Madre e figlia bigotte hanno insegnato una lezione

452Report
Madre e figlia bigotte hanno insegnato una lezione

Laura Davidson aveva appena finito di parlare all'incontro del PTA del sabato pomeriggio sui suoi due argomenti preferiti: primo, gli studenti dovrebbero essere protetti dall'esposizione all'educazione sessuale di qualsiasi tipo e, secondo, le leggi sulla segregazione dovrebbero essere ripristinate. Aveva sempre paura che un giorno qualche uomo di colore potesse fare delle avances a lei o a sua figlia Jenna. L'idea stessa di un uomo di colore che toccava la sua pelle liscia e bianca disgustava Laura.

Laura Davidson (46) era una donna molto compassata, corretta e conservatrice. La signora da 5'7 ", 130 libbre era ancora un bell'aspetto. I suoi lunghi capelli biondi, gli occhi azzurri e il deciso paio di 36C hanno fatto girare la testa a molte. Laura, sebbene esteriormente molto corretta, amava stuzzicare gli uomini in modo sottile e, in tre occasioni durante i suoi 27 anni di matrimonio, aveva avuto relazioni selvagge ma brevi mentre suo marito era via per viaggi d'affari. La sua unica figlia, Jenna, era nata 9 mesi dopo la prima relazione. In effetti, sebbene molto conservatrice, Laura pensava con orgoglio a se stessa come “una signora di strada ma un mostro tra le lenzuola”, non che lo avrebbe mai detto pubblicamente.

Tornando al suo posto tra un applauso sommesso e imbarazzato, Laura si sedette e si lisciò la gonna bianca attillata mentre sentiva la freschezza della sedia pieghevole di metallo sul suo sedere nudo. Provava un brivido nel restare senza mutandine in pubblico. Il suo tailleur scuro era abbastanza lungo da coprirle il sedere ed era sicura che nessuno avrebbe immaginato che avesse la figa pelata (si rasava la figa ogni volta che suo marito andava in viaggio all'estero). Oggi, oltre alla gonna bianca e alla giacca scura, Laura indossava anche calze nere fino a metà coscia, una camicetta di seta bianca, un reggiseno bianco trasparente e tacchi alti neri.

Dopo l'incontro Laura è andata a prendere la figlia a casa e insieme sono andate a fare un giro, fermandosi infine in un elegante caffè all'aperto in città per una cena leggera. Laura disapprovava la scelta di abbigliamento di sua figlia. Jenna (19), una bionda dagli occhi azzurri come sua madre, era alta 5'4" e pesava solo 110 libbre. Le piaceva indossare abiti sexy nel deliberato tentativo di attirare l'attenzione. Oggi indossava una camicetta rosa sottile e scollata, annodata sotto il seno compatto, che mostrava un'abbondante scollatura a causa della mancanza di reggiseno. Se Laura fosse stata infastidita dall'eccessiva esibizione del décolleté, sarebbe stata ancora più turbata se avesse saputo che anche Jenna non indossava mutandine. Come sua madre, Jenna aveva acquisito una passione per la rasatura della sua giovane figa. A nascondere la sua figa nuda c'era una minigonna nera corta e calze di nylon nere. Ai suoi piedi c'erano stivali di pelle bianca alti fino al ginocchio. Secondo Laura si è trattato di uno spettacolo piuttosto economico, ma oggi ha scelto di non entrare nel solito argomento.

Si gode il tè mentre rimprovera Jenna per aver incrociato le gambe in modo suggestivo in pubblico; Laura notò diversi uomini di colore seduti in un furgone dall'altra parte della strada. In modo disgustoso, i neri sembravano osservare Jenna. Laura marciò direttamente verso di loro, ordinò loro di andarsene, tornò al bar, pagò il conto e, sbuffata, tornò alla sua macchina.

Laura e Jenna continuarono il loro viaggio pomeridiano senza notare il furgone che le seguiva in lontananza. Presto, su richiesta di Jenna, si fermarono in una piccola spiaggia appartata, parcheggiando la loro scintillante BMW appena oltre il cartello che diceva "Spiaggia chiusa - Da usare a proprio rischio e pericolo". Passeggiando fino al bordo dell’acqua non si accorsero che il vecchio furgone si fermava accanto alla loro macchina. Né hanno notato che i 5 grossi uomini neri armati di coltello sono usciti, si sono strofinati l’inguine e hanno lanciato uno sguardo lascivo in direzione delle donne. Gli uomini si sdraiavano contro l’auto di Laura aspettando che le donne tornassero e discutendo su quanto avrebbe pagato l’auto al negozio di braciole locale.

