Penso di poterlo prendere

279Report
Penso di poterlo prendere

Penso di poterlo prendere

Ero seduto sul divano rosso di mia nonna cercando di guardare un film mentre mi sentivo infelice come una merda. In realtà, la sensazione miserabile era al suo quarto giorno, facendomi impazzire. È iniziato lo scorso sabato sera; Ero sul punto di portare la mia erezione vergine e dura come una roccia nella dolce figa di una piccola e bella ragazza di mogano con cui uscivo da un paio di mesi, quando è successo il solito; ha cambiato idea.

All'interno dell'hotel, dopo aver succhiato a lungo le sue tette piccole e la figa pelosa, preparandola per il big mac, ho commesso l'errore di prendere la sua manina e di metterla sul personale palpitante e desideroso, sperando, di ottenere lei per fare qualcosa di diverso da sdraiarsi lì come un tronco. Come me anche lei era vergine, dai diciotto ai miei venti. Mentre cercava di avvolgerlo con le dita e senza successo, si rese conto di cosa stava aspettando la sua figa stretta e andò nel panico. Dopo averla guardata a lungo con gli occhi sbarrati e inorriditi, si è rapidamente rimessa la gonna e le mutandine e mi ha chiesto di portarla a casa. Come i pochi altri prima di lei con cui avevo avuto esperienze simili, non volevo applicare la forza. Non sono troppo entusiasta di rischiare un'accusa di stupro. Da allora non mi ha più chiamato e si rifiuta di rispondere quando chiamo, il che mi ha sconvolto, perché mi piaceva molto quella piccola cosa dolce ed ero sicuro che alla fine avrei segnato. Voglio dire, l'aveva sentito e strofinato sui miei jeans numerose volte e non aveva mostrato alcuna repulsione o paura; in realtà era apparsa desiderosa di farlo.

La nonna si avvicinò alla sedia e si fermò sopra di me, le mani sui fianchi larghi. Era una donna di bell'aspetto, alta e formosa con un bel corpo sodo per essere una cinquantottonne. Aveva seni enormi che sembravano inclini a resistere alla gravità. La sua pelle marrone scuro era ancora molto liscia e dall'aspetto fresco e il suo culo che di solito teneva sfrenato, cioè libero da roll-on, era un piacere da guardare quando indossava una gonna sottile o pantaloncini attillati, cosa che sembrava piace. Sapevo che era consapevole della mia sofferenza silenziosa da almeno un paio di giorni ormai, perché l'avevo vista osservarmi da vicino con uno sguardo preoccupato sul viso un certo numero di volte. Probabilmente aveva intuito che poteva essere una questione d'amore di cui non ero preparato a parlare.

“Qual è il problema piccola? Non sei te stesso da qualche giorno ormai. Se c'è qualcosa che posso fare, o qualcosa di cui vuoi parlare, sono qui per te".

Ho guardato il suo viso carino e premuroso e un'ondata di emozione mi ha sopraffatto. Ho iniziato a parlare ma un groppo e un po' di dolore alla gola mi hanno impedito di pronunciare una parola. Ho sentito i miei occhi bagnarsi, e prima che potessi trattenerlo, le lacrime sono sgorgate. Non ho singhiozzato o qualcosa del genere; le lacrime sono appena scese.

“Oh piccola, non piangere, vieni a parlare con la nonna; Sono sicuro che qualunque cosa sia, troverò un modo per aiutarti a superarlo. Disse, sdraiandosi velocemente accanto a me.

Mi ha abbracciato e mi ha tirato vicino a lei, abbassando la mia testa sul suo grande seno morbido. Le sue dita mi accarezzarono la testa e serpeggiarono attraverso il mio afro denso e pulito. Quando ho sentito il suo tenero calore, ho capito che mi sarei aperto con lei nonostante la delicatezza dei miei problemi. Siamo sempre stati vicini e da quando ho vissuto qui con lei negli ultimi sei mesi, aspettando il mio visto per gli Stati Uniti per andare a raggiungere i miei genitori che erano emigrati lì con uno status di residente permanente, ci siamo avvicinati ancora di più. Eravamo solo noi due, mio ​​nonno è morto due anni fa.

