Io e mia sorella Sarah - Conclusione

591Report
Io e mia sorella Sarah - Conclusione

Io e mia sorella Sarah - Conclusione
Mia nipote Annie aveva appena varcato la soglia della casa di sua madre ed era l'immagine sputata della mia sorellina prima che perdessimo i contatti. Nostra madre aveva cacciato Sarah di casa e né io né mio padre la vedevamo da quasi trentacinque anni. La vista della figlia di mia sorella mi aveva fatto pensare se soffrissi di visione doppia!

Non ero sicuro di quanto Annie sapesse di Sarah e del mio passato, il che mi rendeva un po’ titubante nel menzionare tutto ciò di cui io e Sarah avevamo discusso dal mio arrivo in Idaho. Quella era probabilmente l’idea migliore che avevo avuto tutto il giorno. Intendiamoci, erano ancora solo le 9:00. Forse è stata la mia idea migliore perché era la mia unica idea, finora quel giorno!

"Bene bene bene! Ho davvero una nipote! E anche molto carino, aggiungerei!”. Cavolo, se lo mettessi più spesso, avresti bisogno di un coltello per uscirne! "Penso che, prima di ammettere chi sono, dovrei scoprire quali bugie tua madre ti ha raccontato su di me, non è vero?". Non c'era alcuna reale pressione da parte mia che potessi percepire, solo il solito gatto sul tetto che scotta che si dimenava.

"Brian, conosce gran parte del nostro passato, fino al momento in cui mi sono trasferita qui", intervenne Sarah, più che altro per mia informazione e come ulteriore leva per togliermi il piede dalla bocca. Avevo solo bisogno di qualche chiarimento su un punto.

“Sorellina, questo include anche il nostro. . .”. Non avevo fretta di eliminare le etichette, nel caso Sarah non fosse arrivata a quel livello di dettaglio.
“Sì, fratello maggiore, compreso il nostro. Annie sa che ti ho telefonato e perché. Abbiamo passato una lunga serata a parlare, anche se non ho rivelato tutti i dettagli cruenti! Queste sono cose tra me e te, a meno che tu non abbia intenzione di scrivere un best-seller basato su questi dettagli”. Ho visto quella piega nell'angolo dell'occhio di mia sorella. "Dannazione! Farei meglio a stare attento a quello che dico qui! Potresti farlo anche tu! NO! Non lo faresti. . . lo faresti, Brian?”.

Ridacchiando piano, le ho detto che non avevo alcun progetto letterario, beh non che includesse la rivelazione di informazioni che non erano affari di nessuno tranne che nostri. Lo sguardo di sollievo sul volto di Sarah consolidò quella promessa nella pietra.

“Allora, zio Brian? Per quanto tempo starai qui? Abbastanza a lungo da permettermi di conoscere il mio . . . unico zio, spero?", chiese Annie, poi si sedette sulla sedia accanto a me e mi guardò con quello sguardo. Se non lo sapessi, giurerei che sua madre dava lezioni!

«Non ne sono ancora sicuro, Annie. Per quanto tempo starò qui, intendo. Tutto dipenderà da come andranno le cose in Ontario, immagino. Ma non vedo alcun motivo per cui non possiamo conoscerci. Puoi?". L’ho lasciato aperto per qualche stupida ragione, e ho subito desiderato di non averlo fatto. Le allusioni cominciavano a venire fuori, veloci e furiose. Sembrava che fosse giunto il momento di cambiare di nuovo piede. Fortunatamente, Sarah è venuta in mio soccorso, prima che mi soffocassi con gli stivali.

“Brian, potresti correre fuori a prenderci dell'altro caffè? Pensavo di averne un'altra lattina qui, ma non riesco a trovarla. Se questo si trasformerà in una tipica festa della parlantina di Pelham, ce ne servirà una grande”, quasi implorò Sarah. Ho accolto con favore la tregua.

«Certo, sorella. Qualche marca in particolare?”, ho chiesto mentre balzavo dal mio posto nel tentativo di ritirarmi frettolosamente.

“Zio Brian, verrò con te. So cosa piace alla mamma e dove lo tengono", si offrì Annie.

Ho guardato la mia sorellina con aria interrogativa e lei mi ha ricambiato con uno sguardo rassegnato. Prima che le due donne litigassero, ho pensato che avrei trovato riparo dalla tempesta imminente.

«Annie, aspetta, vado a prendere la borsa. Avrai bisogno di soldi. Brian, ti aspetto in macchina, ok? Questo se riesci a sopportare le sue chiacchiere! È peggio di me!”. Personalmente non pensavo che una cosa del genere fosse possibile, ma se Annie aveva ottenuto l'aspetto di sua madre, c'erano buone probabilità che avesse ottenuto anche la mascella tremante di Sarah.

Sono uscito e ho iniziato a chiudere la porta quando ho sentito Sarah parlare severamente con sua figlia.

“Ascolta Annie. Quello è mio fratello, e voglio che tu mi prometta che terrai lontane da lui le tue manine sporche! Senti cosa dico, signorina?".

“Oh mamma, smettila di essere così preoccupata! Non gli farò saltare le ossa, se è questo che ti preoccupa! Anche se, per un vecchio, sembra un po'... . . interessante!”, ribatté Annie alla madre. Sospetto che Sarah abbia rivolto a sua figlia uno di quegli sguardi malvagi che solo lei può evocare quando è davvero arrabbiata, perché Annie ha aggiunto, con voce stridula: “Okay! Va bene! Ho capito, mamma! Lo zio Brian è vietato, vero? Ma devi promettermi che anche tu terrai le mani lontane dal mio ragazzo! Chris è in città per la settimana, ed è comunque la persona con cui voglio stare!”.

"Non ho mai toccato nessuno dei tuoi fidanzati, e lo sai!", urlò Sarah. “Non che non sarei tentato. Alcuni di loro sono stati davvero carini! Ma il patto era, ed è sempre stato, che non saccheggiassimo i letti degli altri! Questo vale ancora! Fatto?".