Tornando alla macchina, con un braccio attorno alla figlia, con l'altra mano che le teneva le scarpe col tacco alto, Laura si fermò di colpo. I suoi occhi si spalancarono, le farfalle danzarono nella sua pancia. Sotto shock, Laura guardò i 5 grandi uomini neri appoggiati alla sua macchina, sorridendo a lei e Jenna.

Anche Jenna si fermò e disse preoccupata: “Uh oh. Mamma??"

Decidendo di bluffare, Laura guardò severamente gli uomini e disse: “Cosa state facendo? Quella è la mia macchina. Andare avanti. Idiota! Andare! Ora!"

Il più grande si grattò l'inguine, guardò la macchina poi guardò Laura, lentamente, da cima a fondo e poi di nuovo su. I suoi occhi si spostarono sulla gonna molto corta di Jenna, si fermarono sulla sua scollatura bianca e poi tornarono su Laura. Sbirciando, disse: “La tua macchina? Perché, questa è la mia macchina. Non è vero, fratello?" Teste sorridenti e maliziose annuirono mentre gli uomini si facevano avanti e circondavano le donne bionde.

Jenna si ritraeva davanti a sua madre in cerca di rassicurazione. Non è venuto nessuno. La voce di Laura tremò: “Per favore, vai via. Lasciaci in pace e basta.

"Andare via? Siamo appena arrivati”, rispose il nero. Sorridendo, aggiunse: "Fratello, a questa puttana non piacciono i negri". La sua mano muscolosa si alzò e sbatté contro la guancia di Laura mandandola a terra distesa a terra, con la gonna sollevata fino alla parte superiore delle calze rivelando uno scorcio del suo interno coscia bianco e liscio. L'uomo sorrise ancora di più, le piantò un piede tra le gambe per impedirle di alzarsi e rise: “La vecchia zappa ha delle gambe. Fratello, vuoi una vecchia troia?"

Laura cominciò a tremare. Jenna guardò sua madre distesa a terra. Jenna fissò il gruppo di uomini neri che circondavano lei e sua madre. Ha detto: "Mamma?" poi aggiunse con voce debole: "Aiuto?" mentre mani forti le afferravano le braccia e le stringevano brutalmente dietro la schiena. Un braccio muscoloso le circondava la vita, la mano appoggiata sulla pancia nuda, giocava con l'ombelico scoperto. Il viso di Jenna impallidì.

Vedendo ciò, Laura strillò: “Oh Dio! Togliete le mani da mia figlia, disgustosi bastardi neri!"

Ciò le valse semplicemente un secondo schiaffo feroce in faccia mentre un altro degli uomini urlava con rabbia: “Hoe! Se vuoi che lasciamo andare quella maledetta puttana di tua figlia, faresti meglio a renderci davvero felici. Zappa."

Un terzo uomo aggiunse: “Chiudi quella faccia da puttana, stronza. Ci piacciono i culi bianchi da puttana. Fottiti i nostri culi neri e lasceremo andare quella puttana di tua figlia. Alzati e facci vedere la tua vecchia stronza dispiaciuta.

Distesa sulla sabbia, sentendosi nauseata nel profondo, Laura implorò: “Qualsiasi cosa! Nulla! Lascia andare Jenna! Per favore!"

L’uomo di colore più alto e dall’aspetto più meschino ringhiò a Laura: “Faresti meglio a renderci davvero felici o faremo a pezzi tua fottuta figlia”. Fece un cenno agli altri e due di loro legarono le mani di Jenna a un grande ramo di un albero sospeso sopra il parcheggio. Le sue dita dei piedi non toccavano nemmeno il suolo. La sua pancia si sollevava per la paura, ma era sollevata dal fatto che avessero accettato di risparmiarla. Sfortunatamente, l'uomo che le teneva la pancia ha continuato a giocare con il suo ombelico.