"Immagino che i tuoi problemi siano di natura romantica?" ha chiesto. ho annuito
«Più o meno» sussurrai.
"Una rottura amara?" ha sondato, probabilmente intuendo che dovevo essere persuasa a far uscire tutto.
"Una rottura, una specie, ma non davvero amara, a parte me, un po'."
"Oh... mmm, ti dispiace...?" disse, sembrando un po' confusa.
"Beh, sono le rotture ricorrenti che mi infastidiscono."
"Capisco, hai problemi a mantenere le relazioni?"
"Sì, ho un piccolo problema, di natura sessuale." Ho detto l'ultimo pezzo molto velocemente.
La sentii irrigidirsi e le sue dita afferrare il braccio su cui erano state appoggiate. Rimasi un po' in silenzio, costringendola a chiedere:
"Hai problemi di erezione?" chiese, ovviamente trattenendo il respiro per la risposta.
“No, sto bene in quella zona,” dissi velocemente,

Si rilassò visibilmente, emettendo un respiro profondo. La mano che mi aveva stretto il braccio poco tempo fa, è caduta sulla mia coscia e come per confermare la mia rivelazione è caduta sulla mia erezione che era ancora in giro, a causa della vicinanza della carne femminile morbida e dall'odore dolce e del fattore aggiunto di l'argomento. Lei sobbalzò, e tirò via la mano velocemente.
"Sono ancora vergine."
"Oh", ansimò, "e sei ansioso di cambiarlo." aggiunse, sorridendo.
"Ci provo, ma ogni volta che sono pronto a farlo le ragazze cambiano idea."
"Che cosa!" Esclamò ad alta voce, portando la mano alla bocca. "Perché?"
"Sono... sono un po'... sai... grande"
La vidi guardare in basso velocemente e poi voltarsi dall'altra parte, sorridendo.
"Di solito non è un problema per un uomo, ma immagino che potrebbe essere... a seconda di quanto... grande." lei disse,

Ancora una volta guardò in basso, questa volta lasciando che i suoi occhi indugiassero un po'. Il solo fatto che stesse guardando lì ha fatto sussultare il mio cazzo e ho visto i suoi occhi diventare molto luminosi e le sue dita agitarsi con l'orlo della gonna prima di riunirsi in una ciocca stretta. Si leccò le labbra.
"Nessuno sembra voler rischiare" ho detto "una ragazza ha detto che sono un mostro".
"No non siete; non preoccuparti di quello che ha detto, alcuni uomini ne hanno di grandi. Quanto... grande... sai, quando si alza?"
"Lungo poco più di dodici pollici... e sette pollici intorno", dissi, guardandola interrogativamente, cercando di valutare dalla sua risposta se fosse davvero un cazzo strano.
"Cosa, così grande?" esplose, "mi stai prendendo in giro?"
"No nonna, dico sul serio."

Guardò dritto verso il mio inguine, i movimenti rimbalzanti che avvenivano nei calzoncini da basket che indossavo, il suo viso arrossiva quanto più poteva attraverso la sua ricca pelle marrone.
"Ti dispiace... mostrarmelo?" chiese esitante.
Mi chinai rapidamente, improvvisamente ansiosa che lei vedesse il mio cazzo, e agganciando i pollici alla cintura, sollevai il sedere e trascinai i tronchi fino alle ginocchia lasciando che l'enorme strumento si allentasse.
"Che cazzo... questo è un grosso cazzo che hai lì ragazzo!" sbottò ad alta voce.

