Parte 5) Eragon - Le piccole cose della vita

404Report
Parte 5) Eragon - Le piccole cose della vita

**** Lasciatemelo dire adesso. QUESTA NON È LA MIA STORIA, APPARTIENE A GryphonWings se vuoi leggere altre delle sue storie vai qui http://gryphonwings.sofurry.com/ questa è una serie in cinque parti**** *i tag includono
Umano, Orale, Non-antropo, Vaginale, Penetrazione profonda, Impregnazione, Dragonessa, Eiaculazione, Anime gemelle, M/F ps. spero che tu lo ami come me




"È ora," disse tranquillamente Arya uscendo di casa con una piccola pietra in mano. Si fermò proprio di fronte a Eragon e Saphira, tenendolo nel palmo della mano.
«Se la pietra diventa rossa, Saphira non è incinta. Se diventa blu, Eragon sarà il padre. Se diventa nera...» la sua voce si spense, ed Eragon capì perché non voleva dire quel risultato.

Scosse la testa, alzando la mano sopra la pietra nell'altro palmo e iniziò a tessere un incantesimo nell'antica lingua. Eragon non afferrò alcune parole, quindi doveva trattarsi di una magia estremamente complessa. Tentacoli di luce scorrevano dalle sue dita nella pietra, che divenne trasparente, sembrava vetro nella sua mano.

Saphira si spostò accanto a lui, lo sguardo fisso sull'oggetto luminoso nella mano di Arya. La sua tensione era al culmine, l'enorme drago era sul punto di spezzarsi per l'ansia. Sembrava un'eternità in attesa che l'elfo completasse il suo incantesimo. Eragon cominciò a spazientirsi, ma sapeva che a volte bisogna aspettare per ottenere le cose che si vogliono.

O non volevo. Tutto dipenderebbe dal colore che la pietra cambierà nei prossimi secondi. Lampeggiò e cominciò a brillare più intensamente. Arya fece una smorfia ed Eragon capì che la magia stava mettendo a dura prova le sue riserve di energia. Tuttavia, continuò e pochi secondi dopo, il mondo di Eragon cambiò per sempre. All'improvviso smise di brillare e tutti guardarono con ansia la pietra.

Blu. La pietra era diventata blu! Eragon quasi crollò dal sollievo e Saphira sorrise con orgoglio quando si rese conto che presto avrebbe partorito un uovo con lui come legittimo padre. Una volta che il cavaliere ebbe ripreso i sensi, avvolse le braccia attorno al suo drago di zaffiro, godendosi la buona notizia.

Anche Arya era felice, ma per una ragione diversa. I cavalieri sarebbero vissuti ancora una volta e ora avevano un'altra arma da usare contro il malvagio re Galbatorix. Sarebbe stata un'ottima notizia per gli elfi, ma doveva comunque proteggere la privacy delle coppie. Anche Eragon ci aveva pensato, e rivolse la sua attenzione a lei.

«Arya, cosa possiamo dire? Non vedo alcun modo per spiegarlo», disse Eragon, con la mente quasi piena di felicità. Tuttavia rimase calmo, anche se avrebbe voluto solo gridare di gioia. L'elfo aggrottò la fronte per un momento, immerso nei suoi pensieri.
"Potremmo dire che l'uovo di Saphira è quello che Galbatorix aveva nel suo castello, e che noi lo abbiamo rubato. Nessuno ne saprebbe di più, e se lo dicessi nella tua vecchia lingua, nessuno metterebbe in discussione.

Eragon ci pensò un attimo, ma fu Saphira a parlare.
"È un buon piano, ma vedo alcuni problemi. Per prima cosa, cosa succederebbe se gli venisse chiesto di dire la stessa cosa nell'antica lingua? Inoltre, che ne dici di quell'uovo vero e proprio che Galbatorix ha? E se lo riprendessimo?" , allora cosa diremmo?

Lei annuì, riconoscendo che poteva essere difficile. Eppure, sapevano tutti che non c'era altro modo. Saphira, in vena di festeggiare ora che sapeva di non essere incinta di un mostro, trascinò Eragon e volò in cielo. Eragon fece un cenno di addio ad Arya, che Saphira aveva dimenticato fosse lì.

"Dove stiamo andando?" chiese mentre il vento gli sfiorava il viso. Saphira non rispose, ma si tuffò in un tuffo terrificante, livellandosi sopra il lago che visitavano così spesso. Eragon si asciugò la fronte, avrebbe dovuto saperlo. Saltò giù e Saphira gli saltò sopra, facendolo cadere a terra.

"Siamo un po' emozionati, vero?" le chiese Eragon scherzosamente.
"Non ne hai idea," rispose, strappandogli i vestiti con un movimento rapido. Il suo cazzo si era già indurito considerevolmente, e lei era bagnata dall'eccitazione mentre contemplava di montare Eragon per ore, cavalcandolo finché non crollava per la stanchezza.

«Non farebbe bene all'uovo, non direi» lo prese in giro Eragon.
"Certamente no," disse una voce pesante dall'ombra. Saphira ringhiò ed Eragon alzò lo sguardo, realizzando in un lampo chi era apparso. Si alzò in piedi e corse ad afferrare Brisingr, ma era troppo tardi.

