L'abuso di Bayonetta - Capitolo 13 - Paradiso

405Report
L'abuso di Bayonetta - Capitolo 13 - Paradiso

La fresca pioggia autunnale picchiettava sulla passerella di ciottoli mentre James seguiva in fretta Bayonetta nella sua nuova tana. Corsero dal parcheggio all'ingresso di un condominio dall'aspetto elegante e poco familiare. Quando raggiunsero l'atrio, i loro corpi rivestiti di pelle e lattice erano lucidi e gocciolanti. Era quasi rinfrescante dopo il tempo trascorso nella terra desolata. La pioggia è servita a lavare via la polvere residua e la sporcizia del deserto.

La donna seduta alla reception li guardò brevemente e inarcò un sopracciglio. Tornò alla sua rivista mentre la coppia si dirigeva verso l'ascensore e Cereza premeva il pulsante di chiamata. L'assistente non sembrò particolarmente sorpreso dalle persone vestite con abiti fetish che si dirigevano al piano di sopra. Forse era un evento comune in condomini eleganti come questi.

Anche il percorso verso la città e il quartiere in cui si trovava James era sconosciuto. Bayonetta aveva spiegato la loro situazione sulla via del ritorno. Data la gravità degli eventi recenti, era giunto il momento per loro di stare zitti per un po'. Poiché Jeanne conosceva l'ubicazione del vecchio rifugio, Cereza ne aveva preparato un secondo.

Quando le porte scorrevoli si chiusero, premette le sue curve formose su James, spingendolo contro il muro. Si baciarono a lungo e profondamente mentre l'ascensore ronzava e salpava verso l'alto. I loro occhi rimasero chiusi mentre le loro tute bagnate si afferravano e si sfregavano l'un l'altra rumorosamente. Il cazzo di James si è indurito nella fumante prigione di lattice mentre lei gli succhiava la lingua e lo palpava dappertutto.

*DING*

Le porte si riaprirono e anche i loro occhi. Bayonetta sorrise e gli prese la mano, conducendolo fuori dall'ascensore e lungo il corridoio. I loro stivali affondarono nella lussureggiante moquette mentre percorrevano il corridoio scarsamente illuminato. Dopo aver oltrepassato diverse porte, Cereza si fermò, estrasse la chiave e aprì la strada.

Gli odori di vernice fresca e pelle colpirono le narici di James non appena entrarono. Era un gigantesco loft studio all'aperto con una cucina completa e una scala che portava alla camera da letto del secondo piano. Le finestre drappeggiate erano grandi e offrivano un'ampia veduta della città che sarebbe stata meravigliosa quando il tempo fosse stato migliore.

Erano presenti un nuovissimo divano in pelle e un divanetto insieme a vari altri mobili che erano stati consegnati di recente. C'erano scatole ovunque, alcune aperte e altre no. Senza dubbio contenevano nuovi utensili da cucina, articoli per la casa, prodotti per il bagno, biancheria da letto di gomma, abbigliamento fetish, attrezzature per bondage e giocattoli sessuali. James ormai conosceva bene le priorità di Cereza.

"Oh! Sicuramente un upgrade.”

“Sono contenta che ti piaccia” fece le fusa Bayonetta, guardandolo entrare nella loro nuova casa. “Le pareti, il soffitto e il pavimento sono stati insonorizzati. Possiamo fare tutto il rumore che vogliamo, qui.

“Oh, mio...” disse James con un sorriso sfacciato e una strizzatina d'occhio.

Cereza ridacchiò. "Direi che ti sei guadagnato una doccia e la scelta della cena dopo quello che siamo stati, però."

"Grazie. Una doccia sembra incredibile. E per quanto riguarda il cibo, che ne dici di qualcosa di greco?

"Chiamerò mentre ti pulisci" rispose, spostandosi verso una delle grandi scatole e aprendola. Tirò fuori una nuova tuta nera in lattice ancora foderata di plastica protettiva. Bayonetta si voltò e glielo mostrò. “Goditi la tua libertà in bagno, perché una volta che ti sarai asciugato, ti sigillerò in questo. Ho un nuovo collare anche per te. E un nuovo raccoglitore da provare più tardi.»

James sorrise, il suo cazzo si mosse di nuovo in risposta alle sue lussuriosi richieste. "Sì, padrona."

* * * * *

Una lunga fila di barattoli di cibo in polistirolo era sparpagliata sul tavolino da caffè; prova di un pasto decadente. James e la sua Padrona stavano sdraiati sul nuovo divano in pelle, rilassandosi con la pancia piena. Cereza era distesa nel senso della lunghezza, gli stivali abbandonati sul pavimento. I suoi piedi giacevano in grembo a James, ricevendo un massaggio deciso e calmante dal suo obbediente gimp. Quando lo spettacolo che stavano guardando giunse al termine, James si voltò e vide che gli occhi di Bayonetta facevano fatica a rimanere aperti.

"Hai parlato di una grande partita venendo qui, ma non sembra che stanotte dominerai niente."

La malvagia Witchinatrix sospirò soddisfatta. "Mi dispiace amore mio. Stavo cavalcando verso la vittoria. Avrei dovuto sapere che sarei stato esausto dopo quel calvario.

"Nessun problema. Hai bisogno del resto e il mio culo potrebbe usare una pausa.

Cereza ridacchiò. James le liberò i piedi e afferrò il telecomando dal tavolino. Lo puntò verso il centro di intrattenimento, navigando tra infinite file di programmi riproducibili in streaming sul loro nuovo enorme schermo panoramico.

“Non è incredibile? Ora che ci sono così tante cose da guardare su richiesta, le persone passano più tempo che mai solo a cercare di decidere...”

"Così tante stronzate da guardare" ha osservato Bayonetta. “Ma hai ragione, è sciocco come finiamo per scorrere all'infinito. Dovrebbe esserci una parola per questo.

"C'è un termine per questo."

"Che cos'è?"

"Il paradosso della scelta".

"Hmmmm... Spiega." implorò Cereza, tirando indietro i piedi e sedendosi all'estremità del divano.

“È il fenomeno psicologico per cui, più scelte ti vengono date, meno sarai soddisfatto di qualsiasi decisione tu prenda. Il costo opportunità di affrontare tutte queste scelte e prendere una decisione combinato con le tue aspettative accresciute, a causa di così tante opzioni, significa che, inevitabilmente, rimarrai deluso dal risultato. Fondamentalmente, troppa scelta può essere una cosa molto brutta. Una volta ho visto un famoso professore tenere una grande conferenza sull'argomento.

Bayonetta rise e annuì. "Mi piace che. Spiega così tanto del mondo moderno. E si adatta perfettamente a S&M.

"Com'è quello?"

