Io e Albert (parte 2)

442Report
Io e Albert (parte 2)

Un uomo più anziano, un'adolescente e una fantasia...........


Il freddo della camera da letto era in netto contrasto con il calore del salotto e sentii il mio seno nudo contrarsi e i capezzoli gonfiarsi. Mi misi sul lato del letto, Albert in piedi di fronte a me e allungai le mani per fargli scorrere la parte superiore del corpo. Come i miei, i suoi capezzoli erano eretti e tremava dolcemente mentre le mie dita li circondavano leggermente, lasciando tracce di pelle d'oca sul suo busto. La sua mano mi afferrò dolcemente il mento mentre lo sollevava per guardarlo, gli occhi sorridenti osservavano tutto il mio viso.

“Sei una giovane donna molto bella, Jill, e molto speciale. Lo sapevo dal nostro primo incontro... davvero molto speciale”.

Non dissi nulla, mi limitai a sorridere mentre le mie dita scendevano sulla parte superiore dei suoi pantaloni. Glieli faccio scorrere sopra, quanto basta per sentire la pelle sotto, prendo il bottone e la zip, lo spoglio. Uscì dai pantaloni scartati e si fermò davanti a me nei suoi boxer, continuando a tenermi gli occhi nei suoi mentre abbassavo e allontanavo i boxer per atterrare accanto ai pantaloni. Questa è stata la prima volta che ho visto il suo corpo completamente nudo. Il suo corpo smentiva la sua età e tutti i pensieri sull'enorme differenza di età mi abbandonarono completamente. Si allontanò un po' da me lasciandomi osservarlo poi ancora una volta imparò verso di me, sollevandomi il mento e chinandosi a baciarmi. Baci morbidi e leggeri, lasciandomi senza fiato.

"Spogliami Jill", sussurrò, "fammi vedere tutti voi"

Mi alzai e cominciai a sbottonarmi la gonna, lasciandola cadere, poi agganciai entrambi i pollici sotto la cintura delle mie mutandine, allentandole e dimenandole sui fianchi prima di lasciarle scivolare anch'esse sul pavimento. Stavo davanti a lui completamente nudo, come lo era lui per me, con il cuore che batteva forte, il respiro pesante e i capezzoli e la figa che pulsavano.

Ci siamo fusi insieme, baciandoci, stuzzicandoci, esplorando e meravigliandoci della squisita sensazione della carne calda che incontra la carne calda.

Ci sedemmo sul letto, ancora stretti in un abbraccio appassionato, e ci sdraiammo fianco a fianco. Le sue mani iniziarono a vagare liberamente mentre prima mi stuzzicava il seno e mi accarezzava i capezzoli duri e sensibili. La mia schiena si inarcò per incontrare ogni movimento delle sue dita mentre lui le faceva rotolare a turno tra le sue dita, mandandomi piccoli shock nel profondo del mio essere. Scivolando lungo le mie costole, facendo morbidi cerchi sulla mia pancia e giù finché la sua mano non coprì il mio sesso infiammato. Le mie gambe si aprirono liberamente per permettergli di toccarmi più intimamente. Iniziò a stringergli la mano, permettendo a un dito di spingere tra le pieghe gonfie delle mie labbra.

"mmmm che ragazza molto bagnata sei" sussurrò "molto bagnata e molto sexy" mormorò mentre il suo dito iniziava a strofinare la lunghezza della mia fessura. Mi abbassai e per la prima volta sentii il suo cazzo. Avvolgendo la mano attorno al suo spessore cominciai ad accarezzarlo a tempo con il suo sfregamento. Stringendo un po' più forte mentre tiravo indietro il prepuzio e facevo scorrere il pollice sulla punta umida. Gemette di piacere mentre mi baciava profondamente, con la lingua profondamente dentro la mia bocca, sondando ed esplorando.

Si è alzato sul gomito guardandomi "molto bagnato e sexy ma sei una ragazzina sporca" ha chiesto. Lo guardai con aria interrogativa. "quanto sporco vuoi che sia?" Ho detto. "Voglio che tu sia sporco quanto vuoi, voglio fare cose con te che mi facciano venire voglia di venire proprio ora solo a pensarci". “dimmi” dissi “dimmi cosa vuoi”.

