Salvare la rivista Elite

269Report
Salvare la rivista Elite

Nota dell'autore: ci sono molti temi diversi qui. Interrazziale, incesto, qualche bestialità, solo per citarne alcuni.

-1-

Non ne ho mai abbastanza. Non voglio che finisca mai: fare sesso con un uomo di colore. Ma lo fa, col tempo. La stanchezza arriva e i nostri corpi cedono. C'è sempre un bel pisolino, o una buona notte di sonno, o semplicemente una passeggiata sulla spiaggia per fare una pausa prima di spogliarsi e ricominciare.

Il lavoro della mia vita, il mio destino, è stato quello di accontentare gli uomini di colore. Do il mio corpo, tutto, perché lo prendano, lo usino, ne traggano piacere. È uno dei motivi per cui mi è dispiaciuto così tanto apprendere che il mio vecchio posto di lavoro - Elite Magazine - è stato chiuso, acquistato, svenduto.

Ho ricevuto una lettera dalla società madre non molto tempo dopo essermi trasferito nella mia nuova casa a Charleston. TJ era con me quel giorno. Ha trascorso la notte. L’ho cavalcato fino alle prime luci dell’alba, fino allo sfinimento, fino a quando non ne potevo più. Mi sono riposato sul suo grosso petto, sentendo il suo cazzo riempirmi di sperma. Il sole faceva capolino dalla finestra del mio balcone.

"Grazie" sussurrai baciandogli il petto. Lo chiamo, scherzosamente, il mio numero due. TJ è un perfetto sostituto del mio numero uno, che è in viaggio.

"Mmm, Devin, spero di esserti stato d'aiuto", TJ mi passò le dita tra i capelli biondi.

Speravo di dimenticare la lettera, la notizia della chiusura di Elite Magazine. Sfortunatamente, il sesso notturno con ciò che amo di più non ha funzionato.

Elite Magazine era una pubblicazione rivolta ai maschi neri di età compresa tra 18 e 35 anni. C'erano articoli su musica, film, fitness, automobili e così via. In ogni numero ci sarebbero anche vari servizi fotografici di modelle, tipicamente donne bianche voluttuose. Mi occupavo principalmente di marketing per la rivista. Quando io e le mie sorelle ci siamo trasferiti insieme in questa grande casa al mare, ho lavorato da remoto senza problemi. Poi non c'era più. Abbiamo ricevuto un'e-mail, quindi una lettera formale per posta. Avevamo tempo fino alla fine del mese per ritirare tutti i nostri effetti personali nell'ufficio di Atlanta prima che venisse chiuso e bloccato definitivamente.

Ho baciato il corpo di TJ, la mia lingua che viaggiava sui suoi muscoli. Gli ho leccato il cazzo, come un gatto, ripulito dai nostri succhi. Poi ho fatto la doccia. Mentre ero lì, ci ho pensato, mi sono chiesto cosa si potesse fare, se non altro. Avevo intenzione di andare ad Atlanta oggi, ma io e TJ abbiamo passato tutta la notte. Mi riposerei oggi e poi andrei lì la mattina.

Quando sono uscito dalla doccia, TJ stava dormendo. Ho sorriso all'enorme uomo di colore nel mio letto, ho preso una delle sue magliette bianche e mi sono diretto in cucina.

La casa è solitamente piena di sesso. Ne sentivo l'odore nell'aria quando lasciavo la camera da letto. Mia sorella Bea era con il suo amante diciottenne, Eric. La sua porta era spalancata. Rimasi lì sulla soglia, a guardare il suo corpo sudato accovacciarsi su e giù sul grosso cazzo di Eric. Bea prima o poi avrebbe ceduto allo sfinimento. Eric sarebbe andato presto al college, lei voleva scoparlo quanto più e a lungo possibile.

Continuavo a camminare, viaggiando attraverso l'enorme casa. Passai davanti a un'altra camera da letto, la porta si aprì leggermente. In quella stanza non si faceva sesso, almeno non ancora. Sentivo che era solo questione di tempo prima che l'altra mia sorella, Nicky, e suo figlio, mio ​​nipote Gabe, oltrepassassero quel limite. Lo abbiamo sentito tutti, lo abbiamo visto tutti: come si guardavano, come flirtavano scherzosamente, come si toccavano. Sapevo che era sbagliato, ma vedere una madre e un figlio diventare così incredibilmente vicini è stato bellissimo. Forse è perché non ho mai avuto figli.

Eccoli lì, a letto, abbracciati, chiacchierando tra loro. Stavano sorridendo, ridacchiando per qualcosa. Sono andato avanti, quasi in cucina.

Preparai una ciotola di cereali, pensando al resto della mia giornata. Fare un riposino dopo pranzo, preparare la borsa per il viaggio verso Atlanta, fare sesso con TJ e poi andare a dormire presto.

Gabe era sul divano, in maglietta e boxer, si grattava la testa e sbadigliava. Mi sono seduto con il culo nudo sulle sue ginocchia e ho mangiato i miei cereali.

"Dov'è tua madre?" Ho chiesto.

"Doccia", appoggiò la mano sulla mia coscia.

"Non ti sei unito a lei?" Ho sorriso.

"Eh, nah."

"Dovresti. Scommetto che ti piacerebbe", ne ho preso un altro boccone.

Gabe scosse la testa e arrossì.

“Qui nessuno ti giudica. Fallo. Dal modo in cui vi comportate voi due da quando vi siete trasferiti qui, sono sorpreso che tu e lei non andiate d'accordo!" Ho mosso i fianchi.

“Ehm, zia Devin? Non indossi biancheria intima, vero?" chiese Gabe.

"No. Cavolo, sono sorpreso che tu non mi abbia ancora visto nudo. La maggior parte di noi qui va in giro così", ho sorriso a Bea che è entrata in cucina dietro di noi. Gabe era rivolto in avanti senza vedere l'altra sua zia, nuda, che saltellava allegramente per la cucina, prendendo un paio di mele per lei ed Eric. Forse Bea non si stava stancando, dopotutto.

"Dategli tempo", dissi. Gli ho baciato la testa, dopo aver finito la mia ciotola.

"Non credo che io e la mamma saremo così", ha detto Gabe.

«Sono sicuro che tu e lei lo farete. Fammi sapere come va", saltai giù dalle sue ginocchia, lasciandolo scuotere la testa. Potrebbe negarlo quanto vuole, ma sapevo cosa provava per sua madre.

Ho messo la mia ciotola nel lavandino, mi sono tolto la maglietta, l'ho lanciata in testa a Gabe e sono andata nella stanza di Bea per raccontarle la notizia.

"Accidenti, che schifo", disse Bea qualche minuto dopo. Era seduta accanto a Eric, con il suo enorme braccio intorno a lei, mentre io succhiavo il cazzo di Eric.

"Mmhmm," gli ho tirato fuori il cazzo dalla bocca. «Domani andrò ad Atlanta. Raccogli alcune cose e fai un giro un'ultima volta.

Bea scivolò lungo il corpo di Eric, unendosi a me al suo cazzo. Entrambi abbiamo fatto a turno per succhiare quel mostro. "Bene, guida con prudenza", disse Bea, muovendosi per succhiare il sacco di noci di Eric.

Gemevamo entrambi, adorando il suo grosso cazzo. Ho guardato Eric. Il diciottenne stava mangiando la sua mela, guardando due donne bianche più anziane che servivano il suo cazzo nero.


-2-

Ho iniziato tardi la mattina dopo. Non sono stato sveglio tutta la notte a fare sesso con TJ, ma ho comunque dormito troppo. Immagino di averne bisogno.

Sono partito verso le 10 del mattino. Ho salutato TJ con un bacio, poi ho sbirciato Bea ed Eric. Era dietro di lei, le dava una pacca sul culo, mentre entrava e usciva forte e veloce da lei. Sembrava così incredibile, coperto di sudore, mentre scopava mia sorella.

“Ok voi due. Tornerò domani", salutai.

"Uh huh," riuscì a rispondere Bea, con gli occhi roteati dietro la testa. Stava praticamente sbavando.

Una scena molto più tranquilla era fuori dalla piscina. Nicky e Gabe stavano frugando nelle loro borse, assicurandosi che avessero tutto per la loro giornata in spiaggia. Adoravano andarci. Di tanto in tanto mi univo a loro, osservandoli da lontano mentre guadavano l'acqua, abbracciandosi l'un l'altro. A volte Nicky cavalcava sulla sua schiena. Sembrano così dolci insieme.

"Stai uscendo?" chiese Nicky.

"Sì, dovrei tornare domani", la salutai con un abbraccio.

Ho preso mio nipote. "Voi due vi divertite", gli ho dato una pacca sul sedere, mettendolo in imbarazzo.

Nicky sorrise, con gli occhi bassi, mentre lei gli prendeva la mano. Me ne sono andato, guardando alle mie spalle la futura coppia, si spera. Sbagliato o malato, vedere il loro amore sbocciare e trascendere oltre madre e figlio, mi ha reso così felice per loro. Speravo che al mio ritorno avrebbero finalmente fatto l'amore.

Durante il viaggio ho pensato molto al tempo trascorso lavorando nell'ufficio di Elite Magazine. Non avrei mai pensato che sarebbe finita. Mi sono quasi pentito di essermi trasferito a Charleston e di lavorare da remoto. Avrei potuto almeno viaggiare ad Atlanta per vari eventi e avrei fatto parte della rivista. Ma ora non c’è più. Venduta, i clienti pubblicitari si spostarono verso altre pubblicazioni e la rivista fu interrotta.

Anch'io pensavo che le cose andassero così bene.

