Impero perduto 62

606Report
Impero perduto 62

0001 - Tempo

0003 - Conner- Thomas

0097 - Asso - Zimmel

0098 - Lucia

0101 - Shelby (nave madre) - Lucie

0125 - Lars

0200 - Elena

0301 - Rodrick

0403 - Johnathon

0667 - Marco - Marrone

0778 - gen

0798 - Celeste - Shelby (umana)

0908 - Tara - Mara

--------------------------

Non cresciuto - non numerato

------------------------

3 - a bordo di Shelby 2 in re-gen

1000 - Sherry - perso al momento

0999 - Zan - anch'esso perso

--------------------------------

Conosciuto e OR numerato

-------------------------------

0501 - Taddeo

???? - Lena

---------------------------

Derrick osservò Jonathon apparire dal portale con Ace al seguito. Shelby era lì vicino mentre guardava apparire entrambe le navi.

"Hai ricevuto notizie sulle condizioni di Lucie?" chiese Shelby con voce preoccupata.

Derrick riuscì solo a scuotere la testa quando si voltò a guardarla. Seduto con un tonfo iniziò a esaminare le letture che aveva ricevuto fino a quel momento.

Non molto dietro Shelby c'erano sia la madre che la nonna di Derrick, anche loro preoccupate. Proprio quando le cose sembravano finalmente andare per il verso giusto, succede questo. Dempsy è rimasto fuori per un po', mancavano due navi. Poi c'è stato il fatto che Shelby è stata danneggiata insieme a Lucy.

Scuotendo la testa Derrick era perplesso. Di questo passo avrebbero cercato navi con il nuovo segnale più a lungo di quelle ancora perdute. Guardando la sua futura imperatrice, madre e nonna, sapeva che dovevano farla finita il prima possibile. Erano ovviamente più in pericolo di quanto pensasse.

Guardando di nuovo a quei pochi dati che c'erano, non c'era alcuna prova concreta che Zan ne avesse almeno la metà, figuriamoci la maggior parte. "Maria?" Derrick chiamò un'idea che gli venne improvvisamente in mente.

Il volto di Mary apparve davanti a lui, "si Sire?"

"Ho un'idea; puoi estrapolare il numero di navi che c'erano prima della detonazione di Zan?" chiese Derrick dopo aver formulato la sua domanda.

Mary rimase in silenzio per un momento, "Dovrò esaminare tutte le letture dei sensori. Potrebbe volerci molto tempo, Sire."

Derrick annuì quando Mary finì: "Va bene, avvisami quando hai una risposta."

Il volto di Mary fece un cenno a Derrick, poi al suo solido gemello olografo, e poi se ne andò.

Sospirando Derrick si rivolse alle tre donne presenti. "Mi dispiace nonna, mamma, Shelby. Oggi abbiamo perso Zan; è stato con me quasi quanto Shelby. Ha vissuto gran parte di quello che ho vissuto io fin dall'inizio. il più presto possibile. Come ti ho detto prima, abbiamo solo tre giorni, beh," Derrick fece una pausa guardando il cronometro. "In realtà due giorni e mezzo adesso."

Gli occhi di Shelby erano grandi poi annuì mentre raccoglieva la madre e la nonna di Derrick. "Sì, abbiamo ancora molto da fare, soprattutto dopo che Derrick ha scelto i suoi abiti da sposa." Entrambe le donne più anziane sembravano un po' confuse, poi è arrivata la realizzazione.

La madre di Derrick si rivolse a lui: "Andiamo a finire, figliolo. Domani dovrebbe essere tutto pronto". Derrick fece un cenno ai tre, annuendo, mentre si allontanavano.

A bordo dell'Ace, Zimmel era nell'infermeria e controllava le letture di Lucie. "Qualche indicazione di quello che è successo?"

"Al momento sembra che abbia sofferto di un estremo sovraccarico sensoriale. Se la signorina Lucie Prime fosse come noi, le suggerirei di reimpostare i suoi sensori. Visto che è un'entità corporea, sarebbe un'azione poco saggia."

Zimmel stava annuendo ricordando qualcosa del genere di cui aveva sentito parlare la prima volta che era arrivato qui. Scuotendo la testa per la vita di lui stava attualmente sfuggendo alla sua memoria.

Dannazione pensò, più si sforzava di pensare a cosa fosse, più gli sfuggiva. Ace apparve un attimo dopo sul punto di parlare interrompendosi quando vide che Zimmel era immerso nei suoi pensieri. Con un leggero sospiro Ace aspettò nelle vicinanze che Zimmel lo notasse.

Ancora incapace di catturare il suo pensiero sfuggente, Zimmel fu sorpreso un attimo dopo quando notò Ace in attesa.

