Solo un viaggio in autobus... Onesto 3

1.6KReport
Solo un viaggio in autobus... Onesto 3

Il mondo sembrava congelarsi.

Non potevo crederci, mi sentivo come se mi avesse tradito completamente, anche se ci conoscevamo solo da un giorno e un po', mi è sembrato un pugnale nel cuore, perché era così civettuola oggi, deve sapeva quello che stava facendo, ma lo faceva lo stesso anche se aveva un fidanzato. Non volendo pensarci un attimo di più ho chiuso la pagina e il mondo ha ricominciato a girare.
“RALPH STAI ASCOLTANDO? Urlò l'insegnante dalla parte anteriore della classe mentre lo facevano.
"Sì" ho chiamato debolmente non avendo la più pallida idea di cosa fosse stato detto negli ultimi 5 minuti. Dan mi ha appena lanciato lo sguardo che dice 'BULLLSHIT' per fortuna l'insegnante non si è preso la briga di interrogarmi. Ho appena firmato per me stesso e ho ascoltato l'insegnante che parlava di tasse... o qualcosa del genere.


La lezione è finita, anche se non ho pensato a niente, potevo solo pensare a quello che avrei fatto con Emily, voglio dire che avrei dovuto fare qualcosa, avrei portato da mangiare presto con loro e io Sapevo che non potevo semplicemente fingere di non saperlo, quindi ho pensato che mi sarei semplicemente comportato bene.
"Va bene Ralph, sembri distratto?" Dan ha detto da dietro di me.
"Sì, un po' amico" dissi a metà.
"Nah, posso dire che c'è qualcosa che ha a che fare con una delle ragazze della classe?" chiese Dan.
"Qualcosa del genere, amico" ho mormorato e ho continuato a camminare verso la porta d'ingresso.
"Ha qualcosa a che fare con quella ragazza Emily, non è vero?" chiamato Dan dopo di me, non si era mosso.
"Come fai a sapere?" ho chiesto generalmente interessato.
"Amico, hai passato circa 20 minuti a fissare la sua pagina, potresti anche avere un grande distintivo rosso che dice 'Ossessionato'!" disse Dan.
Se avessi davvero passato 20 minuti a fissare la sua pagina Facebook, mi sarebbero sembrati pochi minuti. Ma ancora Dan aveva capito la maggior parte di tutto, ho pensato che avrei potuto anche essere onesto.
"È un po' più complicato del semplice piacere a una ragazza che ha un fidanzato". gli dissi con un profondo sospiro.
"Andiamo, puoi dirmelo mentre camminiamo verso la città... Andiamo." Mi fece cenno di seguirlo.
Quindi ho passato i successivi 10 minuti a spiegargli cosa era successo dalla fermata dell'autobus ieri al facebook di pochi istanti prima.
"Sì, è una stronzata, forse è solo molto aperta, potrebbe essere una scommessa tutta la 'scommessa sulla seduzione'... cosa... succede" ha detto mentre alzavo un sopracciglio dubbioso.
"Ehi, tutto quello che sto dicendo è che forse stai gonfiando tutto a dismisura, i ragazzi lo fanno sempre" Ha continuato, aveva ragione, non era come se fossimo stati innamorati per mesi, siamo onesti io l'ho incontrata ieri ed è stato agganciato come un pesce sulla lenza, e ragazzo mi stavo lamentando.
"ok, sì probabilmente hai ragione." Ho iniziato. "probabilmente vuole solo essere..."

SCHIACCIATA!

L'ultima cosa che ricordo è stato Dan che gridava in preda al panico, e poi il mondo è svanito nell'oscurità.
"Ralph, amico RALPH, cmon Ralph puoi sentirmi!?"
"OH MIO DIO, SUO LUI OK, MI DISPIACE DI NON AVERLO VEDUTO"
"TI STA BENE?"
"NON SBAGLIARE CON ME!"