Un uomo tirò Laura in piedi e poi la spinse di nuovo in ginocchio. Sentì uno strappo al ginocchio di una delle sue calze. L'uomo vizioso che l'aveva colpita per primo l'ha afferrata e attorcigliata per i capelli per costringerla ad alzare lo sguardo e ha detto: “Il mio cazzo è tutto gonfio. Faresti meglio a leccarlo per farlo sentire meglio. Detto questo, abbassò i pantaloni rivelando la sua lunga e dura verga nera che sporgeva direttamente verso la faccia inorridita di Laura.

Laura, lottando contro la nausea, rabbrividì di repulsione mentre cercava di evitare di guardare l'enorme cazzo nero. Un altro schiaffo in faccia e lei cominciò a singhiozzare disperata mentre apriva lentamente, con riluttanza, la bocca. L'uomo le ha immediatamente infilato la sua bacchetta pulsante nella bocca spingendola in fondo alla gola, quasi imbavagliando Laura. Non riusciva a tirare indietro la testa perché qualcuno la teneva ferma, anzi, cominciavano a spingerla in avanti e poi a tirarla indietro.

L'uomo che le teneva la testa abbaiò: "Stringigli le palle, stronza".

Laura allungò senza troppa convinzione la mano per prendere a coppa il sacco dell'uomo e lo strinse lentamente mentre il suo cazzo scivolava ritmicamente avanti e indietro nella sua bocca. Era disposta a fare qualsiasi cosa per proteggere la sua figlia vergine.

Uno degli uomini neri gridò a Jenna: “Tua madre sembra affamata. Scommetto che mangia un sacco di cazzi neri ogni giorno. Ciò fu seguito da una risata rauca.

Jenna guardò con gli occhi spalancati mentre il grosso cazzo nero entrava nella bocca di sua madre. Era almeno il doppio del membro del suo ragazzo. Tutti gli altri uomini neri avevano iniziato a togliersi i vestiti e lei rimase stupita nel realizzare quanto fosse davvero scarno il cazzo del suo ragazzo.

Laura sentì mani potenti afferrare la parte superiore della sua giacca blu scuro. Un uomo la tenne ferma mentre un altro strappava la cucitura della sua costosa giacca lungo la schiena. Una mano dietro il suo collo afferrò la parte superiore della sua camicetta di seta bianca e la strappò lungo la schiena, rivelando anche la sua schiena ancora bella e liscia. Lo stesso uomo le afferrò la spallina del reggiseno e la strattonò solo per farla tornare a posto contro la sua pelle morbida. Quindi usò due mani e lo strappò all'altezza della chiusura.

La povera Laura piangeva mentre si inginocchiava con l'enorme cazzo nero che le scopava la bocca. La sua giacca e camicetta, a brandelli, le pendevano lungo i fianchi mentre una mano ruvida le afferrava il reggiseno rotto e glielo strappava di dosso provocandole un po' di dolore mentre le coppe le graffiavano il seno.

L'enorme cazzo le è uscito dalla bocca e le braccia di Laura sono state tirate dietro la schiena mentre gli uomini finivano di strapparle la giacca e la camicetta lasciandola nuda dalla vita in su, i suoi meloni sodi che ondeggiavano per il duro trattamento. Guardandosi intorno vide cinque corpi neri nudi convergere su di lei, cinque grossi cazzi che la salutavano con gioia. Cinque volti arrabbiati che la minacciano.

I suoi occhi incontrarono quelli di Jenna. Sebbene avesse protetto la verginità di Jenna, sperava che il primo sguardo di Jenna ad un maschio nudo non sarebbe stato uno shock troppo grande per sua figlia.

Due paia di mani le afferrarono la gonna bianca attillata e con uno strappo violento gliela strapparono di dosso rivelando la sua mancanza di mutandine.

Ne sentì una ridere in tono beffardo: "Ehi, la tua mamma non ha mutandine. Sta solo aspettando un bel cazzo nero. Poi, guardando più da vicino, ha aggiunto: “Una figa nuda! Ragazza, tua madre sa esattamente cosa piace ai cazzi neri: la figa bianca nuda. Quanti cazzi neri mangia tua madre ogni giorno?"

Uno degli uomini giaceva sulla schiena, con il membro nero e gonfio che sporgeva verso l'alto. Diverse paia di mani afferrarono le braccia e i capelli di Laura costringendola sopra il suo cazzo; costringendola a scendere sul suo cazzo in attesa. Laura, incapace di protestare, sentì il suo membro ripugnante entrare nella sua figa. È stata spinta giù con forza causandole un notevole dolore mentre il cazzo si scontrava e violava l'unica figa della sua bianca. I suoi occhi furono chiusi per proteggerla dal dolore.