Galbatorix emerse nella radura, scagliando via la spada del cavaliere con uno schiocco di dita. Shurikan scivolò dietro di lui e Saphira si maledisse per non averli visti prima.
"Non pensavi che ti avremmo lasciato andare così facilmente?" disse beffardamente. Eragon strinse il pugno.

"Ti stiamo osservando da quando ci siamo divertiti l'ultima volta che ci siamo incontrati." Shurikan rise mentre pronunciava quelle parole e fu il turno di Saphira di impastare gli artigli con pura rabbia.
"Sembra", continuò il re malvagio, "che l'ultima volta non abbiamo avuto successo. È un vero peccato, ma ci sono dei compromessi."

Fece qualche passo verso i due, senza distogliere lo sguardo da loro mentre si avvicinava. Si fermò a distanza di sicurezza.
"Se non posso avere un uovo allora dovrò accontentarmi di sapere che due dei miei nemici non potranno più respirare in questo mondo." Rise, una risata crudele e spietata che echeggiò in modo inquietante nella radura.

Saphira si irrigidì ed Eragon alzò i pugni, con grande divertimento di Galbatorix.
"Non farmi ridere," ridacchiò, "Pensi davvero di potermi sconfiggere?" Eragon fece una smorfia, sapeva che erano decisamente surclassati. Tuttavia, ciò non gli impedì di voler smontare il re, pezzo per pezzo.

Galbatorix alzò le mani, la mano splendente mentre preparava l'ultimo, fatale incantesimo che li avrebbe mandati nel vuoto. Eragon si preparò a bloccare qualunque cosa potesse essere, con la mente in fermento per la scarica surrenale che precedeva un combattimento. Abbassando le mani, scagliò la sua palla di energia malvagia contro il cavaliere preso di mira.

All'improvviso si fermò. Eragon guardò, sbalordito, quando vide la punta di una lama sporgere dal petto dei re. Dietro di lui c'era Arya, con un'espressione di fredda furia impressa sul viso mentre gli strappava la lama dal petto. Fece oscillare la spada in un cerchio, eliminando il sangue prima di rimetterla nel fodero.

Sfortunatamente, ha sottovalutato il malvagio Cavaliere. Con un movimento rapido completò l'incantesimo, scagliando l'energia magica verso Saphira.
È successo tutto in un lampo. Eragon, muovendosi con sorprendente agilità, si tuffò davanti al suo drago. La magia lo colpì con tutta la sua forza e si accasciò in un mucchio.

Arya corse al suo fianco ma fu sbattuta contro un albero da Shurikan, che si era ripreso mentalmente dal dolore della ferita di Galbatorix. Saphira ringhiò e si scagliò contro Shurikan, scaraventandolo tra gli alberi. Vedendo l'opportunità, Galbatorix si alzò in piedi e si inoltrò barcollando nella foresta.

Shurikan uscì da Saphira e seguì il suo cavaliere nella foresta. Saphira fece per inseguirli, ma si fermò, rendendosi conto che Eragon era in grave pericolo. Il loro legame mentale era cessato, quindi era privo di sensi o...
"Non penso che sia morto," disse Arya, "ma dobbiamo riportarlo a casa mia."

Saphira annuì, sapendo che pochi secondi avrebbero potuto separare il suo amante dalla vita e dal vuoto. Arya se lo mise sulla schiena e salì, sapendo che a Saphira non sarebbe dispiaciuto. Era il modo migliore per viaggiare velocemente sul dorso di un drago. Senza una parola, decollarono e tornarono a tutta velocità verso Ellesmera.

***

Cadendo a terra, Arya smontò rapidamente da Saphira e tirò fuori il corpo inerte di Eragon dalla sua schiena squamosa. Dopo averlo steso sull'erba, si precipitò rapidamente in casa, tornando con una bracciata di pergamene. Distendendoli a terra, cominciò a sfogliarli. Sapeva che l'incantesimo usato da Galbatorix sarebbe stato senza dubbio fatale se non fosse stato guarito. Il re aveva un modo per assicurarsi che i suoi nemici morissero.

Dopo qualche minuto trovò una pergamena con un possibile contatore della magia malvagia. Iniziò immediatamente mentre Saphira osservava attentamente, il suo giubilo precedente completamente scomparso. Si sedette come una pietra a pochi metri di distanza, sperando in silenzio che non fosse la fine. Arya alzò le mani su di lui, mentre le parole si formavano sulla sua bocca, ma Saphira non stava nemmeno ascoltando.

Cercò disperatamente la sua coscienza con la mente, cercando di trovare qualche segno di vita o di attività mentale, ma non ci riusciva. Arya abbassò le mani sul petto di Eragon, la magia fluì attraverso il suo bellissimo corpo nel suo. Saphira non aveva idea di quale incantesimo stesse usando ma non le importava, sapendo che se qualcuno poteva aiutare il suo cavaliere era l'elfo di fronte a lei.

Lentamente, la luce dal palmo di Arya si spense e lei si accasciò su Eragon, esausta. Saphira la guardò con preoccupazione, ma sapeva che l'elfo sarebbe andato bene. Eragon, tuttavia, non si mosse. Arya si alzò con cautela, guardando Eragon con pietà e dolore che si insinuavano sui suoi lineamenti del viso. Saphira se ne accorse immediatamente. Si voltò verso il grande drago, scuotendo tristemente la testa.
"Saphira, io..."