Quando sono arrivato all’edificio, un simpatico uomo di colore anziano – una guardia di sicurezza con la targhetta con il nome di Alfred – mi ha salutato. Mi ha detto che ero in ritardo, a quanto pare molti dei miei vecchi colleghi erano già arrivati, avevano preso le loro cose e avevano consegnato le loro chiavi magnetiche e i loro laptop.

L'ho ringraziato e ho preso l'ascensore fino al 12° piano.

Sembrava che da lì fosse passato un uragano. La fattoria dei cubicoli era un disastro totale. C'erano documenti ovunque; sparse qua e là c'erano alcune scatole vuote. Mi chiedevo se tutti quelli che erano già lì avessero saccheggiato il posto spinti dalla rabbia. Forse la vecchia guardia giurata non ne era a conoscenza; forse non poteva fare nulla per fermarlo fin dall'inizio.

Ho viaggiato attraverso i corridoi dei cubi, ritornando lì i ricordi della mia carriera. Mmm, quanti momenti meravigliosi.

Ho pensato a tutto il sesso nei cubi, negli uffici all'angolo, nei bagni, tra i colleghi e ai modelli maschili che portavamo lì.

Dopo aver fatto una grande vendita pubblicitaria, succhiavamo il cazzo nero come se stessimo fumando sigari per festeggiare.

C'erano i venerdì degli spogliarellisti. Sono stati portati spogliarellisti neri per intrattenerci, servire spuntini e fare sesso con noi.

Che poi mi ha ricordato Naked Mondays. Dovevamo arrivare vestiti, ma la maggior parte di noi si è spogliata poco dopo essere arrivati.

Ho camminato in giro, vedendo i ricordi prendere vita. Sono passato davanti a un cubo dove ero sulla schiena, mentre mi prendevano. Sono passato davanti all'ufficio, dove ero piegato sulla scrivania e scopavo. Grida di piacere echeggiarono in quei corridoi, miei e di tanti altri. Ormai era tutto scomparso, tutto vuoto. Rimasi sulla soglia del mio ufficio ricordando tutte le volte in cui ero in ginocchio a succhiare o cavalcare cazzi. Era un miracolo che io, o chiunque altro, riuscissimo a portare a termine il lavoro. Ma tutti noi amavamo gli uomini neri e la rivista per loro.

Lo spirito di Elite Magazine è sbiadito, i ricordi del tempo trascorso lì sono stati nascosti; Ero solo ancora una volta.

Ho sorriso e mi sono tolto i vestiti. Molto meglio.

Ho frugato nella mia scrivania, la maggior parte delle cose che avevo già portato con me quando ho scelto di lavorare in remoto da Charleston. Non c'era niente di degno di nota. Mi sono seduto sulla mia vecchia sedia, mi sono girato, nudo, e ho pensato alla situazione.

Sono andato ai miei vestiti e ho posato la borsa. Ho portato il mio portatile alla scrivania e mi sono seduto a sfogliare i materiali. Articoli, contatti, foto, elementi grafici, ho voluto conservare tutto per souvenir. Non avevo nulla su cui salvarli, quindi ho girato per l'ufficio alla ricerca di un CD su cui scrivere o di un'unità USB, qualsiasi cosa.

"SÌ!" ho detto dopo 30 minuti di ricerca tra cassetti e armadietti. Ho trovato un piccolo drive di salto. Mi sono dato una pacca sul culo nudo e sono tornato nel mio ufficio.

Sono riuscito a salvare tutti i dati sul mio laptop. Successivamente ho aperto il mio programma di posta elettronica. Il wifi era stato disattivato dal reparto IT, quindi non sono arrivate nuove e-mail, se ce n'erano. Ho riletto l'annuncio della società sulla sua vendita.

Elite Magazine è stata venduta dalla sua casa editrice madre a un gruppo di private equity denominato The Blackwell Group. L'e-mail indicava che possedevano diverse società. Uno di questi è una società di agenti di viaggio a livello nazionale. Diverse società di marketing a Los Angeles erano di loro proprietà. Inoltre, possedevano il concorrente numero uno di Elite Magazine: King Monthly. Era più o meno lo stesso di Elite Magazine. Gli articoli erano quasi identici. Recensioni di album rap, recensioni di film, una sezione di fitness, automobili e, naturalmente, donne, la maggior parte delle quali erano bianche.

Il Gruppo Blackwell interruppe prontamente Elite e trasferì tutti i clienti pubblicitari su King Monthly. Sembra che avrebbero potuto possedere entrambe le pubblicazioni e ottenere maggiori profitti. Forse c'era una vendetta che il Blackwell Group aveva contro la casa editrice da cui aveva acquistato Elite Magazine.

Mi sono arrabbiato di nuovo. Mi ha fatto star male. Ho chiuso il portatile, lasciandolo sulla scrivania, ho fatto un ultimo giro del pavimento, mi sono vestita e me ne sono andata.

"Ciao", dissi ad Alfred. Lui annuì e mi sorrise. Gli ho consegnato la mia chiave magnetica.

"Grazie, signora", lo prese. Lo fissai seduto sulla sua scrivania.

"Signora?"

"Mi dispiace", scossi le ragnatele. "Mi mancherà davvero questo posto."

“Sì, molte donne tristi sono passate di qui di recente. Quando i proprietari venderanno presto l’edificio, credo che sarò senza lavoro. In ogni caso è una posizione temporanea», Alfred alzò le spalle.

"Mi dispiace sentirlo."

"A volte è così", disse Alfred. "Hai passato una notte meravigliosa, signora."

"Anche tu", mi voltai per andarmene, ma qualcosa mi fermò. "Ehi, mi chiamo Devin, comunque", sbirciai di nuovo la sua targhetta con il nome. "Alfred, quando finisce il tuo turno?"

"Oh, tra circa un'ora."

Posai la mano sulla sua vecchia e rugosa e mi avvicinai. "Vado a registrarmi in albergo, mi faccio una doccia veloce e torno qui."

“Signora, allora l’edificio sarà chiuso. Me ne andrò."

"Lo so. Partirai con me."


-3-

Un paio d'ore dopo, stavo afferrando le lenzuola, a quattro zampe, con Alfred che lavorava dietro di me. Quel vecchio uomo di colore aveva ancora una resistenza pazzesca.

«Ah, Alfredo!» Ho pianto.

“Eccoci, signora. Vieni su quel vecchio cazzo nero quanto vuoi. Tu senti?" disse Alfred, porgendomelo davvero bene.

"SÌ!" Stavo venendo di nuovo.

Tra una sessione di sesso e l'altra, mentre succhiavo il suo bellissimo vecchio cazzo, mentre baciavo e succhiavo le sue grandi palle, mentre lui mi mangiava la figa finché non tremavo di gioia orgasmica, pianificavo e progettavo. Dovevo fare qualcosa; Dovevo almeno provarci. Mi chiedevo se avrei potuto salvare Elite Magazine. Non avevo idea di come però.

Passarono altre ore, Alfred russava piano. Ero tra le sue braccia e navigavo in Internet con il mio telefono. Stavo facendo ricerche sul Blackwell Group. Ho trovato alcuni articoli sull'acquisto, su come ritenevano che King Monthly fosse di gran lunga superiore a Elite Magazine, cosa che li ha spinti a eliminare quest'ultimo, e ho letto alcune voci sull'azienda stessa. Ho trovato un articolo su un uomo di nome Neal. È entrato nei dettagli su come ha supervisionato l'acquisto ed è stato determinante nella chiusura di Elite Magazine. Neal viveva proprio lì ad Atlanta.

Un sorriso malvagio mi è apparso sul viso quando ho visto la foto di Neal. Era un uomo di colore molto attraente.

***

La mattina dopo stavo succhiando Alfred sotto la doccia. Mi sono voltato e lui mi ha preso di nuovo da dietro. L'ho portato a colazione, poi nel suo piccolo appartamento e infine al suo posto per la giornata. Gli ho detto che lo sarei andato a prendere al lavoro e l'avrei portato a cena e poi a letto di nuovo con me.

Sono andato a comprare un bel completo da lavoro. Ho prolungato il mio soggiorno in hotel e ho elaborato il mio piano. Ho imparato tutto quello che ho potuto su Neal. Ero determinato a incontrarlo.

Ho chiamato Bea quando sono tornato nella mia stanza dopo pranzo. "Ciao?" rispose Eric.

«Uh, ciao, Eric. Bea è in giro?» chiesi, sentendo un gemito in sottofondo.

“Sì, lo è. È un po’ occupata però”, mi ha detto Eric. Ho sentito più gemiti e suoni di suzione. Bea stava facendo quello che sapeva fare meglio: succhiare il cazzo nero.

"Ok bene. Le parlerò più tardi allora. Ciao tesoro", ho riattaccato e ho chiamato Nicky.

"Ciao?" rispose mio nipote.

"Ciao. Tua madre è impegnata?" ho chiesto, chiedendomi se anche Nicky stesse succhiando il cazzo.

"Un po', mi sta mettendo una lozione abbronzante", ha detto Gabe.

"Awww, che carino", ho sorriso.

“Mah. Ha le mani unte", ha detto Gabe.

"Chi è?" Ho sentito mia sorella chiedere.

"Zia Devin", rispose Gabe.

"Ecco, le parlerò", disse Nicky. Sono passati diversi secondi, ho pensato che si stesse asciugando le mani. "EHI."

"Ciao, le cose vanno bene tra te e tuo figlio?"

"Meraviglioso", l'ho sentita baciare Gabe da qualche parte, probabilmente sulla sua guancia.

"Bene. Tu e lui vi siete avvicinati?"

"Un po' di più ogni giorno."

"Penso che finirà, lo sai", ho suggerito.

"Forse. Sembra che potrebbe.

“Sarà il mio segreto. Forse perché non ho un figlio è per questo che faccio il tifo per voi due", ho detto.

"Vedremo!"