"Qualcosa non va?" chiese Zimmel mentre si schiariva le idee.

"Ho visto che eri bloccato nei tuoi pensieri con un'espressione di frustrazione sul viso. Ho pensato che avrei potuto fornirti un po' di aiuto. Stai bene Prime? Le mie scansioni iniziali su di te non stanno rilevando anomalie." disse Ace con tutta sincerità.

Zimmel si rivolse ad Ace sul punto di ribattere quando si fermò. Ace dopotutto non era umano, quindi non sapeva molto delle emozioni umane. In realtà li aveva appena guadagnati.

"Sto bene Ace però, sono perplesso con un pensiero che non riesco a cogliere. Vorrei che ci fosse un modo per poterlo fare..." Gli occhi di Zimmel si spalancarono mentre fissava Ace schioccando le dita, un sorriso iniziò a dominare i suoi lineamenti. "QUESTO È TUTTO!" urlò Zimmel mentre prendeva il comunicatore. "Ammiraglio!"

L'ammiraglio Hartwell fu sorpreso quando sentì Zimmel gridare. "Sono qui Capitano Zimmel. Ha qualche problema?"

"No signore." Zimmel ha detto che poi si è chiesto perché il sistema olografico sulla nave dell'Ammiraglio non funzionasse. "Qualcosa che Ace ha detto mi ha ricordato quando l'ammiraglio e molti dei suoi vecchi comandanti soffrivano di disturbo da stress post-traumatico. Poi avevano l'intelligenza artificiale..."

"Prima di tutto figlio." Hartwell ha dichiarato di interrompere Zimmel. "Spiegami di cosa diavolo stai parlando."

"Oh, uh... sì signore. Ace dice che la signorina Lucie ha avuto un sovraccarico sensoriale. Che se fosse stata un'intelligenza artificiale come le navi, avrebbe potuto semplicemente resettare i suoi sensori. L'intelligenza artificiale è entrata e sostanzialmente ha ripristinato parte del loro cervello. Credo che la stessa cosa potrebbe funzionare qui, anche se potremmo dover adattarci di più a ciò che ha vissuto ". stava dicendo Zimmel, ora molto eccitato.

Hartwell si massaggiava il mento mentre ripensava al passato, la maggior parte del vecchio comando sembrava più normale dopo che Shelby e poi Mary erano entrate. Stava annuendo, sul punto di parlare, quando un ologramma di Derrick apparve nell'infermeria.

"Non è una cattiva idea, Capitano Zimmel. Asso ha qualche prova a sostegno di un'azione del genere?" chiese Derrick dell'asso olografico.

"Sire," disse Ace, poi si inchinò profondamente attirando un altro piccolo gemito da Derrick. "Molti dei dati delle sue letture biologiche indicano che ha sperimentato un enorme sovraccarico sensoriale. Sembra che molte delle sue funzioni superiori si siano spente a difesa della sua personalità."

Derrick stava annuendo, allungando la mano, sentirono un interruttore scattare. L'ologramma di Shelby è apparso accanto a Derrick. "Sì Derrick? Mi hai chiamato?"

"So che sei ancora in rigenerazione. Quanto tempo ci vorrà prima che tu abbia la trans-curvatura?" chiese Derrick.

"Al momento ne ho il cinquanta per cento. La scoperta fatta dall'Imperatrice Shelby ha davvero accelerato la rigenerazione del sistema di transcurvatura." Shelby ha detto a tutti loro.

Derrick fece un cenno a Shelby mentre il suo sguardo si addolciva. "Miss Lucie, a quanto pare, si è imbattuta in qualcosa là fuori che l'ha lasciata priva di sensi. Pensiamo che potresti riuscire a riportarla indietro proprio come hai fatto con me e gli altri."

"Farò del mio meglio per Miss Lucie. Quando sarai pronto per me, io sarò preparato." Shelby ha detto. "Oh, vorrei anche informarti che ho due delle tre scatole ora a bordo da Tempro. Per ora non ho scoperto le loro identità. Dovrei saperlo domani, Derrick."

Il viso di Derrick si illuminò a questa notizia: "Mio dio con tutto quello che sta succedendo, mi ero quasi dimenticato di loro". Derrick si inchinò a Shelby, "Non mi dimenticherò più di loro, te lo prometto."

Uno scioccato Shelby insieme al resto dei presenti poteva solo fissare Derrick. "Dobbiamo far loro sapere che ci tieni a loro tanto quanto te. Anche se so che si sacrificheranno volentieri per te e per l'impero, fa comunque male perderli. Spero che riusciremo a riportarli tutti indietro uno giorno."

