Curve: un vero allenamento

56Report
Curve: un vero allenamento

Ben aveva appena compiuto 26 anni quando è stato assunto. Sua madre e sua sorella si erano davvero esercitate dopo gli eccessi delle vacanze e all'inizio di febbraio si allenavano cinque volte a settimana. Né la madre né la figlia erano particolarmente sovrappeso, ma si sono divertite insieme e hanno notato quasi immediatamente che avevano più energia. I due facevano una routine e si attenevano ad essa.

Barbara e Torey Reynolds erano membri di Curves, una struttura per esercizi a circuito per sole donne. Ce n'erano diversi vicino a casa loro, incluso uno al centro commerciale in fondo alla strada. Ben ci passava davanti ogni giorno mentre andava al lavoro.

Ben Reynolds si era laureato in Educazione Fisica. Persona molto attiva e atletica, Ben era stato un cornerback varsity, con gambe corte ma potenti e un petto profondo in grado di assorbire grandi quantità d'aria durante il gioco. Sebbene Ben fosse un atleta di talento fuori dal comune, lui stesso non era un ragazzo particolarmente bello. Con un naso piatto e un mento debole, non era affatto brutto, ma le esperienze sessuali di Ben al college dovevano più alla sua importanza come atleta di alto livello che al suo aspetto. Tuttavia, Ben era in forma e intelligente e sapeva come far funzionare il corpo umano al suo apice.

In questo modo, Ben Reynolds era qualificato in modo univoco per il lavoro. Barbara aveva chiacchierato brevemente con la location manager di Curves, una donna topa di nome Louise, e aveva scoperto che la posizione del centro commerciale su Bayfield Road aveva bisogno di un capoturno la sera. Pensò immediatamente a suo figlio Ben che, nonostante le continue opportunità di lavoro attraverso l'azienda di paesaggistica di suo padre, non aveva ancora trovato un lavoro significativo dopo la laurea.

E così è stato attraverso questo metodo uncinato che Ben è diventato il responsabile del turno serale al Curves Fitness in Bayfield Road. L'intervista è stata quasi superficiale, con la topa Louise che ha dato un'occhiata brevemente al suo curriculum e si è concentrata principalmente sulla sua forma fisica attuale, che era a dir poco la perfezione.

Ben non era riluttante riguardo alla sua nuova posizione, ma non vedeva nemmeno l'ora. Avendo trascorso la maggior parte della sua permanenza al college dentro e vicino ai confini puzzolenti e umidi della palestra, Ben aveva sperato in di più. Tuttavia, la posizione era innegabilmente adatta alla sua formazione. Dopo alcuni giorni di imbarazzante orientamento e memorizzazione delle procedure, Ben si sentì subito a suo agio nel suo nuovo ambiente.

Il primo giorno alla reception, Ben fu quasi subito imbarazzato dall'arrivo di sua madre e sua sorella. Barbara gli diede un abbraccio umiliante e un bacio sulla guancia. Si stava appena riprendendo dalla vergogna quando sua sorella maggiore Torey gli diede una gomitata affilata nelle costole. L'ha presa a pugni giocosamente sulla spalla e ha sfoggiato la sua faccia migliore mentre le sue relazioni femminili si dirigevano verso lo spogliatoio del club per cambiarsi.

Al di là delle regolari distrazioni di sua madre e sua sorella, la routine serale di Ben era semplice e stranamente soddisfacente. A rigor di termini, i suoi compiti si limitavano a presidiare la reception, fornire assistenza tecnica e clienti limitata agli avventori che utilizzavano le strutture e le attrezzature e preparare il negozio per la chiusura definitiva da parte di un manager. Di solito era Becky, che passeggiava qualche tempo dopo le 21:00, osservando Ben per alcuni minuti mentre leggeva il registro, quindi rimuovendo i contanti e le ricevute per il conteggio e il deposito fuori sede. A Ben potrebbe importare di meno degli sguardi osceni di Becky; era sposata e madre, e per niente attraente.

Ben gradualmente iniziò a capire che una buona percentuale degli avventori del club trascorreva un po' di tempo in più a guardarlo. Si è ritrovato ad aiutare le stesse donne a capire gli stessi pezzi di equipaggiamento. Nessuno era terribilmente aperto o permaloso finora, quindi non gli importava dell'attenzione. Durante il suo secondo mese di lavoro lì, finalmente una donna gli ha dato il suo numero di telefono. Era un po' più grande, anche se piuttosto attraente. Tuttavia, pensava che fosse inappropriato, e quindi non l'ha mai chiamata. Era sempre gentile con lei e non ne parlava mai con nessuno.