«Comunque, il motivo della mia chiamata è per farti sapere che resterò ad Atlanta ancora per un po'. C’è qualcosa a cui sto pensando, qualcosa che voglio provare”, ho spiegato.

"Suona bene. Saremo qui al tuo ritorno."

"Grande. Oh, e spogliati. Se Gabe vedesse quel tuo corpo, impazzirebbe!”

“Ah! Certo, lo terrò a mente."

"Ci sentiamo più tardi", ho concluso la chiamata.

Nelle ore successive camminai avanti e indietro per la mia stanza. “Mi presenterò e basta. No, non funzionerà”, ho pensato. "Forse ingannerò l'addetto alla reception, hmmm", ho guardato fuori dalla finestra.

"E se... no, ugh!" Mi massaggiai le tempie, frustrato. Era quasi ora di andare a prendere Alfred.


-4-

Dopo cena stavo rimbalzando su e giù sul cazzo di quel vecchio. Gli ho offerto un buon pasto e poi l'ho scopato finché non è riuscito più a stare sveglio.

Scivolai via da lui, succhiando avidamente il suo cazzo. Il suo sperma è stato il mio dessert.

“Mmm, mmm, mmm, ti piace il tuo cazzo nero! Non è vero?" disse il vecchio Alfred dopo avermi vomitato in bocca.

"Tutta la mia vita", dissi, leccandogli il cazzo.

"Alcune donne sono fatte per questo", ha detto.

"Mmm, lo adoro", gemetti. Mi è venuta un'idea. Se in qualche modo riuscissi a organizzare un incontro con Neal, potrei presentargli questa idea. Elite Magazine potrebbe essere rilanciato. Non sarebbe la stessa cosa, niente articoli su musica, film, intrattenimento, automobili e così via. Avrebbe immagini diffuse di donne bianche che amano uomini neri. Potrebbero essere di natura pornografica – celebrare il gallo nero. Potrebbero esserci alcuni articoli, forse storie di sesso su avventure interrazziali.

"Sì", ho pensato, succhiando Alfred finché non è svenuto. Mi sono alzato dal letto e ho fatto una doccia, toccandomi fino all'orgasmo.

"SÌ!" Ho gridato di piacere, ma anche per una mia idea. Neal lo comprerebbe? Forse valeva la pena provare.

Il giorno successivo ho fatto diverse telefonate al Blackwell Group, sperando di poter parlare con Neal. Senza fortuna. Sono persino passato davanti all'edificio, sperando magari di incontrare Neal fuori. Non l'ho visto. Passai davanti al vecchio edificio dell'Elite Magazine e lasciai che Alfred mi piegasse sulla scrivania per svuotarmi le palle dopo pranzo. Ho baciato il vecchio, dicendogli che sarei andato a prenderlo più tardi per cena e sesso.

Abbiamo scopato fino a mezzanotte, quando Alfred aveva difficoltà a restare sveglio. Tra le sue braccia, fissando il suo cazzo nero addormentato, ho deciso che la mattina dopo mi sarei semplicemente presentato e avrei sperato per il meglio. Avevo la mia idea per un Elite Magazine rilanciato; Avevo solo bisogno di incontrare Neal.

***

"Signora, gli ospiti accedono qui", mi ha detto la guardia di sicurezza della reception.

"Oh, giusto, scusa", dissi, avvicinandomi. "Ho un incontro con il Blackwell Group, gli ho detto."

Non disse nulla, accennando al modulo. L'ho firmato e mi sono diretto verso l'ascensore. Ero in anticipo, non c'erano molte persone. Speravo che Neal lo fosse.

Sono uscito dall'ascensore; una reception proprio di fronte a me. Dietro la giovane bruna che mi lanciava uno sguardo strano, c'era un murale sul muro. Rappresentava l'addome di un uomo di colore con una piccola mano bianca appoggiata su di esso. Mi sono guardato intorno. C'erano altri murales lungo i corridoi. Uno era un ambiente tropicale, un uomo di colore che teneva la mano di una donna bianca che camminava lungo la spiaggia; un altro raffigurava la schiena nuda di una donna bianca, con sopra una grande mano nera.

"Posso aiutarla?" chiese l'addetto alla reception.

“Uhm, sì, speravo di incontrare Neal oggi. L'agenzia mi ha mandato per aiutarlo con i suoi prossimi programmi di vacanza», mentii.

“Non ne so nulla”, ha detto.

"Veramente?" Ho lanciato un'occhiata al murale dell'uomo e della donna sulla spiaggia. "Hanno detto che voleva vedermi stamattina", ho giocato con la mia camicetta, spostandola un po' da parte, mostrando la sua scollatura.

Lei alzò gli occhi al cielo. "Torno subito."

Passarono venti minuti, sentii gemiti soffocati e grida di piacere provenire da quello che presumo fosse l'ufficio di Neal. Alla fine la receptionist emerse, con i capelli in disordine e i vestiti rimessi in fretta.

«Non ne sa niente, ma ha detto che puoi entrare comunque. Forse c'è stato un errore di comunicazione sulla programmazione", mi ha detto.

"Grazie", sorrisi e la seguii fino all'enorme ingresso a doppia porta dell'ufficio di Neal.

Lei non disse nulla, facendomi segno di entrare. Entrai, osservando un grande divano contro il muro, un tavolino, alcune sedie, un'enorme scrivania, con delle finestre dietro. Neal era seduto e mi guardava senza capire. Ero congelato, incapace di parlare. Anche da seduto sembrava enorme.

"SÌ?" parlò.

"Uhm, ciao, ascolta, voglio parlarne", balbettai, avendo difficoltà a concentrarmi nella sua presenza un po' imponente. Mi sono concentrato di nuovo, facendo quello che faccio normalmente con gli uomini di colore, immaginandoli nudi.

Ho fatto un respiro profondo, l'ho guardato in modo seducente e ho ricominciato da capo. “Rivista Elite. Lavoravo là. Era la mia vita. Voglio parlarne, voglio condividere con voi un’idea, voglio rilanciarla”.

"Pensavo che si trattasse di..."

"Ho mentito. Scusa. Ascoltami prima di buttarmi fuori", dissi, allontanando una sedia dalla sua scrivania, sedendomi di fronte a lui.

Alzò gli occhi al cielo e scosse la testa. “Stai sprecando il nostro tempo. Quindi fai in fretta."

“Voglio rilanciarlo. Voglio che sia totalmente diverso da King Monthly. Nessun articolo sugli interessi che gli uomini neri di età compresa tra i 18 e i 35 anni potrebbero avere. Voglio che celebri e mi concentri su ", mi sono leccato le labbra, osservandolo," sesso interrazziale.

Ha iniziato a parlare, l'ho interrotto. “Sarebbe porno? Forse. Sarebbe simile a Playboy, con le donne nude? SÌ. Ci sarebbero uomini neri nudi? Ovviamente. I pochi articoli che ci sono riguarderebbero incontri interrazziali, sesso e storie di conquiste e avventure in camera da letto.

Neal annuì, poi si alzò, guardando fuori dalla finestra. I miei occhi si spalancarono quando lo fece. Era estremamente alto, enorme, come un body builder – anche più grande di TJ.

"Vuoi soldi perché ciò accada, vero?" chiese.

"Sì", risposi.

Neal gli camminò lentamente sopra, torreggiando sopra di me. “Perché dovrei finanziarlo?”

Ho fatto solo quello che mi veniva naturale, ho aperto il top, rivelando ulteriormente la mia scollatura mentre lo guardavo.

Lui rise, mi tirò su, facendomi stare davanti al suo corpo massiccio. Mi sentivo così piccolo.

“Sai quante donne bianche ho avuto? Innumerevoli. Pensi di poter venire qui, chiedere soldi per quella rivista e poi provare a mostrare un po' di pelle per convincermi? No, non è così che funziona. Sii un professionista. Prepara una demo, una presentazione, una sorta di bozza da mostrarmi. Se mi piace quello che vedo, quello che mi proponi, allora prenderò in considerazione la tua idea. Non è male.”

Neal mi lasciò andare, fece un passo indietro, afferrandogli l'inguine con la mano. "Non è affatto male", mi guardò.

“Mettiti un po’ di impegno. Vieni con questa bozza e incontrami di nuovo", Neal si sedette alla scrivania.

Ho sorriso, annuendo con la testa, incapace di muovermi.

"Vai via", mi fece cenno di allontanarmi.

“Esatto, sì. Grazie, grazie mille", indietreggiai, quasi inciampando nella sedia. "Resterò in contatto."


-5-

La mia mente correva, a cena con Alfred parlavo continuamente di tutto. Sembrava un nonno e mi diceva "che carino, spero che funzioni, caro".

Più tardi ero sulla schiena, con le gambe avvolte attorno ad Alfred mentre mi scopava. "Oh sì, brava ragazza," gemette, cadendo su di me mentre il suo cazzo pompava il suo carico dentro di me. Ho sorriso e l'ho abbracciato.

Non avevo soldi per assumere fotografi, scrittori, redattori o altro personale. Ho pensato alle mie sorelle, Bea e Nicky. Potrebbero aiutare. Sicuramente lo farebbero.

Ho pulito il cazzo di Alfred e ancora una volta mi sono sdraiato tra le sue braccia. Stavo facendo il check-out dall'hotel la mattina, accompagnavo Alfred al lavoro e poi tornavo a Charleston. L'ho baciato, ringraziandolo per il tempo meraviglioso.

"Il mio vecchio culo nero rivedrà il tuo bel culo bianco?" chiese.

"Alfred", gli accarezzai la guancia. "Sono certo che lo farai."

***

"Ciao?" Eric ha risposto al telefono di Bea. La sentivo in sottofondo, gemere, il suono della carne che schiaffeggiava la carne.