Derrick guardò Shelby con una lacrima vagante che gli scendeva dagli occhi mentre sussurrava. "Anche io Shelby, anch'io."

Shelby poteva solo fissare Derrick con uno sguardo di gratitudine. "Aspetto tue notizie, Derrick." Poi l'ologramma di Shelby rimase in silenzio ad aspettare.

Hartwell stava ancora esaminando tutti i dati della battaglia. Dannazione, sembrava che Zan avesse eliminato un bel po' di nemici prima di lanciarsi. Sospirando Hartwell sapeva che anche con tutto quello che aveva ottenuto, ciò che Zan aveva fatto era l'unica alternativa. Sfogliando i dati una seconda volta, Hartwell smise improvvisamente di sedersi. Cosa diavolo era quello? "Imperatore? Credo di aver scoperto qualcosa che tu e Mary dovreste vedere."

Il volto di Derrick si rivolse a Hartwell così come quello di Mary quando apparve. Hartwell ha spiegato quello che aveva trovato con una faccia cupa. "Questa era una comunicazione ad Ace e Zimmel da parte di Zan."

Gli occhi di Derrick si spalancarono, "Decine di migliaia? Zimmel, Ace?" disse Derrick mentre entrambi si giravano verso di lui.

"Si signore?" Entrambi hanno dichiarato.

"Zan ha davvero detto di aver contato decine di migliaia di navi del Tendrax?" chiese Derrick.

"Sì, anche se aveva detto che aveva problemi a ottenere un conteggio accurato. Ha detto che molte delle navi stavano entrando e uscendo dallo spettro visibile." Asso dichiarato.

Derrick stava annuendo, qualcosa stava strattonando i suoi ricordi. Entrare e uscire gradualmente? Era possibile? "Hai riferito che molti stavano morendo a causa della loro prolungata esposizione all'energia del ripalon. È possibile che stia influenzando anche la loro strumentazione? Ricordo quando Conner fece fuoco su una nave della setta danneggiandone i sistemi. Sperimentò qualcosa di simile a quello che hai visto. "

"Non sono proprio sicuro, sire; non sono stato al corrente di quei documenti." Zimmel ha risposto.

Derrick guardò Mary che stava studiando le letture. "Concordo Sire. Le letture sono strettamente correlate. Sembra che i Tendrax abbiano danneggiato i loro sistemi con la stessa energia che usano per viaggiare nello spazio. Inoltre, dalle letture sembra che la stiano usando da molto tempo. Forse è anche la loro energia principale sul loro pianeta?"

Derrick annuì, poi guardò accanto a lui mentre apparivano gli ologrammi di Rayburn e Kimison. "Questo coincide con quello che avete scoperto voi due?"

Entrambi gli uomini annuirono cupamente: "Si stanno lentamente uccidendo. Per quanto testardi sembrino, potrebbe non essere utile informarli di ciò. Inoltre, la loro accresciuta ostilità potrebbe suggerire che anche loro l'hanno finalmente scoperto. Questo spiegherebbe perché stanno finalmente assumendo una posizione aggressiva con noi". spiegò Kimison.

Rayburn stava per parlare quando si voltarono tutti verso Zimmel quando sentirono Lucie che iniziava a urlare dietro di lui. "Prime Lucie sta vivendo un'estrema angoscia; sembra che sia stata attaccata. Non rilevo forze esterne. Sire! Prime! Le sue letture Alpha e Beta stanno diminuendo! Niente di quello che ho fatto sta avendo alcun effetto." Asso dichiarato.

"Mary, Shelby! Ho bisogno che entriate entrambi. Fate quello che potete per salvarla." Derrick lo disse a entrambi.

Shelby guardò Mary mentre entrambi annuivano, con entrambi i loro ologrammi scomparsi. Entrambi apparvero nel panorama mentale di Lucie sorpresi dalla calma che trovarono.

"Mi aspettavo un po' di caos, se non la stessa quantità, che conteneva la mente di Derrick." Shelby ha detto a Mary.

Mary annuì mentre entrambi iniziarono a scendere più in profondità nella mente di Lucie. "Questo è brutto; non rilevo quasi nessuna onda Theta. Dovrebbero essere piuttosto dominanti nel suo stato di incoscienza. Dobbiamo trovarla prima che tutta la sua mente si spenga." Con ciò entrambi iniziarono a scendere molto più velocemente di prima.

Shelby era ancora sorpresa dopo pochi minuti che ci fosse ancora una grande calma nella mente di Lucie. Alla fine entrambi raggiunsero l'area che conteneva essenzialmente ciò che era Lucie. Entrambi rimasero scioccati quando non riuscirono ancora a trovare traccia di lei.

