Commercio equo e solidale

59Report
Commercio equo e solidale

Fa un lavoro stressante. Le scadenze sono strette e lui è costantemente sotto controllo. La paga è buona, ma a volte si chiede se ne vale la pena. Se non fosse stato per la sua moto, è una buona possibilità che avrebbe perso la sanità mentale molto tempo fa.

Diversi anni fa, si è comprato una motocicletta usata. È una moto sportiva, o un "razzo inguinale", anche se quel secondo mandato lo ha sempre infastidito per qualche motivo. Gestisce le curve come nient'altro, è stupido veloce e con lo scarico personalizzato che ha indossato emette un suono incredibile. Ha speso un bel po' di tempo e denaro su questa bici, mettendola a punto per adattarla perfettamente, impostando la geometria delle sospensioni, ecc. Questa cosa è sua figlia e guidarla è la sua terapia.

A volte, dopo una lunga giornata di lavoro, indossa la sua attrezzatura da equitazione e porta la bici a fare un giro al tramonto. Appena fuori città ci sono miglia di strade secondarie tortuose con pochissimo traffico su di esse. Li ha guidati così tante volte che li conosce tutti a memoria e sa dove andare per colpire le curve migliori.

Una sera, dopo una giornata di lavoro particolarmente fastidiosa, si è infilato l'attrezzatura e ha scaldato la bici. Era ancora livido per quel giorno, perché oltre allo stupido carico di lavoro, aveva trovato un nuovo manager che decise che aveva bisogno di "flettere i muscoli" e mostrare ai programmatori chi era il capo. Il freddo serale stava appena iniziando a farsi sentire mentre usciva dal suo vialetto, tenendo bassi gli RPM per non infastidire i vicini.

Ha colpito l'autostrada ed è precipitato a ovest, la bici che cantava sotto di lui mentre cambiava le marce. Il sole stava tramontando e quando gli ultimi raggi del giorno illuminavano il cielo, si sentì subito meglio con se stesso. C'era una lunga serie di svolte prima del prossimo incrocio tra circa tre miglia. Ha scalato di marcia forte e si è avvicinato, scegliendo una linea aggressiva e amando il modo in cui la moto ha risposto ai suoi input, tutti i pensieri del suo capo idiota sono rimasti indietro.

Quando raggiunse l'incrocio, il primo sorriso della giornata si era finalmente allungato sul suo viso e la tensione gli stava lasciando la schiena e le spalle. Si fermò al segnale di stop e si sedette per un secondo per allungarsi a guardare l'ultimo raggio di sole dorato calare sotto l'orizzonte. Il cielo era un tripudio di rosso e arancione mentre le nuvole salutavano il sole.

Aveva appena afferrato di nuovo il manubrio, preparandosi a lasciare lo stop, quando gli è capitato di dare un'occhiata nello specchietto laterale. In quell'istante, il tempo sembrò fermarsi. Vide una berlina beige con una ragazza bruna al volante. La vide parlare al cellulare. Ha visto l'auto arrivare troppo velocemente per fermarsi in tempo. La prossima cosa che seppe, era sdraiato sulla schiena, guardando il cielo che si oscurava.

Miracolosamente, era praticamente illeso, il suo elmo e la giacca di pelle ora distrutti gli hanno salvato la testa e la pelle dall'essere lacerati. Si alzò a sedere, poi si alzò lentamente, facendo il punto. L'idiota cagna al volante non l'aveva visto seduto al segnale di stop e si era infilato nella sua bicicletta. Era rimbalzato sul cofano della sua macchina e giaceva nell'erba vicino alla strada. La sua bici, il suo bambino, era un rottame contorto che giaceva vicino al segnale di stop.

La ragazza era ancora seduta al volante della sua auto. Non era nemmeno uscita. Per finire, anche il suo telefono era ancora nella sua mano. Quella fottuta puttana. Vide rosso e si avvicinò alla portiera lato guida. Con ogni grammo di autocontrollo che riuscì a raccogliere, bussò delicatamente sul bicchiere. La fica muta sollevò il dito indice, nel gesto standard "un secondo". L'ha perso.