"Ciao, Bea è di nuovo impegnata?" ho chiesto, tornando a casa da Atlanta.

"Sì, lo è", disse Eric.

«Lo sospettavo. Non posso dire di biasimarla. Comunque, falle sapere che sto tornando a casa. Ho bisogno di parlarle di qualcosa di importante stasera."

"Hai capito", mi ha detto il diciottenne. Ho sentito un "ah cazzo!" veniva da Bea al termine della telefonata.

Poi ho chiamato Nicky. "Ciao", disse.

“Tu e Gabe vi state dando da fare? Voglio dire, occupato?"

"No, non ancora! E no, non sono occupato. Sta giocando nell'oceano. Sto pensando di unirmi a lui", ha detto Nicky.

"E spogliarsi?"

"No, sciocco."

"Te lo dico, seducilo togliendoti i vestiti, passandoti le mani tra i tuoi lunghi capelli biondi e boom."

"Boom? Va bene, comunque, cosa vuoi?" chiese Nicky.

“Sto tornando a casa. Ho bisogno di incontrarti con te e Bea stasera. Anche TJ. Si tratta di qualcosa di importante", spiegai.

"Ok, beh Gabe e io stasera andiamo al cinema, possiamo chiacchierare domattina?" chiese Nicky.

"Si certo. Trascorri un momento romantico", sorrisi.

"Ci proverò!"

Non mi sono preso la briga di chiamare TJ, stavo guidando direttamente a casa sua. Mi spogliavo e salivo su quel suo grosso cazzo nero.

Lui, come previsto, non era solo. Eccola lì, lunghi capelli scuri, bel corpo abbronzato, che cavalcava quel cazzo come una professionista. TJ stava semplicemente sdraiato sul letto, le sorrideva e la guardava scopare. Rimasi, nudo, sulla soglia della sua camera da letto a guardare la mia amica Jessica mentre lo lavorava.

"È il mio turno, stronza!" L'ho sorpresa, tirandola indietro, fuori dal suo cazzo.

"EHI!" mi guardò accigliata. Le ho sorriso, facendo scivolare il cazzo di TJ dentro di me.

"Scusa."

“Uffa, va bene. Devo andare a casa e preparare la cena", Jessica afferrò le sue cose. "Sono stato qui tutto il giorno."

"Cosa fai stasera?" Le ho chiesto.

"Non lo so, speravo ancora in lui", sorrise.

“Voi due venite fuori con me. Voglio parlargli di una cosa, ma forse puoi aiutare anche me", ho chiesto.

"Certo", Jessica alzò le spalle. Mi ha abbracciato e ha mandato un bacio a TJ.

"Di cosa si tratta?" chiese.

“Parleremo stasera. Per ora, scopiamo", mi sporsi in avanti, baciandolo.

"Buona idea", TJ mi afferrò per la vita, rotolandomi addosso.


-6-

Noi quattro, un uomo di colore con una bionda, una bruna e una dai capelli selvaggi tinti di rosso - io, Jessica e Bea - sedevamo tutti a un tavolo in un club vicino.

Mi sono seduto di fronte a Bea e Jessica, TJ li abbracciava. Non riuscivo a vedere le loro mani, ma presumo che Bea e Jessica stessero massaggiando l'erezione che scivolava lungo la gamba dei pantaloni di TJ.

"COSÌ? Di cosa si tratta?" chiese TJ.

Ho bevuto un sorso del mio drink. "Questa settimana ho avuto un incontro con uno degli uomini del Blackwell Group."

"Chi?" chiese Bea.

“So chi intendi. Lavoravo per una società di marketing di loro proprietà, quando vivevo a Los Angeles", ha parlato Jessica.

"SÌ. Il suo nome è Neal. Ha supervisionato l'acquisizione di Elite Magazine. Mi sono intrufolato in una riunione. Gli ho detto che volevo rilanciare la rivista. Sarebbe diverso però. Celebrerebbe il cazzo nero, il sesso interrazziale, le donne bianche che amano gli uomini neri.

"Porno?" Bea sorrise.

«Un po', forse. Sicuramente foto grafiche", ho risposto. “Pensavo che Nicky potesse prenderli. Ha già lavorato come fotografa."

"Chi potrebbe modellare?" chiese Bea.

"Beh, pensavo che potresti coordinare tutto questo", le ho detto.

"Mmhmm, certo che posso", sorrise Bea. “Posso posarne alcune, ma conosco anche due donne che sarebbero ancora meglio. TJ potresti anche metterti in posa."

"SÌ. Jessica, potresti aiutarmi a mettere insieme una bozza. Ho bisogno di qualcuno con esperienza nel design. Potresti anche creare un sito web”, ho suggerito.

"Posso farlo. Sarò felice di aiutarti”, ha detto Jessica. “Sono sicuro che l’attuale sito web è stato rimosso ed è vietato. Posso registrare un nuovo nome di dominio e partire da lì."

"Grande. Scriverò, tutti possiamo, delle nostre esperienze interrazziali", ho aggiunto. "Ho bisogno di mettere insieme una specie di demo o una bozza approssimativa per Neal."

"Ci sono creatori di riviste online che posso esaminare", ha detto Jessica.

"SÌ. Purché non siano troppo costosi. E purtroppo non posso davvero pagare nessuno di voi”, ho ammesso.

"Sono sicura che ti verrà in mente qualcosa", Bea mi fece l'occhiolino, guardando l'inguine di TJ. "In effetti, puoi iniziare a pagarci stasera."

"Eric?" Ho chiesto.

“I suoi genitori lo volevano a casa. Ha trascorso molto tempo con me", ha detto Bea.

“Saremo lieti di aiutarti Devin. Penso che sia un’idea carina”, intervenne Jessica.

"Bene. Godiamoci la nostra serata. Inizieremo domani."

***

Tre donne nude stavano davanti a TJ un'ora dopo. Eravamo tornati a casa sua. Era seduto sul bordo del letto e ci osservava.

Mi inginocchiai, tra le sue gambe, togliendogli le scarpe e i calzini. Successivamente slaccia la cintura, il bottone, la cerniera, aiutando a togliersi i pantaloni. Jessica era accanto a lui, gli sbottonava e gli toglieva la camicia. Bea, dall'altra parte, lo stava semplicemente baciando.

Stavo succhiando il suo cazzo, mentre Bea e Jessica si baciavano lungo il suo corpo, arrivando dove ero io. Ognuno di loro ha divorato una delle grosse palle di TJ, succhiandole come io ho succhiato la punta del suo cazzo. Metto le braccia attorno a Bea e Jessica, sorridendo a TJ.

Abbiamo fatto a turno cavalcandolo e venendogli addosso, tutta la notte. Mi sedevo sulla sua faccia, Jessica sul suo cazzo, e lei e io ci baciavamo mentre raggiungevamo l'orgasmo allo stesso tempo. Bea gli succhiava le palle, leccava la sua asta, fino a Jessica, poi la tirava via lentamente dal cazzo di TJ, baciandola tutto il tempo.

Sorridevo a mia sorella, mentre lei lo cavalcava fino all'orgasmo, con la lingua di TJ ancora sepolta in me. Venivamo entrambi, poi Jessica si sedeva sulla sua faccia, tenendosi per mano o baciando Bea.

Al mattino eravamo tutti e quattro sotto la sua doccia, a baciarlo e a lavargli il corpo. Quando TJ prese in braccio Bea, avvolgendolo con le gambe e guidando il suo cazzo dentro, io e Jessica lasciammo la doccia per divertirci un po' anche noi.

Bea rimase il resto della giornata da TJ. Io e Jessica tornammo a casa e restammo nel mio letto per il resto della giornata.

Quella notte, da TJ, c'è stata una serata a tre con Jessica, TJ e me. Bea ci ha informato che aveva del lavoro da fare. Ho sorriso, mi sono spogliato e mi sono messo a letto con Jessica e TJ. Non vedevo l'ora di vedere cosa stava facendo.


-7-

Bea ha lavorato velocemente. La mattina dopo, sono rimasta a bocca aperta, guardando due bionde più giovani con grandi stivaletti, che facevano scorrere i grandi stivaletti su e giù per il lungo cazzo di TJ. Li conoscevo, li riconoscevo. Immagino che Bea abbia stretto amicizia con loro quando si è trasferita qui, sapendo che i due ventenni erano come lei, amanti dei cazzi neri.

Hanno posato più volte su Elite Magazine. Alexis e Jenna, o come le chiamavamo noi, le sorelle bottino.

"Ok, sì, andranno bene", ho detto. Bea sorrideva da un orecchio all'altro. "Li lascerò giocare con TJ, devo andare a parlare con Nicky."

“Incontrerò Eric da qualche parte. I suoi genitori non sanno ancora che sta con una donna anziana", mi ha detto Bea.

"Grande. Divertitevi voi tre", ho detto a TJ e alle ragazze.

"Mmhmm", disse, mentre ne baciava uno.

Mi sono messa il bikini e sono andata in spiaggia, dove erano Nicky e Gabe. Quando sono arrivato erano in acqua, Nicky gli stava a cavalcioni e gli sorrideva in faccia. Ho fatto sedere le mie cose accanto alle loro, ho dato una rapida occhiata alla spiaggia e ho deciso di divertirmi. Mi sono tolto il bikini e mi sono diretto verso l'acqua.

Nicky mi ha visto arrivare, lanciandomi uno sguardo strano. Ho nuotato dietro a mio nipote, solleticandogli i fianchi. "Whoa, ehi", si voltò.

"Siamo tutti nudi?" Ho chiesto.

"Uh, no", Gabe arrossì.

"Devin, cosa stai facendo?" chiese Nicky.

“Volevo solo parlarti. Ho bisogno del tuo aiuto", dissi.

"Bene. Con Cosa?" scese da Gabe e rimase in piedi davanti a noi, aggiustandosi il top del bikini.

