Angelo 2

597Report
Angelo 2

Angelo 2
© Questa è una fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone o luoghi reali è casuale.
************************************************** ****************
Angel lo fissò sorpreso, mentre l'uomo dall'aspetto divertente è i pantaloni a righe tamponati le lacrime che gli scorrevano sul viso con la coda.

"Chi sei?" Lei chiese. Smise di piangere abbastanza a lungo per rispondere. "Pensavo che lo sapessero tutti". Egli ha detto. "Sono il gatto dalla coda spogliata". Disse agitando la coda con orgoglio. “La maggior parte mi chiama Stripe. Vedi quanto è lunga la mia coda? Non sono belle le strisce?"

Angel ha convenuto che la coda era davvero carina, e poi ha chiesto. "Perché mi hai chiamato con quei brutti nomi?"
Sconcertato dalla sua domanda, si inginocchiò accanto a lei e le accarezzò l'interno del ginocchio. "Sei sicuro di non essere una troia?" Si allungò più in alto per toccare la sua coscia vicino alle sue mutandine sbrindellate.

Angelo era spaventato. I morbidi cuscinetti sulla punta delle dita si sentivano così bene; non voleva davvero che si fermasse. Sentì uno strano calore nell'addome. Il suo tocco stava diventando un po' personale. Per distrarlo, gli chiese: "Puoi davvero aggiustarmi le mutandine?"

"Certo che posso. Vuoi che li aggiusti prima o dopo?" Adesso le stava accarezzando entrambe le cosce, muovendosi lentamente più in alto. Prima che Angel potesse rispondere, disse. "Alza i fianchi e aggiusterò subito le mutandine."

Voleva protestare ma invece ha sollevato il sedere dal sentiero. Li tirò giù sopra le ginocchia fino ai suoi piedi con un movimento fluido. "Piedi per favore." Egli ha detto. “Bei tacchi. “ osservò alzandosi in piedi. Poi il gatto dalla coda a strisce seppellì il naso nel cavallo delle sue mutandine sbrindellate annusò.

“Che profumo meraviglioso!” Sorrise estatico. "No, non alzarti Ah... Angelo." Egli ha detto. "Li aggiusterò subito." Disse Stripe accartocciandosi le mutandine in una palla. "Ora guarda attentamente." Detto questo, chiuse la mano sinistra sulle mutandine di cotone sbrindellate nascondendole alla vista. Poi agitò la mano destra sopra la sinistra e mormorò alcune parole. Poi lanciò in aria il batuffolo di cotone. Scomparve in uno sbuffo di fumo.

Poi un nuovo paio di mutandine scese a galla per atterrare in grembo ad Angel. "Sul mio, come hai fatto?" Lei sussultò. "È una troia segreta... ah... angelo." Striscia ha detto. "Posso fare anche un sacco di altre cose." Si vantava di averla tirata in piedi. «Che ne dici di quel pezzo di prato laggiù? O vuoi pagarmi proprio qui?"

"Fare?" chiese Angelo. Aveva una sensazione di affondamento nello stomaco. Non era troppo difficile indovinare cosa volesse. Arrossì, sentendo una sensazione completamente nuova all'inguine. Stripe agitò i baffi roteando gli occhi. "Qui o nell'erba." Ha insistito. "Mi devi Slut o Angel se lo desideri."

"Te lo devo... beh, suppongo che l'erba sarebbe migliore." Disse chiedendosi perché avesse acconsentito a... "Devo essere pazza!" Pensò mentre lasciava che lui la conducesse fuori dal sentiero.

La macchia d'erba era sotto, all'ombra di una grande quercia. Quando raggiunsero il centro, Stripe lasciò andare la sua mano e fece un passo indietro. "Non toglierti le scarpe solo dal vestito, per favore." Si leccò le labbra e si tirò i baffi.
Angel non poteva trattenersi. Prima che se ne rendesse conto, lasciò cadere il vestito sull'erba e rimase nuda tranne che per i calzini alla caviglia e le scarpe col tacco alto. Arrossì fino ai capezzoli delle sue tette e ridacchiò. "Puoi aggiustare anche il mio vestito?"
Stripe la guardò con gli occhi stralunati. "Sei così bella che farei qualsiasi cosa per te!" Fece una pausa "Se sei abbastanza bravo". Ha finito. Ci pensò per qualche secondo poi disse. “Ti farò da dietro. Mani e ginocchia per favore!”
Arrossì di nuovo quando lui si tolse le scarpe e uscì dai pantaloni. La sua cosa non sembrava proprio come le foto che aveva visto, ma poi era un gatto. Stripe agitò il suo cazzo in crescita verso la ragazza in piedi nell'erba. “Beh, cosa stai aspettando? Mettiti sulle mani e sulle ginocchia!”

