I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

635Report
I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

IL SEDICESIMO GIORNO

I nostri eroi si alzarono vivi e freschi come appena arrivati ​​dalla confessione; ma a ben guardare si sarebbe potuto notare che il Duc cominciava a stancarsi un po'. La colpa di questo avrebbe potuto essere attribuita a Duclos; non c'è dubbio che la ragazza avesse completamente padroneggiato l'arte di procurargli delizia e che, secondo le sue stesse parole, i suoi scarichi erano lubrificanti con nessun altro, il che confermerebbe l'idea che queste cose dipendono esclusivamente dal capriccio, dall'idiosincrasia , e che l'età, l'aspetto, la virtù e tutto il resto non hanno nulla a che fare con il problema, che tutto si riduce a una certa delicatezza che si trova molto più spesso posseduta dalle bellezze nell'autunno della vita che da quelle altre di nessuna esperienza che la primavera incorona ancora con tutto il suo spettacolo.
C'era anche un'altra creatura nella compagnia che cominciava a rendersi molto amabile e ad attirare una notevole attenzione; ci riferiamo a Giulia. Annunciava già segni di immaginazione, dissolutezza e di libertinaggio. Abbastanza astuta da intuire che aveva bisogno di protezione, abbastanza astuta da accarezzare proprio quelle persone per le quali forse non aveva in cuore una grandissima simpatia, riuscì a diventare amica di Duclos, questo per cercare di ottenere qualche favore agli occhi di suo padre sugli altri. Ogni volta che toccava a lei giacere con il Duca, adottava le tecniche di Duclos e le emulava con tanto successo, dava prova di tale abilità, tanta considerazione, che il Duca era sempre sicuro di ottenere deliziose scariche ogni volta che usava quelle due creature per procurarli. Tuttavia, il suo entusiasmo per sua figlia stava scemando prodigiosamente, e forse senza l'assistenza di Duclos, poiché il narratore parlava sempre bene in suo favore, non sarebbe mai stata in grado di occupare un posto nelle sue grazie. Suo marito, Curval, era grosso modo della stessa opinione riguardo a lei, e sebbene, per mezzo della sua bocca impura e dei suoi baci, riuscisse ancora a strappargli qualche scarica, il disgusto era pericolosamente vicino a diventare il suo atteggiamento predominante nei suoi confronti: uno avrebbe anche potuto dire che i fuochi della sua ostilità erano alimentati dalle sue carezze impudiche. Durcet non la stimava, lei non lo aveva fatto licenziare più di due volte da quando erano iniziate le avventure a Silling. E così sembrava che nessuno tranne il Vescovo rimanesse per lei, e lui davvero amava il suo gergo libertino e giudicava il suo culo più bello del mondo; ed è certo che la natura le aveva fornito uno così bello come quello che era stato dato a Venere. Quindi approfittò di quella parte, poiché desiderava assolutamente compiacere a qualunque prezzo; poiché sentiva un estremo bisogno di un protettore, cercò di coltivare Duclos.