Prima ancora che sapesse cosa stava succedendo, c'erano altri vetri rotti. In quei pochi secondi prima che tornasse la chiarezza, apparentemente si era tolto il casco, aveva rotto il finestrino del passeggero con un colpo violento, aveva allungato una mano in macchina e aperto la portiera dall'interno. Ha sganciato la ragazza dal sedile, poi l'ha afferrata per i capelli e l'ha tirata fuori dall'auto. Fu allora che notò le urla, e fu il loro rumore a riportarlo lentamente alla realtà.

Non era sicuro se fosse l'adrenalina, la rabbia o una combinazione dei due, ma si sentiva iperattivo e fisicamente potente. La ragazza, una bella bruna minuta in abito estivo e tacchi bassi, era rannicchiata sotto di lui, guardando in alto con gli occhi verdi grandi come piattini. Il suo telefono era ancora stretto nella sua mano.

Quando ha visto il telefono, ha emesso un basso ringhio, involontariamente. Ha ucciso la sua bici, ha distrutto la sua attrezzatura da equitazione e l'ha quasi ucciso perché non riusciva a stare lontana dal fottuto telefono. Maledetti adolescenti. Probabilmente aveva circa 18 o 19 anni, senza dubbio parlando con qualche altra sciocca del liceo di qualcosa di completamente privo di significato. Questi erano i pensieri che gli passavano per la testa mentre la tirava su per i capelli e la trascinava fino al cofano della sua macchina.

Indicò il relitto della sua bicicletta con la mano sinistra, la sua destra la costringeva a guardare il suo lavoro con la presa che la mano sul cuoio capelluto.

"Mi hai quasi ucciso, cazzo." Disse, la sua voce innaturalmente calma all'improvviso.

"Io-io-io-sono s-s-s-scusa!" piagnucolò, terrorizzata e scioccata che le rendevano difficile parlare.

"Hai intenzione di farmi perdonare, proprio qui, proprio ora." Glielo disse, costringendola a guardarlo negli occhi.

Era 225 libbre e 6 ', un ex giocatore di football del liceo. Non c'era molto che potesse fare se non annuire e accettare. Teneva ancora i suoi capelli lunghi fino alle spalle e tutto lo sforzo che aveva fatto per raddrizzarli quella mattina era stato annullato. Era rimasto in forma, nonostante si fosse laureato dieci anni prima. Era ben costruito e non ha avuto problemi a sopraffare il cutie di 5'4 "di fronte a lui.

La accompagnò al cofano dell'auto, tenendola a debita distanza davanti a sé mentre la ammirava da dietro. Aveva un corpicino caldo e stretto; ovviamente se ne è occupata lei. Il leggero vestito di lino bianco che indossava era abbastanza stretto da essere interessante, ma abbastanza ampio da creare un look da "brava ragazza". Mentre la girava per affrontarlo, notò che il suo mascara stava iniziando a imbrattarsi mentre le lacrime iniziavano a scorrerle lungo le guance arrossate.

“Per favore…” cominciò a dire, prima che lui le coprisse la bocca con la mano libera.

"Non voglio farti del male, ma lo farò se me lo fai." Lo disse così chiaramente, così freddamente, e non ruppe mai il contatto visivo. Vide le sue spalle abbassarsi mentre i suoi occhi si abbassavano. In quei pochi secondi capì che lui aveva il comando della situazione.

Alla fine le lasciò andare i capelli e la fece girare per affrontare di nuovo il cofano dell'auto. La spinse sulla schiena e le spinse la guancia sul freddo metallo della parte anteriore dell'auto. Singhiozzò leggermente mentre la sua guancia entrava in contatto con la superficie, non perché faceva troppo freddo, ma a causa della posizione compromettente in cui si trovava ora.

