La zitella della scuola rischia

712Report
La zitella della scuola rischia

La zitella della scuola ha una possibilità
(Una storia originale di rutger5 - Copyright 2012)
____________________________________________________________________________________


"Ti sto dicendo che date le circostanze stai facendo la cosa giusta Julie" le disse la sua amica mentre sedevano sorseggiando il caffè.


“So che hai ragione Lauren, ma è così difficile. Dopo tutti questi anni, diamine tutta la mia vita davvero. Ho trentasette anni e non ho mai preso una decisione da adulto da solo. Ora devo decidere tutto da solo e sono così sopraffatto.


“Conosco Jules, lo so, ma sinceramente prima avresti dovuto essere più indipendente. Non sto dicendo che avresti dovuto abbandonarla per l'amor di Dio, avresti dovuto solo allargare un po' le ali. Non ti ha fatto alcun favore "proteggendoti" dal mondo, ti ha solo isolato per tenerti con lei per tutti questi anni. Ora se n'è andata e per certi versi sei quasi impotente.


“La mamma aveva buone intenzioni Lauren e lo ha fatto per amore, qualunque cosa tu pensi. Dopo quello che è successo nel suo matrimonio, stava solo facendo quello che pensava fosse meglio per me, quindi non mi sono fatto male come ha fatto lei. Ecco perché ci ha trasferito dalla città in una graziosa cittadina così che potessi avere una vita sicura qui.


“Ascolta, sono contento che ti sei trasferito a Juneberry o non ti avrei mai incontrato. Sto solo dicendo che devi vivere la vita non rinchiuderti nella plastica per evitare che ti succeda qualcosa di brutto. Questo non è vivere, è solo esistere.


“Bene sia come sia, ho iniziato ad andare avanti un po'. Ho lasciato un avviso in bacheca al supermercato così come uno in biblioteca e in chiesa. Inoltre ho lasciato il mio numero di cellulare come numero di contatto. Spero di ricevere una risposta da qualcuno che non ha paura del duro lavoro”.


"Wow, sono impressionato e pensare che poco più di un anno fa ho dovuto quasi costringerti a prendere una cella e unirti al ventunesimo secolo."


Julie fece una piccola risata e sorrise prima di rispondere alla sua amica più giovane.


"Sì, anche tu avevi ragione, ma te l'avevo detto che subito dopo averlo preso smartypants."


Lauren stava ancora pensando a una risposta quando la campanella suonò annunciando che la loro pausa era finita e che presto sarebbe iniziata la lezione successiva. I due insegnanti del liceo uscirono dalla sala docenti e con un cordiale saluto si diressero in direzioni separate verso le rispettive aule.


Dieci minuti dopo Julie stava ripassando la sua rassegna dei poeti romantici per l'imminente compito di venerdì. Aveva sempre preferito fare i test quel giorno per aiutare i suoi studenti a rimanere concentrati sui loro studi per tutta la settimana. Per la maggior parte sembravano prestare attenzione anche se senza dubbio alcuni erano annoiati fino alle lacrime e se non si sbagliava Rachel Hughes stava giocando con il suo telefono, senza dubbio la bella cheerleader stava mandando messaggi a qualcuno. Beh, fintanto che si sedeva tranquillamente dietro e non dava fastidio a nessun altro, Julie l'avrebbe semplicemente ignorata.


Ovviamente avrebbe dovuto avvertirla o addirittura punirla, ma Julie era troppo tenera per questo e, a dire il vero, quella ragazza aveva un modo di farla sentire alta cinque centimetri. C'erano momenti in cui conversava con le sue amiche, tutte ragazze carine e popolari come lei, e faceva qualche commento beffardo e velato che ovviamente riguardava Julie che sarebbe stata a portata d'orecchio.


Julie ha cercato di non prenderla sul personale poiché Rachel era indiscriminata nei suoi insulti e tutti tranne la sua cerchia di amici o "ragazzi sexy" sarebbero stati soggetti ai suoi commenti fulminanti. Dopotutto Julie ci era abituata e aveva ricevuto un simile trattamento da quando era una studentessa nella stessa scuola dai suoi stessi compagni di classe che avevano apertamente deriso il suo guardaroba trasandato e la mancanza di abilità sociali.


Poche ore dopo Julie era nel parcheggio a dare la buonanotte a Lauren.


“Sei sicuro di non voler venire con te, Jules? Sai che sei sempre il benvenuto.


“No, non voglio essere una terza ruota Lauren. Tu e Jeff divertitevi. Inoltre ho dei compiti da correggere e nel caso qualcuno risponda al mio annuncio dovrei davvero iniziare a preparare le cose in modo che il lavoro possa iniziare.


"Tutto il lavoro e niente svago rendono Julie una ragazza noiosa e sai se dai solo la parola che Jeff potrebbe far venire anche uno dei suoi colleghi, quindi saremmo un quartetto."


“No, lo annoierei solo perché la scuola è tutto ciò di cui so parlare. Ma divertiti e ci vediamo domani.


Lauren fece una smorfia alla risposta della sua amica. Aveva cercato così duramente di farla uscire dal suo guscio e di allontanarla da quel mausoleo che chiamava casa. Beh, Roma non è stata costruita in un giorno e nell'ultimo anno erano stati fatti dei progressi, ma Lauren aveva sperato che ora che Julie era sola potesse accelerare il processo.


“Va bene mia cara sii così se vuoi. Ma se gli amici di Jeff sono inaccettabili, che dire di uno degli uomini della tua chiesa?"


“Ora è divertente Lauren. Lascia che ti dica che sono come uno dei giovani di sangue lì. Non ci sono uomini single entro dieci anni dalla mia età. Ci sono un paio di anziani vedovi e una manciata di uomini troppo giovani per me. Quindi quell'idea, sebbene senza dubbio ben intenzionata, non sta andando da nessuna parte.


"Beh, forse uno dei giovani stalloni..." iniziò Lauren, ma si fermò quando vide l'espressione scioccata sul viso della sua amica. "Va bene Miss Goody Two Shoes e ci vediamo domani."


Julie si mise al volante della sua piccola Honda Civic e accese il motore. Fece un cenno a Lauren mentre usciva dal parcheggio e se ne andava. Quindici minuti dopo era parcheggiata nel suo vialetto e scendeva. Prima che arrivasse a metà strada dalla porta, una palla di pelo grigio le striò le gambe provenendo dalla siepe incolta che delimitava lei e il cortile del suo vicino. Mentre Julie procedeva verso la porta d'ingresso, il felino le strofinò affettuosamente le caviglie.


“Ciao a te Emilia. Hai passato una bella giornata dormendo al sole e inseguendo la preda?"


Julie ha parlato per conoscenza diretta poiché la piccola palla di pelo aveva spesso depositato "piccoli doni" di roditori e uccelli lacerati e sanguinanti per la sua padrona e sembrava godere del disagio che provocavano. Julie aprì la porta d'ingresso e seguì Emily dentro, raccogliendo la posta sul pavimento da sotto la fessura. Julie depose sia la posta che la sua borsa su un tavolo e si diresse in cucina con Emily che la seguiva impaziente.


Il cibo per gatti tintinnava contro il piatto mentre Julie ne versava un po' prima di metterlo sul tappetino vicino al lavandino e poi aggiungeva dell'acqua fresca nell'altra ciotola. Julie poi si diresse di sopra in modo da potersi cambiare dai suoi vestiti da maestra. Entrò nella sua camera da letto che non era stata aggiornata da prima che tornasse dal college. La sua camicetta bianca abbottonata a collo alto fu la prima cosa che si tolse, poi si aprì la cerniera e scivolò fuori dalla sua lunga gonna azzurra lasciandola nei suoi semplici e modesti indumenti intimi bianchi.


