Stiff Cave Adventures: Capitolo I

722Report
Stiff Cave Adventures: Capitolo I

Stiff Cave Adventures: Capitolo I

Michael aveva dimenticato quanto velocemente potesse parlare una ragazza eccitata mentre ascoltava Emma che viaggiava al suo fianco. Mentre si allontanavano dall'autostrada principale e lui guardava di traverso, amava la vista dei rigonfiamenti in boccio sul suo petto, i suoi lunghi capelli biondi, la canotta e i pantaloncini corti. . . mentre la ragazza inaspettata continuava a parlare di ragazzi e di quanto potessero essere cattivi. Mentre continuava, il cazzo di Michael iniziò a crescere mentre lui ispezionava ulteriormente il vestito attillato che indossava.

Amava la silhouette delle tette quasi a forma di paio sotto la sua camicetta. Entrambi i suoi genitori lavoravano, e dal momento che non aveva fratelli o sorelle, non ci furono problemi quando lui la prese in braccio, soprattutto perché era stato quasi uno "zio preferito" per lei per la maggior parte della sua vita.

Ben presto arrivarono alla serie di grotte che si affacciavano sulla baia. Era una giornata molto calda, ma sapeva che la temperatura all'interno della grotta sarebbe stata piuttosto fresca. Aprì il baule ed entrambi gli zaini che aveva fornito furono scaricati e subito riposti sulle loro spalle. Ha deliberatamente chiesto di sistemare il suo zaino ed è stato attento a far scorrere lentamente le mani lungo il suo stomaco per la prima volta.

La sua pelle morbida e il ventre nudo erano estremamente inebrianti. Ha anche guardato in basso tra le sue gambe ed è stato ricompensato con l'immagine di ciò che c'era sotto. . . le labbra della sua figa che si vedevano attraverso i pantaloncini extra attillati che indossava. Emma continuava a parlare mentre si allontanavano dal parcheggio, raccontando alcuni dei primi baci dei suoi migliori amici e cose che a volte facevano con i loro fidanzati.

Michael era stato lì il giorno prima per esplorare il luogo e sapeva quali fossero le grotte più appartate. Rimase sorpresa quando superarono alcuni siti di bell'aspetto e si chiese perché si stavano muovendo verso la serie centrale di caverne. Michael ovviamente ha inventato qualcosa su come sapeva di questa particolare grotta che aveva il maggior numero di fossili.

Entrarono nella caverna e mentre guardava in entrambe le direzioni, era convinto che nessun altro fosse in giro per vederli entrare. Per fortuna, Emma si è spostata su uno scaffale di arenaria e ha subito trovato quelle che sembravano le impronte di un antico animale. Hanno aperto un sacchetto di raccolta, hanno avvolto l'esemplare in un involucro a bolle d'aria e hanno continuato a cercare.

Emma non aveva idea di quanto Michael stesse diventando arrapato mentre bramava la ragazza così vicina alla sua presa. Ma si stava rendendo conto di quanto fosse eccitante stare con un uomo più anziano, per il quale aveva una cotta da diversi anni. Si spostò di fronte a lei mentre ispezionava una parte del pavimento, proprio all'interno dell'apertura della caverna.

Mentre si sporgeva in avanti, le spalline sottili della sua canotta accentuavano le sue spalle nude. Non voleva essere scoperto, ma mentre lei si sporgeva ulteriormente verso di lui, la stoffa del suo top giallo si staccò dal suo petto e lui stava guardando direttamente due seni quasi nudi. Inspirò profondamente mentre il materiale si apriva di nuovo. . . ancora di più e per la prima volta ha appena catturato l'immagine di due impertinenti boccioli rosa scuro. C'era qualcosa di decisamente eccitante mentre guardavo il petto di una ragazza per la prima volta. Improvvisamente alzò lo sguardo cogliendolo di sorpresa.

"Come mai sto facendo tutto il lavoro?" sorrise. Sapeva di essere stato sorpreso a guardarle la parte superiore, e anche che all'improvviso lei stava guardando il grosso rigonfiamento all'interno dei suoi pantaloncini di seta, che aveva indossato all'inizio della giornata. Era per questo possibile evento che aveva deliberatamente lasciato a casa i suoi boxer.

"Sembra che ti stia divertendo Emma... non volevo interromperti." Sapeva che stava arrossendo quando la ragazza si raddrizzò e si sedette sul suo bel culetto.