Era una normale e calda serata di luglio quando la porta d'ingresso del club si spalancò. Ben staccò con riluttanza gli occhi da una rivista per salutare il nuovo arrivato. A detta di tutti, era ragionevolmente attraente, ma non bella. La donna non era un membro e Ben iniziò la procedura per iscriverla. Ha chiesto la sua patente e ha iniziato a copiare i dati rilevanti sul modulo di adesione.

Ha preso alcuni dettagli veloci: nome: Sophie Tollers; età: 35; capelli: biondi; occhi castani; altezza: 5'6”; peso: 125. Il resto del processo di adesione è andato liscio e Ben ha portato la signora Tollers in giro per la struttura per orientarsi.

"Hai delle domande prima di iniziare?" chiese Ben in modo informale.

"Non hai una sorta di metodo di assunzione, sai, per aiutarmi a capire il mio peso corporeo ideale e tutto il resto?" chiese Sophie Tollers.

«Ehm, sì, certo. Posso prendere alcune misurazioni e fare un rapido calcolo per aiutare a determinare il tuo indice di massa corporea e la tua percentuale di grasso corporeo. Questo ci aiuterà a capire i tuoi obiettivi di perdita di peso. Intervieni qui, se vuoi.

Ben condusse Sophie in un piccolo ufficio contenente una bilancia e una piccola scrivania. Le persiane dell'ufficio erano chiuse per motivi di privacy.

"Va bene, puoi salire sulla bilancia per me, per favore?"

Sophie salì sulla scala con trepidazione. Sapeva che il numero sulla sua patente era una bugia, ma odiava scoprire di quanto. Ben fece scorrere con nonchalance i pesi avanti e indietro fino a bilanciare la bilancia. Ha registrato il numero su un grafico.

“137 sterline. Grazie, puoi dimetterti. Miserò i tuoi hlps, se posso.»

Ben tirò fuori un metro da un cassetto e lo avvolse con cura attorno al ventre di Sophie.

“38 pollici. Ora la vita: 30 pollici. E tu sei alto 5 piedi e 6, vero?"

Sophie annuì docilmente. Voleva perdere peso, ma farsi misurare e registrare i suoi dati personali da questo giovane cesellato era quasi insopportabile. Ben picchiettò per un momento su una calcolatrice e poi annotò alcuni risultati.

“Ok, hai una percentuale di grasso corporeo approssimativa del 30%. Tecnicamente questo ti colloca nella categoria "accettabile", ma è abbastanza vicino a ciò che è considerato "obeso" dal punto di vista medico".

"Obeso?" Sophie quasi pianse. "Gesù, non sono così grasso, vero?"

Ben l'aveva sentito mille volte.

“Signora, questi sono solo numeri. Ogni corpo è diverso. Non penso che tu sembri affatto obeso. Questo è solo un punto di partenza per il tuo piano di esercizi.

«Oh, Cristo, non chiamarmi nemmeno signora, per favore. Mi fa sembrare una vecchia signora". Sophie si sentì iniziare a districarsi.

“Mi dispiace, signorina. Ad ogni modo, puntiamo a una percentuale di grasso corporeo del 21-24%. Quindi, devi solo perdere circa dieci o undici libbre. Non è così male."

"Destra. Grazie. Mi dispiace se sono andato fuori di testa con te".

"Va bene. Questo può essere difficile da sentire. Ma sei qui e ora sei un membro. Hai mostrato il coraggio di presentarti. Penso che andrai alla grande. Perderai questi chili in men che non si dica.

Ben condusse Sophie fuori dall'ufficio, la scortò negli spogliatoi e si congedò. Il resto della serata trascorse tranquillamente e presto si avvicinò l'ora di chiusura. Fece un cenno a Sophie mentre se ne andava. Era ardente di sudore, ma ricambiò il sorriso. Ricontrollando che Sophie fosse stata l'ultima cliente rimasta nell'edificio, Ben chiuse a chiave la porta d'ingresso dall'interno e iniziò a sollevare, resettare le macchine, riordinare i pesi dei manubri nell'ordine corretto.

Ben fece una perlustrazione negli spogliatoi, trovando una tuta, un asciugamano e un paio di occhiali da lettura. Il contatto regolare con le persone sudate e le loro cose non disgustava facilmente Ben. Era stato intorno a questa roba abbastanza a lungo. Ma era sbalordito da quanto fossero smemorati le persone.

"Come possono le persone perdere così tanta merda in un posto così piccolo?" si chiese Ben incredulo.

Gettò gli oggetti erranti in un cestino traboccante di oggetti smarriti nell'angolo. Si voltò per lasciare lo spogliatoio e, mentre usciva, vide un altro oggetto, questo appeso alla maniglia interna della porta. Ben allungò una mano e sollevò l'oggetto. Portandolo alla luce, scoprì che si trattava di un paio di mutandine di pizzo verde scuro.