“Ho bisogno del tuo aiuto per scattare alcune foto. Li sto presentando a qualcuno che ho incontrato ad Atlanta, riguardo al rilancio di Elite Magazine. Hai precedenti esperienze fotografiche, so che era un hobby, ma comunque."

Nicky alzò le spalle: “Certo, perché no? Quando hai bisogno del mio aiuto?"

"Questa sera sarebbe fantastico."

Guardò Gabe: "Possiamo cenare presto?"

"Per me va bene," concordò.

"Meraviglioso. Andate nella mia stanza quando voi due ritornate."

Ho abbracciato mio nipote da dietro, stringendolo forte, premendo il mio seno nudo contro di lui. Gli ho dato una pacca sul culo e me ne sono andato.

***

Poche ore dopo, Nicky è arrivata a casa, l'ho vista baciare Gabe sulla guancia mentre entrava nella loro camera da letto.

"Va bene, pronto?" L'ho salutata.

"Sì, e ascolta, tutta questa faccenda dell'incesto che stai spingendo - lascia perdere", mi ha detto Nicky. “Non hai un figlio. Se lo facessi e pensieri e desideri incestuosi entrassero in entrambe le vostre menti, sarebbe difficile. Gabe e io stiamo prendendo le cose con calma. Bene?"

"Whoa, va bene, va bene", alzai le mani. "Tu hai un punto. Non ho figli, non so cosa significhi. Lo lasciò cadere. "

"Grazie."

"Va bene, andiamo. Scaterai foto di TJ e due modelli. Ho detto loro di agire naturalmente l'uno con l'altro, quindi vediamo: "Ho aperto la porta della mia camera da letto.

"Merda santa!" Esclamò Nicky. Le due sorelle di bottino erano entrambe in cima a TJ, una seduta sul viso, l'altra cavalcando il suo cazzo.

"Sì, è così che si comportano con gli uomini neri. Cominciamo? " Ho chiesto. La bocca di Nicky si apriva, guardandoli scopare TJ. I bikini che pensavo avrebbero indossato per le riprese, erano sul pavimento.


-8-

Mia sorella non sapeva cosa fare. Nicky rimase lì, con gli occhi spalancati, guardando le due sorelle del bottino e TJ. "BENE?" Ho detto.

"Oh, giusto, giusto," armeggiò con la sua macchina fotografica. "Quindi sono solo, um."

"Entra lì e scatta alcune foto."

"Giusto", fece una pausa. Nicky non ha tendenze bisessuali che conoscevo. Quindi, se dovessi indovinare che non era ipnotizzata dai due grandi stivaletti bianchi che gradevano l'uomo di colore, ma della lunga asta scura attaccata a lui.

"Nicky?"

"Sì, scusa," Nicky entrò nella stanza, inginocchiandosi, scattando foto. Le sorelle del bottino, Alexis e Jenna ignari di lei.

"Da quanto tempo sono qui con lui?" Chiese Nicky.

"Da questa mattina", ha condotto TJ, muovendo la testa di lato in modo da poter parlare. Quindi tornò a mangiare la figa che gli sedeva sul viso.

"Ti lascio al tuo lavoro. Probabilmente cambieranno posizioni, ma si sentiranno liberi di regolare qualsiasi illuminazione, non sto cercando di qualità in studio. Un'ambientazione più naturale va bene ”, ho sorriso e mi sono fermato.

"Gabe?" Ho chiesto, camminando attraverso il corridoio. Ho pensato che avrei tenuto la mia compagnia di nipote mentre sua madre mi ha fatto delle foto.

La stanza di Bea era vuota, lei ed Eric erano fuori in piscina, camminando verso la vasca idromassaggio. Erano entrambi nudi. Gabe era nella stanza di sua madre, sfogliando la TV.

"CIAO. Vuoi uscire stasera? " Ho chiesto.

"Uh, immagino", ha detto.

“Sì, penso che dovremmo. Tua madre è impegnata, facendo qualche lavoro fotografico per me. Io e te possiamo uscire per un appuntamento ”, ho sorriso a mio nipote.

"Una data?"

"Sì. Sarai felice di sapere che saresti il ​​primo ragazzo bianco con cui abbia mai frequentato. "

“Heh, va bene. Se lo dici tu. Dove?"

"Tu e lei abbiamo già mangiato, quindi forse in miniatura, una bella passeggiata sulla spiaggia?"

"Certo, funzionerà", ha detto Gabe. "Non possiamo parlare di me e mia madre, però?"

"Suppongo, perché?"

"Beh, non lo so. È solo confuso ora: il modo in cui lei e da allora mi sono trasferito qui. Non so dove finirà e penso di sapere come voglio che sia, ci vuole solo abituarsi. Prende coraggio, sai, seguire quella strada con mia madre. "

“Gabe, lo so. Non lo menzionerò. Ci divertiremo, va bene? " Ho detto. Gli ho abbracciato e ho cambiato vestiti.

***

La sera è stata meravigliosa. Ho persino flirtato con lui un po 'per divertimento. Quando siamo tornati, Nicky stava ancora scattando foto del trio. Ho abbracciato Gabe Goodnight, è andato a fare la doccia.

Ho controllato Nicky. Era stanca, ma le sorelle del bottino ci stavano ancora andando con TJ nella mia stanza.

"Come va?" Ho chiesto.

"Sono macchine", ha detto, fissando vuoti il ​​cazzo di TJ mentre le due sorelle lo succhiano dappertutto. "Potrebbero andare tutta la notte."

"Lo so," li sorrisi e li guardai. "Bellissimo."

"Lo è di sicuro", ha detto Nicky. "Voglio dire, penso che lo chiamerò una notte. Scaricherò e guarderò cosa ho preso domani. "

"Grande. Jessica arriverà per aiutare a modificare le foto se necessario. Si è anche offerta volontaria per modellare con TJ ", ho detto a Nicky.

"Buonanotte", se ne andò, andando verso di lei e la stanza di Gabe.

Ho visto Alexis, Jenna e TJ andare per un po '. Ho pensato di unirmi, ma ho deciso di non farlo. Mi sono diretto nella stanza di Bea.

Bea ed Eric erano nella sua doccia, baciando, facendo l'amore. Mi sono spogliato e mi sono unito invece a loro. "Tu ed Eric andrete a modellare per me?"

"Assolutamente" disse Bea, baciandosi teneramente le labbra. Mi baciai lungo il suo grande petto, accarezzando il suo cazzo.

"Scriverò anche alcune storie", ha detto Bea. "Ne ho parecchi."

"Bene", ho baciato il corpo di Eric. Ho succhiato il suo cazzo, guardandolo spremere la tita di Bea sopra di me.

***

La mattina dopo Jessica si presentò. Lei e Nicky hanno attraversato le foto del giorno prima. Hanno lavorato insieme ritoccando, regolando i colori e così via alcuni dei loro preferiti. Bea ha trascorso gran parte della giornata a scrivere incontri di cazzo nero che ha avuto nel corso degli anni. Ho trascorso più tempo con Gabe mentre sua madre lavorava.

Dopo pranzo, Nicky e Jessica si sono diretti nella mia stanza per scattare foto di Jessica e TJ. Li ha fotografati a fare sesso in piedi, in stile pecorina, cowgirl inversa, tutto. È andato avanti fino a dopo cena.

Gabe e io abbiamo mangiato in un meraviglioso ristorante. Abbiamo camminato sulla spiaggia. Ho tenuto la mano, senza dire una parola su di lui e sulla relazione di mia sorella - cosa stava diventando.

Quando siamo tornati, Bea ed Eric stavano facendo sesso nella vasca idromassaggio e Nicky stava ancora scattando foto di Jessica e TJ. Gabe si diresse nella sua stanza e fece la doccia. Mi sono unito a Bea ed Eric per un po '.

Jessica è emersa un'ora dopo, un enorme sorriso sul viso. "Come va?" Sono saltato fuori dalla vasca idromassaggio.

"Incredibile. Nicky è stanco però. Tornerò la mattina per aiutare a ritoccare le foto ", ha detto Jessica.

"Oppure potresti rimanere la notte con TJ e io", le baciai la guancia.

"Buona idea", mi afferrò la mano e tornammo dentro.

TJ era sotto la doccia, ci siamo uniti a lui, abbiamo adorato il suo corpo e successivamente tre di noi si sono fottuti tutta la notte.

***

Il giorno successivo, dopo che Jessica e Nicky hanno lavorato insieme al mattino per le foto, era il turno di Bea ed Eric.

"Stai bene con le foto di tua sorella che fa sesso?" Ho chiesto a Nicky.

"Credo di si. Voglio dire, lei ed Eric lo stanno facendo sempre qui. Praticamente camminano intorno nudi. "

"Lo so. Deve tornare a casa stasera; I suoi genitori stanno diventando sospettosi. Dice loro che esce con gli amici, ma sta esaurendo i diversi amici! "

"Ok, buona fortuna", ho sentito Bea ed Eric portarlo nella sua stanza. "Stasera passerò del tempo con Gabe. Domani sono TJ e me. Pensi di poterlo gestire? "

Nicky sospirò, fece un respiro profondo, "Spero".

Ho aperto la porta di Bea, abbiamo visto Eric seduto a letto, succhiare su tutte le tette di Bea. Ho chiuso la porta, Nicky andando al lavoro.

Quella notte ho avuto il mio primo bacio bianco - mio nipote Gabe. Era un semplice bacio sulle labbra. L'ho ringraziato per questo.

"Zia Devin, hai sempre frequentato i tizi neri?" chiese.

"Sempre. Non ho mai nemmeno baciato un uomo bianco - fino a quando non è, "ho solleticato i suoi lati.

