Raccolta fondi per l'ospedale

399Report
Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie della sua giovinezza di tanto tempo fa. Esasperata, ammise la sconfitta per una serata noiosa intrappolata dalla vecchia giovenca che era gentile e accomodante. Proprio in quel momento si avvicinò il signor Malone, il direttore esecutivo con due drink in mano. "Ecco, Slavia. Mi chiedevo dove fossi andato. Ecco la bevanda che mi hai mandato a cercare. Signora Johnson, mi presti questa ragazzina per un po', se non le dispiace. ." Detto questo, la guidai abilmente lungo il corridoio mettendole una mano intorno alla vita e la guidai nel mio ufficio privato. Ho chiuso la porta dietro di lei e lei si è girata guardandomi bene. Probabilmente aveva circa sessant'anni, ma era difficile dirlo. I miei capelli grigio argentati mi davano un aspetto distinto, ma tutti quelli che mi conoscevano dicevano che avevo i capelli grigi da quando avevo trent'anni. Alto e robusto, rispecchiavo in tutto e per tutto il mio ruolo di direttore esecutivo e portavo senza sforzo un'aria di autorità.

"Ecco il tuo drink," dissi sorridendo mentre le porgevo un bicchiere di vino. "No, grazie. Non bevo", ribatté lei.
Sorrisi maliziosamente, con i miei occhi scuri che lampeggiavano: "Come donna in carriera... sono sicura che vuoi che le cose vadano bene per te nel tuo lavoro. Sei in grado di aiutare molto te stessa, anche se tu forse non lo sai." Confusa, mi guarda. Mi avvicino, i miei occhi osservano tutto il suo corpo in uno sguardo lento e persistente. "Posso assicurarmi che tu vada molto bene qui con il mio aiuto di tanto in tanto. Voglio conoscerti meglio e spero che ti piacerò come amico." Nel dire questo le ho fatto scorrere la mano lungo la schiena fino al sedere, afferrandolo e stringendolo. Si allontanò bruscamente e io sorrisi, leggermente sorpreso. "Bene, ho pensato che saresti stato disposto a giocare un po' con me. Se non lo fai, le cose potrebbero diventarti molto difficili e so che non vuoi questo, vero? Farò in modo che ne valga la pena." se collaborerai con me. So che detesterai perdere opportunità che potrebbero davvero far avanzare la tua carriera. " Il suo primo impulso è correre. Ma sapeva che ero assolutamente capace di rovinarle la carriera se non avessi ottenuto ciò che volevo. Fece un respiro profondo. " Cosa volete che faccia?" Balbettò. "Prima di tutto perché non ti togli le mutandine, ti tiri su il vestito e ti siedi sul bordo della mia scrivania per me, da brava ragazzina, e allarghi quelle gambe?" Ho guardato lascivo. Lei arrossì profondamente e senza fermarsi a pensare prese il bicchiere di vino che le avevo offerto e me lo gettò in faccia. " Come osi!" Lei era furiosa. "Non posso credere che tu mi abbia detto una cosa così sporca e indecente!"

Asciugandomi la faccia con molta calma con il fazzoletto, la guardai negli occhi: "Farai come ti dico altrimenti farò in modo che tu non venga impiegata qui. Ho una grande influenza che ti impedirebbe di essere impiegata ovunque." altrimenti è per questo motivo. Mi è piaciuto guardarti per un bel po' di tempo ormai e mi farebbe davvero piacere poter violare il tuo corpo meraviglioso. Ora, sii una brava ragazzina e abbassa le mutandine per me. Penso che ti piacerà quello che io ho in mente." La sua mente correva attraverso le sue opzioni. Potrebbe correre in cerca di aiuto, ma chi le crederebbe? Credeva che avrei fatto esattamente quello che avevo detto. Ero noto per essere piuttosto spietato e lei non poteva permettersi di correre il rischio di essere licenziata e messa fuori gioco. Se avesse collaborato anche solo per questa volta, la sua carriera sarebbe stata aiutata. Avrebbe dovuto solo assicurarsi di non trovarsi mai più in una situazione con me da sola in futuro. Sentendosi un animale con le spalle al muro, decise che avrebbe fatto quello che le avevo chiesto una volta. A complicare la situazione è il fatto che non aveva mutandine da perdere. Si era masturbata in bagno quella sera prima di partire per la festa. Dopo si era messa velocemente un reggicalze di pizzo nero e delle calze, ma niente mutandine nella fretta di finire di prepararsi. Quindi eccola qui di fronte a questo disgustoso uomo anziano senza mutandine, che indossa un reggicalze e ha una figa ovviamente bagnata. Fece un respiro profondo mentre si tirava su fino ai fianchi il suo attillato vestito nero e si sedeva nervosamente sul bordo della scrivania, allargando leggermente le gambe. Le ho allargato entrambe le ginocchia e le ho ordinato di tirare leggermente indietro le gambe, rivelando il clitoride ancora gonfio e le labbra gonfie. Mentre lo faceva, poteva dire che il suo sperma stava ancora fuoriuscendo dalla fessura. Non solo si era masturbata prima la sera, ma si era masturbata vigorosamente quella mattina, quindi c'è un sacco di sperma denso dentro di lei. Gocciolava tutto il giorno. Ha sempre amato la sensazione di avere ancora i suoi succhi dopo. Si chiese se questo sarebbe bastato a fermarmi, quando vidi che era bagnata e non si era pulita. Con sua sorpresa, ebbe l'effetto opposto.