"Bene, se troppa scelta rende le persone infelici, ne consegue che non avere alcuna scelta le porterà all'estasi." Le sopracciglia di Cereza saettarono verso l'alto due volte in rapida successione. Era sfacciata, eppure c'era una certa logica in questo.

James sorrise timidamente e annuì. “Non ci ho mai pensato così. Sicuramente vero per un certo segmento della popolazione”.

“Mmmmmmm. Sederi cattivi e troie sottomesse come te.

Riprese a sfogliare, frugando tra lunghi elenchi di film e serie TV finché non trovò qualcosa che gli sembrava attraente. “Che ne dici di questo? Vuoi guardare?"

Quando non arrivò alcuna risposta, guardò alla sua destra e trovò Bayonetta che guardava lontano. Era persa nei suoi pensieri.

“Ciaooooo? Terra a Cereza!”

“Hmm? Oh, sì, va bene. Suona quello.

"Tutto ok?"

“Sì... solo un po' distratto. Non dovrei preoccuparmene fino a domani, ma la mia mente continua a pensare a quello che sto per dire.

«Alla congrega, intendi?»

"Sì. Dopo quello che è successo, è assolutamente necessaria una dichiarazione.

* * * * *

CerezaOnTop: Ehi ragazzo, sei impegnato?

RoxTheCasbah: Mai troppo occupato per te! Che succede, B?

CerezaOnTop: C'è stato un piccolo incidente ieri. Potresti aver sentito.

RoxTheCasbah: HAH! Questo è un eufemismo! Tutti quelli che sono andati con Alexia sono stati molto riservati e permalosi da quando sono tornati. Che cosa hai fatto??? Dare loro tutti una sculacciata?

CerezaOnTop: In un certo senso.

RoxTheCasbah: Dannazione! Non riesco mai a vedere le cose belle!

CerezaOnTop: Credimi, è meglio che tu non ci fossi.

RoxTheCasbah: Va bene, ma voglio tutto lo sporco più tardi.

CerezaOnTop: Certamente.

RoxTheCasbah: Cosa posso fare per te?

CerezaOnTop: Ho preparato una dichiarazione. Voglio che venga inviato a tutti i membri senza eccezioni. E ho bisogno che sia irrintracciabile.

RoxTheCasbah: Facile facile. È così?

CerezaOnTop: Sì, per ora è tutto.

RoxTheCasbah: Invialo alla mia email di casa, non al mio indirizzo di lavoro. E assicurati che sia crittografato. Al resto penserò io.

CerezaOnTop: Capito.

RoxTheCasbah: Vuoi che esca oggi?

CerezaOnTop: Appena puoi, sì.

RoxTheCasbah: Fantastico. Ci sto lavorando.

CerezaOnTop: Grazie, Roxy. Me ne andrò per una piccola vacanza finché le acque non si saranno calmate. Quando torno, pranzeremo e preparerò tutti i dettagli succosi.

RoxTheCasbah: Faresti meglio!

* * * * *

*WHAP WHAP WHAP WHAP*

Il raccolto di Alexia ha lacerato il culo del suo schiavo più e più volte. Il giovane era legato su una panca imbottita da sculacciate, il suo corpo vestito di pelle si fondeva piacevolmente con i lucidi mobili neri del cazzo. Solo il culo e la testa erano liberi da costrizioni di pelle e metallo. Il lembo del suo culo era aperto mentre lei tagliava via la sua carne arrossata. Era facile immaginare la faccia di Cereza su quelle chiappe punite dopo quello che era successo il giorno prima.

*WHAP WHAP WHAP WHAP*

“AHHHHHHH!!!”

La schiava grugnì e ululò mentre i suoi colpi piovevano. Variava la forza, ma pochi erano gentili. Il cazzo di Alexia diventava più duro con ogni schiaffo rovente nel suo sedere ben battuto. Sporgeva dall'apertura aperta del suo body di lattice blu lucido. Pre-cum sbavava dal suo glande e il suo viso era arrossato. Alexia era stordita dalla lussuria e dal controllo. Ultimamente, non riusciva a decidere quale le piacesse di più; picchiarlo o fotterlo.

Dopo alcuni colpi particolarmente duri, cedette e gettò da parte il raccolto. Alexia si avvicinò a lui davanti, i tacchi dei suoi stivali che riecheggiavano sul pavimento. Lo afferrò per i capelli e gli sollevò la testa dalla panchina. La mora altezzosa si abbassò in modo che vedessero faccia a faccia.

"Perché vieni punito, schiavo?"

"Perché non ho preparato bene il tuo tè, padrona!"

“Quanti zuccheri prendo?”

"Tre zuccheri, padrona!"

"Non dimenticherai di nuovo, vero?"

«No, padrona Alexia!»

Gli lasciò cadere la testa, afferrò il suo cazzo e lo accarezzò su e giù avidamente. Sarebbe quasi venuta dalla paura nella sua voce, da sola. Era ora di dare da mangiare a questo fottuto legato. Aveva mezz'ora prima del suo prossimo incontro e si sarebbe goduta ogni minuto.

*Toc Toc Toc Toc*

Alexia smise di masturbarsi e si voltò verso la porta dell'ufficio, già seccata. “Dannazione... ho detto specificamente 'non disturbare'. CHE COSA?!?"

La porta si aprì di uno spiraglio e una voce provenne dall'esterno. "Le mie scuse, Capo Matrona, ma una questione di una certa importanza..."

«Oh, tenente Katherine. Per favore, entra.

L'esecutore alto e biondo entrò e chiuse rapidamente la porta dietro di lei. Il lattice della donna formosa scricchiolò intorno al suo corpo mentre entrava. Le sue protezioni per le spalle, le protezioni per le braccia e le pistole tintinnarono a ogni passo finché non si fermò. Katherine non era più sorpresa di vedere Alexia con il suo cazzo fuori e godersi uno schiavo legato nel suo ufficio. Tali eventi erano comuni adesso, anche tra le Capo Matrone.

L'Umbran Enforcer si tolse il berretto e si inchinò prima di iniziare. "Padrona Alexia, c'è stata una comunicazione da Bayonetta che dovresti vedere subito."

Lo sguardo di Alexia si fece preoccupato mentre si avvicinava alla sua scrivania. “Una comunicazione a chi?”

"Tutti."

La Direttrice Capo non si preoccupò di chiudersi la cerniera prima di chinarsi e controllare il terminale alla sua scrivania. Trovò immediatamente il messaggio di cui parlava Katherine. Proveniva da una fonte anonima, ma contrassegnata da un contrassegno di alta priorità.

“Mie Sorelle Umbre,

Recentemente è stata svelata una trama di Lumen a causa di circostanze fatali. Le attività di padre Olvey erano una minaccia per tutto il nostro ordine e dovevano essere fermate. Sono stati fermati dalle azioni di molte suore valorose e il nostro dominio in questa regione è stato mantenuto.

