Notte mostruosa aggiornata

637Report
Notte mostruosa aggiornata

Stava lì, alta 5 pollici, guardando la morte in faccia.

Di fronte a noi ci sono quelli che possono essere descritti solo come i mostri orribili di cui avevamo paura che strisciassero sotto i nostri letti da bambini. In agguato nei nostri armadi.

Era alto almeno tre volte la sua altezza, e cominciava anche a parlare della sua circonferenza.

Rimase lì immodesto, nudo come dovrebbe essere qualsiasi creatura.

Non poté fare a meno di guardare il bacino. Non riusciva a capire di che creatura si trattasse. Dov'era lei. Cosa stava succedendo. Provò un travolgente senso di terrore ed eccitazione mentre i suoi occhi erano incollati al suo lungo inguine verde. Tremava quasi quanto il suo intero corpo per l'adrenalina e la confusione. Non poteva fare a meno di chiedersi come fosse finita in questa situazione.

“La…la…la luce” pensò tra sé. L'unica cosa che ricorda prima di apparire in questo... questo posto.

Riflette sulla sua giornata, su come è arrivata lì, su cosa l'ha portata a realizzarla.

Il primo giorno dell'ultimo anno e non sembrava così bello.

Dinggg dinggg dinggg la sua sveglia suona. Allunga una mano da sotto le coperte, cercando stancamente di addormentarsi. Ci vogliono alcuni minuti perché i suoi occhi si abituino.

"Merda, sono in ritardo!" La sua sveglia era stata impostata alle 7:30 invece che alle 6:30.

corse di sotto in bagno per una doccia veloce.

“Jazmin!! pensavo che fossi già vestito!” Sua madre gridò.

“Ho impostato male la sveglia! Vado più veloce che posso, mamma!” Lei gridò irritata. Come se non sapesse già di essere in ritardo. Maledizione, pensò. Non si prende mai una pausa.

Alla fine Jazmin era presentabile quanto poteva esserlo avendo solo mezz'ora per prepararsi. Era in piedi con i suoi morbidi capelli castani, drappeggiati fino alla vita. Una camicia blu abbottonata con una giacca di pelle sopra, gonna nera e calze nere sotto. Lei dice che gli stivali alti fino al ginocchio la salvano dal freddo del mattino.

"Accidenti! Mi ero dimenticato di Jamie! Ha urlato, avrebbe dovuto andarlo a prendere a scuola. Jaime era il suo ragazzo da 2 anni. Erano solo al secondo anno quando si incontrarono a una manifestazione. Da allora stavano insieme. Tuttavia ultimamente era molto insicura. Dopotutto era l'ultimo anno di liceo. Non aveva lavoro, macchina, ambizione. I suoi voti erano orribili e di certo non avrebbe ottenuto una borsa di studio attraverso lo sport o l'intelletto. E nemmeno i suoi punti di forza. Deve finire, pensa tra sé. Jazmin vuole rompere con Jamie ma non sa come. "Lo manderà in frantumi" pensa tra sé. "O forse non gli importerà", ha discusso. Non era sempre stato il più romantico o premuroso. Forse starebbe bene senza di lei. Sicuramente sapeva che sarebbe stata bene senza di lui.

Raggiunge la casa di Jamie e suona il clacson tre volte per attirare la sua attenzione.

"Sono qui" scrive.

“Ancora cinque minuetti” risponde

“Sono già le 7:55! Saremo in ritardo"

"Che importa? La scuola è una merda. Sarò lì tra un minuetto, tesoro”

Lei alzò gli occhi al cielo irritata. Questo è esattamente il problema. Non aveva cura di nessuno al mondo tranne che di se stesso. Rimase lì seduta con impazienza, picchiettando sul volante con le unghie, facendo piccoli ticchettii. Lo stesso rumore che lui si lamenta di aver fatto. Si ferma per abitudine, quasi come se lui le avesse detto di fermarsi.

Alla fine lei arriva alla carta.

Indossa solo vecchi jeans strappati e una camicia a quadri.

"Pronti per il primo giorno dell'ultimo anno?" chiese quasi sarcasticamente.