"Questo è un po' nuovo per me... sai... stare con un ragazzo, tutto solo. Non sei uno di quei vecchi sporchi, vero signor Johnson?" Ho tossito, cercando di nascondere il mio imbarazzo mentre cercavo una risposta.

"No... sono perfettamente normale... ma devo ammettere che sei molto carina con quel vestito." E se fosse la cosa più naturale da dire. . .ha subito chiesto:

"Pensi che abbia bisogno di indossare un reggiseno? La mamma dice che dovrei... in effetti sarebbe andata fuori di testa se avesse saputo che sono venuta qui con te oggi... E non lo indosso." Innocentemente lei prese a coppa e accarezzò brevemente il suo seno, facendolo molto eccitato e quasi sborrando.

"Perché non lo teniamo segreto Emma. Mi piacciono le ragazze che non indossano sempre il reggiseno. Permette alla tua forma naturale di essere più... ah evidente." Con quella frase Emma iniziò a ridere.

"Cosa c'è di così divertente?" chiese.

"Quello che intendi davvero è che ti piace guardare le mie tette, vero? (Pausa) "Lo capisco, sai?" Si sedette di fronte a lei, sperando di coprire l'enorme asta che stava quasi spuntando dai suoi pantaloncini. Doveva sorridere a questa ragazza allettante seduta di fronte a lui.

"Oh davvero," chiese lui, amando guardarla prenderlo in giro. "E che prova hai di dirlo?" disse aggiustandosi deliberatamente il suo lungo cazzo per la seconda volta. Fu il suo turno di arrossire perché non riuscì ad anticipare la sua domanda.

"Uh... la mia migliore ragazza mi ha parlato di ragazzi che si ECCITANO... e..." Ma lei non continuò, ovviamente ancora imbarazzata.

"Sì... continua," disse, guardandola brillare mentre cercava a disagio di continuare.

"Beh, sei un ragazzo e sai... la tua cosa ah... ah diventa difficile, vero?" disse con un sorriso diabolico sul viso. Sapeva che i suoi genitori sarebbero impazziti sentendola riferirsi alle cose di un ragazzo. . . e quel pensiero era in parte il motivo per cui la sua figa stretta cominciava a diventare molto umida.

"E di cosa potresti parlare, Emma? Non sono sicuro di cosa ti riferisci." Adorava l'ondata di rosso che lentamente cominciò a coprirle il viso. I suoi lunghi capelli biondi sembravano così carini in quel momento e i suoi orecchini d'argento traforati penzolavano verso il basso dai lobi delle orecchie e brillavano alla luce. Per la prima volta guardò i suoi occhi azzurri e il suo viso da folletto. Sapeva che avrebbe dovuto approfittare di questo primo incontro e portarlo al livello successivo.

"Mi stai mettendo in imbarazzo... signor Johnson. Sai dannatamente bene di cosa sto parlando... quella grossa COSA nei tuoi pantaloni che stai cercando di nascondere... è diventato tutto duro quasi davanti ai miei occhi ."

"E che nome hai per questa cosa nei miei pantaloni Emma?" chiese, mentre circondava con le dita la grossa testa, aspettando la sua risposta. Se avesse potuto diventare più rossa . . . il suo aspetto simile a una barbabietola brillava mentre cercava la parola giusta mentre lo guardava accarezzarsi.

"Il tuo p-p-pene," sussurrò dolcemente. . . come se ci fossero altri in giro e lei non volesse che gli altri sentissero quella parolaccia.

"Il mio PENE!" urlò, la sua voce rimbalzava sulle pareti della caverna. "È così che lo chiamano le ragazze come te?" Lei annuì con la testa in risposta.

"Andiamo adesso... i tuoi amici non chiamano questa cosa nei miei pantaloncini con altri nomi? Che ne dici di DICK... o PICK... o che ne dici di SHAFT o ROD?" Si fermò a guardarla agitarsi avanti e indietro, sapendo che la stava mettendo in imbarazzo ma godendosi ogni minuto di ciò, poi disse:

"Sai come mi piace chiamarla Emma?" Aspettò che la ragazza eccitata rispondesse mentre manipolava la sua lunga asta ancora più audacemente sperando che lei lo fissasse prima di rispondere. La sua testa.

"Perché non lo scrivo io per te... e poi puoi dirlo tu per me. Sei pronto?" All'improvviso fu ipnotizzata dal comportamento di quest'uomo cattivo, mentre muoveva la testa su e giù.