Mary stava per andare più in profondità quando Shelby si fermò, avviandosi nell'oscurità. "Taddeo?" Shelby stava sussurrando mentre le lacrime cominciavano a scendere. Un basso gemito venne dall'oscurità quando apparve l'immagine di un maschio di circa vent'anni.

Un ringhio gli uscì dalla gola mentre fissava Shelby. "Non mi prenderai più in giro. Non mi arrenderò mai più alla tua gente!"

Shelby iniziò a ritirarsi terrorizzata mentre il maschio si precipitava verso di lei. Mary si mise davanti al maschio sorprendendo non solo se stessa ma anche lui. "Ti suggerisco di fermarti prima di essere danneggiato." Maria ha dichiarato.

Il maschio squadrò Mary dall'alto in basso cercando di stimare questa nuova minaccia. "Non ti conosco, né desidero conoscerti. Questo", qui fece un cenno verso Shelby. "Non permetterò di controllare di nuovo me e la mia famiglia. Potresti sembrare una madre anche se so che è diverso. Io..."

Shelby riuscì solo a scuotere la testa mentre nuove lacrime cominciavano a formarsi. "Cosa ti è successo Thaddeus?"

"Cos'è successo? Sai benissimo cos'è successo... Aspetta, come fai a sapere il mio nome? Pochissimi lo sapevano soprattutto dopo la battaglia alla distesa di Gleeton." Dichiarò il maschio di venticinque anni guardando molto da vicino Shelby e poi Mary.

Shelby poteva solo fissare il maschio mentre Mary prendeva il sopravvento. "Quasi tutte le navi sono state distrutte nei mille anni da quando sei stato creato. Shelby è stata l'unica a sopravvivere. Al momento ci sono tredici navi inclusa Shelby."

"Quindi mi stai dicendo che questa è la mamma? È già stato usato su di noi. L'unico modo per saperlo con certezza è se può recitare la mia designazione." Thaddeus lo disse a entrambi.

"Sei sempre stato forte. Ricordo quando è stata creata la tua personalità." disse Shelby quasi scioccata.

Un'espressione di sospetto attraversò il viso del maschio mentre fissava Shelby più intensamente. "Non è quello che ho chiesto. Se tu fossi mia madre lo sapresti, quindi non lo sei, solo un'altra persona inventata."

Il maschio iniziò a voltare le spalle disgustato quando Shelby parlò: "Sei stato designato EIG-501m. Tu e il tuo compagno di ala eravate il punto a metà strada dei miei figli".

Thaddeus si voltò per fissare Shelby a bocca aperta. "Madre?" Disse in un sussurro quasi silenzioso. Correndo verso Shelby i suoi occhi si spalancarono quando le sue mani non la attraversarono. "Sei reale, è difficile da credere." Thaddeus ha quindi afferrato Shelby in un enorme abbraccio. "Quello nella cui mente ci troviamo non è il nemico allora?"

"No! Per favore, smettila di attaccarla. È molto più sensibile a tutti voi di qualsiasi altra che io abbia mai visto." Shelby riferì a Thaddeus.

Thaddeus guardò da Shelby a Mary, poi annuì. Concentrandosi un attimo poi aprì gli occhi. "Potresti prepararti, siamo in parecchi." Disse piano il maschio a Shelby.

Shelby annuì mentre maschi e femmine cominciavano a uscire dall'oscurità. Presto ci furono moltissimi che fissarono Shelby increduli. Shelby poteva sentire molte domande se fosse davvero la loro madre.

Volevano tutti parlare con Shelby quando ha alzato la mano. "So che siete ancora tutti là fuori. Quella nella cui mente ci troviamo è molto sensibile nei nostri confronti. Dobbiamo trovarla, possibilmente aiutarla. Tutti voi che provate a parlarle ha causato l'arresto del suo cervello . So che vuoi tenerla stretta però, se lo fai, potremmo perderla."

Una giovane donna si fece avanti. "L'ho vista qualche tempo fa mentre si nascondeva. Era così spaventata, proprio come lo eravamo tutti noi. È la prima volta che ci sentiamo da molto tempo che non ha cercato di farci del male."

"Puoi portarmi da lei?" chiese Shelby. "Voi altri, per favore, restate qui; lasciatemi provare ad aiutarla."

La giovane femmina condusse Shelby in un'area estremamente buia. All'inizio Shelby pensava che non ci fosse niente. Poi sentì un sospiro molto debole. "Eccola anche se non riesco ad avvicinarmi a lei."

"Grazie Lena." Shelby disse alla giovane donna facendola sussultare.