Ho fatto il passo straordinario di parlarvi direttamente di questo argomento senza l'approvazione delle Capo Matrone. L'ho fatto perché sento che ogni suora ha bisogno di sapere cosa è successo. Questa non è stata un'operazione minore da parte loro, ma un grande gioco di potere. Olvey ei suoi saggi hanno evocato con successo un demone dall'Inferno per la prima volta in centinaia di anni. Il loro obiettivo era privarci delle abilità potenziate conferiteci da Marioch; quello che chiamiamo Fallo. Per fortuna, il loro gioco finale è stato negato.

Marioch ora giace imprigionato al mio petto. Il suo potere è mio da invocare quando scelgo. I suoi contratti sono miei da mantenere o cancellare. Lo dico non per minacciare o per vantarmi, ma per offrire trasparenza. Ho creato una pietra per competere con il potere degli Occhi del Mondo. Il mio obiettivo nel farlo non è governare l'Umbra, ma liberarci.

Conosciamo tutti il ​​prezzo del potere di una strega. Il tormento brutale e senza fine che ci attende alla fine di questo lungo cammino. Non mi accontento più di accettarlo come inevitabile. Sfrutterò il potere dell'Inferno per sfidare l'ordine celeste stesso e, se necessario, cancellarlo completamente. Potresti pensare che questo sforzo sia arrogante o sciocco, ma ti chiederei di riporre la tua fiducia in me. Lo sto facendo per tutti noi.

Infine, devo affrontare gli effetti del potere di Marioch sulla Sorellanza negli ultimi anni. Non c'è bisogno che ti dica come ci ha cambiato. La nostra lussuria e desiderio di conquista sessuale ci rafforza e ci guida, ma ci acceca anche in molti modi. Ha indotto alcune sorelle a mettere da parte il loro miglior giudizio. Sacrificare la compassione e il consenso alla frenesia sessuale.

I Lumen sono disposti a fare il lavaggio del cervello, uccidere e persino sacrificare se stessi nella ricerca del potere. Hanno poca considerazione per la vita umana oltre a come rafforza il loro ordine. Se non esercitiamo il nostro potere in modo responsabile, non siamo migliori. E non rimarrò a guardare se sento che qualcuna delle mie sorelle è diventata come una nostra nemica.

Potresti non crederci, ma non è stato il nostro potere, la nostra lussuria o la nostra volontà di dominare a salvarci sul campo di battaglia. Era amore. Senza la chiarezza che l'amore ha fornito nel momento cruciale, avremmo potuto essere indeboliti, sconfitti o peggio.

Abbraccia l'amore per i tuoi sottomessi e coltiva il loro affetto per te. Se non c'è storia d'amore da trovare, almeno abusa di loro amorevolmente e prenditi sempre cura di loro dopo. Se non si divertono con i nostri giochi, liberali. Questo è il modo in cui dimostriamo che gli Umbra sono degni del potere che esercitiamo. È così che dimostriamo di essere migliori del Lumen.

L'amore può ancora salvare ognuno di noi. Se, davvero, possiamo essere salvati.

tua sorella d'armi,

Baionetta”

Una valanga di emozioni si è abbattuta su Alexia.

Rabbia per il fatto che Bayonetta avesse messo in atto il suo piano senza consultare la leadership dell'Umbra. Che aveva inviato questo messaggio senza l'approvazione delle Matrone e l'altro giorno aveva lasciato Alexia e molte altre Sorelle in un pasticcio imbarazzante.

Sollievo per non aver rivelato quale fiasco fosse l'operazione o per il fatto che Cereza avesse praticamente salvato la situazione da sola.

Sospetti sulle sue affermazioni su Marioch e, anche se fossero vere, su quali sarebbero state le sue vere motivazioni. Solo il tempo lo direbbe. Invocare gli abitanti dell'Inferno era un'abilità conosciuta da tutti nel loro ordine, ma imprigionare un demone? Per uso personale? Quello era un territorio inesplorato, anche per l'Umbra.

Alexia lasciò la scrivania e raddrizzò la schiena. «Per ora è tutto, tenente. Grazie."

La Capo Matrona non si voltò a guardare il suo tutore prima di avvicinarsi alla finestra. Era persa nei suoi pensieri con una mano sul mento. Katherine era contenta di non dover nascondere il suo sorriso. La bionda armata salutò e uscì. Il diligente soldato era contento che qualcuno stesse riaffermando l'ordine in una congrega che era diventata troppo caotica.

La porta si chiuse e Alexia fece il punto sul suo schiavo legato. Nonostante l'enorme presunzione di Bayonetta, il suono della verità risiedeva in alcune delle sue parole. Quand'è stata l'ultima volta che Alexia ha mostrato gentilezza alla sua troia? Gli ha chiesto come si sentiva? Ha fatto di più che esigere la sua totale obbedienza e servitù sessuale? La Matrona Capo non riusciva a ricordare.

Frustrata, tornò alla panca da bondage e si fermò davanti a lui. Si mise le mani sui fianchi, il suo cazzo ora penzolava mezzo flaccido sotto.

“Schiavo, ti farò una domanda e voglio che tu mi dica la pura verità. Non dirmi cosa pensi che io voglia sentire. Rispondi onestamente. Non sarai punito indipendentemente da ciò che dici. Capire?"

"Sì, padrona." Il suo corpo si dimenava nei suoi legami, la sua ansia evidente.

"Ti piace essere il mio schiavo?"

“Sì, padrona. Così tanto."

«Sapevi già la risposta. Sii più preciso.'

La Capo Matrona rifletté qualche istante prima di parlare di nuovo. "Se potessi cambiare qualcosa del nostro accordo, qualsiasi cosa, quale sarebbe?"

"Oh... Ummm, sarebbe bello se non dovessi dormire tutto il tempo nella gabbia."

Alexia sorrise e strinse gli occhi. "L'ho foderato di pelle apposta per te."

"E forse potrei scegliere cosa mangiare per cena una volta ogni tanto?"

La Matrona Capo afferrò la sua unità corpulenta e riprese ad accarezzarla. "Cosa, la tua cena di compleanno non è abbastanza?"

"...Forse potremmo coccolarci di tanto in tanto?"

Alexia gli infilò il cazzo in bocca, facendolo tacere all'istante. I suoi fianchi si spinsero in avanti e seppellì la sua salsiccia carnosa in profondità finché il glande non gli colpì la parte posteriore della gola. I suoi occhi tesi la scrutarono, confusi dall'improvviso cambiamento di tono. Indipendentemente da ciò, ha assunto il suo compito obbedientemente, succhiando via il suo albero carnoso. Gli prese la testa e iniziò a spingere avidamente nelle sue labbra succhianti.