Alla cappella apparvero quel giorno non più di tre persone: Hébé, Constance, Martaine; nessuno era stato trovato colpevole quella mattina. Dopo che i tre sudditi si furono liberati del loro carico, Durcet fu preso dall'impulso di liberarsi del suo. Il duca, che fin dal primo mattino svolazzava e ronzava per il sedere del finanziere, colse l'occasione per accontentarsi e, mandando via tutti tranne Costanza, che tenevano per aiutante, si rinchiuse nella cappella. Il duca fu placato dalla generosa boccata di merda che aveva avuto da Durcet; questi signori però non si limitarono a quel preludio, e poi Costanza riferì al Vescovo di aver compiuto infamie per ben trenta minuti. Ma cosa aspettarsi? erano amici, come ho detto, fin dall'infanzia, e da allora non avevano mai smesso di ricordarsi a vicenda i loro piaceri da scolaretto. Quanto a Constance, non servì a molto durante questo tête-à-tête; si puliva i culi, succhiava e fregava qualche cazzo, e questo era tutto.
Si ritirarono nel salone, i quattro amici conversarono per un po' e fu annunciato il pranzo di mezzogiorno. Era, come al solito, splendido e libertino e, dopo alcune diteggiature lascive e discorsi osceni, e alcune osservazioni scandalose che ravvivavano il loro gioco lascivo, tornarono nel salone dove Zéphyr e Hyacinthe, Michette e Colombe erano in attesa di servire il caffè. Il Duc Michette, e Curval, Hyacinthe; Durcet andò a prendere della merda da Colombe, e il Vescovo ne fece cadere un po' in bocca a Zéphyr; Curval, ricordando una delle passioni che Duclos aveva raccontato il giorno prima, si fece cagare nella fica di Colombe; la vecchia Thérèse, che stava supervisionando il quartetto del giorno, mise Colombe in una posizione adatta, e Curval si esibì. Ma siccome produceva stronzi colossali, proporzionati all'immensa quantità di viveri di cui si rimpinzava ogni giorno, quasi tutta la sua creazione si rovesciava sul pavimento ed era, per così dire, solo superficialmente incantato quella graziosa fica vergine che non aveva , si sarebbe pensato, fosse destinato dalla Natura ad essere utilizzato per tali sgradevoli piaceri.
Deliziosamente fregato da Zéphyr, il Vescovo cedette filosoficamente la sua scopata, unendo, alle delizie che provava, quell'altro offerto dallo spettacolo meraviglioso che si stava svolgendo su di lui. Era furioso, rimproverava Zéphyr, rimproverava Curval, si arrabbiava e brontolava con tutti. Gli fu dato un grande bicchiere di elisir con il quale speravano che le sue facoltà sarebbero state ripristinate, Michette e Colombe lo sistemarono su un divano per il suo pisolino e gli rimasero accanto mentre dormiva. Si svegliò ampiamente ristorato e, per dargli ulteriore forza, Colombe lo succhiò per un momento o due; il suo motore ha risposto mostrando alcuni segni positivi di vita, e sono andati dopo nell'auditorium. Il Vescovo aveva Julie sul suo divano; siccome le era piuttosto affezionato, la vista di lei migliorò il suo umore. Il duca aveva una linea; Durcet, Costanza; il presidente, sua figlia. Essendo tutto pronto, la bella Duclos si insediò sul suo trono e cominciò così:

