Cavalla montata

1.7KReport
Cavalla montata

JoJo è una bellissima donna musulmana di 36 anni, separata dal marito da un anno. È amica di un socio in affari del Medio Oriente. Mi ha invitato a venire a casa sua. È arrivata a casa nello stesso momento in cui sono arrivato io, ci siamo salutati, con ciò si gira velocemente sui tacchi, e se ne va verso la porta sul retro della casa. Guardo il suo culo in quei jeans attillati. Ho dovuto raggiungere e regolare il mio cazzo nei pantaloni. Sono a disagio con il mio cazzo duro nel suo allineamento attuale. Gemetti tra me e me, immaginando cosa avrei potuto fare al suo corpo. Una volta dentro, si è occupata di mettere via la spesa. Mi è stato ordinato di fare il caffè. Non mi dispiaceva giocare a casa con lei. Mi ha dato il tempo di osservare i suoi movimenti in cucina. Quando si chinò per mettere via le patate sul ripiano più basso della dispensa, si piegò all'altezza della vita, facendo oscillare le patate nello scaffale, allungandosi con forza per spingere indietro il sacco abbastanza da far chiudere la porta. Tutto questo viene fatto con i piedi divaricati alla larghezza delle spalle, senza piegare un ginocchio. I jeans avvolti strettamente intorno al suo culo. Vista mozzafiato. La mia mente immaginò il suo corpo nudo, piegato in vita, sopra lo schienale del divano, piegato di lato guardandomi dietro di lei. Si lecca le labbra, muove il culo e mi prega di mettere il mio cazzo nella sua figa stretta. Mi chiama stallone, montami stallone, scopami forte. Il mio cazzo diventa più duro, mettendomi a disagio nei pantaloni.

Infine, riempiamo le nostre tazze di caffè fresco. Seduto di fronte a lei al tavolo, osservo le sue dita sottili con le unghie curate che si allungano intorno alla tazza, tenendo la tazza tra i palmi delle mani, prendendola delicatamente a coppa. Guardo le sue labbra mentre porta lentamente la tazza alla bocca, avvolgendo delicatamente le labbra sul bordo della tazza. La vedo afferrare il mio cazzo, tirarlo verso la sua bocca in attesa, la lingua che si estende oltre le sue labbra per leccare la testa del mio cazzo mostruoso. Succhia il mio cazzo, succhiando il pre-cum dalla fessura, la lingua che balla sul suo casco. "Beh, è ​​un piacere conoscerti finalmente", dice piano, fissandomi negli occhi. Ridacchio, ammettendo che "la mia mente è fuori gioco", dico. Lei mi guarda perplessa. "Suonare dove"? Lei continua a fissarmi. Non sono sicuro di come rispondere. Vuole che le faccia un anticipo? "Sto ammirando quanto sei bella per la millesima volta", dico. La sua mano raggiunge i suoi capelli, la sua testa si abbassa, è a disagio con il commento. "È carino da parte tua", dice. "Non ricevo più spesso quei complimenti", afferma. "Penso che tu abbia sempre dei ragazzi che vengono da te. Sei una bella donna, un corpo sexy, estroverso e altro ancora", dico. "Ho trovato io stessa che volevo vederti per l'effetto che hai su di me", continuo. "Mi sono trovata a creare molte fantasie su di te", concludo. "Non andiamo lì", ribatté lei.