Si mise a sedere completamente e sorrise. “Amavo profondamente mia moglie, era la mia vita, ma la nostra vita sessuale era funzionale. A letto, sempre e solo con le luci spente, solo sulla schiena, e solo quando lei lo permetteva. Non abbiamo mai fatto sesso orale e tante volte avrei voluto affondare la lingua nella sua figa e farle succhiare il mio cazzo. Sono stato fedele e non mi sono mai allontanato, anche se ero così frustrato”. L'ho guardato e ho sorriso, "dimmi cosa vuoi", ho detto ancora, "Sarò tuo per fare quello che vuoi... tutto quello che vuoi". In qualche modo il pensiero di essere al comando di quest’uomo mi elettrizzava oltre ogni cosa a cui potessi pensare, il mio corpo si esaltava oltre ogni immaginazione. “Dimmi adesso cosa vuoi che faccia” ho detto.

"Voglio che tu mi lasci guardare il tuo piacere, voglio guardare le tue dita mentre sondano e stuzzicano la tua figa, voglio che tu ti apra a me e mi lasci guardare" con questo scivolò giù dal letto e si posizionò tra le mie gambe aperte. Lascio che le mie dita accarezzino il mio seno nel loro viaggio verso il basso fino a raggiungere il centro del mio desiderio. Molto lentamente cominciai a far scorrere un dito lungo la mia fessura che era aperta e pulsante. Girando intorno al cappuccio gonfio che nascondeva il bocciolo del piacere e tornando all'apertura della mia figa fradicia, spingendo una o due dita nelle sue profondità ardenti e immergendomi più in profondità che potevo prima di tirarle fuori, ricoperte del mio succo, e farle scivolare fino al mio clitoride pulsante. I suoi occhi non lasciavano mai le mie dita mentre la sua mano cominciava ad accarezzargli il cazzo, colpi lunghi e lenti. Ho saccheggiato di nuovo le profondità della mia figa e ho cominciato a scoparmi. Il mio corpo chiedeva disperatamente di essere liberato, ma ho controllato l'impulso di venirmi sulle dita. L'altra mia mano stava massaggiando lentamente il clitoride ormai tenero e i miei fianchi si sollevarono per soddisfare le mie spinte. Sapere che stava osservando ogni mossa era eccitante al di là di qualsiasi cosa avessi mai immaginato, sapere che mi stavo fottendo, pensare a lui e guardarlo mi stava prendendo tutta la forza che avevo per non esplodere.

Continuando ad accarezzargli il cazzo mi ordinò di fermarmi e di aprirmi con entrambe le mani. Ero totalmente esposto, la mia figa spalancata e il rosa intenso delle mie labbra interne in vista. L'ho guardato mentre si succhiava il dito e lo infilava nel mio buco, dentro e fuori prima di ripeterlo ancora e ancora. La mia figa si è sollevata per incontrare ogni sonda, l'invasione mi ha portato sull'orlo dell'orgasmo. Avevo bisogno di più, l'ho pregato di scoparmi con più dita, di scoparmi forte e veloce e di lasciarmi venire. Sorrideva e non cambiava mai ritmo, torturandomi solo con la promessa prima di fermarsi del tutto. “per favore” ho detto, “per favore non fermarti” ma lui mi ha zittito con le dita quello che avevo dentro, lasciandomi succhiare come un bambino affamato il succo che lo ricopriva.

