Commercio equo e solidale

1.1KReport
Commercio equo e solidale

Fa un lavoro stressante. Le scadenze sono strette e lui è costantemente sotto controllo. La paga è buona, ma a volte si chiede se ne vale la pena. Se non fosse stato per la sua moto, è una buona possibilità che avrebbe perso la sanità mentale molto tempo fa.

Diversi anni fa, si è comprato una motocicletta usata. È una moto sportiva, o un "razzo inguinale", anche se quel secondo mandato lo ha sempre infastidito per qualche motivo. Gestisce le curve come nient'altro, è stupido veloce e con lo scarico personalizzato che ha indossato emette un suono incredibile. Ha speso un bel po' di tempo e denaro su questa bici, mettendola a punto per adattarla perfettamente, impostando la geometria delle sospensioni, ecc. Questa cosa è sua figlia e guidarla è la sua terapia.

A volte, dopo una lunga giornata di lavoro, indossa la sua attrezzatura da equitazione e porta la bici a fare un giro al tramonto. Appena fuori città ci sono miglia di strade secondarie tortuose con pochissimo traffico su di esse. Li ha guidati così tante volte che li conosce tutti a memoria e sa dove andare per colpire le curve migliori.

Una sera, dopo una giornata di lavoro particolarmente fastidiosa, si è infilato l'attrezzatura e ha scaldato la bici. Era ancora livido per quel giorno, perché oltre allo stupido carico di lavoro, aveva trovato un nuovo manager che decise che aveva bisogno di "flettere i muscoli" e mostrare ai programmatori chi era il capo. Il freddo serale stava appena iniziando a farsi sentire mentre usciva dal suo vialetto, tenendo bassi gli RPM per non infastidire i vicini.

Ha colpito l'autostrada ed è precipitato a ovest, la bici che cantava sotto di lui mentre cambiava le marce. Il sole stava tramontando e quando gli ultimi raggi del giorno illuminavano il cielo, si sentì subito meglio con se stesso. C'era una lunga serie di svolte prima del prossimo incrocio tra circa tre miglia. Ha scalato di marcia forte e si è avvicinato, scegliendo una linea aggressiva e amando il modo in cui la moto ha risposto ai suoi input, tutti i pensieri del suo capo idiota sono rimasti indietro.

Quando raggiunse l'incrocio, il primo sorriso della giornata si era finalmente allungato sul suo viso e la tensione gli stava lasciando la schiena e le spalle. Si fermò al segnale di stop e si sedette per un secondo per allungarsi a guardare l'ultimo raggio di sole dorato calare sotto l'orizzonte. Il cielo era un tripudio di rosso e arancione mentre le nuvole salutavano il sole.

Aveva appena afferrato di nuovo il manubrio, preparandosi a lasciare lo stop, quando gli è capitato di dare un'occhiata nello specchietto laterale. In quell'istante, il tempo sembrò fermarsi. Vide una berlina beige con una ragazza bruna al volante. La vide parlare al cellulare. Ha visto l'auto arrivare troppo velocemente per fermarsi in tempo. La prossima cosa che seppe, era sdraiato sulla schiena, guardando il cielo che si oscurava.

Miracolosamente, era praticamente illeso, il suo elmo e la giacca di pelle ora distrutti gli hanno salvato la testa e la pelle dall'essere lacerati. Si alzò a sedere, poi si alzò lentamente, facendo il punto. L'idiota cagna al volante non l'aveva visto seduto al segnale di stop e si era infilato nella sua bicicletta. Era rimbalzato sul cofano della sua macchina e giaceva nell'erba vicino alla strada. La sua bici, il suo bambino, era un rottame contorto che giaceva vicino al segnale di stop.

La ragazza era ancora seduta al volante della sua auto. Non era nemmeno uscita. Per finire, anche il suo telefono era ancora nella sua mano. Quella fottuta puttana. Vide rosso e si avvicinò alla portiera lato guida. Con ogni grammo di autocontrollo che riuscì a raccogliere, bussò delicatamente sul bicchiere. La fica muta sollevò il dito indice, nel gesto standard "un secondo". L'ha perso.