La Dea dai capelli castani sospirò. Il suo baby blues continuava a sbirciare, supplicandola mentre gli fotteva la bocca.

"Ci penserò. Ora succhiamelo, puttana.

* * * * *

È stata una bellissima giornata sulle isole Bora Bora, ma poi di nuovo, sembrava che quasi ogni giorno fosse meraviglioso in questo posto. James aveva imparato qualcosa sulla regione dagli opuscoli promozionali disponibili sul loro volo. La temperatura raramente deviava sopra gli ottantacinque gradi o sotto i settantacinque. La stagione secca andava da giugno a ottobre. Il resto dell'anno ha avuto belle giornate come queste interrotte da periodi di piogge monsoniche. L'economia dell'isola era principalmente turistica. Se il paradiso esistesse sulla Terra, potrebbe essere questo.

Era passata solo una questione di giorni tra Cereza che svelava il suo piano "Bayonetta e James Go Tropical" e si ritrovava nel mezzo dell'Oceano Pacifico. Avevano una bella villa molte volte più grande di quanto una coppia potesse aver bisogno, una spiaggia privata e molti altri alloggi raggiungibili a piedi o con una breve corsa in taxi dal loro rifugio sull'isola.

Era strano trovarsi nella Polinesia francese, un posto il più lontano possibile dalla Francia, dove la gente parlava solo francese e lingue native assortite. Ancora più strano che il suo primo giorno in un posto così incantevole fosse passato a farsi seppellire. Solo le spalle e la testa di James erano visibili sopra la sabbia bianca. C'era voluta quasi un'ora per scavare una buca abbastanza grande perché potesse entrarci. Cereza aveva passato gli ultimi dieci minuti a riempirla intorno a lui; impacchettando la sabbia e assicurandosi che non potesse muoversi.

James guardò la sua bellissima Dea mentre finiva il lavoro; spazzando altra sabbia sulle sue spalle e sulla parte superiore del torace. Lascia fare a Bayonetta per indossare pelle e lattice in spiaggia. Il suo lucido reggiseno in lattice nero conteneva a malapena i suoi enormi mungitori. L'indumento è quasi passato come la metà superiore di un costume da bagno a due pezzi, ma non del tutto. La sua gonna di pelle le scendeva comodamente fino alle ginocchia. Il rigonfiamento nella sua parte anteriore diventava sempre più prominente di minuto in minuto mentre Cereza sigillava il suo schiavo nella sabbia sotto di lei.

Spinse altri cumuli di limo scintillante sulle sue spalle e attorno al suo collo, compattandoli saldamente. L'atto era compiuto. James è stato sepolto nella Terra, a parte la sua testa sporgente. Non poteva muoversi di un millimetro e questo fece apparire un sorriso malizioso sul volto di Bayonetta. Lei crollò accanto a lui per riposare qualche minuto prima di godersi appieno la sua situazione.

"Potremmo vedere i siti in questo momento, immersioni subacquee, pesca d'altura... ma la tua priorità era seppellirmi nella sabbia e scoparmi la bocca."

«Zitto, Cheshire. Ci sarà tempo per tutto questo. Questa è una fantasia che ho avuto per molto tempo e non avrei aspettato un altro giorno per indulgere.

"Abbastanza giusto. Hai portato della crema solare?"

"Non avrai bisogno di crema solare in un minuto quando ti sto arando la faccia."

“Vero...” ridacchiò. “Sai, è stato strano sentirti parlare francese prima. Sono così abituato al tuo accento britannico. Mi piacciono entrambi, però. Scommetto che potresti far sembrare sexy qualsiasi lingua.

"Grazie Tesoro. Spero che il mio francese non sia stato troppo fuori allenamento.

“Non saprei. Non dico una parola.

"Sì, specialmente quando hai un cazzo gigante in bocca."

James ridacchiò. “Mio dio, sei ancora più arrapato del solito! Sono nei guai nelle prossime due settimane, vero?»

"Non avete idea."

Bayonetta si alzò, aprì la cerniera della gonna di pelle e la gettò da parte. Entrò in vista e si voltò per affrontarlo; la sua ombra si proietta sulla testa di James. Il suo grosso cazzo era in piena attenzione e il suo pesante scroto pendeva sotto di esso. Il suo pacchetto pieno e senza peli brillava di una leggera patina di sudore, appetitoso come sempre agli occhi bramosi di James. La lunghezza grassa e carnosa che aveva servito così tante volte prima era pronta per un altro giro di dissolutezza. Cereza accorciò la distanza da lui e si inginocchiò nella sabbia calda e soffice.

*SCHIAFFO*

Uno schiaffo scherzoso gli colpì la guancia sinistra prima che lei gli afferrasse la testa con entrambe le mani.

“Sei sepolto nella terra e io riempirò di sborra il tuo stomaco fatto da puttana. Cosa ne pensi, sgualdrina?

"Sembra un pomeriggio meraviglioso."

“Diresti così, schifosa puttana del cazzo...”

La sua punta bavante fu spinta alla sua bocca e lui l'aprì obbedientemente. Premette il glande tra le sue labbra morbide e succhianti e centimetro dopo centimetro della sua asta pesante seguì. Il suo corpo si spostò in avanti, le ginocchia di Cereza affondarono nella sabbia su entrambi i lati della sua testa mentre lei lo teneva con una presa salda. Si insinuò nella sua bocca, la sua verga bulbosa di carne ammuffita affondò nel suo buco umido e succulento.

“Ohhhhhhhh! SISS! Brava troia!!! Prendilo tutto!"

Mentre il suo pube e il suo sacco di sperma pendulo crescevano vicino alla sua bocca, Bayonetta si distese in modo scomposto. Le sue gambe tornarono di scatto nella sabbia setosa. Il suo busto si protese in avanti e le sue braccia, allo stesso modo, scivolarono nel caldo abbraccio della spiaggia. Le sue dita affondarono nella sabbia smossa mentre i suoi seni rivestiti di lattice premevano contro la terra. Con un gemito beato, ha elso il suo cazzo nella sua cagna spiaggia imprigionata.

Bayonetta tirò indietro lentamente i fianchi. Un terzo della sua gloriosa lunghezza estratta dalla gola di James, le sue labbra le succhiarono l'asta tutt'intorno. Deliziosi suoni di risucchi sfuggiti al sigillo della sua bocca mentre agitava la lingua lungo il fondo del suo tubo di sperma. Il suo schiavo orale prese un rapido respiro attraverso il naso e Cereza affondò il suo cazzo a casa. Il suono glorioso di un grosso cazzo che si infilava in una gola liscia sputacchiava dalle sue labbra tese insieme a piccole bolle di saliva e pre-cum.