NEREZZA

La cosa successiva che ricordo è stata essere spinto in giro per un ospedale con una folla di persone intorno a me, e un sacco di urla. Che cosa era successo?
Provai a parlare ma riuscii solo a far uscire un gemito dalle mie labbra, ma sembrava che bastasse tutto.
“Ralph amico, va tutto bene amico, hai avuto un po' di botta, starai bene okay... Ralph, guardami. GUNNA. ESSERE. BENE."
Era Dan? Cosa voleva dire "un po' di botta", e perché CAZZO mi faceva così male la testa. Ho iniziato a perdere di nuovo conoscenza, ma stavo iniziando a desiderare che si facesse presto, la mia testa ha iniziato a farmi sempre più male di secondo in secondo e tutto questo gridare non aiutava. E abbastanza presto ero fuori come una luce.
Nel frattempo, poiché Dan doveva aspettare nella sala d'attesa, decise di aiutare il suo amico, almeno un po', prese il telefono di Ralph dalla tasca e scrisse velocemente un testo, lo considerò, lo cancellò e lo riscrisse e lo spedì .
"Ralph ha avuto un brutto incidente ed è in ospedale, potresti voler venire il prima possibile." Quindi spense il telefono, se lo mise in tasca e si sedette, cercando di distogliere la mente da ciò che aveva causato.


Louise era nel bel mezzo di una lezione, lottando per prendere appunti. Normalmente andava bene con le cose accademiche, ma non era in grado di concentrarsi adeguatamente, da quando aveva davvero incontrato Ralph per la prima volta, sembrava essere diverso da tutti gli altri ragazzi là fuori, non sembrava essere un idiota, ed era davvero carino. Si chiedeva se fosse "okay" avere questo tipo di pensieri su un ragazzo nell'anno successivo. Ma presto si rese conto che non le importava davvero. Sperava davvero di poter fare una buona impressione a questo "pranzo" di cui Emily aveva parlato prima. Doveva ammettere che Emily stava iniziando a diventare piuttosto fastidiosa, comportandosi come una scolaretta arrapata, che onestamente è esattamente quello che era, ma aveva un fidanzato. Aveva poco senso per Louise. Ma il problema principale era che Emily le stava rendendo difficile avvicinarsi a Ralph, forse avrebbe dovuto parlare con Emily di questi sentimenti che stava provando, o questo avrebbe solo peggiorato le cose?
È stata quindi distratta quando il suo lato accademico ha preso il sopravvento e le ha detto di concentrarsi. Erano passati circa altri 10 minuti per prendere appunti prima che Louise iniziasse ad avere dubbi sulla propria vita.
eccola qui,
Diciassettenne, non ha mai avuto un fidanzato, è vergine e muore dalla voglia di un bravo ragazzo. Ha iniziato il college pensando che se la sarebbe cavata facilmente, avrebbe fatto un sacco di nuovi amici e sarebbe stato il suo momento di essere una "ragazza popolare", l'unica cosa è che non succede mai come qualcuno spera, la maggior parte dei giorni si è seduta davanti, ha svolto il suo lavoro in silenzio e se n'è andato, sì, molti ragazzi le avevano detto che era di bell'aspetto ma lei apprezzava poco le loro parole, avrebbero detto qualsiasi cosa per entrare nei pantaloni di qualcuno. Non sapeva mai cosa dire a persone così tese, motivo per cui si sentiva così attratta da Ralph, poiché la convocazione sembrava scorrere come l'acqua con lui, e per una volta un ragazzo le stava dando la possibilità di essere se stessa. Le piaceva. Le piaceva. E fu allora che il suo telefono ronzò nel reggiseno. Lo tirò fuori rapidamente, ottenendo uno sguardo interessato per i ragazzi seduti accanto a lei, e lesse il messaggio.
"Ralph ha avuto un brutto incidente ed è in ospedale, potresti voler venire il prima possibile."
Strano, pensava che se avesse avuto un incidente le avrebbe poi mandato un messaggio per dirglielo. La risposta ovvia non le venne in mente per qualche secondo in più, e quando lo fece si rese conto che era reale e iniziò a preoccuparsi come farebbe una chioccia se uno dei suoi pulcini fosse stato decapitato.
Si alzò e disse al suo docente che doveva andare urgentemente a un appuntamento dal dentista e corse fuori dalla porta con le sue cose in equilibrio tra le braccia. Ha risposto al telefono di Ralph.
“Va bene, sto arrivando, puoi avere qualcuno1 per incontrarmi davanti. Sarò lì in 10 minuti”
. Si è fermata solo per dare la sua borsa alla receptionist, un'amica di famiglia, chiedendole di occuparsene per un po'. Per fortuna l'addetto alla reception non ha discusso o fatto domande e l'ha preso e lo ha nascosto sotto la scrivania. Louise si voltò e camminò più veloce che poteva sui tacchi.