"Chi al mondo sarebbe andato via..."

Ben capì immediatamente la risposta. Avrebbe dovuto essere l'ultima persona ad andarsene. Altrimenti qualcun altro li avrebbe trovati sulla maniglia della porta. Le donne, anche se apparentemente dimentiche dei propri oggetti, sono abbastanza esigenti da non aver lasciato queste mutandine dove c'erano.

«Sophie Tollers», sussurrò Ben.

Esaminò le mutandine più da vicino. Erano molto sexy e Ben si ritrovò a immaginarli sul nuovo cliente. Sophie era molto carina, anche se non bellissima. Ma ricordava di averle fatto le misurazioni, le sue braccia intorno a lei, la sua mano vicino ai suoi fianchi. Immaginò il suo viso luminoso, lucido di sudore. Ben toccò distrattamente il tessuto delle mutandine. Il suo pollice atterrò su una macchia umida sul piccolo pezzo di tessuto di pizzo. Ben sentì immediatamente il suo cazzo agitarsi. Premette il palmo della mano contro l'inguine, sentendo la sua erezione crescere rapidamente contro la pressione.

Ben non era una persona particolarmente impulsiva, ma sentiva un tremendo bisogno di masturbarsi. Diede un'occhiata fuori dalla porta dello spogliatoio verso la porta d'ingresso chiusa a chiave e, soddisfatto che il manager non fosse ancora arrivato per chiudere, Ben si aprì la cerniera e si tolse il cazzo eretto da sotto le mutande.

Ben se ne stava in piedi in modo vistoso nel mezzo dello spogliatoio, tirandosi il pene con una mano e maneggiando le mutandine nell'altra. Presto ha rilevato l'orgasmo dietro l'angolo. Si avvicinò all'alto bidone della spazzatura nell'angolo. Si premette l'inguine delle mutandine sul naso. Ben inspirò profondamente. L'odore della macchia umida spingeva ogni pulsante ormonale del suo corpo. Immediatamente barcollò nell'orgasmo. Grugnì e si contrasse mentre lavorava per controllare il suo corpo. Ha puntato il suo cazzo in eruzione verso il bidone della spazzatura, spruzzando il suo sperma nel sacchetto di plastica. Respirò di nuovo nelle mutandine. Un'altra ondata di orgasmo lo investì. Altri schizzi sparati nel cestino.

Mentre lo shock del climax diminuiva, Ben sentì la porta d'ingresso aprirsi. Guardò con orrore il suo fallo contorto che gocciolava gli ultimi resti di eiaculato nel cestino dei rifiuti. Ben si rimise il cazzo nei pantaloni e li chiuse con la zip, poi si infilò le mutandine in tasca.

"Ciao ben!" Becky ha chiamato dal fronte.

Ben si schiarì la gola, che era piena di saliva.

"Sì, arrivo subito!" Ben ha richiamato. La sua voce era tremante.

Ben guardò nel cestino, paranoico che il suo sperma sarebbe stato chiaramente visibile, o sarebbe stato evidente al naso. Ma la stanza puzzava come uno spogliatoio e l'eiaculato era tutto esaurito e non era facilmente visibile. Ben si ritirò finalmente dalla stanza. Fece brevemente una chiacchierata imbarazzante con Becky, poi scese e tornò a casa.

La notte successiva, Ben stava registrando un nuovo membro quando Sophie entrò. Gli lanciò uno sguardo strano, che fece arrossire Ben notevolmente. È andata negli spogliatoi, si è cambiata e ha iniziato l'allenamento. Ben ha cercato di non pensarci mentre ha terminato il processo per i nuovi membri e ha dato il tour alla donna di mezza età.

Circa un'ora dopo, Sophie si diresse verso il davanti con la sua borsa da ginnastica. Ben era al bancone. Si sentì subito a disagio, un misto di eccitazione e senso di colpa riempiva i suoi pensieri.

«Di', Ben, penso di aver lasciato qualcosa qui ieri sera. Hai trovato qualcosa?"

Ben diventò di circa sei sfumature di rosso.

“Uhm, penso che ci fosse una tuta e un asciugamano. Oh, e un paio di occhiali, come occhiali da lettura. Sono tutti nel cestino Lost and Found laggiù.

"Questo è tutto? Non hai trovato nient'altro?"

Ben voleva morire. Era una configurazione? Lo stava prendendo in giro o lo stava torturando? Li aveva portati a casa, come un idiota, quindi non aveva modo di restituirli anche se avesse ammesso di averli trovati.

"Credo di si. Cos'è che ti sei perso?"

