Incontri Darkness - Parte I

907Report
Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità

Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno.

"Datti una calmata, Laura!" disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa.

Sentì il clic di una macchina fotografica vecchio stile, ignorandolo perché sapeva che non c'era nessuno.

“Mmhmm….Laura…” sospirò profondamente mentre la osservava dall'ombra con una telecamera.

La mattina dopo Laura si stava preparando per il lavoro; guardò l'orologio, abbastanza tempo per una doccia pensò. Aprendo la doccia si tolse il pigiama in bagno e rimase ad ammirare la sua figura nello specchio lungo il pavimento.

Ha raccolto i suoi capelli corvini in una crocchia e li ha fissati con un pettine per capelli; si avvicinò allo specchio e si guardò il viso, disgustata dalle borse sotto gli occhi e dalle rughe che apparivano. A 27 anni non avrebbe mai pensato che si sarebbe preoccupata di linee e borse. Andando avanti si passò le mani sui seni pieni; esaminando, ricordando quando erano più vivaci. Giù attraverso la sua piccola pancia piatta fino ai fianchi e al culo gonfi, niente male pensò tra sé e sorrise.

*Clic, clic*

Laura rimase a guardare per un momento quando fu sicura di aver visto qualcuno che guardava dalla sua finestra osservando lei che osservava se stessa. Girò sui tacchi e andò alla finestra. Nessuno. Tuttavia il suo anziano vicino Frank stava tagliando l'erba, alzò lo sguardo quando la vide in piedi nuda nella finestra del bagno. Rimase fermo e silenzioso a fissare mentre Laura si voltava e gli faceva cenno di avvicinarsi. Frank essendo il gentiluomo era obbligato Laura. Indicò la porta d'ingresso e Frank seguì le sue indicazioni.

“Ciao….Laura?” Bussò alla porta.

"Entra, è aperto Frank." Lei rispose cinguettante.

«Sto entrando adesso.» Gridò mentre apriva la porta.

"Qui dietro Frank..." Ha chiamato dal retro della casa.

“Stai bene Laura? Sembravi scosso…” chiese.

"Sto meglio ora che sei qui Frank..." gli apparve davanti con un asciugamano, che lasciò cadere ai suoi piedi.

*Clic, clic.*

“Laura, cosa stai facendo? Sono abbastanza grande per essere tuo nonno! egli ha esclamato.

“Ho visto il modo in cui stavi guardando il mio corpo. Vedo la fame nei tuoi occhi in questo momento. Fece le fusa mentre camminava verso di lui. "Toccami. Sai che vuoi, so che vuoi. Voglio che tu mi tocchi.

"Io... ehm... ehm..." balbettò.

Laura gli prese la mano e se la posò sul seno morbido mentre le sue mani gli slacciavano i pantaloni. Caddero a terra con un rumore metallico sul pavimento di legno. Il suo cazzo semi eretto le tocca la coscia.

"Il tuo corpo sembra essere d'accordo con me Frank." Gli sussurrò all'orecchio mentre leccava il lobo, lui le massaggiava il seno.

*Clic, clic.*

“Questo è sbagliato Laura... non posso... sei solo una ragazza...” balbettò.

"Una ragazza potrebbe farti questo?" sorrise mentre prendeva il suo cazzo in mano e lo accarezzava dolcemente, mettendosi in ginocchio. Lei lo fissò mentre lo prendeva per intero in bocca e in gola. Rallentando il movimento avanti e indietro sul suo cazzo eretto.

*Clic, clic*

Si abbassò e le tolse il pettine dai capelli lasciando che i suoi capelli cadessero sulla sua spalla coprendole la schiena.

"Smettila!" lui la spinse via, lei cadde sulla schiena.

Frank si avventò su di lei vedendola sulla schiena; figa calva esposta mentre giaceva sul pavimento. Le afferrò le braccia con una mano, tenendole sopra la sua testa, con l'altra guidò il suo cazzo completamente eretto dentro di lei in una spinta dura. Laura emise un forte gemito mentre scopava furiosamente sul pavimento di legno tra il bagno e la camera da letto.

*Clic, clic.*

“Fuck me Frank. Difficile!" gridò.

"Zitto, mia moglie ti sentirà!" le coprì la bocca con i pantaloni mentre la scopava più forte.

Il suo ritmo cominciò a rallentare.

“Sali sopra di me e cavalcami. Vai forte quanto vuoi. Le disse mentre si girava ancora dentro di lei, tenendola ferma.

*Clic, clic.*

Laura iniziò a cavalcarlo prendendo ritmo; la sua mano sul suo petto, la sua testa all'indietro lui le afferrò una manciata di capelli tirandole mentre lei emetteva un forte gemito. Le sue mani che le cullano il sedere. Raggiunse un ritmo costante, urtando e stridendo su di lui mentre un'onda la investiva rallentandola. Il suo corpo si irrigidì, lui le afferrò il culo ei fianchi costringendola su e giù sul suo cazzo. Lei lo cavalcò fino al piacere, le sue mani le strinsero i fianchi e le cosce mentre le sparava dentro.