Quando prese una felpa, il suo sguardo catturò il suo riflesso nello specchio. Julie si fermò per un momento e studiò il proprio riflesso. Vide una bella donna senza trucco tranne che per una traccia di rossetto rosa che la fissava. C'erano alcune linee molto deboli agli angoli dei suoi grandi occhi castani, ma i buoni geni e una vita pulita la facevano sembrare anni più giovane, trent'anni al massimo.


Per un capriccio allungò una mano all'indietro e si slacciò il reggiseno e se lo fece scivolare dalle spalle esponendo il suo piccolo seno dalla forma perfetta. Erano impertinenti e leggermente rialzati sormontati da capezzoli rosa. Julie si voltò da una parte e poi dall'altra mentre guardava spassionatamente il suo aspetto. Era sempre stata alta e magra, una Minnie magra come diceva sempre sua madre in tono pietoso, ma Julie era rimasta della stessa taglia di vestito dai tempi del college, mentre molte delle ragazze con cui aveva frequentato la scuola erano diventate più grandi man mano che crescevano. In effetti, alcuni dei suoi compagni studenti ora avevano figli a cui insegnava e le dava un po' di piacere vedere come la folla popolare non fosse invecchiata così bene, anche se si sentiva in colpa per la sua reazione. Non proprio quello che dovrebbe provare un buon cristiano, ma alcuni di loro erano stati così crudeli con lei.


Fece scivolare la felpa sui suoi lunghi capelli castani mentre se la infilava. Era piacevole contro i suoi capezzoli nudi, ma cercò di scacciarlo dalla mente, non c'era tempo per pensieri del genere adesso. Forse se avesse avuto tempo più tardi, dopo essersi occupata prima delle cose, avrebbe potuto curarsi più tardi. Ma prima aveva del lavoro da fare. Mentre indossava i sudori, non poté fare a meno di notare che il suo camminare e salire le scale stava dando i suoi frutti.


A scuola faceva spesso le scale tra una lezione e l'altra e c'erano momenti in cui trascorreva un periodo libero facendo questo o camminando per la pista con il bel tempo. Julie si era resa conto che invecchiando doveva fare qualcosa o la natura avrebbe avuto il suo pedaggio, quindi aveva iniziato un regime di esercizi. Finora non aveva nemmeno confidato a Lauren che lo stava facendo, ma Julie aveva notato che dai suoi polpacci fino ai suoi panini si stava rassodando. Non che ci fosse qualcuno, intendendo un uomo, a notare e apprezzare il suo duro lavoro.


'Aspetta Julie, smettila di autocommiserarti. Ci sono molte persone che stanno peggio di te. Dovresti essere grata per tutte le tue benedizioni, si rimproverò.


Successivamente ha attorcigliato le sue lunghe ciocche e si è fatta scivolare uno scricchiolio sui capelli lasciandoli in una coda di cavallo in modo che fosse fuori dal suo viso. Un paio di scarpe da ginnastica hanno completato il suo outfit e poi è salita in soffitta. La soffitta era stata ingombra da quando poteva ricordare, ma se voleva mettere in ordine la casa doveva affrontare anche quella. Poche ore dopo Julie era sporca e sudata e le sue braccia e la schiena le facevano male per i suoi sforzi, ma si rese conto che aveva fatto un'ammaccatura. Sapeva anche che forse aveva bisogno di aggiungere alcuni esercizi per la parte superiore del corpo al suo regime per bilanciare le cose perché lo sentiva davvero dal lavoro che aveva svolto.


Nel congelatore prese una cena congelata di Lean Cuisine che fece scoppiare nel microonde. Lo mangiò mentre valutava i compiti e continuò a valutare molto tempo dopo aver finito di cenare. Alla fine un torcicollo al collo la fece fermare per la notte e fece scivolare le carte nella borsa e si alzò. Stancamente salì le scale dopo aver controllato che le porte fossero chiuse e aver spento le luci.


Una volta che l'acqua fu alla giusta temperatura, Julie entrò nella doccia fumante. Per i primi cinque minuti ha lasciato che l'acqua la colpisse proprio tra le scapole, aiutandola ad allentare e rilassare i suoi muscoli stanchi e doloranti. Alla fine, quando ottenne un po' di sollievo, iniziò effettivamente a lavarsi passandosi l'asciugamano sul corpo. Tuttavia, quando il materiale ruvido sfiorò il suo capezzolo sensibile, sentì una scossa che arrivò fino in mezzo alle sue gambe.


Da quel momento Julie si affrettò e dopo cinque minuti si stava avvolgendo nella sua vestaglia di spugna. Tornò nella sua stanza e dopo essersi infilata la camicia da notte di flanella si infilò sotto le coperte. All'inizio fece finta di leggere il libro che si trovava sul suo comodino, ma sapeva di cosa aveva bisogno. Posando il libro, raggiunse l'ultimo cassetto, tirò fuori il portatile e lo accese. In pochi minuti era su un certo sito web - il suo piccolo segreto colpevole di cui Lauren le aveva parlato.


Era un sito per adulti tripla x che aveva entrambi i video, che non riusciva a guardare dopo aver assistito alla misoginia che aveva visto l'unica volta che aveva provato, così come le storie erotiche che erano più di suo gradimento. Ce n'erano molti che non erano di suo gusto a causa di abilità di scrittura inesistenti o temi sgradevoli, ma c'erano alcune gemme nascoste che si trovavano lì che le facevano davvero scorrere i succhi. Con piacere si è accorta che una delle sue autrici preferite aveva appena postato un racconto e ha iniziato a leggere con entusiasmo.


Era una storia ricca di romanticismo ma con del sesso molto eccitante incluso e secondo l'autore era basata su persone ed eventi veri. Se fosse vero o no e Julie aveva certamente i suoi dubbi, la cosa la eccitava senza dubbio. Quando i personaggi erano nudi nella stalla a fare l'amore, anche Julie era molto eccitata. Spense il computer e lo mise via prima di tirarsi su la camicia da notte oltre il petto e sdraiarsi.


Le sue dita tremanti prima sfiorarono leggermente i suoi capezzoli inviando segnali ai nervi attraverso il suo corpo. Julie chiuse gli occhi come faceva sempre e lasciò che la sua immaginazione prendesse il sopravvento. Nella sua mente non era sola ma il suo misterioso amante era accanto a lei. Non aveva mai immaginato il suo viso, ma sapeva che era di una bellezza devastante come lo erano tutti i personaggi romantici letterari. Aveva i capelli scuri e folti ed era alto naturalmente e lei poteva immaginare il suo corpo - muscoloso ma non voluminoso e perfettamente proporzionato.


Esisteva solo per darle piacere ed era bravo nel suo lavoro. La sua mano forte ma gentile le prese il seno e lo strinse con la giusta quantità di pressione per stimolare senza disagio. Man mano che la sua passione cresceva, le sue azioni aumentavano di intensità. Una mano si fece strada tra le sue gambe e le accarezzò il sesso bagnato. Le sue gambe si aprirono involontariamente di più e Julie gettò indietro la testa e gemette sommessamente mentre i suoi succhi scorrevano liberamente ora. Sia il suo seno che il suo clitoride venivano manipolati con perizia ed esattamente come lei preferiva.


Le sue dita sottili scivolarono nella sua fornace umida facendola sussultare mentre il suo pollice ora circondava il suo nocciolo. Julie si sentiva vicina al rilascio, quindi aumentò il ritmo delle sue dita spingendole più in profondità e più velocemente. Il suo tunnel si aggrappava a loro mentre entravano e uscivano producendo un suono risucchiante a ogni spinta.


Proprio quando raggiunse il precipizio, il pollice e l'indice le pizzicarono il capezzolo più forte che poteva. Quel tocco di dolore in combinazione con le sue dita che arrivavano il più in profondità possibile era più che sufficiente per far vacillare i suoi sensi. Julie si morse il labbro così forte che una goccia di sangue le sfuggì e le rotolò sulla guancia. Si dimenò sul letto per un minuto, le sue membra si contorcevano come serpenti, mentre l'orgasmo la travolgeva.