I miei occhi brillavano. "Che fortuna! Non avrei mai immaginato che stasera avrei ricevuto una piccola torta alla crema come questa. I tuoi falli ti stanno stancando. Quante volte al giorno ti masturbi?" "Tre, a volte quattro volte," mormorò, imbarazzata dal mio sguardo fisso sulla sua fica. Ho riso piano mentre inizio ad accarezzarle il clitoride. "Credo che anch'io lo vorrei quattro volte al giorno se avessi un buchetto come questo da stuprare." Anche se aveva intenzione di partecipare a qualche spettacolo solo per aiutare la sua carriera, presto non ha potuto fare a meno di rendersi conto del fatto che il mio tocco morbido ed esperto sul suo clitoride ora pulsante la sta facendo diventare sempre più lussuriosa. Il suo clitoride si gonfiò ancora di più, intensamente sensibile a causa del duro trattamento che aveva ricevuto in precedenza. Senza alcun incoraggiamento allargò volontariamente ulteriormente le gambe, aprendosi a qualunque cosa volessi darle. Presi atto della sua collaborazione e colsi l'occasione per infilare due dita nella sua fessura. È molto tesa e dolorante per le attenzioni precedenti, ma il suo sperma la mantiene ben lubrificata mentre inizio a scoparla brutalmente con le dita. Ben presto produce abbastanza succo di figa da essere assolutamente traboccante di desiderio, la scrivania sotto di lei è una crescente pozza di miele misto. Lei sussultò leggermente quando mi inginocchiai e cominciai a leccare i succhi che fuoriuscivano dalla sua figa. Evidente prova di eccitazione. Ho leccato la panna che scorreva da lei. La sua figa si è stretta ancora di più mentre la sondavo con la lingua e lei si contorceva mentre venivo violentemente mentre venivo leccata e scopata con la lingua. Si alzò dalle mie cosce aperte, il suo viso bagnato con una miscela di sperma di John e del mio succo. Si aprì la cerniera dei pantaloni e non si prese la briga di toglierli, liberando semplicemente il suo enorme cazzo gonfio mentre mi faceva cenno di sdraiarmi sulla scrivania. Mi tirò per i fianchi fino al bordo, mettendo le mie gambe ancora vestite di calze nere sulle sue spalle, e trovò rapidamente il suo buco con il mio cazzo. Con una spinta veloce la penetrai profondamente mentre lei gridava piano di dolore e sorpresa. Le sue grida mi hanno stimolato ancora di più e l'ho seppellito in lei ancora e ancora.

"Vedo che hai bisogno di un grosso cazzo molte volte al giorno. Hai un bel buco stretto e sicuramente sai come prendere un cazzo. Sei fatto per scopare." Le ho dato un forte colpo dopo l'altro, tenendole i fianchi per impedirle di scivolare sulla scrivania lucida. I suoi sforzi hanno fatto sì che la mia figa succhiasse e tirasse il suo cazzo e mi sono schiantato con un enorme climax, tutto il mio corpo tremava mentre la impalavo. Mi sono gonfiato per un momento e con un ringhio ho cominciato a riempirla del mio sperma, pulsando mentre aggiungevo la mia offerta alla sua fica piena finché il suo corpo non si è rilassato, sazio. Si tirò fuori da me e diede un'ultima occhiata alla mia fessura rosa devastata, riempita fino a traboccare dai miei sforzi. "Scendi a terra carponi e ginocchia," ringhiai. Slavia si mise a terra, io mi spostai dietro di lei e infilai due dita nella sua figa, ormai bagnata del mio sperma. Strinse i denti mentre le mie dita affondavano dentro di lei e resistevano all'ondata di piacere che la travolgeva. Ho puntato il mio cazzo verso la sua figa e l'ho affondato lentamente, quasi tranquillamente dentro di lei. Io sono ancora grande e lei è ancora stretta, quindi c'è voluto un po' di lavoro da parte mia. Rimase mortalmente immobile, sentendo ogni centimetro del mio cazzo spingersi nel suo buco stretto. Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che era stata scopata ed era allo stesso tempo meraviglioso e terribile. Non voleva farne parte, ma il suo corpo ne soffriva, lo invocava, contro la sua volontà. Mi sono preso il tempo necessario per adattarmi di nuovo comodamente dentro di lei, poi le ho preso i fianchi e ho cominciato a scoparla, il mio cazzo affondava profondamente dentro di lei, una sensazione fantastica ma lei lo odiava. La esorto a soddisfare le mie spinte mentre inizio a scoparla più forte, allungandomi la mano e accarezzandole il clitoride gonfio. Lei trattenne un gemito quando le mie dita si collegarono alla sua protuberanza di piacere e involontariamente accarezzarono all'indietro il mio cazzo. "Oh sì," gemetti. "Dio, ti senti ancora stretto."