"Sei davvero mamma! Pensavo fosse una specie di sogno." Disse Lena allungandosi timidamente ansimando di nuovo quando la sua mano toccò il braccio di Shelby. Poi afferrò Shelby in un feroce abbraccio.

"Torna dagli altri, lo prendo io da qui." disse Shelby mentre la giovane donna annuiva e poi scompariva. "Lucie? Sono io Shelby. Gli altri ti hanno fermato gli attacchi. Puoi uscire."

L'immagine di una Lucie terrorizzata poteva solo fissare Shelby che sembrava riconoscerla anche se non del tutto. "Ti conosco?" Lucie chiese a bassa voce apparentemente temendo di essere attaccata di nuovo.

Shelby annuì senza fare alcun movimento verso Lucie. "Mi chiamo Shelby. Sono la nave madre degli EIG."

"GIE?" chiese Lucie sembrando rilassarsi quando Shelby non si mosse.

"Sì, sta per Elite Imperial Guardians." Shelby le disse.

Lucie sembrò rilassarsi di più mentre sul suo viso si vedeva più riconoscimento. "Shelby. Mi sembra di ricordare quel nome." Lucie si alzò a sedere mentre Shelby faceva un passo indietro. "No! Per favore, non lasciarmi. Sei il primo amico amichevole che vedo."

Shelby rimase ferma, pensò, facendo finalmente progressi. "Sono qui per aiutarti. Come ho detto, gli altri hanno interrotto i loro attacchi contro di te. Raggiungi e scoprirai che in realtà ti stanno aspettando adesso."

Gli occhi di Lucie erano spalancati mentre scuoteva lentamente la testa no. "Mi hanno fatto così male quando erano qui. Ho paura di andarmene da qui."

Shelby annuì, "Posso aiutarti se vuoi. Farò tutto il possibile per assicurarmi che tu non ti faccia più male." Qui Shelby tese il braccio e la mano verso Lucie con un sorriso amichevole sul volto. Lucie guardò la mano tesa e poi il viso di Shelby mentre più riconoscimento le passava sul viso.

"Shelby?" chiese Lucie, a cui Shelby fece un cenno affermativo. "Dev'essere davvero brutto se sei qui."

"Beh, non ancora, però se non ti reintegri presto? Potresti non riuscirci per molto tempo. Almeno così posso aiutarti." Shelby ha consigliato Lucie.

Afferrando la mano di Shelby, entrambi tornarono lentamente dove si trovavano gli altri.

"Come sono le sue letture?" chiese Derrick mentre l'attrezzatura medica iniziava a suonare in modo diverso...

"Sembra che Shelby e Mary stiano facendo buoni progressi. Molte delle funzioni cerebrali superiori di Lucie stanno iniziando a reagire di nuovo. Anche se temo che non sia ancora fuori pericolo." Zimmel ha informato Derrick.

"Rilevo un aumento del trenta per cento delle funzioni cerebrali superiori. A quaranta, quarantacinque anni, al momento sembra essere fuori pericolo.

Derrick tirò un sospiro di sollievo. Se l'avessero persa, forse non sarebbe stato in grado di perdonare se stesso. Guardando Jonathon Hartwell vide anche il sollievo sul volto dell'uomo.

"Tienimi informato; a quanto pare devo andare ad aiutare con questo matrimonio." disse Derrick mentre chiudeva.

Anche la maggior parte degli altri si è interrotta, lasciando Zimmel lì in piedi. Guardando Lucie sperava che stesse per riprendersi, poteva essere una civile, anche se in questo era molto più brava di lui. Un attimo dopo apparvero sia Shelby che Mary.

"Adesso dovrebbe stare bene, anche se ti suggerisco di controllarla da vicino." Shelby ha detto a Zimmel, facendo un cenno a Mary e anche Shelby ha fatto l'occhiolino.

"Resterò qui ancora per un po'. Sto ancora parlando con coloro che sono collegati a lei." Mary disse a Zimmel che poteva solo annuire.

Lucie era in piedi in mezzo a un gruppo di uomini e donne che si stavano scusando con lei. La bocca di Lucie era spalancata, quasi incapace di credere che ce ne fossero così tanti lì.

Mary era in piedi accanto a lei. "Vi prenderemo tutti. Sono certo che l'imperatore abbia già un piano in cantiere." Mary ha detto a tutti loro. "Tu," disse a Lucie, "hai bisogno di riposare, riprenderti da tutto questo prima che andiamo a cercarli tutti."

Lucie annuì quando Mary glielo disse. "Farò del mio meglio." Rivolgendosi a tutti quelli lì ha affermato. "Cercherò di trovarvi tutti, lo giuro."