Ci vollero un paio di minuti prima che Julie aprisse gli occhi rivelando che era di nuovo nella sua stanza e da sola. Ritirò le dita bagnate di rugiada e si rimise a posto la camicia da notte. Anche il suo respiro era ormai tornato alla normalità e solo le sue guance ancora arrossate e l'espressione sazia davano un indizio di ciò che era appena accaduto. Julie spense la lampada da tavolo e si coprì con le coperte. Emily non era apparsa e Julie desiderava che lo fosse perché sarebbe stato bello coccolarsi con qualcosa di vivo ora. Ma è così che erano i gatti: se li volevi, era improbabile che apparissero.


Julie arrivò un po' presto la mattina dopo e dopo essersi infilata le scarpe da ginnastica aveva salito le scale fino a quando i polpacci le dolevano debolmente. Se ne avesse avuto l'opportunità, avrebbe voluto chiedere alla sua amica, la signora Deen, un'insegnante di educazione fisica, qualche consiglio su alcuni esercizi per la parte superiore del corpo che avrebbero potuto funzionare per lei. Poteva solo immaginare cosa avrebbe detto sua madre se fosse stata ancora viva. Ovviamente non avrebbe approvato. Julie poteva sentire la voce della mamma nella sua testa che lo diceva.


'È molto poco femminile sudare soprattutto quando si fa attività fisica come l'esercizio o il lavoro. Forse per coloro che non hanno capacità intellettuali può essere parzialmente perdonato, ma sospetto che anche in questo caso sia un segno di turpitudine morale.'


Tuttavia ciò non le aveva mai impedito di lavorare Julie come un mulo quando le andava bene. Il numero di volte in cui Julie si era sfregata le mani mentre strofinava i pavimenti di legno o faceva lavori in giardino era incalcolabile. Ma non aveva senso essere amareggiati, pensò Julie mentre si dirigeva verso la sua classe. La mattinata passò velocemente e prima che se ne rendesse conto stava pranzando con Lauren.


"Allora, come si sono comportati i mostri oggi?" chiese Lauren.


"Non chiamarli così, non è carino" rispose Julie prima di emettere una risatina.


"Oh andiamo sai che è vero, almeno per alcuni di loro."


"La maggior parte dei miei studenti è molto gentile e il resto è solo fuorviante e ha bisogno di una direzione" rispose Julie mentre mordicchiava delicatamente un angolo della sua insalata di tonno su un panino integrale.


“Sì, va bene, ma se avessi appena seguito la lezione che ho fatto io, canteresti una melodia diversa, tesoro. Non solo ho dovuto interrompere una discussione prima che diventasse fisica, ma uno dei geni mi ha detto in risposta a una domanda che la Magna Carta era un gruppo rock degli anni Sessanta.


Julie non poté fare a meno di ridere a quel bocconcino, ma sentiva ancora che la sua amica era troppo dura.


“Lauren sono ancora ragazzini e tu sei un po' troppo cinica, credo. Comunque com'è andata la scorsa notte, ti sei divertito?"


"Sì, in effetti l'ho fatto, più di una volta in effetti" le disse Lauren prima di fare l'occhiolino.


Julie si mise una mano sul viso con finto imbarazzo, anche se ormai era abituata a commenti del genere da parte della sua amica più giovane. Era stata quell'apertura che aveva aiutato Lauren a far uscire Julie dal suo guscio, anche se solo in parte.


"Bene, sono felice per te."


"Grazie e tu, passa una serata eccitante a fare scartoffie Jules?"


"Ti informo che ho anche avuto molto successo nell'organizzare alcune cose per aiutare con la casa."


"Che emozione. A proposito di questo, nessuna risposta al tuo avviso?


“No, non l'ho fatto e francamente sono sorpreso. Con l'economia così brutta, potresti pensare che avrei ricevuto un piccolo interesse ma non una chiamata.


Lauren sedeva lì con la fronte corrugata, cosa che faceva spesso quando pensava prima che la sua espressione cambiasse.


“Non prenderla nel modo sbagliato, Julie, ma il tuo telefono è acceso? Hai l'abitudine di lasciarlo spento per giorni alla volta. Più di una volta l'ho chiamato solo per avere il tuo messaggio vocale.


Con uno sguardo imbarazzato Julie aprì la borsa e frugò in giro finché non tirò fuori il telefono. Non volendo incontrare lo sguardo dell'amica, lo prese dalla custodia e lo accese. Una volta che lo schermo si è alzato, Julie ha visto che aveva tre messaggi vocali.


"Oops forse ho ricevuto delle risposte e non dire che me lo avevi detto" disse a Lauren per interromperla al passaggio.


Lauren rimase seduta lì con un'espressione compiaciuta mentre Julie andava alla sua segreteria telefonica e ascoltava.


“Ciao, mi chiamo John Colt e sto chiedendo informazioni sull'annuncio di lavoro. Sono abile in falegnameria e posso certamente dipingere e spostare le cose. Sono competente almeno in elettricità e idraulica e non ho nemmeno paura di sporcarmi le mani. Spero di sentirti."


Il messaggio si concludeva con lui che lasciava il suo numero di telefono ed era stato lasciato il giorno prima. C'era qualcosa nella voce che le risvegliava la memoria, ma non riusciva a identificarlo quando il telefono iniziò a riprodurre il messaggio successivo. Questo proveniva da un vero appaltatore i cui affari dovevano essere danneggiati se stava rispondendo al suo annuncio, ma c'era qualcosa nel modo in cui parlava che non le piaceva. Era come se suonasse ubriaco e non stesse nemmeno tentando di mascherarlo. Alla fine arrivò il terzo messaggio e con un sussulto Julie sentì che era di nuovo il primo a chiamare.


“Umm, ciao, sono di nuovo John Colt. Scusa se ti chiamo di nuovo, ma mi chiedevo quando potrei sentirti. Il fatto è che ho appena ricevuto un'offerta di lavoro ma viene da fuori città, quindi devo prendere una decisione. Grazie. Uh e comunque potrei sbagliarmi e se lo sono allora mi scuso ma l'annuncio diceva Miss Jones ed ero curioso di sapere se sei la signorina Jones che ha tenuto un mio corso di inglese. In ogni caso, spero di sentirti presto.


Per un minuto Julie rimase senza parole. Nessuna meraviglia che la sua voce e ora il suo nome le sembrassero familiari. Era stato nella sua classe sei o sette anni prima e l'ultima volta aveva sentito che si era trasferito fuori città subito dopo la laurea. Beh, deve essere tornato, pensò mentre i ricordi di allora le tornavano in mente.


“Ciao terra a Julie, sei qui o sei nello spazio da qualche parte? E per cosa stai sorridendo?


All'improvviso Julie si rese conto che stava sorridendo come un'idiota e cambiò rapidamente la sua espressione in una più normale.


"Scusa Lauren, stavo solo pensando a qualcosa e a come sia davvero un piccolo mondo."


"E cosa ti ha portato a quella conclusione, uno dei tuoi messaggi?"


Julie annuì in segno di assenso alla domanda dell'amica prima di parlare.


"Una delle persone che chiamano per il lavoro è un mio ex studente, se puoi crederci."


“Perché no Julie, non dubito che tu abbia insegnato a un gran numero di persone in questa città. È stata solo sfortuna da parte mia che tu non mi abbia insegnato anche a me. Quindi qualcuno che conosco?


“Non ne sono sicuro, sarebbe più giovane di te di qualche anno. Si chiama John Colt.»


«Johnny Quarantacinque! Mi stai prendendo in giro, Julie. Certo che lo conosco, lui e mia sorella minore correvano con la stessa folla in passato.


«Johnny Quarantacinque?» Julie ha detto con un'espressione perplessa sul viso.


