L'Ipnotizzatore_(0)

372Report
L'Ipnotizzatore_(0)

L'ipnotizzatore



Era a New York per un seminario sulle vendite di 3 giorni. Vivendo in una cittadina più piccola del Midwest, la città sembrava così diversa, eccitante e allo stesso tempo spaventosa. Era la prima serata del secondo giorno. I seminari furono terminati e il resto della serata fu libera di fare ciò che desiderava. Facendosi una doccia e vestendosi qualcosa di un po' più comodo, partì per esplorare il quartiere dei teatri. Girando un angolo nota un club teatrale più piccolo, sono esposte le parole "Il più grande ipnotizzatore" e con la sua curiosità al massimo entra.

Il club è piccolo e buio, e la padrona di casa la conduce a un tavolo aperto davanti al palco.. Qualche drink dopo, più rilassato, lo spettacolo inizia e la principale artista chiede un volontario al pubblico. Guardando il pubblico il suo sguardo si sofferma su di lei e le chiede di salire sul palco e unirsi a lui. Un po' imbarazzata, lei obbedisce e lui la conduce su una sedia situata in fondo al palco e le dice di rilassarsi e in pochi minuti la mette in un profondo stato di ipnosi.

Per i successivi 30 minuti fa la sua recita, suscitando molte risate da parte del pubblico. Poi la riporta alla sedia e con un sorriso malvagio le dà alcune suggestioni post ipnotiche a cui lei risponderà solo con la sua voce, e poi la sveglia. Rinfrescata e vigile, ricorda solo di essersi divertita mentre era seduta. torna giù per finire il suo drink prima di uscire per tornare in albergo.

Nella sua stanza poco dopo squilla il telefono e rispondendo sente una frase nella voce che fa scattare la risposta riportandola immediatamente nello stato ipnotico profondo. La voce le dice di aprire la porta e di restare in piedi a 3 passi da essa. Fa come le dice la voce e 10 minuti dopo l'ipnotizzatore del palco la apre ed entra nella stanza, chiudendo e chiudendo la porta dietro di sé. Si gira nella stanza e sorride mentre lei sta lì ad aspettare. Avvicinandosi a lei, le dice di togliersi i vestiti e si siede sulla sedia guardandola mentre obbedisce. Quando è nudo, le dice di venire e stare davanti a lui, e allungando la mano, lascia che le sue dita le accarezzino la pelle mentre le fa scivolare tra le sue gambe e le accarezza la figa nuda.

La fa avvicinare al letto e farla sdraiare sulla schiena, dicendole che è sola e che comincia a giocare con se stessa descrivendo come lei la sua fantasia più segreta e intima. Allarga le gambe e sollevando il ginocchio, prende le dita e inizia ad accarezzare e sondare la sua figa leggermente aperta facendola bagnare. Descrive come fantastica di essere dominata e trattata come una piccola e sporca troia del dolore. Qualcosa che non avrebbe mai ammesso nella vita reale. Si accarezza la figa più forte e più profondamente raccontando come viene usata nella sua mente. Come è legata alla panca piegata in avanti con le gambe divaricate e le caviglie fissate. I suoi polsi sono ammanettati e fissati davanti e sotto di lei. Guardando come il suo amante inesistente toglie un frustino dal vassoio e si muove dietro di lei.

Seduto sul letto ai suoi piedi per avere una visione migliore, l'ipnotizzatore ascolta e osserva mentre lei continua. Racconta di quanto si sta bagnando la sua figa anticipando i colpi del raccolto sul suo culo nudo ed esposto. Quanto si sente vulnerabile ed esposta e quanto la rende eccitata.

Poi nella sua mente, il primo colpo arriva sul suo culo nudo ed esposto. Il suo culo salta giù dal letto mentre nella sua fantasia si lancia in avanti. Racconta di quanto il colpo pungente le abbia bagnato la figa e descrive il fluido che le colava lungo l'interno delle cosce. Mentre guarda, accarezzando lentamente il suo cazzo, può vedere le sue dita impegnate dentro e sulla sua figa.

