Breve incontro universitario

373Report
Breve incontro universitario

La festa di Capodanno di Steve...

…aveva un numero pari di ragazzi e ragazze, ma in qualche modo sapevo che se fossi finita con qualcuno sarebbe stata Ann. Non fraintendermi: non era brutta, solo un po' banale e tozza. Era un po' più bassa di me e piuttosto magra, anche se aveva un bel sedere impertinente. Infatti, quando sono arrivati ​​i balli lenti, Ann e io ci siamo ritrovati insieme e lei mi ha guardato in attesa.

"Allora ti va di ballare, Ann?"

"Sì grazie!" lei rispose e io l'abbracciai mentre lei mi sorrideva. Ray era convinto che le piacessi e io ho accettato con riluttanza. Mi circondò il collo con le mani e appoggiò la testa sul mio petto.

Devo ammettere che la calda vicinanza del suo corpo era molto piacevole. Non stavamo parlando e sembrava che stesse accoccolando la testa contro la mia spalla, così ho deciso di rischiare tutto facendo scivolare le mani lungo la sua schiena e afferrandole le guance del sedere attraverso la gonna.

"Scusate, mi stavo dimenticando!" e ho tirato su di nuovo le mani.

"No, va tutto bene... non mi dispiace..." sussurrò Ann così feci scivolare di nuovo le mani verso il basso e questa volta massaggiai delicatamente le guance del suo sedere attraverso il materiale morbido e sottile. Devo confessare che la cosa cominciava ad eccitarmi e cominciavo a pensare che forse solo per stasera avrei potuto “scendere” con lei. Dopo un paio di balli ho aperto gli occhi che fino a quel momento erano rimasti chiusi e ho notato che la gente si allontanava nella lounge.

"Siamo stati abbandonati!" Ho scherzato con Ann, che si è guardata intorno e poi ha detto:

"Dio, così siamo: presto, prendiamo una sedia!"

Andammo rapidamente nel salone e riuscimmo a prendere una grande poltrona morbida nell'angolo della stanza. Steve aveva già spento le luci, quindi difficilmente riuscivamo a vedere le altre coppie, e mi sentivo un po' nervoso per quello che Ann e io avremmo combinato - o no. Ho avuto l'impressione che fosse un po' puritana.

Ann mi ha detto di sedermi sulla sedia, poi si è seduta sulle mie ginocchia, facendo scivolare il braccio dietro la mia testa e accoccolandosi di nuovo sulla mia spalla. Mi venne in mente che dall'angolazione in cui eravamo seduti, ed essendo nell'angolo della stanza, nessun altro poteva vedere cosa stavamo facendo, ma mi venne anche in mente che, per quanto ne sapevo, Ann non aveva alcun interesse in qualsiasi cosa diversa dalla chat. Tuttavia questo pensiero fu presto scacciato dalla mia mente quando iniziò a far scorrere la mano su e giù sul mio petto e mi guardò in attesa.

"Allora mi bacerai?" lei chiese. Rimasi sorpreso e felicissimo di questa richiesta e la baciai dolcemente sulle labbra. Ha avvicinato la mia testa a sé e ci siamo baciati con passione per diversi secondi. Poi all'improvviso la sua bocca si aprì e la sua lingua serpeggiava nella mia bocca.

Ho risposto a tono e presto Ann si è messa a contorcermi in grembo mentre lottavamo con le nostre lingue. Mi guardai rapidamente intorno, ma tutti gli altri erano così coinvolti nelle proprie attività che non attiravamo l'attenzione. Mentre ci baciavamo, anche se il mio braccio sinistro era intrappolato sotto il corpo di Ann, il mio braccio destro era libero e con attenzione lo feci scivolare fino al petto e lo appoggiai delicatamente sul suo seno sinistro. Questo sembrò stimolare Ann mentre mi baciava ancora più appassionatamente, e l'ho preso come un suggerimento!

Ho stretto delicatamente il seno di Ann attraverso il sottile cotone bianco della sua camicetta, e poi lei mi ha sussurrato,

"Puoi annullare i pulsanti se vuoi..."

Naturalmente fui felice di accettare l'invito e cercai il primo bottone della sua camicetta che potei slacciare abbastanza facilmente. Poi ho slacciato il secondo bottone e ora ho potuto infilare la mano dentro la sua camicetta. Ho sentito il tessuto di pizzo del suo reggiseno nella mia mano e poi ho fatto scivolare con attenzione un dito sotto il materiale. Ann poi si allontanò e guardò in basso e per un momento pensai che mi avrebbe fermato.