“In effetti lo sono. La giornata non è iniziata bene ma in realtà sono emozionato. La scuola non è poi così male, lo sai"

Lui sorrise guardandola

"Sei carina quando sei impertinente" affermò mentre le spostava la mano sulla coscia. Non sente altro che qualcosa tra le calze tra il suo dito e la sua pelle chiara. "Non ora" geme mentre avvia la macchina.

"Poi quando?" Egli gridò.

“Jazmin aveva 18 anni e andava avanti per 2 anni insieme. È ora di dimostrare il nostro amore reciproco", ha detto in modo quasi aggressivo mentre si chinava per baciarle il collo.

Lei sussulta, per nulla interessata a ciò che lui ha da offrire. Lo spinge via.

“Siamo già in ritardo, fermati.” Disse, provando ancora una volta ad avviare la macchina.

"Esattamente. Siamo già in ritardo. Divertiamoci un po', tesoro. Dai." Insiste mentre le passa la mano sulla gonna.

"Siediti e divertiti" le sussurra all'orecchio.

Per un momento emise un sospiro, avvertendo un formicolio mentre lui sollevava la mano, poi si trasformò in rabbia. Là concordarono che avrebbero aspettato finché lei non fosse stata pronta. Non era pronta. Lo spinge via ancora una volta e la sua faccia diventa rossa.

“Se è così che pensi di trattarmi quando voglio starti vicino, fanculo. Fanculo la scuola. Fanculo tutto e tutti. Siamo solo io e te, tesoro", continua a insistere mentre la sua mano torna ad accarezzarla.

“Vai fuori dalla mia macchina”, disse quasi con calma

"C... cosa?" Si è comportato in modo scioccato

"Ottenere. IL. Fanculo. Fuori." affermò lentamente, afferrando il volante.

"Abbiamo finito", ha detto.

Senza aggiungere altro Jaime scese dall'auto e sbatté la portiera. L'ha cagata così forte che le ha lasciato un anello nell'orecchio, ma non importava, il peso si era tolto di dosso e aveva messo le cose a posto. Sono libero, lei pensa a se stessa. Libera di iniziare un nuovo anno senza che nessuno la trattenga. Va a riavviare la macchina e questa parte senza un solo salto.

Era così ansiosa di iniziare il suo primo giorno. Aveva così tanti progetti. Voleva unirsi a ogni club possibile! Voleva dimostrarsi degna di diventare qualcosa di meraviglioso. Aveva lavorato così duramente tutta la sua vita per assicurarsi di mantenere una mente acuta

Mentre attraversava il centro della città, la strada più veloce per andare a scuola, nota una luce brillante con la coda dell'occhio.

Splendente più luminoso del sole, una sfera di qualche tipo che fluttua in un alleato. Lo supera prima di fermare la macchina

"C-che diavolo" pensa

"Dovrei andare a scuola... ma cos'era?" Lei riflette

"Sono già in ritardo... ci vorrà solo un secondo" discute.

Mette la retromarcia e torna indietro fino al marciapiede che conduce all'Alley.

Parcheggia la macchina e si ferma, fissando la sfera. Chiedendosi perché nessun altro intorno sembrava preoccuparsene, o forse nemmeno notarlo.

Guardandosi intorno, le poche persone che vede sono preoccupate della propria vita.

Si dirige verso l'alleato. È Grundy e puzza di spazzatura, ma lei scruta verso la luce.

Passando davanti ai bidoni della spazzatura e al cartone vede un uomo in piedi vicino alla luce. Più si avvicina, più grande sembra la luce. Il più luminoso. I suoi occhi restano socchiusi e una mano è posata sulla fronte per ripararle gli occhi.

Alla fine si avvicina ad esso, quasi alla fine dell'alleato e sente che i suoi occhi cominciano a lacrimare. Le orecchie suonano. La parte posteriore del collo comincia a sudare.

“Non entrare, non toccarlo” sente debolmente.

Non riesce a vedere nulla a causa della luce che la acceca.

"Chi è là?" Chiede nervosamente.