Il sole splendeva sulla schiena di Bayonetta, abbronzando il suo corpo nudo a parte le cinghie di lattice che le tenevano l'enorme reggiseno sul petto. I suoi fianchi aumentarono lentamente il loro ritmo mentre stabiliva un ritmo delicato di scopate in faccia piena di vapore. Era un movimento che col tempo sarebbe diventato molto più brutale ed esigente.

“Ti fotterò la faccia per ore, puttana! E amerai ogni minuto... VERO?!?”

“MPPPPHHHFFFGLLLLLRRRRRMMMMM!”

Era l'unica risposta che poteva offrire mentre la sua lunghezza sempre più sciatta entrava e usciva dalla sua bocca. Le braccia e le gambe di James si tirarono istintivamente mentre lei aggrediva il suo passaggio orale, ma i suoi arti non trovarono alcun passaggio nella terra fresca e compatta.

Il pube di Bayonetta si bagnò delle secrezioni cremose del suo naso. Il suo scroto gocciolava di saliva appiccicosa mentre gli schiaffeggiava il mento. Erano appena iniziati e Cereza era già persa nella pura beatitudine. I suoi fianchi pomparono più velocemente e le sue mani scavarono ancora più a fondo nel soffice limo della spiaggia.

“SÌSSSSSS!! SUCCHIALO!!! PRENDITI IL MIO CAZZO PUTTANA!!!”

I grugniti e le urla di Bayonetta volarono nell'aria salmastra. I suoi gemiti di piacere scendevano a cascata lungo la spiaggia mentre svuotava le palle per la prima di molte volte quel pomeriggio.

* * * * *

James e Bayonetta sedevano a tavola all'interno dell'elegante villa in affitto. Si sono goduti bicchieri di Cabernet Sauvignon dopo uno squisito pasto francese. Gli avanzi del succulento petto d'anatra in salsa di ciliegie, insalata di piselli e carote con formaggio di capra e la decadente mousse al cioccolato giacevano distesi sul tavolo tra due candele accese.

Sullo sfondo, il sole cominciava a calare sotto l'orizzonte. La vista era mozzafiato e praticamente li circondava attraverso le grandi pareti di vetro e le porte scorrevoli in vetro che conducevano al ponte e all'oceano all'esterno. Strisce di rosso e viola sono state dipinte nel cielo mentre un altro meraviglioso giorno lasciava il posto alla notte.

La brezza calda soffiava contro il vetro mentre le onde si agitavano e si infrangevano contro la riva all'esterno. Erano di nuovo comodi nel loro abbigliamento di lattice; Cereza nel suo luccicante body Umbra e James nel suo completo gimp, senza cappuccio. Erano più che comodi mentre l'aria condizionata ronzava in tutto il bungalow. Si stavano godendo il panorama e il jazz leggero in sottofondo mentre i loro pasti venivano digeriti. Dopo aver fissato a lungo il cielo che si oscurava lentamente, Bayonetta fece roteare il suo bicchiere di vino e ruppe il silenzio.

“Allora, hai pensato a ciò di cui abbiamo discusso qualche settimana fa? Trovare nuovi hobby oltre ai videogiochi e perdere tempo su Internet?"

"Sì, ho pensato di dedicarmi al collezionismo di francobolli."

Cereza si fermò nel mezzo del suo sorso, un sopracciglio che si inarcò nel classico 'davvero?' posa.

Giacomo rise. "Sto scherzando. Penso che potrei scrivere qualcosa.

«Cheshire lo scrittore? Veramente? E di cosa scriveresti?"

"Dicono che dovresti scrivere quello che sai."

"Hmmmm, quindi scriverai storie oscene su puttane birichine e sottomesse?"

"E bellissime, insaziabili Dominas."

Bayonetta ridacchiò mentre posava di nuovo il bicchiere. "Penso che sia una buona idea."

Passarono alcuni altri momenti di silenzio e James bevve il resto del suo vino. Fece appello al coraggio di riposizionare la domanda che lei aveva evitato tanto tempo prima. Non voleva rovinare una serata perfetta, ma non poteva rimandare per sempre.

"Era ora, non credi?"

“Per un altro gioco? Niente fretta, tesoro, abbiamo tutta la notte.

«Per parlare del prezzo dei tuoi poteri.»

Lo sguardo di Bayonetta si abbassò mentre la malinconia entrava nella sua voce. "OH. Quello..."

James odiava quello sguardo triste, ma non cedette. “Ti ho visto incanalare una forza impossibile. Muoviti abbastanza velocemente da schivare i proiettili. Spara con le pistole dai tuoi stivali. Infiltrati in una base fortemente sorvegliata come se niente fosse. Combatti maghi, streghe e creature da un terribile incubo. Ognuna di queste cose sarebbe incredibile, ma ho visto troppo per credere che i miei occhi siano stati ingannati. Dici di aver vissuto per centinaia di anni e io non dubito di te. La mia domanda, ancora una volta: qual è il prezzo per tutto questo potere?

Cereza tracciò più volte il contorno del suo bicchiere di vino con un solo dito. Alla fine, alzò lo sguardo.

"Il prezzo è... la dannazione eterna."

"Che cosa?!? Come, fuoco e zolfo?

"Sì" annuì solennemente. “Quando uno di noi alla fine muore, abbiamo un biglietto di sola andata per l'Inferno. Nessuna eccezione, nessuna grazia, nessuna sospensione. Mai."

"Sei serio?!?" James incrociò le braccia sulla difensiva. “No, è pazzesco...”

«Hai visto Marioch emergere da un portale dell'Inferno. Ancora non credi che esista?"

Avrebbe voluto poter discutere, ma non poteva negarlo. Il pensiero che la persona che amava fosse torturata da tempo immemorabile era troppo da sopportare. I denti di James digrignarono mentre cresceva frustrato. "Ma perché mai qualcuno dovrebbe essere d'accordo?!?"

“Perché...” spiegò Bayonetta, fissandolo a sua volta con gelida calma. "Quando hai visto abbastanza della tua gente massacrata, violentata, picchiata, annegata e bruciata viva, vivi già all'inferno."

Gli occhi di James si spalancarono. Le sue braccia scivolarono lungo i fianchi mentre distoglieva lo sguardo.

«La caccia alle streghe ha reclamato la maggior parte della mia specie. Gli Umbra erano quasi estinti. Abbiamo fatto quello che dovevamo. Abbiamo stretto patti con entità demoniache. Sopravvivere. Per vendicare le nostre sorelle cadute e garantire il nostro futuro. Tutto quello che ho fatto, lo rifarei volentieri.

Lui sospiro. "Eppure, come potrebbe valere un'eternità di agonia?"