"Non c'è molto, temo!" Mi ha sussurrato.

"Sono sicuro che sono meravigliosi!" Ho sussurrato in risposta e ho fatto scivolare ulteriormente la mano nel suo reggiseno. Aveva ragione nella misura in cui erano solo una piccola manciata, ma il suo seno sinistro si adattava perfettamente al mio palmo e sentivo il capezzolo indurirsi sotto il mio tocco. Ann appoggiò ancora una volta la testa sulla mia spalla mentre le massaggiavo delicatamente il seno. Abbassai lo sguardo e all'improvviso mi resi conto che c'era un bottone sul davanti del suo reggiseno.

"Devo annullarlo?"

"Renderebbe le cose molto più facili, non è vero?" sussurrò Ann sorridendomi. Sganciai con attenzione il bottone e tirai via il tessuto esponendo i suoi piccoli seni. Nonostante le dimensioni erano belli da vedere e ne accarezzai la pelle morbida, lasciando che il mio pollice accarezzasse delicatamente i capezzoli. Il respiro di Ann divenne più difficile mentre lo facevo, e poi alzando lo sguardo per assicurarmi che non fossimo osservati, mi chinai in avanti e strofinai delicatamente la testa sul suo petto. Ann mi ha stretto la testa contro il suo seno e, incoraggiato da ciò, ho baciato la pelle morbida e liscia dei suoi seni e ho fatto scorrere la lingua sui suoi capezzoli. All'improvviso Ann ha strillato e ho temuto che qualcuno ci sentisse, ma alzando lo sguardo, le altre coppie nella stanza sembravano essere occupate allo stesso modo!

"Che carino..." sussurrò Ann e io abbassai di nuovo la testa per continuare a baciarle le tette. Ho preso un capezzolo in bocca e ci ho fatto scorrere la lingua attorno, lasciandolo poi cadere con un leggero 'plop'. A questo punto Ann si stava dimenando sulle mie ginocchia e cominciavo a sentirmi a disagio perché ovviamente ormai avevo un'erezione che minacciava di esplodermi dai pantaloni. Mi sono allontanato da Ann e ho detto:

"Mi sento un po' a disagio qui..."

"Oh Dio, scusa, ti sta diventando duro?" Ann guardò le mie ginocchia dove le prove erano fin troppo evidenti! "Accidenti, vedo che lo sei!" sussurrò e con mio grande stupore mise la mano sul rigonfiamento dei miei pantaloni e me lo strinse. "Anche piuttosto grosso, a quanto pare!" Chiusi gli occhi mentre Ann cominciava a stringi e strofina il mio cazzo attraverso la stoffa dei miei pantaloni.

Poi è stato il turno di Ann di guardarsi intorno per la stanza prima di slacciare con cautela il primo bottone dei miei pantaloni e abbassare la cerniera. Mi ha sussurrato,

"Stai attento..." e infilò la mano nei miei pantaloni e tirò fuori con cautela il mio cazzo ormai completamente eretto. Mi guardai intorno per la stanza senza credere a quello che mi stava accadendo. Questa ragazza che sembrava così tranquilla e innocente al college era ora seduta sulle mie ginocchia, quasi in topless, con la sua piccola mano avvolta attorno all'asta del mio cazzo.

"Nessuno ci presta attenzione!" ho sussurrato

"Freddo!" rispose Ann che poi cominciò a far scivolare il prepuzio del mio cazzo su e giù per l'asta. Sembrava che sapesse cosa fare! Riuscivo a malapena a tenere gli occhi aperti mentre i sentimenti mi travolgevano e Ann continuava a masturbarmi, il suo viso era un'immagine di studiata concentrazione.

"Sai cosa succederà tra un minuto, vero?" sussurrai ad Ann.

"Mi rovinerai tutta la gonna!" Ann sussurrò e mi sorrise. "Hai qualcosa che possiamo usare?"

"Beh, ho un fazzoletto..." mormorai.

"Ti dico una cosa...se vuoi venirmi in mano posso andare in bagno e lavarmeli." Ancora una volta mi aveva stupito: Ann si era offerta di portarmi all'orgasmo tra le sue mani! Annuii in segno di approvazione e appoggiai la testa all'indietro. Mi sono sentito contrarsi mentre il mio orgasmo si avvicinava e mi sono ricordato di non fare alcun rumore. Dato che le sue mani non mi erano familiari, l'orgasmo era molto vicino senza esserci, ma poi all'improvviso l'ho sentito. Ho sussultato e Ann ha preso con cura la testa del mio cazzo tra le mani mentre improvvisamente venivo, spruzzando succo caldo nelle mani di Ann. Dopo due o tre scatti ho finito e mi sono sdraiato esausto.