"Non entrare, non toccarlo?" Echi nell'alleato

"Non capisco. Chi è là? Cosa intendi? Che cosa sta accadendo? Qual è la luce?" Aveva così tante domande ma più si avvicinava alla luce più diventava eccitata. Provava una felicità travolgente. Forse anche eccitazione. È diventato difficile resistere all’impulso di avvicinarsi. Lei non capiva.

"Non entrare, non toccare la luce" sente un'ultima volta mentre si avvicina a pochi centimetri dalla luce. Emette uno sguardo dolce mentre tocca la luce con il dito. Aspettandosi una sorta di reazione, non si aspettava che ciò accadesse.

Mentre il suo dito scivola attraverso il portale si ritrova davanti a quello che può solo considerare un mostro.

Il terreno su cui si trova è di sabbia arancione.

Riesce a vedere dozzine di strane creature che vagano per un villaggio fatiscente. Nessuno così grande e mostruoso come quello in piedi davanti a lei. "Gub" grugnisce "jun hub guntin" fa cenno verso di lei

"C-cosa?" Lei trema. "Non capisco."

“Gub” fa nuovamente cenno “guntin”

"Non so cosa significhi", sente le lacrime riempirle gli occhi. Era decisamente inorridita. Tutte le sensazioni esistenti prima di toccare la luce sono passate. Voleva tornare indietro. Voleva Jamie. Voleva la scuola e la sua famiglia.

"Per favore aiuto. Non farmi del male”

Il mostro sospira.

“Un americano” disse severamente con voce dura

Era confusa. In qualche modo sentirlo parlare inglese la mise a suo agio

“Odio gli americani. Sono dei deboli. Guardati. Nient’altro che pelle e ossa”.

Rimase lì in silenzio senza sapere come reagire. “Suppongo che tu sia passato attraverso il portale? Buona fortuna per il tuo ritorno. Quel portale è interdetto alla nostra gente da anni. Non sai mai dove finirai. Per mia fortuna, un piccolo idiota ha deciso di usarlo”

Lei sta lì con voglia di vendicarsi. Vuole difendersi ma non può fare a meno di concentrarsi sul fatto di essere circondata da mostri in qualche altro mondo. Dimensione. Qualunque cosa fosse...

sapeva che era meglio non discutere. Voleva casa. Non voleva più essere lì.

"Per favore aiuto. Come torno a casa?"

Il mostro sorrise e la guardò, era una creatura carina. Appena più grande del suo cazzo. In piedi a circa 5', magro ma sinuoso. Pelle bianca pallida in contrasto con la sua pelle a scaglie verdi. Gli piace.

Si lecca velocemente le labbra, una lunga lingua biforcuta simile a una lucertola o un serpente.

“Non si può tornare a casa. E se ci fosse, non te lo permetterei”, si chinò e la prese in braccio. Il suo intero busto e metà delle cosce stanno nel palmo delle sue mani. Solo le gambe, le braccia e la testa pendevano dalla sua presa. “Ho piani migliori per te”.

Seconda parte

Lei giaceva lì nel palmo della sua mano, tremante. Cercava di raccogliere la forza per colpirlo, ma sapeva che non sarebbe servito a nulla. Aveva davvero troppa forza.

Rallentò quando raggiunse una locanda.

Decine di creature in agguato.

Alcuni grandi e corpulenti, altri lunghi e allampanati. Potresti facilmente distinguere i maschi dalle femmine. Non indossavano vestiti.

I maschi avevano tutti cazzi di dimensioni diverse. Alcuni avevano più cazzi che ondeggiavano fino alle ginocchia, altri avevano un cazzo sottile che sembrava più un tentacolo. Alcuni avevano cazzi enormi e muscolosi, più grandi del tronco di un albero. Mentre tutte le donne avevano seni e inguini vuoti. Alcuni avevano più dentini, altri ne avevano solo due. Erano tutti di qualsiasi colore dell'arcobaleno.

Quando raggiunse il mostro che la trasportava, le fece scattare un collare e un guinzaglio al collo per essere sicuro di non perdere la sua proprietà.