«Oh, lo sapresti se li avessi trovati. Immagino che tu non li abbia trovati. È un peccato. Grazie comunque. Buona notte, Ben!»

Sophie è scomparsa. Ben era terrorizzato. Non era sicuro di cosa si trattasse, ma si sentiva come se fosse caduto in una trappola per orsi.

La notte successiva, Sophie fu di nuovo l'ultima a partire. Non lo guardò nemmeno mentre se ne andava. Nel momento in cui la porta si chiuse, la chiuse a chiave e corse sul retro. Abbastanza sicuro, proprio sulla maniglia della porta era appeso un altro paio di mutandine. Questi erano di raso, rosa, taglio ragazzo. I bordi erano rifiniti in pizzo.

«Gesù», sibilò Ben. Il suo cazzo si è gonfiato all'istante. Questa volta non ha esitato. Aprì la cerniera, tirò fuori il suo uccello e iniziò immediatamente a picchiarlo. Si premette il cerotto umido contro il naso e inspirò. L'odore dei succhi di una donna riempì i suoi sensori olfattivi e intervennero notevoli risposte ormonali. Ben riuscì a malapena ad arrivare al cestino dell'angolo quando il suo cazzo esplose.

"Fanculo!" gemette, quasi disorientato dalla lussuria. Si appoggiò pesantemente al muro, spingendo il suo membro dolorosamente rigido verso il basso nel bidone della spazzatura mentre una raffica dopo l'altra esplodeva dalla punta. Ben ha munto le ultime gocce di sperma dal suo cazzo e ha inalato ancora una volta dalle mutandine rosa.

Soddisfatto, Ben non indugiò, sapendo che Becky o Louise sarebbero arrivate momentaneamente. Annusò le mutandine ancora una volta, poi se le infilò in tasca. Anche il suo pene cadente è stato ricacciato senza tante cerimonie nei suoi pantaloni. Ha preso lo spogliatoio e poi ha iniziato la sua spazzata dello spazio di allenamento principale.

Sophie non è venuta ad allenarsi la sera successiva e Ben è rimasto leggermente deluso. La serata trascorse senza interesse o incidenti. Si è ritrovato a combattere le erezioni per tutta la serata.

La notte successiva era un venerdì sera. Di solito era una notte morta, poiché la maggior parte delle persone ha in programma di uscire o rimanere a casa o fare qualcosa di diverso dall'allenamento. Alcuni irriducibili sono passati, ma Ben non vedeva l'ora di uscire da lì e incontrarsi con alcuni amici per una birra.

Sophie è entrata quasi alle 8 in punto. Ben sorrise quando lei entrò. Si avvicinò a Ben al bancone.

"Ciao ben. Penso di averlo fatto di nuovo. Credo di aver lasciato qualcosa qui l'altra sera. Hai trovato qualcosa?"

Questa volta Ben era preparato. Si chinò nello zaino dietro il bancone e tirò fuori le mutandine rosa. Erano sigillati all'interno di un sacchetto di plastica Ziploc. Aveva scritto la data in cui erano stati trovati sulla plastica con un pennarello.

«Sì, signorina Tollers, ho trovato questi negli spogliatoi due sere fa. Sono forse questi ciò che ti manca?"

Sophie rivolse a Ben un sorriso diabolico. «Ho detto che li avevo lasciati, Ben. Non ho detto che mi mancavano".

Ben non stava prendendo piede.

"Ti piacciono, Ben?"

Ben non si aspettava la domanda.

“Uh, sì, sono molto carini. Bel colore. Il bordo in pizzo è un bel tocco.

"Sì lo penso anche io. Quindi, non hai mai trovato l'oggetto che ho lasciato prima?"

Il cazzo di Ben gli pulsava nei pantaloni dietro il bancone. Aveva la gola secca.

"Ehm, se puoi descrivere di cosa si tratta, posso tenerlo d'occhio", riuscì Ben.

“Nah, sono sicuro che si siano persi. Peccato, erano costosi. La mia coppia preferita,” disse Sophie con un tono femminile che suonava decisamente seducente.

«Forse li troverò già», balbettò Ben.

"Lo spero. Odierei pensare che si perdano, non siano utili!

Detto questo, Sophie si girò sui tacchi e si diresse verso lo spogliatoio. Ben espirò rumorosamente. Si rese conto di essere stato così eccitato da trattenere il respiro.

Ben guardò Sophie allenarsi con la coda dell'occhio. Continuò a sfogliare la stessa rivista, completamente ignaro del suo contenuto. La sua mente e i suoi occhi erano puntati su Sophie Tollers. Ha preso nella sua cornice. Non era affatto grassa. Rubenesque, forse, ma aveva buone proporzioni. Il suo petto era pieno ma non enorme. Il suo sedere era muscoloso sotto, così come le sue cosce. Amava le cosce muscolose. Il suo cazzo ha preso a pugni con rabbia contro i suoi pantaloni per tutta la notte mentre riviveva mentalmente tutti i vari eventi che coinvolgevano Sophie e le sue mutandine.