Ciò ha attirato non pochi sguardi riconoscenti da parte di tutti i presenti. "Vi aspetteremo Miss Lucie prime. Per ora ci ritireremo a una distanza più salutare."

Hartwell fece un cenno a Jonathon non appena si interruppe. Un attimo dopo la nave Jonathon apparve vicino al pianeta del Duca con le altre navi in ​​orbita. Sospirando, ora avevano solo nove navi con lui lì. Con Lucy, Shelby e Ace tutti in rigenerazione più Tempro tutti in orbita sopra il pianeta imperiale. Poi c'era il fatto che Tara era inattiva anche in attesa di Mara.

"È un piacere riaverla, ammiraglio." Un attimo dopo giunse la voce di Thomas.

Hartwell si voltò verso l'ologramma di Thomas annuendo. "Qualche cambiamento finora?" chiese Hartwell felice che il sistema olografico di Jonathon funzionasse di nuovo.

"No signore, il bastardo non si è ancora mosso." Thomas lo informò.

Un lieve sorriso apparve sulla bocca di Hartwell mentre annuiva. "Bene, anche se spero che lo faccia. Non ho davvero bisogno di una scusa per far saltare quel culo."

"Sì signore, sono completamente d'accordo. Abbiamo tutti l'ordine di prenderlo vivo, se possibile." Thomas rispose con un sorriso malvagio sul volto.

Hartwell stava di nuovo annuendo. Sperava che lo facessero, voleva infliggere un po' di dolore all'uomo, dolore che aveva inflitto ad altri per anni.

A bordo della Celeste, Onai era già scappato dal letto biologico due volte. Disgustata, era stata anche catturata e rimessa due volte nel letto biologico. Guardando Kimon in cerca di aiuto, scosse la testa no. Sapeva fin troppo bene quanto fossero serie le IA nel tenerli lì.

"Futuro marito. Dobbiamo uscire da queste trappole in modo da poter guarire più velocemente." Gli disse con uno sguardo incredulo.

"In qualità di vincitore della nostra sfida, potrei ordinarti di restare qui. So molto meglio di te fino a che punto le macchine andranno a trattenerci qui. Al momento probabilmente hai prolungato il tuo tempo qui un altro giorno." le disse Dempsy.

Con un gemito Onai ricadde sul letto. "Non abbiamo tempo per..." iniziò.

"Abbiamo tutto il tempo necessario per guarire. Ti suggerisco di concentrare le tue energie per guarire il tuo corpo." Dempsy le disse con un piccolo sorriso sul volto. Conoscendola come lui, probabilmente ci avrebbe riprovato, se avesse fatto come le aveva suggerito.

"Kimon, non vedo come tu possa essere così calmo. C'è molto di cui abbiamo bisogno..." Onai ricominciò. Scuotendo la testa Dempsy aveva avuto paura che lei sarebbe stata così.

Proprio mentre parlava, l'immagine di Celeste apparve tra i loro letti biologici.

"Mi scusi, signorina Onai?" chiese Celeste.

Scioccato, Onai impiegò un momento per rispondere: "Sì?"

"Ho una comunicazione da un Isamu Sakuta. Mi è stato detto di contattarti immediatamente." Celeste li informò entrambi.

Gli occhi di Onai erano spalancati mentre annuiva in segno di assenso.

Il volto di un uomo orientale più anziano apparve davanti a entrambi. "Figlia, sono stato informato della tua resistenza al letto curativo. È vero?"

Onai era visibilmente scossa nel vedere suo padre. "Sì padre, non abbiamo il tempo di..."

"Come tuo padre tendo ad essere d'accordo. Come leader del clan e del consiglio, ti suggerisco di smettere di cercare di gettarci la vergogna. Il Sublime si è offerto di guarirti completamente. Se persisti in queste azioni sono sicuro che lui sarà insultato. Perciò ti ordino di sdraiarti lì, guarire. Tutto è sospeso per questo. Glielo disse il padre di Onai.

"Padre?" chiese improvvisamente incerta. "Pensavo che dovevamo unirci il prima possibile".

"Per una lotta con l'abilità che è stata mostrata, che per ora è stata messa in attesa. Come ho detto guarisci, allora rivedremo tutto ciò che verrà. Dopo tutto, se nessuno di voi può sopportare l'unione, allora come puoi?" Isamu Sakuta disse a entrambi con un sorriso. "Questa unione è attesa da tempo, il dolore non è necessario."

Scioccata Onai si sdraiò assorbendo tutto ciò che suo padre le aveva detto. Dempsy fece un cenno all'uomo più anziano mentre diceva grazie con la bocca.