Successivamente è stata costretta a sporgersi in avanti dove un altro enorme cazzo nero aspettava che lei succhiasse. Non sapeva se era lo stesso cazzo che aveva già succhiato, ma la sua riluttanza ad aprire di nuovo la bocca le fece guadagnare un'altra cintura in faccia. Ha funzionato; la sua bocca si aprì all'istante per far entrare quella cosa vile.

Nel frattempo, sporgendosi in avanti con un cazzo in bocca mentre era seduta su un altro cazzo, Laura sentì un terzo cazzo toccarle il sedere. Si strofinò su e giù per la fessura del suo culo finché non lasciò abbastanza umidità da permettergli di farsi strada nelle sue sode guance.

La povera Laura è quasi svenuta quando il cazzo le è entrato nel culo. Questo era il suo peggior incubo: essere violentata da una banda di sporchi uomini neri. La sua testa girò mentre un cazzo le scopava la bocca mentre lei si sedeva su un altro che sembrava salire dentro di lei più di quanto nessun cazzo fosse mai arrivato prima mentre il suo culo veniva violato da un altro ripugnante cazzo nero.

Mentre i tre cazzi colpivano Laura senza pietà, sentì un altro paio di mani che le schiaffeggiavano le guance scoperte. Ancora un altro paio di mani le afferrarono i seni sodi e iniziarono a stringerli con troppa forza, alternandoli a tirate molto forti sui capezzoli come se stessero cercando di mungere una mucca. L'uomo le ha scopato la bocca, le ha afferrato i lunghi capelli biondi e ha continuato a strattonarle la testa avanti e indietro. Sperava ardentemente che Jenna non fosse costretta a guardare. Si sperava che Jenna fosse riuscita a distogliere lo sguardo o, almeno, a tenere gli occhi chiusi.

Jenna guardò con soggezione. Le piaceva scopare il suo ragazzo uno contro uno. Aveva sentito parlare di tre modi. Ma qui sua madre era costretta a fare una cosa a quattro!! I cazzi neri erano così grandi! Le loro palle pendevano così lontano! Jenna la guardò affascinata mentre pendeva dal ramo di un albero.

Osservazioni volgari, spinte violente. Laura ha cercato disperatamente di mantenere la sanità mentale durante questa orribile umiliazione. Ben presto sentì il corpo sotto di sé tremare e seppe che il suo seme corrotto era esploso in lei. Pochi secondi dopo, un forte urlo da dietro le disse che altro seme corrotto le era schizzato nel culo. Pregò che ciò non accadesse ma, presto, accadde: il vile cazzo nella sua bocca le sparò un carico di sperma caldo, salato e appiccicoso nella sua bocca. Le gocciolava dagli angoli della bocca mentre cercava di non vomitare.

Pochi secondi dopo, tutti e tre gli uomini neri si tirarono fuori da lei e si alzarono permettendole di crollare sulla sabbia, il suo calvario finalmente finì.

Una mano sui suoi capelli la girò costringendola sulla schiena. Un quarto grosso cazzo nero le agitò in faccia. Una faccia maliziosamente sorridente disse: “Non hai ancora finito, troia. È il mio turno. Succhiami le palle mentre scopo le tue tette bianche. Vecchia stronza, faresti meglio a succhiare bene. Lui abbassò il sacco delle palle nella sua bocca, posò il suo cazzo caldo e pulsante tra i suoi seni e iniziò a spingere. Qualcuno l'ha presa a calci un paio di volte finché non ha iniziato a succhiargli le palle. Le palline le riempirono la bocca e poteva sentire ogni pallina rotolarle sulla lingua. Disgustoso! Ma lei succhiava più forte che poteva per compiacere il teppista per timore che lui la punisse con un'altra cintura sul viso.

Con una mano le strinse forte i seni contro il suo cazzo mentre con l'altra mano crudelmente le torceva, tirava e pizzicava i capezzoli finché non diventarono gonfi per la punizione. Ben presto sentì un liquido caldo e appiccicoso vomitare sul suo stomaco, colando nell'ombelico.

Quando il quarto uomo si alzò, Laura sentì le sue gambe allargarsi mentre l'ultimo uomo di colore si accovacciava e le pizzicava e schiaffeggiava la figa nuda. Quando fu soddisfatto di aver reso la sua figa sufficientemente rosa dopo gli schiaffi, le piantò il cazzo dentro, si stese sopra di lei, le sorrise in faccia e le baciò rudemente le labbra.