"Eternità? Niente dura per sempre, Cheshire. Nemmeno i Cieli o l'Inferno. Un giorno, tra secoli, anche loro scompariranno nell'etere. Ma cadranno molto prima, se ho qualcosa da dire al riguardo.

Giacomo era perplesso. “Cadranno? Cosa intendi?"

Bayonetta prese il bicchiere di vino e si appoggiò allo schienale della sedia. “Ho programmato, ormai da tempo, di intraprendere azioni drastiche. Una volta che una strega Umbra è morta, non può fare nulla, ma mentre siamo ancora vivi ci sono opzioni a nostra disposizione. Il resto della congrega probabilmente pensa che io sia pazzo, ma farò tutto il possibile per rovesciare l'ordine celeste".

“Distruggere il paradiso e l'inferno? Come?"

Bayonetta indicò l'abbagliante pietra rossa incastonata nell'amuleto appena sopra il suo seno destro. "Con questo. È sempre stata mia intenzione iniziare a rivendicare per me gli abitanti dell'Inferno. L'incontro con un ragazzo troia che si trovava al centro di un atroce complotto di Lumen mi ha costretto ad agire prima di quanto mi aspettassi.

Cereza finì il suo vino e posò il bicchiere prima di continuare.

“Non ero del tutto preparato per affrontare Marioch. Non conoscevo nemmeno il suo vero nome fino a poco tempo fa. In qualche modo il Lumen ne sapeva più di noi su di lui. Abbiamo accettato il suo potere senza coglierne appieno la vera natura. È stato sciocco, ed è per questo che ci ha messo a posto una volta che è entrato in questo piano. Ma proprio quando le cose andavano davvero male e mi aspettavo che il mio biglietto per l'inferno fosse stato perforato, l'amore di un giovane mi ha salvato.

Lei sorrise. La bocca di James era spalancata.

“Ora ho una nuova arma nel mio arsenale. Il mio primo demone. E lo userò per abbattere il prossimo. Userò quei due per abbattere il terzo. E il prossimo. E quello dopo. E così via. Svuoterò l'Inferno se sarà necessario, finché non ci sarà più posto dove bruciare per le mie Sorelle.

La musica jazz leggera e uno splendido tramonto non si erano mai sentiti così inappropriati. Il peso della loro conversazione rendeva l'ambiente rilassante quasi comico. James riusciva a malapena a credere agli enormi eventi in cui si trovava nel mezzo. Sembrava che fosse solo la sua fortuna dal giorno in cui ha incontrato la sua bellissima Dominatrice.

Bayonetta lo osservò elaborare tutto, un sorriso divertito si diffuse sulle sue labbra. “Cosa c'è, sgualdrina? Hai perso la lingua?"

* * * * *

Era il loro quinto giorno di vacanza e Cereza gli aveva promesso un "regalo speciale". Dopo una breve corsa in taxi, James e Bayonetta si ritrovarono in una lussuosa spa. Entrando nella struttura la sua Domina andò al bancone e annunciò che avevano un appuntamento per un bagno di fango. Sulla base degli sguardi spalancati della proprietaria e dei suoi dipendenti, non hanno trovato molte persone vestite di lattice che cercavano di infangarsi.

La coppia è stata scortata in una stanza termale privata e gli è stato detto di usare il telefono sul muro se avevano bisogno di qualcosa. L'odore di una poltiglia calda e terrosa assalì il naso di James mentre si avvicinavano alla pozza riscaldata di fango marrone e appiccicoso. Bayonetta sembrava più che eccitata, il suo cazzo creava un profilo più lungo e più spesso nel suo body di quanto James potesse ricordare di aver visto da molto tempo.

"Riportare qualche ricordo?" chiese con un sorriso malvagio.

“Alcuni” rispose sfacciato.

"Buoni, spero."

“Non mentirò. Ero terrorizzato durante la prima metà del nostro gioco nel fango. Ma dopo che mi hai salvato dalla fossa, sono rimasto scioccato da quanto mi sia divertito. Com'era bello sporcarsi ed essere completamente alla tua mercé. Sono abbastanza sicuro che sia il giorno in cui mi sono innamorato di te.

Bayonetta emise una risata cordiale e divertita prima di dargli una spintarella col piede. "Entra, puttana."

"Sì, padrona."

James stepped to the edge and followed the short staircase down into the spa bath. The sizable pool contained a full four and a half feet of gooey, warm mud. His latex encased feet squelched into the steamy gunk and after that every step forward was a chore. He slogged on, his rubberized body sinking in deeper with every step until his feet felt the bottom. The mud came further up his chest as he got to the center of the pool. Already, he could barely move without monumental effort.

Bayonetta followed him in eagerly. She moaned in satisfaction as her thick thighs sang into the luscious, hot, sucking muck. She caught up to James quickly, her powerful legs pushing through the thick filth with greater ease. She gave his upper back a gentle push.

“Keep going, slut. Right up to the edge and grab hold.”

James grunted and pressed his body forward. He slogged a few more feet to the end of the tub. The sweat poured from his body, coating the inside of his latex suit as the hot sludge sucked away at his second skin. He placed his hands on the edge and pushed his legs far apart. James not only knew what was coming, he wanted it bad. Being ensconced in warm filth brought his submissive tendencies to their peak. His stiffening penis was plastered against the inside of his gimp suit as his pucker twitched in anticipation.

Cereza didn't make him wait long, delving through the muck and unzipping herself below. Her long, rock-hard club of flesh and heavy balls were unleashed into warm, sticky clay and the well hung Goddess bellowed in pleasure. Even before seizing her length, the sensation was overwhelming and her cheeks turned a giddy red.

She thrust her hand down into the hot sludge and fumbled, looking for James' zipper. She found it quickly and yanked it down. A nanosecond later James felt her tip at his backdoor and she speared into him powerfully. They let out cries of ecstasy together as Bayonetta glided her muddy flesh into her compliant cock sleeve. Her hot, clay smeared phallus was pumping in and out of the latex bitch boy in record time.

In all their months together, James doubted either of them had ever felt this aroused. He relaxed in the muck and surrendered himself to her completely. His well hung Goddess seized his hips as best she could with slick, muddy, latex hands and shafted him with vigor. Their body suits slapped together wetly as the mud slurped and bubbled around them.

Bayonetta's mighty hips drove home her bulging cum pipe hard and deep. James felt her in the deepest part of his body. He gasped and moaned as her thick cock pulsed with lust and glided through his welcoming depths. She pummeled his ass hungrily, reminding her gimp she was forever in charge of their love making.

“YEAH! You like that, don't you, slut? Being my little mud bitch.”

“AHHHHHH!!! Y-Yes Mistress.... Please don't stop!”