"C . . . . . .O . . .. . ..C . . .. . .K. Allora, cosa significa?" La guardò pronunciare la parola, ma non ne uscì nulla.

"Andiamo ora... sentiamo che lo dici... cosa ho appena scritto?" Dopo pochi secondi finalmente disse...

"Cazzo!"

"Esatto. CAZZO. Quando un ragazzo si eccita... guardando una ragazza sexy come te, il suo CAZZO diventa DAVVERO duro. Ma prima di parlare ulteriormente del MIO CAZZO, c'è qualcos'altro che vorresti sapere su di noi ragazzi ?" Lasciò andare la sua asta, molto preoccupato di poter sparare a tutto il suo carico mentre aspettava di sentire cosa avrebbe potuto dire. Dopo una pausa, si chiese se fosse andato troppo oltre con il suo comportamento osceno, ma ascoltando le sue prossime frasi. . . ha anticipato con entusiasmo di andare ancora oltre verso la sua seduzione randy.

"Ho bisogno che tu mi prometta una cosa, ok? Possiamo mantenere privato quello che stiamo facendo e di cui stiamo parlando? Ho un paio di domande, ma se mamma o papà scoprissero di cosa stiamo parlando, mi metterei nei GRANDI guai . . . e penso che lo faresti anche tu." Questa osservazione fece in qualche modo calmare i pensieri osceni e fugaci di Michael.

"Emma, ​​qualunque cosa faremo o diremo questo pomeriggio, rimarrà per sempre dentro questa caverna. Okay?" Lei ridacchiò e annuì in segno di approvazione e poi, dopo qualche istante di silenzio, disse:

"So che questo è un po' stravagante... ma mi sento piuttosto eccitato a stare con te, signor Johnson...".

"Ti dico una cosa, perché non mi chiami Michael!" Lei lo guardò e sorrise.

"Va bene... Michael... come ho detto, mi sento un po' eccitato intorno a te e... questo è un po' imbarazzante... ma potresti mostrarmi cosa potrebbe fare un ragazzo per farmi... tutto arrapato come te sono in questo momento? Ho solo bisogno di sapere cosa aspettarmi quando sono solo con un ragazzo, "Michael era sbalordito dalla sua domanda e risposta.

"Assolutamente! In effetti, sarà un piacere per me," disse mentre si alzava e sorprendentemente si muoveva proprio dietro di lei. Lungo la strada aprì la cerniera dello zaino e rimosse con cura alcuni oggetti che lei non era in grado di vedere. Mentre organizzava tutto, si rese conto che lei gli stava chiedendo di dimostrarle cosa aveva fantasticato di farle, ed era pronto a cogliere al volo l'opportunità. Abbassò lo sguardo sui suoi lunghi e lucenti capelli dorati e si sporse in avanti e trovò un'area sul collo di Emma che sentiva bisognosa di essere baciata. Si chinò e mise seducentemente le sue labbra su di lei. . . e ha anche permesso alla sua lingua di dimenarsi avanti e indietro nello stesso punto.

La sentì rabbrividire mentre la sua lingua si contorceva sulla sua pelle. Di conseguenza, ha cercato scherzosamente di guardarsi intorno e vedere cosa stava facendo. Ma quello non era il suo piano mentre le metteva le mani sulle spalle, non permettendole di muoversi mentre continuava a piantarle baci dal lato sinistro del collo a quello destro.

Allo stesso tempo, non poteva fare a meno di sporgersi sopra quelle stesse spalle e guardare in basso e ispezionare la rigidità rivelatrice dei suoi capezzoli sui suoi adorabili seni che cominciavano a sollevarsi per l'eccitazione contro la sua camicetta. La sua parte superiore si era leggermente aperta a causa dell'angolazione in cui era ora seduta e la sua eccitazione continuò mentre guardava in basso nella piccola valle tra i suoi seni.

Fantasticava di toccare presto quelle belle tette "a coppia" con le mani o. . . meglio ancora, con le labbra. . . succhiando i suoi capezzoli rigidi. Continuò ad abbracciarle il collo (ora luccicante dei suoi baci) e iniziò anche a massaggiarle le spalle. . . sapendo che potrebbe anche godere di un impastamento sensuale per aumentare la sua eccitazione. Mosse la testa all'indietro e si concentrò sul dare a Emma il miglior massaggio che avesse mai fatto. Michael era sempre più eccitato all'idea di essere dentro la caverna isolata con lei. . . ma allo stesso tempo, sapendo che nessuno sarebbe stato in giro a disturbare i preliminari "richiesti" che aveva richiesto.