"Sì, ho capito", riconobbe Annie con voce piuttosto mite. Ero sicuramente felice di non essere rimasto intrappolato nel mezzo di quello!

Qualche istante dopo, Annie salì in macchina con un'espressione acida sul viso e un'espressione accigliata sulle labbra.

“Problemi?”, le ho chiesto.

“No. La mamma è solo un po' di cattivo umore, tutto qui. Immagino che abbia solo bisogno del suo caffè mattutino. Andiamo, prima che abbia un altro sibilo!”.

Andavamo e tornavamo nel giro di dieci minuti. Mentre scendevamo dall'auto, dissi ad Annie che io e lei avevamo qualcosa da parlare.

"Che dire? Tu e mamma? Il fatto che voi due foste amanti? So già di quella parte, zio Brian, quindi non devi preoccuparti. Cos'altro avevi in ​​mente? Per parlare, intendo”.

“Va bene, conclusione. Tua mamma è stata, è e sarà sempre una parte molto speciale della mia vita. Sembra che potremmo riprendere da dove avevamo interrotto tanti anni fa. Sarà un problema?”, quasi la torchiai con una di quelle voci autoritarie.

“No, immagino di no. Voi due condividete il letto mentre siete qui? Non che siano affari miei, ma sarebbe carino saperlo. Voglio dire, non vorrei intromettermi in voi due quando siete nel bel mezzo di qualcosa", ha confidato Annie.

“L’ho fatto ieri sera e mi piacerebbe farlo di nuovo. Ma questa è la decisione che deve prendere tua madre. Dopotutto, è casa sua”.

“Zio Brian, c’è stato un solo uomo in quel letto in tutta la mia vita. . . beh, due, compreso te. Mia mamma è una persona piuttosto leale in questo senso e la ammiro per questo. Immagino di essere molto simile a lei, in questo senso. Il mio ragazzo è davvero speciale per me, proprio come lo è la mamma per te. L'idea di tradire Chris non mi è mai passata per la mente, e dubito che lo farà mai. Quindi potete rilassarvi entrambi, ok?". Annie rimase in silenzio per qualche secondo prima di aggiungere: "Ma se non fossi andata con Chris, e se tua sorella non fosse mia mamma...". . . “. Ho colto quel sorriso sornione e connivente sul viso di mia nipote. Nonostante il mio miglior giudizio, le ho dato una bella pacca sul suo bel culetto.

«Tenetelo per te, signorina. Ma Sarah è la donna che amo e non farò nulla che possa ferirla. Mai!". La povera Annie sembrava una ragazzina perduta, rifiutata dal mondo intero.

Una volta dentro, ho trovato Sarah affaccendata in cucina. Stava preparando qualcosa che aveva un buon profumo, che mi fece venire l'acquolina in bocca. Avvicinandomi alla porta, Sarah mi attirò alle sue labbra e mi baciò con quello che sembrava trentacinque anni di passione repressa.

"Hmm! Dovrò andare a fare la spesa più spesso!”, le ringhiai, la mia voce tradiva la mia gioia. Poi l'ho guardata negli occhi e sembrava turbata. “Uhm, sorellina. Vedo preoccupazione sul tuo viso? O forse un tocco di . . . Non lo so?". Sarah mi guardò senza dire una parola, ma la sua preoccupazione era chiara come il giorno. «Senti, sorella, se sei preoccupata per Annie, non esserlo. Sono un uomo donna e tu lo sai. Nel profondo, so che lo fai. Annie dice di avere un ragazzo, e sembra il tipo di persona che può tenerla sotto controllo, da quello che mi ha detto tua figlia. Non che mi abbia detto molto e io non ho curiosato”. Mi sono chinato in avanti e le ho dato un bacio morbido su quelle sue labbra sensuali, poi l'ho girata verso la cucina e le ho dato una leggera spinta. Ha resistito quel tanto che basta per potersi appoggiare a me, girare la testa e baciarmi sulla mascella.

“Grazie, Brian. Forse ho reagito in modo eccessivo, ma è passato molto tempo dall'ultima volta che stavamo insieme. Non ne ero sicuro. Adesso che lo sono. . . “, e tornò in cucina, con un passo più scattante.

Proprio in quel momento squillò il telefono e Sarah rispose.

"Ciao? . . . Sì, è proprio qui. Solo un momento", poi Sarah porse il telefono ad Annie.

"Ciao? . . . Ciao chris! . . . Sto per sedermi per un caffè. . . quindici minuti? Certo, potrò essere pronto per allora. Devo portare qualcosa? . . . Ok, dolci! Ci vediamo quando arrivi qui! Ti amo! Ciao”, e Annie riattaccò. Direi che si è seduta di nuovo al tavolo della cucina, ma era più come fluttuare giù che sedersi. Aveva quello stupido sorriso stampato in faccia che solo un'adolescente follemente innamorata può produrre. Cosa stavo dicendo? Era un'adolescente e, a quanto pare, molto innamorata.

«Chris sta arrivando. Nel pomeriggio andremo allo stadio. Qualcosa di cui avevano bisogno per finire una delle torri non è arrivato, quindi si prendono un giorno libero e organizzano un torneo di softball. Poi mi porta fuori a pranzo da qualche parte”. Ci fu una breve pausa durante la quale Annie riprese fiato prima di aggiungere: "Ehi, perché non ci vediamo lì e andiamo tutti a pranzo? Sono sicura che a Chris non dispiacerà e potrò presentargli mio zio!”.

"Giusto! Scommetto che lo adorerà! Un po’ come andare a caccia con un guardiacaccia, no?”, ho detto. Potevo vedere l'espressione sul viso di mia sorella che mi diceva che aveva in mente qualcos'altro oltre a una partita di softball. Mi sono sentito orgoglioso di me stesso quando mi sono reso conto che stavo ricordando le diverse espressioni facciali usate da mia sorella e il significato di ciascuna. Quando ho trovato quella scusa, lei si è visibilmente rilassata.

