Il dispositivo di controllo mentale Breve: brama di pompino della madre

167Report
Il dispositivo di controllo mentale Breve: brama di pompino della madre

Il dispositivo di controllo mentale in breve

Voglia di pompino della madre

Con il mio pseudonimo3000

Diritto d'autore 2020

Nota: grazie a WRC264 per aver letto questo beta!

Dean Michaels sedeva sulla panchina del parco, digitando sul suo laptop, il suo dispositivo di controllo mentale seduto accanto a lui. Stava per testarlo per la prima volta. Entrò il primo comando. e tutti quelli che avevano meno di diciotto anni cominciarono a lasciare le vicinanze.

Aveva viaggiato lontano da casa sua per testare il dispositivo. Guidato per due ore in modo che non ci fosse alcuna possibilità che qualcuno qui intorno lo conoscesse. Aveva scelto un parco senza sorveglianza in modo che nessuno potesse collegargli quella strana attività.

Era pubblico. Il posto perfetto per testare le cose. Per assicurarsi che questo dispositivo funzioni per la sua famiglia. Aveva una moglie minuta a cui piaceva travestirsi da scolaretta e due figlie che voleva disperatamente scopare. Soprattutto il suo più giovane.

Quindi il dispositivo doveva funzionare perfettamente. Non poteva esserci alcuna possibilità che la sua famiglia venisse a conoscenza dei suoi desideri devianti. Sua moglie lo avrebbe lasciato se avesse pensato che volesse davvero dormire con la loro figlia diciottenne June.

Un brivido lo attraversò anche quando una donna dai capelli neri si sedette accanto a lui. Vestita con pantaloncini da jogging attillati e una canotta, era una donna meravigliosa. Una MILF. Grandi seni allungavano la sua parte superiore mentre scuoteva la testa verso una ragazza più giovane, dai capelli neri, che faceva jogging.

La donna non aveva idea che la sua vita stesse per cambiare mentre l'uomo accanto a cui si era seduta ha digitato i suoi comandi.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Brenda McDonald – Momenti prima dell'attivazione

“Non riesco a starle dietro,” mormorai all'uomo dai capelli scuri a cui sedevo accanto. Sembrava un po' fuori posto nel parco, gli occhiali appollaiati sul naso, un'espressione seria sul viso mentre scriveva su un laptop. Era curioso vedere qualcuno che lo faceva in una giornata così luminosa e soleggiata.

"Scommetto", disse l'uomo, guardando mia figlia mentre correva.

Melinda aveva diciannove anni e con troppa energia. Lo stava dimostrando facendo jogging. Avevo bisogno di una pausa mentre lei era via per scuotere quel suo giovane culo e dimostrare che aveva più resistenza di sua madre.

L'uomo ha digitato su questa macchina. Ho dato un'occhiata allo schermo e l'ho visto digitare strani numeri. 840F21; immune dalle onde sonore e 840F21; protocollo di eccitazione. Era una specie di linguaggio di programmazione?

"Fare un po' di lavoro?" chiesi, confuso da quello che stava facendo.

“Sto testando la mia invenzione,” disse e digitò: Tutto; protocollo della noia.

Premette invio e...

La mia mente si svuotò.

...la mia bocca sapeva di salato mentre sbattevo gli occhi. Ero in piedi davanti a mia figlia. Un momento di confusione mi attraversò. Perché stavo in piedi? Non ero seduto? E mia figlia non era appena passata di corsa? Ma poi mi sono sentito così bene, persino rinfrescato, che la domanda si è sciolta. Il mio corpo ronzava e mi sentivo succosa tra le cosce. Mi sentivo quasi come se avessi avuto un orgasmo o qualcosa del genere, il che era semplicemente sciocco.

"Non posso credere che tu non mi abbia tenuto il passo, mamma", ha detto mia figlia. "Sono andato piano con te."

“Ho il doppio della tua età,” le feci notare mentre lei mi afferrò la mano e mi trascinò lungo il sentiero. "Sei fortunato che ho tenuto il passo."

"Puoi fare di meglio", ha detto Melinda. “Dai, ancora un giro. Non vuoi avere un sedere grasso.

Ho lottato per guardarmi dietro mentre ci dirigevamo lungo il sentiero. "Il mio sedere non sta ingrassando, giusto?"

Melinda mi fece un sorriso malizioso.

Mentre correvamo per il parco, quel sapore salato continuava a indugiarmi in bocca. Era come se avessi preso un sorso di sperma. Mi strofinai la lingua sul palato. Non può essere sperma. Non soffiavo un cazzo da così tanto tempo.

Mmm, troppo lungo.

Perché mi era saltato in mente?

Melinda correva davanti a me, la diciannovenne apparentemente dotata di un'energia illimitata. I suoi fianchi tremavano e i suoi pantaloncini da jogging si aggrappavano al suo sedere tonico. Il mio sedere non stava ingrassando, giusto? Mi sono mantenuto in ottima forma per la mia età. Ho pompato le braccia e ho tenuto il passo con lei anche se sentivo lo sforzo crescente.

E il bisogno di bere qualcosa. Quel sapore salato era ancora persistente.

Sperma densa, cremosa, salata... L'idea mi ha riempito la bocca di possibilità così eccitanti. Rabbrividii, la mia fica in fiamme. Le mie mutandine erano inzuppate. Mi sentivo davvero come se avessi avuto un sacco di orgasmi oggi mentre ero al parco.

Finimmo il nostro giro e io mi diressi verso la fontanella. Aveva il rubinetto con il paraspruzzi lungo la parte superiore, stretto e semicilindrico. Mentre mi chinavo per bere dall'arco d'acqua, l'impulso di succhiare il rubinetto mi assalì. Volevo attaccarci la bocca e succhiarne tutta quell'acqua.

Basta soffiarlo.

Ho rabbrividito a questo. Mi sforzai di bere l'acqua, aspirando il ruscello fresco e rinfrescante anche se fissavo quel cilindro. Potrei metterlo tutto in bocca. Potrei semplicemente adorarlo. La mia figa ardeva di calore.

Succhiare sarebbe fantastico e...

"Vai a bere tutta l'acqua, mamma?" chiese Melinda dietro di me.

Ho saltato così forte che l'acqua mi ha schizzato sul viso e poi sulla parte anteriore della mia canotta, inzuppandomi il seno. "Solo assetato."

“Lo vedo,” disse con un certo divertimento. Un sorriso canzonatorio le apparve sulle labbra.