Prima ancora che sapesse cosa stava succedendo, c'erano altri vetri rotti. In quei pochi secondi prima che tornasse la chiarezza, apparentemente si era tolto il casco, aveva rotto il finestrino del passeggero con un colpo violento, aveva allungato una mano in macchina e aperto la portiera dall'interno. Ha sganciato la ragazza dal sedile, poi l'ha afferrata per i capelli e l'ha tirata fuori dall'auto. Fu allora che notò le urla, e fu il loro rumore a riportarlo lentamente alla realtà.

Non era sicuro se fosse l'adrenalina, la rabbia o una combinazione dei due, ma si sentiva iperattivo e fisicamente potente. La ragazza, una bella bruna minuta in abito estivo e tacchi bassi, era rannicchiata sotto di lui, guardando in alto con gli occhi verdi grandi come piattini. Il suo telefono era ancora stretto nella sua mano.

Quando ha visto il telefono, ha emesso un basso ringhio, involontariamente. Ha ucciso la sua bici, ha distrutto la sua attrezzatura da equitazione e l'ha quasi ucciso perché non riusciva a stare lontana dal fottuto telefono. Maledetti adolescenti. Probabilmente aveva circa 18 o 19 anni, senza dubbio parlando con qualche altra sciocca del liceo di qualcosa di completamente privo di significato. Questi erano i pensieri che gli passavano per la testa mentre la tirava su per i capelli e la trascinava fino al cofano della sua macchina.

Indicò il relitto della sua bicicletta con la mano sinistra, la sua destra la costringeva a guardare il suo lavoro con la presa che la mano sul cuoio capelluto.

"Mi hai quasi ucciso, cazzo." Disse, la sua voce innaturalmente calma all'improvviso.

"Io-io-io-sono s-s-s-scusa!" piagnucolò, terrorizzata e scioccata che le rendevano difficile parlare.

"Hai intenzione di farmi perdonare, proprio qui, proprio ora." Glielo disse, costringendola a guardarlo negli occhi.

Era 225 libbre e 6 ', un ex giocatore di football del liceo. Non c'era molto che potesse fare se non annuire e accettare. Teneva ancora i suoi capelli lunghi fino alle spalle e tutto lo sforzo che aveva fatto per raddrizzarli quella mattina era stato annullato. Era rimasto in forma, nonostante si fosse laureato dieci anni prima. Era ben costruito e non ha avuto problemi a sopraffare il cutie di 5'4 "di fronte a lui.

La accompagnò al cofano dell'auto, tenendola a debita distanza davanti a sé mentre la ammirava da dietro. Aveva un corpicino caldo e stretto; ovviamente se ne è occupata lei. Il leggero vestito di lino bianco che indossava era abbastanza stretto da essere interessante, ma abbastanza ampio da creare un look da "brava ragazza". Mentre la girava per affrontarlo, notò che il suo mascara stava iniziando a imbrattarsi mentre le lacrime iniziavano a scorrerle lungo le guance arrossate.

“Per favore…” cominciò a dire, prima che lui le coprisse la bocca con la mano libera.

"Non voglio farti del male, ma lo farò se me lo fai." Lo disse così chiaramente, così freddamente, e non ruppe mai il contatto visivo. Vide le sue spalle abbassarsi mentre i suoi occhi si abbassavano. In quei pochi secondi capì che lui aveva il comando della situazione.

Alla fine le lasciò andare i capelli e la fece girare per affrontare di nuovo il cofano dell'auto. La spinse sulla schiena e le spinse la guancia sul freddo metallo della parte anteriore dell'auto. Singhiozzò leggermente mentre la sua guancia entrava in contatto con la superficie, non perché faceva troppo freddo, ma a causa della posizione compromettente in cui si trovava ora.

Le aveva afferrato il polso destro e aveva usato il braccio per girarlo dietro la schiena, assicurandosi che non potesse scappare. Con l'altra mano, raggiunse l'orlo del vestito e lo sollevò, rivelando il suo culetto perfettamente rotondo. Vide, e sentì, il perizoma di pizzo bianco che indossava sotto il vestito, e si prese un secondo per apprezzare come il tessuto le abbracciasse la pelle. Era incredibilmente sexy.