"Sì," arrossì. “Grazie per essere uscito con me. So che la mamma è stata impegnata a lavorare per te. "

"Lei ha. Ma presto sarà tutta la tua ", l'ho abbracciato buonanotte. Mi chiedevo se conoscesse la natura delle foto che sua madre stava scattando.

Ho camminato verso la mia stanza. Il movimento fuori ha attirato la mia attenzione. Bea ed Eric erano fuori dalla piscina. Era a quattro zampe su una sedia da salotto, Eric era dietro di lei, sbattendo contro di lei. Li ho visti fare sesso per un momento, strofinandomi casualmente il clitoride. Sono stato distratto dai gemiti provenienti dalla mia camera da letto.

Inching alla mia porta, ho sentito una "merda ah" e "sì". Era Nicky, era sola lì dentro. Ho premuto l'orecchio contro la mia porta. "Big, ah, cazzo nero", l'ho sentito dire. Si stava masturbando.

"Accidenti", sospirai, non trascorreva del tempo con Gabe. Ho pensato di andarsene, di andare da Jessica, fare sesso con lei e TJ, ma sono andato a Gabe.

Stava guardando la TV a letto. Sorrisi, rimosso la gonna e mi arrampicai accanto a lui. "Sembra che tu sia il primo ragazzo bianco con cui vado a letto."

“Eh? Dov'è la mamma? "

"È nel mio letto. Probabilmente addormentato ", ho mentito.

"Ah, va bene," Gabe scrollò le spalle, estese il braccio e mi trattenne. Ha spento la TV un po 'più tardi e ci siamo addormentati.


-9-

La mattina dopo Jessica era tornata a lavorare con Nicky. Ero nella mia stanza in attesa dell'arrivo di TJ per il nostro servizio fotografico. Potrei dire a Nicky di concentrarmi, come se non avesse dormito molto. Pensavo che fosse nel mio letto di punta per tutta la notte per le stesse immagini che ha catturato negli ultimi giorni.

Lei e Jessica hanno scelto il meglio, Jessica usando il software per regolare i colori, l'illuminazione, se necessario.

"TJ è qui", dissi. “Nicky, sei pronto? Riesci a maneggiarlo? Non mi sto trattenendo. Le cose che faccio a TJ cattureranno esattamente ciò di cui sarà questa nuova rivista d'élite: donne bianche che amano gli uomini neri. "

"Io, penso di poterlo superare", ha detto. Non le credevo completamente.

***

Ero fedele alla mia parola. TJ e io spogliato; La mia lingua era prima.

Ha fatto delle foto al mio leccare ogni centimetro del suo corpo. Alcuni colpi erano ravvicinati di me leccandogli il petto, succhiando i capezzoli, leccandosi al collo e al viso.

Un altro era di me leccando i suoi addominali, poi giù al suo cazzo. Ci sono state molte foto che mi hanno fatto leccare, succhiando il suo cazzo. I primi piani della mia lingua toccarono appena la punta, l'albero e le palline. Mi ha fatto alcuni scatti che mi prendevano un intero testicolo in bocca.

Il prossimo era il suo culo. Ho avuto TJ a quattro zampe. Nicky si avvicinò al suo stronzo e mi fece a pezzi diverse foto mentre la mia lingua tremolava contro di esso. Mi sono assicurato di dare alla fotocamera l'aspetto seducente mentre lo circondavo. Ho dato una bella occhiata alla telecamera quando la mia lingua quando dentro il suo piccolo, stretto buco del culo.

A questo punto stavo gocciolando. Ciò ha portato un bel 69. Nick ha avuto diversi buoni scatti di TJ che mi sono succhiati su tutto il culo, la sua lingua sepolta nel profondo della mia figa, che ovviamente ha portato a quella stessa lingua di farsi strada all'interno del mio ano. Gemetti ad alta voce, flettendo i miei muscoli anali, mentre la grande lingua di TJ mi scopava il culo.

Il sesso era il prossimo. Nicky ha ottenuto ogni sorta di foto di TJ e io in diverse posizioni. È riuscita a ottenere un grande colpo da vicino del mio viso proprio quando ho organizzato. Non mi sono mai visto quando ho avuto prima, è stato interessante.

Siamo andati per qualche ora. L'ultima foto che ha scattato era di me seduto su TJ, la mia schiena inarcata, i miei capelli che scorrevano dietro di me. Aveva un seno in bocca e le sue braccia erano avvolte intorno a me mentre climavo.

"Grazie," borbottò Nicky, lasciando in fretta la camera da letto.

***

TJ e io eravamo sotto la doccia, baciando, una lunga notte di sesso davanti a noi. All'improvviso la porta della doccia si spalancò e in d'assalto un nudo Nicky. Praticamente mi ha spinto di mezzo, afferrò il viso di TJ e lo baciò forte.

"Voglio così grande, fottuto cazzo nero!" chiese.

"Uh, ok, certo," TJ mi guardò. Ho scrollato le spalle e sono uscito dalla doccia. La prese, le gambe che lo avvolgevano e le guidò il cazzo.

"Ohh, cazzo!" L'ho sentito piangere. Sono uscito, ho chiuso la porta e ho afferrato il mio asciugamano.

Mentre mi asciugavo, Gabe mi venne in mente. "Merda!" Sua madre era lì a fare sesso con TJ, non suo figlio. Pensavo che Nicky potesse gestirlo, pensavo che potesse scattare le foto e stare bene - lei e Gabe sarebbero ancora insieme.

L'ho rovinato. Avrei dovuto tornarci in quella doccia, tirarla giù dal suo cazzo e trascinarla a Gabe. Oppure avrei potuto andare e fare sesso con mio nipote - se sua madre non lo facesse. Ma una parte di me ha sentito che non avrei dovuto interferire. Mi sono vestito, sono andato nella stanza di Bea e le ho detto che stavamo portando fuori Gabe. Eric era a casa questa notte, quindi ha funzionato.

Abbiamo distoccato le cose. Lo abbiamo portato al club, l'abbiamo costretto a uscire sulla pista da ballo e abbiamo camminato e parlato sulla spiaggia, tenendosi le mani. È stato fantastico. Proprio come sospettavo, Nicky e TJ lo stavano ancora andando quando siamo tornati più tardi quella notte. Abbiamo spinto Gabe nella sua camera da letto, poi sul letto. Gli baciammo la guancia e ci rannicchiammo rannicchiati contro di lui.

"Questa è la prima volta che vado a letto con un ragazzo bianco", ha parlato Bea.

Non ho potuto fare a meno di ridere.

"Cosa c'è con te e i neri?" Chiese Gabe.

Bea lo solleticò, dicendo che la famiglia era più importante. Ho pensato a sua madre, dall'altra parte della casa, facendo sesso incredibile con TJ. Mi sentivo orribile. Bea e Gabe si sono presi l'uno con l'altro, solleticando, ridacchiando, mentre mi sdraio silenziosamente contro di lui. Ho dovuto sistemare il casino che avevo fatto in qualche modo.


-10-

Il giorno successivo, Jessica venne a lavorare per mettere le immagini in un formato per le pagine. Ha ritagliato e ridimensionato molti dei nostri preferiti. Registra gli articoli di Bea e ho preparato quelli che Jessica da inserire. Nicky, nel frattempo, era bloccato nella mia stanza - TJ era con lei. Di tanto in tanto sentivamo un gemito, il suo culmine. Mi sentivo orribile. Ho fatto delle pause con Gabe, portandolo in spiaggia. Anche Bea si unirebbe. Perfino Jessica si offrì di scoparlo direttamente. Le dissi di no, che dovevo prima sistemare le cose tra lui e sua madre. Se Gabe stesse scoprendo, sua madre sarebbe quella a farlo.

Avevamo un prodotto finito, quindi da parlare. Era una bozza approssimativa, ma era qualcosa che potevamo sottomettere a un sito Web di creazione di riviste Jessica. Sarebbe abbastanza buono. Jessica ha messo su alcune immagini e estratti di storia su un sito Web per fungere da demo online che potrei mostrare a Neal.

Ho programmato un viaggio ad Atlanta per incontrare Neal. Quella sera Bea, Jessica e io portammo Gabe per festeggiare. TJ non c'era. Né era Nicky. Gabe sapeva che stavano facendo sesso. Non potevo nasconderlo da lui. Era giù, triste per questo, appoggiandosi al ristorante, ammettendo che stava bene. Non gli credevo. Ho dato una pacca la coscia e ho riposato la testa contro la sua spalla. Abbiamo fatto una lunga passeggiata, solo lui e me, in seguito. Bea e Jessica si stavano incontrando con Eric da qualche parte. Non mi importava, mi sentivo per mio nipote.

Quando arrivammo a casa, il sole stava tramontando l'orizzonte. Ho usato il bagno ed sono entrato in cucina per vedere Gabe che fissava la finestra. Sembrava arrabbiato, i suoi pugni si conquistarono.

“Gabe, tesoro? Che cos'è?" Ho messo la mano sulla sua spalla. Scosse la testa e si precipitò via.
Ho guardato fuori dalla finestra per vedere una silhouette di sua nuda madre, nell'estremità superficiale della piscina. TJ era di fronte a lei. Le guardai posto la sua mano sul suo petto nudo. Si chinò per baciarla, la sua mano stringeva un seno. Era uno spettacolo bellissimo, ma era rovinato dal crepacuore di mio nipote. Scossi la testa, cercando di capire cosa fare.

Ho considerato spogliarsi, andare nella sua stanza e fare sesso con mio nipote. Sarebbe il primo ragazzo bianco con cui abbia mai fatto sesso. Mi sono tolto la camicia, ho fatto scivolare la gonna, lo stavo facendo. Ho fatto un passo avanti e Gabe è uscito dalla camera da letto, chiavi in ​​mano, non guardandomi. "Tornerò più tardi", disse sopra la sua spalla, sbattendo la porta mentre usciva.