Non c'è niente di più falso che dire che il denaro acquisito attraverso il crimine non porta felicità. Nessun errore più grande, te lo assicuro; la mia casa prosperò; non c'erano mai stati così tanti clienti durante l'amministrazione di Fournier. Fu allora che mi venne un'idea, un'idea piuttosto crudele, lo ammetto, ma che, oso lusingarmi nel credere, non dispiacerà del tutto a Vostre Signorie. Mi sembrava che quando uno non aveva fatto all'altro il bene che avrebbe dovuto fargli, esisteva una certa voluttà malvagia nel fargli male, e la mia perfida immaginazione suggeriva un piccolo dispetto libertino a spese di quello stesso Petignon, mio figlio della benefattrice, e l'individuo al quale ero stato incaricato di cedere una fortuna che, senza dubbio, sarebbe stata molto gradita a quel disgraziato, e che avevo già cominciato a sperperare in sciocchezze. L'occasione arrivò così: il povero calzolaio, sposato con una ragazza del suo ceto e del suo genere, ebbe, come unico frutto di questo sfortunato matrimonio, una figlia di circa dodici anni; Mi era stato detto che, insieme a tutti i bei tratti dell'infanzia, possedeva tutti gli attributi della più tenera bellezza. Questa bambina, poi allevata con umiltà ma nondimeno con tutta la cura che l'indigenza dei genitori poteva permettere, poiché era la gioia e la luce della loro vita, questa bambina, dico, mi colpì come una cattura che valeva la pena fare.
Petignon non era mai uscito di casa, non conosceva i suoi diritti legali; subito dopo che Fournier me ne aveva parlato, la mia prima mossa fu di informarmi su di lui e su chi gli stava intorno, e così seppi che possedeva un tesoro in casa sua. Più o meno nello stesso momento venne da me il conte de Mesanges; un famoso libertino della cui professione Desgranges avrà senza dubbio almeno un'occasione per parlare, il conte mi ha chiesto di fornirgli una cameriera di non più di tredici anni a qualunque prezzo. Non so cosa volesse dall'articolo, perché passava per un uomo con scrupoli molto rigorosi quando si trattava di donne, ma la sua proposta era abbastanza semplice: dopo averla, con l'aiuto di esperti, accertata la sua verginità, disse che l'avrebbe comprata da me per una cifra fissa e, da questo momento in poi, sarebbe stata sua, lui sarebbe stato il suo padrone, e, aggiunse, il bambino sarebbe stato allontanato, forse definitivamente, dalla Francia.
Siccome il conte era uno dei miei habitué - lo vedrete presto entrare in scena - ho messo in moto tutto per accontentarlo; La piccola figlia di Petignon mi sembrava esattamente ciò di cui aveva bisogno. Ma come potevo metterle le mani addosso? La bambina non è mai uscita di casa, è lì che ha ricevuto la sua educazione; era sorvegliata con tanta cura, con tanta circospezione che cominciai a disperare del premio. Né ho potuto impiegare quella magistrale dissolutezza di ragazze di cui parlavo tempo fa; era lontano dalla città e il conte mi esortava ad affrettarmi. E così ho potuto trovare un solo mezzo, e questo mezzo non avrebbe potuto essere meglio progettato per servire la piccola malvagità segreta che mi spingeva a commettere questo crimine, perché il crimine era aggravato da questo. Decisi di coinvolgere marito e moglie in qualche difficoltà, di sforzarmi di farli imprigionare entrambi, e in questo modo rimuovendo alcuni degli ostacoli tra me e la bambina, immaginai che non avrei avuto difficoltà ad attirarla nel laccio . Con ciò consultai uno dei miei amici, un abile avvocato di cui mi fidavo e che era capace di tutto; L'ho messo sulle tracce, si è messo subito al lavoro: ha raccolto informazioni, ha fatto indagini, ha localizzato i creditori, li ha eccitati, ha sostenuto le loro pretese, insomma, ci è voluto meno di una settimana per rinchiudere marito e moglie dietro le sbarre. Da quel momento in poi tutto fu facile; un abile scout si avvicinò alla bambina, che era stata abbandonata alle cure di alcuni poveri vicini, fu condotta da me. Il suo aspetto corrispondeva perfettamente alle segnalazioni che avevo ricevuto: aveva una pelle dolce, morbida, chiara, piccoli ornamenti tondi, amuleti perfettamente modellati. . . . In una parola, era difficile trovare un bambino più carino.
Siccome mi è costata, tutto sommato, una ventina di luigi, e poiché il conte desiderava pagare un prezzo forfettario per lei e, dopo averla comprata una volta a titolo definitivo, non voleva più sentire un'altra parola sulla transazione né avere ulteriori rapporti con nessuno, ho lasciato lei va per cento luigi; essendo essenziale per i miei interessi che nessuno si accorgesse della mia parte nella cosa, mi accontentai di un utile netto di sessanta luigi, dati al mio avvocato altri venti per creare proprio quel tipo di agitazione che avrebbe impedito ai suoi genitori di avere notizie di loro figlia da molto tempo. Ma le notizie li raggiunsero; la scomparsa della ragazza era impossibile da nascondere. I vicini che si erano resi colpevoli di negligenza si scusarono al meglio che poterono, e quanto al povero calzolaio e a sua moglie, il mio suocero gestì così bene le cose che non riuscirono mai a rimediare all'incidente, per entrambi morì in prigione circa undici anni dopo che ero fuggito con la mia preda. Ho tratto un duplice vantaggio da quella piccola disavventura, poiché mi ha assicurato contemporaneamente l'indiscussa proprietà del bambino che stavo negoziando per la vendita e mi ha assicurato anche 60.000 franchi per il mio disturbo. Quanto alla bambina, il conte era soddisfatto di lei; non ha mai incontrato difficoltà, non l'ho mai fatto, no, non è stata detta una parola, ed è più che probabile che Madame Desgranges finirà la sua storia; Non ne so più. Ma è giunto il momento di tornare alle mie avventure e agli eventi quotidiani che possono offrirti i dettagli voluttuosi che abbiamo elencato.