“Eh sì. Sai come una pistola Colt .45. Giuro Julie a volte mi chiedo di te. Ricordo che allora era piuttosto figo. Mia sorella e le sue amiche hanno sbavato per lui, posso dirtelo. Lo assumerai?"


“Non conosco Lauren, non gli ho ancora parlato ma non mi è piaciuto il suono dell'altro candidato. Immagino che gli chiamerò e ne discuteremo.


"Beh, se hai intenzione di incontrarlo, concediti prima un po' di tempo per sistemarti."


“Lauren prima di tutto sto cercando di assumerlo per fare un lavoro per me non per il romanticismo. In secondo luogo era un mio studente e sarebbe troppo giovane per me anche se…”


Lauren alzò la mano per impedire a Julie di continuare e inarcò il sopracciglio mentre lo faceva.


"Lascia che ti dica una cosa. Uno: ho visto la tua faccia mentre ascoltavi il suo messaggio e sembrava che non prendessi in considerazione le sue qualifiche lavorative. In secondo luogo, ora non è un tuo studente e nel caso non avessi sentito Julie, le donne anziane / gli uomini più giovani sono di gran moda in questi giorni. Puma e i loro cuccioli e tutto il resto.


Mentre la sua amica andava avanti, il viso di Julie divenne rosso come una barbabietola e abbassò gli occhi.


“Lo sapevo, sapevo quando stavi pensando a lui prima che qualcosa ti stava passando per la mente. Continua a dirmelo Julie come sai che prima o poi te lo tirerò fuori.


“Non è così Lauren, davvero. Ma hai ragione che è molto bello, lo ricordo indossare sempre uno di quei giubbotti neri da motociclista. E in realtà è anche intelligente.


"Questo è nuovo per me, non ne avevo idea."


“Dubito che abbia pubblicizzato questo fatto, forse non è stato bello per lui mostrare quel lato di sé. Voglio dire, non ricordo mai che abbia alzato la mano in classe o offerto volontariamente una risposta. Ma ho valutato i suoi test e aveva una media alta e ci sono state alcune volte in cui ha risposto a un tema in modo tale che non ho potuto fare a meno di rimanere impressionato dalla sua mente. E stiamo parlando di poesia Lauren. No, in realtà è intelligente.


“Ecco, allora. Siamo d'accordo che è bello ed è anche intelligente e conosce la poesia. Sembra perfetto per un mio amico single, dovrebbe chiamarlo.


"Sei senza speranza ma lo chiamerò - per il lavoro."


Dopo aver detto ciò, Julie rimase seduta in silenzio per un paio di minuti finché Lauren non parlò.


“Beh, cosa stai aspettando? Oh ho capito che non vuoi farlo davanti a me Nessun problema Jules, ho delle cose da fare.


Lauren si alzò in piedi non appena ebbe finito di parlare e prese la borsa dal tavolo.


"Lauren non devi andare" disse, ma la sua amica si limitò a sorridere mentre si dirigeva verso l'uscita.


Avendo ancora un po' di tempo prima della pausa pranzo, Julie deglutì a fatica e poi digitò le cifre del numero di John Colt. Era pronta a riattaccare dopo tre squilli quando all'improvviso sentì la sua voce.


"Ciao" ha detto e per un secondo la bocca di Julie non ha funzionato. "Ciao c'è qualcuno?"


“S-s-sì, mi dispiace. Sto parlando con John Colt?


"Sì, lo sei e questo è?"


“Ciao John, sono la signorina Jones, Julie Jones risponde alla tua chiamata. E prima che tu me lo chieda, sono stato io a insegnarti al liceo.


“Lo sapevo, è fantastico. Quindi il tuo annuncio diceva che avevi bisogno di spostare molte cose con un po' di pittura e anche piccole riparazioni. È giusto?"


“Sì, mia madre è morta durante lo scorso inverno e sto cercando di mettere in ordine la casa e c'è molto da fare. Sono passati molti anni da quando qualcosa è stato aggiornato e temo che molte cose si siano accumulate”.


“Beh, mi dispiace per tua madre. Il fatto è che, come ho detto nel mio secondo messaggio, ho un'offerta da fuori città. Hai un'idea di quanto tempo ci vorrà per questo lavoro e, a dire il vero, quale sarebbe la paga?"


“La paga sarebbe competitiva, ne sono sicuro, dato che ho fondi adeguati a disposizione da cui attingere. Tuttavia, non sono sicuro del periodo di tempo. Sinceramente non so quanto tempo ci vorrà, dipende da molti fattori tra cui la quantità di riparazioni e aggiornamenti eseguiti e la velocità con cui puoi eseguire il lavoro. Forse se guardi cosa deve essere fatto potresti darmi un'idea di quanto tempo pensi che ci vorrà.


Julie lo sentì ridacchiare prima di rispondere.


“Meno male che l'hai detto a me e non ad alcune persone. Alcuni potrebbero sentirlo ed esagerare la difficoltà di aumentare il loro prezzo. Ti dico una cosa, posso passare oggi e dare un'occhiata? Quindi posso darti la mia migliore stima del tempo necessario e partiremo da lì.



“Ehm, va bene John. Dovrei essere a casa verso le tre e mezza, quindi in qualsiasi momento andrà bene. Lascia che ti dia l'indirizzo.


Il resto della giornata sembrava scorrere lentamente. Ogni volta che Julie guardava l'orologio, sembrava che non si fosse mosso. Alla fine la sua ultima lezione si concluse e gli studenti uscirono in fila. Mentre raccoglieva le sue cose, Julie sentì un rumore e alzò lo sguardo per vedere Lauren che si avvicinava.


"BENE?" lei chiese.


"Quindi cosa?"


“Non cercare di essere carina Julie. Ti ho visto al telefono mentre me ne andavo, quindi dimmi tutto".


"Non c'è molto da dire" Julie ha iniziato a cercare di comportarsi con nonchalance su tutto questo. “Ha accettato di venire a dare un'occhiata in modo da farmi sapere quanto tempo ci vorrà. Poi immagino che discuteremo di denaro e, se possibile, raggiungeremo un accordo.»


"Mmm e quando avverrà tutto questo se posso chiedere?"



"Più tardi questo pomeriggio" Julie rispose a bassa voce che suscitò quasi un grido in risposta da parte di Lauren che poi si coprì la bocca per un secondo.


“Scusa Julie, ma mio Dio, ti muovi in ​​fretta. Sono orgoglioso di te e per fortuna hai me ad aiutarti.


“Aiutarmi in che modo?” Julie chiese nervosamente mentre la sua amica andava e chiudeva la porta dell'aula prima di tornare con un sorriso sul volto.


Lauren aprì la borsetta e tirò fuori dall'interno una borsetta con cerniera e la posò sulla scrivania.


“Ovviamente per sistemare il tuo viso e renderti ancora più attraente di quanto lo sei già. E non dire nulla perché non hai voce in capitolo. Non preoccuparti Julie, sarò molto sottile. Anche tua madre non sarebbe stata in grado di criticarti per il tuo aspetto "puttana", credo sia il termine che le piaceva usare.


“Sai che ti ho detto quanto fossi dispiaciuta per quella Lauren, ma la mamma era ferma nelle sue convinzioni. Mi sono arrabbiato con lei e l'ho rimproverata.


“Lo so tesoro e credimi, non mi ha infastidito davvero. Meno male che non sapeva che maniaco del sesso sono o non ci avrebbe mai permesso di essere amici. Sto solo scherzando, ora siediti e lasciami lavorare la mia magia.


A malincuore Julie si appoggiò allo schienale della sedia e chiuse gli occhi. Ben presto sentì Lauren applicarsi qualcosa intorno agli occhi e poco dopo sfiorarsi qualcosa di morbido sulle guance. Anche se non era passato molto tempo, sicuramente meno di dieci minuti, Julie iniziò a diventare apprensiva quando sentì la voce di Lauren.