Laura accarezzandole i seni guardò in basso Frank aveva finito. Frank se n'era andato. Frank è morto con un sorriso in faccia e il suo cazzo sepolto in profondità in una figa da vent'anni. Morì felice.

*Clic, clic.*

È scesa da lui e l'ha ripulito prima di chiamare i servizi di emergenza sanitaria. Si è messa un vestito corto prima che arrivasse qualcuno e ha gridato a sua moglie Millie con le lacrime agli occhi.

L'ambulanza, la polizia e Millie sono arrivate insieme.

"Signora cosa è successo?" chiese il rispondente.

“È venuto per assicurarsi che stessi bene, qualcuno stava guardando dalla mia finestra guardandomi e Frank li ha beccati. Sono scappati ma Frank stava solo controllando che stavo bene, poi è caduto a terra e ho provato il cpr e vi ho chiamato ragazzi! singhiozzò tra le mani.

“Va bene signora, è tutto quello che avevamo bisogno di sentire. Avremo bisogno di una descrizione della persona che guarda nelle tue finestre, ma per ora può aspettare. Le accarezzò la spalla spostandole il vestito, le guardò la scollatura. «Ecco il mio biglietto se li vedi o ricordi qualcosa. Non aver paura di chiamare giorno e notte…” sorrise.

*Clic, clic.*

"Sig.ra. Reynolds, ti porterò all'ospedale per compilare i documenti e fare un documento d'identità formale. Per di qua." Fece cenno.

"Mi dispiace tanto signora Reynolds." Laura singhiozzò.

“Va tutto bene caro. Frank pensava che fossi una ragazza adorabile e che avresti fatto qualsiasi cosa per te. Sono sicuro che non è colpa tua. Sorrise abbracciando Laura.

*Clic, clic.*

"Da questa parte, signora Reynolds." Il soccorritore ha chiamato.

Laura chiuse la porta e si asciugò le lacrime dal viso. Rimase lì a guardarli andarsene, poi si tolse il vestito e si diresse verso la doccia. Per tutto il tempo poteva ancora sentire il clic di una telecamera.

Rimase in piedi nel vapore, l'acqua calda le batteva sulla schiena, chiuse gli occhi. Inspirando profondamente. Lei sospirò. Le sue mani le toccano i seni, le stuzzicano i capezzoli. Rotolandoli tra il pollice e l'indice, tirandoli delicatamente. Ha ripetuto la morte di Frank nella sua testa. Quando lui le è entrato dentro, lei comincia a tremare. Con la mano che scende lungo lo stomaco si tocca il clitoride, accarezzandolo e strofinandolo mentre la calda ondata dell'orgasmo la sta travolgendo ancora una volta.

*Clic, clic.*

I giorni successivi furono tranquilli. La vita continuava; ha svolto le sue solite routine, lavoro, shopping, socializzazione e così via. Poi venne il funerale di Franks.

'Dovrei andare?' pensò tra sé. «Probabilmente dovrei. Non per destare sospetti». Si infilò il vestitino nero che abbracciava il suo corpo in tutti i punti giusti. Stivali a stiletto alti fino al ginocchio in pelle nera che lasciavano in mostra solo abbastanza coscia. Laura si è arricciata i capelli e li ha lasciati fuori, proprio come piaceva a Frank.

*Clic, clic.*

Il funerale è stato come qualsiasi altro funerale. La veglia dopo che la signora Reynolds ha chiesto a Laura di dire alcune parole, ha fatto pressioni su Laura che si è messa di fronte a tutti.

“Frank… Frank era un uomo buono, di buon cuore, amorevole, devoto marito di Millie. L'uomo più gentile che ho avuto la fortuna di conoscere. Non ero preparato per essere invitato a parlare, quindi alziamo i nostri calici all'uomo più gentile di sempre. A Frank.» Lei sorrise.

"A FRANK" Tutti gridarono e fecero clic sugli occhiali.

La signora Reynolds prese Laura da parte: “Grazie cara. È stato molto gentile da parte tua dire parole così belle. Ma so di Frank, non è sempre stato fedele. Eri solo l'ultima di una lunghissima lista, signorina. Lei sorrise.

Laura andò a parlare e la signora Reynolds si portò un dito alle labbra: “Stai zitta. Meglio tacere che aprire bocca e dimostrarsi uno sciocco». Si accarezzò il culo mentre si allontanava.

*Clic, clic.*

Mentre si allontanava, Laura si guardò attorno per vedere tutto il potenziale; guardando la sua prossima conquista, il suo prossimo trofeo. Se ne andò chiedendosi come la signora Reynolds avesse mai sopportato i modi imbroglioni di Franks. Laura porse il suo biglietto al parcheggiatore che la stava squadrando da capo a piedi.