Come si gonfia e si colora, e sì, il fluido che ne deriva sta inzuppando le coperte sotto di lei. Continua a descrivere i molteplici colpi sul sedere del raccolto mentre le sue dita si muovono ancora più velocemente, raccontando come il suo orgasmo sta iniziando a svilupparsi da loro. Il suo respiro diventa più veloce, la sua pelle si colora e all'improvviso, con un gemito basso e forte, la sua figa si contrae mentre le sue dita la accarezzano e la sondano più a fondo e con più forza. Nello stato ipnotico, per lei, tutto accade in tempo reale. La sua figa erutta con un'enorme quantità di fluido mentre lei giace lì ansimando, gemendo e tremando. Tutto questo e il potere che ha su di lei, fanno venire anche lui. Si sporge in avanti per rivestirsi la figa.

Le dice che gli altri l'hanno osservata nella stanza e stanno andando avanti per usarla anche loro. Le dice che davanti a lei ci sono due uomini. Uno le intrecciava le dita tra i capelli e le spingeva indietro la testa. Ordinandole di aprire la bocca, come fa lei, sdraiata sul letto, le dice che l'altro le scoperà la bocca e la userà da troia quale è. Avvicinandosi alla sua testa, lui le riempie la bocca con il suo cazzo ancora duro e gocciolante di sperma, e geme per il piacere che lei sta creando, succhiandolo e leccandolo. Lo spinge più in profondità dentro di lei, costringendola a prenderlo in gola. La sua figa si contrae e ha spasmi di nuovo, con forza, e con un gemito carico, lui viene ancora una volta. Riempiendosi la bocca, è costretta a deglutire, nella sua mente, essendo usata come la troia che si nasconde dentro.

Tirando fuori dalla bocca il suo cazzo svuotato di sperma, pronuncia un'altra frase e lei ancora una volta giace in silenzio, in attesa. Lui sorride e inizia a pensare a come la userà in seguito.

L'ipnotizzatore parte 2

Sono passati alcuni mesi da quando è tornata dalla conferenza di vendita e c'era qualcosa in lei che sembrava diverso. Ha sempre lo stesso sogno, quello di essere usata sessualmente. Fare cose di cui aveva solo fantasie quando era a letto e da sola. Fu allora che i suoi occhi si chiusero e le sue dita presero vita propria. Mentre la sua mente creava queste situazioni e sentimenti intensi che sembravano più reali che immaginati. Le sue dita le pizzicavano e stuzzicavano i capezzoli, le accarezzavano e sculacciavano la figa nuda mentre giaceva lì con le gambe spalancate..

Mio Dio, pensò, se qualcuno mi vedesse adesso così morirei assolutamente di imbarazzo. La signorina Prism si affacciava al mondo esterno mentre dietro le sue porte chiuse diventava qualcun altro. Qualcuno che aveva queste intense fantasie sessuali di essere usato e degradato in modi che avrebbero scioccato qualcuno nel senso normale del termine. Lasciare che la sua immaginazione scorresse insieme alle sue dita la portò ad un forte e potente climax dal quale scivolò in un sonno profondo e pacifico.

Era ancora buio e lo squillo del telefono l'aveva svegliata abbastanza da riuscire a malapena a raggiungerlo, prenderlo in mano e salutarlo. Una voce profonda dall'altra parte pronunciò una sola parola. Era la voce dell'ipnotizzatore dal viaggio alla conferenza di vendita. Durante la seduta con lei, scrisse il suo indirizzo e numero di telefono nel suo taccuino, insieme alle parole speciali che le diede come suggestione post ipnotica. Questa sola parola la portò immediatamente in una profonda trance ipnotica, rimettendola ancora una volta sotto il suo controllo.

Secondo le sue istruzioni al telefono lei si è alzata immediatamente dal letto ed è andata in bagno dove si è fatta la doccia e si è rasata la figa. Usando l'erogatore lo posò contro la sua fica umida e si deterse profondamente prima di uscire e asciugarsi. Si comportava come se fosse consapevole di tutto ma in realtà non ricordava nulla. Vestita con una gonna con calze di nylon, senza mutandine, una camicetta senza reggiseno, i suoi capezzoli che sfregavano contro il tessuto rendendoli duri ed eccitati, lasciò la casa e si recò nel luogo in cui la voce le aveva ordinato.