Era la prima volta che sentivo maledire la mia dolce nonna e alle mie orecchie suonava molto sexy. Fissò ad occhi sbarrati ea bocca aperta il cazzo che si masturbava completamente disteso. Potevo vedere i capezzoli sui suoi grossi seni che spuntavano rigidamente sul davanti della maglietta aderente che indossava. Ho guardato le sue cosce che erano premute insieme strettamente. Indossava pantaloncini e potevo vedere la pelle d'oca sulle cosce arrossate. Ho iniziato a tirare su i miei bauli, ma lei si è allungata rapidamente e mi ha afferrato la mano.
"Non ancora piccola, tra poco... posso... toccarla... solo un po'?" chiese, più supplichevole che interrogativa.
Non potevo rifiutarla; Non volevo. Alzò la mano e la tenne sopra l'enorme cazzo per un po' prima di trovare il coraggio di afferrarlo. Piegò la mano intorno al grosso palo che poteva reggere, stringendolo delicatamente, poi, come se si fosse bruciata, allontanando rapidamente la mano. I suoi occhi sembravano aver fumato una canna e si inumidì le labbra con una bella lingua rossa e appuntita.
"È una fottuta bellezza", sussurrò, apparentemente sorprendendosi tanto quanto sorprendeva me, perché si portò rapidamente la mano alla bocca e iniziò a ridacchiare.
Ho iniziato a tirare su i bauli e l'ho guardata mentre rideva; i suoi luminosi occhi neri che guardano i miei con qualcosa di simile ad ammirazione o amore.
"Mettilo via in fretta, prima che mi faccia cadere", disse e scoppiò a ridere di cuore.
La guardai, sorridendo anch'io, mentre il suo corpo tremava dalle risate. Si asciugò l'acqua che gli usciva dagli occhi.
"Non sto ridendo di te piccola, ok, sto ridendo perché sono felice per te e perché è il cazzo più bello che abbia mai visto." Disse asciugandosi di nuovo gli occhi.

Quando ebbe finito e si fu ricomposta, si avvicinò e mi circondò con le braccia, mi abbracciò forte. Potevo sentire un capezzolo rigido che premeva sul mio petto nudo. Pensai di alzare la mano e di accarezzare quel magnifico seno, ma riuscii a controllarmi. La nonna mi ha dato un piccolo bacio sulla guancia, sfiorando appena il lato delle mie labbra e poi si è allontanata e ha tirato il suo corpo più in basso sulla sedia. Mi guardò con un bel sorriso rassicurante stampato in faccia.

Le donne con cui eri che si sono fatte prendere dal panico, erano molto giovani?"
"Sì, circa diciotto o giù di lì, e due di loro erano vergini secondo loro".
“Forse dovresti provare le donne più anziane; non trovi attraenti le donne anziane?"
“Sì, ne faccio molti. Ad essere sincero penso di preferire le donne anziane, ma non so come approcciarle, non è facile come con le ragazze della mia età. Ho sempre paura che possano essere offesi e mettermi in imbarazzo pubblicamente”
"Saresti sorpreso di vedere quanto sarebbero disposti alcuni di loro se dovessi fare un passaggio", ha detto, strizzandomi l'occhio e sorridendo malvagiamente.
“No, ho troppa paura per provarci. E se mi avvicino a uno a cui non piacciono gli uomini più giovani?"
"Sai cosa; Vedrò se riesco a metterti in contatto con una simpatica signora anziana, ho un paio di amici che sono come me, uomo di meno, e sempre eccitati. Non voglio vederti sempre in questo stato d'animo seduto in giro con una lunga faccia triste; e a vent'anni dovresti davvero usare quello che hai. Lascia fare alla nonna".

È passata una settimana dal nostro colloquio e sono seduto sullo stesso divano rosso quando la nonna scende le scale e sento un piccolo grido doloroso. Mi alzo velocemente e mi affretto verso dove è seduta per terra in fondo alle scale. C'è un'espressione addolorata sul suo viso mentre porta una mano sulla parte posteriore di una coscia e la massaggia delicatamente
"Penso di aver tirato un muscolo o qualcosa nella parte posteriore della coscia", dice, rabbrividendo.