«Ti dico una cosa, Annie. Tua mamma e io abbiamo un sacco di cose da recuperare e alcune idee su cui riflettere. Vedremo come andiamo e, se riusciamo ad adattarci, ci vediamo allo stadio. Se non ci presentiamo è perché è successo qualcosa. Va bene?". Annie accettò il commento alla lettera. Sarah capì immediatamente il doppio senso e sorrise. Il pranzo sarebbe stato tardi!

Ben presto suonò il clacson e Annie fu fuori dalla porta quasi prima che si aprisse, gridando addio da sopra la spalla. Mi sono alzato e ho finito di chiuderglielo.

“Okay, fratellone, ora che ti ho tutto per me, che vuol dire che ci mettiamo in pari? Stai pianificando di guadagnare trentacinque anni in una mattinata, o qualcosa del genere? Hmm? Perché non penso che riusciremo a recuperare così tanto in così poco tempo!”, e si alzò, dirigendosi verso il corridoio. "Cumming?", ringhiò.

"Umm, dovrei portare il caffè con me?", la presi in giro.

“Oh-h-h-h! Uomini!”, ribatté lei.

Ho provato a raggiungerla, ma tutto quello che ho potuto vedere è stato quel piccolo sedere sodo che scompariva dietro un angolo. Mi chiedevo dove fosse diretta, ma avevo una buona idea. La mia teoria si è rivelata corretta.

Entrando in camera da letto, sono quasi stato colpito da una trottola volante, con un reggiseno proprio dietro. Le dita di Sarah si spostarono sul davanti dei suoi pantaloni e sapevo che neanche loro desideravano questo mondo. Quando mi sono slacciata la camicia, lei era nuda, distesa sul letto, e mi fissava con un cipiglio di fastidio per il mio ritardo. Quando fui dall'altra parte della stanza e accanto al letto, eravamo entrambi nudi e pronti a recuperare terreno.

Mi sono seduta sul bordo del letto e sono stata subito aggredita dalla mia sorellina. Mi aveva avvolto un braccio attorno al petto e mi stava portando in posizione orizzontale con i piedi ancora appoggiati sul pavimento. Potevo sentire il mio cazzo iniziare a indurirsi in attesa di fare l'amore con questa bellissima creatura sopra di me.

Mentre atterravo sulla schiena, Sarah scivolò sul pavimento tra le mie gambe e immediatamente bevve il mio cazzo semi-eretto nella sua bocca, prendendo tutta la mia lunghezza dentro di sé.

“Sorellina? Cosa pensi di essere? . . Oh Dio! È così piacevole! Faresti meglio a non pensare di prendermi in giro come facevi una volta!”, gemetti. Era risaputo che Sarah mi faceva erigere, per poi allontanarsi di tanto in tanto, soprattutto quando era incazzata con me per qualcosa.

Quella sua lingua magica circondava il mio cazzo, stuzzicando sia i bordi che quel punto sensibile sulla parte inferiore dell'elmo che aveva scoperto per la prima volta tanti anni prima. In pochi istanti ero duro come una roccia. Facendo scivolare le labbra su e giù lungo la mia asta mentre mi indurivo, si concentrò sulla testa per un minuto, poi scivolò lungo la mia lunghezza in più fasi. Ad ogni colpo successivo delle sue labbra, prendeva un centimetro o più finché la punta del mio cazzo non era contro il retro della sua bocca, poi continuava finché non aveva ingoiato tutta la mia lunghezza, con la testa del cazzo sepolta nella sua gola. Tra le contrazioni spasmodiche della sua gola e le vibrazioni delle sue corde vocali, aveva sicuramente tutta la mia attenzione! Mi teneva in quella posizione per diversi secondi, poi mi lasciava, scivolando indietro fino alla punta dove danzava di nuovo intorno alla mia testa del cazzo con la lingua prima di tornare lentamente alla base della mia asta. Nel giro di pochi minuti, ho potuto percepire l'inizio di un enorme orgasmo dentro di me. Aspettando con ansia uno dei fantastici pompini di Sarah, ero completamente impreparato per la sua prossima manovra, quando ha lasciato la presa su di me e mi ha tirato fuori dalla bocca.

“Aw, dannazione, sorella! Non è giusto prendermi in giro in quel modo!”, gridai frustrato.

“Brian, stamattina avevi gli occhi puntati su mia figlia!”, ringhiò Sarah. "Faresti meglio a non avere progetti su di lei, altrimenti dovrò farti del male, alla grande!". Mi riprese tra le sue labbra e potevo sentire i suoi denti mordermi l'asta con una presa sempre più stretta. All'inizio pensavo che potesse aver sviluppato qualche nuovo trucco che non avevo mai sperimentato, ma quando ha minacciato di infliggermi qualcosa di più del semplice dolore a livello di stimolazione, mi sono davvero preoccupato per il benessere del mio cazzo.

“Ow, sorella! Stai diventando un po' aggressivo con questo! Che diavolo?", la chiamai. Ha lasciato la presa sul mio cazzo, è scivolata lungo la mia asta finché la testa del cazzo non ha toccato le sue tonsille, poi è scivolata di nuovo su e mi ha tirato fuori da lei.