Entrarono. C'era un altro mostro maschio alto circa 10 pollici. Enorme in piedi sopra Jazmin, ma nulla in termini di dimensioni rispetto al mostro che le tiene la catena. I due mostri iniziarono a parlare in una lingua straniera che lei non riusciva a capire, così passò il tempo in cui parlavano guardandosi intorno per esplorare il nuovo ambiente. Tutto quello che sentiva erano ringhi e schiamazzi. Fai bere ai mostri una sorta di bevanda che non potrebbe descrivere quella nebbia filtrata. Mentre i mostri femminili li circondavano. Prenderli in giro. Seduti sulle loro ginocchia mentre venivano palpeggiati. Nota che diversi mostri maschi vengono condotti in stanze separate dalle femmine. Che strano, pensò...

la sua attenzione tornò alla conversazione con i mostri. Quella che le teneva la catena si stava aggravando. Guardò Jazmin e disse solo una parola.

“Parla” grugnì.

"Non capisco. Dove sono?" Disse confusa, supplicandolo ancora. Voleva tornare a casa, non sapendo ora che non sarebbe mai più tornata.

Il mostro dietro il bancone rise

"Americano" grugnì

“Sì” il suo guinzaglio parlava “umano e americano, come ho affermato. Sai che merito almeno 17.653 Jgon per questo. Farà impazzire ogni mostro. Nessuno rinuncerebbe a un'opportunità in questo caso.

“16.000” ha dibattuto quello dietro il bancone.

Jazmin sembrava confuso. Felice di sentire la sua lingua, ma ancora confusa da quello che stavano dicendo. La stava... la stava comprando? Cosa stava succedendo?

“17.000 e avrò il primo tentativo. Offerta finale” suggerì

L'uomo non poteva riutilizzare.

"Affare" ha accettato prima di tornare alla lingua straniera.

L'uomo dietro il bancone ha dato al suo titolare del guinzaglio un sacco pieno di monete prima di scortarli entrambi in una stanza.

"Sembra che sarò il primo a provarti" sorrise.

Sapeva esattamente cosa intendeva. Ciò che non capiva è come immaginava che avrebbe funzionato. Il suo cazzo era grande quasi quanto tutto il suo corpo.

Adagiala su un letto passivo.

Era grande quasi quanto un cuscino.

Lui le allargò le gambe e grugnì prima di usare le dita per pizzicarle i vestiti. Con un semplice strattone li strappò via. Era rimasto solo il perizoma, che lui fece scivolare di lato con l'indice.

Usò il dito indice per correre sul suo corpo, accarezzandola tutto. Circondando i suoi piccoli capezzoli prima di infilare la sua lingua da lucertola per leccarli. Ha continuato a usare la lingua per bagnare la sua figa estremamente piccola

Ha perso i sensi durante il tempo. Jazmin è entrato in un mondo nero. Non era nemmeno lì mentalmente. Ma lei si è ripresa. Vorrebbe non averlo fatto. Lei cominciò a dimenarsi e a urlare e lui usò le dita per tenerla ferma.

“Mmmm, piccolo, vuoi scappare? Non credo” si allontanò e lei riuscì ad alzarsi dal letto come fece lui. Si voltò, con un'enorme corda in mano. “Lasciami in pace” gridò “Voglio andare a casa”

"Questa è casa tua" ridacchiò prima di sbatterla indietro solo sul letto e immobilizzarla sulla schiena, mani e piedi legati. Gambe divaricate.

Sentì il cazzo pulsare. Lo avvolse con la mano e cominciò a strofinarlo sul suo corpo. Emette strilli e ha un'espressione confusa sul suo prezioso viso.

Premette delicatamente la punta del suo cazzo sulle sue labbra, ma praticamente le copriva tutto il viso. Tremò chiedendosi cosa sarebbe successo dopo.

Fece scivolare lentamente il suo cazzo lungo il corpo, grugnendo alla sensazione della carne umana. Così morbido. Così liscio. Si chiedeva come si sentissero le sue viscere. La desiderava. Voleva riempirla del suo sperma e lasciarla lì, in un disastro totale in attesa del prossimo cliente pagante.

È passata da una vita normale a una prostituzione per creature orribili, tutto nel giro di un giorno. Sembravano anni. Non riusciva nemmeno a capire come il suo corpo potesse resistere a tutto ciò che aveva sopportato con la sua Cattura...