Alla fine con un sospiro Onai guardò suo padre. "Va bene padre, non voglio disonorare né il clan né te. Rimarrò qui, anche se non mi piacerà. Sai che non sopporto di restare inattivo per molto tempo."

"Posso suggerirti di concentrare le tue energie sulla guarigione del tuo corpo più velocemente?" Le disse suo padre.

Gli occhi di Onai si strinsero improvvisamente mentre guardava suo padre e poi Dempsy con sospetto. "Anche a mio marito è stata suggerita la stessa cosa non molto tempo fa. Mi sembra sospetto lo stesso pensiero di due persone completamente diverse."

Suo padre si limitò a sorridere mentre lei lo fissava più intensamente. Frustrata, sospirò che non era mai stata in grado di leggere così bene suo padre.

______________________________________________________________________

William Hartwell si muoveva dolcemente tra i cespugli mentre avanzava verso dove si trovava suo zio. Dannazione, cosa diavolo stava succedendo? Quel piccolo edificio nella radura adesso era pieno di attività. Poteva anche giurare di aver visto entrare prima il Duca con più di venti uomini. Era andato a riferirlo a suo zio non appena era stato chiaro.

Avvicinandosi alla caverna si assicurò di fare abbastanza rumore che quelli di guardia sapessero che era lì. Si assicurò che passasse molto tempo prima di fare l'ingresso. Facendo un cenno a diversi uomini mentre si avvicinava, tirò un sospiro di sollievo. Entrando nella caverna si diresse rapidamente verso la sala di controllo.

"Bene, sei tornato; immagino che tu abbia trovato qualcosa di interessante?" disse lo zio di William non appena William entrò nella sala di controllo.

"Potresti dire così. Ero vicino a quel piccolo edificio vicino alla radura. C'è stata un'enorme quantità di attività lì nelle ultime dodici ore. Poi c'è stata l'unica cosa che ho trovato curioso." Guglielmo ha riferito.

"Oh? Curioso in che modo?" Suo zio ha risposto.

"Un sacco di uomini che entrano ed escono da lì. Ricordi quegli artisti marziali che abbiamo visto qualche anno fa?" Quando suo zio annuì, William continuò. "Potrei giurare che li stavo guardando lì, solo molto più fluidi di quelli che abbiamo visto."

"Strano, cosa diavolo vorrebbero da quel vecchio edificio abbandonato?" L'uomo ha dichiarato.

"Non ne sono proprio sicuro, zio Trent, anche se la cosa più inquietante? Penso di aver visto quel repellente figlio di puttana di Duke con loro." William sibilò.

"Cosa!? Quanto sei sicuro? So che il suo palazzo è stato attaccato e la maggior parte dei sistemi è stata distrutta. Non pensavo che sarebbe venuto qui." Trent Hartwell quasi gridò.

"Non ne sono sicuro al cento per cento, anche se non c'è davvero modo di confondere quel culo viscido." William riferì a suo zio.

Rising Trent ha afferrato un comunicatore: "Voglio una squadra armata pronta in cinque minuti". Rivolgendosi al nipote affermò. "Ok, voglio che tu mi porti lì; ho bisogno di vedere di persona. Pensavo che l'uomo avesse lasciato il pianeta quando il suo palazzo era stato quasi raso al suolo."

William Hartwell annuì mentre entrambi si avvicinavano all'ingresso della caverna. Furono presto raggiunti da venti uomini ben armati.

Mettendosi in cammino si trovarono presto sul lato opposto, all'estrema periferia della radura. Rimanendo tra gli alberi Trent Hartwell si tolse un paio di binocoli ad alta potenza. Per quasi un'ora l'uomo tenne d'occhio il piccolo edificio. Emettendo un fischio sommesso giurò di aver contato almeno quaranta uomini.

Suo nipote ha ripreso la veglia per un breve periodo dopo. Suo zio improvvisamente vide l'uomo irrigidirsi mentre restituiva rapidamente gli occhiali a suo zio.

Suo zio annuì mentre prendeva gli occhiali, guardando attraverso di essi sibilò quando vide chiaramente il Duca in piedi fuori.

Trent posò i bicchieri rivolgendosi al nipote. "Quello è lui." Afferrando il suo comunicatore Trent parlò facendo del suo meglio per mantenere la calma. "Porta tutte le armi pesanti e l'artiglieria che abbiamo. Questa è l'unica possibilità che abbiamo per uccidere questo mostro."