Guardo il suo corpo stropicciato. Sta riposando su una mano mentre l'altra mano è sul ginocchio sinistro che è piegato e tirato su facendo cadere la sua corta camicia da notte di nylon azzurro lungo la coscia. L'altra gamba è leggermente allargata, trascinando con sé il tessuto sottile, abbastanza da farmi vedere le sue mutandine rosse che sono di un tessuto sottile e di pizzo. Prendo la vista, cercando di non avere pensieri inappropriati, ma sembra esserci un divorzio tra la mia testa e il mio cazzo che inizia un netto risveglio dal sonno. Allunga la mano e io la tiro su, il suo corpo morbido si schiaccia contro il mio, premendo contro il mio attrezzo. Con la sua mano intorno alla mia spalla e la mia mano intorno alla sua vita, zoppica verso la sedia, dove quando si siede si appoggia a me, appoggiando la testa sulla mia spalla e lasciando cadere una mano sulla mia coscia, pericolosamente vicino al mio cazzo pulsante. Noto per la prima volta che non indossa nessun reggiseno, e i suoi enormi seni sono ben delineati attraverso le coppe rimboccate della camicia da notte, i lunghi capezzoli che sporgono audacemente

"Cosa è successo?" Chiedo.
"Ho fatto un passo troppo lungo lungo il penultimo gradino e sono scivolato." Dice con voce dolce.
"Cosa posso fare per aiutare?" chiedo sentendomi un po' impotente.
"Puoi aiutarmi a salire nella mia camera da letto così posso sdraiarmi e riposare la gamba per un po'."

Mi alzo e mi fermo davanti a lei guardando i suoi capelli crespi lucidi sale e pepe che sono tagliati corti. Comincia ad alzarsi, ma subito si siede all'indietro, appoggiando la testa contro la mia coscia, di nuovo pericolosamente vicino alla mia semirigida. Lo sento contrarsi in risposta alla promettente vicinanza. Questo mi sta sfuggendo di mano, penso, cosa sto facendo per avere un'erezione per mia nonna che soffre evidentemente. Eppure muovo leggermente il mio corpo, portando il mio cazzo a premere contro la sua guancia. Dopo qualche secondo si alza e mi mette una mano intorno alla spalla mentre io porto una delle mie intorno alla sua vita, lasciandola girare e sistemarsi sul suo morbido ventre. Zoppicando leggermente, mi lascia condurre su per le scale e nella sua camera da letto. Si sdraia sulla schiena guardandomi con occhi lucidi e dilatati. Guardo in basso dove la sua camicia da notte si sistema tra le gambe leggermente divaricate mostrando un'impronta allettante del suo tumulo vaginale, i suoi enormi seni sparsi sul petto che cadono ai lati, parte della carne, un cioccolato più leggero del resto del suo corpo, scivolando fuori. Mi chino e le tocco delicatamente la testa.

"Tutto bene nonna, non hai colpito da nessuna parte", chiedo, sinceramente preoccupata.
“Sì piccola, sto bene, è solo il dolore dietro la coscia. Mi chiedo se non sarebbe la cosa giusta massaggiarlo un po' e far scorrere il sangue. Se viene lasciato in pace, il muscolo tirato potrebbe formarsi un nodo. Lei dice.
Si gira lentamente e si sdraia sulla pancia, portando la mano intorno per tentare il massaggio. Tirando su l'orlo della camicia da notte inizia a strofinare la coscia spessa e liscia.
"Oh, è così imbarazzante, sono troppo vecchia e rigida per questo", dice ridacchiando.
"Posso farlo per te nonna", propongo, anche se mi chiedo se potrei controllarmi.
"Oh, grazie tesoro, sarebbe fantastico."
Mi siedo sul letto accanto a lei mentre si tira su la camicia da notte, abbastanza in alto da rivelare le mutandine rosse. Sussulto alla vista del suo culo grassoccio coperto dal sottile pizzo rosso. E con le gambe divaricate un po' potevo vedere la protuberanza della sua figa. Sento il mio cazzo buck selvaggiamente nei miei boxer.
"È quasi qui", dice, toccando un punto a metà strada tra la parte posteriore del ginocchio e le natiche.

