno sguardo omicida.

"Che culo zoppo!" dissi mentre iniziavo a ridere. "Potresti notare che non puoi teletrasportarti, non puoi volare e sicuramente chiedere aiuto."

"Cos'è questo? Non è possibile che tu abbia così tanto potere!" Il mago stava urlando.

Avvicinandomi a lui gli passai una mano sopra. Hmmm un altro debole lacchè del consiglio. Passandomi di nuovo la mano mi fermai davanti al suo viso. Chiudendo il pugno l'ho tirato verso di me sentendo il resto dei suoi poteri mentre si liberavano, non troppo dolcemente o lentamente. Urlando più forte questa volta ho aspettato un momento poi l'ho congelato.

"Come l'ultima volta che hanno inviato," ho raggiunto nel sigillare da dove proveniva tutto il suo potere. "Ora sei un essere umano, senza volontà, senza potere, senza possibilità. Come ho detto l'ultima volta, ti rimanderò al consiglio in modo che tu possa sperimentare il loro speciale marchio di misericordia!" Passando sopra di lui ho capito quel poco che aveva sentito dei piani del consiglio. Poi con una smorfia gli pulii la mente.

Tornai a guardare Pops che era quasi bianco come un lenzuolo. "Sei sicuro che non ti stia divertendo un po'?" Chiese.

"No Pops, non lo sono, mi sento sporco come può essere nelle loro menti. Entrambi non erano altro che assassini, avendo fatto molte cose orribili. Anche se so che dovevo, me ne pento ancora. Sfortunatamente questa è una guerra adesso . Specialmente quando mando indietro questo. È il cugino del capo del consiglio." Allungando la mano aprii di nuovo il portale gettando via l'ex mago e chiudendolo sbattendolo in fretta.

"È ora di andare", mi consigliò Pops. Annuii quando sentii gli umani avvicinarsi rapidamente. Guardando di fronte a me si aprì un portale diverso, lo stavo chiudendo mentre tornavamo indietro.
____________________________________________

All'interno delle Camere del Consiglio ci furono diversi sussulti quando il primo corpo arrivò volando. Allungando le mani la maggior parte dei membri sibilò quando sentirono l'umano di fronte a loro.

"Un umano dovrei..." Il leader guardò l'umano riconoscendolo. "Questo è uno dei nostri cacciatori, un membro minore del consiglio! Che diavolo è successo?"

"Sbarazzarsi di esso!" Molti degli altri membri stavano sibilando. "La sua disgustosa presenza sta destabilizzando l'aria stessa!"

Annuendo, il Leader passò una mano sull'umano mentre si accendeva, poi divenne cenere in pochi secondi. Tutti i membri tirarono un sospiro finché il capo non richiamò l'attenzione sul fatto che il cacciatore stava cercando il seme bastardo. "So che non era il nonno che era ben al di sotto di questo. Dobbiamo presumere che il bastardo stia iniziando a prendere il controllo. Questo è molto brutto! Controllo totale e non finiremo mai la sua vita! Abbiamo .. ."

In quel momento un altro portale si aprì quando un altro corpo arrivò volando attraverso. Questa volta la maggior parte dei membri riconobbe il cugino del leader. Sibilando rapidamente ricadendo dietro al leader.

Il leader stava per leggere suo cugino quando la bocca dell'uomo si aprì. "Ciao, stronzi. Come hai indovinato o forse temuto, ho un sacco di controllo."

"Sei un abominio verrai distrutto noi..." iniziò il leader.

"Non farai niente! Guadagno ogni giorno di più. Non sono più il ragazzino che hai cercato di incastrare con il pietoso figlio di uno di voi." Il corpo ha detto.

"Stava appena emergendo che non avevi il diritto di..." Un altro membro stava gridando.

"NESSUN DIRITTO! La tua progenie illegittima ha cercato di impossessarmi del potere! In ogni caso avrei dovuto fare qualcosa di più che ucciderlo. Ah, ma questo arriverà presto. Vedere per credere, così come ascoltare." All'improvviso il consiglio si sentì discutere della morte della sua famiglia, sua madre, suo padre, suo nonno e infine lui stesso il seme bastardo. "Sappilo! Quando mi troverai, avrò il controllo totale. Oh, dovresti sbrigarti! Merlino dovrebbe tornare in qualsiasi momento. È un amico molto intimo della famiglia!"

Mentre la voce di Toman si affievoliva, molti dei membri inferiori del consiglio tremavano. Eliminare il bastardo e la sua famiglia era una cosa tranne Merlino.

"Non preoccuparti", ha dichiarato il leader. "Sarà morto molto prima che ciò accada. Chi è il cacciatore più forte?"

"Credo che sarebbe suo figlio, signore." Glielo disse un mago inferiore.

Annuendo con la testa, il capo disse, mandalo a chiamare e poi mandalo fuori da dove sono venuti gli umani." Passando la mano sul cugino, il capo sussurrò. "Scusa cugino, rottura dura", mentre il corpo divampava e poi diventava cenere.