Le aveva afferrato il polso destro e aveva usato il braccio per girarlo dietro la schiena, assicurandosi che non potesse scappare. Con l'altra mano, raggiunse l'orlo del vestito e lo sollevò, rivelando il suo culetto perfettamente rotondo. Vide, e sentì, il perizoma di pizzo bianco che indossava sotto il vestito, e si prese un secondo per apprezzare come il tessuto le abbracciasse la pelle. Era incredibilmente sexy.

Quando sentì l'aria fresca della notte accarezzare la sua pelle nuda, emise un altro singhiozzo. L'unica risposta che ha ottenuto è stata un'altra torsione del braccio, costringendo il viso e le tette a scendere ancora più forte nel freddo metallo. Il secondo dopo sentì un dito scivolare momentaneamente nella sua figa mentre l'uomo dietro di lei le prendeva il fondo delle sue mutandine e le tirava giù. Adesso era completamente nuda, costretta a scavalcare il cofano della sua stessa auto sul ciglio della strada.

Ha lottato goffamente con la cerniera per un secondo prima di riuscire a togliersi il cazzo dai pantaloni. Le cerniere sono molto più facili da aprire con entrambe le mani. Tirò fuori il suo cazzo palpitante e lo spinse contro la ragazza di fronte a lui, assaporando il calore e la morbidezza delle sue chiappe.

Quando sentì il suo cazzo scivolare lungo il suo buco del culo mentre scendeva, fece un'altra debole protesta.

“Per favore, oh Dio, no! Tutto tranne quello!” gemette e lottò mentre sentiva la punta del suo cazzo aprire le labbra della sua piccola figa, ma non poteva farci niente. Sentì una mano sul fianco mentre l'uomo dietro di lei la afferrava bene.

La attirò a sé mentre si spingeva in avanti, seppellendo senza pietà il suo cazzo fino all'elsa nella sua stretta stretta. Fu sorpreso di sentire la sua lacrima di imene: non si aspettava che fosse vergine, non con un corpo del genere. Urlò sotto di lui mentre il dolore della sua penetrazione si registrava, ma ormai era troppo tardi: era stata sverginata.

Alla fine smise di lottare e appoggiò la guancia sul cappuccio, lasciando che il freddo metallo le togliesse un po' di calore dal viso. L'uomo dietro di lei non dava segno di rallentare, anzi, le aveva entrambe le mani sui fianchi e stava spingendo dentro di lei il più profondamente possibile. Tutta la rabbia e la frustrazione della sua giornata di lavoro, tutta la sua rabbia per la distruzione della sua bici e tutto il resto che lo infastidiva, lo stava mettendo nella figa di questa ragazza. Fece un colpo dopo l'altro, sempre più in profondità, finché lui finalmente si lasciò venire.

Sentì il suo cazzo irrigidirsi dentro di lei, poi un calore nel profondo dello stomaco. Ci furono altre spinte lente, e poi tutto finì. L'uomo lasciò la presa che aveva sui suoi fianchi e lei sentì il tessuto del suo vestito scivolare giù per coprirle di nuovo il culo. Guardò l'uomo chinarsi e raccogliere le sue mutandine scartate e mettersele in tasca, mentre il suo cellulare alla fine le cadeva di mano e si frantumava sul marciapiede.

Diede un'altra occhiata alla ragazza che aveva appena violato sul cofano della sua macchina, mentre si girava e si avviava ad allontanarsi. Frugò nelle tasche della sua giacca di pelle e ne contemplò il contenuto. Nella tasca destra c'erano le chiavi della sua moto, completamente distrutta. Nella tasca sinistra c'erano le mutandine di pizzo bianco della ragazza in macchina, anch'esse totalmente distrutte.

Commercio equo e solidale.

Storie simili

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

489 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

369 I più visti

Likes 0

Condiviso con lo sperma: Amanda usata?