Le sbatto il mio enorme cazzo dentro con forza e profondità, togliendole il fiato. Le sensazioni che la attraversavano erano troppo da gestire con la combinazione del mio cazzo e delle mie dita e presto si ritrovò a tremare nell'orgasmo. Questa è la mia fine mentre mi scarico di nuovo in lei. Sto ansimando mentre mi tiro fuori e cado su una sedia e le ordino di ripulirmi. Mi prese in bocca e mi ripulì, assaporando il mio seme amaro e sentendosi nauseata. Alla fine l'ho lasciata andare e lei si è rimessa i vestiti ed è scappata dall'ufficio. Si fermò in bagno e si ripulì alla meglio.

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

1.7K I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.5K I più visti

Likes 0

La morte veste SEMPRE di nero - Capitolo 1

Capitolo 1 L'ombra a forma di uomo nel cortile del vicino dall'altra parte della strada non si era mossa negli ultimi 20 minuti, ma era del tutto possibile che gli occhi di Glenn gli stessero giocando brutti scherzi mentre la sua mente in preda al panico lavorava a tempo pieno sul suo dilemma. Erano passate due settimane da quando il contratto era stato adempiuto dalla gilda degli assassini di Ar e lui doveva ancora inviare loro il pagamento, ovviamente, non lo avevano esattamente cercato nemmeno per il loro oro, ma era ancora estremamente preoccupato. Silas aveva visto cosa succede alle persone...

1.5K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricatto e cetrioli

Questa è un'opera di finzione. La prima volta che scrivo, le critiche costruttive sono sempre consentite, non c'è molto sesso perdonami, volevo introdurre i personaggi. RICATTO E CETRIOLI Dovremmo prendere dei cetrioli, ho sentito dire da una ragazza. Io, Justin Hunter, ero seduto da solo in una delle quattro mense della Forrester University. Questo in particolare era il terzo più grande e la ragazza che ha detto che era seduta a un tavolo di fronte al mio. Avevo quasi finito di mangiare quando queste due ragazze vennero a sedersi a un tavolo accanto al mio. Sedevano fianco a fianco su un...

999 I più visti

Likes 0

Prendendo Sarah, seconda parte

Prendendo Sarah, seconda parte Aiuto da un amico. Nelle poche settimane trascorse da quando avevo registrato Sarah in bagno, ho provato numerose volte a rivederla, senza alcun risultato. Ho avuto l'opportunità di vederla rapidamente in primo piano. Un giorno si era addormentata sul suo letto, la cuccetta più in alto dopo la scuola e Anne aveva chiamato di sopra che la cena era pronta e che avrei svegliato Sarah. Entrando nella sua stanza ho visto che in effetti dormiva profondamente. Quando mi sono avvicinato a lei ho visto che i suoi pantaloncini erano molto larghi su di lei. Sapevo che se...

888 I più visti

Likes 0

Picchiato al rifugio

Sono un uomo di 35 anni che vive da solo in una capanna isolata nel bosco. Sono 6'1 con capelli biondi e occhi azzurri. Non ho mai avuto problemi portare a casa le donne. Sono un veterinario e ho un ufficio in città. Faccio anche volontariato in un canile nei fine settimana. I proprietari salva i cani e trova loro una casa una volta che li ho esaminati. Alcuni entrano piuttosto brutte, quindi impiegano un po' più di tempo a guarire. Altri sono belli cani che sono stati semplicemente abbandonati da qualche parte. Il vicino più vicino vive a 15 miglia...

844 I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

787 I più visti

Likes 0

Dipendenza_(0)

Godetevi la storia e lasciate un commento. Dipendenza Allora Doc, ahh domanda folle - è possibile essere um, tipo, dipendenti da una persona? Era una domanda folle e Tom era in qualche modo imbarazzato anche solo a farsela, ma era una domanda su cui si stava ponendo da giorni ormai. Il dottore, in realtà uno psicologo, era un uomo calvo con gli occhiali sulla cinquantina, che aveva sentito un sacco di cose più folli nei suoi vent'anni di pratica. Sapeva che Tom era serio e aveva bisogno di maggiori informazioni prima di poter dare una risposta. Pensi di essere dipendente da...

872 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.