«Volevo solo farti sapere cosa succederebbe se mai ti sorprendessi a fare cazzate! Stamattina ti ho quasi cavato gli occhi! Merda, non ricordo di essere stato così arrabbiato da allora. . . da quando la mamma mi ha buttato fuori! Mi ha riportato alla mente alcuni ricordi che preferirei rimanessero sepolti! Mi capisci, fratello maggiore? Non tollererò che tu stia con nessun'altra donna! Mi ci è voluto molto tempo per ritrovare il mio fratello maggiore! Non lo perderò senza combattere duramente!”
.
Il mio cazzo aveva perso da un bel po' la sua integrità erettile. Sarah cominciò ad accarezzarmi il corpo nel tentativo di ristabilirne la rigidità, ma con quello sfogo mi aveva scosso abbastanza da rendere il compito a metà tra il veramente difficile e l'impossibile. E litigare con la mia sorellina non era qualcosa che mi interessasse molto in quel momento.
“Sorella, vieni qui. Dobbiamo mettere in chiaro qualcosa”. Sarah si spostò sul letto, appoggiandosi su una mano per sostenersi accanto a me. Rimasi in posizione orizzontale, guardandola negli occhi. Sembravano essere pieni di una combinazione di rabbia, gelosia e preoccupazione. Spinsi velocemente e con fermezza contro il suo gomito, costringendola a crollare in modo tale da poterla tenere stretta a me con la testa sul mio petto, il mio braccio avvolto intorno alle sue spalle.
“Sarah, ho aspettato questo giorno per trentacinque anni! Non ho intenzione di rovinare tutto adesso! Sì, Annie è una giovane donna molto bella e sembra aver acquisito tutti i migliori attributi di sua madre. Ma non è per me. Capire? Quello che vedo, quando la guardo, sei tu. Nel modo in cui ti ricordo, poco prima di andare a Inuvik. Vederla è come rivisitare una parte del passato che era calda, amorevole e speciale", e ho baciato la fronte di Sarah mentre stringevo la presa sulle sue spalle. Approfittai della pausa nella conversazione per riordinare i miei pensieri.

“Annie fa rivivere ricordi meravigliosi, ma quei ricordi fanno parte di un tempo che era una volta. Sono proprio questo, ricordi, e li custodirò per il resto della mia vita. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti e non possiamo tornare indietro nel passato, ma solo andare avanti nel futuro. Voglio che quel futuro sia con te, non con qualche ricordo. Ricordo l'amore che condividevamo, le speranze e i sogni che avevamo, e mi rendo conto che ci è stata data una seconda possibilità. Abbiamo la speranza di realizzare alcuni di questi sogni adesso. Che sia dannato se rovino tutto per una giovane figa che non è la tua. Fatto?".

Sarah mi ha guardato negli occhi e immagino che abbia trovato quello che cercava, perché è scivolata sul mio petto per baciarmi, dapprima leggermente, poi con crescente intensità. Potevo sentire l'urgenza nella sua richiesta mentre la sua lingua cercava la mia, per intrecciarci insieme con un livello di intimità che solo gli amanti possono comprendere. Ho ceduto felicemente alla sua insistenza, sentendo quel fin troppo familiare sondaggio nella profondità della mia tavolozza che non aveva mai smesso di mandarmi brividi in tutto il corpo. Mentre ero ancora catturato dalla crescente lussuria della mia sorellina, ci ho fatti girare entrambi in modo che lei fosse sulla schiena. In questa posizione potevo accarezzarle il seno e stuzzicarle i capezzoli, alternando una sfera liscia all'altra. La sua pelle era così morbida e liscia, la sua carne così flessibile e invitante!

Interrompendo con riluttanza quel bacio, mi spostai verso il suo seno, prendendo prima un capezzolo tra le labbra, masticandolo fino a raggiungere un'erezione turgida e facendo roteare la lingua sopra e attorno ad esso mentre giravo l'altro tra pollice e indice, quindi cambiavo. Ho alternato le sue due sfere, volendo dare a ciascuna lo stesso piacere. Sarah gemette per l'attenzione rivolta al suo corpo, stringendomi forte al suo petto nella sua versione di una presa mortale. Man mano che la sua eccitazione cresceva, ho tracciato una linea lungo il suo ventre, fermandomi per salutare l'ombelico con la punta di un dito prima di continuare con la consistenza setosa della sua zona vaginale, dove ho ballato nella loro morbidezza come fate magiche in un film shakespeariano. giocare. Sarah gemette di lussuria con un tono diviso tra una richiesta di più e un invito a esplorare le profondità della sua femminilità. Ho trovato difficile prendere una decisione, ma il desiderio di darle piacere mi ha spinto a cercare il suo clitoride.

Quando il mio dito si insinuò nella parte superiore della sua fessura, quella punta di piacere si sollevò per salutarmi. Quella danza tra la sua protuberanza e il mio dito, che la invitava a sollevarsi dai confini del suo cappuccio protettivo, divenne quella di un ricongiungimento intimo. Mentre il suo clitoride si sollevava e si induriva, l'ho solleticato leggermente finché non ha raggiunto la massima erezione. Separandomi con riluttanza da quella parte nervosa del sesso di Sarah, ho lasciato che le mie dita scivolassero lentamente tra le sue labbra esterne, assaporando la sua umidità che si diffondeva mentre invitava il mio dito errante nel suo tunnel dell'amore. Muovendo il pollice per continuare ad accarezzarle il clitoride, ho esteso quel dito nelle calde profondità umide della fica di Sarah, godendomi il calore che irradiava. Sarah sussultò bruscamente per il bisogno lussurioso di essere penetrata, poi miagolò in approvazione per il mio lento ma costante progresso nei recessi della sua caverna più intima. La sua stessa mano aveva trovato il mio cazzo ormai eretto mentre lentamente ma con fermezza lo afferrava e ne accarezzava la lunghezza. Ho iniziato a baciarle il torso nel tentativo di unirmi alla ricerca che il mio dito stava conducendo.

Mentre i miei baci percorrevano il suo corpo snello, lasciando una scia umida sullo stesso percorso che le mie dita avevano tracciato prima, presi il suo clitoride tra le mie labbra. Ho sostituito le cure del mio pollice con quelle della mia lingua, facendola scorrere sopra e attorno alla sua protuberanza, poi succhiandola mentre lei si contorceva per il piacere. Il rivolo dei suoi succhi d'amore era diventato un flusso costante dalla sua fica, inondando le sue labbra esterne con quel nettare inebriante che desideravo. Facendo scorrere la lingua tra il suo clitoride e il suo ingresso riscaldato, ho assaggiato i suoi succhi, inebriato dai suoi effetti su di me. Nel disperato tentativo di raggiungere la sua fonte, la mia lingua è entrata nel suo canale, trovando non solo una maggiore fonte di succo, ma anche i sapori e la morbidezza vellutata delle sue pareti. Le mie esplorazioni furono accolte con una serie di sussulti acuti mentre iniziavo a scopare sul serio la mia sorellina con la lingua.