Le ha stuzzicato la figa con la punta del suo cazzo a scaglie verdi. Si chinò su di lei, respirando e ringhiando in faccia. Sputa e bava le percorrono il corpo mentre si concentra sulle sue zanne. Per quanto desiderasse liberarsi, poteva solo immaginare il danno che uno qualsiasi di questi mostri avrebbe potuto arrecarle. Sarebbe una morte dolorosa. Sentiva che era meglio semplicemente...stendersi lì. Obbedire.

Spinse il suo cazzo sulla sua figa, cercando di prepararlo. Odiava quello che stava succedendo ma il suo corpo stava rispondendo. Emise un lieve gemito e si dimenò.

Il mostro grugnì più forte.

“Uhgn” sussurrò

"Ti piace, vero?" Lui continuò

"No, non lo so!" Provò a dirlo, ma ne venne fuori un balbettio mentre lui spingeva ulteriormente il suo cazzo, quasi entrandole dentro. Come diavolo farebbe il suo corpo a gestire questo cazzo?

Lui le afferrò i fianchi e costrinse la sua figa sul suo cazzo, la sua punta mostruosa le squarciò il buco. Lei scoppiò in urla di piacere e di dolore.

Con un grande colpo lui è dentro di lei. Abbassa lo sguardo e vede la sua pancia gonfia. Il suo cazzo era completamente dentro di lei. Usò la sua lunga lingua per devastarle il seno e i capezzoli mentre cominciava a spingere più forte. Poteva sentire il suo corpo pieno del suo cazzo. Giurò che avrebbe potuto sentire se l'avesse colpita. Il suo corpo stava reagendo in modi che lei avrebbe desiderato non accadesse. La sua fica cominciò a gocciolare, trasudando il suo sperma. Si stava sviluppando e non sarebbe durata a lungo.

Mentre lui la pompava forte e velocemente, lei si concentrò sulla sua pancia. Guardando il suo cazzo entrare ed uscire dalla figa fino allo stomaco. Geme e urla ad ogni colpo. Lei si strinse i fianchi così forte che i suoi artigli affondarono e lasciarono dei tagli. Si chinò e le prese il piccolo collo in mano e cominciò a soffocarla quel tanto che bastava per farla sentire eccitata e non abbastanza da ucciderla. Con altre tre pompate fa a pezzi il suo carico. La pompa così piena di sperma che la sua pancia si gonfia come se fosse già incinta.

Lui sta lì con il cazzo ancora dentro di lei. La sua pancia è gonfia e massiccia a causa del suo orologio e viene. Lui la prende per i capelli e la costringe a guardarsi la fica mentre tira fuori il cazzo. Una pozza di sperma fuoriesce da lei come se qualcosa si fosse rotto. Geme e stringe le lenzuola come può dalla sensazione e dalla vista. Ringhia un'ultima volta e usa i suoi artigli per slegarla.

La fa alzare in piedi e le dà una pacca sul culo.

"Dubito che questa sia l'ultima volta che ti uso" sorrise prima di lasciare la stanza del sotterraneo. Chiuse la porta dietro di sé.

Lei giaceva lì, nel caos più totale, chiedendosi cosa sarebbe ancora successo.

Storie simili

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

617 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

466 I più visti

Likes 0

Stordimento commemorativo, seconda parte

In circostanze diverse, avere Joe tra le mie gambe sarebbe stato un paradiso. Ma con Keith e Rob che si tenevano un braccio e una gamba ciascuno e il puzzo di birra ed erba nell'aria che veniva fuori da loro, era come un incubo diventato realtà. Cerco di allontanarmi dalle labbra di Joe mentre si muove per baciarmi la figa, solo che lui mi afferra per la vita e mi tira sulle sue labbra. Quando le sue labbra toccano le mie labbra esterne, tremo per il suo respiro caldo che tocca la mia pelle fredda. La sua lingua segue le mie...

