SOVRANITÀ 14_(0)

561Report
SOVRANITÀ 14_(0)

Myrddin Wyllt scosse la testa; il giovane mago era bravo, dannatamente bravo! Poi c'era il campione dell'oscuro consiglio che aveva affrontato (e perso miseramente) a causa di tutto ciò che è sacro! Quei due si erano affrontati con una quantità di potere che poteva solo immaginare. È vero che la sua potenza era aumentata parecchio, non era più nella fascia di livello basso-alto, l'aveva superato il primo giorno e ora diceva di essere nella fascia di livello medio-bassa.

Agitando la mano Merlino balenò fuori e apparve vicino all'apertura sul retro del santuario. Sorridendo poteva sentire il suo potere aumentare un po' di più, bene almeno ora non era così impotente come era, anche se il campione lo avrebbe fatto a pezzi. Merlino ridendo pensò Ah! Almeno adesso il bastardo avrebbe dovuto faticare un po' per batterlo (ah diavolo, chi stava prendendo in giro?) Annuendo con la testa continuò a fare tutti gli incantesimi che poteva per far aumentare il suo potere.

Alan si voltò quando sentì il potere esplodere ma non vide nulla, quindi c'erano ancora alcuni maghi di potere inferiore là fuori. La cosa divertente era che questo sembrava quasi Merlino, ma non era possibile poiché ricordava che il potere di Merlino era molto basso, soprattutto rispetto al suo. Alan poteva sentire la pulsazione nel suo petto mentre la sua potenza aumentava un po' di più. Alan sogghignando pensava che l'idiota lo avesse aiutato a sconfiggere se stesso, Alan era già dov'era il campione, ma ora sentiva di essere leggermente più in alto. Sospirando Alan pensò bene, vedremo, soprattutto dopo che mi sarò sbarazzato dei maghi di livello superiore rimasti.

Hopix poteva vedere che Alan era assorto nei suoi pensieri, ma doveva saperlo. "Alan, pensavo che dopo aver sconfitto più della metà dei maghi oscuri, il Consiglio della Luce sarebbe potuto venire qui."

Alan sospirò, lei più di chiunque altro avrebbe dovuto sapere: "Di solito sarebbe così, ma qui più della metà erano maghi deboli. I 41 rimasti appartengono tutti a un potere superiore e tengono qui la maggior parte dei Lobrit come schiavi. Molto come nel tuo mondo, ma qui ce ne sono molti di più, temo che siano anche abbastanza forti da sfidarmi."

Hopix annuì poi spalancò gli occhi perché erano così forti! Gettando le braccia attorno ad Alan lo tenne stretto mentre iniziava a tremare. Strano, ma all'improvviso ebbe la sensazione di una catastrofe imminente. Alan la tenne stretta e la baciò dolcemente facendola calmare immediatamente. "Dobbiamo andare al prossimo, prima libereremo questo mondo e prima potremo tornare dopo aver mantenuto la promessa che ho fatto alla regina." glielo disse Alan mentre cominciavano a camminare oltre il punto in cui avevano combattuto contro gli altri l'ultima volta.

Alan si era elevato e stava fluttuando in avanti a un ritmo rapido; avvertì l'attacco molto prima ancora che iniziassero. La creatura sembrava essere un enorme animale a sei zampe, con denti aguzzi e una pelliccia ispida e dall'odore sgradevole che lo ricopriva. "Aspetta! Sei nel mio territorio, quindi sei morto e la tua anima è mia!"

Una scarica elettrica venne lanciata verso Alan (era ora che provassero qualcosa di diverso!) rimbalzando innocua sullo scudo di Alan. Alan sorridente stava per dare una scelta alla creatura quando sentì diverse palle di fuoco (non di nuovo!) colpire il suo scudo. Ah! Ora vide un'altra imboscata.

"Ok voi tre; vi do la possibilità di andarvene..." cominciò Alan.

