Catturato e punito

599Report
Catturato e punito

Storia di Fbailey numero 356


Catturato e punito


Papà mi diceva sempre che mia madre era una puttana. Non lo saprei perché non avevo alcun ricordo di lei. Era un gran lavoratore e ci ha supportato come meglio poteva. Era anche un disciplinare molto severo. Ogni volta che facevo qualcosa che gli dispiaceva, lo scoprivo subito. Una volta erano piccole cose come non rifare il letto, gettare i vestiti sul pavimento e non fare i compiti. Ciò ha provocato sculacciate e si è intensificato fino a sculacciare il sedere nudo. Ma quello era solo l’inizio…

Quando ho compiuto dodici anni e le mie tette hanno cominciato a crescere ho attirato l'attenzione dei ragazzi a scuola. Quando avevo tredici anni potevo girare la testa semplicemente camminando per strada con i miei blue jeans attillati. Poi, quando ho compiuto quattordici anni, sono state le magliette attillate e le minigonne ad eccitare i ragazzi e anche gli uomini. Ero orgoglioso di far sì che i ragazzi entrassero nei parchimetri o nei pali del telefono mentre mi fissavano il culo.

Dopo aver compiuto quindici anni ho scoperto il sesso e mi è piaciuto. Mi è veramente piaciuto. Un ragazzo non mi bastava quindi ho avuto due, tre e infine quattro fidanzati. Si conoscevano ed erano semplicemente felici di mettersi nei miei pantaloni.

Poi un giorno, quando due dei ragazzi erano nella mia camera da letto, papà irruppe nella porta. Avevo il cazzo di Tommy in bocca in quel momento e il cazzo di Charlie nella mia figa alla pecorina quando irruppe. Ero proprio nel bel mezzo del mio orgasmo e difficilmente mi importava chi fosse. Tommy stava per venire, mi ha spinto forte il suo cazzo in fondo alla gola e poi si è afflosciato completamente. Charlie non era rivolto verso la porta e non sapeva che era mio padre e mi ha appena riempito del suo bel sperma cremoso.

Mi chiedevo perché Tommy fosse sceso dal letto e si fosse appoggiato al muro. Mi chiedevo perché Charlie tirasse fuori il cazzo così velocemente. Ho sentito uno spiffero freddo tra le gambe, la mia figa non aveva nemmeno avuto il tempo di chiudersi, e poi ho sentito la puntura. È stata una puntura terribile e dolorosa che è iniziata nella mia figa, nel mio clitoride e nel mio buco del culo e poi è arrivata al mio cervello. C'era qualcosa di sbagliato. Qualcosa era terribilmente sbagliato. Ho girato la testa quel tanto che bastava per vedere il braccio di mio padre abbassarsi di nuovo su di me. Aveva in mano la mia grande spazzola per capelli. Era di legno e aveva un grosso manico con cui a volte mi scopavo. Aveva lunghi denti che potevano raggiungermi il cranio quando mi pettinavo i capelli. Poi mi ha colpito di nuovo all'inguine. Non è stato il retro in legno liscio a colpirmi, sono stati tutti quei piccoli spuntoni di plastica. Ognuno di essi mi conficcava nella carne e i minuscoli bottoni rotondi alle estremità facevano poco per lenire l'inflessione del dolore. Alcune delle setole rigide mi hanno lacerato il buco del culo, la vagina e il clitoride. Alcune delle setole rigide mi hanno lacerato la regione inferiore tra il retto e la vagina, hanno tagliato le pieghe dove le mie gambe si uniscono al mio inguine e hanno tagliato le mie tenere labbra interne. Il dolore era lancinante ma ero congelato sul posto. Non potevo muovere un muscolo. Il tempo scorreva al rallentatore mentre mio padre continuava a picchiarmi la figa mentre due dei miei partner sessuali guardavano. Ho perso il conto ma ho calcolato che ne avrò almeno quindici, uno per ogni anno della mia età. Questo era quello che faceva solitamente mio padre. Quando la punizione è stata eseguita ho pensato che fosse finita ma mi sbagliavo.

Charlie e Tommy erano entrambi duri come prima. Guardarmi mentre venivo punito li aveva eccitati. Poi papà ha detto a Charlie di incularmi e di non essere gentile neanche a riguardo. Non avevo mai avuto un cazzo nel culo prima ed ero sicuro che non ne avrei mai più voluto un altro dentro. Tuttavia, dopo che ha tirato fuori il cazzo di Tommy, è stato ordinato anche a me nel culo. A Charlie è stato detto di farlo venire di nuovo duro, quindi me lo ha messo in bocca e mi ha lasciato fare il lavoro. Aveva un sapore disgustoso ma non mi importava. Ero in un posto meraviglioso tra dolore e piacere. Il sesso era tutto ciò a cui riuscivo a pensare. Forse papà aveva ragione, dopo tutto, ho preso da mia madre... la puttana.