"Oh per Dio!" Intervenne Curval: "Adoro la tua prudenza - c'è qualcosa nel tuo metodo che rivela una malvagità meditata, un ordine che mi piace più di quanto possa dire. E quanto a quella malizia di aver dato il colpo finale a una vittima che hai avuto fino a quando poi solo graffiato... ah, questo mi sembra una raffinatezza d'infamia che merita un posto tra i nostri capolavori."
«Mi chiedo però», disse Durcet, «se non avrei potuto fare di peggio, perché, dopo tutto, quei genitori avrebbero potuto ottenere la scarcerazione: ci sono Dio sa quanti sciocchi al mondo che non pensano ad altro che ad aiutare queste persone. Quegli undici anni durante i quali si sono soffermati hanno significato per te preoccupazione."
«Monsieur», gli rispose Duclos, «quando non si gode dell'influenza che voi avete nella società, quando per i vostri piccoli scherzi si è costretti a impiegare alleati di second'ordine, la prudenza diventa spesso molto necessaria, e in quei momenti non si osa fare tutto ciò che si vorrebbe."
"Vero, vero," disse il duca, "non poteva andare oltre."
E l'amabile creatura riprese il filo del suo racconto.

È terribile, signori miei, disse quella brava ragazza, dover ancora riferire turpitudini simili a quelle di cui ho parlato per diversi giorni; ma mi hai chiesto di citare tutto ciò che potesse avere una benché minima somiglianza con questo grande genere di abominio, e hai anche insistito perché non sopprimessi nulla. Ma altri tre esempi di queste sporche atrocità e poi continueremo con altre fantasie.
Il primo che mi propongo di citare è quello di un anziano amministratore del demanio, un uomo direi direi tre e sei. Avrebbe fatto togliere tutti i vestiti alla donna e, dopo averle accarezzato le natiche con meno delicatezza che brutalità, le avrebbe prontamente ordinato di cagare per terra davanti ai suoi occhi, in mezzo alla stanza. Quando aveva assaporato questa prospettiva, si alzava a sua volta e posava il proprio stronzo accanto al suo, poi, unendoli con le mani, obbligava la ragazza a mettersi a quattro zampe e mangiare l'hashish, e mentre mangiava doveva presentarla dietro, che doveva aver portato alla festa in uno stato molto maculato. Mentre la cerimonia era in corso si manualizzava e si scaricava non appena l'ultimo boccone era svanito. Erano poche le ragazze, come le Vostre Signorie possono facilmente credere, che acconsentissero a sottomettersi a un uso così vile, ma tuttavia l'amministratore doveva averle giovani e sane. . . . Ebbene, in qualche modo trovavo quello di cui aveva bisogno, perché a Parigi si trova tutto; tuttavia, la merce è arrivata cara.
Il secondo esempio dei tre che ho lasciato citare di questa specie richiedeva anche quella che si potrebbe definire una docilità furiosa da parte della ragazza; ma poiché questa libertina desiderava che fosse giovanissima, ebbi meno difficoltà a fornirglielo: i bambini si prestano a questi giochi più facilmente delle donne mature. Trovai una graziosa commessa di dodici o tredici anni per il signore che stiamo per vedere in azione; arriva, fa togliere alla ragazza solo l'abito che la copre dalla vita in giù; giocherella con il suo didietro per un breve momento, la fa scoreggiare un po', poi si fa quattro o cinque abbondanti clisteri che, successivamente, obbliga la sua piccola compagna a ricevere in bocca e ad ingoiare mentre la cascata gli cade dal retto . Intanto, mentre era seduto a cavalcioni del suo petto, usava una mano per fregare un congegno piuttosto grosso e con l'altra impastava e pizzicava il suo mons veneris e, per poter fare tutto come voleva, doveva avere un fica completamente glabra con cui lavorare. Questo individuo voleva continuare anche dopo la sua sesta esplosione, perché la sua scarica non era ancora stata raggiunta. La bambina, convulsa dal vomito, riuscì ad esprimere la sua riluttanza a procedere, implorò di essere risparmiata, lui rise di lei, introdusse un settimo sorso, lo espulse e alla fine la sua scopata scorreva davvero.
Un anziano banchiere ci fornisce l'ultimo esempio di questi immondi orrori - o meglio l'ultimo esempio di un uomo per il quale essi erano l'elemento principale, perché devo avvertirvi che avremo più volte occasione di vederli come accessori dell'impresa principale . Doveva avere una bella donna, ma di età compresa tra i quaranta ei quarantacinque anni e con un paio di seni estremamente molli. Immediatamente si rinchiudevano insieme le faceva togliere tutto quello che indossava dalla cintola in su, e dopo averle maneggiate brutalmente i capezzoli, gridava: "Queste dannate vacche! a che servono queste trippe, eh? A che servono se non a puliscimi il culo?" Poi li strizzava, li torceva, li strizzava, li intrecciava, li strattonava, li picchiava, li sputava addosso, li prendeva a calci e li calpestava, dicendo per tutto il tempo, che dannata cosa infame è una tetta flaccida, non riusciva a immaginare a cosa la Natura aveva destinato queste borse di pelle, perché la Natura aveva rovinato e disonorato il corpo della donna con queste cose? ecc. Dopo tutte queste assurde osservazioni si toglieva ogni punto dai suoi vestiti. Mio Dio, che corpo! come devo descriverlo a Vostre Signorie! Non era altro che un'ulcera disgustosa, una piaga che cola, il pus sembrava coprirlo dalla testa ai piedi, sentivo il suo odore infetto anche nella stanza attigua dalla quale stavo osservando il rituale; tale era la reliquia che, però, la donna doveva succhiare.