"Va bene tutto fatto, ora dai un'occhiata."


Julie aprì gli occhi e vide la sua amica in piedi lì con in mano un piccolo specchio per il trucco che le diede. Temendo ciò che avrebbe visto, Julie se lo portò al viso e fu piacevolmente sorpresa, anzi era euforica. Qualunque cosa Lauren avesse fatto le faceva risaltare bene gli occhi e l'unico altro cambiamento che notò fu solo un accenno di colore sulle sue guance pallide.


“Allora, Julie, cosa ne pensi? Ho optato per un look molto sobrio, solo un po' di rossetto per darti un po' di colore e ho evidenziato i tuoi occhi per farli risaltare. Penso che siano una delle tue migliori caratteristiche, ma cosa ne so. La tua pelle è così sana e giusta che non hai davvero bisogno di molto per questo. A volte, se ne avremo la possibilità e me lo lascerai, mi piacerebbe fare di tutto anche se dopo lo lavi via.


“Grazie Lauren, mi lusinga davvero gli occhi. Chissà, forse un giorno ti lascerò sperimentare su di me. Ma grazie e apprezzo davvero quello che hai fatto. Beh, quello che fai sempre per me, non so cosa ho fatto per meritarmi un così buon amico.


“Oh smettila, non sono un santo o qualcosa del genere e anche tu sei un ottimo amico per me, lo sai. Ogni volta che ti chiedo qualcosa tu ci sei per me. Accidenti a quella volta che ho avuto l'influenza, continuavi a venire a portarmi la zuppa che ti preparavi. Sono io il fortunato.


Le due donne si abbracciarono dopo che Julie si alzò e insieme si diressero verso il parcheggio. Una volta salutati, si separarono. Mentre Julie si avvicinava a casa sua, notò un grosso pick up nero parcheggiato davanti con un uomo appoggiato contro di esso. Entrò nel vialetto e spense il motore, poi vedendo il suo riflesso nello specchio si accarezzò i capelli. Sebbene fosse sciocco, si sentiva molto nervosa e ritardò a uscire finché non riuscì a calmarsi.


Respirando in modo controllato è scesa dall'auto portando con sé la sua borsa. Non appena emerse, l'uomo si raddrizzò e si diresse nella sua direzione. Con un piccolo sussulto Julie si rese conto che John era ancora più bello di quanto ricordasse e che il suo corpo si era riempito dai tempi della scuola. Anni di duro lavoro lo avevano reso muscoloso ma sembrava ancora magro. Quando la raggiunse, tese la mano in segno di saluto.


“È bello rivederla, signorina Jones. Wow, non sei cambiato per niente dai tempi della scuola.


“Allo stesso modo è bello vederti John. Temo di non poter essere d'accordo con la tua valutazione, ma hai un bell'aspetto.


Mentre parlava, Julie notò che John aveva discretamente fatto scorrere i suoi occhi grigi lungo il suo corpo, come gli uomini tendevano a fare, anche se di solito non con lei. Fece un sorriso perfetto prima di risponderle.


"Rimango fedele a quello che ho detto, signorina Jones, e credimi, ti ho studiato molto in classe."


Julie arrossì per la sua franchezza e si voltò verso la casa senza sapere come rispondere. Non era abituata a essere corteggiata, anche se innocente, dai tempi del college. Quella era stata l'unica volta nella sua vita in cui era stata lontana da casa e si era comportata in modo un po' libero.


"La casa è impressionante signorina Jones, quanti anni ha?" chiese di provare a cambiare argomento visto che sembrava metterla in imbarazzo. 'Idiota' pensò tra sé 'la vedi per la prima volta da anni e ti prendi gioco di te stesso e ancor peggio la offendi.'


"È abbastanza vecchio John" disse felice di parlare di qualsiasi cosa tranne il suo aspetto "Credo che sia stato costruito nel 1880 o 90. Per fortuna li hanno costruiti in modo solido allora o sarebbe andato in pezzi molto tempo fa per la mancanza di attenzione che ha ricevuto di recente.


They walked to the front door as they spoke but John continued studying the house as they approached. What she said was true about the neglect to the building and he noted more than a few items needing repair or replacement.


“I know that what we discussed was about the interior but I can’t help noticing that there are some exterior issues as well” he said as she fished her keys from her purse.


“Oh dear John, I hope nothing too serious” Julie replied as she opened the door.


Like clockwork Emily decided to appear but seeing the stranger she hung back until the door stood open at which time she darted past them both. He was surprised as the feline seemed to come from nowhere but Julie paid no attention to the cat. John regained his composure and began speaking again.


“Well the gutters look to be in bad shape and the chimney has a few cracks at the least. It’s hard to tell from the ground but if that’s all it can be repaired easily. Now if it was me, and the budget allowed for it, I’d say install new gutters as well as many windows as possible. Those old ones must be very drafty and inefficient and you’d recoup the money with lower energy bills.”


“Yes during the winter months it’s very hard to keep the house as warm as I’d like. Can you do these things? Because to be honest I hadn’t even thought about such things. I’m afraid I’m not very knowledgeable on such matters.”


“I could certainly do the window and gutter work though obviously it wouldn’t be cheap. Just the cost of purchasing the windows will add thousands as you have a lot of windows. Then depending on the style you want will affect it as well.”


“Oh dear now my head is spinning. It seems like I haven’t really thought this out well.”


“Listen Miss Jones I’m sorry for confusing the issue. That wasn’t my intention. You’re the boss about what gets done and if all you want to worry about is the interior that’s fine. It’s a big house and just painting the inside will take time. But if for example you decided to replace the windows it would make sense to do before painting the interior of the room.”


“That seems practical I must admit. Well how about at the least you see what has to be moved either to be thrown away or given to charity and also get an idea about the size of the rooms to be painted.”



“Good plan, lead the way.”


For the next hour they walked the house from the crowded attic to the damp cellar and all in between. Julie had felt very self conscious when they had entered her bedroom as she hadn’t made her bed that morning and her flannel nightgown was lying across it but he didn’t say a word. After they were finished with the inspection they went to the kitchen where Julie first fed Emily before joining John at the table.


He had been going over some numbers on a pad, figuring both the time required and how much materials would be needed depending on what Julie ultimately decided to do. Finally on a separate sheet of paper he wrote what he would require for himself though he did give her a break there. John slipped the papers across the table to Julie. When she noticed the price her eyes widened a bit but she didn’t comment.


“Now feel free to shop around but do understand that I will need an answer soon. I’d prefer to stay in town as one of the reasons I returned was my Father hasn’t been well but I can’t go any lower as it wouldn’t be worth my while financially.”


“No I understand John, I just have no experience in these matters. However it seems reasonable. I tell you what, at the least I want to do what was originally mentioned plus replace at least some of the windows.”


“Great, then I tell you what. I can start tomorrow morning and the first few days I’ll be busy just moving a lot of the accumulated stuff from the attic and other rooms. Then whenever you get an opportunity you can look at some paint colors and window styles and we’ll go from there. So what time do I have to be here tomorrow so you can let me in?”


“Well I usually leave at seven thirty so can you make it before that?”


“No problem Miss Jones and it’s really good to see you again.”


“Likewise John and I’ll see you tomorrow.”


She walked him to the front door and saw him off, waving as he drove away. When she closed the door behind her she leaned against it a minute and definitely her heart was beating rapidly.


‘Stop being silly Julie’ she told herself ‘not only is he far too young for you but I really doubt you’re his type and no doubt he was just being polite about your appearance or more likely was complimenting you to help him get the job.’


Still Julie stayed in a good mood that night even singing aloud more than once. She labeled a lot more items to go as since she was turning over a new leaf she decided to go all out. Only when she went to her mother’s room did she turn somber. Ever since she had discovered her mother there that morning she had hated the room with a passion. Because of this she decided to put off working there for now and once she left her mood improved.