Comincio a massaggiare la carne sorprendentemente soda ma morbida. Mentre la mia mano lavora sulla sua coscia, allarga le gambe. Stringo delicatamente il suo spessore lasciando che le mie mani accarezzino più che massaggiare. Sibila dolcemente e si dimena un po', sollevando il culo in alto e poi tornando giù. Lo fa circa tre volte. Mi rendo conto che sta ottenendo un grande piacere dalle mie dita stuzzicanti.
"Oh piccola, mi sento così bene, posso già sentire il dolore che inizia ad attenuarsi, alzati un po' più in alto per favore." Lei implora.
Senza sollevare le mani da lei, faccio scorrere le dita più in alto, a pochi centimetri dall'inizio del suo sedere. Si contorce mentre la sfrego teneramente, portando la mia mano più all'interno della morbida coscia. Alza di nuovo il culo e io guardo affascinata la massa della figa con i piccoli peli grigi e neri che si attaccano al pizzo.
"Questo dolore sembra essere un gioco, non appena finisce in un punto, sale più in alto." Dice ridendo.
Prendo questo nel senso che dovrei salire più in alto e lo fa, concentrandomi principalmente sulla morbidezza interiore, le mie mani di tanto in tanto le sfiorano l'inguine.
"Più in alto", sussurra.
Più in alto mi porta all'inizio del suo sedere, con il dorso della mano interna a piombo sul suo inguine. Mi sfrego, mentre si dimena e sapevo che questo ora è più di un massaggio per lei.
"Ottimo massaggio ragazzo mio, il dolore è completamente scomparso dalla schiena, ma c'è solo un leggero fastidio davanti."

Si gira sulla schiena, tirando l'orlo della camicia da notte fino alla vita. Riesco a sentire i miei occhi gonfiarsi alla magnifica vista della sexy femminilità più anziana. Comincio rapidamente a strofinare a metà coscia, ma lei mi ferma e dice di andare più in alto, in linea con l'ultima volta che ho strofinato la schiena. Alzo la mano e mi sistemo all'unione della sua coscia e dell'inguine e sto per iniziare a strofinare quando penso, cazzo sta sprecando tempo, non si tratta più di strofinare via il dolore; La nonna vuole che le strofini la figa, magari la scopi. Quindi prendo la sua figa che riempie bene la tazza della mia mano. Comincio a strofinare il tumulo morbido e umido e lei sibila forte e ruota i fianchi. Mi sporgo in avanti e porto l'altra mano su un grosso seno rotondo, massaggiandolo con cautela. Lei geme di piacere. Sto ancora impastando la figa ora molto bagnata, sentendola spingersi verso l'alto contro la mia mano. Tiro da parte lo slip e ci infilo dentro due dita. Unisce le gambe, intrappolandole nel suo pozzo caldo. Li sposto dentro di lei.

Trascino la camicia da notte a V rudemente da parte e ne sollevo un enorme mucchio di seno, abbassando la bocca per stringere forte un capezzolo lungo e rigido. Lo succhio avidamente mentre lei mi tiene la testa contro. Rilascio il seno e mi avvicino alla sua bocca. Lei tira fuori la lingua e io la succhio. Nel frattempo sto pompando freneticamente il dito nella sua figa fumante. Mi alzo ed esco dai boxer. Si alza la camicia da notte sopra la testa e si sbarazza rapidamente delle mutandine bagnate. Rimango a guardare la magnifica rotondità scura della mia vecchia nonna. Il suo inguine e la figa erano cosparsi di peli di sale e pepe ben tagliati. La sto ancora guardando quando si alza e si siede sul bordo del letto, i suoi grandi palloncini di carne che le scendono fino alla vita mentre afferra il mio lungo e grasso dong. Avvolge entrambe le mani attorno al mio albero e lo pompa rudemente.