Dan aveva cominciato a camminare per la sala d'attesa, nient'altro che sentimenti di colpa, preoccupazione e simpatia che gli rimbalzavano per la testa, era colpa sua, aveva ucciso il suo nuovo amico? Come avrebbe spiegato alle ragazze, e peggio ancora, come cazzo avrebbe dovuto spiegarlo ai suoi genitori? Fu a questo punto che decise di controllare eventuali risposte e vide che ne aveva 3, una da sua madre, suo padre e Louise. Prima controlla le risposte dei genitori. Stavano correndo in ospedale ma sarebbero trascorsi circa 30 minuti, si è trasferito alla risposta di Louise e l'ha vista inviata 10 minuti fa.
“Va bene, sto arrivando, puoi avere qualcuno1 per incontrarmi davanti. Sarò lì in 10 minuti”
. Rendendosi conto che era ora, corse a cercare un facchino per andarla a prendere.


Louise si chiese se anche Emily avesse ricevuto il messaggio, quindi subito dopo aver lasciato l'ingresso del college, telefonò a Emily, "Sì, ciao, uhhh... puoi richiamare secondo te?" disse Emily senza fiato al telefono.
"No in realtà, senti Emily, Ralph ha avuto un incidente ed è in ospedale, vado a vederlo, vieni?" disse Louise, quasi sperando che Emily non lo facesse.
“OHHHH YESSSS INSERISCILO QUI!!! CI INCONTRO' LOU OHHH DIO!”
Era tutto ciò che Louise poteva sentire prima che la chiamata finisse. Non poteva fare a meno di sorridere tra sé e sé, stava facendo QUALCOSA con il suo ragazzo, il che significava che poteva essere la prima a vedere Ralph. Stava diventando fortemente protettiva nei confronti del giovane zenzero. Ha iniziato a giustificare le cose nella sua testa "Emily lo tradirebbe solo, non sarebbe onesta con lui, è troppo gentile per qualcuno del genere" ha deciso e ha intascato il telefono e ha iniziato a dirigersi verso l'ospedale.


Dan stava davvero entrando nel panico, Ralph era stato lì dentro troppo a lungo per stare bene, doveva esserci qualcosa di gravemente sbagliato, si era stancato di camminare in giro, si era accasciato su una sedia e aveva cominciato a sentire i suoi occhi che si riempivano bene, era davvero preoccupato per Ralph, e non voleva essere il responsabile della sua morte. Era tutto troppo e cominciò a crollare, si coprì velocemente il viso con le mani e cominciò a piangere in modo incontrollabile. Passarono solo pochi secondi prima che uno degli impiegati si avvicinasse a lui.
"Ehi, che succede amico?" chiese educatamente, sapeva che doveva essere paziente per non mettere fretta al ragazzo.
"Io-io-io sono così spaventato" Dan sputò.
"di cosa?" chiese quell'impiegato, non sapeva della situazione, era appena entrato per iniziare il suo turno.
"T-Tt-Hat non ce la farà, sarebbe anche colpa mia, non può morire, non è colpa sua per favore non lasciarlo morire a causa del m-mio errore per favore" Ben implorò l'impiegato per qualche motivo.
L'impiegato sapeva cosa non dire, così invece disse;
"faremo del nostro MOLTO meglio okay, sono sicuro che mi renderemo come nuovo!"
"Promettere?" gemette Ben, incapace di riprendere il controllo sulle sue emozioni.
"Promesso" disse l'impiegato con la massima sicurezza possibile, non aveva idea di cosa stesse parlando questo ragazzo, o dello stato del suo amico, ma 2 cose erano chiare, 1) questo ragazzo aveva bisogno di rassicurazione e speranza 2) l'impiegato stava per evita questa sala d'attesa per un po'.