Ormai, Laura poteva solo fissare il volto scuro pieno di malizia mentre lui si spingeva avanti e indietro in modo del tutto privo di emozioni. I suoi grandi muscoli le impedivano di fare qualsiasi tipo di movimento mentre lui usava la sua figa pelata come se fosse sua. Dopo diversi minuti sorrise più ampiamente, chiuse gli occhi, emise un semplice grugnito e spruzzò il suo succo nella sua figa dolorante. Laura in quel momento non se ne rese conto, ma il suo succo carico di semi trovò presto il suo uovo maturo e innescò la divisione cellulare.

Uscendo da lei, si voltò verso Jenna che lo guardava, sorrise e disse: “Abbiamo finito con quella vecchia puttana di tua madre. Adesso vogliamo carne bianca fresca e giovane”.

Gli occhi di Jenna si spalancarono. Il suo stomaco si rivoltava. Il suo cuore batteva forte. Si rese conto che avevano mentito. Nonostante il sacrificio di sua madre, avrebbero comunque devastato il suo corpo!

Laura giaceva a terra troppo esausta e ferita per muoversi. La sborra le colava dalle labbra, dalla figa e dal culo. Altro sperma rappreso sul suo stomaco. Era completamente nuda, fatta eccezione per la calza nera strappata ancora attaccata alle gambe. Questo è stato il giorno peggiore della sua vita. Le lacrime scorrevano dai suoi occhi quando si rese conto che Jenna stava per sopportare la stessa dura prova che aveva appena attraversato.

Avvicinandosi a Jenna dal viso color cenere, l'uomo nero muscoloso e duro le afferrò la camicetta rosa sottile e scollata e sciolse lentamente il nodo che la teneva chiusa. I suoi seni sodi e compatti si sollevarono alla vista e ondeggiarono leggermente mentre l'uomo nero, ridendo, spingeva il suo corpo in modo che oscillasse dolcemente dal ramo. Iniziò a schiaffeggiare i suoi teneri meloni bianchi finché non diventarono rosa brillante. I suoi capezzoli si erano induriti per gli schiaffi.

L’uomo si rivolse agli altri membri della banda osservando: “Vedi fratello. Le tette della cagna bianca sono dure. Significa che è sexy. Significa che vuole assaggiare il cazzo nero e duro. Seguì un giro di scherni e risate.

Jenna ha provato a protestare ma è stata messa a tacere allo stesso modo di sua madre; con uno schiaffo crudele in faccia.

Un altro degli uomini si fece avanti, la guardò dall'alto in basso con uno sguardo lascivo, afferrò la sua corta minigonna nera e gliela strappò di dosso con cattiveria. La costosa minigonna giaceva a brandelli per terra. Jenna si gira e si gira nel vano tentativo di impedire al gruppo malvagio di vedere la sua figa bianca, nuda e rasata. Il suo corpo, nudo tranne che per le calze di nylon nere e gli stivali di pelle bianca alti fino al ginocchio, volteggiava lentamente dalla corda che la teneva al ramo.

Uno degli uomini gridò: “Anche questa troia non ha mutandine. Guarda quella figa nuda. Miao!"

Jenna guardò con gli occhi spalancati, tremando, mentre uno degli enormi cazzi si avvicinava. Il corpo attaccato al cazzo l'afferrò, la tirò a sé e le sollevò le gambe finché non fu costretta ad avvolgergliele intorno alla vita, il suo cazzo duro come la roccia che premeva contro la sua figa nuda. Senza perdere tempo, la tirò brutalmente contro il suo corpo, spingendo il suo cazzo in profondità nella sua figa; molto più lontano di quanto il suo ragazzo si fosse mai spinto. Jenna sussultò e le lacrime iniziarono a scorrerle lungo le guance.

L'uomo la tenne stretta contro il suo corpo mentre spingeva cercando di farsi strada ulteriormente nella sua figa secca. Non poteva muoversi. I suoi muscoli erano decisamente troppo forti. Spingendo avanti e indietro schizzò rapidamente dentro di lei il suo seme rimanente, si rilassò e liberò il suo corpo per lasciarlo oscillare ancora una volta dal ramo.