«Non è morto» disse Saphira, interrompendola.
"Come puoi dirlo?" Arya rispose freddamente, ogni segno di vita da parte del cavaliere era completamente inesistente.
"Perché se fosse morto, lo sarei anch'io. Ricorda, i draghi seguono i loro cavalieri nel vuoto." Saphira sbuffò, ancora molto angosciata.

"Mi scuso, è stata una cattiva svista," disse Arya, sorpresa di averlo dimenticato. Tuttavia, non era convinta che Eragon sarebbe tornato da loro. Dopotutto gli elfi erano realisti. Saphira si avvicinò al suo cavaliere, dandogli una gomitata con la testa.
"Oh, piccolo," gli disse piano, "perché hai fatto questo? Avresti dovuto lasciarmi subire l'esplosione, avevo più possibilità di riuscire a fermarla."

Negli occhi di Saphira cominciarono a formarsi le lacrime, grosse goccioline che cadevano pesantemente a terra.
"Non è colpa tua," le disse Arya in tono consolante, "stava solo cercando di essere nobile." Anche lei chinò la testa prima di sollevare il suo corpo senza vita e trasportarlo nella sua capanna.

"Penso che dovrebbe... restare qui," disse mentre lo sdraiava sullo stesso letto in cui entrambi avevano avuto momenti intimi non molto tempo prima. Saphira guardò fuori dal finestrino per un momento prima di voltarsi e partire per decollare.
"Dove stai andando?" chiese Arya.

"Ho qualcuno con cui devo parlare. Non mi sono ancora arresa", ha detto Saphira prima di lanciare il suo corpo muscoloso nei cieli. Arya la guardò scomparire prima di tornare da Eragon, crollando sul letto con lui a causa della stanchezza dovuta alla magia che aveva appena eseguito per salvarlo. Tutta l'emozione la attraversò e lei pianse, seppellendo la testa nella sua tunica.

Lo aveva amato, e ora che se n'era andato non sarebbe mai riuscita a dirglielo. Sapeva che lui amava Saphira, ma aveva sperato di poterlo almeno condividere con il potente drago. Era strano, lo sapeva, ma Eragon era capace di amare abbastanza per entrambi. Le sue lacrime scorrevano liberamente mentre cadeva in un sonno profondo, la stanchezza si impossessava del suo corpo.

"Ti amo," disse, lasciando uscire i suoi pensieri anche se lui non poteva sentirla.

***

Saphira allargò bruscamente le ali, atterrando a pochi metri dalla casa degli elfi. Aspettò pazientemente finché un paio di occhi luminosi emersero dall'oscurità.
"Solembum", disse, chinando la testa rispetto all'intelligente gatto mannaro. Solembum balzò sulla sua spalla squamosa, guardandola dritto negli occhi.

"È Eragon, vero?" disse piano il gatto mannaro.
"Come hai fatto..." iniziò Saphira ma Solembum la interruppe con un gesto sprezzante della coda.
"Conosco la vostra relazione da un po' di tempo, e ora la sua energia magica è scomparsa dalla foresta. Deve essere in guai seri."

Il gatto mannaro leccò attentamente uno dei suoi artigli mentre Saphira lo fissava incredula. Era molto più informato di quanto lei gli avesse creduto. E come poteva sentire che l'energia di Eragon se n'era andata? Ciò richiederebbe davvero un grande potere.
"Sì," riconobbe Saphira, "e mi chiedevo se potevi aiutarmi? L'elfa Arya non ha avuto successo nei suoi tentativi di rianimarlo."

Solembum annuì, prendendosi un momento per riflettere prima di sedersi sulla spalla di Saphira.
"Sembra che Galbatorix abbia usato una magia nera piuttosto pesante. C'è la possibilità che, sebbene possa sembrare morto, sia semplicemente in una sorta di coma, forse sotto il controllo del re."

Un po' sorpresa, Saphira guardò il gatto mannaro per continuare. Non aveva considerato quella possibilità.
"Quindi," continuò Solembum, "ti consiglio di tenerlo sotto stretta sorveglianza finché non mostra segni di vita. Non si sa mai. Pensa, se il re lo volesse morto, lo saresti anche tu."

Con un rapido balzo il misterioso gatto mannaro si staccò dalla sua spalla e scomparve nella notte.
"Addio, Scaglielucenti," disse quando la sua forma scomparve alla vista. Saphira inclinò la testa e poi se ne andò per tornare da Eragon e Arya, affrettandosi a fornire le nuove informazioni.

Tornò indietro in tempo, atterrando direttamente davanti alla capanna. Quasi subito avvertì che qualcosa non andava. Guardando attraverso la finestra rimase scioccata nel vedere l'interno della casa in gran parte demolito.
"Arya," urlò mentalmente Saphira, sperando in una risposta. Ne prese uno, ma era molto debole.

"S-Saphira," disse una voce debole da sotto il letto rovesciato. Con un possente ruggito Saphira infilò le due zampe anteriori nella finestra e con grande sforzo tirò quasi a metà la casa, permettendo al suo massiccio corpo di accedere all'elfo. Rimuovendo il letto con i denti, vide Arya sdraiata sul pavimento con il sangue che le copriva il corpo.

