Ombre della paura: mostro che fa capolino_(0)

596Report
Ombre della paura: mostro che fa capolino_(0)

Mostro che fa capolino
Summer aveva notato un uomo che la osservava dall'altra parte del suo condominio. Alcune sere lo sorprendeva a fissarla.
Dopodiché ha spento la luce ma ha tenuto le tende aperte. Era un uomo alto, bello ma dall'aspetto scuro. E indossava sempre qualcosa di sexy o si assicurava di essere cambiata in quella finestra. Il che è stato abbastanza facile visto che non molte persone vivevano nell'edificio. Un piccolo edificio al villaggio della città. Il suo appartamento si affacciava sugli alberi e aveva una bellissima vista sulla foresta circostante.
Stasera ha deciso di mettere su uno spettacolo per il suo piccolo guardone.
Ha visto un movimento su un albero nel cortile. E qualcosa brilla. Binocolo, pensò.
Sapeva che era lui. E che voleva una vista migliore allora da tre piani in su. Proprio in piano
Così ha deciso di vestirsi.
"Signor Peeping Tom, ti aspetta una grande sorpresa." disse sorridendo tra sé.

Fame. Stai fuori dalla vista.
Pensieri di un mostro dimenticato da tempo.
La sua pelle è di un pallido bianco pietra. I suoi denti sono grandi e affilati. I suoi occhi sporgenti e iniettati di sangue senza pupille. Ma umanoide.
Capelli ispidi e poco a sinistra.
Questa creatura che va in letargo per la maggior parte del tempo. Si era nutrito degli animali di questo edificio. Principalmente intrufolandosi in una finestra aperta e afferrando l'animale.
Nelle ultime notti la gente aveva chiuso le finestre per paura che la piccola creatura venisse presa. Ma questa notte una vecchia è andata a fare una passeggiata con i suoi quattro cani.
Si nutre bene. E sapeva che nessuno avrebbe creduto al vecchio Winch.
Ma aveva ancora fame. Voleva ancora più sangue e carne nella sua gola.
Osservava pazientemente da alcuni cespugli dietro l'edificio.
Cercava finestre aperte. I suoi occhi scrutano dall'uno all'altro. Quasi nessuna delle finestre è nemmeno aperta né illuminata.
Improvvisamente i suoi occhi si aprirono sulla seconda storia.
Una donna alza il finestrino e fa qualche passo indietro.

I suoi occhi incollati alla finestra per qualsiasi debolezza. I suoi occhi fissavano il vuoto. Alla finestra c'era una donna.
Labbra sanguinanti.
Sangue attorno al suo grande petto fresco. Dita insanguinate.
Ampio retro.
La sua fame cominciò a bruciare.
Si sporse in avanti per ispezionare.

La sua pelle era di un bianco vivace.
Tuttavia, vestito in modo diverso dalla maggior parte degli umani che vedeva.
La sua pelle sembrava setosa, le gambe lunghe, i seni grandi, la sua scollatura gonfiata da uno stretto corsetto di lattice nero, rifinito di cremisi. Aveva un fondoschiena paffuto a forma di cuore, con lunghe gambe lisce e rotonde.
I suoi capelli biondo chiaro, lunghi e setosi. I suoi occhi sono di un azzurro cielo. Unghie lunghe e rosse, abbinate al suo pieno rossetto cremisi. I suoi fianchi rotondi, la sua vita piccola.
Pantaloncini neri in spandex con un perizoma di pizzo rosso che le inarca i fianchi nudi.
Infine calze a rete nere.

Summer si guardò la scollatura. Le sue labbra piene e carnose mentre faceva scivolare le mani lungo le costole e i fianchi mentre iniziava a muovere i fianchi avanti e indietro.