Era un albergo modesto alla periferia della cittadina del Midwest in cui viveva. Una volta lì, andò al numero della stanza che le era stato assegnato, bussò come le era stato detto e poi attese.

Stava osservando il parcheggio aspettando il suo arrivo. Dopo che lei ebbe bussato lui aspettò un attimo prima di aprire e ordinarle di entrare. Era come se non avesse una volontà propria e dovesse obbedire alla voce senza esitazione. Obbedendo alla voce sapeva che avrebbe provato sensazioni sessuali come mai prima d'ora, e per lei era quasi come una droga. Nessuno dei suoi amici, ecc., aveva idea dei suoi desideri sessuali più profondi e oscuri. Quelli in cui è stata trattata e umiliata nei modi più degradanti. Costretta a soddisfare gli appetiti sessuali perversi di sconosciuti, e così facendo ha sperimentato il rilascio degli orgasmi più intensi che avesse mai provato.

L'ipnotizzatore lo sapeva ed era felice di controllarla durante i momenti in cui era con lei. Esternamente sembrava una timida insegnante di scuola, ma dentro nascondeva una troia sofferente. Uno che desiderava ardentemente essere degradato e umiliato. Le disse di entrare e di stare a 4 passi dalla porta e di aspettare. Chiudendo la porta, si pose davanti a lei e pronunciò un'altra delle parole che le erano state rivolte. La sua pelle diventò rosa per l'eccitazione mentre si toglieva i vestiti lasciando solo le calze di nylon. Dopo averli piegati e posizionati sul comò, si è messa in attesa con trepidazione mentre lui le metteva un collare di cuoio sul collo con un guinzaglio attaccato. La condusse nella stanza accanto dove aveva preparato tutto il giorno prima quando era arrivato. C'era una panca di legno, gli anelli erano attaccati al muro e al soffitto. Frustatori, bastoni, frustini, pagaie, pinze, vibratori, tappi di diversa lunghezza e diametro erano tutti disposti ordinatamente.

La condusse prima alla panca dove la fissò saldamente in posizione inginocchiata, assicurandole i polsi e le caviglie, insieme a cinghie attorno alla parte superiore delle cosce. Con qualche aggiustamento aveva fissato una spazzola rigida proprio sotto il clitoride e la figa esposti. Poi, pronunciando ancora un'altra parola, era ancora in uno stato di trance ma era normalmente consapevole di tutto ciò che le accadeva intorno. Senza preavviso il frustino le colpì le natiche creando un livido rosso fuoco. L'intensità la fece trasalire in avanti senza pensare. Il suo clitoride entrò in contatto con le setole rigide della spazzola, causando ancora più disagio al suo corpo. Ancora una volta il raccolto colpì, provocando le stesse reazioni. La sua mente avrebbe voluto gridare di vergogna ma il suo corpo stava risvegliando qualcosa dal profondo dentro di lei. Una calda sensazione vellutata iniziò lentamente come una piccola scintilla, portando con sé una lunga eccitazione dormiente. Ancora una volta, il raccolto colpì il suo sedere esposto, ancora e ancora, lasciando vivide strisce rosse. La sua fica era bagnata, i suoi capezzoli erano induriti come mai prima, doloranti dal piacere. Il suo respiro era affannoso, come le stava succedendo, pensò.

Da dietro di lei percepì un movimento e poi le fu messa una benda sugli occhi e fissata saldamente. Successivamente sentì le dita che tiravano un capezzolo verso il basso prima che vi fosse attaccato un morsetto. E poi lo stesso per l'altro capezzolo... le pinze avevano denti affilati che le mordevano i capezzoli e anche se il dolore era acuto, trovò la sua figa sempre più bagnata. Cercare di sentire qualcosa era inutile. Come prima, senza preavviso, il fustigatore le ha accarezzato il culo e i fianchi maltrattati. Le punte si allungano sotto di lei per colpire i suoi capezzoli serrati. Incapace di fermarsi, si spinse in avanti e impalò ancora una volta il clitoride e le labbra della fica sulle setole rigide.. Ha avuto gli orgasmi più intensi di sempre, quasi svenuta.