"Quello che è successo?" chiese, già indovinando la risposta.
"Era Eragon," rispose piano, "stavo preparando la colazione e lui si è alzato e ha cominciato a scatenarsi con la magia. Era fuori controllo e faceva esplodere chiunque si trovasse sulla sua strada, me compresa."

Saphira fece una smorfia, il gatto mannaro aveva ragione. Di solito lo era, comunque.
"Avete bisogno di aiuto?" chiese. Arya scosse la testa.
"Starò bene, sono abbastanza resistente. Non preoccuparti per me, vai a cercare Eragon. Fermalo."

Saphira annuì, ma come avrebbe potuto fermarlo? Se fosse sotto il controllo del re, allora lei avrebbe dovuto ucciderlo. Tuttavia, sapeva che non avrebbe mai potuto farlo perché avrebbe ucciso anche lei, mentalmente e fisicamente. Concentrandosi per un secondo lo localizzò, il suo potere si irradiava ancora una volta attraverso la foresta, solo che questa volta era molto più forte.

Uscendo dalla capanna, Saphira sapeva che sarebbe stata una questione difficile da affrontare. Stringendo i denti volò verso la Pietra delle Uova Rotte, dove i suoi sensi le dicevano che si trovava Eragon. Volò a grande velocità, chiedendosi perché lui, o il re, volessero andare lì. C'era qualcosa nascosto nelle antiche rocce?

Nel giro di pochi minuti vide Eragon, in piedi sulla scogliera, che le dava le spalle. Atterrò dietro di lui, lasciando cadere il corpo a terra a poche decine di metri di distanza. Lei attese pazientemente, un po' confusa ora su quello che stava facendo. Rimase immobile per qualche secondo, poi parlò con la voce profonda e gutturale di re Galbatorix.

«Ti stavo aspettando» disse minacciosamente Eragon, estraendo lentamente Brisingr e stringendolo tra le mani. Saphira fece un passo indietro, del tutto incapace di decidere cosa fare. Era ovvio che non era più Eragon nella mente, ma lo era nel corpo. Se lo avesse ucciso, anche Eragon sarebbe morto. La sua mente era piena di pensieri.

Sfortunatamente, il suo era concentrato solo su uno. Brandendo Brisingr come un martello da guerra, Eragon corse verso Saphira, scagliandosi contro di lei senza riguardo per la propria incolumità. Fece un passo indietro e saltò in cielo, realizzando che l'unica ragione per cui Galbatorix aveva controllato Eragon era divertirsi un po' a sue spese. Se lei lo avesse ucciso, sarebbe stata la fine per entrambi, e se Eragon l'avesse uccisa, sarebbe stato tormentato per il resto della sua vita.

Rimase in aria, sperando di poterlo evitare ma, sfortunatamente per lei, il Re poteva controllare la magia di Eragon. Si sentiva sbattuta al suolo e lottava per liberarsi. Eragon avanzò verso di lei, con la spada in mano, ma lei si scagliò contro di lei e lo buttò via con le sue grosse gambe. Lui cadde a terra, la spada roteò via, e lei colse l'occasione per immobilizzarlo tra i suoi artigli.

Sorrise malvagiamente e allungò la mano, evocando la spada che gli tornò in mano. Ha tagliato la gamba di Saphira e lei si è lasciata andare per il dolore, e sulla sua zampa anteriore è apparso uno squarcio. Diede un altro colpo e colpì Saphira sulla spalla, lasciandole un altro grosso taglio. Ruggiva di dolore; Brisingr era incandescente a causa della sua magia intrisa.

Saphira provò di nuovo a volare, non volendo ferire affatto il suo cavaliere. I suoi tentativi di evitarlo, tuttavia, furono inutili, a causa della sua abilità magica rafforzata dal controllo del re. Ancora una volta si ritrovò a toccare il suolo, andando a sbattere pesantemente contro la pietra. Con un rapido movimento della mano Eragon la spinse contro un'enorme pietra e la legò con una corda magica impenetrabile.

Non poteva fare nulla mentre il suo cavaliere si avvicinava, mentre il sorriso confuso di Galbatorix distruggeva i suoi bei lineamenti. Fermandosi davanti a lei, illuminò Brisingr e fece scorrere la parte piatta della lama lungo le sue scaglie in modo scherzoso. Indietreggiò per il calore intenso che stava producendo, abbastanza da perforarle persino le scaglie. Facendo scorrere la lama lungo la sua schiena, all'improvviso la conficcò in lei, trafiggendo la spada solo per una frazione del percorso.

Anche così, era abbastanza. Saphira gridò di dolore mentre la lama fiammeggiante la trafiggeva. Eragon rise con una voce che apparteneva a un uomo molto più malvagio. Quando Saphira si fu ripresa abbastanza dalla spada, si chiese se il vero Eragon fosse ancora lì dentro.
"Eragon," implorò piano.