Dopo che ogni ragazzo mi aveva scopato il culo due volte, papà ha detto loro di uscire ma di mandare altri due ragazzi, cioè due a testa, per un totale di altri quattro. Poi ho fatto punire anche le mie tette con quella spazzola fino a quando ho pianto così tanto per smettere.

I quattro ragazzi mi hanno scopato come aveva ordinato papà. Ad un certo punto avevo un cazzo in bocca, nella figa e nel culo allo stesso tempo e l'ho adorato. Allora ho capito come si sentiva mia madre, nessun uomo avrebbe mai potuto soddisfarmi di nuovo. Poi ho riso pensando ai miei quattro fidanzati. Un ragazzo non mi era mai bastato.

Papà mi ha concesso circa una settimana per guarire, ma si è assicurato di scoparmi tre volte al giorno, prima e dopo il lavoro e di nuovo prima di andare a letto. Mi ha detto che ero bravo quanto mia madre e forse anche meglio. L'ho preso come un complimento.

Poi venerdì, subito dopo essere tornato a casa da scuola, papà mi stava aspettando con sei uomini. Erano circa le tre e mezza e papà mi disse di andare in camera mia e di spogliarmi. Ero una puttana, quindi ho bisogno di essere pagata per il sesso da Johns. A quanto pare papà era diventato il mio magnaccia. Quella notte venticinque uomini mi hanno scopato. Si fermarono solo dopo le due del mattino. La maggior parte voleva solo scoparmi la figa e giocare con le mie tette, ma ho fatto anche un paio di pompini e un paio di anal.

Dopo che papà mi ha rinchiuso, mi ha portato nel suo letto e mi ha scopato mentre mi diceva quanto fosse orgoglioso di me. Non avevo mai reso orgoglioso mio padre prima. Ha detto che aveva capito che fare la puttana era la mia vocazione e se l'avesse capito prima avrebbe sfruttato mia madre e lei sarebbe stata ancora con noi.

Al mattino ero affamato. Non mangiavo dal pranzo di venerdì a scuola. Papà mi ha preparato una bella colazione tardiva mentre facevo il bagno. Mi ha detto di non preoccuparmi di vestirmi perché il mio primo John sarebbe arrivato a mezzogiorno e che quel giorno avevo un programma completo. Anche lui lo intendeva sul serio. Nelle quindici ore successive ho servito cinquantadue uomini, poi papà mi ha portato a letto e mi ha scopato di nuovo.

Papà lasciò il lavoro e divenne il mio magnaccia a tempo pieno. Diversi mesi dopo, quando compii sedici anni, lasciai la scuola e diventai una puttana a tempo pieno. Papà mi ha detto che stavamo rastrellando la pasta ma non ho mai visto nulla di tutto ciò e non mi importava. Avevo esattamente quello che volevo...una lunga fila di cazzi pronti a scoparmi. I soldi non significavano niente per me perché ero sempre nuda, nel mio letto, e con qualche uomo che cercava di fottermi.

Col passare del tempo avrei riconosciuto uno di quegli uomini come uno dei miei vecchi insegnanti, il preside, o alcuni dei ragazzi più grandi con cui andavo a scuola. Non ho mai più rivisto i miei quattro fidanzati. Ho solo pensato che avessero trovato qualche altra ragazza che glielo avrebbe dato gratuitamente.

Papà era sempre il primo e l'ultimo a scoparmi ogni giorno.

Ero felice di essere stato catturato e punito.


Fine
Catturato e punito
356

Storie simili

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

617 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

466 I più visti

Likes 0

Stordimento commemorativo, seconda parte

In circostanze diverse, avere Joe tra le mie gambe sarebbe stato un paradiso. Ma con Keith e Rob che si tenevano un braccio e una gamba ciascuno e il puzzo di birra ed erba nell'aria che veniva fuori da loro, era come un incubo diventato realtà. Cerco di allontanarmi dalle labbra di Joe mentre si muove per baciarmi la figa, solo che lui mi afferra per la vita e mi tira sulle sue labbra. Quando le sue labbra toccano le mie labbra esterne, tremo per il suo respiro caldo che tocca la mia pelle fredda. La sua lingua segue le mie...