"Ecco, è stato carino...?" Ann mi ha sussurrato all'orecchio e io l'ho guardata.

"È stato semplicemente fantastico!"

"Presto, fai il rabbocco", disse Ann guardando il suo seno esposto, poiché ovviamente aveva le mani occupate. Lo feci, dopodiché Ann si alzò con cautela e si diresse con disinvoltura verso il gabinetto. All'improvviso mi resi conto che il mio cazzo era ancora ben visibile e lo misi subito via.

Un paio di minuti dopo lei tornò e ancora una volta si sedette sulle mie ginocchia. Abbiamo ripreso a baciarci con una nuova passione e intimità, e mi sono sentito molto vicino a questa ragazza dopo quello che aveva fatto per me. Anche se normalmente una volta raggiunto l'orgasmo perdo interesse per il sesso, mi stavo eccitando di nuovo e ho sentito che dovevo ricambiare il complimento. Ann indossava una lunga gonna nera, come era di moda all'epoca, e aveva un lungo spacco sul davanti. Ho raggiunto la fessura e ho accarezzato l'interno delle cosce di Ann. Sospirò dolcemente e allungò dolcemente le gambe così da poter far scivolare la mano fino alla parte superiore delle sue cosce. Mi aspettavo di trovare le sue mutandine, ma sono rimasto stupito nel trovare all'improvviso le mie dita che incontravano un morbido ciuffo di peli!

Alzai lo sguardo e incontrai il volto sorridente di Ann. Evidentemente si era tolta le mutandine quando era andata a lavarsi le mani! Mi ha sussurrato,

"Sono nella mia borsetta...!" Le sorrisi di rimando mentre le mie dita accarezzavano delicatamente i morbidi peli del suo monticello pubico. Ann chiuse gli occhi e appoggiò la testa sulla mia spalla mentre continuavo ad accarezzarla e poi feci scivolare ulteriormente le dita tra le sue gambe, inserendo delicatamente il mio dito medio lungo il solco morbido e caldo della sua figa. Ann mi avvolse strettamente le mani attorno al collo mentre facevo scivolare delicatamente il dito avanti e indietro tra le sue labbra umide, sentendo la sua figa diventare sempre più bagnata di secondo in secondo. Ann ha iniziato a muovere delicatamente i fianchi per incontrare il mio dito e poi mi ha sussurrato:

"Mettilo dentro... infilalo dentro di me..."

Lo feci, permettendo a tutta la lunghezza del mio dito medio di scivolare in profondità nella sua figa.

"Oh sì... è stupendo..." mi ha mormorato Ann mentre iniziavo a far scivolare il dito dentro e fuori dalla sua figa. All'improvviso mi strinse più forte a sé e, mentre veniva, sussultò una, due, tre volte, mordendomi la spalla per impedirsi di gridare. I muscoli della sua figa erano stretti attorno al mio dito e potevo sentire i suoi succhi sulla mia mano. Poi si rilassò e si allontanò da me. Mi ha sorriso.

"Penso che sia il tuo turno di andare in bagno!"

*********************************

Pochi giorni dopo Ann mi invitò a casa sua per la sera mentre i suoi genitori uscivano. Sono arrivato alle 8.00, subito dopo che i suoi genitori se ne erano andati, e Ann mi ha informato che sarebbero rimasti fuori tutta la notte, perché sarebbero rimasti con i loro amici dopo una festa. Ciò significava che avevamo il posto tutto per noi per tutto il tempo che volevamo!

Andammo nel soggiorno e guardammo la TV per un paio d'ore, generalmente chiacchierando e coccolandoci sul divano. Ci siamo baciati qualche volta e mi chiedevo se saremmo andati oltre, visto quello che era successo a Capodanno. Quando il film finì, Ann mi disse:

"A che ora devi essere a casa?" Ho spiegato che i miei genitori non sarebbero tornati prima delle prime ore del mattino, ma in ogni caso non si sono mai preoccupati dell'orario del mio ritorno, a patto che gli dessi qualche idea. Abbiamo quindi escogitato un piano in base al quale avrei chiamato i miei genitori e avrei spiegato che sarei rimasto con un'amica per la notte, anche se non avrei detto che si trattava di un'amica, e poi avrei potuto stare con Ann per la notte. Mi è sembrata un'ottima idea e ho chiamato i miei genitori che erano piuttosto soddisfatti dell'organizzazione.