Successivamente, si mosse leggermente finché non fu accanto a lei e le afferrò la mano umida. Lo guardò con un sorriso sul viso, sperando che quello che stava per fare sarebbe stato come i libri cattivi che aveva letto a tarda notte che l'avevano resa così bagnata. Allo stesso tempo, voleva così tanto baciarla direttamente sulle sue labbra. . .ma si chiedeva se i suoi desideri sarebbero stati ben accolti.

Le strinse di nuovo la mano e questa volta si chinò e le baciò le morbide labbra rosa calde. Non si era accorta che aveva portato con sé una coperta, che era stata stesa dietro di loro pochi minuti prima. Accolse il suo bacio con entusiasmo, premendo le labbra sulle sue, alimentando entrambi i loro fuochi. Michael spostò il loro abbraccio all'indietro e sulla coperta in attesa. Quando il suo corpo toccò lo spesso tessuto di lana, lui si mosse in modo da essere leggermente sopra di lei. Girò il corpo e le afferrò i lati della testa con le mani.

Lentamente si chinò e iniziò a invaderle la bocca con la sua lingua insistente. Successivamente, iniziò a immergere la sua lingua scivolosa dentro e fuori, dentro e fuori dalla sua calda caverna in attesa. Mentre la sua lezione di bacio alla francese continuava, lui spostò le mani sulle sue braccia, aspettando il momento giusto per catturare i suoi seni tra le dita che erano coperti solo dal suo sottile top giallo.

Ritira la lingua dalla sua bocca e gliela porta alle orecchie dove la muove avanti e indietro nei fori delle orecchie, facendola strillare in un'estasi sensuale. I suoi strilli si trasformano presto in gemiti sommessi, che a Michael piace sentire come un costante promemoria della sua passione amplificata. Lei si sposta giocosamente di lato con la testa, cercando di sfuggire ai suoi muscoli dimenanti, ma lui insegue aggressivamente le profondità interiori con una rapida leccata selvaggia.

"Lo adoro!" lei strilla mentre lui si sposta sull'altro orecchio e gli fa un bagno simile. . . facendola diventare ancora più eccitata. Emma ora geme dolcemente mentre lui si muove sotto il suo mento con la bocca, la lingua e le labbra. In quell'istante la ragazza molto arrapata abbassa rapidamente lo sguardo e si concentra sul grosso bernoccolo dentro i suoi pantaloni che indica quanto sia eccitata la sua amica con lei, facendola sentire molto speciale. Lei romanticizza il toccarlo, ma invece sceglie di godersi in prima persona quello che le sta facendo in questo momento.

La sua attenzione è improvvisamente focalizzata altrove mentre Michael le blocca le braccia e muove la gamba sui suoi fianchi e si mette a cavalcioni sul suo corpo. Essendo in questa posizione, sente il suo cazzo eretto contro il suo cavallo caldo. Emma è eccitata dalla sua forma cilindrica e dalle dimensioni che ora la stanno toccando. . . e allo stesso tempo fantasticare su come ci si potrebbe sentire nel profondo della sua figa calda. Pochi secondi prima era qualcosa da guardare e sognare ad occhi aperti, ma a separarli c'era solo il materiale sottile dei pantaloncini di lui e il denim di lei. . . fa brillare il suo corpo di desiderio e anticipazione.

Lui abbassa la testa sul suo petto, sentendo delicatamente i suoi seni con il mento e il viso. Michael si sposta leggermente a destra, beneficiando selvaggiamente del bocciolo rigido che ora è sulla sua guancia. Muove la faccia in continuazione, provocando una frizione che rende i suoi capezzoli ancora più rigidi. Per diversi istanti si accontenta solo di stuzzicarla strofinando il viso sui suoi capezzoli rigidi. La sua asta continua a strofinare contro il suo inguine gocciolante mentre l'umidità si è ora riscaldata fino a dove entrambi sentono la sua eccitazione.

Comincia a muovere i fianchi e l'inguine in modo più suggestivo lungo le labbra doloranti della sua figa. Sa che lei può sentirlo. . . poiché accende più entusiasmo dentro entrambi. È deliziata dalla lentezza dei suoi preliminari (ricordando come i ragazzi a scuola cercavano di allungare la mano sotto il suo vestito o stringerle e pizzicarle le tette), godendosi ogni secondo del loro tempo insieme.