“Dannazione, Brian! Stai tradendo! Hai idea di quanto vorrei succhiare quel tuo splendido cazzo in questo momento? La mia fica sembra così piena, ma la mia bocca sembra vuota, deserta! Vieni qui! Dammi quello che voglio, quello di cui ho bisogno. Smettila di nascondere quel tuo cazzo duro dove non riesco a prenderlo!”.

“Pazienza, tesoro mio”, le sussurrai in risposta. "Sono un po' occupato a godermi la fica più gustosa del pianeta in questo momento, e mi rifiuto di lasciarla, anche per un secondo, finché non mi sarò saziata!".

“Stronzo, dammi quel cazzo da succhiare, prima che io. . . prima che io . . . Oh merda! Troppo tardi! Cervello! Sto per venire!", e inspirò profondamente, poi iniziò a tremare mentre il suo climax iniziava a invadere tutti i suoi sensi. Afferrandomi la testa tra le mani, mi spinse forte contro la sua figa mentre il tremore del suo orgasmo si diffondeva in tutto il suo corpo. Poi ha iniziato a urlare in estasi mentre mi inzuppava la bocca e il viso con gli schizzi della sua ragazza-sperma! L'ho lambito, poi ho succhiato tutto quello che poteva darmi, quasi venendomi con la gioia lussuriosa delle sue offerte. Mentre quel getto diminuiva, le mie labbra cercarono di nuovo il suo clitoride, cercando di prolungare il suo orgasmo il più a lungo possibile. Il risultato fu un altro grido di lussuria che segnalò il successo, immediatamente seguito da un'altra serie di brividi mentre Sarah aumentava la pressione contro la mia testa. Ogni colpo della mia lingua sul suo clitoride produceva un'altra contrazione reazionaria che si irradiava dal suo sesso alla pancia anche mentre lei scuoteva le gambe in risposta comprensiva. L'ho tenuta al culmine della passione per più di un minuto intero, godendomi le reazioni a ciò che stavo facendo per la mia sorellina più di quanto pensassi di poter mai fare! Poi, a passo di lumaca, Sarah scivolò sensualmente dallo sballo sessuale del Nirvana al suo plateau di soddisfazione temporanea.

“Bastardo!”, ringhiò. “Volevo quel cazzo mentre tu mi facevi! Non farmi mai più una cosa del genere! Merda, hai lasciato una parte di me vuota e abbandonata! Dovrei picchiarti a sangue per questo!”.

"Hmm. Bene, sorella, se è un cazzo che vuoi, è un cazzo che avrai!", e mi sono sollevata finché la mia testa del cazzo non ha solleticato l'ingresso della sua fica, stuzzicando le sue labbra interne con il suo tocco.

«Brian Pelham, figlio di puttana! Se mi prendi in giro ancora un minuto, ti strappo via quella dannata cosa e me la tengo dentro per il resto! Dannazione, fratello maggiore, prendi la tua sorellina, subito! Dammi quello splendido cazzo che desidero così tanto!”. Cominciai a far scivolare il mio membro turgido nella sua fica fradicia, godendomi la morbidezza delle sue pareti, anche se il calore del suo sesso minacciava di bruciarle la pelle.

“Oh Dio, sì-e-e-s-s-s! Vieni dentro di me! Datemi tutto di voi! Merda, ho così tanto bisogno di te, Brian! Amami! Ama la tua sorellina, la donna che ti ama così dannatamente!", gemette Sarah, il suo tono gutturale ispirato dalla sua stessa lussuria e desiderio!

Quando fui completamente sepolto nella sua figa inebriante, cominciai ad accarezzarla lentamente dentro e fuori, tirando indietro fino a quando solo la testa del cazzo era ancora catturata, per poi tornare in tutta la sua profondità. Potevo sentire la sua cervice aprirsi e accarezzarmi la testa del cazzo mentre toccavo il fondo, poi con riluttanza rilasciarmi mentre mi ritiravo per compiacere Sarah con un altro colpo completo lungo le pareti della sua fica. Iniziò a stringere la mia asta che si ritirava con i suoi muscoli vaginali nel vano tentativo di trattenermi dentro di sé. Fu solo grazie alla sua umidità scivolosa che potevo muovermi dentro di lei. Ho iniziato ad aumentare la velocità di ogni colpo, fino a pompare dentro e fuori da lei a intervalli di un secondo, lottando per superare l'attrito della sua tensione. La sua presa cominciò ad alternarsi tra la presa strangolante mentre mi allontanavo e il suo invito rilassante ogni volta che ritornavo nelle profondità ribollenti del suo centro d'amore. Il risultato è stato un grado di stimolazione sul mio cazzo che sembrava ipnotizzante. Le sensazioni cumulative richiedevano che le mie palle si sollevassero mentre spingevano quel carico della mia sostanza appiccicosa calda nella base del mio cazzo, riempiendo il mio tubo di sperma fino ai suoi limiti. Le conseguenti contrazioni del mio cazzo avvisavano di un imminente rilascio del mio sperma nella fica affamata della mia amorevole sorella.

“Dio, sorella, sono così vicino! Sento che mi sto preparando a riempirti! Argh!! Sorellina, lo farò. . . Sono c-c-u-u-u-m-m-m-i-i-i-n-n-n-g-g-g!", e il primo getto esplose dalla testa del cazzo, spruzzando e rivestendo ogni possibile superficie delle pareti della sua fica, saturando poi l'attesa anticipazione della sua cervice!