Erano le 20:46. Solo Sophie e la signora Henderson erano ancora nel club. La vecchia signora Henderson era sulla macchina della bicicletta, completamente assorbita dai pettegolezzi della rivista People. Sophie era sul pavimento, cercando di fare i sit-up. Faceva fatica a tenere i piedi per terra mentre faceva i suoi scricchiolii. Ben se ne accorse e andò ad aiutare.

“Posso tenere i piedi bassi per te. Ti aiuterà a ottenere un migliore equilibrio e renderà tutto molto più facile.

Ben si inginocchiò ai suoi piedi. Indossava pantaloncini e lui le prese le gambe lisce e muscolose. Erano abbronzati, con fini capelli biondi.

“Grazie, Ben. Penso che aiuterebbe molto. Pronto?"

Ben strinse le mani sulle scarpe da tennis di Sophie e vi si appoggiò con un certo peso.

“Sì, tutto pronto. Andare avanti."

Sophie barcollò in un sit-up. Fece una smorfia per il disagio. Li aveva sempre odiati. Le hanno ferito il coccige, per lo più. Inoltre erano duri.

Per istinto e allenamento, Ben iniziò a offrire incoraggiamento.

"Dai, Sophie, stai andando alla grande."

L'ha sfidata, l'ha elogiata e generalmente l'ha motivata. Sophie ne fece molti di più di quanto si sarebbe aspettata. Dopo i trenta, è crollata sulla schiena.

"Prendi un respiro. Poi ne faremo altri trenta".

"Gesù, mi stai prendendo in giro?"

Ben rise. "Puoi farlo. Stai facendo un ottimo lavoro".

Dopo un minuto, Sophie era pronta a riprovare. Era sul sedile numero dodici quando la vecchia signora Henderson smontò dalla bicicletta e si trascinò negli spogliatoi.

«Va bene, diciassette. Sei più che a metà strada. Continua così", la insegnò Ben.

Dopo i trenta, Sophie crollò di nuovo. Ben guardò la signora Henderson in partenza e le augurò una buona notte. La porta si chiuse dietro di lei. Ben ha sfidato Sophie a un'altra serie di trenta sit-up. Alzò gli occhi al cielo, ma acconsentì.

Proprio mentre stava per iniziare, il telefono squillò.

"Tieni quel pensiero", disse Ben mentre saltava in piedi e correva verso il bancone.

"Curves Fitness, questo è Ben", disse mentre guardava l'orologio. Erano le 8:54.

“Ciao Ben, sono Becky. Dì, non posso uscire stasera per chiudere a chiave. Mio figlio è malato, sta vomitando dappertutto. Comunque, rinchiuditi dietro di te. Farò la registrazione la mattina prima dell'apertura del negozio. Scusa!"

"Oh nessun problema. Non so come impostare la sveglia, però. È un problema?"

“Ehm, dimmi cosa. Tira fuori il cassetto della cassa dalla cassa e chiudilo a chiave in ufficio. E poi lasciare il registro aperto. Almeno allora i ladri non penseranno che abbiamo lasciato i soldi nell'edificio. Ha senso?"

"Si certo. Spero che tuo figlio si senta meglio. Buona notte, Becky.

Ben riattaccò e guardò di nuovo l'orologio. Erano le 8:56, troppo tardi perché qualcuno potesse iniziare ad allenarsi. Si avvicinò alla porta d'ingresso e girò la maniglia della serratura. Ha anche spento l'insegna al neon OPEN. Poi tornò al suo posto ai piedi di Sophie.

"Va bene, pronto?" chiese Ben.

"Siamo gli ultimi qui?" chiese Sophie.

“Sì, ma questo non ti toglie dai guai. Adesso vai!

Sophie iniziò diligentemente i suoi sit-up. Dopo alcune ripetizioni, Ben notò che i pantaloncini di Sophie le erano scivolati lungo le gambe. Erano comunque dei pantaloncini larghi, ma mentre continuava i suoi sit-up, le sue cosce stavano diventando sempre più visibili. Ben cercò di non fissarlo. Sophie sembrava non accorgersene. Ben continuò a contare le sue ripetizioni.

"Dieci! Stai rallentando, Sophie. Continuare! Undici!"

E poi è successo. Ben guardò indietro e vide le mutandine di Sophie sotto i suoi pantaloncini a gambe larghe. Ben sussultò piano. Stava fissando il suo inguine in mutandine! Non poteva credere che stesse succedendo. Sophie, nel frattempo, ha continuato il suo allenamento.