“Of course you do. Fucking PERVERTED SLAVE!”

She removed one hand from his hips just long enough to feel him below. Her hand glided through the warm mire to trace his hard cock, outlined nicely in the latex of his suit.

“Pffft, have you ever been this hard in your life?!? Figures, a filthy bitch like you enjoys taking it up the ass in the mud!”

James muttered nothing but pleasure-racked gibberish as she grabbed him with both hands and pounded his soft, welcoming hole with even more force. Bayonetta's scrotum rocked back and forth through the silky muck as she bottomed out in her moaning gimp bitch. Her sack churned with an enormous load, ready to fill her slave with hot glue. Cereza's emissions were thick enough to match the sticky clay they were chest deep in.

“Wherever we settle down for good, we're getting one of these tubs for our home. I'm going to fuck you in the mud whenever I damn well please! What do you think of that, slave?”

“I... I think that's a wonderful... idea, Mistress.” James was hanging on for dear life as she smacked his body powerfully with each thrust. James' shiny, filth smeared form jolted in the muck as she plowed him over and over. The slaps into his body grew harsher and more painful as Bayonetta reached the verge of climax. His smarting ass and the sounds of muddy thrusting just made him moan louder as pre-cum dribbled from his trapped pecker.

*SCHLLLORRRPPP SCHLUURRPP SCHLOORRP SCHLLAPP SCHLOORPP SCHLLLOOPP SCHLUURRP SCHLLORRRPPP*

“NNNNNNNNNGGGGGGGGGHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!”

“AAAAAAAAAHHHHHHHHHHH!”

James' insides flooded with a river of creamy sperm as his own dick shot its load in unison. Steamy cum splurted all over the inside of his sweaty, clingy, latex suit as he stood, surrounded in sucking mud, and Cereza deposited her hot load in his warm, wet depths. She grunted and wailed repeatedly as ounce after ounce of thick nut fired into her quivering slave. Her scrotum clenched, her eyes rolled into the back of her head and her hilted cock bulged and twitched as the stream of scalding batter felt like it would never end.

When at last her massive emissions were spent, she slumped forward. Her filth speckled, latex-encased breasts rested on her muddy, trapped gimp. They leaned against the wall of the spa, breathing deeply and enjoying the euphoric glow of wet and messy climax. She reached below the surface of the muck and felt James all over, eager to touch him still. Her cock remained hilted in his ass as she rested for several minutes and her orgasm faded to a light, blissful resonance.

Eventually, she raised her head and spoke into his ear. “You want more, you filthy slut?”

“Yes, please, Mistress...”

She reached forward and brought her muddy, latex fingers to his mouth. He opened it obediently and she fish-hooked him with both hands, pulling on his cheeks fiercely. The tastes and smells of clay and rubber overwhelmed him as his lustful Goddess began sawing her cock in and out of his ass once more. Her half-deflated schlong sprang back to life, stiffening to fleshy steel in little time and filling his cum-strewn insides anew.

“Good. Because you're about to find out just how long I can go.”

* * * * *

The moon cast its light across the shimmering waves. Bayonetta and James lay in bed watching the light dance on the water and reflect off the glass. On the deck, their latex suits hung from a clothesline, slowly drying off. The mud-caked garments had required a thorough rinsing with the hose before their shine returned.

For once, Mistress and slave were together with no rubber or latex to speak of. No fetish bedding or sex toys. No bodysuits or bondage. Only the leather collar around James' neck remained. Tonight, it was just the naked bodies of two lovers pressed warmly against each other amid the lovely satin sheets.

They were both still exhausted and content to stare out at the ocean after a long, rapturous day in muddy nirvana. It was quiet except for the gentle swish of the sea.

James eventually turned to gaze at his raven haired Domina. A final, burning question lingered in his heart.

“So, how does this work? You stay forever young. Eventually, I turn old and gray, and then...”

“Shhhhhh...” Cereza brought a finger to his lips. “Silly Cheshire. None of us is guaranteed tomorrow, let alone another forty years.”

“No, but...”

“BUT” she interrupted him. “I plan to live a very long and fulfilling life. And you're going to be there with me.”

“How is that going to work?”

Bayonetta propped herself up on one elbow. Her glistening eyes pierced through the darkness. “You've seen for yourself that men can learn magic. It's not necessarily a good idea that they do, but there are exceptions and I think you're one of them. In time, I will begin to teach you.”

James was taken aback. “Is that allowed? By the Umbra?”

Cereza's mischievous chuckle was a good enough answer, but she elaborated. “Officially, no, but I've never been big on the coven's rules. I use my own judgment in these matters. Besides, I've walked this world for many lonely years without a proper lover. I don't intend to lose you.”

All of James' worries melted away. His owner and Mistress had confided in him fully. Their trust was as total as their love for each other. For the first time, he looked forward to the next chapter of his life with no apprehension or regret.

“Well then, I suppose you'd better instruct me.”

Bayonetta tossed aside the sheets to reveal her full, naked body. Her ample breasts, wide hips, luscious legs and flaccid cock were outlined by the pale glow from the windows.

“Worship me. Every part of me, top to bottom. When I feel refreshed, I'll tie you down and we'll have one more go tonight.”

He crawled toward her eagerly, his eyes filled with longing. “With pleasure, Mistress.”

They embraced in a long, deep, passionate kiss. When their lips finally parted, James began to work his way down her immaculate curves.

♫ Fly me to the moon

And let me play among the stars

Let me see what spring is like on

Jupiter and Mars

In other words, hold my hand

In other words, darling kiss me

Fill my heart with song and let me sing forevermore

You are all I long for

All I worship and adore

In other words, please be true

In other words, I love you ♫

Fin.

- - - - - - - - - -

To anyone who's read all thirteen chapters of Bayonetta's Abuse, you have my thanks! I began this series many years ago when I was just getting started as a writer of erotica / smut and I'm honored you enjoyed it enough to read it to the end.

This concludes Bayonetta's Abuse, or at least "season 1" of the series. Who knows what the future may bring?

I'm writing several Femdom / Futadom series right now and a new short story every month, so be sure to check out my other work!

Only half of my content is published on this website. The other half is available to my patrons.

If you enjoy my work, wish to support it and want to read the latest chapters in all my series, check out my Patreon! (Do an internet search for "Patreon James Bondage".)

Thanks for reading! Your votes and feedback are always appreciated!

Storie simili

Marta - capitolo 1

Martha stava dormendo profondamente sul pavimento della sua camera da letto quando Zeus, il cane del suo vicino, le morse una spalla. Martha sussultò per il dolore, poi tubò il cane finché non lo lasciò andare. Poi si è posizionata e ha rivestito il cazzo del cane con la sua fica, poi l'ha aiutata a scoparla. Zeus ha scopato Martha fino a quando non è entrato nella sua vecchia fica, si è meravigliato. Zeus l'aveva morsa un paio di volte, ma poiché Martha era solo una puttana della spazzatura, non aveva scelta su come veniva usata. Andò al frigorifero, tirò fuori...