Storie simili

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

858 I più visti

Likes 0

Un giorno da ricordare_(3)

Tutto è iniziato quando sono stato in grado di andare in un bed and breakfast senza vestiti nel Maine che i miei occhi erano aperti su ciò che mi aspettava. La visita nel Maine mi ha colto di sorpresa, mentre in viaggio d'affari ho deciso di soggiornare in un B&B invece che in un hotel. Era novembre quindi faceva un po' freddo ma hanno una piscina coperta e in un edificio accanto alla piscina una sauna. Entrando nella sauna non mi ha sorpreso trovare uomini e donne nudi seduti intorno. C'era una grande sauna, ma presto ho scoperto che c'erano diverse...

615 I più visti

Likes 0

Brutalmente scopata dal mio coinquilino etero: un altro livello di bromance_(1)

Kareem è uno studente universitario di 22 anni. Ha una specie di faccia da ragazzo carino; tiene i peli del viso allineati molto bene. È alto circa 5 piedi e 10 pollici, con una corporatura leggera e la sua pelle è del colore del caffè leggermente cremoso. Kareem ha da tempo accettato di essere gay, ma non è il tipo di gay frocio che cammina e parla in modo divertente e indossa abiti femminili. È solo un tipo delinquente che ama davvero il cazzo; un mestiere, per così dire. Bene, nel suo ultimo anno di college, ha molto più di quanto...

581 I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

504 I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

1.6K I più visti

Likes 0

Vorresti due di me? Questo avverrà in un futuro molto prossimo….. ….Sono Lisa e ho fatto un grande passo e ho messo insieme segretamente un clone e una combinazione robotica di me stesso. La mia azienda pensava che fosse solo l'ultima ragazza robot che avevo creato. Ho aspettato che il ragazzo giusto lo provasse. Ho finalmente trovato quello che cercavo. Era bello, sexy e giovane. Perfetto…. --------- …Ron…. ...Ho ricevuto informazioni su un'azienda che voleva che qualcuno provasse la loro ultima ragazza robot. L'ho esaminato e sembrava interessante. Li ho contattati e mi hanno accettato come un buon test per lei...

1.6K I più visti

Likes 0

Il wrestling ci ha fatto iniziare....

Quando avevo 18 anni avevo un amico intimo con cui uscivo tutto il tempo. Il suo nome era Davide. Anche se entrambi eravamo interessati alle ragazze e all'epoca avevamo amiche fisse, abbiamo trascorso molto tempo insieme e siamo riusciti a finire con qualche sperimentazione sessuale l'uno con l'altro. La prima volta che abbiamo fatto qualcosa, stavamo scherzando sulla dimensione del cazzo e continuava a insistere che era più grande del mio. Ci eravamo visti i cazzi l'uno dell'altro e il suo sembrava essere uguale al mio. Ma ha affermato che è diventato molto, molto più grande quando è diventato difficile. Ha...

1.4K I più visti

Likes 0

Parte 5 - Sue diventa una star_(0)

Parte 5 continua dalla parte 4… La sua testa pendeva dalla vergogna, la sua tetta pulsava e le faceva male e ora era quasi nera, poi con suo orrore il ragazzo disse. Beh, se non l'hai tenuto giù, le palle tornano dentro. Ha messo tutte le palle nella borsa e poi ha iniziato a farla oscillare come un pendolo. Sue lanciò un urlo da grondaia e disse no stop, per favore se ne vadano. Possiamo fotterti nel culo, il ragazzo ha detto: Sì, sì, toglilo e basta. 'Sei sicuro'. 'Sì, ​​toglilo.' Lentamente le tolse la sacca e la corda attorno alla...

529 I più visti

Likes 0

Festa Madre Figlia (3 di 12)

Festa mamma-figlia (parte 3 - Mamma, papà e Anna trio) Non appena il film finisce, abbasso la bocca di Tom verso la figa di sua figlia e gli dico che spetta a lui decidere se avrà un orgasmo oggi. Cosa vorresti che facesse papà? Sto imparando velocemente che esiste più di un tipo di tortura per la mia figa. Tieni la mia figa al limite il più a lungo possibile senza permetterle di produrre sperma. Quando avrai finito, mamma mi stuzzicherà la figa con lei bocca allo stesso modo. Manteniamo Anna sull'orlo dell'orgasmo per quasi un'ora e quando stacco la bocca...

336 I più visti

Likes 0

La mia insegnante sexy_(0)

La campana ha suonato. Il nome del mio insegnante era Ella maya. Era così calda. Aveva un seno enorme che spuntava fuori, Mi è piaciuto quando si è chinata. Potresti vedere il suo culo. Lewis, per favore resta indietro, il resto di voi può andare! Tutti si precipitarono fuori. non ho fatto niente di male? Vuoi un aiuto in più? Possiamo andare a casa mia adesso, se vuoi? Telefonerò ai tuoi genitori? Whoa. S-sì per favore ho detto. Lei sorrise. Poi ha telefonato ai miei genitori e siamo andati a casa sua. *l'aiuto è terminato.* Posso usare il bagno? Ho chiesto...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.