The next morning John arrived at seven fifteen dressed in jeans, work boots and a black t-shirt which matched his short dark hair Julie thought. He carried a small cooler and a support belt for his back.


“Just my lunch” he told Julie as way of explanation holding up his cooler.


“There’s no need for that John, my refrigerator has plenty of room. In fact it’s usually half empty. Give me that and if you want some coffee there’s a little left in the pot.”


“Thanks” he answered as he handed her the cooler.


She opened it and put the items inside including one beer bottle.


“Just a beer with lunch, hope you don’t mind. If you prefer I won’t drink it.”


“No John its fine, I’m not much of a drinker myself maybe a glass of wine when I’m out to dinner with friends sometimes. Mother never approved of spirits.”


“Well a glass of wine is good - after all Jesus drank wine right?”


She smiled as she answered. “That’s true I guess. I have to go and you have my number if there’s a problem. One last thing, you met or at least saw my kitty Emily yesterday. She tends to come and go as she pleases but now that the weather is getting warmer she’s out a lot. But if you hear her scratching on the door could you let her in?”


“No problem Miss Jones and have fun at school.”


“Thank you John and have fun moving things” she replied and started to leave but she stopped and turned back to him. “And since with you working here for a while and certainly no longer a student you can call me Julie if you prefer.”


“Okay Julie and that’s a very pretty name” he said and just managed to stop from saying ‘for a pretty woman’ but after embarrassing her yesterday he was being careful.


“Thank you” she said quietly.


For the next few hours he worked his ass off and managed to make quite a dent removing material from the attic. Most of what he got rid of was labeled trash in Julie’s neat flowery script and this he placed on the side of the driveway. He wasn’t sure what day the house received trash pickup so he thought it best to leave it there for now. The remaining items Julie hoped to donate to charity, with the majority being furniture along with some items in boxes. These he transported to her garage which she only used to shelter her car during the winter months. It was during one of these trips there that he saw a face peering through the hedge that bordered the property.


“Good morning” John cheerfully called out.


The face disappeared like a shot causing John to laugh but he put it out of his mind and resumed work. Later he needed to retrieve a tool from his truck to help him break a large piece of furniture into sections so it would be easier to move. As he closed the truck door he couldn’t help but notice that there was a couple sitting on the front porch of the house next door.


“Hello” called out the man as he stood and waved to John who returned the wave. The man gestured for John to come over with a motion. He had no idea why but he’d been going non-stop so he welcomed the break and turned up the neighboring sidewalk. When he reached the porch the man extended his hand and gave him a hearty handshake.


“How do you do. My name is Jack Russell and this lovely lady is my better half Edna.”


“Glad to meet you, my name is John Colt” he replied and nodded at the gray haired bespectacled woman who sat close by and who he recognized as being the person who had been watching him earlier.


“Not to be nosy but the little woman told me that you seem to be moving some things out of the Jones place.”


“Yeah that’s right. Just trying to get the place in order for Julie, uh Miss Jones.”


“And you’re a friend of hers?” Edna Russell inquired eagerly as she leaned forward.


“Truthfully I’m working for her though I’m a former student of hers” John replied to which Edna sighed and clucked her tongue before answering.


“That’s too bad, she’s such a nice girl but she seems to be unlucky when it comes to love.”


“Now dear maybe you’re just projecting what you think is best for Julie” Jack told his wife.


“Who are you fooling you old goat, you know that you agree with me. I blame her mother, God rest her soul. She was just too overprotective and now Julie is past the age where she’ll find Mr. Right probably.”


“Well it was nice meeting you but I should be getting back to work” John said as he felt uneasy with where the conversation had gone.


“Now look at what you’ve done, scaring John away with such talk” Jack said to Edna.


“No really it’s not that. I just need to get back to work is all. But the job just started so I’m sure I’ll see you a lot. Take care.”



That afternoon as Julie ate her lunch Lauren had peppered her with questions about John. She had replied truthfully though her answers didn’t seem to satisfy her friend.


“What do you want me to say Lauren. He’s there working and that’s all there is to it. Sorry to disappoint you but this isn’t a story from you know where” she said, lowering her voice for the final part.


Lauren smiled wickedly at a thought that came to her after her friend’s declaration before she spoke.


“If I was you Julie I might be a little nervous with a strange man alone in my house. If he’s anything like men from stories on xnxx.com then by now he’s jerking off into a pair of your dirty panties. Can you imagine?” she said with a laugh.


“Oh my God! Don’t say that Lauren, even kidding around. He’s not like that, is he? What do you know about him that you’re not telling me?”


Looking around to make sure that no one in the lounge was listening first Lauren replied to her friend.


“I’ve never heard anything like that but you never know with men, they’re all beasts. But I did remember something I heard about him. If you’re interested that is?”


“Of course I am Lauren. Tell me” Julie whispered as she leaned closer to her fellow teacher.


“Well one time years ago when I still lived at home I happened to overhear a conversation between my sister and one of her friends. It seems they were at a party and John and his girl at the time had gone into a bedroom for some privacy if you get my meaning. I guess the girl was a bit loud and not just moaning but she was a talker as well. Some pretty wild things were said but the thing is some guy being a smartass happened to open the door while they were going at it. A lot of people including my sister managed to see into the room and from what I heard there was another reason they called him Johnny Forty-five. It seems he has a BIG gun if you follow me.”


“Oh my God Lauren! Che dici? Never mind” Julie said, her face crimson.


Lauren just smiled in a knowing way at her friend.


When Julie arrived home that afternoon she was surprised to see how much had already been accomplished. The amount of stuff removed boggled her mind but what really shocked her was that when she went into her house she found John sitting in the kitchen with Emily sprawled on his lap purring as he stroked her behind her ear.


“Hi” he said as she walked in the room “I hope you don’t mind but I was just taking a break and Emily decided to hang with me. We kind of became friends when I gave her a little of my lunch earlier.”


“Why would I mind but she doesn’t usually warm up to most people quickly so I guess that means she approves of you. I saw you managed to get a lot done today. It’s a good thing I hired you because it would have taken me a lot longer to do and it probably would have put me in traction on top of that.”


“Yeah in that at least it makes sense. The way things are going I’ll be done tomorrow with removing stuff from the house and you’ll have to make your decision on how many windows you want to replace and what style so start to think about it. I guess I’ll call it a day and I’ll be back bright and early tomorrow. Have a good night Julie and I’ll see you too Emily” he said as he gently put the cat on the kitchen floor before standing and departing through the kitchen door.


Emily yawned and stretched before rubbing her nose against her mistress’ ankle as she waited for her supper. Julie fed the cat and scratched Emily’s head as she chowed down.


“What do you think Em, about John I mean? You like him and he seems nice and here I am asking my cat for advice. God I’m losing it.”


Julie walked the house again looking for things to get rid of that she might have missed in her initial survey while also inspecting and taking a count of her old drafty windows. She made her final decision on the colors she wanted a number of rooms painted as well. Satisfied with what she’d done Julie had her dinner while doing schoolwork the rest of the night.


That night she didn’t sleep well, tossing and turning then waking up bathed in perspiration. Unfortunately she knew the reason why. Her dreams were causing this reaction and not only were they of a sexual nature but John featured prominently in them. Finally desperate to get some sleep she pulled her nightgown up and let her fingers do the walking. For the first time her mystery man had a face and it appeared identical to her former student and current worker’s. And he delivered an earth shaking climax to her after which she sank into a contented sleep.


In fact Julie slept so soundly that she snoozed right through her alarm clock (yes, an old fashioned kind) and it was the ringing of her doorbell which awakened her the next morning. She pulled her nightgown down though she clearly remembered doing that last night before again going to sleep. She rushed downstairs and threw open the front door to see John standing there looking gorgeous holding two cups of coffee.


“Sorry I’m running late” she said “have to hurry.”