Jenna sentì un altro corpo attaccato ad un cazzo duro strofinarsi contro di lei da dietro. Braccia spesse e forti le circondarono il ventre. Il cazzo duro le spinse il culo cercando il foro d'entrata. Per fortuna il cazzo era ancora bagnato dopo aver sbattuto sua madre. Si fece strada nel suo buco del sedere senza eccessivo dolore e le braccia le tenevano la pancia in una presa simile a una morsa. Mentre l'uomo muoveva il suo bastone dentro e fuori dal suo culo, un altro uomo di colore le schiacciava i seni compatti e un terzo uomo le accarezzava teneramente le guance, alternandole con schiaffi pungenti e ridacchiando tutto il tempo.

Il suo ragazzo non l'aveva mai presa per il culo prima e non le piaceva affatto. Cercò di non immaginare la verga nera che le violentava il sedere, ma immagini vivide continuavano comunque a scorrerle per la testa. La nauseava.

Il corpo che la stringeva all'improvviso si irrigidì e sussultò. Il suo sperma le inondò il culo. Mentre usciva, Jenna poteva sentire il suo sperma iniziare a gocciolare lentamente fuori dal suo culo. Si sentiva così umiliata.

I due uomini successivi la usarono contemporaneamente. Uno nella figa, l'altro nel culo, stringendola tra loro. Quello davanti, sorridendo, la baciò brutalmente forzando la lingua nella sua bocca morbida.

Il cazzo nel suo sedere si spingeva indietro, il cazzo nella sua figa veniva tirato indietro. Il cazzo nella sua figa si spingeva, il cazzo nel sedere si tirava indietro. I due galli si spingono avanti e indietro. Jenna riusciva a malapena a respirare stretta tra loro così com'era, con la lingua che le violava la bocca.

Contò disperatamente fino a cento prima di sentire finalmente i due corpi irrigidirsi mentre scaricavano i semi rimanenti nel suo corpo disonorato.

L'ultimo uomo la guardò e disse: "Aw, voglio solo una bella succhiata". La squadrò dall'alto in basso, guardò il ramo e apparve assorto nei suoi pensieri. Alla fine sorrise, le slegò le braccia, la sollevò, la girò a testa in giù e procedette a legarle le caviglie al ramo. Ora la povera Jenna era appesa a testa in giù al ramo, con i suoi lunghi capelli biondi che scendevano a terra. L'uomo sembrava soddisfatto.

Avvicinandosi a lei, le afferrò la parte posteriore della testa e le avvicinò il viso al suo cazzo furioso: “Goditi, tesoro. Ti farò a pezzi se non mi dai un bel succhiotto."

Jenna, tremante, terrorizzata aprì la bocca per ricevere la tremolante verga nera. Ne sentì il calore mentre le entrava in bocca. Il suo ragazzo aveva sempre avuto troppa paura per chiederle di succhiarlo. Ora un completo sconosciuto, un uomo di colore stava ricevendo il suo primo succhiamento. Il cazzo le scivolò sulla lingua, alloggiandole nella guancia. Si spinse avanti e indietro e Jenna sentì il suo grosso sacco da palla sbatterle contro la fronte mentre spingeva. Era sicura che non sarebbe sopravvissuta a questa prova umiliante. Eppure continuò a succhiare disperata finché alla fine un fiotto di melma calda e salata le esplose in gola. Mentre lui si allontanava, lei tossì e soffocò, con la melma che le colava dalla bocca.

Il gruppo, dopo aver finito, lasciò Jenna appesa a testa in giù, con i capelli trascinati a terra.

Dopo essersi vestiti, tre sono risaliti sul furgone mentre gli altri due sono saliti sulla BMW nuova di zecca di Laura e sono partiti. L'officina ha dato loro 3.000 dollari per l'auto.

Qualche tempo dopo, quando Laura si fu ripresa abbastanza per alzare lo sguardo, vide la sua povera figlia devastata, con la verginità rubata prematuramente, penzolare a testa in giù dall'albero. Inciampando, riuscì a far scendere Jenna e si tennero strette, tremando per la loro orribile situazione: uomini nudi e neri ricoperti di sperma, come avrebbero potuto tenere di nuovo la testa alta?

Dopo circa un'ora barcollarono fino al bordo della spiaggia ed entrarono in acqua per lavare via lo sperma disgustoso che era ancora attaccato alla loro pelle.