"Muori, idiota!" I due dietro di lui urlarono e iniziarono a sparargli addosso. Incazzato, Alan agitò una mano e poi fece il gesto di tagliare. Una delle creature urlò poi la testa lasciò il corpo, anche l'altra gridò sebbene gli mancassero almeno quattro delle sei zampe. Alan lo osservò mentre cercava di strisciare via e poi giaceva immobile mentre il sangue vitale veniva pompato in un'enorme pozzanghera sotto di lui.

"Ora, come dicevo prima, sono stato bruscamente interrotto..." ricominciò Alan.

"Non sono interessato a nessun patetico accordo che hai da offrire!" La prima creatura sogghignò ad Alan, "quelli erano i miei figli quindi non ci sarà nessun accordo!" Detto questo il leader si scagliò con una potenza sempre crescente, anche se per Alan aveva appena superato la metà della potenza. Poi il leader ha iniziato a salire ancora più in alto. Alan, finalmente stanco, ha sparato un fulmine elettrico al leader. Dopo che le urla cessarono, Alan si allontanò con i resti carbonizzati ancora fumanti.

Voltandosi prese la mano di Hopix mentre fluttuavano ancora per qualche minuto. Alan poteva percepire il prossimo mago oscuro, ma sembrava avere difficoltà a localizzarlo. Girando l'angolo trovarono un'enorme grotta con un'enorme quantità di ossa davanti all'ingresso. "Questo mi ricorda le storie di cui ho sentito parlare sulla terra ai tempi di Merlino. Enormi giganti, credo, con un occhio chiamati Ciclopi, credo anche che amassero mangiare gli esseri." Hopix guardò Alan come se fosse pazzo almeno finché il mostro alto dodici piedi che aveva descritto non uscì dalla caverna.

Tirando su col naso, il Ciclope si guardò intorno: "Sento l'odore di un mago! TU! Mi divertirò a mangiare la tua carne aggiungendo il tuo potere al mio. Potrei anche riuscire a battere il campione del consiglio! Dimmi cosa rimani lì, io' ti schiaccerò, fai in fretta e poi goditi la tua carne."

Alan ha lanciato un'enorme palla di fuoco al gigante, che gli è rimbalzato sopra. Ridendo il gigante guardò Alan: "Che idiota che sei io sono impermeabile a ogni magia, meglio fare il furbo o mi annoierai, poi renderò la tua morte lenta ed estremamente dolorosa!" Alan ha un sorriso così impervio eh?

Agitando la mano un grosso masso rotolò oltre la grotta nella gamba del gigante. Con un ringhio il gigante afferrò effettivamente il masso e stava per lanciarlo ad Alan quando Alan lo colpì con un altro masso nella parte posteriore delle gambe. Mentre cadeva all'indietro, il masso che teneva in mano si schiantò sul suo petto, intrappolandolo di fatto. "Lasciami alzare da qui, verme! Ti schiaccerò, ti macinerò lentamente pezzo per pezzo."

"Normalmente offro un accordo, ma con te," sputò Alan vicino alla testa del gigante, "Vaffanculo!" Alan agitò entrambe le braccia mentre il peso dell'enorme masso cominciava a diventare sempre più pesante. Allontanandosi Alan strinse i denti solo un minuto dopo il gigante iniziò a urlare, minacciando di implorare, poi ci fu il disgustoso schianto mentre il masso sprofondava nel petto del gigante.

Guardando la grotta Alan fece qualche movimento e gli edifici iniziarono ad apparire insieme a un enorme muro. Come si aspettava, oltre 8000 Lobrit apparvero non molto tempo dopo aver finito la città. Sospirando che avrebbe dovuto fare un'enorme pulizia, sperava solo di avere il potere per farlo. Tutti i Lobrit si fermarono davanti ad Alan con l'aria stordita e confusa come sempre.

Alan fece più di una dozzina di movimenti con le mani e le braccia, poi allargò le braccia cercando di abbracciare tutti i presenti. Ben presto ne ha superati i 400, poi ha iniziato a incontrare ostacoli, poi è aumentato fino a quando tre su quattro non volevano andare. Di nuovo incazzato, Alan fece altri movimenti, poi scagliò un'onda di energia mettendo fuori combattimento 1500 degli ultimi 2000, eliminando quelli ancora svegli, si concentrò e inviò gli altri a uno dei 37 maghi oscuri rimasti.