Non ha mai detto una parola durante tutto questo. Quando il suo corpo nudo fu segnato abbastanza bene per lui, fu duro e pronto. L'attività di usarla lo eccita a nuovi livelli. Si tolse i vestiti liberando il suo cazzo duro e si spostò dietro il suo culo rosso e segnato. Poteva vedere l'umidità della fica gocciolare da lei in grandi quantità e mettendo la mano sotto di lei ne catturò un po' e le lubrificava il buco del culo. Poi le afferrò la vita con la mano e, posizionando il suo cazzo contro il suo bocciolo di rosa, spinse in un colpo continuo allungandola e riempiendola completamente.

Era quasi troppo per lei, gridò ma non riuscì a fermare l'assalto al suo buco del culo. Veniva presa e usata come una comune troia, senza avere voce in capitolo, ma tuttavia i sentimenti che si risvegliavano diventavano solo più forti con ogni nuova aggressione e degradazione. Ha raggiunto l'apice ancora e ancora durante questo periodo. Sentendo il suo cazzo indurirsi ancora di più dentro di lei, la tirò forte contro di sé e cominciò a sborrarle in profondità nelle viscere. Poteva sentire l'azione pompante del suo cazzo mentre il suo buco del culo lo stringeva forte, spingendo ancora più sperma caldo in profondità dentro di lei, e raggiunse l'orgasmo ancora una volta, cadendo in avanti sulla panchina, senza preoccuparsi che la sua fica maltrattata e il suo clitoride fossero contro il spazzola rigida.

Era consapevole dell'intera seduta, ma non aveva il potere di fermarla. La sua mente le permetteva di sperimentarlo in modalità normale, ma non le permetteva di superare la presa mentale più forte che lui aveva su di esso con l'ipnosi.

Tirando fuori il suo cazzo ormai prosciugato dal suo culo, si mosse per mettersi di fronte a lei. Afferrandole i capelli con una mano, sollevandole la testa dalla panca, usò l'altra per afferrare il suo cazzo e pulirlo da tutto lo sperma, ecc. sul suo viso, guance, labbra prima di rilasciare la presa su di lei. Incapace nemmeno di sollevare la testa per la completa stanchezza e gli intensi orgasmi che avevano tormentato e prosciugato il suo corpo di energia, rimase lì inerte sulla panchina.

Liberandole i polsi, le caviglie e le cosce, l'ipnotizzatore, usando il guinzaglio, l'aiutò a riportarla nella prima stanza dove nell'angolo c'era una catena nel pavimento attaccata ad un anello. Bloccandole l'anello al colletto, avvicinò la biancheria da letto in modo che potesse strisciarci sopra. Le disse ancora una volta qualcosa e lei cadde in un sonno profondo, chiedendosi se fosse reale o se stesse sognando.

capitolo 3

Lo squillo del telefono la fece uscire lentamente dalle profondità del sonno profondo, come se camminasse in uno sciroppo denso. Finalmente aprì gli occhi in una bella mattinata soleggiata mentre la sua mano prendeva il telefono.

Ciao, disse. Buongiorno, disse la voce al telefono. Le sembrava in qualche modo familiare anche se non riusciva a riconoscerlo del tutto. Dolcemente, quasi un sussurro, la voce le parlò, e così facendo lei si rilassò molto e una sensazione di calore la riempì completamente. La voce pronunciò una frase e, sebbene fosse completamente sveglia e consapevole di ciò che la circondava, non riuscì a trattenersi dall'andare alla porta e aprirla prima di tornare in camera da letto. Lì si tolse la camicia da notte e le mutandine prima di sdraiarsi sul letto. Una volta sdraiata non riusciva a muoversi, quasi come se fosse legata. Tutto quello che poteva fare era aspettare.

Aprì la porta ed entrò nel suo appartamento chiudendosi la porta dietro di sé. Poi, entrando nella camera da letto, si fermò a guardare il suo corpo nudo e, con un sorriso, si avvicinò al lato del letto. Vide i suoi occhi seguire la sua mano mentre lui si abbassava e con la punta delle dita accarezzava prima un capezzolo, poi l'altro. Il suo tocco era elettrizzante. I suoi capezzoli si indurirono immediatamente e un'ondata di piacere la percorse per esplodere tra le sue cosce aperte, facendole bagnare la figa. Le sue dita scivolarono lentamente verso il basso, il piacere aumentava di intensità man mano che si avvicinavano alla sua figa bagnata.
È diventato quasi, ma non del tutto insopportabile. Brividi le corsero sulla pelle, e poi quando le dita di lui le sfiorarono la parte superiore della figa, lei esplose in un orgasmo che le paralizzava la mente.