"Quindici! Sedici!"

Più si esercitava, più le sue mutandine diventavano visibili. Con i luminosi apparecchi fluorescenti sopra la testa, Ben poteva distinguere il colore. Erano un azzurro polvere. C'era un disegno di qualche tipo cucito su di loro, ma Ben non riusciva a distinguerlo.

"Diciannove! Venti!"

Sempre più dettagli sono diventati evidenti. Poteva vedere tracce dei peli pubici di Sophie lungo i bordi. Il tessuto era di cotone, molto probabilmente. Il cazzo di Ben era dolorosamente eretto. Era grato di essere seduto e che Sophie non potesse vederlo al di sopra delle sue ginocchia.

"Ventiquattro! Venticinque!"

Ben riusciva a malapena a tenere il conto. Tutto quello che poteva vedere e pensare era la figa ricoperta di mutandine a pochi centimetri dalla sua faccia. Ricordò la vista, la sensazione e l'odore delle altre mutandine di Sophie, e la lussuria inebriante che lo aveva spinto due volte a masturbarsi nel bidone della spazzatura.

"Ventotto! Ventinove! E trenta! Ottimo lavoro!"

Sophie tornò indietro, chiaramente esausta. Chiuse gli occhi e lavorò per riprendere fiato.

“Sophie, è stato fantastico. Sono tre set che mi hai dato!”

Sophie rise. Si sollevò sui gomiti e guardò Ben attraverso le ginocchia.

"E ora sono anche tre paia."

Ben deglutì a fatica. Il suo stomaco era un nodo di paura e lussuria.

“Ti piacciono, Ben? Sono belli come quelli rosa?"

Ben non poteva parlare. Guardò le mutandine azzurro polvere attraverso la gamba dei suoi pantaloncini.

«Sono carini come quelli verdi, Ben? Quale è il vostro preferito?"

La bocca di Ben era piena di saliva e la sua lingua era gonfia. Non pensava di poter formare parole con esso.

"Ti piacerebbe vederli meglio, Ben?"

Sophie si alzò e si diresse seducente verso lo spogliatoio. Non si voltò a guardare Ben. Quando la porta si chiuse dietro di lei, Ben si alzò istintivamente e la seguì.

Ben aprì la porta. Sophie era seduta all'estremità della panchina che correva in mezzo allo spogliatoio.

"Toglimi i pantaloncini, Ben."

Ben si inginocchiò davanti a lei. Adesso era quasi uno zombi. Udì e obbedì, temendo che se avesse parlato il sogno sarebbe finito. Le tirò i pantaloncini. Ha sollevato il suo peso in modo che potesse farli scivolare via. I pantaloncini di nylon nero erano adagiati intorno alle sue scarpe da tennis. Calciò da parte i pantaloncini. Sophie sedeva davanti a Ben in maglietta, calzino, scarpe e mutandine, le ginocchia divaricate ei fianchi dondolati in avanti.

Ben prese la biancheria intima blu; taglio bikini, alto sui fianchi. Ben vide il tumulo di Sophie allungare il tessuto. Si stava già formando una macchia umida. Sophie guardò Ben che la osservava.

"Ti è piaciuto l'odore delle mie altre mutandine?"

Ben poté solo annuire.

"Vorresti annusare anche questi?"

Senza nemmeno aspettare alcun tipo di risposta da parte di Ben, Sophie mise le mani sulla testa di Ben e gli avvicinò la faccia all'inguine. Ben è quasi entrato nei pantaloni. Gemette forte. Sophie gemette. Poteva sentire il suo respiro caldo su di lei.

“Respira, Ben. Annusami. Annusa quanto sono bagnato.

Ben inspirò. Il suo aroma era come una droga. Ben era completamente ubriaco. Non riusciva a pensare a nient'altro oltre a Sophie. Voleva così tanto assaporarla, compiacerla. Senza invito, Ben iniziò a premere le labbra e la lingua contro il tessuto di cotone umido.

“Gesù, Ben. Stai cercando di mangiarmi fuori?"

I discorsi osceni sono bastati. Ben iniziò a rosicchiare la figa ricoperta di mutandine di Sophie come se le mutandine non fossero nemmeno lì. La leccò e la baciò. Appoggiò la bocca sull'intero tumulo. Premette la lingua contro il suo clitoride. Lei ha risposto con un sussulto.

"Fanculo! Mangiami, Ben. Mangiami fuori proprio così. Mangiami nelle mie mutandine!