Successivamente, dopo aver spiegato e aggiunto avvertimenti, Alan li inviò nella nuova città, voltandosi verso Hopix sorrise. <Uh Hopix, penso di aver fatto un po' troppo. Cercherò di riportarci indietro ma potrebbe essere necessario usare il cubo.> Hopix guardò Alan con preoccupazione mentre si portava una mano alla testa e con l'altra teneva la mano di lei. Poi se ne andarono e apparvero a circa 50 piedi dalla porta del santuario. Alan sorrise poi crollò accanto a Hopix, concentrandosi Hopix riuscì a trasportarlo con cosa
aveva poco potere (non poteva ancora usare tutto il suo potere). I Lobrit uscirono in forze portando Alan dentro e nel suo letto. Hopix si sedette accanto al suo letto sentendosi stanca e sapeva che avevano quasi finito. Sperava solo che l'ultimo segreto non li separasse. Appoggiando la testa sul letto, si addormentò presto anche lei.

Merlino li aveva visti entrare, si era allenato e aveva la sua potenza proprio al limite della gamma media. Aveva scoperto che ora poteva sollevare cose, un'impresa che non era mai stato in grado di fare tranne che per cose molto piccole. Ora pesava almeno 50-60 libbre, inoltre poteva muoversi almeno per un miglio, cosa che rendeva molto utile il ritorno e l'allontanamento! Guardando i due addormentati sorrise di aver sentito parlare del lavoro di Alan oggi dopo che se n'era andato ed era ancora stupito che il consiglio oscuro non lo avesse scoperto o non lo consideravano davvero una minaccia? Un sorriso attraversò il suo viso che stava per cambiare!

Merlin se n'è andato attraverso la porta nascosta sul retro e ha iniziato a fluttuare via, ci è voluta energia ma ti ha portato lì molto più velocemente, inoltre aveva bisogno di tutto ciò che aveva per farcela. Un'ora dopo arrivò a casa del suo obiettivo, estrasse diversi cristalli che aveva evocato e li collocò in un certo schema bussando alla porta e scomparve dalla vista. Nel momento in cui il servitore aprì la porta, Merlino lo congelò e poi lo fece levitare via. L'aveva fatto due volte quando il padrone del locale era uscito dalla porta.

Cantando Merlino guardò i cristalli iniziare a brillare e poi la creatura non riuscì più a muoversi. Merlino apparve mentre la creatura sorrideva finché non scoprì di non potersi muovere per proteggersi. Merlino sorrise mentre dava fuoco. Spostandosi di nuovo fuori dalla vista, Merlino aspettò finché non vide gli altri entrare. Pensando al santuario si ritrovò a due miglia di distanza dalla casa che aveva appena lasciato, scioccato, Merlino riprovò e scoprì che si era spostato non di due ma di due e un mezzo miglio! Aveva percorso tre miglia e mezzo quando apparve alla porta sul retro del santuario.

Merlino guardò le sue mani che brillavano per la prima volta, e poi poté sentire pulsare nel suo petto misurando la sua potenza e scoprì che ora era all'estremità alta della gamma media. Alla fine pensò che in realtà avessi abbastanza potere per fare qualcosa. Entrando vide che Alan stava ancora dormendo per aver ripulito tutte le persone che aveva fatto, cosa adesso, dannatamente quasi 10.000? una goccia nell'oceano rispetto alla popolazione totale, il problema era che Alan poteva farcela? Merlino sapeva di non essere neanche lontanamente vicino al livello di Alan, ma presto, se avesse continuato, avrebbe potuto davvero aiutarlo!

Alan e Hopix stavano entrambi sognando Alan e Hopix si erano appena sposati nel suo sogno, era la loro prima notte di nozze. Alan si era preparato tutto quel giorno e poi era andato a penetrarla, scoprendo solo che non riusciva a penetrarle l'imene. Tentò più volte di aprire la bocca, poi guardò Hopix e il suo viso cambiò mentre un sorriso malvagio le contorceva i lineamenti.