Fu abbastanza per spingere Sarah ad un'altra rapida ascesa verso le porte del Nirvana. Ad ogni esplosione successiva nella sua figa affamata, sussultava bruscamente mentre il suo corpo tremava e tremava per la reazione all'impatto del mio seme dentro di lei. Quando ebbe ricevuto la massima stimolazione che il suo centro d'amore poteva gestire, urlò per il gradito rilascio delle tensioni che il suo corpo aveva creato durante il suo climax.

“Dio, sì-e-s-s-s-s! Riempimi con quel seme magico, Brian! Oh Dio, lo sento! Mi stai riempiendo così meravigliosamente! Portami! Prendi la tua sorellina! Rendila la tua donna, dammi il mio uomo! Fratello maggiore, sono c-c-u-u-u-m-m-m-i-i-i-n-n-g-g-g!”. Le pareti della sua fica svolazzavano e mi afferravano con la loro richiesta del mio seme, mungendo il mio cazzo fino a quando le mie palle non furono prosciugate.

La lenta discesa dalla vetta al calore del nostro ultimo bagliore è stata come fluttuare attraverso i cieli su ali sottilissime. Veleggiare giù da quelle altezze sembrava fluttuare nell'aria, il calore del nostro legame speciale ci avvolgeva e ci avvolgeva con un amore che non può essere Non può essere descritto con semplici parole. Sarah mi ha trattenuto dentro di sé il più a lungo possibile, finché il mio cazzo non è diventato flaccido ed è scivolato fuori dalla sua fica, il suo calore mi ha inondato come se fosse un triste addio. Mi sono rotolato sulla schiena, trascinando Sarah con me mentre l'abbracciavo forte contro di me nel disperato tentativo di mantenere l'esistenza del nostro inespugnabile bozzolo di amore reciproco e il suo isolamento dal resto del mondo. Premere strettamente il suo corpo contro il mio è servito solo a rafforzare la forza di quel legame tra i nostri cuori e le nostre anime. Il mondo sarebbe potuto finire in quel momento e nessuno di noi se ne sarebbe preoccupato!

“Ti amo, fratello maggiore! Dio, quanto mi sei mancato, mi è mancato il tuo amore, mi è mancato essere la tua donna!", mi sussurrò Sarah all'orecchio, poco prima di agganciarsi alle mie labbra nel tentativo di forgiare una presa ancora più forte su quell'incantesimo magico che il nostro amore aveva creato.

«Ma se mai mi prenderai in giro di nuovo in quel modo, io...». . . Malato . . . Merda, non so cosa farò, ma non ti piacerà! Garantita! Figlio di puttana, è una tortura quasi disumana! Questo mi ha fatto desiderare così tanto che mi sentivo come se stessi per impazzire!”. Il tono di Sarah era a metà tra il turbato e il decisamente arrabbiato. Non ero molto contento di questa svolta degli eventi.

“Sorella, mi dispiace se non è stato un bene per te. Tutto quello che volevo era regalarti un'esperienza d'amore intensa ma piacevole. Cercherò di essere un po' più premuroso, la prossima volta. Cioè se ci sarà una prossima volta?’, mi sono scusato.

“Oh sì, ci sarà sicuramente una prossima volta! Potremmo non essere sincronizzati in questo momento, ma le cose cambieranno con la stessa rapidità con cui potrò spingerlo. . . e presumo che sia la stessa cosa che desideri. Quanto sono vicino?”.

“Molto vicino, sorellina. Davvero vicino!”, e ho stretto mia sorella così forte che le sue costole erano in serio pericolo. Non mi ero mai sentito così amato, né amato qualcuno, come in quel momento.

Sarah ha rotto il momento, ma con la silenziosa promessa che sarebbe stato rivisitato molte altre volte.

“Mi dispiace essere io a dirlo, ma tua nipote ci aspetta a quel torneo di softball, fratello maggiore. Ti consiglio vivamente di non deluderla. Se pensi che possa fare la stronza quando sono incazzata, non hai ancora visto niente!”, e Sarah rotolò giù dal letto mentre si dirigeva verso la doccia. "Vieni, Brian?", chiese. Ero in uno di quegli stati d'animo fantastici per essere vivi, ma ho comunque sfidato la fortuna.

"Fatto, ci sono stato, lo rifarò appena posso!", le ho scherzato. Lei ridacchiò alla deduzione, poi scomparve nel bagno.

Il nostro tempo sotto la doccia era diviso tra il lavarci a vicenda e l'accarezzarci intimamente. Avrei ucciso per una fornitura illimitata di acqua calda! Ma, poiché questa non era un'opzione, alla fine siamo usciti, ci siamo asciugati a vicenda e ci siamo vestiti prima che la nostra passione distruggesse tutto quel lavoro.

Era passata quasi un'ora quando ci ritrovammo allo stadio, con Annie che studiava attentamente la situazione in cui si trovava la squadra del suo ragazzo. Era l'inizio del settimo inning, la squadra avversaria era pronta a battere con due eliminati e uomini sul primo e sul terzo. Erano sotto di un solo punto. A giudicare dai segni dei denti sulle punte delle unghie di Annie, anche il punteggio era stato così per un paio di inning. Mentre Sarah e io ci dirigevamo verso il punto in cui si trovava mia nipote, lei si voltò e salutò con la mano, poi lasciò che il fatto che ci tenevamo per la vita si registrasse nella sua testa.

“Era ora che voi due arrivaste qui!”, ci salutò Annie. “Dove sei stato o dovrei chiedertelo?”.

“Sto riprendendo conoscenza con il mio fratello maggiore, e no, non dovresti chiedere. Non dovresti farlo, tesoro. Adesso sono una ragazza grande e posso prendermi cura di me stessa”, rispose Sarah, poi diede ad Annie un rapido bacio sulla guancia per assicurare a sua figlia che non era arrabbiata o turbata per la sua preoccupazione. «Inoltre, non curiosare nella tua vita amorosa, vero? Apprezzerei la stessa considerazione. Va bene?", ha aggiunto.