"Allora dev'essere ora di andare a letto?" Ann mi sorrise e mi prese per mano. Erano solo le 10.30 ma sono stata più che felice di accettare il suo invito! Mi condusse di sopra, nella sua camera da letto. Era la tipica camera da letto di un'adolescente con un letto grande, coperto da una trapunta e armadi a muro con specchi. Ann poi spense la luce principale, accese una luce sul comodino e tirò le tende. Mi guardò in attesa.

"Ho pensato che sarebbe stato piuttosto carino andare a letto, soprattutto perché sarà una notte fredda."

"Mi sembra un'ottima idea!" Detto questo Ann cominciò a sbottonarsi la camicetta. Indossava un reggiseno di pizzo bianco sotto la camicetta e, dopo averla lasciata cadere sul pavimento, si sbottonò i jeans e li abbassò sui fianchi. Lei si tolse i jeans e mi guardò.
"Scusa, ero distratto dal tuo splendido corpicino!" Ann rise e disse

"Spero che vi piaccia, è un po' piccolo ma formato perfettamente!" Ho ridacchiato.

"Mi sembra fantastico...!" Mentre dicevo questo, Ann si è portata dietro di sé e ha slacciato il reggiseno, ha tolto le spalline dalle spalle e ha permesso al suo seno sodo di cadere libero. Erano meravigliosi come li ricordavo e non potevo fare a meno di guardare mentre Ann agganciava i pollici alla cintura delle sue mutandine bianche e le abbassava. Lei ne uscì e rimase davanti a me, nuda e splendida.

"Per l'amor del cielo David, sei ancora vestito!" e lei si è avvicinata a me, ha preso con calma l'orlo della mia maglietta e me l'ha infilata sopra la testa. Lo lasciò cadere sul pavimento e poi mi passò le mani sul petto. Ero piuttosto orgoglioso del mio corpo a quell'età: avevo un petto e uno stomaco sodi e una buona abbronzatura. Ann mi ha abbracciato e mi ha attirato a sé, così ho potuto sentire la morbida carne dei suoi seni contro il mio petto. Ho fatto lo stesso e ho inclinato la sua testa verso di me in modo da poterla baciare fermamente sulle labbra. Le mie mani scivolarono lungo la sua schiena per accarezzarle le guance del sedere, e i piccoli rilievi si adattarono perfettamente ai palmi delle mie mani. Li ho stretti a me mentre ci baciavamo più appassionatamente, le nostre lingue si intrecciavano e le nostre labbra premevano forte insieme.

Ann si allontanò e poi si inginocchiò davanti a me, prima di sbottonarmi la cintura dei jeans e abbassarli. Ne uscii e Ann guardò attentamente il rigonfiamento nei miei slip di cotone. Ormai ero quasi completamente eretto e il mio cazzo mi stava spuntando la parte anteriore dei pantaloni. Ann allungò la mano e posò la mano sul rigonfiamento, stringendolo delicatamente e accarezzando il solido tumulo. Chiusi gli occhi dal piacere mentre Ann continuava a massaggiarmi il rigonfiamento dei pantaloni con la mano destra e con la mano sinistra mi stringeva le guance del sedere. Poi velocemente mi ha afferrato la cintura dei pantaloni e li ha tirati giù, in modo che il mio cazzo fosse visibile. Ann ridacchiò mentre le toccava delicatamente un lato del viso.

"Wow... è adorabile!" e con mio grande stupore lo baciò dolcemente sulla punta prima di alzarsi. L'ho attirata di nuovo a me e ci siamo baciati, i nostri corpi si avvolgevano l'uno nell'altro e la mia erezione affondava nella sua pancia. Ann poi si allontanò e si avvicinò al letto, tirò indietro la trapunta e vi salì dentro. Lei mi guardò e diede una pacca sull'altro lato del letto,

"Fa molto più caldo qui, David!" Mi avvicinai e mi infilai nel letto, tirando su la trapunta fino a coprirci entrambi. Poi ci siamo coccolati insieme e sdraiati su un fianco ci siamo baciati e abbracciati appassionatamente. Ho fatto scivolare la mano destra sul sedere di Ann e ho sollevato la sua gamba finché non l'ha avvolta attorno ai miei fianchi. Le sue braccia erano intorno al mio collo e mi ritrovai a strofinare il viso contro la parte superiore dei suoi seni. Scivolò più in alto finché i suoi seni non furono davanti al mio viso e io baciai a turno ciascun capezzolo. Poi ho iniziato a baciarle e mordicchiarle il seno, facendo scorrere la lingua sui capezzoli sodi mentre la mia mano destra continuava a stringerle e ad accarezzarle il sedere.