"Vedo che sei inutile come lo sei sempre stato", sentì la voce della sua ex moglie uscire dalla bocca di Hopix. Urlando cercò di scappare inorridito ma scoprì che Hopix era ora la sua ex moglie, dotata di artigli che lo tenevano fermo. Poi con suo orrore apparve una bocca enorme mentre veniva trascinato verso di essa: "Finalmente sarai utile quando divorerò la tua carne!" Tirato in bocca Alan iniziò a lottare inutilmente, quando la bocca si chiuse poté sentire la risata malvagia della sua ex moglie mentre la bocca cominciava a schiacciare il suo corpo.

Il sogno di Hopix non era migliore: lei e Alan si erano finalmente sposati, suo padre era tornato per assistere allo svolgimento della cerimonia, con la regina che presiedeva a tutto. Hopix era estremamente felice e stava camminando verso Alan con la sensazione che cresceva sempre più in alto. Dopo aver raggiunto Alan avevano quasi finito quando Alan all'improvviso assunse una strana espressione sul viso e si fece largo oltrepassandola. Con un ghigno malvagio si voltò prima di lasciare l'edificio, "Cosa diavolo stavo pensando? Sposare il tuo culo ripugnante? Non essere MAI gravato da una cosa putrida come te? Penso che NON MAI più!" Detto questo se ne andò, la sua risata malvagia echeggiò in tutta la sala. Suo padre e la regina, ancora sorridenti, si limitarono ad alzare le spalle. Urlando cercò di inseguire Alan solo per scoprire che il campione del consiglio oscuro la tratteneva e la fissava.

"No, no, no, piccolina, va tutto bene, ti userò ancora e ancora, avremo un numero enorme di bambini, mi assicurerò che tu sia sempre incinta!" Il campione malvagio cominciò a ridere maliziosamente mentre i vestiti di Hopix le cadevano di dosso. L'essere malvagio risucchiò il fiato cercando di raggiungerla. All'improvviso stava cadendo lottando contro le correnti, prese il volo ma scoprì che stava perdendo la battaglia. Poi, altrettanto all'improvviso, i suoi occhi si aprirono di scatto mentre cadeva da dove si appoggiava al letto, guardando Alan poteva vedere che stava combattendo contro qualcosa nel sonno.

Allungandosi, scosse molto delicatamente Alan sussurrandogli all'orecchio che era lì per aiutarlo solo per tendere la mano a lei. Nel sogno Alan poteva sentire Hopix e tendeva le mani verso la sua voce. Aprendo gli occhi di scatto Alan ringhiò: "Sento che non ti preoccupare, sarai morto abbastanza presto!" Alan gridò all'aria vuota.

Dal nulla una voce rispose: "Devo ammettere che hai una mente estremamente potente, ci è voluto un bel po' di potere per penetrare le tue difese ma ora conosco la tua debolezza!" Ridendo maliziosamente la voce continuò: "Sarà un vero piacere usare la tua piccola puttana di compagna, e usarti lo farò!"

Alan, con un sorrisetto compiaciuto, iniziò a ridere così forte che stava per cadere dal lettino su cui si trovava. "Ecco mi consideravi un idiota!" disse Alan cominciando a ridere ancora più forte. "Grazie, questo dovrebbe davvero darmi la motivazione per prenderti a calci in culo!"

"Penso che tu sia pieno di merda!" La voce rispose con rabbia: "So che lei è il tuo punto debole!"

"Sbagli, coglione! Se fossi davvero penetrato nelle mie difese avresti visto che lei È la ragione per cui i miei poteri hanno iniziato ad aumentare. Tutto è iniziato DOPO che l'ho lasciata dispiaciuta; in realtà mi ricordi molto lei. Sei sicuro di esserlo non sei una donna?" Alan disse alla voce ridendo ancora più forte adesso per la battuta che aveva fatto a spese dell'altro.