Si sporse in avanti e cominciò a strofinare il suo cazzo su e giù per la mia fessura, lasciandolo appoggiare leggermente sul mio clitoride prima di strofinarlo di nuovo. L'ho supplicato di mettermelo dentro, ma ancora una volta lui si è limitato a sorridere e ha continuato a prendermi in giro. Ho provato a sollevarmi per incontrarlo, cercando disperatamente di spingerlo dentro di me, ma tutto ciò che ha permesso è stato che la punta si sedesse all'ingresso, facendo vibrare ogni nervo. Si è seduto di nuovo e ha detto "succhiami". Ero lì in un istante, a succhiare e leccare il suo cazzo come se fossi morto di fame. Potevo assaporare me stesso sulla sua verga mentre lo leccavo e lo succhiavo profondamente nella mia gola. Si stava spingendo per incontrare i miei colpi, il suo respiro era veloce ed ero sicuro che sarebbe esploso da un momento all'altro, ma invece sentivo le sue mani sulla mia testa spingermi ancora più in profondità. "Adori il mio cazzo in bocca, ami assaggiare il succo della tua figa dal mio cazzo, non è vero?" ha detto. Potevo solo annuire riluttante a lasciarlo andare e allungavo la mano per masturbargli il cazzo mentre lo succhiavo avidamente. Lui si è scontrato più forte dicendomi di continuare a usare la mano ma di leccarle la punta solo poi di leccargli le palle. Mi sono meravigliato della capacità di resistenza di quest'uomo, ma ho amato che potesse farlo. Mi ha detto di fermarmi e di sdraiarmi sul letto, con le gambe larghe. "Per favore, fottimi", ho detto, "Ho bisogno del tuo cazzo nella mia figa". Scosse la testa e seppellì il viso tra le mie gambe. Mio Dio, la sua lingua era come un serpente, leccava, sondava, spingeva dentro di me. I suoi denti mi mordicchiavano le labbra esterne, poi il clitoride prima di succhiare come avevo appena fatto con lui. Ero frenetico, così vicino all'orgasmo eppure in qualche modo lui riuscì a trattenerlo. Potevo sentirmi gemere e supplicare di lasciarmi venire, ma lui continuava all'infinito. Si staccò, con il viso luccicante dei miei succhi e spinse di nuovo il suo dito dentro di me, poi un altro e un terzo e iniziò a martellarmi la figa. "è così che ti piace" le chiese "la tua figa si è allargata con le mie dita, martellandoti forte?, vieni per me Jill, vieni per me adesso". Con l'altra mano cercò il mio clitoride e cominciò a massaggiarlo con forza mentre urlavo per raggiungere l'orgasmo. Ondate di piacere attraversarono il mio corpo e lui continuava a lavorarmi duramente. Ero consapevole che la mia figa si allungava ancora di più, ma ciò aumentava l'intensità mentre mi sollevavo e spingevo sul letto. Le sue dita lasciarono il mio clitoride e il battito rallentò mentre gradualmente cominciavo a riacquistare un po' di buon senso. Ho aperto gli occhi e l'ho visto sorridermi. Il mio respiro è tornato normale e gli ho sorriso. "È stato fantastico" ho detto. Mi ha guardato e ha detto "hai preso quattro dita, questo è fantastico.". Ho riso, “e se non sbaglio li ho ancora tutti e quattro dentro”. Detto questo li tirò fuori e potei vedere il succo scorrergli quasi fino al gomito mentre li sollevava, ancora mantenuti nella forma in cui erano dentro di me.

"perché non mi lasci pulire tutto?" ho detto "mentre mi scopi" e ho allungato la mano per tenermi aperta per lui. Lui scosse la testa e disse “principessa, sono ancora molto lontano dal scoparti, la notte è giovane e ci stiamo appena scaldando”……..

Storie simili

Gli archivi Jeff ed Ellie. . . Episodi 1 e 2

Episodio n. 1: massaggio alla schiena per la sorella e molto altro Quindi mi chiamo Jeff e ho 16 anni. La mia sorellina Ellie ne ha 14. Siamo abbastanza legati dato che siamo solo noi e nostra madre e lei lavora molto di notte. Come la maggior parte dei ragazzi, so di essere davvero molto eccitato. Comunque, ultimamente ho notato quanto stia diventando sexy Ellie. È sempre stata molto divertente e carina. . . ma ultimamente ho notato che anche lei sta diventando molto sexy. È solo circa 5 piedi 2 ma ha gambe molto lunghe per la sua altezza e...