Ann respirava più pesantemente ora mentre continuavo a lavorare sulle sue tette, e all'improvviso mi resi conto che le dita della mia mano destra stavano effettivamente accarezzando l'apertura del suo sedere. Poi li ho lavorati ulteriormente finché non sono riuscito quasi a raggiungere la sua figa, e Ann mi ha aiutato facendo scivolare ancora più in alto il mio corpo finché la mia mano non è riuscita a raggiungere le labbra della sua figa.

Ha sussultato quando le mie dita hanno trovato la sua figa e ho fatto scivolare le dita su e giù sulle sue labbra che ormai erano molto bagnate. A questo punto Ann era quasi inginocchiata a cavalcioni di me e la punta del mio cazzo sfregava contro l'interno delle sue cosce. Poi all'improvviso Ann ha fatto scivolare la mano tra i nostri corpi, ha afferrato il mio cazzo e lo ha guidato tra le sue gambe finché la punta non si è strofinata contro le labbra della sua figa. Poi con un movimento fluido lei fece scivolare il suo corpo verso il basso e il mio cazzo scivolò nella sua figa come un coltello caldo nel burro.

"Oh mio Dio, è così carino..." mormorai e alzai lo sguardo verso Ann mentre lei abbassava lo sguardo su di me. Lei mi sorrise e disse:

"Non suppongo che tu abbia portato con te alcuna protezione?" Ho sentito la mia faccia cadere. Non avevo pensato che saremmo arrivati ​​a questo punto e, anche se avevo dei preservativi a casa, non avevo pensato di portarne uno con me. Ann poteva ovviamente vedere la mia espressione.

"Niente panico… prendo la pillola!" Ann mi sorrise maliziosamente.

"Piccola bellezza!" Le ho sorriso ampiamente e, abbracciandola, ho abbassato la testa verso di me in modo da poterla baciare di nuovo. Abbiamo continuato a baciarci mentre il mio cazzo si annidava nella figa di Ann, e sentivo i muscoli comprimermi il cazzo anche se non avevamo ancora iniziato a scopare. Ho mosso i fianchi per spingere il cazzo più in profondità nella figa di Ann e lei ha risposto spingendo i fianchi verso di me. Le ho afferrato i fianchi con le mani e ho iniziato a spingere più forte, sapendo che non sarebbe passato molto tempo prima che arrivassi.

Ann cominciò a gemere e strofinò il viso contro il cuscino accanto alla mia testa. Il nostro ritmo aumentava mentre spingevo il mio cazzo dentro di lei e Ann rimbalzava sul mio corpo, gemendo ritmicamente mentre la scopavo.

"Sto arrivando... sto arrivando... sto arrivando..." Ann mi sussurrò all'orecchio mentre affondava i fianchi nel mio cazzo. All'improvviso gridò e strinse i muscoli della sua figa attorno al mio cazzo, seppellendo la testa nel cuscino e venne con tre o quattro spasmi profondi. Questo mi fece scattare e le afferrai le guance del sedere e conficcai il mio cazzo in profondità nella sua fica mentre venivo anch'io, spruzzando succo nella sua figa calda e bagnata.

Restammo entrambi sdraiati per qualche minuto respirando profondamente finché alla fine Ann si staccò da me e si accasciò accanto a me. Mi sono voltato a guardarla e sono stato accolto dal suo viso sorridente. Le sue guance erano rosse per lo sforzo e gocce di sudore le punteggiavano la fronte.

"È stato dannatamente geniale!" ansimò Ann. Il linguaggio mi ha sorpreso ma date le circostanze è stata una vera eccitazione e ho risposto,

"Mi piace quando parli sporco!"

Ann rise e mi disse: "Beh, tenendo presente che passeremo il resto della notte insieme, non vedo l'ora di succhiarti il ​​cazzo, poi tu potrai succhiare la mia figa, e finalmente potremo scoparci fino all'ultimo." fermati fino all'alba!" Risi e attirai a me Ann, godendomi il calore del suo corpo.

Continuammo a chiacchierare per un po', nessuno dei due era particolarmente stanco, sapendo che avevamo tutta la notte davanti a noi. Poi Ann si sporse in avanti e infilò la testa nell'incavo del mio collo, baciandomi dolcemente e mordicchiandomi la spalla, per poi farsi strada lungo il mio petto.