Ringhiando la voce cominciò a gridare ad Alan: "Pagherai per quell'insulto, cane di bassa classe!" Alan si limitò a sorridere, quindi il culetto era un maschio orgoglioso. Una bella cosa da ricordare quando si affrontarono davvero.

"Qualunque cosa!" Alan raccontò la voce poi agitò la mano e sentì le difese ispessirsi fino a non sentire più l'altro.

Molti Lobrit entrarono di corsa nella stanza: "Grande Triacarie! Va tutto bene? Abbiamo sentito delle voci e ci siamo armati per aiutarti!" Disse il leader mentre lui e molti altri irrompevano nella stanza, ciascuno con uno sguardo feroce, pronto a dare battaglia.

"Va tutto bene adesso; ho rafforzato le difese attorno a questo santuario. Dovresti stare bene ora che uno è l'unico che sento che potrebbe effettivamente proiettarsi qui, questo non accadrà più." Alan lo ha detto a tutti i presenti facendo uscire un enorme sospiro di sollievo dalla maggior parte delle loro labbra.

"Non c'è da meravigliarsi che tu sia così stanco che abbiamo sentito della tua incursione notturna su un altro dei cattivi Triacaries la scorsa notte. Ci sentiamo così fortunati che tu sia venuto ad aiutarci, ancora una volta ti ringraziamo anche per aver salvato tante delle nostre famiglie come hai fatto tu." Qui quasi tutti i Lobrit presenti nella stanza si inchinarono profondamente a terra davanti ad Alan.

"Per favore, come ho detto, sono solo un essere semplice come tutti voi. Non sono un dio da lodare o adorare." Alan lo raccontò alla folla che aveva cominciato ad ammassarsi all'ingresso della sala. Molti fissavano Alan come se avesse perso la testa, ovviamente era un dio! Lui più che meritava di essere elogiato, ma se voleva essere trattato come qualsiasi altro essere, allora così fosse, non voleva davvero rischiare la sua ira.

Quindi Alan pensava che ce ne fosse stato un altro che era stato ucciso la notte scorsa, hmmm le cose cominciavano a diventare interessanti, c'era solo un altro mago bianco qui ed era un mago con poteri molto bassi. Oppure lo era? Alan cominciò davvero a chiedersi: dopotutto Merlino era venuto qui tanti secoli fa per provare a fare quello che Alan stava cercando di fare. D'altra parte, per fare ciò che è stato descritto, l'attaccante avrebbe dovuto essere almeno un mago di fascia media di fascia alta, altrimenti non avrebbe avuto alcuna possibilità di successo.

Alan iniziò a fissare Merlin che in quel momento era sdraiato sul lettino dall'altra parte della stanza. Aveva appena iniziato a scansionare Merlino quando l'intera struttura in cui si trovavano iniziò a tremare con una forte serie di rimbombi. Agitando la mano Alan fece apparire davanti a sé uno specchio che gli mostrava l'esterno del santuario. Contando Alan riuscì a vedere almeno cinque dei maghi oscuri là fuori. La cosa divertente però era che avevano tutti un'espressione estremamente matta sul viso. Fissando più intensamente lo specchio, Alan disse: "Voi cinque dovete sentirvi terribilmente coraggiosi a venire qui. Immagino che desideriate morire oggi?"

"Alan Glanto! Porta fuori il tuo culo, questa cosa finisce oggi! Questo è il nostro mondo e TUTTE queste pietose creature sono i NOSTRI schiavi! Vieni fuori e affronta noi e la tua fine!" - gridò uno che evidentemente era il leader e portavoce degli altri.

Sospirando Alan si avvicinò a Hopix e la baciò appassionatamente e profondamente guardandola negli occhi, "Ti amo Hopix, ti amo da più tempo di quanto pensassi possibile." In ginocchio, Hopix sussulta: "Tornerò e ci uniremo non appena questo sarà fatto. Non permetterò MAI che nulla si metta tra noi! Aspettami amore mio!" Detto questo la baciò di nuovo profondamente facendola quasi svenire. Poi si recò all'apertura del santuario.