"Può sentirti, lo sai," disse Eragon/Galbatorix. Saphira ringhiò, senza alcun dubbio che il suo cavaliere potesse sentirla. Galbatorix si sarebbe assicurato che entrambi vedessero tutto ciò che sarebbe accaduto sulla Pietra. Eragon le passò ancora una volta la spada sul corpo, preparandosi per un altro giro di gioco a puntaspilli con il suo drago catturato.

Sorridendo, tirò indietro la spada e la colpì contro l'ala. Saphira chiuse gli occhi, aspettando l'inevitabile dolore che sarebbe arrivato dopo. Non è stato così. Guardando indietro vide, incredibilmente, Arya con la lancia che scaraventava Eragon a terra. La coppia si schiantò contro il terreno pietroso, mentre Brisingr scivolò via ancora una volta.

Eragon le afferrò la gola e cominciò a stringerla, cercando di soffocare lo splendido elfo. Arya non voleva niente di tutto ciò. Liberandogli la mano, lo sollevò con una forza incredibile e lo scagliò contro un'altra roccia. Nella loro battaglia le prese su Saphira si indebolirono e lei si liberò, cadendo a terra dolorante per la ferita.

Arya corre verso Eragon prima che possa riprendersi, credendo che sia stordito. Tuttavia, lei era caduta nel suo trucco, poiché Brisingr era di nuovo nelle sue mani. Con un grido di trionfo fece oscillare la spada, ma tutto ciò che incontrò fu aria. Arya non si vedeva da nessuna parte. Solo pochi secondi dopo gli venne in mente che si era trattato di un'illusione magica.

Arya era davvero con Saphira, curandola rapidamente con la sua magia. Eragon si precipitò lì ma era troppo tardi, Saphira si era ripresa completamente. Arya fece cenno a Saphira di restare fuori dal combattimento. Accettò con riluttanza, ma sapeva che sarebbe intervenuta se Arya avesse avuto l'impressione che stesse per perdere. Tuttavia, non vedeva come Arya avrebbe potuto risolvere il problema.

Stranamente, Arya le fece l'occhiolino prima di voltarsi verso Eragon. Adesso aveva un aspetto terribile, come se il male avesse consumato il suo intero corpo. Brisingr brillava di un blu scuro e tremolante invece del solito blu brillante che aveva visto prima. L'odio era scritto su tutto il suo corpo, dal viso al modo in cui stava. Era uno spettacolo intimidatorio, ma Arya sapeva che era tutto solo Galbatorix che faceva giochi mentali con lei.

Non ha estratto la spada, ha scelto invece di usare la testa. Sapeva che l'unico modo per porre fine a tutto questo era liberare Galbatorix dal corpo di Eragon, ma non sapeva esattamente come. Tuttavia, le era venuta in mente un'idea e voleva provarla. Eragon era ancora dentro da qualche parte, e forse lei avrebbe potuto convincerlo a liberarsi.

Eragon corse verso di lei, con la lama fiammeggiante in mano. Lui si scagliò e lei schivò agilmente l'attacco, assestando a Eragon un rapido colpo alle costole mentre passava. Poiché era sotto il controllo del re malvagio, i suoi riflessi non erano così acuti, ma non sentiva dolore. Il pugno alla costola passò inosservato mentre si voltava di nuovo verso l'elfo.

Entrò in un complesso attacco a forma di otto che non ebbe alcun effetto su Arya mentre ballava per allontanarsi. Quando si fermò, lei gli saltò incontro con grazia e gli fece cadere la spada di mano. Galbatorix non era un bravo burattinaio. Afferrandolo per la vita lo gettò a terra, bloccandogli le braccia dietro la testa.

"Non mi farò sconfiggere", ringhiò, ma Arya non si arrese.
"Eragon, so che sei lì, cerca di liberarti," disse Arya, lottando per trattenerlo.
"È inutile, è troppo debole per resistere alla mia forza," sputò Galbatorix/Eragon. Arya scosse la testa, continuando a tenerlo a terra.

Con sorpresa di Saphira, Arya si sporse in avanti e guardò Eragon dritto in faccia.
"Ti amo," disse piano prima che il divario tra loro si chiudesse e lo baciasse fermamente sulle labbra. Eragon cercò di allentare la sua presa, ma lei resistette, baciandolo appassionatamente finché il suo corpo non si afflosciò.

Interrompendo il bacio guardò Eragon, senza vedere segni di vita. Lei scese dal suo corpo e lui aprì rapidamente gli occhi. Facendosi forza, Arya lo guardò.
"Eragone?" chiese speranzosa. Gemette e si mise a sedere, massaggiandosi le labbra dove Arya aveva appoggiato le sue un minuto prima.

"È... finita," disse tremante, ancora riprendendosi dall'invasione del re malvagio. Arya rise e Saphira si avvicinò, leccando felicemente la faccia di Eragon. Ha visto il segno sulla sua schiena da dove l'aveva tagliata.
"Mi dispiace tanto, Saphira," disse, ma al suo drago non importava perché non era stato lui ad avere il controllo.

"Non è colpa tua", ha detto. Rivolgendosi ad Arya, Saphira la guardò negli occhi.
"Eri sincero in quello che hai detto?" chiese tranquillamente all'elfo.
"Sì," rispose Arya, "Lo amo con tutto il cuore. Se tra te ed Eragon va bene, potrei condividere la vostra relazione?"