Storie simili

Assistenza medica

Il primo segno è stato il dolore. Non era tutto il tempo, lo colpiva in momenti diversi durante la giornata. Una specie di pulsazione e dolore che aumentava e gradualmente diminuiva. È iniziato qualche anno fa, dopo che aveva lasciato la chiesa. Quando il pastore era stato sorpreso a sbattere il direttore del coro dopo ore, Derek James aveva finalmente visto la luce, per così dire. In tutti questi anni, crescendo in chiesa, la gente gli diceva che il sesso era brutto, che non dovevi toccarti, che aspettavi il matrimonio e restavi fedele a tua moglie. Ebbene, se il pastore non...

1.4K I più visti

Likes 0

Ginocchia sbucciate

Era domenica, un giorno intero di riposo dal lavoro. Ciò significava che avevo l'intera giornata da dedicare all'altro mio lavoro, quello su cui avrei dovuto concentrarmi anni fa. Avevo programmato di fare un lavoro serio sulla mia tesi. Dal lato sbagliato del mio trentacinquesimo compleanno, io, Joseph Middleton, ero un ragazzo del college. Ero uno studente medio al liceo. I miei voti non erano abbastanza buoni per entrare in un college decente, cosa che non mi importava in quel momento. Semplicemente non mi importava molto se non uscire con i miei amici e cercare di scopare. Il problema era che non...

1.4K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Una Santa Femmina incontra il cane da guardia..._(1)

Era stretto. Molto stretto. Improvvisamente si ricordò della casa dell'anno scorso quando il suo vestito attillato graffiava le pareti incrostate di fuliggine del camino. Bella casa, grande soggiorno... residente caldo. Sorrise mentre si trascinava più in basso lungo i muri di mattoni, sentendo improvvisamente una brezza salire dal focolare, un ruscello sotto di lei. Qualcuno era appena uscito... o era entrato nella stanza. La brezza le fece saltare la gonna e lei rabbrividì. Non è la notte per andare senza mutandine, pensò. Poi di nuovo, ha dovuto lasciare qualcosa per un regalo. Trattenne il respiro e scivolò giù, senza sentire più...

1.3K I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

LA MIA PRIMA AFFARE SERIA - PARTE 1

All'età di 13 anni ho subito un'operazione per rimuovere un tumore nella parte posteriore del cervello. Dopo l'operazione sono rimasto cieco. È stato un grande shock e mi ci sono voluti mesi per accettarlo. A volte mi ribello ancora al fatto, ma che diavolo, mi sto godendo la vita ed è per questo che sto scrivendo questo. Sono rimasto a casa per quasi un anno, ma poi sono stato mandato in una scuola per bambini ciechi. Era lontano da dove viviamo, quindi sono dovuto stare nel collegio della scuola. In realtà avevo completato il Grade 8, ma hanno pensato che fosse...

817 I più visti

Likes 0

I miei amici mamma

Si tratta della mamma di Russell. Per cominciare, mi chiamo Jay e il mio migliore amico per la maggior parte della mia vita è stato Russell e questo è il mio diciottesimo compleanno. Beh, almeno la celebrazione del weekend successivo al mio diciottesimo compleanno. Dato che ero ancora al liceo, ho dovuto aspettare fino al fine settimana successivo per urlare ed è proprio quello che Russell e io avevamo programmato. Così venerdì sera presto sono andato a casa di Russell per andarlo a prendere con l'intenzione di andare entrambi alla capanna dei miei genitori per il fine settimana che era vicino...

815 I più visti

Likes 0

Regina dei draghi

Ho iniziato a scriverlo anni fa e di recente l'ho trovato sul mio hard disk. È un work in progress, fatemi sapere se vi piace. *** Dana, la maestra di caccia del Re Serpente, colei che era conosciuta nel paese come la Regina dei Draghi, percorse il corridoio polveroso con un passo potente. I servitori si precipitarono negli angoli per consentirle il passaggio, le loro teste abbassate in segno di sottomissione. Le guardie scattarono sull'attenti e pregarono che non avesse il tempo di notare qualche piccolo errore nel protocollo. “Signora Dana! Davvero un piacere prenderti - potrei disturbarti per un momento...

849 I più visti

Likes 0

Becca

Questa è la vera storia di come ho perso la verginità all'età di quattordici anni. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------------------------- Hai la crema solare? mi ha chiesto mio padre. No, lo metterò alla festa, risposi. Eravamo in macchina a una festa a casa dei miei amici. Si chiamava Genna e andavamo a scuola insieme da diversi anni. Ero eccitato per questa festa per uno scopo. Mentre pensavo al motivo, la mia mente è tornata alla conversazione che ho avuto online con una delle ragazze della mia classe. (Nomi visualizzati inventati) D-Rock16: Ciao BeccaP69: Ehi, watsup Gabe D-Rock: Sai quel gioco che abbiamo giocato...

760 I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

780 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.