Le parlò a bassa voce, dicendole quando la vide per la prima volta tra il pubblico, che conosceva i suoi desideri segreti quasi come se li avesse scritti. Le raccontò come, con il potere della suggestione, avesse iniziato a sbloccare le barriere che lei aveva costruito per nasconderle. I momenti in cui veniva usata in tutti quei modi erano reali e non un sogno come aveva creduto. I video girati da lui su di lei erano reali. Anche i sentimenti che ha provato in quei momenti erano reali e non causati dall'ipnosi. Le raccontò come ora fosse sua, e appartenesse a lui solo, per usarla e continuare ancora di più il suo allenamento. Le raccontò di quanto gli piaceva metterle dei segni con il frustino, il bastone, le pagaie, ecc. e di quanto gli piaceva il modo in cui lei reagiva a loro.

In quell'istante, lei finalmente capì, e lo sguardo nei suoi occhi e il sorriso sul suo viso furono una prova sufficiente per lui. Avvicinandosi alla borsa che aveva portato con sé, rimosse prima i morsetti per i capezzoli. Pizzicandone prima uno, poi ha attaccato il morsetto. Poi fece lo stesso con l'altro. Quando furono attaccati si morse il labbro per il dolore iniziale, ma presto il dolore fu sostituito da un inizio di piacere. Prendendo altre pinze dalla borsa, si spostò tra le sue gambe aperte e, tirando le labbra della sua figa, attaccò la prima. Un gemito udibile le sfuggì dalle labbra al primo morso della pinza. Tirando l'altro, fissò anche ad esso il morsetto. Lei gemette ancora una volta. Nei suoi occhi c'era uno sguardo leggermente lontano, sì, pensò, dicendo in silenzio, questo è quello che stavo cercando. Da usare nel modo sessuale più vizioso, rude e perverso. Per essere posseduto e utilizzato ogni volta che lo desiderava.

L'Ipnotizzatore #4

Chinandosi in avanti, le sue labbra inghiottirono il clitoride esposto. Succhiandolo con forza, facendolo estendere verso l'alto prima di sollevarsi e quindi posizionandovi sopra l'ultima pinza. Mentre i denti scanalati mordevano la carne del punto più sensibile del suo corpo nudo, i suoi fianchi si sollevarono per il dolore e innescarono ancora una volta un potente orgasmo. L'umidità scorreva dalla sua figa per inzuppare la biancheria sotto di lei. Sedendosi, sorrise mentre la guardava. Raggiungendo ancora una volta la borsa, tirò fuori un tappo anale di medie dimensioni. Prendendo il suo dito e sondandole prima la figa bagnata, poi cominciò a lubrificarle il culo scopandolo lentamente con le dita. L'inserimento del suo dito la fece inizialmente stringere, ma mentre lui continuava, il suo sedere si rilassò e si aprì leggermente per lui. Rimuovendo le dita, posò la punta del tappo contro l'apertura e cominciò a spingerlo lentamente in profondità dentro di lei.

Oh, Dio, pensò. È così grande che mi sento come se fossi diviso in due. Provò una sensazione di pienezza mai sperimentata prima e finalmente si sentì completamente inserita. Mi sento così impotente e cattiva, pensò. Ma anche lei era molto eccitata e voleva di più.

Una parola uscì dalle sue labbra e lei fu in grado di parlare. SÌ!! Ha gridato.. Yesssssss. Per favore, non fermarti, usami, feriscimi come desideri. Appartengo a te e la sensazione di eccitazione cresceva ad ogni affermazione. Lo guardò mentre si alzava e prendeva il frustino dalla borsa. Lei giaceva impotente mentre lui le si avvicinava e con un movimento rapido colpì prima un seno, poi l'altro, lasciando segni rossi e brucianti. Il suo corpo si mosse verso l'alto e la sua testa fu gettata all'indietro mentre un sussulto acuto le sfuggì dalle labbra. Ancora una volta, ha ripetuto la stessa cosa con gli stessi risultati. Con le tette in fiamme e la figa che zampilla, si sistemò sul letto. Facendo scorrere il frustino sul suo seno, lo spostò verso il basso attraverso il suo stomaco per fermarsi sopra la sua figa e lo mosse leggermente avanti e indietro.