Ricordi. Ricordi di vita. Un bruciore nelle sue parti intime. Lampi di quello che serve.
La sua testa si contrasse mentre la fame tornava quando lei si voltò e si chinò.
La sua vita sottile si inarcò, la sua voluttuosa carne posteriore che fuoriuscì. Gambe dritte. Carnoso.
La sua mano si schiaffeggiò con forza la carne sulla schiena.
Una memoria divisa. La metà di afferrare il culo di una donna come un essere umano arrapato. L'altra metà mordeva la carne della schiena di un uomo urlante che aveva legato per i polsi.

Si alzò di scatto, le sue mani tirarono indietro i suoi capelli svolazzanti e si girò. Le sue dita scivolano lentamente sulle sue labbra con uno sguardo di desiderio.

Desiderio. Mangiare. Male. Utilizzo. Mangiare. Sodimizzare. Preda. Mangiare.
La sua mente era piena di ricordi vecchi e cablati.
I suoi privati ​​​​in fiamme. Bruciare la sua carne si sentiva.
La carne del suo grande petto luccicava di gocce di sudore, tremolante e piena come quella di un animale gravido.
All'improvviso le sue menti balenarono pensando di bere il latte di una cerva incinta catturata. E un vecchio lui che lecca il seno di una donna.
La creatura straniera lo guardò all'improvviso.
La sua testa si mosse di lato.
I suoi occhi lo guardano bene.
Pieno di qualcosa che sentiva anche, ma non in un tempo dimenticato.
Desiderio.
La sua mente si riempie di ricordi del suo contatto corpo a corpo e pelle a pelle con le donne.
Il suo dito lo punta all'improvviso. La sua mente è stordita e non sa cosa pensare.
Girò la mano inclinando lentamente la testa mentre cercava di entrare.

Summer indietreggiò dalla finestra. I suoi tacchi otto pollici di un rosso cremisi.
Si voltò e spense la luce del soggiorno.
Usando il cellulare come luce entrò impettita nella sua stanza.
"È meglio che questo guardone venga qui stasera. Se questo non è un segno sufficiente, è uno stronzo." Disse sedendosi sul bordo del letto.
"Se non lo fa spero che qualcuno abbia le palle per venire qui e scoparmi. Dio! Sono già così fottutamente bagnato. Cazzo."
Lei la sua mano iniziò lentamente a strofinarsi i genitali.
La sua mente era fissata sulla porta d'ingresso aperta. Ma si eccita di più al pensiero di questo guardone che si arrampica dalla sua finestra. Sapeva che era improbabile, ma voleva che qualcuno affrontasse tutti quei guai per arrivare a hef.

Ha iniziato a salire su un tubo sul lato dell'edificio. Le sue mani si pulirono dal sangue.
La sua vista nell'oscurità è superba.
Ha scalato velocemente il tubo arrampicandosi attraverso la finestra aperta. Tende che volano ampiamente. Strisciato in casa, inseguendo silenziosamente il nuovo ambiente.
La sua mano premette su un tappeto mentre avanzava vedendo una porta aperta a sinistra.
Rumori, gemiti dolci e delicati.

Gli occhi di Summers si spalancarono sentendo uno scricchiolio fuori dalla sua stanza.
I suoi occhi si aprirono. Il suo petto si agitava per l'eccitazione e un accenno di panico.
Lussuria che si imprime nella sua mente.

Strisciò lentamente verso la porta. Cautamente in piedi premendosi contro il muro.

Vide l'ombra di una testa scrutare lentamente dentro. Una mano che si aggrappava alla porta.
"Vorrei che qualcuno fosse qui per scoparmi. Scopami la figa." Disse, facendo finta di niente, mentre si girava strisciando sul letto. I suoi fianchi si alternano.
"Mmmm, la mia figa è così bagnata. Penso che scoperei chiunque stasera." qualcosa che era vero ma lei non ne era pienamente consapevole. "Un criminale, o un poliziotto, uno stalker psicopatico."
Inarcò lentamente la schiena premendo il petto contro il letto. Il suo culo in aria. Le sue mani le afferrano il sedere e lo schiaffeggiano rumorosamente.
"Mmm, non mi facevo scopare il culo da così tanto tempo. O soffocare con un cazzo lungo e duro da così tanto tempo."
Non stava nemmeno pensando. La sua mano era sul suo cazzo. Quando finalmente se ne accorse, la sua mente fu inondata di ricordi di cosa avrebbe fatto con il suo cazzo.