Capitolo 1 Rivelato Cumslut Chiunque incontri Amanda pensa che sia una donna molto bella e intelligente con alti standard personali e un atteggiamento serio nei confronti della vita. E lei è quello, ma solo fuori dalla camera da letto! Di media statura, con capelli castani fini e ben arricciati, Amanda ha un corpo attraente e ben proporzionato creato da un'infanzia di nuoto agonistico e atletica leggera, e mantenuto da un interesse adulto per la danza e il netball. Le sue gambe sono proporzionate e ben tonificate, i suoi fianchi ben fatti, la sua vita stretta con una pancia liscia e i...

279 I più visti

Likes 0

Morte per fottuto cap. 14

L'anno cinque La storia di Andrea È il database che è importante. Avevo insegnato agli idioti a programmare a partire da quando avevano tre anni. Sono molto più intelligenti di me. Tre anni erano troppo piccoli per imparare a programmare? Non credo. Ho fatto il progetto iniziale del sistema, ma presto lo consegnerò anche a loro. Ammettiamolo, quando i cervelli sono svenuti in questa famiglia, io ero l'ultimo della fila. Comunque il loro incarico recentemente è stato quello di costruirmi un firewall. Ho un piano. È un buon piano e ne sono orgoglioso. La mia teoria è che tra non molto...

247 I più visti

Likes 0

Marta - capitolo 1

Martha stava dormendo profondamente sul pavimento della sua camera da letto quando Zeus, il cane del suo vicino, le morse una spalla. Martha sussultò per il dolore, poi tubò il cane finché non lo lasciò andare. Poi si è posizionata e ha rivestito il cazzo del cane con la sua fica, poi l'ha aiutata a scoparla. Zeus ha scopato Martha fino a quando non è entrato nella sua vecchia fica, si è meravigliato. Zeus l'aveva morsa un paio di volte, ma poiché Martha era solo una puttana della spazzatura, non aveva scelta su come veniva usata. Andò al frigorifero, tirò fuori...

224 I più visti

Likes 0

I piccoli buchi di Ashley 2

Ashley's Holes 2 di Will Buster Se desideri leggere altri miei romanzi, fai clic su http://www.bondagebookshelf.com Buck strappò il perizoma cremisi di Ashley. L'odore di figa umida e gocciolante lo colpì come una zaffata di profumo da cento dollari. Doveva mangiare la sua bella figa rosa e doveva farlo adesso. Ashley allargò le gambe snelle e perfettamente rasate. La giovane fica si era recentemente rasata anche la figa. All'inizio non aveva molti capelli, ma ora erano lisci come la guancia di un neonato. Ashley persuase: Dai piccola! Mangia il mio buco da bambina! Succhia il mio succo. Sono stato caldo per...

186 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

291 I più visti

Likes 0

La nostra amorosa amicizia

Ciao, sono nuovo nella scrittura di storie di sesso, quindi per favore sii gentile. Per la storia renderò le cose più facili con me stesso usando persone che conosco come personaggi. In questo caso, sarò me stesso e lo farò in prima persona e il frutto di questa avventura letteraria sarà una ragazza che conosco chiamata Sarah. Prima lascia che mi descriva, mi chiamo Craig, sono alto 6 piedi e 184 libbre. Ho una bella immagine (credo/spero), che include una confezione da sei, occhi azzurri e una bella linea della mascella. Oh e capelli castani. Quindi, la ragazza... non conosco la...

428 I più visti

Likes 0

S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa. Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non...

398 I più visti

Likes 0

La morte veste SEMPRE di nero - Capitolo 1

Capitolo 1 L'ombra a forma di uomo nel cortile del vicino dall'altra parte della strada non si era mossa negli ultimi 20 minuti, ma era del tutto possibile che gli occhi di Glenn gli stessero giocando brutti scherzi mentre la sua mente in preda al panico lavorava a tempo pieno sul suo dilemma. Erano passate due settimane da quando il contratto era stato adempiuto dalla gilda degli assassini di Ar e lui doveva ancora inviare loro il pagamento, ovviamente, non lo avevano esattamente cercato nemmeno per il loro oro, ma era ancora estremamente preoccupato. Silas aveva visto cosa succede alle persone...

296 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.