Mi sono fatto da parte e l'ho lasciata bere. Voleva succhiarlo? Basta far scorrere le labbra su di esso. Mentre lo faceva, mi guardai intorno nel parco. Ho notato un paio di sorelle gemelle che si tenevano per mano e poi un ragazzo in pantaloncini da jogging che si allungava. Aveva un bel cazzo da succhiare? Scommetto che l'ha fatto. Potrei solo...

Scuoto la mia testa. Dio, quanto mi stavo eccitando? Era passato così tanto tempo da quando mi ero scopato che stavo pensando di far saltare in aria estranei casuali?

Mia figlia ed io siamo andati a casa. Dopo una doccia veloce, usando entrambi diversi contemporaneamente, quindi non c'era pressione dell'acqua e una gara prima che finissimo il calore, ho indossato un paio di pantaloncini di jeans e un'altra canotta, il mio seno tenuto in uno sport reggiseno. Quel calore tra le mie cosce era diminuito.

Mi sono lasciata cadere sul divano e ho acceso la TV. Non c'era molto in onda, ma ho trovato un programma di cucina da tenere in sottofondo mentre giocavo al telefono, parlando con le persone sui social media.

La porta si aprì ed entrò mio figlio Corey diciottenne. Era un ragazzo alto, muscoloso e robusto. Mi è passato davanti, tutto sudato per aver giocato a basket con i suoi amici. Mi fece un sorriso mentre passava di corsa.

I miei occhi si posarono sui suoi pantaloncini. Ho colto solo un barlume del rigonfiamento nei suoi pantaloncini da basket. Un brivido mi percorse. Mio figlio stava diventando un uomo. A diciotto anni era più alto di me, più forte. Aveva un cazzo che stava diventando grosso. Ha preso da suo padre stronzo? Sean avrebbe potuto essere un coglione, ma aveva un grosso cazzo.

Un cazzo succhiabile.

Mio figlio aveva un cazzo succhiabile?

Ho sbattuto le palpebre a quello. Perché stavo pensando al cazzo di mio figlio? Che razza di matto l'ha fatto? Ero sua madre! L'ho portato in questo mondo. L'ho allattato. Lo ha cresciuto. Ero lì per lui quando suo padre di merda era fuori a bere ea fare Dio solo sa cosa. La mia lingua scivolò sulle mie labbra mentre immaginavo il cazzo di Sean sul corpo di Corey.

Grande. palpitante. Sto solo implorando una donna, io!, di succhiarlo. Un'ondata di calore mi travolse. Sentivo mio figlio che si muoveva per casa. Corse su per le scale, poi si gettò sul letto. Si sarebbe masturbato? Sapevo che lo faceva. Avevo trovato le macchie croccanti. Ero una madre. Ho capito che stava crescendo.

Non avrebbe bisogno di masturbarlo con il porno che ha trovato su Internet se mi avesse succhiato la bocca...

"Brenda McDonald, smetti di pensare a cose perverse del genere", sibilai a me stesso, un'ondata di calore che mi investì. “Proprio questo secondo. È disgustoso."

Non sapevo da dove fosse venuta questa improvvisa fissazione orale. Mi buttai in piedi, il prurito che cresceva nella mia figa, un graffio che poteva essere saziato solo facendo qualcosa di perverso. Ho cercato di ignorarlo, passando avanti e indietro mentre pensavo di strisciare al piano di sopra e aprire la sua porta.

“No, no, non preoccuparti, Corey,” canticchiai nella mia mente, “non sei nei guai se ti masturbi. In effetti, sono qui per aiutarti. Mmm, lascia che tua madre ti succhi il cazzo. Sì, sì, verrai molto velocemente. Non c'è bisogno di porno con la mia bocca avvolta intorno al tuo cazzo.

Quando ero diventato un completo malato? Com'era successo? Ho fatto scorrere le mani su e giù per il mio corpo, i miei capezzoli pulsavano. La mia figa si strinse mentre la fantasia di far scivolare le labbra sul cazzo di mio figlio e succhiarlo mi consumava i pensieri.

Gemevo e poi mi buttavo a pulire la casa. Non ne aveva bisogno, ma l'ho fatto lo stesso. Ho lucidato tutti gli scaffali con un'intensità maniacale. Passai l'aspirapolvere nel soggiorno, spingendo l'aspirapolvere in avanti con potenti spinte. Sono andato in cucina e ho pulito tutti i ripiani.

"Non lo fai di solito dopo cena?" Melinda ha chiesto quando è venuta a prendere una coca dietetica dal frigorifero. Aprì la lattina e bevve un sorso.

"La cucina deve essere pulita così posso preparare la cena", mentii. Potevo sentire Corey che si muoveva al piano di sopra. Era di nuovo duro? I diciottenni sono sempre stati duri, giusto?

Potrei occuparmene io. Mettiti in ginocchio e succhiagli il cazzo.

"Allora, cosa c'è per cena?" chiese Melinda.

"Sto preparando un frullato e cuocio il pollo con l'insalata", le dissi.

"Fantastico", ha detto mia figlia. “Poi è uscita con la sua coca, sorseggiandola.

Volevo che restasse. Scommetto che potrebbe essere una buona distrazione per distogliere la mia mente dai pensieri sui cazzi. Volevo succhiarne uno così tanto, e ce n'era uno proprio qui in casa. Un grosso cazzo strapping che appartiene a mio figlio. Potrei cadere in ginocchio e allattarlo. Basta ingoiare tutto il suo sperma.

Sarebbe spettacolare.

La mia cucina puzzava di pulitore, ho iniziato a cenare. Ho tirato fuori il pollo dal frigorifero e ho tirato fuori i pezzi disossati dalla confezione. Ho eliminato un po' di cartilagine e poi ho iniziato a fare la panatura. Le spezie giuste sono state mescolate insieme in un sacchetto. Poi ho lasciato cadere i pezzi uno per uno e li ho scossi.

I miei capelli ballavano come me. È stato soddisfacente. Il forno si stava preriscaldando alla temperatura corretta mentre ho ricoperto il pollo uno per uno. Due pezzi per me e mia figlia e quattro per Corey. Era un ragazzo in crescita. L'avrebbe demolito.

Il pollo al forno, mi sono messo a fare l'insalata. Un mix di lattuga romana e spinaci per la base. Poi ho preso due pomodori rossi maturi, li ho affettati e li ho fatti cadere dentro. Successivamente, ho tagliato a dadini due peperoni arancioni per aggiungere un po' di sapore ad esso. Infine, ho preso i cetrioli.