Si appoggia allo schienale del letto tirandomi con sé per il cazzo. Mi fa stare a cavallo del suo petto e tirando giù il grosso bastone inizia a leccarlo amorevolmente. Chiudo gli occhi e mi godo il piacere della sua bocca e della sua lingua che lavorano sul mio cazzo enorme e sulle palle grosse. Spalanca la bocca e riesce a prenderci la testa del mio cazzo riempiendolo. La sua lingua va a lavorarci sopra. Si avvicina al tavolo a capotavola e prende una bottiglia di olio di cocco. Spruzza olio sul mio cazzo e lo strofina dappertutto dalla punta alla base. Poi allarga le gambe e si insapona bene la figa fuori e dentro.

"Mettiti tra le mie gambe piccola." Lei ordina piano.
Vedo un piccolo barlume di dubbio nei suoi occhi mentre prende il cazzo e lo mette all'ingresso. Lo sta strofinando contro l'apertura mentre geme. Sposta un labbro da parte con il cazzo e tira da parte l'altro con la mano libera.

"Spingilo avanti un bambino piccolo, solo un po'", sussurrò.
Mi spingo in avanti e sento la mia circonferenza aiutata dall'olio e dai suoi succhi che si fanno strada in circa un pollice. Sto guardando il suo viso che fa una smorfia mentre i suoi denti si mordono il labbro inferiore.
"Spingi un altro bambino, ma delicatamente."
Mi astengo in avanti e sento circa tre o quattro pollici entrare in lei. Il suo intero corpo trema e porta una mano sul mio ventre implorandomi di non andare oltre. Rimango immobile sopra di lei a guardare la sua testa dimenarsi da una parte all'altra mentre lotta per scrollarsi di dosso il dolore. Apre la bocca e soffia pesantemente. Apre gli occhi e guardandomi con un debole sorriso fa un cenno con la testa. Mi spingo in avanti e la sento ululare mentre altri due o tre pollici misurano la lunghezza del muro della sua figa. Ormai metà o poco più della metà del mio membro è bloccato nella figa della nonna. Alza entrambe le mani e le posa con i palmi contro la mia pancia mentre rotola lentamente i fianchi sotto il bastone rigido. Continuò per alcuni minuti, aprendo delicatamente le pareti strette per ottenere altro legno.

Mi mette le mani sulle natiche e mi tira giù dolcemente, mordendosi le labbra e facendo una smorfia.

"Sono pronta, penso di potercela fare, fottimi ragazzone, ma se dico basta fermati", ordina.
Comincio a spingerla dentro e lei grugnisce rumorosamente ad ogni spinta. Ha il viso bagnato di lacrime, ma è intenta a prendere il grosso bastone, il suo corpo trema pesantemente mentre la prendo a pugni. Ora sta prendendo circa nove o dieci pollici di cazzo che si tuffano nel suo pozzo. I suoi occhi sono spalancati e guardano stupiti il ​​mio viso mentre spingo. Improvvisamente non riesco più a trattenermi e spingendo in avanti con forza manda tutti i dodici pollici in più dentro di lei, arrivo forte, indietreggiando e grugnendo mentre lei sta urlando. Le inondo le viscere con il mio sperma caldo. Mi sta trattenendo nel profondo di lei. Sono immobile, tutti i tipi di pensieri che mi passano per la testa. Finalmente sono veramente un uomo. Le pareti della sua figa stanno facendo qualcosa di carino al mio cazzo, massaggiandolo. La sento muoversi sotto di me con una velocità gradualmente crescente fino a quando non si contrae e digrigna selvaggiamente. Guardo la vecchia ragazza che fa la sua cosa selvaggia sotto di me e provo per lei un amore più di prima e sorrido con soddisfazione. Sento le sue unghie affondare nelle mie natiche, bruciare la carne e il suo corpo inizia a contorcersi contro il mio. È bagnata di sudore. Mi fa girare e ora è sdraiata sopra di me, il mio cazzo è ancora sepolto in profondità dentro di lei.