Obbedientemente Angel scese e aspettò di vedere cosa avrebbe fatto. "Devi sapere che sono nuovo in questo." Ha detto guardando il suo cazzo. “Hai intenzione di infilare quella cosa in me? Se è quello che hai intenzione di fare. Non andrà bene."

Stripe la guardò stupito. La troia sembrava una troia, ma non si comportava né suonava come una troia. In effetti, si comportava come se avesse solo una vaga idea di ciò che avrebbe dovuto fare. Era molto eccitato. Ha accarezzato la sua "cosa" alla dimensione che pensava si sarebbe adattata meglio alla troia. Non troppo grande, non troppo piccolo giusto, lo fa crescere più grande dopo aver iniziato.

"Che dono mi ha dato la possibilità." Ha borbottato. "Una nuova troia".

"Cosa hai detto?" chiese Angelo. Si sentiva sciocca sulle mani e sulle ginocchia e anche nuda.

"Niente, niente di importante... ah... Angelo." disse Stripe inginocchiandosi dietro di lei. "Qui lascia che ti aiuti a metterti nella giusta posizione." Prima le aprì le ginocchia, poi le fece inarcare la schiena.

Angel si sentiva non solo sciocco ma anche un po' spaventato. I tocchi del gatto stavano diventando un po' troppo intimi per i suoi gusti. Tuttavia, il suo corpo ha risposto al suo tocco. La sua figa formalmente "vergine" era bagnata in attesa.

Si tolse il cilindro a righe e lo posò dolcemente sull'erba. "All'inizio sarò molto gentile." Disse piano. Poi, con sorpresa di Angel, le afferrò i fianchi e poi le leccò la fessura esposta con la sua lingua di gatto lunga e ruvida. Angelo arrossì rosso barbabietola.
"Oh!" Lei sussultò. “È brutto ma è così bello! Fallo ancora!" Lei tubò. Stripe di solito obbediva agli ordini di una troia, specialmente una dolce come Angel. Ha iniziato a leccarla con lunghe leccate. Di tanto in tanto la sua lingua raggiungeva una profondità di un pollice o più nella sua fica, poi nel suo culo.

“Oooo!” Miagolava di piacere. Il suo respiro arrivò in brevi sussulti "Non fermarti, è meraviglioso!"

Stripe la leccò finché la sua figa non trasudava succo di ragazza lungo le sue cosce tremanti. Ansimando per l'eccitazione, gemeva a ogni leccata profonda. Il rossore si era diffuso su gran parte del suo corpo ora. Stripe sorrise come il gatto che ha preso il canarino. Angel era suo adesso. Poteva farle quasi tutto quello che voleva. Poi ha sentito le parole.
"Fallo! F... fanculo!" Lei tubò ad alta voce. “Oooo! Fallo!"

Stripe ginocchio si avvicinò e spinse la testa gonfia del suo cazzo nella sua figa. Era il suo primo vero cazzo anche se era un uomo gatto. "Oh! Questo è grande." Lei sussultò. "Fa male?" Chiese facendo una pausa.

"Un po." Lei gemette. "Vai piano. Lascia che mi ci abitui». Ha pompato la testa del cazzo più grande. Poi spinse lentamente più a fondo nel suo corpo. Non si è fermato finché non ha incontrato resistenza. Angel strillò di dolore. "Tiralo fuori! Tiralo fuori! Per favore, tiralo fuori! È troppo grande!"

"Abbiamo appena iniziato." Ha osservato casualmente, pompando il suo cazzo dentro e fuori. "Va meglio."

Angel non poteva scappare; la sua presa sui suoi fianchi era troppo forte. "Inarca la schiena e scendi sui gomiti Slut!" Ordinò, scopandola più forte. Ogni volta che i suoi fianchi pelosi le schiaffeggiavano il culo, le sue tette rimbalzavano. Si lasciò cadere ora che l'erba le grattava leggermente i capezzoli. Angel gemette e piagnucolò, nel dolore e nel desiderio.

"Sto per venire!" Ringhiò tra i grugniti. Poi ululava come un gatto arrabbiato che sprizza enormi gocce di sperma nella sua fica calda. In pochi secondi aveva finito. Il suo cazzo è uscito dalla sua figa con un pop udibile. Stripe ululò di nuovo cadendo sui talloni ansimando.