“Va bene, mamma. Non volevo intromettermi. . . ma bisogna ammettere che questa situazione è un po’ fuori dal comune. Ci sto ancora pensando. Vederti così felice è una specie di nuova esperienza”, ha commentato Annie. Doveva essere una parte del passaggio di suo padre, ho pensato, perché di sicuro non era sua madre.

Alla fine la partita finì con lo stesso punteggio di quando arrivammo, e tutt'intorno ci furono grida di vittoria e applausi. Sarah e io siamo stati presentati a Chris e ad alcuni dei suoi compagni di squadra prima di partire per pranzo in una delle steakhouse locali. Tanto per cambiare, ero abbastanza affamato da finire lo speciale della casa, un paio di bistecche da 16 once con tutte le guarnizioni! Questa è stata un’idea di Chris ed è più che sufficiente per nutrirmi per una settimana! Noi quattro abbiamo trascorso il resto del pomeriggio rilassandoci a casa di Sarah. Annie era diventata piuttosto possessiva nei confronti del suo ragazzo, e nemmeno le attenzioni extra sembravano spezzargli il cuore! Mentre Sarah andava in cucina per un altro rinfresco, la seguii, con alcune mie domande.

“Sorellina? Questo ragazzo, Chris. Annie sembra essere piuttosto presa da lui. È una cosa seria tra loro? Voglio dire, lei è completamente innamorata di lui come sembra?".

“Sì, sembrerebbe di sì. She’s known him since he arrived from Seattle with that construction outfit, the one putting up all those new chairlift towers on the mountain. That was four months ago, and they’ve been together since. He’s actually a really nice guy, and treats Annie like a Princess”. Sarah paused in thought, then added, “He reminds me of you, Brian, for some reason. Always considering Annie before anything else, always there whenever she needs him, always looking out for her welfare and best interests. I just hope they stay together long enough to find that happiness my daughter deserves so much ”.

“Are they . . .?”, I asked, not wanting to include the word that might hit a sore spot with my sister.

“Lovers? I can’t say for sure. I’ve never asked Annie for confirmation, but as an educated guess, I think so. I can see all the signs in her face, in her mannerisms, in the way she acts. She’s very similar to the way I was, before I had to move so quickly. So, while I can’t give you a definite answer, I will say that I hope so. The two fo them seem to have that magic chemistry that you and I found as teens”.

That was all I needed to know. If this young man could give my niece even half the love that my sister gave me, he was tops in my books. With that information shared between us, we both went back into the livingroom, accidentally interrupting a kissing festival between the two youngsters. I felt kind of guilty about breaking it up.

We spent the rest of the afternoon and most of the evening getting to know each other. I learned a lot about my niece, and about her boyfriend, too. Chris and I had many things in common, including a love of music, design and construction, and for two certain women. By the time darkness set in, we were all like old friends. At the end of the evening, Chris started to get ready to leave, although even a blind man could see that his heart wasn’t in it, nor was Annie‘s. For them, if that day could have gone on forever, it still wouldn’t have been long enough.

“Chris? Do you really have to go back to the camp tonight?”, Sarah inquired.

“Well, no, not really. I’m just not too keen on the alternative, which is sleeping in my truck. My body seems to be getting used to a real bed. So, if I’m to pamper its temperament, I really should get back to the dorm”.

“Why not just stay here for the night? You’ll be back first thing in the morning anyway”, Sarah injected.

Annie wordlessly looked up at Chris, trying to tell him through mental telepathy to shut up and accept.

“Well, I guess I could sleep on the sofa. You’re right about being back first thing tomorrow. Annie and I were going to make a day of it up at the lake tomorrow, and it would save me about 40 miles of commuting”.

“Sofa, huh? Chris, I wasn’t born yesterday. If you two are in the same house, I’m probably going to hear the thumping of feet up and down those damned stairs all night! Or worse, running along the upstairs hall! Either way, you two will keep me awake all night! No, if you’re anything like Brian and I, anything further away than a foot apart is too far! I think it’s time I admitted that my daughter is in love, and has all the needs and wants of a grown woman. I get to be with the man I love more than anything in the world. So would it be fair for me to deny her the same privilege?”.

Chris and Annie stared at Sarah with disbelieving shock all over their faces. I guess I had some of that same look on mine, too, but I knew what my little sister was saying, and I had to agree. We had kept our feelings hidden as teens, and it had come back to almost destroy us. We’d learned a valuable lesson, but at what cost? More than I was prepared to see my niece go through, and certainly the same applied to her mother.

That night, we could hear the results of Sarah’s decision. Like her mother, Annie was a bit of a screamer. Sarah winced the first couple of times Annie proclaimed her lustful release, but became calmer during subsequent instances. By the time Chris and Annie had worn themselves out, Sarah was nestled against my chest with that look of happiness at her daughter’s own joy.

“I guess I can remember what it was like for me, when I was her age, to make love with you, Brian. It’s a little hard to get used to, but it beats the hell out of them making love in the back of a pick-up. Oh, by the way, you and I never did make love in the back seat of a car, did we? Wonder if the rental company would know the difference?”, and a wicked little smile winked back at me.

The next day was spent in total relaxation. We saw the kids off about 10:00 that morning, then Sarah and I retired to do some more of that catching up that needed attending to. I did my best to make up for the shortcomings of the previous day, much to Sarah’s delight. By the time she was finished with me, I barely had the strength left to get out of bed again. Only the warmth of the shower, and of my sister, managed to revive me enough to make it through supper. Chris and Annie arrived back home just as I was firing up the barbeque. Fortunately, Sarah had enough on hand to feed all of us, and then some.

After supper, we sat and listened to the two youngsters recounting tales of their day’s outing. Just before 8:00, Chris decided that he’d better gt back to the camp dorm. He had to be on the job by 6:00 AM the next morning. Annie didn’t look too happy about having no one to share her bed with that night, but was resigned to accept the situation. She had taken her mother aside to express her gratitude to Sarah, both for the opportunity, and for the acceptance, of being permitted to spend the night with her lover. Sarah smiled at her daughter, then kissed her lightly on the forehead. No words were exchanged between the two. None were needed.