"Sono così fottutamente stretto. Così eccitato." implorò con la lussuria nel suo respiro. Si girò sulla schiena per guardare la porta. Lei ha visto la sua testa. L'ombra della sua testa.
Alla fine del suo letto. Accovacciato.
"OH!" disse facendo l'ignorante, "Sei venuto qui per me?" chiese in tono succinto, le mani che scivolavano sulla scollatura.
"Mi farai del male? Mi penetrerai? Mi farai a pezzi?"

La sua mente è ancora vuota nella confusione.
Male! Artiglio! Stupro! Mangiare!

Cominciò lentamente ad alzarsi. Poteva dire che era nudo. Corpo allampanato. Alto. Cominciò a rendersi conto che quello non era il pezzo muscoloso dall'altra parte del corridoio.
Sapeva anche di essersi messa in questo ed era francamente troppo arrapata per preoccuparsene. Questo avrebbe potuto essere un barbone per strada e alla fine ne aveva bisogno.
"Dai ragazzo timido." disse alzando di nuovo il dito "Vediamo solo cosa vuoi farmi quando sali quassù." disse con un sorriso e una risatina.

Cominciò lentamente a strisciare sul letto. Chiuse gli occhi girandosi lentamente. Le sue ginocchia contro il letto, le gambe divaricate, le caviglie in aria. Il suo sedere fuoriusciva e la schiena si inarcava.
Affonda la faccia ai suoi piedi, vuole morderli. I suoi occhi e la testa seguono per mordere la parte più grande della sua carne. Ma le sue gambe sono appena diventate più spesse. Seguili lentamente mentre si avvicinano.
I suoi occhi iniziarono ad alzarsi. La sua faccia è a pochi centimetri dalla sua carne tonda sulla schiena. Sentì il calore dal suo culo e dalla sua figa.
"Mi mangerai?" lei disse

Mangiare. Male. Morso. Artiglio!

Le afferrò il sedere ei fianchi con entrambe le mani, allargando la mascella.

"Per favore! Assaggia la mia figa. È dolce come una caramella."

Caramella. Gusto.

Spinse indietro il culo in faccia roteando.

Sentì la sua carne carnosa contro la sua faccia. La sua voglia di mordere è stata respinta dal bruciore prevalente nelle sue parti intime. I suoi occhi in uno stato di shock con una mente vuota. Carne paffuta, pelle d'oca sul suo viso. L'odore della sua figa muschiato e dolce. Come la linfa sull'albero mangerebbe. Ma non poteva mordere l'albero.

Ha spostato il suo perizoma dalla via della sua figa.
Sentì i denti e il naso contro la figa e il culo. Quanto erano taglienti. E il suo naso era appuntito. Però la eccitava di più.

La sua faccia si bagna improvvisamente dalla sua fessura. È scivolato sul naso una volta. Ha assaggiato i suoi succhi sulla sua lingua.
Mangiare. Mangiare. Mangiare! MANGIARE!
Indurì la sua presa mentre spingeva la sua faccia nel suo inguine.
Afferrò il suo cuscino senza fiato. La sua mano scattò all'indietro afferrando una manciata dei suoi capelli radi.
"Oh Dio!" gridò in un grido.
La sua mano che gli tira i capelli.
Ha gridato di nuovo "ugh!"

I suoi denti digrignarono. Ma la sua lingua era profondamente dentro di lei.
I suoi denti premevano contro la sua carne morbida.
"La tua lingua è un serpente!" gridò girando i fianchi. La sensazione di formicolio che cresceva in lei.
I suoi gemiti iniziano a crescere. Le sue cosce che si stringono attorno alla sua testa.
Aveva un sapore così dolce. La sua lingua non voleva fermarsi. Ha iniziato a funzionare da solo quando il suo naso si è immerso nel suo buco posteriore della carne. Premette la sua faccia sempre di più mentre sollevava il culo più in alto. I suoi gemiti si contorsero in un sussulto crescente.
La donna guaì come un animale quando sentì uno zampillo di succhi sul viso. Aveva un sapore così buono. Bevve furiosamente.