516 I più visti

Likes 0

Harry Potter Adventures: Capitolo 4 - Parte 2 di 3 - La ricompensa di Ron

Questa storia non riflette gli atteggiamenti oi personaggi della serie di Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 4 – parte 2 Harry, Ginny, Katie e Demelza sono entrati tutti nella sala comune di Grifondoro per trovare le celebrazioni della festa in pieno svolgimento. La stanza era buia tranne che per le luci brillanti che emanavano dalle punte delle bacchette delle persone, mentre le agitavano come bastoncini luminosi. La musica suonava ad alto volume dallo stereo e qualcuno era andato nelle cucine e aveva portato da bere alla festa. Eccitate ragazze del 4° anno ballavano sui tavoli mentre erano...

1.7K I più visti

Likes 0

La mia presentazione_(0)

Ciao, ora ho 54 anni e vorrei raccontarti la mia storia di vita. Quando avevo sette anni, fui messo in un orfanotrofio dal tribunale. Non che io abbia fatto qualcosa di sbagliato, è dove i miei genitori che hanno perso la custodia su di me e due fratelli. Quella volta non lo sapevo, ecco perché desideravo tornare a casa. Quindi sono scappato abbastanza regolarmente. Fu diversi anni dopo che seppi la verità. Comunque, a causa della mia abitudine di scappare a volte, sono stato in diversi orfanotrofi. Là dove buoni e cattivi da loro. Già abbastanza giovane (8 o 9 anni)...

844 I più visti

Likes 0

La mamma ha beccato me e papà

Sono un giornalista investigativo per un giornale di medie dimensioni nello stato della California. Scrivo anche storie freelance per varie riviste. Quindi sono sempre alla ricerca di storie di interesse umano. Conoscevo una storia che mi affascinava, accaduta diversi anni fa. Era stato pubblicato solo su articoli di giornale, ma sentivo che avrei potuto vendere un articolo a riguardo. Ma per essere pubblicato richiederebbe un resoconto scritto con estrema attenzione. Alcuni anni fa un uomo nella mia città natale è stato condannato a diversi anni di carcere per rapporti sessuali illegali con la figlia minorenne. Il suo nome non è mai...

482 I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

1.5K I più visti

Likes 0

Il dispositivo di controllo mentale Breve: brama di pompino della madre

Il dispositivo di controllo mentale in breve Voglia di pompino della madre Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto questo beta! Dean Michaels sedeva sulla panchina del parco, digitando sul suo laptop, il suo dispositivo di controllo mentale seduto accanto a lui. Stava per testarlo per la prima volta. Entrò il primo comando. e tutti quelli che avevano meno di diciotto anni cominciarono a lasciare le vicinanze. Aveva viaggiato lontano da casa sua per testare il dispositivo. Guidato per due ore in modo che non ci fosse alcuna possibilità che qualcuno qui intorno lo...

1.2K I più visti

Likes 0

Impero perduto 62

0001 - Tempo 0003 - Conner- Thomas 0097 - Asso - Zimmel 0098 - Lucia 0101 - Shelby (nave madre) - Lucie 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco - Marrone 0778 - gen 0798 - Celeste - Shelby (umana) 0908 - Tara - Mara -------------------------- Non cresciuto - non numerato ------------------------ 3 - a bordo di Shelby 2 in re-gen 1000 - Sherry - perso al momento 0999 - Zan - anch'esso perso -------------------------------- Conosciuto e OR numerato ------------------------------- 0501 - Taddeo ???? - Lena --------------------------- Derrick osservò Jonathon apparire dal portale...

676 I più visti

Likes 0

Parte 5) Eragon - Le piccole cose della vita

**** Lasciatemelo dire adesso. QUESTA NON È LA MIA STORIA, APPARTIENE A GryphonWings se vuoi leggere altre delle sue storie vai qui http://gryphonwings.sofurry.com/ questa è una serie in cinque parti**** *i tag includono Umano, Orale, Non-antropo, Vaginale, Penetrazione profonda, Impregnazione, Dragonessa, Eiaculazione, Anime gemelle, M/F ps. spero che tu lo ami come me È ora, disse tranquillamente Arya uscendo di casa con una piccola pietra in mano. Si fermò proprio di fronte a Eragon e Saphira, tenendolo nel palmo della mano. «Se la pietra diventa rossa, Saphira non è incinta. Se diventa blu, Eragon sarà il padre. Se diventa nera...» la...

525 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.