"Succhiare?" disse il duca.

Sì, signori, affermava Duclos, succhiate da cima a fondo, ogni centimetro quadrato del suo corpo doveva essere succhiato, la lingua doveva non trascurare nulla, esplorare tutto; Avevo avvertito la ragazza, ma a quanto pare invano. Non si aspettava questo; perché vedendo quel cadavere ambulante si ritrasse inorridita.
"Cos'è questo, puttana?" dice lui, "ti faccio schifo? Perché, è un peccato, perché dovrai succhiarmelo, la tua lingua dovrà leccare ogni parte del mio corpo. Vieni ora! Smettila di fare la bambina timida; altri hanno fatto il lavoro, fa' in modo che tu lo faccia bene come loro. Basta, te lo dico, non ha senso».
Ah, dicono il vero quando dicono che con il denaro si può fare qualunque cosa; la povera creatura che gli avevo dato era nella miseria più estrema, e lei aveva l'opportunità di guadagnare due luigi: faceva tutto ciò che le veniva detto, e il vecchio furfante podagro, eccitato dalla sensazione di una lingua che vagava dolcemente sul suo corpo orribile e addolcendo l'amaro pungente che lo divorava, si dimenò voluttuosamente durante tutta l'operazione. Quando fu completata, e completata, come puoi ben supporre, nonostante l'orribile repulsione della sfortunata, quando fu fatta, dico, la fece stendere sul pavimento sulla schiena, le salì a cavalcioni, cagò su tutto il suo seno, e spremendo la sua performance tra di loro, li usò, prima uno, poi l'altro, per pulirsi il culo. Ma per quanto riguarda la sua dimissione, non vidi nemmeno un accenno, e qualche tempo dopo seppi che erano necessarie diverse operazioni del genere prima che potesse essere indotto a separarsi dal suo liquore; e siccome era un uomo che raramente visitava due volte lo stesso luogo, non lo vidi più e, a dire il vero, non mi dispiaceva affatto.

"Sull'anima mia," osservò il Duc, "trovo davvero molto ragionevole la conclusione dell'operazione di quell'uomo, e anch'io non sono mai stato in grado di credere che i capezzoli fossero destinati ad altro che a strofinacci."
"Si può essere certi", disse Curval, che in quel momento stava maneggiando piuttosto brutalmente quelli appartenenti alla dolce e tenera Aline, "si può essere certi davvero che una tetta è un oggetto molto infame. Non ne vedo mai una senza essere precipito subito su tutte le furie. Al vedere queste cose provo un certo disgusto, una certa ripugnanza mi assale... solo una fica ha su di me un effetto peggiore e più deciso».
E così dicendo, si gettò nel suo armadio, trascinando Aline per il seno e chiamando Sophie e Zelmire, le due ragazze della sua quartina, e Fanchon di seguirlo. Non si può essere sicuri di cosa abbia fatto con precisione, ma un forte grido, chiaramente di una donna, è stato udito dagli altri nell'auditorium, e poco dopo sono arrivati ​​i muggiti che di solito indicavano che il presidente si era scaricato. È tornato. Aline stava piangendo e si teneva un fazzoletto sul petto, e poiché questi eventi raramente creavano scalpore, o, nel migliore dei casi, qualche risatina, Duclos continuò subito con la sua storia.