Le solleva la testa dal petto, costringendola ad abbassare lo sguardo e osservare entrambe le mani che tengono avidamente a coppa ciascuno dei suoi seni sudati, accarezzandoli e stringendoli molto delicatamente. Dopo qualche istante, gli prende la testa tra le mani e gli dirige la bocca direttamente su un capezzolo rigido. Pensava che ci fosse qualcosa di immensamente erotico e molto malizioso nell'avere qualcuno che ti tocca attraverso il materiale del tuo top. . .mentre le sue labbra indugiano sui suoi capezzoli rigidi inumidendo il tessuto.

Comincia a leccare la sua sottile canotta, rendendola umida e aggiungendo più eccitazione ai suoi giovani capezzoli appena sotto. Sente Emma muovere le mani sul fondo della sua maglia. . . ed è entusiasta di sentirla iniziare a tirarlo verso l'alto. Solleva immediatamente leggermente il corpo per assicurarsi il suo successo mentre continua a leccare la lingua su quelli che sa essere i suoi punti di eccitazione direttamente sotto. Vuole disperatamente sentire queste stesse labbra e lingua sui suoi seni nudi mentre il materiale scricchiola sotto la sua gola.

Lui alza la testa abbastanza a lungo da percepire la base nuda dei suoi seni che sta per toccargli il mento. Sente il suo entusiasmo e con i denti inizia a muoverle la parte superiore attraverso le sue sfere nude e immediatamente e quasi selvaggiamente. . . cattura il suo bocciolo completamente rigido e metà del suo seno verde nella sua bocca in attesa. Geme di pura soddisfazione mentre le sue labbra si muovono insieme, catturando il suo capezzolo nudo per la prima volta. Avidamente comincia a succhiare il suo turgido bocciolo, agitando la lingua avanti e indietro. . . rispondendo in totale estasi.

Si muove rapidamente verso il suo compagno in attesa, facendogli provare lo stesso brivido mentre succhia la punta, mordendo delicatamente il suo bocciolo eretto e facendola gemere molto più forte di prima. Michael afferra i lati del top e lo tira in modo che sia sotto il suo mento, lasciando le sue tette nude e molto sensibili alla mercé del suo amico dimenante!

Comincia a leccare avanti e indietro, facendo brillare i suoi seni con il suo smalto speciale. Comincia ad afferrarle i capezzoli con le dita e i pollici allo stesso tempo, trattandoli con cura superiore e servizio continuo. Alza lo sguardo verso il suo viso arrossato e veramente eccitato e nota che il sudore inizia a gocciolarle sulle guance, sapendo che il suo stesso viso sta facendo la stessa cosa. Lui si china e le pianta un bacio sulle labbra e allo stesso tempo permette alle sue dita di continuare la loro magia sulle sue tette.

Continua ad afferrare e accarezzare un seno, ma lascia che l'altra mano scenda sulla sua pancia tremante. Piuttosto che scavare immediatamente nei suoi pantaloncini, fa scivolare le dita sul suo cavallo ansimante. . . stuzzicandola deliberatamente facendo scorrere le unghie sul tessuto, sapendo che la sua figa energizzata è direttamente sotto.

Le vibrazioni delle sue azioni eccitano persino la sua stessa passione, mentre muove le unghie avanti e indietro provocando una leggera vibrazione sotto. Lentamente muove le sue dita stuzzicanti nelle sue cosce interne, continuando lo stesso trattamento. . . muovendosi su e giù. . . su e giù . . .sempre più vicino al suo clitoride coperto. Il materiale delle sue Daisy Dukes ora sta quasi fumando di passione mentre le sue dita ora avvolgono il suo prezioso piccolo giardino nascosto sotto.

Sa che questa zona è completamente nuda sotto i suoi pantaloncini, avendo cercato le sue mutandine pochi secondi prima. Questa stessa sensazione la sta suscitando. . . mentre le sue dita cominciano a stuzzicare le pieghe della pelle sotto il denim. Continua le sue manipolazioni della sua pelle tremante sotto. . . mentre il suono della sua cerniera che viene abbassata riecheggia all'interno della caverna. È un suono elettrizzante per entrambi mentre sposta lentamente la linguetta di ottone più vicino al suo inguine eccitato.