Tenevo la verdura cerosa e verde dal frigorifero, la pelle fresca nella mia presa. La mia figa si strinse. Lo fissai, la mia lingua che scorreva sulle mie labbra. Poi l'ho spinto alla bocca e l'ho spalancato. Ho fatto scivolare le labbra sul cetriolo.

L'ho succhiato. I miei occhi si chiusero mentre lavoravo il cetriolo dentro e fuori dalla mia bocca. Ho assaporato la sua pelle cerata. La mia lingua gli roteò attorno mentre mi contorcevo per la gioia. Ho strillato, immaginando che fosse il grosso cazzo di Corey nella mia bocca.

"Mamma! Mamma!" Corey gemette. “Oh, wow, mamma, è fantastico. Lo adoro. Stai facendo sentire il mio cazzo fantastico!

Ho succhiato più forte. La mia lingua lo accarezzò. La mia figa si è riscaldata, quel prurito si è intensificato. Ho pompato la verdura in profondità nella mia bocca e poi l'ho tirata indietro, facendo attenzione a tenere i denti lontani dalla pelle. Non volevo fare del male a mio figlio.

"Sì, sì, sto per venire, mamma!"

Volevo quello sperma salato in bocca. Volevo ingoiare la panna. Per inghiottire tutti gli incestuosi di mio figlio -

Mi sono congelato, il cetriolo si è infilato in profondità nella mia bocca. Tremavo lì, lo shock mi increspava. Strappai la verdura dalle labbra e ansimai. La bava mi scorreva lungo il mento. Lo fissai, metà inzuppato nella mia saliva.

“Ma che cazzo,” borbottai, spaventato.

Cosa c'era di sbagliato in me? Cosa mi era successo oggi? Perché mi stavo comportando come una puttana affamata di cazzi? Non mi è mai piaciuto succhiare i ragazzi prima d'ora. Era sempre un lavoro ingrato. Qualcosa che l'ho fatto per farli sentire meglio o per impedire loro di fare sesso reale con me. Era sempre sembrato leggermente umiliante.

Adesso...

Volevo dei cazzi in bocca. Qualsiasi cazzo. Il cazzo di mio figlio. Il suo sarebbe il miglior cazzo di tutti.

Mi sono girata e ho spinto il cetriolo sotto il rubinetto. Ho aperto il flusso d'acqua e ho lavato via la mia saliva. Tremavo, i miei seni tremavano. Avevo bisogno di aiuto? Come se avessi bisogno di trovare un terapeuta o qualcosa del genere e capire cosa c'era che non andava in me?

Ci doveva essere qualcosa di gravemente sbagliato in me. Questo è stato incasinato quello che stavo facendo. Non ci ho nemmeno pensato. Ho appena iniziato a succhiare quel cetriolo. Mi leccai le labbra, desiderosa di amarla ancora un po'. Per continuare a succhiarlo.

“Cazzo,” mormorai e lo spinsi sul tagliere.

Ho preso il coltello e l'ho tagliato a dadini. ho affettato. Ho lavorato velocemente, tagliando quel cetriolo offensivo in cerchi sottili. Il TAP-TAP-TAP del mio coltello che colpiva la superficie di legno echeggiava nella mia cucina mentre riducevo lo spesso fallo in piccoli dischi verde chiaro.

Tentazione distrutta.

Ho dato un'occhiata al mio frigorifero. Avevo un altro cetriolo lì dentro. E le carote... avevo delle grosse carote che potevo lavorare dentro e fuori dalla mia bocca. Basta succhiarli con tale fame. Un brivido mi percorse. Strinsi gli occhi e buttai il cetriolo nell'insalata.

Ho sfidato il frigorifero per tirare fuori la busta di mozzarella grattugiata da aggiungere all'insalata, quindi ho mescolato il tutto con un cucchiaio grande. L'ho spruzzato nel condimento per vinaigrette fatto in casa e ho posizionato la ciotola sul tavolo della cucina.

DING!

Il timer per il pollo è scattato. Ho tirato fuori dal forno la delizia impanata. Il profumo riempì l'aria di spezie. Mi venne l'acquolina in bocca per qualcosa di diverso dal cazzo in quel momento. Ho iniziato a servire il cibo mentre chiamavo "Cena!"

Corey è arrivato per primo. I suoi piedi battevano giù per le scale, pieni della sua eccitazione. È apparso in una canotta e pantaloncini. I miei occhi caddero sul suo inguine. Erano abbastanza stretti da poter vedere un rigonfiamento. Non era duro, ma sembrava impiccato.

Un cazzo che ha bisogno delle labbra di una madre che succhia—

Smettila di essere una madre perversa!

"Ha un buon odore, mamma", disse Corey e prese il suo solito posto al tavolo. Si sedette alla mia destra. "Grazie!"

"Sì," dissi mentre lo guardavo servire l'insalata sul lato del piatto. “Melinda, cena! Avanti!"

"Solo un minuto!" lei pianse.

"Puoi mandare messaggi ai tuoi amici quando hai finito", ho gridato di rimando.

Scese un minuto dopo, con le guance arrossate. Si precipitò verso il lavandino e si lavò le mani, poi si precipitò al tavolo e si sedette di fronte a suo fratello. Anche lei preparò la sua insalata, con gli occhi pieni di fame.

Ha parlato della nostra giornata al parco e di quanto tempo siamo stati lì. Sbattei le palpebre e mi resi conto che eravamo lì da un'ora in più di quanto pensassi. Supponevo che il tempo dovesse volare quando facevi jogging o qualcosa del genere. Ho preparato la mia insalata e mi sono concentrato sul mangiare.

Perché mio figlio era seduto accanto a me.

L'idea di scivolare sotto il tavolo, dicendo: "La mamma ha bisogno del suo vestito speciale", mi è saltata in bocca. Di averlo appena soffiato proprio qui davanti a mia figlia mi ha sparato attraverso. Il cuore mi batteva nel petto. Il mio sangue ribolliva.

Come ero diventato un tale pervertito? Cosa era successo mentre correvo al parco per cambiarmi? Non c'era niente a cui riuscivo a pensare. Solo il tizio con il portatile che fa un po' di lavoro. Cosa c'era di strano in questo?

Ho faticato a ricordare qualcosa, ma era stata una giornata normale.

Continuavo a guardare Corey mentre mangiava, osservando i muscoli delle sue braccia flettersi mentre infilava la forchetta nella ciotola e si portava un boccone di verdure alle labbra. Li masticò, lo scricchiolio echeggiò. Era così forte. Così virile.

Avrebbe così tanto sperma da far bere a sua madre. Potrei semplicemente inghiottire tutto. Basta succhiare così tanto sperma dal suo cazzo. Sarebbe incredibile. Scommetto che le sue palle potrebbero darmi tutta la meravigliosa crema che potrei mai desiderare.