516 I più visti

Likes 0

La mia presentazione_(0)

Ciao, ora ho 54 anni e vorrei raccontarti la mia storia di vita. Quando avevo sette anni, fui messo in un orfanotrofio dal tribunale. Non che io abbia fatto qualcosa di sbagliato, è dove i miei genitori che hanno perso la custodia su di me e due fratelli. Quella volta non lo sapevo, ecco perché desideravo tornare a casa. Quindi sono scappato abbastanza regolarmente. Fu diversi anni dopo che seppi la verità. Comunque, a causa della mia abitudine di scappare a volte, sono stato in diversi orfanotrofi. Là dove buoni e cattivi da loro. Già abbastanza giovane (8 o 9 anni)...

843 I più visti

Likes 0

Harry Potter Adventures: Capitolo 4 - Parte 2 di 3 - La ricompensa di Ron

Questa storia non riflette gli atteggiamenti oi personaggi della serie di Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 4 – parte 2 Harry, Ginny, Katie e Demelza sono entrati tutti nella sala comune di Grifondoro per trovare le celebrazioni della festa in pieno svolgimento. La stanza era buia tranne che per le luci brillanti che emanavano dalle punte delle bacchette delle persone, mentre le agitavano come bastoncini luminosi. La musica suonava ad alto volume dallo stereo e qualcuno era andato nelle cucine e aveva portato da bere alla festa. Eccitate ragazze del 4° anno ballavano sui tavoli mentre erano...

1.7K I più visti

Likes 0

La mamma ha beccato me e papà

Sono un giornalista investigativo per un giornale di medie dimensioni nello stato della California. Scrivo anche storie freelance per varie riviste. Quindi sono sempre alla ricerca di storie di interesse umano. Conoscevo una storia che mi affascinava, accaduta diversi anni fa. Era stato pubblicato solo su articoli di giornale, ma sentivo che avrei potuto vendere un articolo a riguardo. Ma per essere pubblicato richiederebbe un resoconto scritto con estrema attenzione. Alcuni anni fa un uomo nella mia città natale è stato condannato a diversi anni di carcere per rapporti sessuali illegali con la figlia minorenne. Il suo nome non è mai...

482 I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

1.5K I più visti

Likes 0

Il dispositivo di controllo mentale Breve: brama di pompino della madre

Il dispositivo di controllo mentale in breve Voglia di pompino della madre Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto questo beta! Dean Michaels sedeva sulla panchina del parco, digitando sul suo laptop, il suo dispositivo di controllo mentale seduto accanto a lui. Stava per testarlo per la prima volta. Entrò il primo comando. e tutti quelli che avevano meno di diciotto anni cominciarono a lasciare le vicinanze. Aveva viaggiato lontano da casa sua per testare il dispositivo. Guidato per due ore in modo che non ci fosse alcuna possibilità che qualcuno qui intorno lo...

1.2K I più visti

Likes 0

Impero perduto 62

0001 - Tempo 0003 - Conner- Thomas 0097 - Asso - Zimmel 0098 - Lucia 0101 - Shelby (nave madre) - Lucie 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco - Marrone 0778 - gen 0798 - Celeste - Shelby (umana) 0908 - Tara - Mara -------------------------- Non cresciuto - non numerato ------------------------ 3 - a bordo di Shelby 2 in re-gen 1000 - Sherry - perso al momento 0999 - Zan - anch'esso perso -------------------------------- Conosciuto e OR numerato ------------------------------- 0501 - Taddeo ???? - Lena --------------------------- Derrick osservò Jonathon apparire dal portale...

676 I più visti

Likes 0

Parte 5) Eragon - Le piccole cose della vita

**** Lasciatemelo dire adesso. QUESTA NON È LA MIA STORIA, APPARTIENE A GryphonWings se vuoi leggere altre delle sue storie vai qui http://gryphonwings.sofurry.com/ questa è una serie in cinque parti**** *i tag includono Umano, Orale, Non-antropo, Vaginale, Penetrazione profonda, Impregnazione, Dragonessa, Eiaculazione, Anime gemelle, M/F ps. spero che tu lo ami come me È ora, disse tranquillamente Arya uscendo di casa con una piccola pietra in mano. Si fermò proprio di fronte a Eragon e Saphira, tenendolo nel palmo della mano. «Se la pietra diventa rossa, Saphira non è incinta. Se diventa blu, Eragon sarà il padre. Se diventa nera...» la...

525 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.