Julie left him at the door and ran up the stairs in a panic on her way to the shower. She took a quick one then brushed her teeth and practically bolted out the door. Unfortunately at that moment John was carrying a box from the attic and had just emerged into the hall. They collided though John managed to turn his body lessening the impact with the only casualty being that Julie’s robe which hadn’t been fastened securely came somewhat undone.


John had been about to apologize when his jaw dropped as he caught a glimpse of Julie’s charms - two small and perfectly shaped breasts topped with bubble gum colored nipples. He managed to close his mouth and turn away. Mortified from what had just happened Julie pulled her robe together and fled without a word to her room where she swiftly dressed.


Fortunately for her he remained in the attic allowing Julie to slip out of the house with the tattered shreds of her dignity. By the table near the front door sat a cup of coffee with a sticky note labeled Julie. She took it in passing as she left. In between figuratively kicking herself as she drove, Julie took some comfort in the thought of John bringing her the coffee which then triggered her embarrassment anew.


She just made it to class before the first period bell rang and she was not at her best. Since it was Thursday that allowed her to tell the class to review their lessons to prepare for the following day’s exam. She sat there seemingly going over her own notes and lesson plans while actually replaying the scene over and over. That would have been bad enough but it actually started to arouse her knowing that John had seen her breasts. No man had since her college days when finally freed of her mother’s control she had actually lived life a tiny bit.


There had been mixing with the opposite sex and dates with college boys and even a couple of short term boyfriends during those four years. It was when she had lost her prized virginity, taken during a frat party when she had one too many glasses of spiked punch. The worst thing about it was she barely remembered the actual incident but it was also the last time she heard from Kyle who had deflowered her. Still she hadn’t let that stop her from continue trying to live life.


About that night she vaguely remembered there had been some pleasure involved on her part which she wished to experience again. Unfortunately the next boy she dated named Harold had been more than willing to sleep with her but he had not a clue when it came to a woman’s erogenous zones. Fumbling clumsily with her breasts a moment as he positioned himself was the extent of foreplay and once he was in her he would thrust weakly for a couple of minutes before pulling out and ejaculating on her aroused yet unsatisfied body.


On a few occasions she had delicately tried to broach the subject of her enjoyment, or lack thereof with him, only for him to respond that any girl who thought in such a way must be a slut. Since that was the last thing that Julie wished to appear as, she let the matter drop. They continued to date until the end of the semester at which time he informed her that he had transferred to a college closer to home and they wouldn’t be seeing each other again.


Maybe she should have been offended but truthfully Julie felt relieved. The thought of continuing to date and maybe one day marry Harold left her cold. He was smart and not bad looking but he was dry and boring with a very narrow view of things. In no uncertain terms he’d informed her that no wife of his would work and she had set her sights on becoming a teacher. Even worse was the thought of years of marital relations when her desires would get scant attention.


That had been the full extent of her sex life. Once she’d returned home after college her mother had reasserted her control, not that the men had been breaking down the door to get to her. Still from then on Julie dressed and conformed to what her mother thought was proper. The skirts she had worn in college that ended just above the knee were thrown out as they were too revealing even to be donated to charity. Julie had retreated back into her shell and the only time she felt alive was when she tried to impart her love of literature and poetry to successive classes of students.


It was when Lauren had joined the staff and befriended the painfully introverted English teacher that again Julie felt a yearning for something more. Of course by then her mother was in poor health which gave her another means to control her daughter but though Julie complied she lived vicariously through Lauren. They would talk and tell each other everything though as Julie confessed she didn’t have much to reveal. Still it was from Lauren that she learned about masturbation and that there was nothing wrong with a woman achieving orgasm. And now Julie couldn’t wait for lunch so that she could again confide in and ask advice of Lauren.


She was waiting anxiously at their regular table when her friend breezed in. Right away she sensed that Julie was on edge as she sat down by the way her eyes were darting around and by the fact she was continuously twisting and untwisting a strand of her long brown hair.


“Okay spill it! I can tell something’s bothering you Jules.”


“I really made a fool of myself this morning and I’m hoping you can do me a big favor” she began. “Is there a chance you can come with me to my house after school?”


Lauren raised an eye brow at the suggestion and shook her head.


“Julie, Julie what have you done that you need my protection for?”


“Well not really protection, well maybe a little, but more for moral support.”


Julie proceeded to tell Lauren everything from how she had dreamt about John and actually relieved her stress fantasizing about him and her to where she overslept because of that and up to the point where her robe opened revealing her breasts to him.


“I don’t know how I’m going to face him again and the job has just started” she concluded.


Lauren had listened to everything her friend said with a mixture of amusement and concern and thought a few minutes before replying.


“If you want Julie I’ll come with you but in my opinion you should go alone. It doesn’t matter if it goes anywhere. You should just get some. Quanti anni sono passati? Go have fun.”


“No I can’t. Lauren you’re right that I need it and all but I can’t. Just throw myself at him I mean. Especially after what happened this morning. Come over to pick something up and that way I won’t be alone with him because he’ll leave once I get there.”


“Fine if that’s what you want.”


That afternoon Lauren followed behind her friend’s car as she drove home. The two of them entered the house together and John soon came downstairs. He was sweaty and dirty but he smiled when he saw them.


“Hey Julie how are you?” he asked and his eyes narrowed when he saw Lauren. “Hey I know you, don’t I?”


“Hello Johnny, I’m Lauren and you hung out with my sister Trish back in the day.”


“That’s right, how is she doing? I haven’t seen her or really a lot of the old crowd since I got back to town.”


“She’s good, married now with a little boy. They live over in Andersonville a few miles away.”


“Let me get you that book” Julie said to Lauren as she slipped away. As she headed upstairs she heard the two of them gaily chatting about the past. When she came down she handed Lauren her lesson plan book though she had been carrying it the whole time with her.



“Thanks Jules and I’ll see you tomorrow. Nice seeing you again Johnny, I’ll be sure to let Trish know you’re back in town.”


“Yeah cool Lauren, I better go now as well and let Julie have her house. Goodnight Julie. ”


She closed the door behind them and watched as they walked to the street where they both were parked. They talked for a minute more before climbing into their vehicles and driving off. The next morning Julie made sure she was up early and in fact she was ready to leave before he even arrived. When he did she attempted to hurry past when he stopped her.


“Julie before you go we need to talk.”


“Okay” she said with her heart in her throat, dreading what he might say.


“Well I’m kind of at an impasse with the work. Until you let me know what windows you want done and which rooms to paint first, as well as the colors, then I’m almost out of work. I have a few more hours’ worth and that’s it. We really have to discuss it.”


“Sure no problem, I understand John. After school today we’ll talk” Julie answered, relieved that was what he wanted to talk about. “See you later, have to go.”


With that she was gone leaving John alone. He shrugged helplessly as he really wished to talk about more than that but wasn’t sure how to broach the subject. It was fairly obvious that after yesterday morning Julie was uncomfortable around him. He could understand it especially given her shy nature but it had been weighing on him as well. Last night all he could think of was the sight of her naked breasts and how much he wanted to suck on them.


He hadn’t lied when he told her he studied her back when he was a student. Julie was a lot more attractive than she gave herself credit for he thought and though she did her best to conceal the fact, her slender body was sexy as hell to him. Plus he fondly remembered the way her face would get wistful or passionate when she would read certain poems back in class, usually a love poem by one of her favorites. It was true he wanted to stay in town due to his father but the other reason John took the job was he hoped now that he was older he might have an opportunity to tell her how he felt and maybe have a chance with her.


Since there was nothing to be done about it until later John went to work. He finished removing the remaining unwanted items before noon, leaving him precious little to do. He next took accurate measurements of all the downstairs windows in case she wished to replace them. Finally he measured the windows upstairs including in the bathroom as well as in Julie’s mother’s room and the spare bedroom which was used as a storage room. Her bedroom he avoided as he didn’t wish to invade her privacy in that way with how things were at the moment.