Angel si sedette e guardò con stupore lo sperma che usciva dalla sua figa. Ebbe un pensiero improvviso. "Mi hai messa incinta?" Guardò Stripe accigliata. “Come posso spiegare se ho una cucciolata di gattini? Ciò che mi accingo a fare?"
"Da non preoccuparsi." Stripe sorrise. "Prendi un po' di sperma dalla tua figa e mangialo." Sorrise più ampio. “Ingoia più che puoi. Poi lecca il succo della tua ragazza dal mio cazzo. "Ti garantisco che non rimarrai incinta se lo fai."

Angel ti ha riempito le dita del suo sperma bianco appiccicoso. "Sei sicuro di questo?" Ha chiesto leccandosi le dita pulite. “Assolutamente detto Stripe. “Più ne inghiotti, meglio è.”

Non era affatto sicura del suo suggerimento. Comunque la roba bianca non aveva un cattivo sapore. Una specie di salato dolce pensò Angel. Prese un'altra paletta e se la mise in bocca. "Il gusto cresce su di te." Lei sorrise. "E ho un po' di fame." Stripe sapeva solo che si stava facendo succhiare il cazzo.

Un'ora dopo lo sperma gocciolava dagli angoli della bocca di Angel mentre inghiottiva avidamente un altro carico. "Oh cielo, sono un disastro." Angel ridacchiò guardando gli schizzi di sperma sulle sue tette. “Ce l'ho anche tra i capelli. Dovrò fare il bagno da qualche parte." Ha detto raccogliendo le gocce di sperma con le dita.

Mezzo addormentato sulla schiena, Stripe gemette aprendo un occhio. "C'è un vapore in questo modo." Disse indicando il sentiero con una mano. "Grazie." Angel ribolliva con voce allegra. Poi guardò il suo cazzo floscio molto impoverito. "Sei sicuro di non averne più?"

Stripe gemette di nuovo. "Non per almeno una settimana." Egli ha detto. Si girò su un fianco e andò a dormire.

Saltando lungo il sentiero, Angel si sentiva un po' strano pensando a quello che aveva appena fatto. "Le ragazze perbene non fanno cose del genere." Lei disse. "Ma questo non è un posto adatto." Aggiunse guardando gli alberi dispari lungo il sentiero. “Spero di trovare presto quel flusso. Poi posso vestirmi». Poco dopo vide un ponte di pietra su un ruscello più avanti.

L'acqua era fresca e rinfrescante. Angel spruzzava e rideva lavando via lo sperma secco dal suo corpo flessuoso. Dopo poco tempo ebbe freddo e una strana sensazione di formicolio la percorse. Si sedette sulla sponda erbosa nuda ad asciugarsi ea scaldarsi. Dopo un po', la maggior parte dello strano formicolio cessò tranne che nel petto.

"Questo è carino." pensò Angel ammirando la vegetazione lussureggiante intorno a lei. Il sole caldo le asciugò presto pelle e capelli. “Spero di trovare presto la strada di casa. Per quanto le cose sembrino belle, qui è ancora strano". Ha osservato strofinandosi i seni. "Cos'è questo?" Lei ansimò, prendendosi a coppa le tette con le mani.

Si guardò i seni. C'era qualcosa di strano. Come sono diventati così grandi? Non erano grandi, grandi solo più grandi di prima. "Una mezza tazza o più." mormorò. “Ora come è successo? Non che non mi piacciano. Ora tutti i miei reggiseni da allenamento saranno troppo piccoli". Si pizzicò i capezzoli e sospirò. Ciò ha reso i suoi capezzoli duri e anche il suo inguine formicolio. "Oh cielo, pensavo di averlo superato." Angel si guardò intorno con aria colpevole. Tutto ciò che vide fu un passero seduto su un arto.

Dall'altra parte del ruscello, un paio di occhi la osservavano ogni mossa. "Deve essere Angel." Pensò. "Il passero aveva ragione, è la più bella troia che abbia mai visto." Era riluttante a galoppare proprio sul ponte. Se lo facesse, sarebbe fuori dai limiti. La regina si farebbe tagliare le palle se lasciasse il suo territorio. Doveva aspettare... poi se si fosse mostrato... lei avrebbe potuto essere abbastanza curiosa da avvicinarsi e accarezzarlo. Alla maggior parte delle ragazze e delle troie piacciono i pony... e lui era un piccolo pony, certamente non abbastanza grande da essere una minaccia
.
Continua

Storie simili

Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

Capitolo 5 LE PRIME SESSIONI DI MAYIM Laura è andata in bagno verso la fine della giornata di lavoro e ha preso le pillole che le aveva dato il dottor Windred. Le ricordarono quanto fosse stata eccitata quella mattina, una eccitazione che non aveva mai soddisfatto, e per un momento pensò di rinchiudersi in un gabinetto e di sbronzarsi. Ma non si fidava di se stessa per masturbarsi al lavoro senza essere beccata, e comunque Amy le aveva detto di non giocare con se stessa prima di presentarsi in clinica. Quindi ha appena lasciato il lavoro, la sua figa già bagnata...