Ho stretto gli occhi.

"Ottima cena, mamma", disse e si infilò per darmi un bacio veloce sulle labbra.

"Sì, è stato fantastico", ha detto Melinda. Mi baciò l'altra guancia. Insieme, si sono diretti in cucina per lavare i piatti.

Ho visto Corey chinarsi. Dio, era diventato un uomo sexy. Aveva anche un gran bel culo. Tutti questi pensieri tabù svolazzavano attraverso di me. Impulsi proibiti. Ho incrociato le gambe strette. Ho stretto gli occhi. Il prurito divampò in me.

Mi sono buttato a pulire. Assicurarsi che tutto fosse spic and span. Ma presto fu fatto e dovetti trovare nuove distrazioni. La TV non ha aiutato. Era sabato, quindi non la migliore scaletta di programmazione. Ho trovato un film Lifetime, ma la soap opera non ha fatto molto per distogliere la mente dai miei problemi.

Ho provato a leggere un libro, per perdermi in un romanzo storico ambientato ai tempi dei pionieri. Passione sana. Non il desiderio pacchiano di succhiare il cazzo di mio figlio. Il bisogno crebbe e crebbe. Ho dovuto succhiare un po' di cazzo. Se non è quello di Corey, allora forse dovrei uscire e trovarne uno.

Esci dove?

Forse dovrei prendere una di quelle app di appuntamenti. Come si chiamava? Tinder? Match.com? Qualcosa del genere. Trova un ragazzo e succhiagli il cazzo nel momento in cui si è presentato. Sembrava così folle. Avevo bisogno di parlare con qualcuno. Chi?

Si stava facendo tardi. E a chi mi fidavo per confessare i miei desideri devianti?

Avevo paura di andare a letto. Essendo da solo. Quel prurito tra le mie cosce. Cosa farei?

La mia mano scivolava giù e giù per lo stomaco. Scivola nelle mie mutandine. Strofinavo la stessa figa che ha partorito Corey mentre immaginavo come gli avrei succhiato il cazzo. Sarei stato tenero all'inizio, piantando baci sulla corona del suo cazzo? Avrei spalancato la bocca e inghiottito ogni centimetro di lui che potevo in un solo sorso? Succhierei forte? Ronzio? Bob la mia testa?

Avevo bisogno di una distrazione. Avevo bisogno...

Sono corsa verso l'armadio al piano di sotto. L'ho strappato e ho trovato quei gradini di plastica. Era una moda passeggera di qualche tempo fa. Ai tempi in cui producevano ancora DVD di esercizi. Questo aveva l'espediente di salire e scendere una scala. Potresti renderlo il passo per ottenere più di un allenamento. Era un buon cardio.

Avevo bisogno di entrare nella zona di allenamento. È lì che è iniziato. Così sarebbe finita.

Ho messo il brutto gradino verde al centro del mio soggiorno e ho inserito il DVD. La donna vivace sembrava guidarla, i suoi seni tremavano nel reggiseno sportivo. Indossava uno spandex aderente che le abbracciava le gambe, il suo stomaco così tonico che aveva solo un accenno di addominali. La sua pelle abbronzata le conferisce un bagliore brillante.

"Va bene, iniziamo!" lei disse. “Abbiamo un piano di esercizi settimanale elaborato per te. Ma prima, gli allungamenti!”

mi sono allungato. Ho risolto i nodi negli arti e poi ho iniziato l'esercizio. Salire e scendere i gradini, pompare le braccia, i miei seni tremolano nel mio reggiseno sportivo. Mi sono concentrato sul muovere il mio corpo, stare al passo con lei, superare la fatica.

Ero ancora dolorante per il jogging. Non mi importava. Il dolore aiuterebbe a ingoiare le mie perversioni. Ho fatto un passo avanti e indietro. Su e giù. A volte spingevo le ginocchia in aria. Oppure cambierei quale piede è caduto per primo. Ho superato il primo giorno e sono passato al secondo, diventando sempre più sudato.

Ogni centimetro delle mie cosce bruciava. Trattenni il respiro. Questo era ciò di cui avevo bisogno. Mi sono costretto a mantenerlo. Ho sentito quello sforzo. Oh, sì, mi ha attraversato i muscoli. La cura perfetta per i pensieri devianti. Ho incanalato tutta quella frustrazione sessuale nell'arrampicata. Fare un passo.

"Uh, stai bene, mamma?" chiese Melinda mentre passava in camicia da notte.

“Sì,” mentii e battei le mani come faceva la vivace bionda in TV.

"Stavo solo scherzando sul fatto che tu abbia un sedere grasso", ha detto mentre si dirigeva in cucina. "Non vuoi esagerare."

«Va bene», ansimai. C'è voluto troppo fiato per dire di più.

Fai un passo avanti. Scendi. Su. Fuori uso. Senti quel bruciore. Non pensare ai cazzi. Mi sono fatto troppo male per pensare ai cazzi.

Melinda è passata con una coppa di gelato alla vaniglia e sciroppo di fragole. Scosse la testa mentre svaniva al piano di sopra. Ero al terzo giorno. Le mie gambe erano una massa di dolore bruciante. Gloriosa agonia. Non pensare ai cazzi.

Entro il quarto giorno, non potevo più muovermi. Inciampai all'indietro, caddi sul divano e rimasi lì, gemendo di dolore. Mi fanno male le articolazioni. Ogni parte di me tremava. La stanchezza mi tirava addosso. Ho chiuso gli occhi e...

Mi sono svegliato sul mio divano, sbattendo le palpebre. La TV era nel menu del DVD, un fermo immagine di una donna vivace. Sbattei le palpebre, tutto il mio corpo si sentiva appiccicoso. Gemetti e incespicai verso il bagno più vicino. Quello al piano di sotto.

“Cazzo,” gemetti. Tutte le mie articolazioni erano una massa di dolore. Ho aperto la doccia, sono inciampato dentro e ho lasciato che l'acqua mi cadesse addosso.

Sono rimasto lì fino a quando l'acqua calda si è esaurita. Poi sono uscito incespicando, esausto. Avevo bisogno di andare a letto. Mi avvolsi in un asciugamano e sgattaiolai fuori in casa. Era tardi, mezzanotte passata e la casa era silenziosa. Nessuno mi prenderebbe.

Salivo le scale, gemendo ogni volta. Erano un'invenzione malvagia, passi. Solo fallo. Mi aggrappai alla ringhiera, piagnucolando quando raggiunsi il corridoio del secondo piano. Inciampai di un passo, mi appoggiai al muro e gemetti.