Quando sentì l'aria fresca della notte accarezzare la sua pelle nuda, emise un altro singhiozzo. L'unica risposta che ha ottenuto è stata un'altra torsione del braccio, costringendo il viso e le tette a scendere ancora più forte nel freddo metallo. Il secondo dopo sentì un dito scivolare momentaneamente nella sua figa mentre l'uomo dietro di lei le prendeva il fondo delle sue mutandine e le tirava giù. Adesso era completamente nuda, costretta a scavalcare il cofano della sua stessa auto sul ciglio della strada.

Ha lottato goffamente con la cerniera per un secondo prima di riuscire a togliersi il cazzo dai pantaloni. Le cerniere sono molto più facili da aprire con entrambe le mani. Tirò fuori il suo cazzo palpitante e lo spinse contro la ragazza di fronte a lui, assaporando il calore e la morbidezza delle sue chiappe.

Quando sentì il suo cazzo scivolare lungo il suo buco del culo mentre scendeva, fece un'altra debole protesta.

“Per favore, oh Dio, no! Tutto tranne quello!” gemette e lottò mentre sentiva la punta del suo cazzo aprire le labbra della sua piccola figa, ma non poteva farci niente. Sentì una mano sul fianco mentre l'uomo dietro di lei la afferrava bene.

La attirò a sé mentre si spingeva in avanti, seppellendo senza pietà il suo cazzo fino all'elsa nella sua stretta stretta. Fu sorpreso di sentire la sua lacrima di imene: non si aspettava che fosse vergine, non con un corpo del genere. Urlò sotto di lui mentre il dolore della sua penetrazione si registrava, ma ormai era troppo tardi: era stata sverginata.

Alla fine smise di lottare e appoggiò la guancia sul cappuccio, lasciando che il freddo metallo le togliesse un po' di calore dal viso. L'uomo dietro di lei non dava segno di rallentare, anzi, le aveva entrambe le mani sui fianchi e stava spingendo dentro di lei il più profondamente possibile. Tutta la rabbia e la frustrazione della sua giornata di lavoro, tutta la sua rabbia per la distruzione della sua bici e tutto il resto che lo infastidiva, lo stava mettendo nella figa di questa ragazza. Fece un colpo dopo l'altro, sempre più in profondità, finché lui finalmente si lasciò venire.

Sentì il suo cazzo irrigidirsi dentro di lei, poi un calore nel profondo dello stomaco. Ci furono altre spinte lente, e poi tutto finì. L'uomo lasciò la presa che aveva sui suoi fianchi e lei sentì il tessuto del suo vestito scivolare giù per coprirle di nuovo il culo. Guardò l'uomo chinarsi e raccogliere le sue mutandine scartate e mettersele in tasca, mentre il suo cellulare alla fine le cadeva di mano e si frantumava sul marciapiede.

Diede un'altra occhiata alla ragazza che aveva appena violato sul cofano della sua macchina, mentre si girava e si avviava ad allontanarsi. Frugò nelle tasche della sua giacca di pelle e ne contemplò il contenuto. Nella tasca destra c'erano le chiavi della sua moto, completamente distrutta. Nella tasca sinistra c'erano le mutandine di pizzo bianco della ragazza in macchina, anch'esse totalmente distrutte.

Commercio equo e solidale.

Storie simili

Una nuova esperienza

Anita era così eccitata domenica mentre doveva partecipare alla festa di compleanno della sua migliore amica a casa sua. Erano le 16:30 quando era uscita di casa, tutta vestita e orgogliosa del suo aspetto. Ooooooooo! le persone rimarranno davvero sbalordite quando la vedranno con questo nuovo vestito rosso. Saranno davvero gelosi di lei oggi. pensando questi pensieri a se stessa. Finalmente era arrivata a destinazione. era la sua prima volta a casa del suo amico poiché conosceva solo il Block e non c'era mai stata prima. Ha iniziato a localizzare l'appartamento. Mentre lo faceva, suonava in un appartamento nel caso in...

578 I più visti

Likes 0

La migliore amica di mia figlia, parte 1

Questa storia è finzione ed è stata originariamente scritta a mano su un quaderno scolastico a spirale prima ancora che i computer portatili fossero inventati. Probabilmente mentre lavoravo come proiezionista al cinema nei primi anni ottanta. L'ho trascritto per la prima volta in un primo elaboratore di testi circa 20 anni fa e ho salvato i floppy disk fino a quando non ho acquistato un computer moderno. Ecco il testo, così com'è. Spero vi piaccia. La migliore amica di mia figlia, parte 1 Erano circa le 3 del mattino ed ero seduto al tavolo della cucina, con il mio taccuino davanti...