Ben non aveva bisogno del permesso. L'ha devastata con la bocca. Senza lo strato di tessuto, le sue cure avrebbero potuto essere eccessive, ma il sottile pezzo di cotone ha trasferito la passione del suo sforzo proprio nel clitoride gonfio di Sophie.

“Ah, Gesù. Leccami, Ben. Leccami la fottuta figa. Dio, è fantastico!”

Alla fine, Sophie non ce l'ha fatta. Si chinò e si tolse l'inguine delle mutandine, esponendo il suo inguine nudo a Ben. La guardò.

“Grazie,” riuscì a dire, la voce roca e debole.

"Fai pure, stallone!" Sophie ha allenato.

Ben spinse immediatamente la faccia contro la sua figa pelosa. Il suo gusto era incredibile. Il suo cazzo stava sbavando precum a una velocità prodigiosa. Ma non importava. Tutto quello che Ben voleva era togliere questa donna.

"Sette! Otto!" gridò Sophie, facendo eco al precedente ruolo di Ben tra le sue gambe.

La mente di Sophie correva. Ben la stava facendo impazzire. La sua lingua sul suo clitoride era migliore di qualsiasi cosa avesse mai provato. Da parte di Ben, non era mai stato così eccitato in tutta la sua vita.

"Tredici! Quattordici! Fanculo!"

Ben fece scivolare la lingua nella sua figa, premendo a fondo nel suo canale. Sophie era fradicia, le labbra lisce per i fluidi dell'eccitazione.

"Venti! Ventuno!"

Ben sollevò la mano e le fece scivolare un dito dentro, riportando le labbra e la lingua al suo clitoride gonfio.

"Ventisei! Ventisette! Merda, unh!

Ben aggiunse un altro dito. Le succhiò il clitoride in bocca, lavorandolo con un'intensità quasi crudele. Sophie pensava che sarebbe morta. Le papille gustative grossolane di Ben contro il suo clitoride super sensibile erano come ghiaia, ma era un'abrasione che era fin troppo felice di sopportare.

"Ventinove! Trenta cazzo, sto arrivando!

Sophie strillò quando il suo climax si schiantò contro il suo corpo. Strinse la testa di Ben alla sua figa sbavante. Le dita di Ben erano ancora dentro di lei e si sentiva distesa. Quando l'orgasmo è passato, la figa di Sophie si è sentita così dolorante che ha dovuto convincere Ben a lasciarla stare. Lei gentilmente tirò via il viso e le mani.

“Va bene, signore. So che hai trovato il mio perizoma verde. E so che hai trovato le mie mutandine rosa. Voglio sapere cosa hai fatto quando li hai trovati".

Ben si alzò. Aprì la cerniera lampo e tirò fuori il cazzo. Era quasi grottescamente gonfio e rosso intenso. Cominciò ad accarezzarlo. La testa era di un lurido viola.

“Ti sei masturbato? Giusto qui?"

Ben annuì, la sua mano accarezzando lentamente il suo cazzo.

“Cosa hai fatto con le mutandine? Li hai annusati?"

Ben annuì di nuovo. Sophie fece scivolare le mutandine blu dai fianchi. Li consegnò a Ben. Li prese e se li premette sul naso, inspirando profondamente. Guardò il suo ritmo accelerare. Sophie gemette vigorosamente mentre osservava la sua grossa mano muoversi sul fallo turgido.

“Quando sei venuto, dove sei venuto? Mi sei sborrata nelle mutandine?"

Ben scosse la testa. Come un muto, indicò docilmente il cestino.

"Sei arrivato nella spazzatura, Ben?"

Ben annuì, poi annusò di nuovo le mutandine.

“Beh, non verrai più lì. Voglio che tu mi venga in bocca, Ben.

Le parole erano benzina sul fuoco. Ben iniziò a battere furiosamente la sua carne. Sophie tubò mentre guardava. Poteva sentire l'odore carnoso del suo grosso cazzo. Ben le si avvicinò. La sua testa di cazzo era a pochi centimetri dalla sua faccia.

«Basta, Ben», lo incoraggiò Sophie. “Picchia quel grosso cazzo grasso. Annusa la mia figa e sborrami in bocca.

Sophie avvicinò le labbra alla testa del cazzo di Ben. Si lamentò quando la sentì lì. Non lo succhiò, ma mantenne la bocca lì, pronta per il suo carico. La lingua di Sophie danzava sulla testa, assaporando il suo precum e stuzzicandolo.

“Sborra per me, Ben. Sono il tuo cestino stasera. Sborrami in bocca. Voglio assaggiare il tuo cazzo di sperma!

Detto questo, Ben gemette sonoramente. Sophie avvolse le sue labbra intorno alla testa del cazzo di Ben, e appena in tempo. Sei raffiche piene di sperma caldo le invasero la bocca, rivestendole la lingua e le guance con uno spray salato e amaro.