Circa dieci minuti dopo mi sussurra nelle orecchie. "Sono pronto per ripartire."
Mi spingo contro di lei e lei emette un suono ooh sorpreso seguito da un fischio. Afferro il suo culo grasso e facendo scorrere le dita in profondità nella fessura spalanco le guance mentre sto scopando quella vecchia figa stretta. Si alza un po' e abbracciandomi i fianchi con le cosce inizia a cavalcarmi. Si sta allungando dietro, trova le mie palle e ci gioca dolcemente mentre cavalca. Ha gli occhi al cielo nella sua testa e si sta agitando selvaggiamente, combattendo contro le mie spinte verso l'alto, rifiutandosi di lasciare che il suo spirito venga spezzato dalla grande bacchetta magica che sonda le sue viscere, rifiutandosi di arrendersi. Afferro la bottiglia di olio di cocco che è ancora sul letto e mi insapono le dita su una mano. Infilo un dito nel suo bottoncino e lei strilla, ma sborsa più forte. Con ogni spinta verso l'alto del mio grosso legno dentro di lei, le mando il dito nel buco del culo. Un altro orgasmo la raggiunge e lei si dimena selvaggiamente, in stile rodeo sopra di me. Quando ha finito di tremare, si alza da me, il viso che fa una smorfia quando il lungo palo grasso esce.

Lei è sdraiata supina accanto a me, riprendendo fiato; una mano pompa lentamente il grande strumento mantenendolo duro mentre si riprende. Dopo un po' mi giro mettendo la testa tra le sue cosce. Mi sto strofinando il naso nella macchia di sale e pepe, la mia lingua serpeggia tra le pieghe nere e gonfie. Poi sto succhiando un clitoride grassoccio e lei sta venendo di nuovo mentre la mia bocca viene premuta contro le sue labbra di piacere. Si gira su un fianco sostenendomi e alza una gamba in alto. Applico più olio di cocco sul mio cazzo e presto lo forzo dentro di lei. Lo sta prendendo più velocemente e più facilmente questa volta. Le sto dando dei colpi veloci con circa nove pollici dell'ago grasso. Le mie mani sono piene delle sue tette grasse mentre la sto martellando, portando fuori da lei sussulti, grugniti e strilli. Mi sto svuotando dentro di lei per la seconda volta mentre mi sta afferrando le palle.

Esausti, siamo sdraiati supini fianco a fianco respirando affannosamente.
"Come sta la tua coscia ora, nonna, fa ancora male?" chiedo.
"Dolore, piccola, non ho mai avuto un dolore alle cosce che serviva solo a farti venire qui in questo letto", dice ridendo. "L'unico dolore che sento ora è il dolore nella mia vecchia figa, causato da quel tuo cazzo mostruoso. Ma è un bel dolore, a cui posso abituarmi, e non vedo l'ora di provare ancora e ancora se sei disposto ad accontentarmi.

Guardo la vecchia dolce puttana distesa sul mio letto, il suo corpo lussureggiante che invita a un altro giro di attacco di cazzo e so che la obbligherò finché lei me lo permetterà. Quella vecchia figa merita sicuramente un cazzo.

Storie simili

Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

Capitolo 5 LE PRIME SESSIONI DI MAYIM Laura è andata in bagno verso la fine della giornata di lavoro e ha preso le pillole che le aveva dato il dottor Windred. Le ricordarono quanto fosse stata eccitata quella mattina, una eccitazione che non aveva mai soddisfatto, e per un momento pensò di rinchiudersi in un gabinetto e di sbronzarsi. Ma non si fidava di se stessa per masturbarsi al lavoro senza essere beccata, e comunque Amy le aveva detto di non giocare con se stessa prima di presentarsi in clinica. Quindi ha appena lasciato il lavoro, la sua figa già bagnata...

81 I più visti

Likes 0

Tette enormi

Il mio primo incontro con il sesso è avvenuto quando avevo 14 anni. Per cominciare il mio nome è sara e avevo delle tette enormi per la mia età. Ero praticamente un'adolescente, non mi piacevano molto le cose femminili. amavo e praticavo tutti i tipi di sport. lascia che mi descriva allora, avevo 5'4 115 capelli castani e occhi verdi. avevo un corpo molto femminile con tette 36d. beh, ogni ragazza sa che praticare qualsiasi sport con tette enormi può causare problemi.quindi li odiavo con passione.il giorno in cui tutto è iniziato, sono appena tornato a casa dall'allenamento di calcio e...