Ancora una volta, senza preavviso, le colpì l'interno delle cosce. Lei urlò una volta prima che lui lo usasse per frustarle il clitoride, non una, ma due volte velocemente. Il suo corpo ebbe ancora convulsioni, il flusso di liquido sgorgò ancora una volta dalla sua fica aperta ed esposta mentre un basso gemito uscì dalle sue labbra. Sorridendo, posò il frustino, le infilò una mano tra le gambe e rimosse il tappo anale, lasciando dietro di sé un buco del culo allungato coperto di succo di fica.

Lo osservò mentre si toglieva i vestiti e, prendendo una caviglia in ciascuna mano, le spingeva le gambe su e indietro, prima di mettersele sulle spalle. Poi allungandosi verso il basso e guidando il suo cazzo, spinse nel suo culo in attesa, seppellendolo profondamente con una spinta costante. AHHHH, gridò, il suo corpo travolto da una sensazione di piacere completa e intensa mentre lui cominciava a scoparle il culo con colpi profondi e duri. Non si era mai sentita così usata e sottomessa prima. Accarezzandole forte e in profondità il culo aperto, non passò molto tempo prima che con una spinta finale e un gemito basso, le sparasse il suo sperma in profondità dentro. Sentì lo sperma caldo schizzare nel profondo del suo culo, e questo produsse ancora una volta un potente orgasmo. Il suo buco del culo si strinse in modo incontrollabile attorno al suo cazzo duro e zampillante mentre faceva lei.

Sazio, le tirò fuori il cazzo dal culo e guardò lo sperma gocciolare da esso. Lui allungò una mano verso di lei e tirò via prima uno e poi l'altro morsetto per capezzoli dai suoi capezzoli doloranti. Poi ha ripetuto il movimento con le pinze attaccate alle labbra gonfie e doloranti della figa e al clitoride. Ognuno di loro mandava una scarica di dolore/piacere attraverso il suo corpo mentre veniva brutalmente estratto dalla sua carne.

Non ho più bisogno di usare l'ipnosi, ti dice. È vero, ti sei sentito come rinato, per essere finalmente chi e cosa sei, di SUA PROPRIETÀ. Per compiacerlo e fare per lui qualunque cosa ti venga chiesta. Un'ultima parola da parte sua e il tuo corpo sarà di nuovo in grado di muoversi. Le tue mani afferrano il seno e i capezzoli, massaggiandoli delicatamente. Le tue dita poi scendono dolcemente verso il basso sulla tua pelle tenera per accarezzare il tuo clitoride ancora sensibile. AHHHHHH, gemi piano, mentre ancora una volta inizi ad eccitarti.

Allarga le gambe, ti dice, mentre si siede ai piedi del letto. Gioca con la tua figa e vieni per me mentre guardo. Ancora un po' imbarazzato, fai come ti ha detto e in pochi minuti vieni per l'ultima volta. Quindi ti mette un collare di cuoio intorno al collo e, con un guinzaglio attaccato, ti conduce dal letto a un anello che ha posizionato nel pavimento vicino all'angolo. Prendendo una catenella attaccata all'anello la assicura al collare e la chiude. Guardandolo, sorridi mentre lo guardi in piedi di fronte a te, accarezzandogli dolcemente il cazzo che sta iniziando a indurirsi. Si abbassa e ti mette una mano sulla testa e intreccia le dita tra i tuoi capelli. Lui prende l'altra mano e, tenendolo duro, avvicina il tuo viso mentre la tua bocca si apre e tu lo succhi profondamente. Poi ti mette entrambe le mani sulla testa e comincia a scoparti la bocca. Puoi annusare e assaggiare il tuo sperma insieme al suo e, con tua sorpresa, ti piace moltissimo. Comincia ad accarezzarti più velocemente e più profondamente, soffocandoti a volte mentre il suo cazzo ti scivola giù per la gola e indietro. Lo senti indurire ancora di più e con un forte gemito, ti tira la faccia contro i suoi peli pubici e ti spara sperma caldo in gola. Ingoiando il più velocemente possibile soffochi ancora e lui alla fine ne tira indietro un po' e l'aria di benvenuto ti riempie i polmoni mentre continui a leccare e succhiare il suo cazzo finché tutte le tracce del suo e del tuo sperma non sono scomparse. Ti passa il cazzo sulle guance e fa un passo indietro mentre ti sistemi, e ti sdrai per dormire finché non viene a usarti di nuovo.