Quando ho alzato lo sguardo, ho fissato la porta di Corey.

Era lì dentro. Dormire. Il suo cazzo potrebbe anche essere duro. Ragazzi cazzi l'hanno fatto nel cuore della notte. Avevo letto da qualche parte che non era a causa dei sogni o dell'eccitazione, ma solo del corpo che si assicurava che il cazzo funzionasse ancora dando al ragazzo un'erezione. Si chiamava Morning Wood, giusto?

Ma questo significava che poteva essere duro in questo momento. Potrebbe essere palpitante e dolorante. Ha bisogno della bocca di sua madre che gli succhia il cazzo. Rabbrividii mentre tremavo lì avvolto nel mio asciugamano da bagno. I miei capezzoli si sono induriti contro la spugna. La mia figa si strinse, il calore usciva dalla mia figa birichina. Questo desiderio proibito ardeva in me.

Mio figlio aveva bisogno di farsi saltare il cazzo.

Ho dovuto succhiarlo.

Ho dovuto succhiare cazzi.

Volevo succhiare cazzi. Per far scorrere le mie labbra su di loro e bere quel cum salato. Basta inghiottire il seme di un uomo. Il seme di mio figlio. Il suo cazzo era proprio lì dall'altra parte della porta. dovevo solo aprirlo. Sgattaiola.

Non l'avrebbe mai saputo. Lo soffierei e lo lascerei con un sogno caldo e bagnato.

Ha dormito per tutto.

La mia mano afferrò la sua maniglia. tremavo. Il calore si è riversato attraverso di me. La mia figa ha inzuppato il mio cespuglio. La mia mano si strinse sul metallo. Ne ho sentito la forma. L'ho appena girato. Fallo. Mi sono leccato le labbra. Il gallo era proprio dall'altra parte della porta.

Aspettando la mia bocca. Aveva tutta quella sborra nelle palle. Tutto quello sperma delizioso di cui avevo bisogno per ingoiare. Ne berrei ogni goccia. Divertiti. Sarebbe incredibile. Rabbrividii, la maniglia della porta scricchiolava mentre la giravo.

Ho aperto la porta. Non potevo impedirmi di essere una madre terribile. Sbirciai nella stanza buia. Corey dormiva sopra le sue coperte con solo un paio di boxer. Il lampione si riversò attraverso la sua finestra, individuando la sua forma scura sul letto. Il contorno dei muscoli duri. Mi sono leccato le labbra. Il mio asciugamano è scivolato via dal mio corpo mentre entravo nella stanza.

Ho chiuso la porta dietro di me.

Non riuscivo a trattenermi. Il suo cazzo era proprio lì. Ne avevo solo bisogno in bocca. Non importava che fosse la mia carne e il mio sangue. Questo era un crimine. Una violazione di tutto ciò che è giusto. I miei desideri devianti mi hanno consumato per il suo cazzo. Il suo sperma.

Ho raggiunto il letto. Respirò piano, il viso voltato dall'altra parte della finestra. Il suo cazzo tendeva la parte anteriore dei suoi boxer. Era duro. Aveva bisogno che sua madre lo aiutasse. La mia lingua scivolò sulle mie labbra mentre afferravo i suoi boxer e glieli tiravo giù per le gambe. Gemetti alla vista del suo cazzo apparire.

Quando mi sono tolto i boxer, gli ho afferrato il cazzo. Mi sono meravigliato di quanto fosse caldo nella mia mano. L'ho pompato su e giù. Lo accarezzai mentre mi inginocchiavo sul letto. Ho studiato il suo cazzo al chiaro di luna. Era più grande di suo padre? Penso che lo fosse. Un po' più spessa e più lunga. La sua punta un rosa spugnoso. Precum perline dal cazzo di mio figlio.

Ho abbassato la testa e ho leccato la goccia di precum.

Ero una madre così cattiva.

Ho leccato di nuovo, assaporando il suo cazzo. Quel prurito in me si è rilassato. Sembrava così giusto per me giocare con un cazzo. Dovevo solo succhiarlo. Lo amo. Ho fatto roteare la mia lingua intorno a lui. Ho ballato intorno alla sua corona, amando la trama. Il sapore.

Le mie labbra si baciarono al lato del cazzo di mio figlio. Ho sbaciucchiato sulla sua punta. Ho adorato la consistenza della mia bocca. Perché ho mai pensato che fosse sbagliato? Il calore mi scorreva addosso. Le mie labbra si strinsero forte su di lui. Gli ho sbaciucchiato addosso e poi ho raggiunto l'apice. Il massimo. La fessura.

Le mie labbra si allargarono sul cazzo di mio figlio. La mia bocca si spalancò per inghiottire la corona di Corey. Rabbrividii, la mia figa si stringeva mentre inghiottivo sempre più il suo cazzo. L'ho succhiato mentre ne prendevo sempre di più in bocca.

Ho allattato il cazzo di mio figlio.

Una corsa birichina mi attraversò. Avevo oltrepassato quella linea proibita. Strinsi gli occhi e succhiai con fame il cazzo di mio figlio addormentato. Il calore usciva dalla mia fica. I miei succhi hanno inzuppato il mio cespuglio e mi sono scesi lungo le cosce. ho allattato. La mia lingua ballava. IO-

Mio figlio gemette.

mi sono congelato.

Fissai il suo corpo, il terrore che mi urlava nel cuore. Avevo il suo cazzo in bocca. Se si è svegliato adesso...

Ho ricominciato a succhiare. Non potevo trattenermi. Il suo cazzo si sentiva così bene nella mia bocca. Ho amato il cazzo di mio figlio anche mentre fissavo il suo corpo. Il suo viso cambiò. Emise un altro gemito. Il suo petto si alzò e si abbassò. Un brivido mi percorse.

Ha sentito il piacere. Deve sognare di farsi succhiare il cazzo.

Rabbrividii, allattando più forte. Quel sapore salato mi riempì la bocca. Quell'anteprima per il suo sperma incestuoso. Volevo che sgorgasse dentro di me. Ho battuto di nuovo la testa. Ho lavorato la mia bocca su e giù per il suo cazzo. Le molle del letto scricchiolavano mentre lo adoravo.

La bava mi scorreva lungo il mento. Rabbrividii, le mie grandi tette ondeggiavano mentre adoravo il cazzo di mio figlio. Questo cazzo proibito mi ha riempito la bocca. La mia mano gli accarezzò le palle. Ho giocato con le noci pelose. Traboccavano della sua passione giovanile. Il suo sperma. Sperma. sperma.