“Uhm! Fanculo!" pronunciò Ben inconsciamente.

Sophie deglutì il più velocemente possibile, ma il carico era tremendo. Lo soffocava, tossendo di tanto in tanto. Ben ha continuato ad accarezzargli il cazzo in modo aggressivo, sfornando ogni goccia di sperma rimasta nelle sue palle. Alla fine lasciò andare e le mani di Sophie presero immediatamente il sopravvento. Con un movimento molto più gentile, ha munto il suo cazzo. Ormai si è svuotata la bocca ingoiando tutto il suo sperma e ha preso gran parte della lunghezza di Ben nella sua bocca. Lo succhiò delicatamente finché il suo cazzo iniziò a sgonfiarsi.

Ben si infilò di nuovo il cazzo cadente nei pantaloni. Sophie ha trovato i suoi pantaloncini e li ha indossati sopra la sua figa nuda.

“Tieni quelli. La prossima volta ti scambierò con un paio diverso,” disse Sophie con nonchalance a proposito delle mutandine ancora nella stretta stretta di Ben.

Sophie estrasse la borsa da palestra da un armadietto vicino e fece l'occhiolino a Ben.

"Ci vediamo domani", sussurrò Sophie con una voce roca e un sorriso sexy.

Ben la accompagnò alla porta d'ingresso, aprendola in modo che potesse andarsene. Sophie gli diede un bacio sulla guancia e scivolò fuori nel caldo tramonto di luglio.

Poco dopo, Ben è diventato il manager notturno ed è stato autorizzato a chiudere il club da solo, compresi il registratore di cassa e l'allarme di sicurezza. Dopo di che quasi ogni notte coinvolgeva o un nuovo paio di mutandine sulla maniglia della porta, o "un veloce trenta e un cestino", come venivano a chiamarlo.

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

289 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

256 I più visti

Likes 0

Il mio sexy compagno di ufficio - III

Non potevo togliere Vathsala dalla mia mente. Non era una reginetta di bellezza come ho detto prima, ma era decisamente attraente e sexy. Ora che ho avuto due incontri con lei, tutti molto erotici e sensuali, ha occupato totalmente il mio mondo. E mi doveva per quello che aveva l'ultima volta quando ero bloccato sotto il suo tavolo e non l'ho dimenticato. Vathsala mi ha evitato per i giorni successivi a quell'incidente, e io ero piuttosto arrabbiato per l'intera faccenda. 'Cosa le ho fatto di male?' Mi sono sempre chiesto. Ma non fino a quando non ho colto per caso quel...

224 I più visti

Likes 0

La mia insegnante sexy_(0)

La campana ha suonato. Il nome del mio insegnante era Ella maya. Era così calda. Aveva un seno enorme che spuntava fuori, Mi è piaciuto quando si è chinata. Potresti vedere il suo culo. Lewis, per favore resta indietro, il resto di voi può andare! Tutti si precipitarono fuori. non ho fatto niente di male? Vuoi un aiuto in più? Possiamo andare a casa mia adesso, se vuoi? Telefonerò ai tuoi genitori? Whoa. S-sì per favore ho detto. Lei sorrise. Poi ha telefonato ai miei genitori e siamo andati a casa sua. *l'aiuto è terminato.* Posso usare il bagno? Ho chiesto...

220 I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

214 I più visti

Likes 0

Cavalla montata

JoJo è una bellissima donna musulmana di 36 anni, separata dal marito da un anno. È amica di un socio in affari del Medio Oriente. Mi ha invitato a venire a casa sua. È arrivata a casa nello stesso momento in cui sono arrivato io, ci siamo salutati, con ciò si gira velocemente sui tacchi, e se ne va verso la porta sul retro della casa. Guardo il suo culo in quei jeans attillati. Ho dovuto raggiungere e regolare il mio cazzo nei pantaloni. Sono a disagio con il mio cazzo duro nel suo allineamento attuale. Gemetti tra me e me...

205 I più visti

Likes 0

A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3 Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non...

199 I più visti

Likes 0

Addestrato per servire

Ero nella mia camera da letto al piano di sopra mentre i miei genitori tenevano la loro festa annuale di Capodanno al piano di sotto. Gli unici bagni erano al piano di sopra e il bagno degli ospiti era in fondo al corridoio rispetto alla mia camera, quindi ho sentito persone salire e scendere le scale. Mi ero appena messo il pigiama ed ero seduto su un lato del mio letto a guardare gli annunci su Popular Mechanics quando la porta della camera si è aperta. Era la signora Smythe che viveva dall'altra parte della strada. Indossava un vestito blu tafata...

25 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

0 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

228 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.