Eragon sembrava sorpreso, non se lo aspettava.
"Vuoi essere il compagno di Eragon... così come me?" chiese Saphira incredula.
"Ecco... sì, se non hai obiezioni. Può amarci entrambi, perché è un'anima gentile e amorevole."

Saphira ci pensò un attimo. Era sempre stata protettiva nei confronti di Eragon ma non vedeva alcun motivo per cui non potesse andare a letto con Arya. Avrebbe sempre amato di più il suo drago, perché erano intimamente legati.
"Arya, se lo desideri puoi tranquillamente giacere con Eragon", disse. Eragon sorrise, ora aveva due delle creature più belle del mondo con cui dormire.

"Grazie," disse a Saphira, il suo amore per il drago non faceva altro che intensificarsi grazie al suo atto generoso. Entrambi saltarono dalla schiena di Saphira e volarono di nuovo al lago dove lei ed Eragon di solito si rilassavano. Il pericolo era passato, c'era un bambino in arrivo ed era tempo di festeggiare. Era passato molto tempo.

***

Due settimane dopo

***

"Oh Eragon," gemette Arya mentre lui la penetrava per la quarta volta quella settimana. Ora che Arya dormiva liberamente con lui, aveva scoperto che era una vera tigre in camera da letto. Tranne un piccolo dettaglio. Non erano in camera da letto. Saphira gemette mentre le sue viscere venivano ripulite dall'elfo arrapato, che aveva la faccia sepolta profondamente nella profonda presa del drago.

Eragon era estremamente eccitato dalla sexy principessa di Ellesmera che mangiava il suo stesso drago. Gli faceva venire voglia di liberarsi, pompando il suo cazzo duro in profondità nel corpo stretto di Arya. La sua vagina lo attirava in modo invitante, le sue pareti lisce già ricoperte dal suo pre-sperma facilitavano il loro accoppiamento. Sembrava che gli elfi fossero molto ristretti e che gli umani fossero più dotati.

Rendeva il loro sesso davvero molto eccitante, così eccitante che quando Arya si era ridotta a sussurrare il suo nome sul materasso ogni notte, Saphira aveva finalmente deciso di unirsi a lui. Nessuno dei due si oppose.
"Più difficile", disse Arya tra i respiri pesanti. Eragon obbedì, colpendola ad una velocità sorprendente.

Arya sentì la sua lingua spingersi più a fondo nelle invitanti pieghe di Saphira, che le fornirono il gusto che aveva imparato ad amare. Saphira fece le fusa di piacere mentre l'elfo le leccava allegramente le viscere, facendo una pausa ogni tanto per parlare. Saphira amava sentire la lingua aggraziata dell'elfo sondare il suo morbido passaggio, ma non aveva l'abilità di Eragon quando.

Portò le braccia attorno alla vita di Arya e le colpì la figa con forza, creando un incredibile attrito tra i due. Ogni volta che usciva si sentiva uno schiocco umido mentre il suo cazzo lasciava il suo stretto ingresso.
"Vieni dentro, Cavaliere del Drago," chiese Arya in tono lussurioso. Eragon non poteva essere in disaccordo con la sua focosa elfa, felice di darle ciò che voleva.

Eragon affondò ancora qualche volta prima di seppellirsi fino in fondo, facendo sì che la lingua di Arya sfiorasse il punto più sensibile di Saphira. Con un forte grido tutti e tre raggiunsero l'orgasmo contemporaneamente. Eragon riempì Arya del suo seme caldo e appiccicoso, dandole la sensazione piena e calda che desiderava. La sua vagina lo strinse in tutta la sua lunghezza mentre il suo orgasmo la sopraffaceva.

Saphira spruzzò abbondanti quantità dei suoi fluidi sul viso di Arya, che bevve avidamente per soddisfare le sue voglie. Eragon si sporse in avanti e ne leccò via un po'. Baciò Arya goffamente dalla posizione di ingresso posteriore in cui si trovavano e poi si tirò fuori, facendo uscire lo sperma dalle sue labbra gonfie mentre rimuoveva il suo organo gocciolante.

Arya si inginocchiò e leccò la sua virilità, assaporando i loro succhi combinati in bocca. Eragon sorrise, il suo pene era ancora duro come la roccia. Dopo essere stato con un drago e un elfo, aveva sviluppato una resistenza straordinaria che gli permetteva di dormire con entrambi nella stessa notte. Si avvicinò a Saphira, senza perdere tempo nell'immergere il suo membro palpitante nella tana ormai sciatta del drago.

Lui scivolò dentro senza sforzo, grazie al lubrificante già prodotto dal suo orgasmo precedente. Iniziò immediatamente a spingere dentro e fuori, scopando amorevolmente il suo drago. Saphira lo adorava, qualunque cosa facesse Eragon era sempre perfetto per lei. Arya guardò per un minuto prima di decidere di provare qualcosa di nuovo.

Scivolando sul corpo di Saphira, si sdraiò a faccia in giù sullo stomaco di Arya. Abbassò la testa nel punto in cui la carne liscia di Eragon stava scivolando rapidamente dentro e fuori dalla vagina di Saphira. Posizionò la bocca in modo da poter leccare il clitoride di Saphira e sentire l'asta di Eragon scivolare lungo la sua lingua elfica mentre penetrava Saphira.