Ci volevo annegare.

gemette di nuovo. Il suo petto si alzò e si abbassò. Era un ragazzo così bello. Aveva i peli sul petto. Sulle sue palle. Era un uomo. L'uomo che ho portato in questo mondo. E ora il suo cazzo mi ha nutrito di ciò che desideravo. Ha saziato quel prurito nella mia figa. Avevo solo bisogno che lui sprizzasse—

“Dannazione,” mormorò.

Si stava svegliando. I suoi occhi si spalancarono.

Il panico mi attraversò. Non potevo fargli sapere che ero io. Dovevo fare qualcosa per impedirgli di sapere, ma non riuscivo a smettere di succhiargli il cazzo. Come potrei mai farlo? Avevo bisogno di ingoiare tutto il suo sperma.

Ho fatto l'unica cosa a cui riuscivo a pensare per coprirgli gli occhi. Ho fatto girare il mio corpo intorno al suo cazzo e mi sono messo a cavalcioni sulla sua testa. Premetti il ​​mio cespuglio peloso direttamente sul suo viso, i miei grandi seni trascinavano sul suo stomaco. Si sono appoggiati contro i suoi addominali duri come la roccia mentre gli sistemavo la fica sulla bocca.

"Che cosa?" gemette nella mia figa. "Oh, mio ​​dio, cosa sta succedendo?"

Ho solo continuato a succhiare. Ho mosso la testa quando ho sentito il suo respiro scorrere sulla mia figa. Si spostò sotto di me, i miei capezzoli pulsavano sul suo stomaco. Questo caldo malvagio mi ha spazzato via la fica. Perché l'ho fatto invece di correre?

Perché avevo bisogno del suo delizioso sperma. Ho succhiato più forte.

"Fanculo!" gemette. "Chi? Gesù. Mamma?"

Mi sono bloccato e poi ho continuato a succhiare. Non c'era modo che potesse sapere che ero io. Gli ho coperto la faccia prima che si svegliasse davvero. Non poteva sapere che era la mia bocca sul suo cazzo e la mia figa sulla sua faccia.

"Sei tu, mamma?" gemette. "Gesù, tu sei... cazzo!"

Ho succhiato con la fame. No. Non poteva sapere che ero io. Solo, chi altro sarebbe? Sua sorella? Non aveva tette grandi quanto le mie. Corey deve sentire quegli sfregamenti sullo stomaco. Un panico mi assalì. Sapeva che ero una specie di succhiacazzi perversa, una madre molesta affamata del cazzo di suo figlio.

"Dannazione, mamma", gemette e poi le sue mani mi afferrarono il sedere. La sua faccia si strofinò contro il mio cespuglio.

Mio figlio ha leccato la figa che lo ha partorito. La mia figa.

Sussultai mentre il piacere mi attraversava dalla sua lingua che mi leccava le fica. Si trascinò attraverso le mie pieghe, assaporando l'eccitazione che fuoriusciva dalla mia fica. Un'ondata di beatitudine incestuosa mi travolse mentre lui leccava di nuovo.

E di nuovo.

Ringhiò, le sue mani serrando la mia groppa. Aveva delle mani così forti. Potente. Mi hanno impastato il culo mentre lui accarezzava la lingua su e giù per le mie pieghe. Un brivido mi percorse. Ho canticchiato intorno al suo cazzo, gemendo di gioia.

“Dannazione, va bene, mamma,” gemette.

Ogni volta che diceva "Mamma", trasmetteva un brivido così caldo attraverso di me. Ha reso questo sempre più cattivo. Ero una mamma deviante e molesta. Ho allattato il cazzo grosso e grosso di mio figlio con fame. Gli ho impastato le palle. Volevo succhiarlo a secco.

Gemevo intorno al suo cazzo. mi sono lamentato. Mi dimenai su di lui, strofinando le mie tette sul suo forte stomaco. I miei capezzoli scoppiano di piacere. La gioia è scesa alla mia fica essendo così deliziosamente divorata dalla sua lingua.

Ha leccato su e giù la mia fica. Lo aveva già fatto? Sapeva dove leccarmi. Per toccarmi. Non aveva paura di conficcare la sua lingua dentro di me. Se suo padre avesse avuto questa abilità, avrei potuto sopportare di più che fosse un coglione.

Mio figlio adorava la mia fica.

Chiusi gli occhi, assaporandolo mentre allattavo il suo cazzo. Sembrava così giusto, come se la mia bocca fosse stata fatta per succhiare il cazzo di mio figlio, per allattarlo. Gli ho massaggiato le palle, amando il modo in cui gemeva nella mia figa. La sua lingua accarezzò audacemente le mie labbra.

"Mamma!" gemette. “Oh, wow, mamma, è così caldo. Spero che questo non sia un sogno. Questo è fantastico!”

Le sue dita mi affondarono dentro mentre infilava la lingua nella mia figa. Gemetti mentre girava vorticosamente nella stessa buca da cui proveniva. Stava scivolando di nuovo dentro di me. Mi dimenai su di lui, schiacciandogli il cespuglio in faccia. Amavo il calore che increspava il mio corpo. Il piacere cattivo che volava attraverso di me.

La sua lingua danzava nella mia figa. Il mio girava intorno alla sua corona. L'ho accarezzato e poi ho sbattuto la testa. Si è lamentato mentre lo facevo. Le mie labbra, sigillate ermeticamente sulla sua asta, lo agitavano su e giù, compiacendolo.

"Mamma!"

Che cosa dolce avere gemito nella mia figa.

"Oh, mamma, sì!"

Sembrava così gutturale. Così pieno di piacere. Scommetto che verrebbe così forte dentro di me. Ho succhiato con tutte le mie forze, il mio orgasmo cresceva e cresceva mentre la sua lingua mi scorreva tra le pieghe. Mi ha saccheggiato, facendomi impazzire. Il calore divampò dentro di me. Rabbrividii su di lui, i miei fianchi si dimenavano avanti e indietro, spalmando la mia fica calda sul suo viso. Gli sto facendo il solletico con il mio cespuglio.

La sua lingua scivolò fuori dalla mia figa per leccare la mia fica. Ho rabbrividito a questo. Il piacere era costruire e costruire. Il mio orgasmo si è gonfiato mentre adoravo il cazzo di mio figlio. Questo brivido deviante si è gonfiato in me.

Lo affogherei con la crema per la fica se solo mi desse quella sborra.

"Cazzo, mamma!" gemette. Le sue dita mi affondarono nella groppa. "Se continui a farlo, vengo."