Al crepuscolo si allontanarono furtivamente dalla spiaggia, Laura con i tacchi alti e le calze nere strappate, Jenna con le calze di nylon nere e gli stivali di pelle bianca. Diverse ore dopo si sono imbattuti in una vecchia casa con uno stendibiancheria, hanno rubato alcuni vestiti che non gli stavano bene e hanno continuato a inciampare verso casa. Arrivarono solo il mattino dopo, completamente esausti.

Polizia Stradale? Sarebbe ancora più umiliante. Inoltre, la banda era tutta nera; chi può distinguere un nero da un altro??

Diverse settimane dopo, Laura e Jenna si resero conto, con orrore, che entrambe stavano portando in grembo i bambini della banda. Il marito di Laura l'ha abbandonata un'ora dopo che sua moglie gli aveva dato un vivace bambino nero.

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

1.7K I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.5K I più visti

Likes 0

La morte veste SEMPRE di nero - Capitolo 1

Capitolo 1 L'ombra a forma di uomo nel cortile del vicino dall'altra parte della strada non si era mossa negli ultimi 20 minuti, ma era del tutto possibile che gli occhi di Glenn gli stessero giocando brutti scherzi mentre la sua mente in preda al panico lavorava a tempo pieno sul suo dilemma. Erano passate due settimane da quando il contratto era stato adempiuto dalla gilda degli assassini di Ar e lui doveva ancora inviare loro il pagamento, ovviamente, non lo avevano esattamente cercato nemmeno per il loro oro, ma era ancora estremamente preoccupato. Silas aveva visto cosa succede alle persone...

1.5K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricatto e cetrioli

Questa è un'opera di finzione. La prima volta che scrivo, le critiche costruttive sono sempre consentite, non c'è molto sesso perdonami, volevo introdurre i personaggi. RICATTO E CETRIOLI Dovremmo prendere dei cetrioli, ho sentito dire da una ragazza. Io, Justin Hunter, ero seduto da solo in una delle quattro mense della Forrester University. Questo in particolare era il terzo più grande e la ragazza che ha detto che era seduta a un tavolo di fronte al mio. Avevo quasi finito di mangiare quando queste due ragazze vennero a sedersi a un tavolo accanto al mio. Sedevano fianco a fianco su un...

999 I più visti

Likes 0

Prendendo Sarah, seconda parte

Prendendo Sarah, seconda parte Aiuto da un amico. Nelle poche settimane trascorse da quando avevo registrato Sarah in bagno, ho provato numerose volte a rivederla, senza alcun risultato. Ho avuto l'opportunità di vederla rapidamente in primo piano. Un giorno si era addormentata sul suo letto, la cuccetta più in alto dopo la scuola e Anne aveva chiamato di sopra che la cena era pronta e che avrei svegliato Sarah. Entrando nella sua stanza ho visto che in effetti dormiva profondamente. Quando mi sono avvicinato a lei ho visto che i suoi pantaloncini erano molto larghi su di lei. Sapevo che se...

888 I più visti

Likes 0

Picchiato al rifugio

Sono un uomo di 35 anni che vive da solo in una capanna isolata nel bosco. Sono 6'1 con capelli biondi e occhi azzurri. Non ho mai avuto problemi portare a casa le donne. Sono un veterinario e ho un ufficio in città. Faccio anche volontariato in un canile nei fine settimana. I proprietari salva i cani e trova loro una casa una volta che li ho esaminati. Alcuni entrano piuttosto brutte, quindi impiegano un po' più di tempo a guarire. Altri sono belli cani che sono stati semplicemente abbandonati da qualche parte. Il vicino più vicino vive a 15 miglia...

844 I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

787 I più visti

Likes 0

Dipendenza_(0)

Godetevi la storia e lasciate un commento. Dipendenza Allora Doc, ahh domanda folle - è possibile essere um, tipo, dipendenti da una persona? Era una domanda folle e Tom era in qualche modo imbarazzato anche solo a farsela, ma era una domanda su cui si stava ponendo da giorni ormai. Il dottore, in realtà uno psicologo, era un uomo calvo con gli occhiali sulla cinquantina, che aveva sentito un sacco di cose più folli nei suoi vent'anni di pratica. Sapeva che Tom era serio e aveva bisogno di maggiori informazioni prima di poter dare una risposta. Pensi di essere dipendente da...

872 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.