Mentre tira la chiusura più in basso, permette a un solo dito di intrufolarsi all'interno, saggiando le acque sottostanti e una risposta urgente a quel prurito che ha bisogno di essere grattato per soddisfare i suoi desideri. Il suo dito medio (essendo il più lungo) sonda più all'interno e si muove lentamente lungo la sua fessura umida, conoscendo lo stato di eccitazione suprema in cui deve trovarsi la mente di Emma a questo punto della sua seduzione.

Lascia che il suo dito fastidioso trovi le sue labbra esterne calve e accoccola il dito sopra e dentro nella speranza di scoprire il suo bocciolo di piacere completamente eccitato. Lei è veramente eccitata mentre lui le manda dentro un secondo dito per aggiungere più piacere al clitoride del suo amante. Comincia a muovere selvaggiamente i fianchi verso l'alto nella speranza di far percorrere al suo dito la distanza necessaria per soddisfare quel prurito che vuole così tanto essere soddisfatto.

Lui la guarda in faccia mentre lei chiude forte gli occhi. . . completamente eccitato. Muove le labbra sul suo capezzolo nudo e rigido e lo fa cadere dentro ancora una volta. Il suo bocciolo è sorprendentemente rigido mentre lui lo aggredisce oralmente con la lingua e le labbra. Allo stesso tempo sente lo schiocco in cima ai suoi pantaloncini che si staccano. . . permettendo alle sue dita ancora più movimento.

All'improvviso tutte e cinque le dita le coprono la figa calva mentre lui inizia a strofinare delicatamente l'intera area. La sensazione di queste dita che toccano la sua pelle nuda va oltre le parole. . . mentre le pieghe umide iniziano a bagnare le sue dita con i suoi succhi. Permette al suo dito medio di accarezzare l'interno del suo tunnel umido, ma non troppo lontano. . . muovendolo dentro e fuori, dentro e fuori simulando un suo amico che muore dalla voglia di essere rilasciato dentro i suoi pantaloncini scoppiati.

Lo gira e lo rigira delicatamente. . . aumentando il suo desiderio. . .mentre continua il suo percorso dentro e fuori . . . dentro e fuori . . . dentro e fuori. I suoi boccioli rigidi reagiscono a questa stimolazione tra le sue labbra mentre morde delicatamente le punte simili a gomme con i denti, assicurandosi di non mordere troppo forte. Michael sente le sue mani scendere disperatamente nei suoi pantaloncini e muovere molto velocemente i suoi fianchi verso l'alto. . .solo per un secondo . . .mentre Emma lascia che il materiale si sposti oltre le sue guance nude . . .assicurandosi di tirarli giù in modo sicuro e finalmente oltre le sue caviglie.

Se avesse saputo cosa stava pensando in quel momento, avrebbe potuto scatenare il suo cazzo che desiderava così tanto essere lasciato libero. Ma invece e seguendo i suoi desideri precedenti, si mosse lentamente lungo il suo corpo, oltre l'ombelico e allargandole dolcemente le gambe vide la sua figa pelata, nuda per la prima volta. Ad alcuni uomini non piace leccare la figa della loro ragazza, ma Michael non vedeva l'ora di portarla al livello successivo di totale soddisfazione. Non avendo detto una parola per diversi minuti, Michael ruppe il silenzio.

“Se sei MOLTO fortunato, qualcuno ti farà impazzire facendo QUESTO. . . alla tua figa», sussurrò. Senza alcuna esitazione, Michael spostò la bocca sulla sua apertura umida, immediatamente prese il suo dolce aroma e allungò la lingua per scivolare tra le labbra della sua figa. Lei gemette in segno di protesta, senza nemmeno immaginare perché qualcuno l'avrebbe leccata lì, ma presto i suoi fianchi si mossero con entusiasmo quando lui iniziò a far scorrere lentamente la lingua su e giù per la sua fessura completamente eccitata.

Come già accennato, era già molto bagnata e gli piaceva averla eccitata fino a quel punto. Il suo sapore era dolce e delizioso e con molta abilità e pazienza lui iniziò a leccarle le labbra con la sua lingua calda e avida. Dopo diversi minuti di stimolazione, localizzò il suo clitoride e lo stuzzicò con la punta della lingua portandole una gioia che lei non aveva mai provato prima. Di conseguenza i suoi gemiti riecheggiavano dalle pareti della caverna.