Eragon gemette di piacere al nuovo contatto, ora aveva due paia di labbra da passare mentre faceva grugnire di soddisfazione Saphira. Arya poteva assaporare i loro fluidi ogni volta che la lunga asta di Eragon le scorreva lungo la lingua. Il loro caldo fare l'amore continuò per molti minuti di beato piacere finché Eragon e Saphira non poterono sentire il loro imminente rilascio.

«Generami, Eragon», disse Saphira con un sorriso. Eragon, che era così abituato a dare al suo drago tutto ciò che voleva, obbedì. Lui si insinuò in lei, ricoprendo il suo ampio passaggio con uno spruzzo dopo l'altro del suo grosso sperma. Arya leccò più che poteva la sua lunghezza mentre l'orgasmo di Saphira le fece massaggiare sensualmente la lunghezza di Eragon dai suoi muscoli vaginali.

Rimase a Saphira per un po', il suo calore draconico era molto rilassante e piacevole sul suo cazzo. Quando finalmente si tirò fuori, Arya ricevette un'ottima dose dei succhi di Eragon e Saphira mentre la sua bocca succhiava la sua asta. Eragon era finalmente esausto, quindi si sdraiò sulla pancia di Saphira con Arya che si univa a lui.

"Questi sono stati i giorni più belli della mia vita," affermò felicemente Arya. Eragon annuì d'accordo, l'unica cosa che poteva battere il sesso con Saphira era farsi aiutare dall'elfa più sexy di Ellesmera.
"Cosa suggerisci di fare se rimani incinta?" le chiese Saphira seriamente.

"Niente", rispose Arya, "Sarei onorata di dare alla luce suo figlio come faresti tu con il tuo uovo." Saphira annuì bruscamente ed Eragon abbracciò Arya con ardore, lieto di avere con sé amanti così grandi.
"Cosa facciamo adesso?" chiese Eragon.

"Non ne ho idea," gli disse Arya, "ma mi piacerebbe tornarci." A questo punto si aprì con le dita. Saphira ridacchiò, l'elfo era insaziabile. Tuttavia, anche lei era un po' insaziabile, quindi non ha commentato. Invece si girò finché non fu sopra la coppia e permise ad Arya di leccarla di nuovo mentre Eragon usava la bocca sull'elfo.

Tra il sesso, l'uovo e Galbatorix avrebbero trascorso un anno fantastico ed emozionante. I tre continuarono ad accoppiarsi in beatitudine mentre il sole tramontava e l'oscurità riempiva il cielo.

Sarebbe stato un periodo lungo e felice.

***

Tre mesi dopo

***

Arya irruppe nella stanza, saltando tra le braccia di Eragon. Stava piangendo, qualcosa che Eragon non vedeva spesso. Stranamente, non sembrava infelice.
"Cosa c'è Arya?" chiese, piuttosto confuso in questa fase.

"Eragon, sono incinta!"






Grazie a tutti coloro che hanno tenuto il passo con questa serie, per tutti i preferiti, osservatori, commentatori, valutatori. Hai reso questa serie la più popolare degli ultimi mesi e te ne sono estremamente grato.
Questo doveva essere l'ultimo capitolo, ma probabilmente ho lasciato troppi punti in sospeso per finirlo adesso. Invece, probabilmente mi prenderò una pausa da questa serie per dedicarmi ad altre storie che volevo scrivere prima di tornarci.
Ho alcune cose come riscrivere la mia storia di Typhlosion, inoltre volevo fare alcune cose con Red XIII (Nanaki) di Final Fantasy 7. Avevo anche in mente una storia su Shiron e Ranshiin (dal cartone animato giapponese ' Legendz')
Ma non è tutto. Il mio corpo è quasi pieno di prurito alla scrittura, quindi se senti di avere qualcosa che vorresti che scrivessi, sentiti libero di mandarmi un messaggio personale attraverso il sistema di messaggi di Yiffstar.
Eragon - A Rider for Saphira è stato un enorme successo e ringrazio ancora una volta tutti voi che avete contribuito alla vivace comunità della storia, in particolare alcuni dei miei lettori precedenti (che sono così numerosi che non potrei nominarli tutti, ma voi sai chi sei!)
Questa serie non finirà, ma potrebbero essere necessarie alcune pause severe finché non avrò soddisfatto alcune delle mie altre voglie di scrittura.
Continuate a leggere, continuate a scrivere e mantenetelo reale!
GryphonWings.


** una nota di tdragon142 GryphonWings potrebbe far ripartire questa serie, ma per ora è una serie in cinque parti, spero che continui e mi permetta di pubblicarle qui**

Storie simili

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

858 I più visti

Likes 0

Un giorno da ricordare_(3)

Tutto è iniziato quando sono stato in grado di andare in un bed and breakfast senza vestiti nel Maine che i miei occhi erano aperti su ciò che mi aspettava. La visita nel Maine mi ha colto di sorpresa, mentre in viaggio d'affari ho deciso di soggiornare in un B&B invece che in un hotel. Era novembre quindi faceva un po' freddo ma hanno una piscina coperta e in un edificio accanto alla piscina una sauna. Entrando nella sauna non mi ha sorpreso trovare uomini e donne nudi seduti intorno. C'era una grande sauna, ma presto ho scoperto che c'erano diverse...