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

1.7K I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.5K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricatto e cetrioli

Questa è un'opera di finzione. La prima volta che scrivo, le critiche costruttive sono sempre consentite, non c'è molto sesso perdonami, volevo introdurre i personaggi. RICATTO E CETRIOLI Dovremmo prendere dei cetrioli, ho sentito dire da una ragazza. Io, Justin Hunter, ero seduto da solo in una delle quattro mense della Forrester University. Questo in particolare era il terzo più grande e la ragazza che ha detto che era seduta a un tavolo di fronte al mio. Avevo quasi finito di mangiare quando queste due ragazze vennero a sedersi a un tavolo accanto al mio. Sedevano fianco a fianco su un...

999 I più visti

Likes 0

Picchiato al rifugio

Sono un uomo di 35 anni che vive da solo in una capanna isolata nel bosco. Sono 6'1 con capelli biondi e occhi azzurri. Non ho mai avuto problemi portare a casa le donne. Sono un veterinario e ho un ufficio in città. Faccio anche volontariato in un canile nei fine settimana. I proprietari salva i cani e trova loro una casa una volta che li ho esaminati. Alcuni entrano piuttosto brutte, quindi impiegano un po' più di tempo a guarire. Altri sono belli cani che sono stati semplicemente abbandonati da qualche parte. Il vicino più vicino vive a 15 miglia...

844 I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

787 I più visti

Likes 0

Dipendenza_(0)

Godetevi la storia e lasciate un commento. Dipendenza Allora Doc, ahh domanda folle - è possibile essere um, tipo, dipendenti da una persona? Era una domanda folle e Tom era in qualche modo imbarazzato anche solo a farsela, ma era una domanda su cui si stava ponendo da giorni ormai. Il dottore, in realtà uno psicologo, era un uomo calvo con gli occhiali sulla cinquantina, che aveva sentito un sacco di cose più folli nei suoi vent'anni di pratica. Sapeva che Tom era serio e aveva bisogno di maggiori informazioni prima di poter dare una risposta. Pensi di essere dipendente da...

872 I più visti

Likes 0

Quasi catturato

Dico: Bene eccoci qui... tutti e tre ci siamo seduti al ristorante. Abbiamo ordinato il nostro cibo e stiamo semplicemente aspettando Dico: Chiacchieriamo di cose inutili come il tempo e simili. Ma torniamo sempre a quanto sei affascinante. Ora caro, saresti così gentile da descrivere cosa indosserai? Tu dici: Indosso un vestito nero corto che mi scende circa a metà coscia, e un pezzetto di pizzo sul fondo, con tacchi neri abbinati, 2 pollici, con una fibbia d'argento sul cinturino. Capelli appiattiti che cadono con grazia e un po' di eye liner per mettere in risalto i miei occhi. Dico: Molto...

696 I più visti

Likes 0

Parte 5 - Sue diventa una star_(0)

Parte 5 continua dalla parte 4… La sua testa pendeva dalla vergogna, la sua tetta pulsava e le faceva male e ora era quasi nera, poi con suo orrore il ragazzo disse. Beh, se non l'hai tenuto giù, le palle tornano dentro. Ha messo tutte le palle nella borsa e poi ha iniziato a farla oscillare come un pendolo. Sue lanciò un urlo da grondaia e disse no stop, per favore se ne vadano. Possiamo fotterti nel culo, il ragazzo ha detto: Sì, sì, toglilo e basta. 'Sei sicuro'. 'Sì, ​​toglilo.' Lentamente le tolse la sacca e la corda attorno alla...

578 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.