"Michael, oh Dio, Michael," gemette, mentre lui leccava e continuava a toccarle la figa. L'uomo arrapato attaccò il suo nido d'amore con nuovo fervore, accarezzandole e toccandole la clitoride e poi facendo rotolare la lingua verso il basso per scivolare dentro di lei, spingendo fuori sempre più dei suoi succhi. Quando tornò al suo clitoride e lo circondò con la punta della lingua. . . prima di leccarlo generosamente, ora gemeva continuamente.

Anticipò quello che sarebbe successo dopo mentre le metteva le mani sudate sui fianchi mentre la ragazza iniziava a sgroppare quasi ferocemente mentre raggiungeva l'orgasmo ancora e ancora mentre la sua lingua continuava a compiere la sua magia sulla sua clitoride. Dopo quasi un minuto o più finalmente tacque. Abbassando lo sguardo, vide Michael alzare la testa con i suoi succhi sulle labbra e sul viso.

"Com'è andata, mio ​​amante arrapato?" chiese asciugandosi la bocca con la manica.

“Incredibile Michele. Spero non ti sia dispiaciuto farlo. È stato davvero fantastico. Ora so cosa potrebbe fare un ragazzo . . . per farmi emozionare. Ma non è ora che tu faccia un giro?" lei chiese.

Averla completamente nuda di fronte a lui, ha reso più facile insegnarle cosa si sarebbero aspettati i ragazzi in cambio. . . per quel tipo di preliminari. Prima l'aiutò a sollevarsi velocemente sulle ginocchia e poi si fermò. Lo guarda alzarsi, quasi ridendo mentre osserva la sua lunga asta che preme con decisione e con urgenza verso l'esterno contro i suoi pantaloncini. Ora che aveva liberato il suo corpo dall'ultimo brandello di copertura, la ragazza soddisfatta aspettava con impazienza di vedere cosa sarebbe successo dopo sotto la sua tutela. Presto si allunga e trova il suo zaino. Lui abbassa lo sguardo ed è ulteriormente eccitato quando lei apre leggermente le gambe in modo suggestivo. . . quasi per presa in giro. Le labbra della sua figa nuda sembrano ancora umide e completamente eccitate mentre lui è in piedi di fronte a lei. Appoggia lo zaino sulla coperta e poi dice:

"Emma, ​​resta in ginocchio. È ora che tu veda cosa nascondo sotto questi pantaloncini," dice con un sorriso malvagio sul volto. Aggiusta il suo corpo in modo da trovarsi di fronte a lui in ginocchio come aveva richiesto. Questo leggero movimento fa tremare leggermente i suoi seni nudi. La guarda accoccolarsi attentamente vicino alla sua vita morendo dalla voglia di vedere il suo cazzo. Guarda con occhi quasi selvaggi la lunga asta che si spinge contro il tessuto di seta nera. Le sue mani iniziano ad alzarsi per toccarlo.

"Solo un momento Emma... cosa stai facendo? Devi essere gentile e chiedere gentilmente prima di afferrare le cose." Guardò dall'alto in basso la ragazza carina in ginocchio sotto di lui, completamente nuda e desiderosa di compiacerlo in ogni modo possibile.

"Okay... posso tirar fuori questo GRANDE CAZZO? Voglio vederlo... e magari farci qualcosa di divertente, se vuoi insegnarmi come", disse con un sorriso diabolico sul viso.

(Continua con il vostro supporto e suggerimenti)

Storie simili

Stordimento commemorativo, seconda parte

In circostanze diverse, avere Joe tra le mie gambe sarebbe stato un paradiso. Ma con Keith e Rob che si tenevano un braccio e una gamba ciascuno e il puzzo di birra ed erba nell'aria che veniva fuori da loro, era come un incubo diventato realtà. Cerco di allontanarmi dalle labbra di Joe mentre si muove per baciarmi la figa, solo che lui mi afferra per la vita e mi tira sulle sue labbra. Quando le sue labbra toccano le mie labbra esterne, tremo per il suo respiro caldo che tocca la mia pelle fredda. La sua lingua segue le mie...

525 I più visti

Likes 0

Scopala finché non ti ama

Non è un culto. Non so nemmeno perché ho bisogno di chiarire questo. Sono tornato dalla morte, sì, ma al giorno d'oggi non è così raro con le piastre elettriche e la RCP. Sono solo un ragazzo che si è ripreso più che completamente dopo un incidente d'auto. Come i cuccioli che sentono il tintinnio delle chiavi del loro padrone, l'ingresso del mio appartamento era affollato di ragazze eccitate in ginocchio. Sono tutto il loro mondo. Cucinano e puliscono. Si fanno la ceretta alla fica e si truccano in modo discreto per far risaltare gli occhi e le labbra solo per...