Ho ancora una volta scrutato verso la piscina. Nicky e TJ si stavano baciando, stava accarezzando il suo cazzo. Le parlerei al mattino. Dovevo.

Sono andato a letto, incapace di dormire. Ho chiamato e mandato un messaggio a Gabe più volte. Alla fine mi ha mandato un messaggio per farmi sapere che stava bene, sarebbe stato a casa più tardi e che doveva uscire di casa - lontano da lei. Ho sbattuto il telefono e mi sono alzato dal letto.

"EHI!" Ho gridato nel cortile. Nicky era in cima a TJ nella vasca idromassaggio. “Possiete due altrove? Forse a TJ? "

"Certo," TJ si alzò, le gambe di Nicky avvolte attorno a lui. Afferrò un asciugamano, prese le chiavi, una donna bianca - mia sorella - gemendo tra le sue braccia.

"E Nicky," L'ho fissata. "Domani io e te abbiamo bisogno di parlare."

"MMHMM", disse, baciando al collo di TJ, mentre camminava vicino a me.

***

"Tuo figlio non è mai tornato a casa la scorsa notte", dissi la mattina dopo, sedendomi attorno al tavolino della cucina.

"Che cosa? Cosa intendi? Sta bene?" lei chiese.

"NO. Fisicamente, sta bene. Andò in campeggio, da solo, all'estremità della spiaggia. Ma non voleva tornare a casa. "

"Perché? Oh, um - "

"Sì. Perché la donna che ama, sua madre, era troppo impegnata per trascorrere del tempo con lui. "

"Devin, questo è -"

“Crazy, lo so. Ma abbiamo visto tutti come tu e lui ci siamo avvicinati da quando ci siamo trasferiti in questa casa. Sappiamo tutti dove è diretto. Sbagliato, malato, non importa: è un vero amore. Non puoi più nasconderti da lui. Lascia che ciò che dovrebbe accadere, accadere. "

"Devin", passò le dita tra i suoi lunghi capelli biondi.

"So di non avere un figlio. Neanche io lo sperimenterò. Ma se lo facessi e si sentiva per me come Gabe si sente per te, e mi sentivo come ti senti per Gabe, tutti gli uomini neri del mondo non mi avrebbero impedito di fare l'amore con lui. "

"Non è normale", ha detto Nicky.

“Nessuno ti sta giudicando qui. Provaci. Non sta bene. Per favore vai da lui e almeno parlagli delle cose. Vuoi che accada? "

"SÌ. Lo faccio, tanto ", ha ammesso immediatamente Nicky.

"So che probabilmente è spaventoso, fare il grande passo. Ma vai a trovarlo, riprendilo. "

"Potrei, forse, forse potremmo andare a cena stasera, da qualche parte," pensò Nicky.

"Esattamente. Parto domani per Atlanta. Presenterò la demo della rivista a Neal. Stasera, esci con Gabe, il mio trattamento. "

"Va bene, lo farò," annuì Nicky, mi fece un abbraccio e mi diresse alla doccia.

Gabe si presentò un po 'più tardi. Abbiamo parlato di sua madre, di TJ, di come vuole uscire quella notte. All'inizio era titubante, arrabbiato, non volendo, ma sono stato in grado di convincerlo ad avere una mente e un cuore aperti. Quando Nicky uscì dalla doccia, lei gli sorrise, lui le fece un cenno e mi invitò a fare shopping.

Abbiamo trascorso la giornata insieme, parlando principalmente di Gabe. Ha comprato un nuovo abito rosso, biancheria intima sexy e persino i capelli - tinti a un delizioso colore marrone scuro. Sembrava fantastica. Gabe è stato un figlio fortunato.

Quella sera Nicky si stava regolando i capelli e il trucco nello specchio del bagno. Era lì nel suo nuovo reggiseno e perizoma. "Come ti sembro?" lei chiese.

L'ho schiaffeggiata quasi nuda, "Lo adorerà." Ridacchiò e finì di prepararsi.

Gabe la stava aspettando con la camicia e la cravatta, nascosto nei suoi bei pantaloni. "Ehi", ha detto.

"Ciao", gli afferrò il braccio.

"Stai benissimo, mamma", le disse Gabe.

"Così tu. Sono pronto per una serata meravigliosa con l'uomo che amo di più ", Nicky ha appoggiato la testa sulla sua spalla. I due se ne andarono, si spera che iniziassero una notte che avrebbe cambiato le cose per sempre tra loro.

Non appena se ne sono andati, mi sono reso nudo e mi sono diretto nella stanza di Bea. Eric era dietro di lei, il suo cazzo sepolto nel profondo del culo di Bea. L'ho afferrato da dietro, baciandomi sulla schiena muscolosa, le mani sulla pancia. Mi sarei divertito con i due, ma non abbastanza per distrarmi dal check -in su Nicky e Gabe in seguito.

***

Mi sono svegliato poche ore dopo. Bea e io eravamo soli, nudi, sdraiati nel suo letto. Eric doveva tornare a casa dai suoi genitori prima la sera. Ho sentito qualcosa. Ero seduto sul bordo del suo letto. Deve averlo sentito anche lei. Ho sentito la sua mano sulla spalla.

"Andiamo", ho sussurrato. Ci siamo alzati dal letto e ci siamo diretti nella stanza di Nicky. La porta era aperta.

Eccoli lì, mamma e figlio, a letto, diventando uno. Nicky era in cima, baciandolo, cavalcando lentamente il suo cazzo. Le mani di Gabe erano su di lei, stringendo delicatamente il culo, le sue lente spinte verso l'alto si sincronizzano con lei.

Nicky si guardò alle spalle, sorridendo alla porta. Immagino che abbia sentito Bea e I. Abbiamo sorriso indietro e li abbiamo lasciati soli. Ci siamo trattenuti nella stanza di Bea, ci siamo messi a letto e ci siamo coccolati fino a quando non ci siamo addormentati.


-11-

Avevo tutto ciò di cui avevo bisogno. Un grande ritaglio di cartone della copertina proposta, un campione della rivista stessa, una proposta budget, un bel vestito, niente biancheria intima, il mio canottiere e i pantaloncini in cui ho guidato.

Sono arrivato ad Atlanta intorno alle 20:00 della sera prima del mio incontro con Neal.

"Te l'ho detto, mi avresti visto di nuovo" sorrisi ad Alfred quando aprì la porta dell'appartamento.

“Heh, sicuramente l'hai fatto, ragazza. Vieni dentro ", mi fece cenno di seguire. Mi sono spogliato sulla sua porta e sono entrato.

Abbiamo fatto sesso per alcune ore, fermandoci prima di mezzanotte in modo da poter riposare per il mio incontro il giorno successivo.

Mi sono svegliato la mattina dopo, sentendomi rinfrescato, fisso Alfred un po 'di pancetta e uova, ho fatto sesso sotto la doccia con lui e l'ho visto fuori per la giornata. Ho avuto un po 'di tempo, quindi ho superato la mia presentazione, dopo che mi sono preparato.

***

Ho aspettato nel suo ufficio per circa 30 minuti. La ragazza della reception apparve, i capelli un disastro, l'abbigliamento sembravano messi in fretta e condusse Neal nel suo enorme ufficio. Sorrise, mi alzai e mi strinsi fermamente le mani. Non stavo per flirtare, non avrei voluto da lui, non avrei mostrato un po 'di pelle. Sono rimasto professionale, fiducioso e ho semplicemente presentato fatti e proposte sul mio rilancio della rivista d'élite.

Ho attraversato la mia presentazione, mostrando i ritagli di cartone della bozza approssimativa della rivista. Distribuzioni di foto, pornografiche di natura, di Bea ed Eric, Jessica, Alexis, Jenna e TJ sono stati mostrati a Neal. Sono stati mostrati alcuni articoli di esempio, insieme ai loro layout di pagina. Infine, un ultimo ritaglio di cartone ha mostrato il lungo, grande cazzo di TJ, e il mio viso proprio accanto ad esso, i miei occhi guardano in modo seducente la telecamera per chiunque desiderasse vedere il caporedattore di questa rivista.

Ho visto la reazione di Neal quando mi ha visto nella foto. Spero che il mio amore per il cazzo nero fosse evidente.

"Bene. Molto bene. Sono davvero sorpreso ", si alzò Neal. Ho dato un'occhiata al suo cavallo. “Hai tirato fuori un'ottima presentazione. La rivista d'élite non sarebbe niente come King Monthly. Sarebbe praticamente porno. Lo vedo nelle stazioni di benzina o nelle sezioni adulte di rack di riviste. "

"Quindi saresti disposto a finanziare il suo rilancio?" Ho chiesto.

"Assolutamente. Lo finanzierei abbastanza per distribuire intorno al sud. A livello nazionale però? " Neal si mosse accanto alla mia sedia. Si è inginocchiato dopo me.

"Se vuoi finanziamenti sufficienti per distribuire questa rivista a livello nazionale, beh, allora dovresti rimanere una settimana con me", ha detto.

"Assolutamente", gli sorrisi, appoggiandomi a baciargli la guancia. Rimase in piedi prima che avessi la possibilità di farlo.

"Dovresti sopravvivere, Devin."

"Sopravvivi?"

"SÌ. Dovrai lavorare di più che tu abbia mai lavorato prima. Sarai così esausto, ti vorrai rinunciare, ma non puoi, a meno che non desideri più i miei soldi. "

"Non capisco. Voglio dire, penso di farlo ", dissi.

"Non lo fai. Fidati di me. Ti analizzerò, poi ti ricostruirò in una macchina, solo per farti correre fino a quando non ti cedi, quindi continua. "

"Neal, io -"

“Presentati qui. Domani mattina, 8 del mattino. Se lo fai, farò una vacanza per tutta la prossima settimana ", mi ha consegnato la sua carta, con un indirizzo scritto sul retro.