615 I più visti

Likes 0

Brutalmente scopata dal mio coinquilino etero: un altro livello di bromance_(1)

Kareem è uno studente universitario di 22 anni. Ha una specie di faccia da ragazzo carino; tiene i peli del viso allineati molto bene. È alto circa 5 piedi e 10 pollici, con una corporatura leggera e la sua pelle è del colore del caffè leggermente cremoso. Kareem ha da tempo accettato di essere gay, ma non è il tipo di gay frocio che cammina e parla in modo divertente e indossa abiti femminili. È solo un tipo delinquente che ama davvero il cazzo; un mestiere, per così dire. Bene, nel suo ultimo anno di college, ha molto più di quanto...

581 I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

504 I più visti

Likes 0

Il loro mondo parte 3

Non so ancora quante ore ho passato dentro quel terribile capannone di alluminio, legato come un maiale... cercando di affrontare il folle calore che mi picchiava attraverso il tetto di metallo... annegando in una pozza del mio stesso sudore . Cosa avevo fatto di sbagliato? Cosa avevo fatto per meritarmi questa tortura disumana? Quella era la parte peggiore. Non avevo fatto niente di male. Tutto quello che ho fatto è stato aiutare mia moglie Monica e il suo amante Randy a prepararsi per una festa a cui stavano andando. Poi, quando erano quasi pronti per andarsene, Randy ha iniziato a schiaffeggiarmi...

1.6K I più visti

Likes 0

Vorresti due di me? Questo avverrà in un futuro molto prossimo….. ….Sono Lisa e ho fatto un grande passo e ho messo insieme segretamente un clone e una combinazione robotica di me stesso. La mia azienda pensava che fosse solo l'ultima ragazza robot che avevo creato. Ho aspettato che il ragazzo giusto lo provasse. Ho finalmente trovato quello che cercavo. Era bello, sexy e giovane. Perfetto…. --------- …Ron…. ...Ho ricevuto informazioni su un'azienda che voleva che qualcuno provasse la loro ultima ragazza robot. L'ho esaminato e sembrava interessante. Li ho contattati e mi hanno accettato come un buon test per lei...

1.6K I più visti

Likes 0

Il wrestling ci ha fatto iniziare....

Quando avevo 18 anni avevo un amico intimo con cui uscivo tutto il tempo. Il suo nome era Davide. Anche se entrambi eravamo interessati alle ragazze e all'epoca avevamo amiche fisse, abbiamo trascorso molto tempo insieme e siamo riusciti a finire con qualche sperimentazione sessuale l'uno con l'altro. La prima volta che abbiamo fatto qualcosa, stavamo scherzando sulla dimensione del cazzo e continuava a insistere che era più grande del mio. Ci eravamo visti i cazzi l'uno dell'altro e il suo sembrava essere uguale al mio. Ma ha affermato che è diventato molto, molto più grande quando è diventato difficile. Ha...

1.4K I più visti

Likes 0

Parte 5 - Sue diventa una star_(0)

Parte 5 continua dalla parte 4… La sua testa pendeva dalla vergogna, la sua tetta pulsava e le faceva male e ora era quasi nera, poi con suo orrore il ragazzo disse. Beh, se non l'hai tenuto giù, le palle tornano dentro. Ha messo tutte le palle nella borsa e poi ha iniziato a farla oscillare come un pendolo. Sue lanciò un urlo da grondaia e disse no stop, per favore se ne vadano. Possiamo fotterti nel culo, il ragazzo ha detto: Sì, sì, toglilo e basta. 'Sei sicuro'. 'Sì, ​​toglilo.' Lentamente le tolse la sacca e la corda attorno alla...

529 I più visti

Likes 0

Festa Madre Figlia (3 di 12)

Festa mamma-figlia (parte 3 - Mamma, papà e Anna trio) Non appena il film finisce, abbasso la bocca di Tom verso la figa di sua figlia e gli dico che spetta a lui decidere se avrà un orgasmo oggi. Cosa vorresti che facesse papà? Sto imparando velocemente che esiste più di un tipo di tortura per la mia figa. Tieni la mia figa al limite il più a lungo possibile senza permetterle di produrre sperma. Quando avrai finito, mamma mi stuzzicherà la figa con lei bocca allo stesso modo. Manteniamo Anna sull'orlo dell'orgasmo per quasi un'ora e quando stacco la bocca...

336 I più visti

Likes 0

La mia insegnante sexy_(0)

La campana ha suonato. Il nome del mio insegnante era Ella maya. Era così calda. Aveva un seno enorme che spuntava fuori, Mi è piaciuto quando si è chinata. Potresti vedere il suo culo. Lewis, per favore resta indietro, il resto di voi può andare! Tutti si precipitarono fuori. non ho fatto niente di male? Vuoi un aiuto in più? Possiamo andare a casa mia adesso, se vuoi? Telefonerò ai tuoi genitori? Whoa. S-sì per favore ho detto. Lei sorrise. Poi ha telefonato ai miei genitori e siamo andati a casa sua. *l'aiuto è terminato.* Posso usare il bagno? Ho chiesto...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.