Guardo le sue tette. Giuro che i suoi capezzoli si sono induriti e mi stanno guardando. La vedo ansimare. Si accorge che sto fissando le sue tette. Si sporge in avanti, incrociando le braccia per impedire ai suoi capezzoli di guardarmi. Noto tensione nella sua voce. "Abbiamo finito qui", chiede? Mi sta fissando, aspettando un mio commento. Si alzò per andare alla caffettiera e prendere altro caffè, io mi alzo e la seguo. Mi avvicino alle sue spalle, posando le mani sui suoi fianchi. Si irrigidisce, la tiro forte contro di me, tirandole il culo contro il mio cazzo duro. Macino il mio cazzo contro il suo culo, spingendo il mio cazzo su e giù per la fessura attraverso i suoi jeans attillati. "Non credo che questa sia una buona idea", afferma, allontanandosi da me. Voltandomi di fronte a me, la spingo contro il bancone. Le accarezzo le braccia e le spalle, il mio cavallo premuto contro il suo addome superiore. Lei sta ferma. "No, per favore, fermati", afferma. "Non dovresti farlo." Allungandosi verso di me, mi spinge via e si dirige verso il soggiorno. seguo da vicino. Sento il suo odore, lei lo vuole. La sua fica la tradisce, si bagna. La afferro di nuovo, spingendola in avanti, attraverso lo schienale del divano. Le prendo a calci i piedi, afferrandole i capelli dietro la testa, costringendola a salire sul divano, giù con il culo verso di me. Le afferro i fianchi, spingendo il mio cavallo contro il suo culo. La sbatto contro più volte. So che mi vuole. Lei geme forte. Le spingo la maglietta su per la schiena, afferrandole il fermaglio del reggiseno. Stringo le dita, le slaccio il reggiseno e lascio le sue tette libere. Mi avvicino a lei, sentendo la morbidezza delle sue tette. Pizzico leggermente i capezzoli, sentendoli indurirsi tra pollice e indice. Altri gemiti le sfuggono. Continuo a spingere l'inguine contro il suo culo, la tiro su per i capelli, la testa inclinata all'indietro. Le sue mani mi tengono il polso. Le stringo rudemente le tette. La sua schiena preme contro il mio petto.

La mia mano percorre il suo corpo, trovando il bottone dei suoi jeans. Apro il bottone, apro la patta. Abbasso i jeans, portando con sé le sue mutandine. Il suo culo e il suo tumulo ora sono nudi per me. Spingo la mano tra di noi, slacciando la cintura, aprendo i jeans, aprendo la cerniera della patta. Spingo giù i pantaloni e gli slip. Il mio cazzo è duro, puntato verso il basso tra i nostri corpi. Sento il calore del suo culo premere su di me. "Non farlo, non posso farlo, per favore smettila." sta dicendo. Il suo culo preme contro di me. So che vuole sentire il mio cazzo nella sua figa. Io posso dire. I suoi gemiti danno via il suo corpo. La spingo di nuovo sul divano. Il suo culo sodo è aperto per me. Poso la mia mano sulla fessura del suo culo, facendo scivolare le mie dita sulla sua umidità. Si muove per liberarsi mentre le mie dita scivolano nella sua fica. Spingo due dita dentro di lei. Molto stretto, solo un accenno di umidità, spingo le mie dita in profondità nella sua fica. "Oh merda bastardo", dice. Comincio a spingere le dita dentro e fuori, tenendola stretta. La sua fica inizia a bagnarsi molto. Spingo un secondo dito dentro di lei. Faccio scorrere le mie dita fuori dalla sua fica su per la sua fessura leccandole il buco del culo. Faccio scivolare le mie dita di nuovo sulla sua fica, inserendole di nuovo il più profondamente possibile nella sua fica stretta. Continuo a macinare il mio cazzo contro le guance del suo culo. Ho bisogno di scoparla. Di nuovo faccio scorrere le mie dita dalla sua fica fino al suo buco del culo, lubrificando l'area, premendo nuovamente le mie dita nella sua fica. Penetrandola in profondità, spingendo le mie dita tanto in profondità quanto andranno. Comincia a grugnire adesso. Sbatto le mie dita dentro e fuori dalla sua fica. La sua fica è bagnata ora. "Oh cazzo", dice. “Sporco bastardo, mi vuoi,” mi sibila. "Beh, fammi diventare la tua puttana, figlio di puttana." Metto il pollice sul suo buco del culo. Mentre mi maledice, le infilo il pollice nel culo fino alla prima nocca. Voglio devastarla adesso!