Ho allattato duramente.

"Vuoi il mio sperma?" gemette. “Cazzo, sei la mamma migliore. Ti amo."

Quelle parole spazzarono via il persistente senso di colpa. Mio figlio lo adorava. Anch'io. Cosa c'era di veramente sbagliato nell'incesto? Nel profondo della mia mente, qualcosa si mosse come un sogno semidimenticato. Un'altra vita che avevo vissuto dove l'incesto andava bene. Dove non mi importava se due sorelle gemelle facevano l'amore o se facevo cose con mia figlia.

Quindi andava bene fare cose con mio figlio.

L'ho succhiato forte. ho allattato. Ho sbattuto la testa, succhiando con passione il suo cazzo. Il suo cazzo pulsava tra le mie labbra. gemette. Le sue dita affondarono nella mia groppa. Mi tenne stretto mentre tremava sotto di me.

"Mamma!"

È successo. Quella calda eruzione del seme proibito di mio figlio. Mi è entrato in bocca. Una crostata cremosa di perfezione salata. Gemetti mentre mi bagnava le papille gustative. Il suo sperma ricopriva l'interno della mia bocca. Era molto meglio di qualsiasi sperma là fuori. Era ambrosia.

Sono venuto.

"Oh, dio, mamma!" Corey gemette mentre mi riempiva la bocca del suo sperma.

La mia figa ha avuto le convulsioni. I succhi uscivano da me. Un intenso orgasmo attraversò il mio corpo. Rabbrividii su di lui mentre le onde incestuose di beatitudine scorrevano dalla mia figa. Il mio piacere deviato invase la mia mente. I drowned in the delight of drinking my son's cum.

I gulped it down. I swallowed every drop as the rapture rushed through my body from my naughty twat. My son licked up my cream. He gathered my passion as I squirmed atop him. My nipples throbbed and ached. Pleasure sparked from them as they rubbed on his stomach. My mouth sucked hard.

My hand massaged his balls.

I worked out every drop of my cum my son had in him.

“Fuck, Mom!” he groaned, satisfaction in his voice.

I gulped down the last of the spunk but nursed hard just to make sure I had drawn it all out of him. That I'd emptied his balls. He panted into my pussy. My orgasm had reached that wonderful peak. I quivered there, brimming with all that wonderful pleasure he'd given me. My body tingled with such amazing bliss.

My son was such a stud. Such a delicious and exciting young man. My orgasm hit that wonderful peak. Then it descended into tingling rapture. I squirmed and then slid my mouth off his cock. It popped out with a wet smack.

“Mom,” he groaned. “That was incredible.”

“Mmm, you liked your mother sucking on your dick?” I asked and moved. I turned around to cuddle up against him. I stared at his face gleaming in my pussy cream. My tangy musk filled the air.

“It was the best blowjob ever. God, that was incredible. You're incredible.”

His hand thrust under my hips and then cupped my ass. I gasped as he pulled me tighter against him. I shivered, spilling my right leg over his stomach, my thigh rubbing across him like I would with his father. My calf brushed his cock.

Still hard.

“Mom,” he groaned. He stared into my eyes. “You're amazing. But... I mean...”

“I just wanted to suck your cock,” I purred, rubbing my tits against him. “I'm still a woman. I get desires, too. And you have such a big dick. Such a strong and virile cock. How could I not want to suck it?”

“Damn, Mom,” he panted. “This is... I mean... I've thought about stuff like this.”

“Me and you?” I pressed my tits into him. “How naughty of you. And you're getting hard. What sort of things did you want to do to me?”

“This,” he growled and kissed me.

I gasped at his boldness. I don't know why I thought he might be a virgin, but he was such a handsome guy. Of course, he was getting girls. They were putting out for him on those dates. I shuddered as he rolled me over onto my back.

His tongue thrust into my mouth. I groaned, savoring how bold he was as his weight settled on me. I had a man on me again. My son. His hand stroked my side and found my large breast. He squeezed and kneaded it while he kissed me.

He broke the kiss and groaned. Then he darted his head down. I gasped as he nuzzled his face between my large and lush tits. I shivered and squirmed as he kissed the inner slopes of my breast. His face rubbed back and forth.

“Corey,” I moaned.

“Mmm, you got such great tits, Mom. MILF tits.”

I shuddered. “MILF?”

“A hot, sexy lady like you. Older. Mature. Knows how to suck cock.” He groaned. “You smoked the girls my age.”

I purred in delight then gasped as his lips sucked on my nipple. He latched on so fast. My pussy clenched, aching for more pleasure. I spread my thighs and then grabbed his torso. I humped my bush into his stomach as he nursed on my nipple. Heat swept through me.

Wild and delicious.

I trembled and groaned, savoring his lips sucking on my nipple. He would make me cum so hard. I couldn't wait for that. My eyes squeezed shut. I whimpered as my son nursed on my nipple, my twat growing hotter and hotter for him.

Then he popped his mouth off and groaned, “Mom! I got to be in you.”

“Yes!” I moaned. “Do it. Slide into me.”

He moved up my body. I gasped as his cock pressed into my pussy. I groaned at the excitement of him nuzzling back where he came from. He pushed forward as he stared down at me. My nipples rubbed into his chest.

My son entered my pussy.

“Corey!” I gasped at the taboo thrill of his cock reaching deeper and deeper into my pussy.

“Mom!” he groaned, his face twisting. “Oh, Mom, yes!”

I shuddered beneath him as he pushed into my pussy. I groaned, my body so open to him. To his cock entering me. I was receptive to this delight. I savored every moment of him penetrating my twat. He caressed me. Stroked me. My face scrunched up for the bliss.

Then his dick pressed at my cervix. The entrance of my womb where he came from. I shuddered, squeezing around him. I held my son tight to me. The madness of this day felt so right. Like I had made him for this day.

Incest was incredible.

“Mom,” he panted in awe.

“I know,” I groaned, staring up into his strong features. “I love you, Corey.”

“Love you, Mom.” He kissed me.

My cunt clenched down on his cock filling me up. And then he moved. He drew back his hips. That sweet friction caused by a man being inside of me swept hot through my body. My cunt drank it in. My nerves rejoiced as he pumped back into me.

My son made such sweet love to me.

I shuddered beneath him, my thighs wrapped around his waist. I held him tight as he pumped away at me. He thrust over and over into me. He drove that amazing cock into my pussy's depths again and again.

My cunt welcomed him as we kissed. His tongue thrust into my mouth. We moaned together, sharing this passion with the other. My fingernails bit into his back. I held him tight with every bit of me: arms, legs, and pussy. I reveled in him thrusting away at my twat.