Mi sono sdraiato sulla schiena mentre Ann continuava a baciarmi lungo il corpo, scivolando sotto il piumone mentre lo faceva. Poi sentii la mano di Ann scivolare tra le mie gambe e prendermi le palle, cosa che presto fece scattare sull'attenti il ​​mio cazzo. Ho sentito le labbra di Ann baciare la punta del mio cazzo e la sua lingua volteggiare intorno alla testa. La sensazione era squisita. Sollevai con attenzione il piumone e abbassai lo sguardo, ma tutto ciò che potevo vedere era la parte superiore della testa di Ann che si muoveva all'altezza del mio inguine. Sembrava piuttosto felice laggiù, così ho lasciato cadere la trapunta e mi sono perso nelle gloriose sensazioni della lingua di Ann che lavorava sulla punta del mio cazzo. Poi ho sentito le sue labbra coprire il mio cazzo e all'improvviso tutta la lunghezza è scivolata nella sua bocca. Rimasi senza fiato mentre il calore della sua bocca mi avvolgeva e Ann cominciò a far scorrere le labbra e la lingua su e giù per l'asta.

Ero un po' preoccupato che Ann potesse avere problemi a respirare, così ho sollevato il piumone e l'ho buttato indietro scoprendoci entrambi. Ann mi guardò e fece l'occhiolino, ma continuò a succhiarmi avidamente il cazzo. Poi si dimenò finché non si trovò tra le mie gambe e sostenne il mio sguardo mentre rallentava i suoi movimenti, stuzzicandomi il cazzo con la lingua e i denti. Ho provato a trattenere io stesso il suo sguardo, ma poi ho dovuto cedere e gettare indietro la testa mentre con un sussulto sono arrivato. Non avevo pensato di avvertire Ann del mio imminente orgasmo, ma lei ha continuato coraggiosamente a succhiarmi il cazzo mentre venivo, stringendomi dolcemente le palle. Quando ebbi finito lei si inginocchiò e mi sorrise con le labbra serrate.

Ann poi aprì con attenzione le labbra, inclinò la testa in avanti e permise ad un flusso di sperma di gocciolarle lungo il mento e gocciolare sul suo seno. Devo confessare che è stato uno degli spettacoli più erotici che avessi mai visto. Poi si leccò le labbra, prima di saltare velocemente giù dal letto e prendere un fazzoletto dalla toeletta per asciugarsi.

Ringraziai sentitamente Ann, ma non mi piaceva chiederle dove avesse imparato una tecnica del genere. Cominciavo a rendermi conto che forse Ann non era così innocente come avevo pensato inizialmente e forse mi stavo lusingando pensando di essere il suo primo partner sessuale. Mi guardò in un modo strano, come se potesse quasi percepire cosa stavo pensando.

"Non sei il primo che sai..." disse per un attimo con un'aria piuttosto seria, il che ovviamente mi fece sentire in colpa per aver pensato che forse ero stata io ad ampliare i suoi orizzonti.

“C'era un mio cugino che ha qualche anno più di me, ed è venuto in vacanza con noi l'estate scorsa. I miei genitori pensavano che saremmo andati d'accordo e che avremmo potuto intrattenerci a vicenda mentre loro andavano in spiaggia. Questo è esattamente quello che abbiamo fatto!" Ann mi sorrise ma era ovvio che non avrebbe detto altro e io non volevo approfondire ulteriormente la sua relazione.

Ann tornò e si sedette accanto al letto e io posai leggermente la mia mano sulla sua guancia e la baciai sulle labbra. Poi l'ho rimessa sul letto e lei si è spostata fino a quando la sua testa non è stata sul cuscino e si è sdraiata. Mi sono avvicinato a lei e ho iniziato a baciarle le tette, facendo scorrere la lingua sui suoi capezzoli. Prendendo ogni seno a turno, li ho succhiati delicatamente e poi sono sceso lungo la sua pancia, baciandola mentre lo facevo. Ho raggiunto la linea dei peli pubici di Ann e ho strofinato le labbra attorno alla V del suo inguine prima di far scorrere delicatamente la lingua lungo l'interno delle sue cosce. A questo punto Ann allargò ancora di più le gambe e io potei trascinarmi intorno e sdraiarmi sulla pancia tra le sue gambe, con la mano avvolta intorno alle sue cosce.

Ciò significava che non solo potevo prestare tutta la mia attenzione alla sua figa con la lingua, ma potevo anche usare le dita. Ho aperto delicatamente le labbra della sua figa e ho fatto scorrere la lingua sperimentalmente su e giù su ciascun lato. Ho sentito Ann contrarsi e ho pensato che dovevo fare qualcosa di giusto! Ho continuato a far scorrere la lingua su e giù per l'ingresso della sua figa e poi ho cercato il suo clitoride.