564 I più visti

Likes 0

L'ora della grande zucca - Un racconto di Halloween_(1)

Notte di Halloween Linus sospirò forte, preparato ancora una volta alla delusione. Ogni anno aspettava che la Grande Zucca apparisse la notte di Halloween, ma non era mai successo. E questo era l'anno in cui Sally, la ragazza che amava, lo aveva finalmente accompagnato al campo delle zucche. Voleva davvero che accadesse quest'anno, se non altro per convalidare le sue convinzioni di fronte a Sally. Quanto a Sally, non poteva credere che stesse facendo questo. Eccola lì, a gelare il culo, senza Halloween, per un ragazzo che portava ancora una coperta in giro. Ma lei non poteva farne a meno. Lo...

1.2K I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

632 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

481 I più visti

Likes 0

Addestrato per servire

Ero nella mia camera da letto al piano di sopra mentre i miei genitori tenevano la loro festa annuale di Capodanno al piano di sotto. Gli unici bagni erano al piano di sopra e il bagno degli ospiti era in fondo al corridoio rispetto alla mia camera, quindi ho sentito persone salire e scendere le scale. Mi ero appena messo il pigiama ed ero seduto su un lato del mio letto a guardare gli annunci su Popular Mechanics quando la porta della camera si è aperta. Era la signora Smythe che viveva dall'altra parte della strada. Indossava un vestito blu tafata...

1.5K I più visti

Likes 0

La mia presentazione_(0)

Ciao, ora ho 54 anni e vorrei raccontarti la mia storia di vita. Quando avevo sette anni, fui messo in un orfanotrofio dal tribunale. Non che io abbia fatto qualcosa di sbagliato, è dove i miei genitori che hanno perso la custodia su di me e due fratelli. Quella volta non lo sapevo, ecco perché desideravo tornare a casa. Quindi sono scappato abbastanza regolarmente. Fu diversi anni dopo che seppi la verità. Comunque, a causa della mia abitudine di scappare a volte, sono stato in diversi orfanotrofi. Là dove buoni e cattivi da loro. Già abbastanza giovane (8 o 9 anni)...

857 I più visti

Likes 0

Morte per fottuto cap. 14

L'anno cinque La storia di Andrea È il database che è importante. Avevo insegnato agli idioti a programmare a partire da quando avevano tre anni. Sono molto più intelligenti di me. Tre anni erano troppo piccoli per imparare a programmare? Non credo. Ho fatto il progetto iniziale del sistema, ma presto lo consegnerò anche a loro. Ammettiamolo, quando i cervelli sono svenuti in questa famiglia, io ero l'ultimo della fila. Comunque il loro incarico recentemente è stato quello di costruirmi un firewall. Ho un piano. È un buon piano e ne sono orgoglioso. La mia teoria è che tra non molto...

1.5K I più visti

Likes 0

LA MIA PRIMA AFFARE SERIA - PARTE 1

All'età di 13 anni ho subito un'operazione per rimuovere un tumore nella parte posteriore del cervello. Dopo l'operazione sono rimasto cieco. È stato un grande shock e mi ci sono voluti mesi per accettarlo. A volte mi ribello ancora al fatto, ma che diavolo, mi sto godendo la vita ed è per questo che sto scrivendo questo. Sono rimasto a casa per quasi un anno, ma poi sono stato mandato in una scuola per bambini ciechi. Era lontano da dove viviamo, quindi sono dovuto stare nel collegio della scuola. In realtà avevo completato il Grade 8, ma hanno pensato che fosse...

893 I più visti

Likes 0

Penetrazione di mia madre

Quando comincio a crescere da adolescente, nella mia adolescenza, ho fame di nuove frontiere nel violare mia madre. non è più soddisfacente solo masturbarsi mentre l'ho appena sbirciata, o ricordare di aver dormito con lei nei miei giorni più giovani. quello di cui avevo bisogno era un piano, un piano per violentarla nel peggiore dei tradimenti. tradita da suo figlio, il più atroce di qualsiasi crimine, ma avevo bisogno di un incentivo per andare avanti e i semi sono stati piantati in una notte disastrosa... mia madre è appena tornata a casa dal lavoro, era stanca come un cane e un...

756 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.