The pleasure surged through my body. I shuddered, undulating my hips. I stirred his cock around in my pussy. I savored that wonderful bliss of him penetrating into me again and again. I reveled in it. He slammed hard and deep. He gave me such rapture.

I broke the kiss to groan, “Yes, yes! I'm going to cum on your cock, Corey.”

“Good!” He grinned at me. “I want to feel that, Mom. I want to feel your pussy going wild around my dick.”

“Mmm, so wild!” My fingernails clawed at his back. “Fuck me harder. I won't break! I can take my big, strong son's cock!”

He thrust harder. I gasped as his crotch smacked into my bush, his balls thwacking into my taint. They brimmed with his incestuous seed. My pussy hungered for him. My orgasm built and built as he buried into me. I climbed towards that release.

We gasped and groaned together. The bed creaked as he pumped away at me. He plowed into my depths again and again, driving his cock to the hilt in me time and time again. It was fantastic. Sorprendente. It was everything that I craved. That I needed. Ached for.

I wanted him to unleash all that jizz into me. To pump my pussy full of his spunk. It would be incredible. His cock thrust over and over into my pussy. He filled me again and again with his dick, bringing me to that moment of eruption.

“Yes, yes, yes, Corey!” I groaned, squeezing down on him. “I... I... Corey!”

I came on my son's cock.

“Mom!” he gasped as he pumped into my convulsing pussy.

My cunt rippled and writhed around his thrusting cock. I bucked beneath him, rubbing my tits into his chest as he pumped his dick into me again and again. He buried hard into me. He filled me up over and over with that delicious cock of his. The pleasure swept through me and inundated my mind with forbidden bliss.

Then he grunted. Buried to the hilt in me.

My son's cum flooded my pussy. Spurt after spurt of his hot seed bathed my twat. I gasped as I felt it splash against my cervix. I bucked beneath him, rubbing my large tits into his strong chest. The pleasure swept through me. The heat bathed me as I moaned. I held him tight.

“Yes, Mom!” he groaned, his jizz pumping into me.

My pussy milked him. I wrung him dry just like I'd sucked him earlier I moaned as I did that, riding the high of my taboo orgasm. The pleasure carried me higher and higher. I hit the pinnacle of ecstasy. I hung there as my son emptied his balls in me.

“Corey!” I whimpered.

“God, yes, I love you, Mom! You're the best!”

“So are you!” I moaned and kissed him with hunger. Our tongues danced as he fired the last of his cum into me.

I held him tight. I clutched to him as I reveled in the sharing of our pleasure. In the mixing of our passion. My son's seed and cock filled me. I groaned as I savored kissing him, my body brimming with such joy.

My son broke the kiss and rolled off of me, his cock sliding out of my pussy. I shuddered, buzzing with the deviant pleasure we shared. Mother and son uniting together. He had re-entered me and filled me with his seed. I knew I could never give this up.

I would never give it up.

“Love you, Mom,” Corey panted. “Damn, you're amazing.”

“So are you,” I cooed and then wiggled down his body. I grabbed his pussy-soaked cock. He needed his mother to clean him up.

He gasped as I engulfed his cock soaked in my tangy juices. It felt so right to have him in my mouth. I closed my eyes and surrendered utterly to my forbidden desires. I would suck this cock every night. I would drink his jizz.

My sexy son could do anything to me so long as I could wrap my mouth around his dick.

He twitched and throbbed, swelling hard again. He was young. How many loads of cum could I suck out of him tonight? I wanted to find out. I was such a greedy, wicked mother.

The END of this Tale of the Mind Control Device

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

777 I più visti

Likes 0

La grande guerra 3033 parte 2

Quando Jack aveva appena finito sul poligono di tiro quando Jack, come fai a sparare con quell'arma, tutti quelli che hanno sparato sono stati bruciati dall'interno con etere o sono stati semplicemente uccisi nel modo giusto. Jack ora notò che era stato scoperto e disse semplicemente Ho preso le armi e ho iniziato a sparare. Perché c'è qualcosa che non va. chiese jack. John ora era al telefono con il presidente dicendo che avevano trovato una delle due Umbra e che lui non sa cosa sia. OK, grazie per il lavoro, chiedigli se voleva essere allenato e se lo manda al...

688 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

574 I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

398 I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

690 I più visti

Likes 0

A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3 Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non...

696 I più visti

Likes 0

La mia vita sessuale Episodio 6 La sorella del migliore amico

Quindi riavvolgiamo gli orologi indietro ai miei giorni di scuola in cui ero con la mia amica/compagna di sesso Amy, sono abbastanza sicuro che non fossimo esattamente amici in quel momento perché ero impegnato in una relazione ma ho finito per uscire da poco non mentirò questa relazione mi ha colpito duramente normalmente ne esco da una e in qualche modo sono felice perché ora posso scopare di nuovo altre ragazze ma questa volta mi ci è voluto un po' per riprendermi. Sono trascorse circa 2 settimane dalla mia brutta rottura e all'epoca la sorella del mio migliore amico Jeff, Paige...

643 I più visti

Likes 0

S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa. Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non...

625 I più visti

Likes 0

Il dilemma di Donnie

TUTTI IN QUESTA STORIA HANNO ALMENO DI 18 ANNI O PI. Donnie Hamilton è il tipico fratellino adolescente fastidioso. C'erano solo due anni di differenza nell'età tra lui e sua sorella maggiore, Lucy. Dal modo immaturo in cui si è comportato, si potrebbe pensare che ci fosse molto più di un divario di età. Tollerava il comportamento giovanile di Donnie perché lo amava. Ha imparato a sopportare i suoi scherzi perché ha capito che Donnie stava attraversando la pubertà e stava iniziando a interessarsi alle ragazze. Sapeva anche che era troppo giovane e inesperto per capire perché fosse attratto dal sesso...

605 I più visti

Likes 0

Curve: un vero allenamento

Ben aveva appena compiuto 26 anni quando è stato assunto. Sua madre e sua sorella si erano davvero esercitate dopo gli eccessi delle vacanze e all'inizio di febbraio si allenavano cinque volte a settimana. Né la madre né la figlia erano particolarmente sovrappeso, ma si sono divertite insieme e hanno notato quasi immediatamente che avevano più energia. I due facevano una routine e si attenevano ad essa. Barbara e Torey Reynolds erano membri di Curves, una struttura per esercizi a circuito per sole donne. Ce n'erano diversi vicino a casa loro, incluso uno al centro commerciale in fondo alla strada. Ben...

532 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.