81 I più visti

Likes 0

Tette enormi

Il mio primo incontro con il sesso è avvenuto quando avevo 14 anni. Per cominciare il mio nome è sara e avevo delle tette enormi per la mia età. Ero praticamente un'adolescente, non mi piacevano molto le cose femminili. amavo e praticavo tutti i tipi di sport. lascia che mi descriva allora, avevo 5'4 115 capelli castani e occhi verdi. avevo un corpo molto femminile con tette 36d. beh, ogni ragazza sa che praticare qualsiasi sport con tette enormi può causare problemi.quindi li odiavo con passione.il giorno in cui tutto è iniziato, sono appena tornato a casa dall'allenamento di calcio e...

393 I più visti

Likes 0

Condiviso con lo sperma: Amanda usata?

Capitolo 1 Rivelato Cumslut Chiunque incontri Amanda pensa che sia una donna molto bella e intelligente con alti standard personali e un atteggiamento serio nei confronti della vita. E lei è quello, ma solo fuori dalla camera da letto! Di media statura, con capelli castani fini e ben arricciati, Amanda ha un corpo attraente e ben proporzionato creato da un'infanzia di nuoto agonistico e atletica leggera, e mantenuto da un interesse adulto per la danza e il netball. Le sue gambe sono proporzionate e ben tonificate, i suoi fianchi ben fatti, la sua vita stretta con una pancia liscia e i...

475 I più visti

Likes 0

Cinema_(1)

Sono stato fortunato ad essere giovane negli anni '70 per godermi i cinema di sesso. Avevo 25 anni mia moglie aveva 34 anni sposata e divorziata con 3 figli da uomini diversi. È una bionda con un trucco occhi blu e nero molto aspro.34.24. 36..eravamo nel nord di Londra a fare shopping un sabato. Passammo davanti a un vecchio cinema chiuso che si trasformò in sala bingo e poi tornammo al cinema per i film porno. così, invece di fare shopping, ha comprato una minigonna di cotone attillata giallo brillante e un tubo abbinato. Siamo andati a casa, si è truccata...

430 I più visti

Likes 0

Kerri e Angie (Capitolo 2 - Il turno di Mel)

Questo è il secondo capitolo della mia serie. I nomi delle schermate inclusi in questo SONO FALSI. Kerri ed io eravamo migliori amiche ma due sere prima eravamo amanti, entrambi abbiamo vissuto la nostra prima esperienza lesbica. Anche se poteva sembrare che questo avrebbe reso la nostra relazione imbarazzante, ci ha quasi reso più forti per quanto riguarda l'amicizia. Eravamo entrambi così eccitati che quando ci siamo parlati al telefono sabato sera abbiamo fatto sesso telefonico appassionato, parlando dei nostri altri desideri profondi e pianificando la prossima volta che saremmo stati insieme, da soli. Lunedì è arrivato. Ho camminato lungo l'atrio...

422 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

477 I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 2, Chapter 10: The Hermaphrodite's Passion

L'harem del ladro Libro due: L'harem malvagio di Rogue Parte dieci: La passione dell'ermafrodita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a B0b e WRC 264 per la versione beta di questo. Capitolo ventotto: Ispirare l'arte cattiva Sven Falk - La foresta di Lhes, Le terre di conflitto di Zeutch La dolce bocca di Nathalie è stata meravigliosa mentre succhiava il mio cazzo per ripulire i succhi della figa di Aingeal, le sue trecce che si riversavano sulle mie cosce. Gemevo, il piacere correva su e giù per il mio cazzo mentre guardavo l'aoi si. Il suo cazzo si...

517 I più visti

Likes 0

Club Gomorra. La saga delle femminucce. Prologo Giorno Zero.

Scorri la tana del coniglio. Mi chiamo Ryan Everest, sono un maschio di 22 anni, il mio colore di capelli è castano scuro, arriva quasi alle spalle, ho gli occhi di colore verde e sono alto poco più di un metro e ottanta, non sono il più dotato ma ne parlerò più in dettaglio più avanti. Da dove comincio... beh, immagino che il posto migliore per iniziare sia il giorno in cui ho incontrato Lady Gomorra... Era solo un altro giorno. Una giornata trascorsa seduta al laptop, saltando da un blog porno Tumblr all'altro. Non riesco nemmeno a ricordare come sono...

462 I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

94 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

683 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.