1.2K I più visti

Likes 0

Così com'è - Parte 2

Stuie, si è frettolosamente pulito e ha chiuso la cerniera per essere di nuovo presentabile. Poi pensò tra sé e sé: Che fretta c'è? Questo è stato imbarazzante, ma sicuramente Julie era abbastanza grande da capire le circostanze e come erano i ragazzi e tutto il resto. Forse è scappata in quel modo per l'imbarazzo. Ha vissuto un momento di panico e ha pensato di sicuro non ha intenzione di dire alla mamma quello che è successo. No, aveva bisogno di prendersi un po' di tempo per pensare a cosa le avrebbe detto per alleviare l'imbarazzo prima di vederla di nuovo...

1.2K I più visti

Likes 0

I piccoli buchi di Ashley 2

Ashley's Holes 2 di Will Buster Se desideri leggere altri miei romanzi, fai clic su http://www.bondagebookshelf.com Buck strappò il perizoma cremisi di Ashley. L'odore di figa umida e gocciolante lo colpì come una zaffata di profumo da cento dollari. Doveva mangiare la sua bella figa rosa e doveva farlo adesso. Ashley allargò le gambe snelle e perfettamente rasate. La giovane fica si era recentemente rasata anche la figa. All'inizio non aveva molti capelli, ma ora erano lisci come la guancia di un neonato. Ashley persuase: Dai piccola! Mangia il mio buco da bambina! Succhia il mio succo. Sono stato caldo per...

1.2K I più visti

Likes 0

Ahh... Lochy Parte 5

NOTA: Ehi lettori, alla maggior parte di voi non è piaciuta la parte 3, quindi per questo lascerò cadere la roba di pietra. Cazzo sa cosa stavo pensando... forse non stavo pensando affatto. Ahh... Lochy Parte 4 Cambio di direzione Gyaaahhhhh... gemetti Mi sono svegliato nelle prime ore del mattino, la testa che mi girava per il dolore e la confusione. Non sapevo dov'ero... Chi è il letto in cui mi trovo?, Chi è la stanza? Trovare il mio telefono sarebbe stata la prima priorità una volta che avessi avuto abbastanza forza per muovermi. Cercando di rilassarmi un po', ho cominciato...

1.3K I più visti

Likes 0

Commercio equo e solidale

Fa un lavoro stressante. Le scadenze sono strette e lui è costantemente sotto controllo. La paga è buona, ma a volte si chiede se ne vale la pena. Se non fosse stato per la sua moto, è una buona possibilità che avrebbe perso la sanità mentale molto tempo fa. Diversi anni fa, si è comprato una motocicletta usata. È una moto sportiva, o un razzo inguinale, anche se quel secondo mandato lo ha sempre infastidito per qualche motivo. Gestisce le curve come nient'altro, è stupido veloce e con lo scarico personalizzato che ha indossato emette un suono incredibile. Ha speso un...

1K I più visti

Likes 0

Non era giusto, il che lo rendeva così CALDO

Questa è una storia vera. Molti di coloro che hanno letto alcune delle mie altre storie (alcune finzioni, altre vere) possono ricollegare questo incidente al punto in cui è iniziato, quando mi sono separato e poi divorziato da mia moglie. Sono divorziato dalla mia ex da un paio d'anni e vado a casa sua per visitare nostro figlio. Una figlia adolescente della sua amica (questa è l'amica con cui voleva che facessi un rapporto a tre in passato) non poteva andare d'accordo con sua madre, quindi sta con la mia ex e guarda nostro figlio mentre l'ex lavora, gioca, qualunque cosa...

574 I più visti

Likes 0

Il segreto del successo

Ellen era seduta alla sua scrivania e lavorava al rapporto profitti e perdite della società. Ellen ha iniziato come temporanea 6 anni fa e ha fatto carriera fino alla posizione in cui si trova ora, assistente amministrativa del COO. Aveva lavorato molto duramente dentro e fuori l'ufficio per arrivare dov'era. Mentre lavorava al rapporto, è eccitata. Si signore. Ellen, puoi per favore entrare qui e chiudere a chiave la porta quando entri? “Sii lì” Ellen si guardò intorno nell'ufficio mentre si girava sulla sedia. Si mosse sulla sedia e sollevò la gonna. Allungò una mano sotto la gonna e fece scivolare...

619 I più visti

Likes 0

Sam & Alicia 9

Ho scritto questo supponendo che tu abbia già letto Sam & Alicia da 1 a 8. Quando mi sono svegliato la mattina dopo, Katrina era appoggiata su un gomito e mi guardava. Sembrava felice. “Buongiorno dormiglione. Avete dormito bene? “Sì, ho dormito come un sasso. Sembri felice. Vuoi un'altra scopata? “Sì, mi sento molto felice. Dovrei essere scioccato da tutte le cose che ho imparato su di te ieri sera, ma non lo sono. Invece mi sento orgoglioso che tu mi abbia incluso in tutto il tuo sesso. I miei genitori sarebbero inorriditi se lo sapessero, ma sono solo entusiasta di...

597 I più visti

Likes 0

Una nuova esperienza

Anita era così eccitata domenica mentre doveva partecipare alla festa di compleanno della sua migliore amica a casa sua. Erano le 16:30 quando era uscita di casa, tutta vestita e orgogliosa del suo aspetto. Ooooooooo! le persone rimarranno davvero sbalordite quando la vedranno con questo nuovo vestito rosso. Saranno davvero gelosi di lei oggi. pensando questi pensieri a se stessa. Finalmente era arrivata a destinazione. era la sua prima volta a casa del suo amico poiché conosceva solo il Block e non c'era mai stata prima. Ha iniziato a localizzare l'appartamento. Mentre lo faceva, suonava in un appartamento nel caso in...

496 I più visti

Likes 0

Il regalo di compleanno - Appena maggiorenne_(0)

Era il suo diciottesimo compleanno e tremava per l'eccitazione mentre si avvicinava al bar. L'uomo che stava incontrando le aveva detto di vestirsi il più da troia possibile, quindi indossava un top di pizzo senza reggiseno, le sue piccole tette vivace con i capezzoli rosa stretti completamente scoperti e una minigonna che le copriva a malapena il culo. Questa non sarebbe stata la sua prima volta in alcun modo, ma sarebbe stata la sua prima volta con un adulto e lei aveva parlato con lui online per settimane ma lui si rifiutava di scoparla finché non fosse diventata legale. Mentre si...

463 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.