I suoi occhi sbatterono mentre i suoi gemiti si alzavano di nuovo. Iniziò semplicemente a far rimbalzare i suoi genitali sulla sua faccia mordendosi il cuscino. Venne di nuovo questa volta il suo corpo avvincente in un flusso sensuale.
"Non sapevo che qualcuno potesse usare la lingua in quel modo!" sgorgò.
Si fermò improvvisamente girando sul letto.
La sua mente ora cerca di capire cosa fare dopo. La sua fame era stranamente diminuita. Per adesso. Ma il bruciore nelle sue parti intime fa ancora male. Ferire. Pulsante.
La guardò improvvisamente girarsi, con la testa tra le parti intime ora.
Osservò la sua mano scivolare lentamente attorno al suo membro.
Le sue dita ne allinearono l'asta, la sua testa si avvicinò. Le sue labbra si allargarono lentamente mentre le sue dita scivolavano sotto i suoi testicoli stringendoli tra le sue mani calde e morbide. Il suo membro al polso. Le sue labbra carnose toccarono il suo fallo.
L'incendio. Peggio ancora. Infiammato dal suo tocco caldo. Stava impazzendo ma non riusciva a capire la sua lussuria dalla fame.
All'improvviso sentì una fresca scossa di sollievo quando le sue labbra toccarono il suo membro. E un umido sollievo scivolò lentamente lungo la sua asta mentre lei inghiottiva cautamente il membro della creatura.
Torse lentamente la lingua intorno al membro. Strofinando delicatamente le sue palle mentre strofinava la lingua sotto la sua asta. Si spinse di nuovo dentro sentendo la sua testa grassa e gonfia scorrerle giù per la gola calda e pulsante. Succhiò forte tirando indietro la testa, le labbra premute con forza.
Respirava affannosamente mentre pensieri sia di uccisioni che di sesso riempivano la sua mente. Di fare a pezzi le persone.
Improvvisamente il ricordo di un mondo sconosciuto a questa sua versione tornò dal suo subconscio.
Stupro. Sodomia. Male.
Mangiare.
Iniziò a gemere mentre muoveva la testa avanti e indietro. Le sue labbra si aprirono mentre ingoiava udibilmente la cosa.
La sua mente si riempì dei suoni di lei e dei suoni di animali e umani che soffocavano con le mani intorno alla loro gola.
Ha spinto forte. La sua mano cominciò a segnargli lo stomaco e il petto. Senza peli. Muscoli molto sodi ma così magri. I suoi occhi lampeggiavano mentre le sue labbra erano premute contro i suoi genitali ora. Rimase lì a girare lentamente la testa per sentire il cazzo che le si muoveva in gola.
Lei tirò fuori senza fiato. Le sue labbra bagnate e sbavanti pendono dal suo cazzo e dalla sua bocca. Si sedette lentamente sdraiandosi. Le sue mani sopra la sua testa un piede tra le sue gambe. L'altra gamba al polpaccio, il ginocchio sopra l'altra.
"Vieni qui." lei disse
Strisciò lentamente in avanti. Ha ancora le palle doloranti. Sentì le sue gambe contro le sue gambe nude. Il suo petto contro il suo.
Mentre strisciava su, si rese conto di qualcosa.
Non sembrava umano. Non proprio. I suoi occhi. Enorme, sporgente. La sua pelle umida e fredda. Fatta eccezione per la sua lingua. I suoi respiri sono ruvidi e rauchi. I suoi denti erano affilati.
Era una specie di mostro.
La sua mente andava mille miglia e ora. Panico, lussuria, dubbio, paura,
Però mi è venuto in mente un pensiero.
Questa cosa è entrata qui e avrebbe potuto uccidermi. Ma invece. L'ho sedotto. Il suo cazzo è così duro e grosso. La sua lingua è incredibile.
All'improvviso si trovò faccia a faccia con esso e riuscì a distinguerne il volto terrificante. Prese fiato la paura. La sua mano si abbassa lentamente afferrando il suo cazzo caldo. Lo guidò con l'altra mano sulle parti intime.