"Peccato che sia solo un bambino." Pensò mentre sorrideva.

"Bene, ciaoo bello." Una voce profonda e sensuale urlò da dietro di lei.

Si voltò per vedere un alto stallone dai capelli d'argento in piedi di fronte a lei in un abito nero a righe.

"Tony." Le prese la mano e la baciò.

*Clic, clic.*

"Bene. È un piacere conoscerti Tony. Sorrise quando apparve il parcheggiatore con la sua macchina.

"Mi dirai come ti chiami signorina?" sorrise con denti bianchi e perfetti.

“No, perché se ti interessa davvero lo scoprirai. Infine." Sorrise mentre dava la mancia al parcheggiatore che saliva in macchina lasciando Tony senza parole mentre se ne andava.

*Clic, clic.*

"Chi era quella donna, il mio brav'uomo?" chiese Tony al cameriere.

“Nessun indizio, signore. Era alla veglia. Ma dannazione, sta bene. Si strofinò la faccia.

Tony tornò in hotel, tornò alla veglia.

"Millie, chi era quella ragazza con cui stavi parlando?" chiese.

«La prostituta della porta accanto. Si stava scopando Frank quando è morto. Questo risponde alla tua domanda, fratello?" rispose sarcastica.

“Davvero, Franco? Quel vecchio cane! Mi dispiace Millie, ma è una persona che guarda. Sorrise.

I giorni sul calendario passavano in fretta, Laura non aveva più avuto notizie di Tony e Millie non era tornata a casa dalla veglia funebre. Una Mercedes slk decappottabile nera si fermò davanti a casa sua mentre era sdraiata sul divano a mangiare Ben e Jerry's, guardando la TV spazzatura in tuta. Laura si sollevò sui gomiti per vedere chi fosse; non poteva credere ai suoi occhi, lo stallone d'argento.

Saltò velocemente in piedi e corse in camera da letto togliendosi i sudori e infilandosi un abitino estivo, gettò la testa sottosopra e si arruffò i capelli, dandogli quell'aspetto 'appena fottuto'. Si è rinfrescata rapidamente il trucco mentre suonava il campanello.

"Solo un secondo..." urlò.

Si è aggiustata i seni; tirandoli su, aggiustandosi la scollatura. Lentamente si diresse verso la porta in fondo al lungo corridoio. Tony si fermò dall'altra parte guardandola camminare afosa verso di lui.

*Clic, clic.*

"Bene bene bene. Immagino che tu mi abbia trovato. Fece un sorriso timido mentre si alzava su una gamba, ruotando l'altra sull'alluce.

“Adesso ti ho trovato. Dimmi il tuo nome. Questa è l'unica cosa che non so di te.» Le prese la mano e la baciò.

"Laura. Il mio nome è Laura." Lei fissò i suoi occhi nocciola.

*Clic, clic.*

"Beh, Laura... Questi sono per te." Tirò fuori un mazzo di gigli da dietro la schiena. "Bellissimi fiori per una bella ragazza." Sorrise.

“I gigli sono considerati fiori della morte. Stai cercando di dirmi qualcosa Tony? Laura alzò un sopracciglio.

*Clic, clic.*

"Dipende da chi chiedi... Posso entrare?" chiese.

Laura si fermò per un momento; si spostò di lato e fece cenno a Tony di entrare.

"Vorresti da bere? Li metterò nell'acqua così non muoiono…” sorrise.

*Clic, clic.*

“Che ne dici se li metto nell'acqua e tu prepari i drink?? Lui ha offerto.

Laura andò in cucina con Tony che la seguiva sempre presente. Si chinò per prendere un vaso, sapendo di non indossare mutande e che lui sarebbe stato proprio dietro di lei a guardarla. Fissò e si spostò tra i piedi, le mani nelle tasche dei pantaloni si schiarì la gola. Alzò lo sguardo sopra la sua spalla e sorrise.

*Clic, clic.*

"Lei qualcosa che ti piace?" ridacchiò mentre tirava fuori un vaso dalla credenza.

“Beh... ehm... Sì, in effetti lo so. Quella piccola fica matura. Lo vedo luccicare. Le disse mentre si avvicinava a lei togliendosi le mani dalle tasche dei pantaloni.

Laura mise il vaso nel lavandino mentre Tony si muoveva verso di lei spingendola contro il bancone. Le sue mani le avvolsero la vita; spostandosi lungo la schiena e afferrandole il culo, la sollevò sul bancone.