Presto ho trovato il piccolo bocciolo rosa e l'ho strofinato delicatamente con il dito, provocando un sussulto in Ann. Mi sono chinato in avanti e ho fatto scorrere la lingua sul suo clitoride, baciandolo delicatamente con le labbra e facendo scorrere attentamente i denti su di esso. Questo sembrò far scattare Ann mentre gridava e mi afferrava la testa con le mani, spingendomi la faccia contro il suo inguine e sussultando ritmicamente. Ciò ha avuto l'effetto di stringere la mia bocca attorno alla figa di Ann e ho potuto assaporare i suoi succhi mentre veniva per quelli che sembravano minuti, piuttosto che secondi. All'improvviso crollò con un sospiro.

Mi sono avvicinato per sdraiarmi accanto a lei nel letto e ho rimesso a posto il piumone. Ann si voltò e mi sorrise dicendo:

"Sei sicuramente più bravo di mio cugino in questo!"

“Ne sono felice, odio la concorrenza!” rise Ann.

Non molto tempo dopo ci addormentammo entrambi uno nelle braccia dell'altro e ricordo di essermi svegliato una o due volte, un po' sorpreso nel trovare qualcun altro nel letto con me, prima di ricordare dove fossi. Alla fine ci alzammo verso le otto e facemmo colazione; nessuno dei due parlava molto delle nostre attività notturne, ma mi sentivo molto a mio agio in compagnia di Ann. Ora apprezzavo che non fosse bassa, era minuta. Non era banale, ma era carina come la ragazza della porta accanto. Anche se è una battuta banale, ho sentito che questo potrebbe essere l’inizio di una bellissima relazione!

Tuttavia potevo dire che Ann era preoccupata e supponevo che fosse consapevole del fatto che i suoi genitori sarebbero tornati presto e voleva assicurarsi che fossi fuori casa prima di allora. Mentre ci dirigevamo verso la porta d'ingresso chiesi ad Ann se potevo rivederla quella sera. Si fermò, con la mano sulla serratura della porta, e guardò brevemente i suoi piedi prima di alzare lo sguardo per guardarmi.

"David, non sono sicuro che ci rivedremo se non al college." Ne rimasi inorridito e stavo per discutere quando Ann alzò la mano. "Ci ho pensato da quando ci siamo svegliati, quindi per favore lasciami dire la mia." Sembrava inquietante.

Ann mi guardò.

“Non fraintendetemi, mi sono divertito moltissimo ieri sera e anche alla festa di Capodanno. Mi è davvero piaciuto quello che abbiamo fatto, ma ti conosco da quasi un anno ormai e abbiamo condiviso lezioni di francese durante tutto quel periodo. Prima non mostravi alcun interesse per me, e mi chiedo perché all'improvviso sei interessato adesso?" Lei mi ha guardato con aria interrogativa e sono andato a parlare.

“No, David lasciami finire. Mi piaci molto, sei un ragazzo dolce, ma ammettiamolo, ero l'ultima ragazza disponibile alla festa di Steve e ricordo la tua espressione quando mi hai chiesto di ballare. Non avevi intenzione di chiedermelo finché non fossi stato di fronte a te, e odio pensare che tu voglia uscire con me solo per il lato fisico della relazione. Sono felice che restiamo amici al college, ma penso che avrei voluto rimanere così, solo amici.

Non riuscivo immediatamente a pensare a qualcosa da dire, ma mi sentivo abbandonato. Sfortunatamente io e lei sapevamo entrambi che ciò che aveva detto era assolutamente giusto. Prima dell’incidente di Capodanno non avevo minimamente immaginato Ann, e furono solo le attività di quella notte e stasera che avevamo appena trascorso insieme a farmi pensare che volevo passare del tempo con lei.

Sentivo che non dire niente era meglio che dire qualcosa di cui in seguito avrei potuto pentirmi, così ho sorriso mestamente ad Ann e l'ho baciata sulla guancia mentre apriva la porta. Uscii nella luce del sole mattutino, mi girai a guardare Ann e dissi:

"Ci vediamo a lezione allora?"

Ann mi sorrise e chiuse la porta.

Storie simili

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

858 I più visti

Likes 0

Brutalmente scopata dal mio coinquilino etero: un altro livello di bromance_(1)

Kareem è uno studente universitario di 22 anni. Ha una specie di faccia da ragazzo carino; tiene i peli del viso allineati molto bene. È alto circa 5 piedi e 10 pollici, con una corporatura leggera e la sua pelle è del colore del caffè leggermente cremoso. Kareem ha da tempo accettato di essere gay, ma non è il tipo di gay frocio che cammina e parla in modo divertente e indossa abiti femminili. È solo un tipo delinquente che ama davvero il cazzo; un mestiere, per così dire. Bene, nel suo ultimo anno di college, ha molto più di quanto...