393 I più visti

Likes 0

Condiviso con lo sperma: Amanda usata?

Capitolo 1 Rivelato Cumslut Chiunque incontri Amanda pensa che sia una donna molto bella e intelligente con alti standard personali e un atteggiamento serio nei confronti della vita. E lei è quello, ma solo fuori dalla camera da letto! Di media statura, con capelli castani fini e ben arricciati, Amanda ha un corpo attraente e ben proporzionato creato da un'infanzia di nuoto agonistico e atletica leggera, e mantenuto da un interesse adulto per la danza e il netball. Le sue gambe sono proporzionate e ben tonificate, i suoi fianchi ben fatti, la sua vita stretta con una pancia liscia e i...

475 I più visti

Likes 0

Cinema_(1)

Sono stato fortunato ad essere giovane negli anni '70 per godermi i cinema di sesso. Avevo 25 anni mia moglie aveva 34 anni sposata e divorziata con 3 figli da uomini diversi. È una bionda con un trucco occhi blu e nero molto aspro.34.24. 36..eravamo nel nord di Londra a fare shopping un sabato. Passammo davanti a un vecchio cinema chiuso che si trasformò in sala bingo e poi tornammo al cinema per i film porno. così, invece di fare shopping, ha comprato una minigonna di cotone attillata giallo brillante e un tubo abbinato. Siamo andati a casa, si è truccata...

430 I più visti

Likes 0

Kerri e Angie (Capitolo 2 - Il turno di Mel)

Questo è il secondo capitolo della mia serie. I nomi delle schermate inclusi in questo SONO FALSI. Kerri ed io eravamo migliori amiche ma due sere prima eravamo amanti, entrambi abbiamo vissuto la nostra prima esperienza lesbica. Anche se poteva sembrare che questo avrebbe reso la nostra relazione imbarazzante, ci ha quasi reso più forti per quanto riguarda l'amicizia. Eravamo entrambi così eccitati che quando ci siamo parlati al telefono sabato sera abbiamo fatto sesso telefonico appassionato, parlando dei nostri altri desideri profondi e pianificando la prossima volta che saremmo stati insieme, da soli. Lunedì è arrivato. Ho camminato lungo l'atrio...

422 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

477 I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 2, Chapter 10: The Hermaphrodite's Passion

L'harem del ladro Libro due: L'harem malvagio di Rogue Parte dieci: La passione dell'ermafrodita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a B0b e WRC 264 per la versione beta di questo. Capitolo ventotto: Ispirare l'arte cattiva Sven Falk - La foresta di Lhes, Le terre di conflitto di Zeutch La dolce bocca di Nathalie è stata meravigliosa mentre succhiava il mio cazzo per ripulire i succhi della figa di Aingeal, le sue trecce che si riversavano sulle mie cosce. Gemevo, il piacere correva su e giù per il mio cazzo mentre guardavo l'aoi si. Il suo cazzo si...

517 I più visti

Likes 0

Club Gomorra. La saga delle femminucce. Prologo Giorno Zero.

Scorri la tana del coniglio. Mi chiamo Ryan Everest, sono un maschio di 22 anni, il mio colore di capelli è castano scuro, arriva quasi alle spalle, ho gli occhi di colore verde e sono alto poco più di un metro e ottanta, non sono il più dotato ma ne parlerò più in dettaglio più avanti. Da dove comincio... beh, immagino che il posto migliore per iniziare sia il giorno in cui ho incontrato Lady Gomorra... Era solo un altro giorno. Una giornata trascorsa seduta al laptop, saltando da un blog porno Tumblr all'altro. Non riesco nemmeno a ricordare come sono...

462 I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

94 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

683 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.