*Clic, clic.*

Le aprì le gambe con i fianchi mentre le baciava il collo, le mordicchiò il lobo dell'orecchio e con un colpo solo le baciò e leccò il lobo. Le sue mani le sbottonarono il vestito lasciandolo cadere sul bancone, esponendola all'aria fresca della cucina. Lei gli passò una mano tra i capelli afferrandoli tirandogli indietro la testa; inalò il suo profumo, facendo scorrere il naso sul suo collo. Laura baciò lungo la sua mascella affilata fermandosi sul mento.

*Clic, clic.*

"Qualcuno potrebbe tagliarsi sulla mascella." Lei sorrise.

"Beh, spero che tu abbia un kit di pronto soccorso perché le tue cosce saranno fatte a pezzi..." sorrise.

Laura lo baciò forte, mentre si allontanava gli mordicchiò il labbro inferiore. La attirò a sé, lei poteva sentire il suo respiro sul collo.

"Ho un segreto da dirti Laura..." le sussurrò all'orecchio.

"Che cos'è?" chiese Laura incuriosita.

"Hai sentito il suono di una macchina fotografica che scatta di recente?" fece un passo indietro per guardare le emozioni sul suo viso.

I suoi occhi si strinsero.

«Be', io lo assumo. Lavora per me. E tu sei una creatura meravigliosa da seguire. Ridacchiò.

Sedeva nuda, scioccata sul bancone della cucina, guardandolo con un'espressione vuota sul viso.

*Clic, clic.*

Fine della parte I

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

1.7K I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.5K I più visti

Likes 0

La morte veste SEMPRE di nero - Capitolo 1

Capitolo 1 L'ombra a forma di uomo nel cortile del vicino dall'altra parte della strada non si era mossa negli ultimi 20 minuti, ma era del tutto possibile che gli occhi di Glenn gli stessero giocando brutti scherzi mentre la sua mente in preda al panico lavorava a tempo pieno sul suo dilemma. Erano passate due settimane da quando il contratto era stato adempiuto dalla gilda degli assassini di Ar e lui doveva ancora inviare loro il pagamento, ovviamente, non lo avevano esattamente cercato nemmeno per il loro oro, ma era ancora estremamente preoccupato. Silas aveva visto cosa succede alle persone...

1.5K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricatto e cetrioli

Questa è un'opera di finzione. La prima volta che scrivo, le critiche costruttive sono sempre consentite, non c'è molto sesso perdonami, volevo introdurre i personaggi. RICATTO E CETRIOLI Dovremmo prendere dei cetrioli, ho sentito dire da una ragazza. Io, Justin Hunter, ero seduto da solo in una delle quattro mense della Forrester University. Questo in particolare era il terzo più grande e la ragazza che ha detto che era seduta a un tavolo di fronte al mio. Avevo quasi finito di mangiare quando queste due ragazze vennero a sedersi a un tavolo accanto al mio. Sedevano fianco a fianco su un...

999 I più visti

Likes 0

Prendendo Sarah, seconda parte

Prendendo Sarah, seconda parte Aiuto da un amico. Nelle poche settimane trascorse da quando avevo registrato Sarah in bagno, ho provato numerose volte a rivederla, senza alcun risultato. Ho avuto l'opportunità di vederla rapidamente in primo piano. Un giorno si era addormentata sul suo letto, la cuccetta più in alto dopo la scuola e Anne aveva chiamato di sopra che la cena era pronta e che avrei svegliato Sarah. Entrando nella sua stanza ho visto che in effetti dormiva profondamente. Quando mi sono avvicinato a lei ho visto che i suoi pantaloncini erano molto larghi su di lei. Sapevo che se...

888 I più visti

Likes 0

Picchiato al rifugio

Sono un uomo di 35 anni che vive da solo in una capanna isolata nel bosco. Sono 6'1 con capelli biondi e occhi azzurri. Non ho mai avuto problemi portare a casa le donne. Sono un veterinario e ho un ufficio in città. Faccio anche volontariato in un canile nei fine settimana. I proprietari salva i cani e trova loro una casa una volta che li ho esaminati. Alcuni entrano piuttosto brutte, quindi impiegano un po' più di tempo a guarire. Altri sono belli cani che sono stati semplicemente abbandonati da qualche parte. Il vicino più vicino vive a 15 miglia...

844 I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

787 I più visti

Likes 0

Dipendenza_(0)

Godetevi la storia e lasciate un commento. Dipendenza Allora Doc, ahh domanda folle - è possibile essere um, tipo, dipendenti da una persona? Era una domanda folle e Tom era in qualche modo imbarazzato anche solo a farsela, ma era una domanda su cui si stava ponendo da giorni ormai. Il dottore, in realtà uno psicologo, era un uomo calvo con gli occhiali sulla cinquantina, che aveva sentito un sacco di cose più folli nei suoi vent'anni di pratica. Sapeva che Tom era serio e aveva bisogno di maggiori informazioni prima di poter dare una risposta. Pensi di essere dipendente da...

872 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.