581 I più visti

Likes 0

Un giorno da ricordare_(3)

Tutto è iniziato quando sono stato in grado di andare in un bed and breakfast senza vestiti nel Maine che i miei occhi erano aperti su ciò che mi aspettava. La visita nel Maine mi ha colto di sorpresa, mentre in viaggio d'affari ho deciso di soggiornare in un B&B invece che in un hotel. Era novembre quindi faceva un po' freddo ma hanno una piscina coperta e in un edificio accanto alla piscina una sauna. Entrando nella sauna non mi ha sorpreso trovare uomini e donne nudi seduti intorno. C'era una grande sauna, ma presto ho scoperto che c'erano diverse...

616 I più visti

Likes 0

Parte 5 - Sue diventa una star_(0)

Parte 5 continua dalla parte 4… La sua testa pendeva dalla vergogna, la sua tetta pulsava e le faceva male e ora era quasi nera, poi con suo orrore il ragazzo disse. Beh, se non l'hai tenuto giù, le palle tornano dentro. Ha messo tutte le palle nella borsa e poi ha iniziato a farla oscillare come un pendolo. Sue lanciò un urlo da grondaia e disse no stop, per favore se ne vadano. Possiamo fotterti nel culo, il ragazzo ha detto: Sì, sì, toglilo e basta. 'Sei sicuro'. 'Sì, ​​toglilo.' Lentamente le tolse la sacca e la corda attorno alla...

529 I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

505 I più visti

Likes 0

Festa Madre Figlia (3 di 12)

Festa mamma-figlia (parte 3 - Mamma, papà e Anna trio) Non appena il film finisce, abbasso la bocca di Tom verso la figa di sua figlia e gli dico che spetta a lui decidere se avrà un orgasmo oggi. Cosa vorresti che facesse papà? Sto imparando velocemente che esiste più di un tipo di tortura per la mia figa. Tieni la mia figa al limite il più a lungo possibile senza permetterle di produrre sperma. Quando avrai finito, mamma mi stuzzicherà la figa con lei bocca allo stesso modo. Manteniamo Anna sull'orlo dell'orgasmo per quasi un'ora e quando stacco la bocca...

336 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.6K I più visti

Likes 0

Vorresti due di me? Questo avverrà in un futuro molto prossimo….. ….Sono Lisa e ho fatto un grande passo e ho messo insieme segretamente un clone e una combinazione robotica di me stesso. La mia azienda pensava che fosse solo l'ultima ragazza robot che avevo creato. Ho aspettato che il ragazzo giusto lo provasse. Ho finalmente trovato quello che cercavo. Era bello, sexy e giovane. Perfetto…. --------- …Ron…. ...Ho ricevuto informazioni su un'azienda che voleva che qualcuno provasse la loro ultima ragazza robot. L'ho esaminato e sembrava interessante. Li ho contattati e mi hanno accettato come un buon test per lei...

1.6K I più visti

Likes 0

Il nuovo capannone

Stavo costruendo un nuovo laboratorio e avevo bisogno di aiuto. Ho chiamato quattro amici che avevano abilità di falegnameria e per me erano incontri regolari. Sapevamo tutti di essere partner sessuali, ma mantenevamo le cose discrete poiché nessuna delle nostre mogli sapeva delle nostre attività extrascolastiche. Il cemento per il pavimento era già stato versato da due gentiluomini molto energici, ma questa è un'altra storia. Il legname era stato consegnato pochi giorni fa insieme a tutto l'hardware. La stazione della sega è stata allestita in una zona ombreggiata in modo che i lavori potessero procedere rapidamente. Le mogli hanno portato tutti...

1.4K I più visti

Likes 0

Il wrestling ci ha fatto iniziare....

Quando avevo 18 anni avevo un amico intimo con cui uscivo tutto il tempo. Il suo nome era Davide. Anche se entrambi eravamo interessati alle ragazze e all'epoca avevamo amiche fisse, abbiamo trascorso molto tempo insieme e siamo riusciti a finire con qualche sperimentazione sessuale l'uno con l'altro. La prima volta che abbiamo fatto qualcosa, stavamo scherzando sulla dimensione del cazzo e continuava a insistere che era più grande del mio. Ci eravamo visti i cazzi l'uno dell'altro e il suo sembrava essere uguale al mio. Ma ha affermato che è diventato molto, molto più grande quando è diventato difficile. Ha...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.