Uscendo Alan fu sorpreso che non lo attaccassero mentre usciva. Anche se la situazione cambiò nel momento in cui raggiunse la cima delle scale e si allontanò dall'ingresso del santuario. Da cinque direzioni diverse l'acqua, il fuoco, l'elettricità e il vento lo colpirono. Sebbene avesse quasi raggiunto la piena potenza, Alan non sentiva ancora veramente gli effetti dei loro attacchi. Molti urlarono e aumentarono la loro potenza spingendo i suoi scudi al massimo della sua potenza. Alan, infastidito, fece un movimento con la punta verso uno dei suoi aggressori che gli afferrò la gola soffocandolo, poi cadde a terra dimenandosi per alcuni secondi e poi rimase immobile.

Imperterriti gli altri quattro aumentarono ulteriormente il loro potere, Alan scagliò un fulmine contro un altro degli aggressori friggendolo letteralmente nel suo stesso sangue mentre il secondo morì gorgogliando il suo rantolo mortale, gli altri continuarono a fare pressione su Alan. Il suo volto si contorse per la rabbia. Il potere di Alan aumentò ancora di più mentre scagliava diversi dardi di fuoco ed elettricità negli ultimi tre. Due di loro erano totalmente impreparati e morirono prima di toccare il suolo. L'ultimo ringhiò mentre gli attacchi di Alan venivano riflessi.

"Così viene rivelato il capo dei codardi!" Alan sogghignò all'uomo semi-formato.

"Non codardi, compagni di quello che avete ucciso come un codardo ieri sera!" Il leader ringhiò ad Alan.

"Non sono stato io, io..." iniziò Alan.

"Menti, patetico codardo! Sono qui per vendicarmi!" Il leader quasi urlò ad Alan. Ancora una volta il leader iniziò a scagliare diversi attacchi contro Alan; hmmm, non male, Alan pensava che fosse il più forte che abbia mai affrontato, tranne il campione.

Sospirando Alan decise che l'uomo non lo avrebbe ascoltato e attese qualche minuto poi gli lanciò alcuni incantesimi. Urlando, l'uomo continuò a sparare ad Alan spingendo al massimo la sua potenza. Alan lanciò nuovamente diversi altri attacchi contro l'uomo. Questa volta quasi tutti penetrarono le difese dell'uomo. Con uno sguardo sorpreso e poi un grido acuto l'uomo fu ridotto in cenere.

A grande distanza il campione stava osservando, impressionante, pensò, quelli erano stati maghi di basso, medio e alto livello. Alan si era sbarazzato dei primi quattro come se non ci fossero, cosa aveva fatto di diverso l'ultimo? Doveva anche chiedersi come stesse aumentando il potere del mago bianco. Almeno per lui è stato così. Notava sempre tutto, era la ragione principale per cui era ancora vivo. Avrebbe dovuto indagare prima di affrontare quell'uomo, avrebbe potuto rivelarsi un vantaggio.

Storie simili

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

617 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

466 I più visti

Likes 0

Stordimento commemorativo, seconda parte

In circostanze diverse, avere Joe tra le mie gambe sarebbe stato un paradiso. Ma con Keith e Rob che si tenevano un braccio e una gamba ciascuno e il puzzo di birra ed erba nell'aria che veniva fuori da loro, era come un incubo diventato realtà. Cerco di allontanarmi dalle labbra di Joe mentre si muove per baciarmi la figa, solo che lui mi afferra per la vita e mi tira sulle sue labbra. Quando le sue labbra toccano le mie labbra esterne, tremo per il suo respiro caldo che tocca la mia pelle fredda. La sua lingua segue le mie...