John killed time playing with Emily for some time, dragging a string across the floor and watching the cat pursue it until finally the feline got bored and wandered off to take a nap in a sunny window. When Julie arrived that afternoon she was surprised to see John sitting on the porch next door sipping lemonade with the Russell’s. They waved to her and she returned the greeting but she made no move to join them instead standing at the curb with her arms folded.


“Time for me to go it seems, thanks for the lemonade folks” John said as he rose from the wicker chair.


“You’re welcome anytime John and you let Julie know the same. Here we are next door neighbors and we rarely talk to her these days” Edna told him as he departed.


Once he reached her at the sidewalk Julie made a sour face before asking “So what’s up with the busybodies next door, trying to squeeze you for information about me?”


John kept his face serene as he answered her. “No, not really Julie. I mean the other day when they first saw me they asked if I was doing work ‘in the Jones house’ but I think that’s kind of normal under the circumstances. They see some strange guy moving stuff out of your house and all.”


“Yeah okay but you have no idea how nosy they can be. That’s why Mother planted the hedge after we moved in so it made it harder for them to spy on us.”


“I think it’s good for neighbors to watch out for each other’s houses. By the way they told me to tell you that you’re always welcome there.”


Julie rolled her eyes from that little tidbit and John couldn’t help smiling at her reaction as he expected something along those lines from her. They had moved up her walk as they talked and now went inside. Emily was no where in sight and it had been a while since he had seen her.


“So have you made any decisions on the windows Julie?”


“I’ve decided that it makes sense to do them all now. I have the money available so what’s the point in doing some now and then doing more down the road. I’m not sure what style to get yet though.”


“I think you’re making the right decision Julie. And as far as the style, you take a look at the styles and costs and decide from there. You might get some of a cheaper model for some rooms and nicer ones for others. Personally since you have an older house with nice woodwork I’d suggest you get the kind where the interior section is wood and the exterior is vinyl so it blends in seamlessly in appearance. Some have built in lattices or other features but they add to the cost so it’s up to you. I took the liberty of measuring most of the windows as I ran out of work earlier. I just need the dimensions of your bedroom windows.”


They proceeded upstairs where he took the measurements as she stood just inside the room. A few minutes later they were again on the street where John unlocked his passenger door to allow Julie to get in. As they drove he figured now was the best time to broach the subject.


“About yesterday morning Julie, I apologize. If I had waited until you left before starting to work…”


“No John, it wasn’t your fault. If I was watching where I was going instead of rushing blindly into you like that, so no apology is necessary and we won’t mention it again.”


He knew there was no way he could forget what he saw even if he never mentioned it but he held his tongue - for the moment at least. With a sidelong glance he noticed that Julie’s face was red as a beet so he continued to keep his face turned straight ahead as he

Storie simili

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

857 I più visti

Likes 0

Lucy viene scopata dal padre della sua migliore amica

Erano le 15:00 di mercoledì e il caldo della giornata estiva si abbatteva su Lucy e la sua amica Jillian mentre tornavano a casa da scuola. Il marciapiede era caldo e ricoperto di foglie e noci degli alberi che fiancheggiavano la strada di Jillian. Mentre il sole bruciava, le foglie gocciolavano un aroma caldo che ricordava a Lucy il pot-pourri che aveva annusato in un negozio di candele boutique nella strada principale della sua piccola città. L'aria era calda e l'odore della flora bruciata la fece girare la testa assonnata e soddisfatta. Le due ragazze imboccarono il vialetto di Jillian mentre...

615 I più visti

Likes 0

La mia figliastra senzatetto, parte 3

Mentre Chelsea giaceva a letto con noi, qualcosa si risvegliò dentro di lei. Non voleva più le donne della sua età. Li voleva giovani. Voleva adolescenti. L'emozione di essere il primo per qualcuno è stata travolgente. E l'eccitazione nel guardare il suo ragazzo far scoppiare la ciliegia di Ronnie era quasi più di quanto potesse sopportare. Sapeva che le ripercussioni per essere stata scoperta sarebbero state gravi, ma ora aveva un sedicenne che poteva aiutarla. Potrebbe essere molto divertente. Ronnie giaceva a letto, con la testa appoggiata sul petto del patrigno. Non poteva credere a quello che era successo in meno...

524 I più visti

Likes 0

I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

IL SEDICESIMO GIORNO I nostri eroi si alzarono vivi e freschi come appena arrivati ​​dalla confessione; ma a ben guardare si sarebbe potuto notare che il Duc cominciava a stancarsi un po'. La colpa di questo avrebbe potuto essere attribuita a Duclos; non c'è dubbio che la ragazza avesse completamente padroneggiato l'arte di procurargli delizia e che, secondo le sue stesse parole, i suoi scarichi erano lubrificanti con nessun altro, il che confermerebbe l'idea che queste cose dipendono esclusivamente dal capriccio, dall'idiosincrasia , e che l'età, l'aspetto, la virtù e tutto il resto non hanno nulla a che fare con il...

1.5K I più visti

Likes 0

S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa. Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non...

1.6K I più visti

Likes 0

Vorresti due di me? Questo avverrà in un futuro molto prossimo….. ….Sono Lisa e ho fatto un grande passo e ho messo insieme segretamente un clone e una combinazione robotica di me stesso. La mia azienda pensava che fosse solo l'ultima ragazza robot che avevo creato. Ho aspettato che il ragazzo giusto lo provasse. Ho finalmente trovato quello che cercavo. Era bello, sexy e giovane. Perfetto…. --------- …Ron…. ...Ho ricevuto informazioni su un'azienda che voleva che qualcuno provasse la loro ultima ragazza robot. L'ho esaminato e sembrava interessante. Li ho contattati e mi hanno accettato come un buon test per lei...

1.6K I più visti

Likes 0

Il nuovo capannone

Stavo costruendo un nuovo laboratorio e avevo bisogno di aiuto. Ho chiamato quattro amici che avevano abilità di falegnameria e per me erano incontri regolari. Sapevamo tutti di essere partner sessuali, ma mantenevamo le cose discrete poiché nessuna delle nostre mogli sapeva delle nostre attività extrascolastiche. Il cemento per il pavimento era già stato versato da due gentiluomini molto energici, ma questa è un'altra storia. Il legname era stato consegnato pochi giorni fa insieme a tutto l'hardware. La stazione della sega è stata allestita in una zona ombreggiata in modo che i lavori potessero procedere rapidamente. Le mogli hanno portato tutti...

1.4K I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

Le avventure di Juan's Crazy Sex a Porto Rico/ Parte prima...

Sono un avvocato e so distinguere il bene dal male, ma quest'anno è stata davvero dura con me. Avere 34 anni, stare a 62 e pesare 170 libbre. brunastro rossastro scuro, Taglio di capelli basso Cesare. Sono un uomo misto, madre italiana, padre portoricano e indonesiano. Non conosco i miei genitori, sono stati uccisi in un sollevamento in alto in un aereo proveniente dall'Italia in visita i miei nonni da parte di mamma. Tutto quello che so è che a cinque anni vivevo con mio nonno dalla parte di mio padre, A Porto Rico, le cose sono cambiate dall'inizio. Sono passato...

1K I più visti

Likes 0

I miei amici mamma

Si tratta della mamma di Russell. Per cominciare, mi chiamo Jay e il mio migliore amico per la maggior parte della mia vita è stato Russell e questo è il mio diciottesimo compleanno. Beh, almeno la celebrazione del weekend successivo al mio diciottesimo compleanno. Dato che ero ancora al liceo, ho dovuto aspettare fino al fine settimana successivo per urlare ed è proprio quello che Russell e io avevamo programmato. Così venerdì sera presto sono andato a casa di Russell per andarlo a prendere con l'intenzione di andare entrambi alla capanna dei miei genitori per il fine settimana che era vicino...

790 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.