Louise stava aspettando fuori dall'ospedale da circa un minuto prima che un facchino venisse da lei e le chiedesse...
"Ti chiami Louise?"
"sì, puoi andare a vedere Ralph?" rispose Louise rapidamente.
"Seguimi per favore" disse il portiere e lei si voltò per aprire la strada.
"Allora come sta, lo sai?" chiese Luisa.
"Scusa se mi è stato solo chiesto di venire a trovarti e portarti nella sala d'attesa giusta, ma dalle condizioni del ragazzo che mi ha trovato, penso che sembri brutto, mi dispiace" disse cupamente.
Louise conosceva Ralph solo da un giorno e un po', ma avrebbe fatto qualsiasi cosa per aiutarlo, impedire a qualsiasi cosa di fargli del male, perché sarebbe stato suo. Non importa cosa.


Quando Louise svoltò l'angolo vide un ragazzo della stessa età di Ralph seduto sul pavimento vicino alla porta, sapeva che era il ragazzo che aveva chiamato il portiere. Si sedette dall'altra parte della stanza, non sapendo cosa dire. È diventato molto rapidamente imbarazzante tra loro, quindi Louise ha tossito leggermente e ha chiesto "L'hai detto ai suoi genitori?"
"sì, hanno detto 30 minuti" ha risposto debolmente.
Il silenzio calò di nuovo sulla coppia, Louise aveva la sensazione che non le piacesse il suo ragazzo, e aveva imparato a fidarsi del suo istinto. Ma nonostante questo, voleva sapere se l'aveva detto a Emily. Quindi ha chiesto di controllare il telefono di Ralph per qualcosa, il ragazzo le ha lanciato il telefono e lei ha controllato i messaggi inviati, e ha visto che era stato inviato a tutti sulla sua lista di contatti, che consisteva solo dei suoi genitori, lei ed Emily e un ragazzo chiamato Dan.
"Chi è questo Dan allora?" chiese educatamente sperando di iniziare una convocazione per rompere il ghiaccio.
"Io sono Dan"
"Oh" è stato tutto ciò che è riuscita a fare.
Cominciò a chiedersi perché la sua rubrica fosse più un post-it telefonico, se avesse avuto un nuovo telefono o se fosse come lei, un po' un estraneo. Decise però che avrebbe scoperto se Ralph avesse tirato. Fu allora che il telefono le ronzò in mano. Era un messaggio di Emily che diceva:
"Ehi scusa, farò tardi, Louise ha avuto false indicazioni per essere lì tra 10 volte" "Quella CAGNA!" pensò Luisa. Stava cercando di usare Louise come un modo per evitare il ritardo perché era troppo impegnata a sbattersi il ragazzo nei bagni del college. Louise non poteva crederci, Emily aveva appena provato a pugnalarla alle spalle! Stava per dare una lezione a quella puttana egocentrica, ma poi si è resa conto che poteva volgerla a suo vantaggio.
"Scusi, che sala d'attesa è questa?" chiese a un'infermiera di passaggio.
“Sala d'attesa signorina D” rispose l'infermiera e corse via. Louise ha scritto una risposta e l'ha inviata a Emily. Tornò quindi al silenzio imbarazzante per alcuni minuti prima che il suono dei genitori preoccupati raggiungesse le sue orecchie, sapeva che stava per incontrare i suoi genitori.