"Cazzo. Esatto, brutto mostro." disse sensualmente, sentendo la sua testa dura le sue strette fessure labbra carnose. "Fanculo." sussurrò tirandogli le parti intime. "Me." lei tremò.
Improvvisamente la sua mente scattò in una decisione. Il suo cazzo abbracciato dalla sua stretta figa calda e bagnata.
Si precipitò in avanti con un ringhio selvaggio. Afferrandole la carne dell'anca.
Summer inarcò la schiena gemendo. Sentendo il caldo cazzo palpitante pompare dentro di lei. I suoi movimenti selvaggi ma fluenti.
Fissò la sua scollatura che rimbalzava su e giù. Jiggling. La sua mano scattò in avanti afferrandole la scollatura. Ha vissuto la sua metà inferiore andando in ginocchio. Afferrando la parte superiore del corsetto stretto. Cominciò a dondolarsi su e giù sul suo cazzo mentre si tirava il corsetto.
Mentre lo speronava, iniziò a ringhiare con rabbia. Il corsetto non si allenta. Barcollò su di lei lacerando il lattice con le unghie delle dita.
Si morse il labbro inferiore mentre il suo cazzo veniva pompato di nuovo. I suoi artigli si intaccarono nel suo lattice. Gemette all'improvviso quando le sue unghie si sfondarono tirandola giù per le costole. Afferrò le lacrime di lattice che le strappavano il corsetto esponendole il petto.
"Sì! Fottuto animale!" gridò afferrandogli la testa e spingendogli la bocca sul seno.
Sentì i suoi muscoli delicati contrarsi con i suoi denti affilati che si ammaccavano e graffiavano la carne del petto nudo. La sua lingua scivola ma torna ritmicamente al suo capezzolo.
Il suo corpo tremò.
La creatura sentì improvvisamente una scarica di adrenalina. La spinse via facendola girare per i fianchi.
Questa volta fu lei a congelarsi per la confusione, oltre alla paura. Non sapeva esattamente cosa aspettarsi.
È salito in avanti rapidamente. La sua bocca disgustosa che respira vicino al suo orecchio. Il suo membro scivola sulla sua fessura bagnata fino al culo. Sentì il suo membro pulsante spingere contro il suo stretto buco del culo. Morse di nuovo il cuscino con gli occhi chiusi tirando il tessuto. Lo sentì spingere il bacino in avanti, indurindosi mentre si piegava contro il suo buco stretto.
Sentì il suo culo allungarsi lentamente, gemendo spingendosi indietro. Pollice dopo centimetro scivolò dentro di lei. Le sue mani le afferrano il sedere. Allargando le guance per spingerle dentro e spingendole insieme per tirarle fuori.
L'ha speronata ripetutamente sentendo il suo culo roteare da esso martellandola da sola.
La creatura pompava ancora e ancora. I suoi gemiti e ringhi crescono lentamente. I suoi gemiti corrispondevano in tempo ai suoi. La creatura spinse la testa nel cuscino spingendosi dentro più forte che poteva, sentendo il suo fallo liberarsi.
Ha chiuso, i suoi muscoli tesi attorno al suo cazzo duro e bagnato. Sentì l'esplosione iniziale nel suo culo, profonda e piena.
Poi è entrato lentamente in lei. Si è lentamente tirato fuori. Il suo labbro inferiore in una faretra.
Si alzò sopra il suo corpo. Il suo corpo respira a fatica.
È seduto in uno stato di lussuriosa beatitudine. Per un momento. La fame cominciò a tornare. Ancora confuso con il suo bagliore e i pensieri di fame. La guardava dall'alto in basso. 'Carne' tra le prime parole nella sua mente.
Improvvisamente un rumore dall'esterno. Abbaiare.
Improvvisamente la rabbia è salita.
Lupi.
Devo trovare i miei gatti.
Uccisione! Lupi! Mangiare! Carne! Uccisione!