Alcuni giorni dopo mi occupai io stessa, disse, di un vecchio monaco la cui mania, più stancante alla mano, era un po' meno rivoltante allo stomaco. Mi regalò un gran brutto didietro ricoperto di una pelle dura come pelle di toro e rugosa come una foglia secca; il compito qui era di impastargli il culo, di maneggiarlo, di picchiarlo e di picchiarlo, di strizzarlo con tutte le mie forze, ma quando sono arrivato al buco, niente di quello che ho fatto mi è sembrato abbastanza violento: ho dovuto prendere la pelle, strofinarla, pizzicalo, fallo rotolare tra le mie dita, usa le mie unghie, ed è stato solo grazie al vigore delle mie cure che finalmente è emerso il suo cazzo. Si è occupato del suo dannato mentre io abusavo del suo sedere e del suo sfogo, e non ero nemmeno obbligato a mostrargli le caviglie. Ma quell'uomo doveva aver preso un'abitudine molto feroce e antica di quelle manipolazioni, perché il suo sedere, sebbene floscio e penzolante, era tuttavia ricoperto da una pelle cornea e spessa come il cuoio.
Il giorno dopo, senza dubbio avendo parlato molto di me e della mia destrezza ai suoi amici nel monastero, mandò uno dei suoi fratelli sul cui culo si doveva dare schiaffi, anzi colpi di mano, e anche robusti; ma questo nuovo ecclesiastico, più libertino ed esaminatore, precedette il suo rito da un'ispezione meticolosa delle natiche della sua donna, e il mio culo fu baciato, strofinato il muso, linguacciato dieci o dodici volte, riempiendo gli intervalli di colpi diretti al suo. Quando la sua pelle ebbe assunto una tonalità scarlatta, il suo cazzo si alzò coraggiosamente, e posso certificare che era uno dei motori più nobili che avevo impugnato e tastato fino a quel giorno. Me lo mise in mano, raccomandandomi di fregarlo mentre continuavo a schiaffeggiarlo con l'altra.

"Se non mi sbaglio gravemente", ha detto il Vescovo, "siamo finalmente arrivati ​​all'articolo della fustigazione passiva".
"Sì, monsignore," rispose Duclos, "l'abbiamo fatto, e poiché il mio compito per oggi è stato adempiuto, lei consentirà a me di rimandare a domani l'inizio dei gusti fustigatori; dedicheremo diverse serate a occuparci di loro."
Siccome mancava quasi mezz'ora prima di cena, Durcet disse che, per stimolare il suo appetito, desiderava dare qualche risciacquo alle sue viscere; il suo annuncio fece una certa impressione sulle donne, che cominciarono a tremare; ma la sentenza era stata decretata, non c'era modo di revocarla. Thérèse, la sua serva quel giorno, gli assicurò di aver introdotto il tubo con meravigliosa abilità; dall'affermazione passò alla prova, e non appena il piccolo finanziere si sentì riempire le viscere, scelse Rosette, la chiamò a sé e le disse di aprire la bocca. Ci fu qualche esitazione, qualche lamentela e una parola o due di supplica, ma la cosa capitale era l'obbedienza e, infatti, la povera bambina inghiottì due eruzioni, essendo stata concessa l'opzione o rigurgitandole in seguito. E li ha rigurgitati, e presto. Per fortuna suonò la campana della cena, perché il finanziere si preparava a ricominciare. Ma la prospettiva di un pasto cambiò la disposizione degli animi delle loro Signorie, andarono ad assaporare piaceri diversi. Un po' di stronzate si depositavano su qualche ubriacone alle orge, e una gran quantità di merda veniva raccolta dai culi; in piena vista dell'assemblea, il duca consumava lo stronzo di Duclos, mentre quella splendida fanciulla lo succhiava, e mentre le mani dell'osceno vagavano qua e là, il suo cazzo usciva in uno spruzzo denso; Dopo averlo imitato da Curval con Champville, gli amici cominciarono a parlare di ritirarsi per la notte.

Storie simili

Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

Capitolo 5 LE PRIME SESSIONI DI MAYIM Laura è andata in bagno verso la fine della giornata di lavoro e ha preso le pillole che le aveva dato il dottor Windred. Le ricordarono quanto fosse stata eccitata quella mattina, una eccitazione che non aveva mai soddisfatto, e per un momento pensò di rinchiudersi in un gabinetto e di sbronzarsi. Ma non si fidava di se stessa per masturbarsi al lavoro senza essere beccata, e comunque Amy le aveva detto di non giocare con se stessa prima di presentarsi in clinica. Quindi ha appena lasciato il lavoro, la sua figa già bagnata...