1.1K I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

857 I più visti

Likes 0

Toman dei Cherokee 5

Il figlio di Drenna? Sentii improvvisamente il mago sussurrare. Poi mi guardò più intensamente come per vedere qualcosa che gli era sfuggito. Mio Dio! disse all'improvviso. Mi ricordo di te quando eri solo un bambino. Abbassando la testa lo sentii dire. Mi dispiace tanto per voi, madre e padre. Ne ho sentito parlare solo un mese dopo che se ne erano andati. Se l'avessi saputo, avrei potuto fare qualcosa. Fissai il mago a bocca aperta anche se non avevo intenzione di abbandonare la mia difesa, no lo sapevo meglio. L'avevo fatto con l'unico amico che avevo a scuola quando aveva cercato...

713 I più visti

Likes 0

Lucy viene scopata dal padre della sua migliore amica

Erano le 15:00 di mercoledì e il caldo della giornata estiva si abbatteva su Lucy e la sua amica Jillian mentre tornavano a casa da scuola. Il marciapiede era caldo e ricoperto di foglie e noci degli alberi che fiancheggiavano la strada di Jillian. Mentre il sole bruciava, le foglie gocciolavano un aroma caldo che ricordava a Lucy il pot-pourri che aveva annusato in un negozio di candele boutique nella strada principale della sua piccola città. L'aria era calda e l'odore della flora bruciata la fece girare la testa assonnata e soddisfatta. Le due ragazze imboccarono il vialetto di Jillian mentre...

615 I più visti

Likes 0

L'abuso di Bayonetta - Capitolo 13 - Paradiso

La fresca pioggia autunnale picchiettava sulla passerella di ciottoli mentre James seguiva in fretta Bayonetta nella sua nuova tana. Corsero dal parcheggio all'ingresso di un condominio dall'aspetto elegante e poco familiare. Quando raggiunsero l'atrio, i loro corpi rivestiti di pelle e lattice erano lucidi e gocciolanti. Era quasi rinfrescante dopo il tempo trascorso nella terra desolata. La pioggia è servita a lavare via la polvere residua e la sporcizia del deserto. La donna seduta alla reception li guardò brevemente e inarcò un sopracciglio. Tornò alla sua rivista mentre la coppia si dirigeva verso l'ascensore e Cereza premeva il pulsante di chiamata...

585 I più visti

Likes 0

Polly è la sorella minore di mia moglie

POLLY LA SORELLINA DI MIA MOGLIE! I nomi sono stati cambiati nel caso lo vedesse il nuovo marito della sorellina di mia moglie. Mia moglie Sherry ed io ci siamo sposati circa un anno e mezzo fa e siamo ancora molto innamorati. Era la mia seconda moglie ed era anche sposata prima. Sapevo che proveniva da una famiglia numerosa del Texas, ma non ne vedevo nessuno dal matrimonio. Senza che mia moglie mi dicesse che sua sorella minore Polly era con lei una sera quando tornai a casa dal lavoro. Aveva circa ventotto anni ed era carina quasi quanto mia moglie...

530 I più visti

Likes 0

La mia figliastra senzatetto, parte 3

Mentre Chelsea giaceva a letto con noi, qualcosa si risvegliò dentro di lei. Non voleva più le donne della sua età. Li voleva giovani. Voleva adolescenti. L'emozione di essere il primo per qualcuno è stata travolgente. E l'eccitazione nel guardare il suo ragazzo far scoppiare la ciliegia di Ronnie era quasi più di quanto potesse sopportare. Sapeva che le ripercussioni per essere stata scoperta sarebbero state gravi, ma ora aveva un sedicenne che poteva aiutarla. Potrebbe essere molto divertente. Ronnie giaceva a letto, con la testa appoggiata sul petto del patrigno. Non poteva credere a quello che era successo in meno...

524 I più visti

Likes 0

Breve incontro universitario

La festa di Capodanno di Steve... …aveva un numero pari di ragazzi e ragazze, ma in qualche modo sapevo che se fossi finita con qualcuno sarebbe stata Ann. Non fraintendermi: non era brutta, solo un po' banale e tozza. Era un po' più bassa di me e piuttosto magra, anche se aveva un bel sedere impertinente. Infatti, quando sono arrivati ​​i balli lenti, Ann e io ci siamo ritrovati insieme e lei mi ha guardato in attesa. Allora ti va di ballare, Ann? Sì grazie! lei rispose e io l'abbracciai mentre lei mi sorrideva. Ray era convinto che le piacessi e...

369 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

365 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.