Balzò dal suo letto su quattro braccia. È volato sul pavimento attraverso il suo soggiorno e si è lanciato fuori dalla finestra. Colpì il suolo con un rotolamento e iniziò a galoppare nell'ombra. I suoni dello strappo in corso.
Stasera non avrebbe avuto solo un gatto. Avrebbe anche cenato con i lupi.

Summer era rimasta immobile per cinque minuti. Il culo ancora per aria. Il suo denso sperma scorre lentamente dal suo culo.
Tuttavia, quando ha sentito i lupi lamentarsi e piangere in lontananza, ha sentito la necessità di chiudere la finestra.

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

1.6K I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

1.8K I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

1.5K I più visti

Likes 0

Il mio sexy compagno di ufficio - III

Non potevo togliere Vathsala dalla mia mente. Non era una reginetta di bellezza come ho detto prima, ma era decisamente attraente e sexy. Ora che ho avuto due incontri con lei, tutti molto erotici e sensuali, ha occupato totalmente il mio mondo. E mi doveva per quello che aveva l'ultima volta quando ero bloccato sotto il suo tavolo e non l'ho dimenticato. Vathsala mi ha evitato per i giorni successivi a quell'incidente, e io ero piuttosto arrabbiato per l'intera faccenda. 'Cosa le ho fatto di male?' Mi sono sempre chiesto. Ma non fino a quando non ho colto per caso quel...

1.6K I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

1.6K I più visti

Likes 0

La grande guerra 3033 parte 2

Quando Jack aveva appena finito sul poligono di tiro quando Jack, come fai a sparare con quell'arma, tutti quelli che hanno sparato sono stati bruciati dall'interno con etere o sono stati semplicemente uccisi nel modo giusto. Jack ora notò che era stato scoperto e disse semplicemente Ho preso le armi e ho iniziato a sparare. Perché c'è qualcosa che non va. chiese jack. John ora era al telefono con il presidente dicendo che avevano trovato una delle due Umbra e che lui non sa cosa sia. OK, grazie per il lavoro, chiedigli se voleva essere allenato e se lo manda al...

1.5K I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

1.5K I più visti

Likes 0

Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo portato la nostra relazione a un nuovo livello. Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione. La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale. Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni...

1.5K I più visti

Likes 0

Foxy Knoxy -3 Inizia il calvario di Meredith

Prima: Foxy Knoxy Prima: Foxy Knoxy II (Foxy Knoxy – Studenti stranieri Amanda e Meredith litigano nel loro appartamento in una piccola città italiana. Amanda va al bar dove va nella stanza sul retro per intrattenere tre uomini un po' rudi. Finito con gli uomini che Amanda aspetta al bar per il suo ragazzo. Meredith esce per scopare e trova Rudy, un immigrato dall'Africa scontento di Meredith) Ora è più così. Meredith poteva sentire il grosso rigonfiamento nei pantaloni di Rudy con il piede. Rudy sorrise e smise di parlare mentre Meredith muoveva il piede contro il suo cazzo gonfio. Rudy...

1.8K I più visti

Likes 0

Cavalla montata

JoJo è una bellissima donna musulmana di 36 anni, separata dal marito da un anno. È amica di un socio in affari del Medio Oriente. Mi ha invitato a venire a casa sua. È arrivata a casa nello stesso momento in cui sono arrivato io, ci siamo salutati, con ciò si gira velocemente sui tacchi, e se ne va verso la porta sul retro della casa. Guardo il suo culo in quei jeans attillati. Ho dovuto raggiungere e regolare il mio cazzo nei pantaloni. Sono a disagio con il mio cazzo duro nel suo allineamento attuale. Gemetti tra me e me...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.