528 I più visti

Likes 0

Angelo 2

Angelo 2 © Questa è una fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone o luoghi reali è casuale. ************************************************** **************** Angel lo fissò sorpreso, mentre l'uomo dall'aspetto divertente è i pantaloni a righe tamponati le lacrime che gli scorrevano sul viso con la coda. Chi sei? Lei chiese. Smise di piangere abbastanza a lungo per rispondere. Pensavo che lo sapessero tutti. Egli ha detto. Sono il gatto dalla coda spogliata. Disse agitando la coda con orgoglio. “La maggior parte mi chiama Stripe. Vedi quanto è lunga la mia coda? Non sono belle le strisce? Angel ha convenuto che la coda era davvero carina...

1.5K I più visti

Likes 0

La rissa bestiale di Bridezilla Brenda -- Parte 3 -- Domare un monello viziato

La rissa bestiale di Bridezilla Brenda Parte 3 -- Addomesticare un monello viziato Cast di personaggi con nome in questa serie: Brenda Robinson -- 26 anni, alta 5'10 140 libbre --- Sposa. Arrogante, viziato, prepotente, ricco, egocentrico e oh così alto e bello. Bradley Eaton -- 27 anni, alto 6'2 pollici, 180 libbre --- Sposo. Studentessa laureata in fisica. Intelligente, laborioso, bello, fedele, affidabile. Amy Robinson -- 21 anni, alta 5'10 e 125 libbre --- Damigella d'onore. Studente universitario di fisica. Intelligente, laboriosa, timida, carina, modesta e molto simpatica. Betty, Susan e Rebecca -- 25-27 anni --- Damigelle d'onore. I migliori...

1.4K I più visti

Likes 0

Il prigioniero (parte 3)

La sveglia di Stephen è suonata alle 6:30 del mattino. «Era strano; la sveglia di solito suonava alle 7.' Si girò per cercare di riaddormentarsi, poi saltò in piedi, ricordando cosa lo stava aspettando al piano di sotto e perché aveva impostato la sveglia così presto. Si alzò, si fece la doccia e si preparò per il lavoro, quindi scese le scale in cucina; mise una fetta di pane nel tostapane e poi scese i gradini fino al seminterrato. Poi spinse la porta del seminterrato e guardò dentro. Ed eccola lì, Jennie Connelly, ancora legata con le gambe divaricate completamente nuda...

1.4K I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

653 I più visti

Likes 0

Sam & Alicia 9

Ho scritto questo supponendo che tu abbia già letto Sam & Alicia da 1 a 8. Quando mi sono svegliato la mattina dopo, Katrina era appoggiata su un gomito e mi guardava. Sembrava felice. “Buongiorno dormiglione. Avete dormito bene? “Sì, ho dormito come un sasso. Sembri felice. Vuoi un'altra scopata? “Sì, mi sento molto felice. Dovrei essere scioccato da tutte le cose che ho imparato su di te ieri sera, ma non lo sono. Invece mi sento orgoglioso che tu mi abbia incluso in tutto il tuo sesso. I miei genitori sarebbero inorriditi se lo sapessero, ma sono solo entusiasta di...

680 I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

1.6K I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.4K I più visti

Likes 0

JAMIE: tragica ironia del sesso adolescenziale

C'erano due qualità nel mio compagno di liceo, Kmart Cowboy, che ero sinceramente due qualità nel mio compagno di liceo, Kmart Cowboy, che apprezzavo sinceramente. Prima di tutto, aveva un veicolo. In un momento della mia vita in cui andare in bicicletta diventava sempre più sgradevole, avere un amico con un camion era più importante che indossare biancheria intima pulita. In secondo luogo, Kmart Cowboy ha giocato. Tra tutti i miei soci dell'epoca, Kmart Cowboy aveva più fidanzate, partner sessuali e concubine di quante ne potessi tenere traccia. Queste due qualità mi hanno fornito un incentivo sufficiente a trascorrere una notevole...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.