As Chris made his way to the door, I helped him pack the last of his gear out to the truck. When it was finally all stowed, I shook his hand as he held Annie with his arm around her.

“Chris, this has been a pleasant surprise. Be sure to drop in any time you get the chance, okay?”.

Yeah”, he replied. “Yeah, it has. Thanks, Dad. I’ll say Hi to Mom for you when I see her next. Okay? You take care”.

You too, Son. You too”.

__________________________________________________________________________________

Did I forget to metnion that Brian and Chris are father and son?
Ops!

Storie simili

Gli archivi Jeff ed Ellie. . . Episodi 1 e 2

Episodio n. 1: massaggio alla schiena per la sorella e molto altro Quindi mi chiamo Jeff e ho 16 anni. La mia sorellina Ellie ne ha 14. Siamo abbastanza legati dato che siamo solo noi e nostra madre e lei lavora molto di notte. Come la maggior parte dei ragazzi, so di essere davvero molto eccitato. Comunque, ultimamente ho notato quanto stia diventando sexy Ellie. È sempre stata molto divertente e carina. . . ma ultimamente ho notato che anche lei sta diventando molto sexy. È solo circa 5 piedi 2 ma ha gambe molto lunghe per la sua altezza e...

1.1K I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

857 I più visti

Likes 0

Toman dei Cherokee 5

Il figlio di Drenna? Sentii improvvisamente il mago sussurrare. Poi mi guardò più intensamente come per vedere qualcosa che gli era sfuggito. Mio Dio! disse all'improvviso. Mi ricordo di te quando eri solo un bambino. Abbassando la testa lo sentii dire. Mi dispiace tanto per voi, madre e padre. Ne ho sentito parlare solo un mese dopo che se ne erano andati. Se l'avessi saputo, avrei potuto fare qualcosa. Fissai il mago a bocca aperta anche se non avevo intenzione di abbandonare la mia difesa, no lo sapevo meglio. L'avevo fatto con l'unico amico che avevo a scuola quando aveva cercato...

713 I più visti

Likes 0

Lucy viene scopata dal padre della sua migliore amica

Erano le 15:00 di mercoledì e il caldo della giornata estiva si abbatteva su Lucy e la sua amica Jillian mentre tornavano a casa da scuola. Il marciapiede era caldo e ricoperto di foglie e noci degli alberi che fiancheggiavano la strada di Jillian. Mentre il sole bruciava, le foglie gocciolavano un aroma caldo che ricordava a Lucy il pot-pourri che aveva annusato in un negozio di candele boutique nella strada principale della sua piccola città. L'aria era calda e l'odore della flora bruciata la fece girare la testa assonnata e soddisfatta. Le due ragazze imboccarono il vialetto di Jillian mentre...

615 I più visti

Likes 0

L'abuso di Bayonetta - Capitolo 13 - Paradiso

La fresca pioggia autunnale picchiettava sulla passerella di ciottoli mentre James seguiva in fretta Bayonetta nella sua nuova tana. Corsero dal parcheggio all'ingresso di un condominio dall'aspetto elegante e poco familiare. Quando raggiunsero l'atrio, i loro corpi rivestiti di pelle e lattice erano lucidi e gocciolanti. Era quasi rinfrescante dopo il tempo trascorso nella terra desolata. La pioggia è servita a lavare via la polvere residua e la sporcizia del deserto. La donna seduta alla reception li guardò brevemente e inarcò un sopracciglio. Tornò alla sua rivista mentre la coppia si dirigeva verso l'ascensore e Cereza premeva il pulsante di chiamata...

585 I più visti

Likes 0

Polly è la sorella minore di mia moglie

POLLY LA SORELLINA DI MIA MOGLIE! I nomi sono stati cambiati nel caso lo vedesse il nuovo marito della sorellina di mia moglie. Mia moglie Sherry ed io ci siamo sposati circa un anno e mezzo fa e siamo ancora molto innamorati. Era la mia seconda moglie ed era anche sposata prima. Sapevo che proveniva da una famiglia numerosa del Texas, ma non ne vedevo nessuno dal matrimonio. Senza che mia moglie mi dicesse che sua sorella minore Polly era con lei una sera quando tornai a casa dal lavoro. Aveva circa ventotto anni ed era carina quasi quanto mia moglie...

530 I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

503 I più visti

Likes 0

La mia figliastra senzatetto, parte 3

Mentre Chelsea giaceva a letto con noi, qualcosa si risvegliò dentro di lei. Non voleva più le donne della sua età. Li voleva giovani. Voleva adolescenti. L'emozione di essere il primo per qualcuno è stata travolgente. E l'eccitazione nel guardare il suo ragazzo far scoppiare la ciliegia di Ronnie era quasi più di quanto potesse sopportare. Sapeva che le ripercussioni per essere stata scoperta sarebbero state gravi, ma ora aveva un sedicenne che poteva aiutarla. Potrebbe essere molto divertente. Ronnie giaceva a letto, con la testa appoggiata sul petto del patrigno. Non poteva credere a quello che era successo in meno...

524 I più visti

Likes 0

Breve incontro universitario

La festa di Capodanno di Steve... …aveva un numero pari di ragazzi e ragazze, ma in qualche modo sapevo che se fossi finita con qualcuno sarebbe stata Ann. Non fraintendermi: non era brutta, solo un po' banale e tozza. Era un po' più bassa di me e piuttosto magra, anche se aveva un bel sedere impertinente. Infatti, quando sono arrivati ​​i balli lenti, Ann e io ci siamo ritrovati insieme e lei mi ha guardato in attesa. Allora ti va di ballare, Ann? Sì grazie! lei rispose e io l'abbracciai mentre lei mi sorrideva. Ray era convinto che le piacessi e...

369 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.