Emily aveva appena finito di pulire quando ricevette la risposta.
“LOL va bene, sbrigati e vai 2 sala d'attesa A”
Si diresse fuori dal college e verso l'ospedale, rimpiangendo di aver lasciato che il suo ragazzo portasse con sé le mutandine e il reggiseno, dovette camminare per la maggior parte della strada con tutti che guardavano i suoi capezzoli induriti, che spuntavano dal tessuto morbido del suo top.
Anche se sperava che sarebbe stato un bel regalo per Ralph, la sua prossima "conquista".
Dopo una passeggiata di 10 minuti ha cominciato a sentirsi un po' eccitata con tutti i ragazzi che la guardavano con lussuria negli occhi. Ha persino lasciato che i ragazzi alla stazione degli autobus avessero una buona visuale mentre si sdraiava davanti a loro.
Amava far eccitare i ragazzi, sapeva che anche a loro piaceva. Ma sapeva che non poteva permettersi di essere molto più tardi, quindi si precipitò davanti all'ospedale e si diresse nella sala d'attesa A. Sperava solo che Louise non scoprisse la sua bugia.


"DOV'È MIO FIGLIO!??" disse Jane ad alta voce, in modo che tutto il personale potesse sentire la sua richiesta e saltare per obbedire ai suoi comandi. "VOGLIO VEDERE MIO FIGLIO IN QUESTO MOMENTO!" Ha chiamato di nuovo
"Mi scusi signora, non possiamo ancora permetterle di vedere suo figlio, per favore si sieda e la raggiungeremo il prima possibile." Disse con calma un'infermiera.
"Ascolta l'infermiera Jane, Ralph ha bisogno dell'attenzione di questa gente, quindi siediti e vado a prenderti una tazza di tè, ok?" disse Andy, il padre di Ralph. Si affrettò a cercare del tè.
"OK... CHI SEI DUE?" HA DETTO JANE COSI' FERMAMENTE CHE HA COSTRETTO LO SCRITTORE A SCRIVERE IN CAP LOCKS!
"Sono Dan, sono un amico di Ralph ed ero presente quando è successo" ha detto Dan con un tono leggermente spaventato.
"Io sono..." iniziò Louise.
"... DEVI ESSERE EMILY." Concluse Jane con sicurezza.
“No, sono Louise...”
"Il tuo chi?" chiese Jane.

********************************************* ***** *********************************************

Scusate, è così gentile ragazzi, stavo per farlo molto più lungo, ma ho pensato che potreste volere qualcosa di breve ora di qualcosa di leggermente più lungo dopo, non preoccupatevi, avrò presto la parte successiva

Storie simili

Assistenza medica

Il primo segno è stato il dolore. Non era tutto il tempo, lo colpiva in momenti diversi durante la giornata. Una specie di pulsazione e dolore che aumentava e gradualmente diminuiva. È iniziato qualche anno fa, dopo che aveva lasciato la chiesa. Quando il pastore era stato sorpreso a sbattere il direttore del coro dopo ore, Derek James aveva finalmente visto la luce, per così dire. In tutti questi anni, crescendo in chiesa, la gente gli diceva che il sesso era brutto, che non dovevi toccarti, che aspettavi il matrimonio e restavi fedele a tua moglie. Ebbene, se il pastore non...

1.4K I più visti

Likes 0

Ginocchia sbucciate

Era domenica, un giorno intero di riposo dal lavoro. Ciò significava che avevo l'intera giornata da dedicare all'altro mio lavoro, quello su cui avrei dovuto concentrarmi anni fa. Avevo programmato di fare un lavoro serio sulla mia tesi. Dal lato sbagliato del mio trentacinquesimo compleanno, io, Joseph Middleton, ero un ragazzo del college. Ero uno studente medio al liceo. I miei voti non erano abbastanza buoni per entrare in un college decente, cosa che non mi importava in quel momento. Semplicemente non mi importava molto se non uscire con i miei amici e cercare di scopare. Il problema era che non...