81 I più visti

Likes 0

Tette enormi

Il mio primo incontro con il sesso è avvenuto quando avevo 14 anni. Per cominciare il mio nome è sara e avevo delle tette enormi per la mia età. Ero praticamente un'adolescente, non mi piacevano molto le cose femminili. amavo e praticavo tutti i tipi di sport. lascia che mi descriva allora, avevo 5'4 115 capelli castani e occhi verdi. avevo un corpo molto femminile con tette 36d. beh, ogni ragazza sa che praticare qualsiasi sport con tette enormi può causare problemi.quindi li odiavo con passione.il giorno in cui tutto è iniziato, sono appena tornato a casa dall'allenamento di calcio e...

393 I più visti

Likes 0

Condiviso con lo sperma: Amanda usata?

Capitolo 1 Rivelato Cumslut Chiunque incontri Amanda pensa che sia una donna molto bella e intelligente con alti standard personali e un atteggiamento serio nei confronti della vita. E lei è quello, ma solo fuori dalla camera da letto! Di media statura, con capelli castani fini e ben arricciati, Amanda ha un corpo attraente e ben proporzionato creato da un'infanzia di nuoto agonistico e atletica leggera, e mantenuto da un interesse adulto per la danza e il netball. Le sue gambe sono proporzionate e ben tonificate, i suoi fianchi ben fatti, la sua vita stretta con una pancia liscia e i...

475 I più visti

Likes 0

Cinema_(1)

Sono stato fortunato ad essere giovane negli anni '70 per godermi i cinema di sesso. Avevo 25 anni mia moglie aveva 34 anni sposata e divorziata con 3 figli da uomini diversi. È una bionda con un trucco occhi blu e nero molto aspro.34.24. 36..eravamo nel nord di Londra a fare shopping un sabato. Passammo davanti a un vecchio cinema chiuso che si trasformò in sala bingo e poi tornammo al cinema per i film porno. così, invece di fare shopping, ha comprato una minigonna di cotone attillata giallo brillante e un tubo abbinato. Siamo andati a casa, si è truccata...

430 I più visti

Likes 0

Kerri e Angie (Capitolo 2 - Il turno di Mel)

Questo è il secondo capitolo della mia serie. I nomi delle schermate inclusi in questo SONO FALSI. Kerri ed io eravamo migliori amiche ma due sere prima eravamo amanti, entrambi abbiamo vissuto la nostra prima esperienza lesbica. Anche se poteva sembrare che questo avrebbe reso la nostra relazione imbarazzante, ci ha quasi reso più forti per quanto riguarda l'amicizia. Eravamo entrambi così eccitati che quando ci siamo parlati al telefono sabato sera abbiamo fatto sesso telefonico appassionato, parlando dei nostri altri desideri profondi e pianificando la prossima volta che saremmo stati insieme, da soli. Lunedì è arrivato. Ho camminato lungo l'atrio...

422 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

477 I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 2, Chapter 10: The Hermaphrodite's Passion

L'harem del ladro Libro due: L'harem malvagio di Rogue Parte dieci: La passione dell'ermafrodita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a B0b e WRC 264 per la versione beta di questo. Capitolo ventotto: Ispirare l'arte cattiva Sven Falk - La foresta di Lhes, Le terre di conflitto di Zeutch La dolce bocca di Nathalie è stata meravigliosa mentre succhiava il mio cazzo per ripulire i succhi della figa di Aingeal, le sue trecce che si riversavano sulle mie cosce. Gemevo, il piacere correva su e giù per il mio cazzo mentre guardavo l'aoi si. Il suo cazzo si...

517 I più visti

Likes 0

Club Gomorra. La saga delle femminucce. Prologo Giorno Zero.

Scorri la tana del coniglio. Mi chiamo Ryan Everest, sono un maschio di 22 anni, il mio colore di capelli è castano scuro, arriva quasi alle spalle, ho gli occhi di colore verde e sono alto poco più di un metro e ottanta, non sono il più dotato ma ne parlerò più in dettaglio più avanti. Da dove comincio... beh, immagino che il posto migliore per iniziare sia il giorno in cui ho incontrato Lady Gomorra... Era solo un altro giorno. Una giornata trascorsa seduta al laptop, saltando da un blog porno Tumblr all'altro. Non riesco nemmeno a ricordare come sono...

462 I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

94 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

683 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.