"Va bene", ho guardato la carta, incuriosita e spaventata, ma fiducioso di poterti scopare il cervello. L'ho fatto molte volte con molti uomini diversi prima.

Mi ha accompagnato alla porta della sua ufficio. Il suo segretario mi ha spazzato via. Le guardai alle spalle, vedendola e Neal bacia.

Ho guardato di nuovo l'indirizzo. Volevo tanti soldi che potevo ottenere da quest'uomo. Mi presenterei di sicuro.

***

Dopo aver fatto sesso con Alfred fino a mezzanotte, ho dormito profondamente, in attesa del giorno seguente. Mi sono alzato alle 7 del mattino e ho guidato per circa un'ora. Mi sono fermato a un cancello e ho premuto un cicalino. Neal rispose: “Devin, contento che tu ti sia presentato. Attrarre a sinistra. Ecco dove sono le scuderie. Sarò fuori tra un minuto. "

"Ok", scrolsii le spalle, il suo cancello si aprì e io tirai dentro.

Il vialetto era molto lungo con la sua enorme proprietà tentacolare. Mi sono girato alla prima a sinistra e c'erano davvero stalle. Sembrava un piccolo pascolo dietro di loro, alcuni cavalli stavano sfogliando. Non era niente come mette in scena: la sua grande proprietà, palazzo, scuderie, tutto.

Arrivò poco e mi salutò. Gli ho sorriso, poi Neal mi ha detto di spogliarmi. Ero confuso, ma ho fatto come ha detto.

Poi mi ha messo un colletto. "Non aver paura", ha detto Neal. C'era un guinzaglio attaccato al colletto. Afferrò il guinzaglio e mi tirò avanti.

"Cosa sta succedendo?" Ho chiesto.

"Silenzio. Non ancora ", ha detto Neal.

Mi ha portato alle stalle. C'erano cavalli che macinavano, non prestando troppa attenzione a me.

"Sei un animale. In senso figurato, ma per oggi e domani, letteralmente. Vivrai in queste scuderie con loro. Ho incontrato così tante donne come te. Farebbero qualsiasi cosa per il cazzo nero. Non sei diverso. Tranne questa volta, è per cazzo nero e denaro - molto. "

Mi sono guardato intorno, vedendo diversi stalloni che mangiano fieno.

“Devi accoppiarti con loro, proprio come l'animale che sei. Ti darò da mangiare, ti darò acqua, poi ti porterò a casa mia dopo domani. Da lì ti spezzerò. Ho preso? " Chiese Neal.

"Credo di si."

"Oh, e senza imbrogli", indicò Neal al sistema della telecamera negli angoli delle stalle. "Guarderò."

Neal si fermò, "Non aver paura. Amano la figa bianca tanto quanto me. "

"Fantastico", ho pensato. “Bestialità. Vuole che faccia sesso con i cavalli. " Mi sono guardato intorno alle stalle, vedendo gli stalloni con le loro grandi palle appese.

"Forse", mi sono leccato le labbra. Ho pensato ai soldi dopo. Avrebbe dato abbastanza per consentire alla rivista Elite di essere pubblicata a livello nazionale, ogni mese. Averei il lavoro della mia vita; Farei quello che mi è piaciuto. Mi sono avvicinato al cavallo più vicino.

"Due giorni di drenare questi grandi cazzi di cavallo", dissi, avvicinandomi. "Sarebbero i più grandi che abbia mai avuto."

Ho pensato di vendere annunci nella rivista Elite Magazine, i soldi che si sono riversati. Ho guardato indietro a una telecamera montata nell'angolo, la mia mano ha deriso delicatamente la coscia del cavallo. Sono andato in ginocchio e mi sono strisciato sotto di lui. Il suo cazzo non era ancora eretto, ma le sue palle penzolano.

"Voglio quei soldi fottuti", dissi ad alta voce e poi divorai quelle grandi palline da cavallo. Gemetti mentre li schiacciavo, leccandoli, rivestendoli nella mia saliva. Poi è diventato duro.

Quell'albero lungo, enorme, che si estende verso l'esterno sopra la mia spalla. Ero così assorto nel succhiare i testicoli del cavallo, mi sono quasi dimenticato del suo cazzo.

Non preoccupandomi di qualcosa di diverso dai soldi di Neal, mi sono leccato lungo l'albero fino alla punta. Ovviamente non era, ma aveva un cockhead familiare, albero, tutto questo. Potevo a malapena adattarmi alla bocca att

Storie simili

Una nuova esperienza

Anita era così eccitata domenica mentre doveva partecipare alla festa di compleanno della sua migliore amica a casa sua. Erano le 16:30 quando era uscita di casa, tutta vestita e orgogliosa del suo aspetto. Ooooooooo! le persone rimarranno davvero sbalordite quando la vedranno con questo nuovo vestito rosso. Saranno davvero gelosi di lei oggi. pensando questi pensieri a se stessa. Finalmente era arrivata a destinazione. era la sua prima volta a casa del suo amico poiché conosceva solo il Block e non c'era mai stata prima. Ha iniziato a localizzare l'appartamento. Mentre lo faceva, suonava in un appartamento nel caso in...

578 I più visti

Likes 0

La migliore amica di mia figlia, parte 1

Questa storia è finzione ed è stata originariamente scritta a mano su un quaderno scolastico a spirale prima ancora che i computer portatili fossero inventati. Probabilmente mentre lavoravo come proiezionista al cinema nei primi anni ottanta. L'ho trascritto per la prima volta in un primo elaboratore di testi circa 20 anni fa e ho salvato i floppy disk fino a quando non ho acquistato un computer moderno. Ecco il testo, così com'è. Spero vi piaccia. La migliore amica di mia figlia, parte 1 Erano circa le 3 del mattino ed ero seduto al tavolo della cucina, con il mio taccuino davanti...

528 I più visti

Likes 0

Angelo 2

Angelo 2 © Questa è una fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone o luoghi reali è casuale. ************************************************** **************** Angel lo fissò sorpreso, mentre l'uomo dall'aspetto divertente è i pantaloni a righe tamponati le lacrime che gli scorrevano sul viso con la coda. Chi sei? Lei chiese. Smise di piangere abbastanza a lungo per rispondere. Pensavo che lo sapessero tutti. Egli ha detto. Sono il gatto dalla coda spogliata. Disse agitando la coda con orgoglio. “La maggior parte mi chiama Stripe. Vedi quanto è lunga la mia coda? Non sono belle le strisce? Angel ha convenuto che la coda era davvero carina...

1.5K I più visti

Likes 0

La rissa bestiale di Bridezilla Brenda -- Parte 3 -- Domare un monello viziato

La rissa bestiale di Bridezilla Brenda Parte 3 -- Addomesticare un monello viziato Cast di personaggi con nome in questa serie: Brenda Robinson -- 26 anni, alta 5'10 140 libbre --- Sposa. Arrogante, viziato, prepotente, ricco, egocentrico e oh così alto e bello. Bradley Eaton -- 27 anni, alto 6'2 pollici, 180 libbre --- Sposo. Studentessa laureata in fisica. Intelligente, laborioso, bello, fedele, affidabile. Amy Robinson -- 21 anni, alta 5'10 e 125 libbre --- Damigella d'onore. Studente universitario di fisica. Intelligente, laboriosa, timida, carina, modesta e molto simpatica. Betty, Susan e Rebecca -- 25-27 anni --- Damigelle d'onore. I migliori...

1.4K I più visti

Likes 0

Il prigioniero (parte 3)

La sveglia di Stephen è suonata alle 6:30 del mattino. «Era strano; la sveglia di solito suonava alle 7.' Si girò per cercare di riaddormentarsi, poi saltò in piedi, ricordando cosa lo stava aspettando al piano di sotto e perché aveva impostato la sveglia così presto. Si alzò, si fece la doccia e si preparò per il lavoro, quindi scese le scale in cucina; mise una fetta di pane nel tostapane e poi scese i gradini fino al seminterrato. Poi spinse la porta del seminterrato e guardò dentro. Ed eccola lì, Jennie Connelly, ancora legata con le gambe divaricate completamente nuda...

1.4K I più visti

Likes 0

Il wrestling ci ha fatto iniziare....

Quando avevo 18 anni avevo un amico intimo con cui uscivo tutto il tempo. Il suo nome era Davide. Anche se entrambi eravamo interessati alle ragazze e all'epoca avevamo amiche fisse, abbiamo trascorso molto tempo insieme e siamo riusciti a finire con qualche sperimentazione sessuale l'uno con l'altro. La prima volta che abbiamo fatto qualcosa, stavamo scherzando sulla dimensione del cazzo e continuava a insistere che era più grande del mio. Ci eravamo visti i cazzi l'uno dell'altro e il suo sembrava essere uguale al mio. Ma ha affermato che è diventato molto, molto più grande quando è diventato difficile. Ha...

1.3K I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

653 I più visti

Likes 0

Sam & Alicia 9

Ho scritto questo supponendo che tu abbia già letto Sam & Alicia da 1 a 8. Quando mi sono svegliato la mattina dopo, Katrina era appoggiata su un gomito e mi guardava. Sembrava felice. “Buongiorno dormiglione. Avete dormito bene? “Sì, ho dormito come un sasso. Sembri felice. Vuoi un'altra scopata? “Sì, mi sento molto felice. Dovrei essere scioccato da tutte le cose che ho imparato su di te ieri sera, ma non lo sono. Invece mi sento orgoglioso che tu mi abbia incluso in tutto il tuo sesso. I miei genitori sarebbero inorriditi se lo sapessero, ma sono solo entusiasta di...

680 I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

1.6K I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.