1.4K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Una Santa Femmina incontra il cane da guardia..._(1)

Era stretto. Molto stretto. Improvvisamente si ricordò della casa dell'anno scorso quando il suo vestito attillato graffiava le pareti incrostate di fuliggine del camino. Bella casa, grande soggiorno... residente caldo. Sorrise mentre si trascinava più in basso lungo i muri di mattoni, sentendo improvvisamente una brezza salire dal focolare, un ruscello sotto di lei. Qualcuno era appena uscito... o era entrato nella stanza. La brezza le fece saltare la gonna e lei rabbrividì. Non è la notte per andare senza mutandine, pensò. Poi di nuovo, ha dovuto lasciare qualcosa per un regalo. Trattenne il respiro e scivolò giù, senza sentire più...

1.3K I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

I miei amici mamma

Si tratta della mamma di Russell. Per cominciare, mi chiamo Jay e il mio migliore amico per la maggior parte della mia vita è stato Russell e questo è il mio diciottesimo compleanno. Beh, almeno la celebrazione del weekend successivo al mio diciottesimo compleanno. Dato che ero ancora al liceo, ho dovuto aspettare fino al fine settimana successivo per urlare ed è proprio quello che Russell e io avevamo programmato. Così venerdì sera presto sono andato a casa di Russell per andarlo a prendere con l'intenzione di andare entrambi alla capanna dei miei genitori per il fine settimana che era vicino...

815 I più visti

Likes 0

Becca

Questa è la vera storia di come ho perso la verginità all'età di quattordici anni. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------------------------- Hai la crema solare? mi ha chiesto mio padre. No, lo metterò alla festa, risposi. Eravamo in macchina a una festa a casa dei miei amici. Si chiamava Genna e andavamo a scuola insieme da diversi anni. Ero eccitato per questa festa per uno scopo. Mentre pensavo al motivo, la mia mente è tornata alla conversazione che ho avuto online con una delle ragazze della mia classe. (Nomi visualizzati inventati) D-Rock16: Ciao BeccaP69: Ehi, watsup Gabe D-Rock: Sai quel gioco che abbiamo giocato...

760 I più visti

Likes 0

Una nuova esperienza

Anita era così eccitata domenica mentre doveva partecipare alla festa di compleanno della sua migliore amica a casa sua. Erano le 16:30 quando era uscita di casa, tutta vestita e orgogliosa del suo aspetto. Ooooooooo! le persone rimarranno davvero sbalordite quando la vedranno con questo nuovo vestito rosso. Saranno davvero gelosi di lei oggi. pensando questi pensieri a se stessa. Finalmente era arrivata a destinazione. era la sua prima volta a casa del suo amico poiché conosceva solo il Block e non c'era mai stata prima. Ha iniziato a localizzare l'appartamento. Mentre lo faceva, suonava in un appartamento nel caso in...

695 I più visti

Likes 0

Harry Potter e il libro degli incantesimi dei desideri - Capitolo 31 - Pozioni correttive

Harry Potter e il libro degli incantesimi dei desideri Capitolo trentuno – Pozioni correttive Dichiarazione di non responsabilità: questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie di Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con il suo autore. Codici della storia: Mf, x-mast, ncon, reluc, cream pie, magic, unif, voy La Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts era diventata un terreno fertile per sesso, scandali e gravidanze adolescenziali con il passare del mese di aprile. Harry, Ron e Hermione erano al centro della controversia, e anche se gli studenti del quarto anno sapevano che il loro comportamento era...

691 I più visti

Likes 0

Il miglior addestratore alla pecorina

Intro: una brutta storia di una cattiva ragazza; adulti maggiorenni ma molto birichini. Non era la mia prima volta, ma da allora non l'ho più fatto e non è il mio genere....come segue: Tempo di gioco insieme durante le vacanze Così Mr Boyfriend Jake e io (una delle sue puttane) decidiamo di andare insieme per una vacanza economica in un appartamento/appartamento in città: provare a convivere per una pausa di due settimane. Ecco la sordida storia di quello che è successo (parte 1 di almeno 3) Dato che tutto ciò che volevamo fare era scopare, sembrava non avere molto senso andare...

619 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.