516 I più visti

Likes 0

La mia presentazione_(0)

Ciao, ora ho 54 anni e vorrei raccontarti la mia storia di vita. Quando avevo sette anni, fui messo in un orfanotrofio dal tribunale. Non che io abbia fatto qualcosa di sbagliato, è dove i miei genitori che hanno perso la custodia su di me e due fratelli. Quella volta non lo sapevo, ecco perché desideravo tornare a casa. Quindi sono scappato abbastanza regolarmente. Fu diversi anni dopo che seppi la verità. Comunque, a causa della mia abitudine di scappare a volte, sono stato in diversi orfanotrofi. Là dove buoni e cattivi da loro. Già abbastanza giovane (8 o 9 anni)...

843 I più visti

Likes 0

Harry Potter Adventures: Capitolo 4 - Parte 2 di 3 - La ricompensa di Ron

Questa storia non riflette gli atteggiamenti oi personaggi della serie di Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 4 – parte 2 Harry, Ginny, Katie e Demelza sono entrati tutti nella sala comune di Grifondoro per trovare le celebrazioni della festa in pieno svolgimento. La stanza era buia tranne che per le luci brillanti che emanavano dalle punte delle bacchette delle persone, mentre le agitavano come bastoncini luminosi. La musica suonava ad alto volume dallo stereo e qualcuno era andato nelle cucine e aveva portato da bere alla festa. Eccitate ragazze del 4° anno ballavano sui tavoli mentre erano...

1.7K I più visti

Likes 0

La mamma ha beccato me e papà

Sono un giornalista investigativo per un giornale di medie dimensioni nello stato della California. Scrivo anche storie freelance per varie riviste. Quindi sono sempre alla ricerca di storie di interesse umano. Conoscevo una storia che mi affascinava, accaduta diversi anni fa. Era stato pubblicato solo su articoli di giornale, ma sentivo che avrei potuto vendere un articolo a riguardo. Ma per essere pubblicato richiederebbe un resoconto scritto con estrema attenzione. Alcuni anni fa un uomo nella mia città natale è stato condannato a diversi anni di carcere per rapporti sessuali illegali con la figlia minorenne. Il suo nome non è mai...

482 I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

1.5K I più visti

Likes 0

Il dispositivo di controllo mentale Breve: brama di pompino della madre

Il dispositivo di controllo mentale in breve Voglia di pompino della madre Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto questo beta! Dean Michaels sedeva sulla panchina del parco, digitando sul suo laptop, il suo dispositivo di controllo mentale seduto accanto a lui. Stava per testarlo per la prima volta. Entrò il primo comando. e tutti quelli che avevano meno di diciotto anni cominciarono a lasciare le vicinanze. Aveva viaggiato lontano da casa sua per testare il dispositivo. Guidato per due ore in modo che non ci fosse alcuna possibilità che qualcuno qui intorno lo...

1.2K I più visti

Likes 0

Impero perduto 62

0001 - Tempo 0003 - Conner- Thomas 0097 - Asso - Zimmel 0098 - Lucia 0101 - Shelby (nave madre) - Lucie 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco - Marrone 0778 - gen 0798 - Celeste - Shelby (umana) 0908 - Tara - Mara -------------------------- Non cresciuto - non numerato ------------------------ 3 - a bordo di Shelby 2 in re-gen 1000 - Sherry - perso al momento 0999 - Zan - anch'esso perso -------------------------------- Conosciuto e OR numerato ------------------------------- 0501 - Taddeo ???? - Lena --------------------------- Derrick osservò Jonathon apparire dal portale...

676 I più visti

Likes 0

Stiff Cave Adventures: Capitolo I

Stiff Cave Adventures: Capitolo I Michael aveva dimenticato quanto velocemente potesse parlare una ragazza eccitata mentre ascoltava Emma che viaggiava al suo fianco. Mentre si allontanavano dall'autostrada principale e lui guardava di traverso, amava la vista dei rigonfiamenti in boccio sul suo petto, i suoi lunghi capelli biondi, la canotta e i pantaloncini corti. . . mentre la ragazza inaspettata continuava a parlare di ragazzi e di quanto potessero essere cattivi. Mentre continuava, il cazzo di Michael iniziò a crescere mentre lui ispezionava ulteriormente il vestito attillato che indossava. Amava la silhouette delle tette quasi a forma di paio sotto la...

697 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.