"Vuoi essere la mia cagna", le dico. "Ho intenzione di fotterti anche nel culo." Le infilo il pollice in profondità nel culo. Lei grugnisce, geme e urla. “No, fottuto bastardo. No", mi urla. Il suo corpo preme contro la mia mano mentre spingo le mie dita dentro e fuori dalla sua fica con il pollice nel suo culo. Sto pompando la mano forte e veloce. "Oh merda no", sibila. La sua umidità mi sta inondando la mano. "Oh merda, oh merda", la sua voce è appena udibile tra i grugniti e i gemiti del suo corpo. "Sborra per me cagna", le dico. Voglio farla venire prima di fotterla a morte. Voglio guidare il mio cazzo in profondità nella sua figa stretta, duro, veloce e profondo. Voglio che prenda tutto il mio cazzo, profondo e furioso. Sento il suo corpo tendere, il suo respiro si ferma, il movimento si ferma. Continuo a spingerla forte dentro di lei, affondando il pollice più a fondo nel suo culo. Chiudo le dita, strofinando il muro tra la sua figa e il culo. "Oh vaffanculo, bastardo", urla. "Oh dio, sto venendo", sibila. "Dannazione a te, dannazione a te", continua. Tolgo la mano dal suo corpo, le afferro l'anca e metto la punta del mio cazzo all'apertura della sua figa. "Ora puttana, tua mia", spingo in avanti, la testa del mio cazzo che apre le labbra della sua fica. Mi tiro indietro, premo in avanti, tiro indietro e premo di nuovo in avanti. Ogni spinta spinge più del mio cazzo nella sua fica stretta. Sta urlando sui cuscini del divano. Mi tiro indietro, asciugo altro succo di fica sul resto del mio cazzo. Spingo forte in avanti. Il mio inguine preme contro il suo culo. Di nuovo mi tiro indietro e premo in avanti lentamente, le palle ora completamente sepolte nella sua fica. Le lascio i capelli, afferro l'altro fianco e inizio a martellarle la figa senza sosta con il mio cazzo. I miei fianchi schiaffeggiano rumorosamente sulle guance del suo culo. Sta urlando contro i cuscini. “ Senti il ​​mio cazzo cagna. Chi è tuo padre», ridacchio. Sbatto ripetutamente la sua fica stretta.

Sono entrato fino in fondo e lei riesce a malapena a respirare. Quella sensazione di me che quasi la spaccavo a metà. La sua figa viene allungata oltre ogni immaginazione. "O dio", è come niente che abbia mai sperimentato. Comincia a urlare mentre inizio a muovermi dentro e fuori, il mio enorme cazzo che scivola dentro di lei. L'attrito del mio grosso cazzo contro le tenere pareti vaginali crea calore. Sentendo le mie grosse palle che schiaffeggiano contro di lei mentre mi spingo dentro di lei. Si sta facendo scopare così forte che non poteva immaginare nient'altro in quel momento se non me che la allungavo e la riempivo. Sta diventando così calda e scopata così forte che sta per svenire. È quasi sul punto di non riuscire più a sopportarlo finché alla fine non sente il mio cazzo pulsare e sussultare. Allarga di più le gambe come farebbe una cavalla. Gemo e tengo il mio cazzo dentro di lei. Comincia a sentire la calda sensazione della mia crema ora, la sua piccola vagina piena di una melma calda e appiccicosa poi inizia a fuoriuscire. Lasciandolo scorrere lungo il culo e le gambe, sta avendo un orgasmo allo stesso tempo. I suoi occhi sono girati indietro nella sua testa e sta avendo il miglior orgasmo che abbia mai avuto. Sta per svenire ma quasi non voleva che finisse. Dopo pochi minuti finalmente mi tiro fuori e lei cadde sul divano come se fosse morta. Quarantacinque minuti dopo mi avvicino di nuovo a JoJo, lei è distesa sul letto a pancia in giù. JoJo cerca di allontanarsi da me come mio
la testa del cazzo a bulbo si fa strada oltre le sue labbra della figa, poi con un forte gemito mi muovo in avanti trafiggendola, impalandola di nuovo sul mio cazzo mostruoso. Dopo essere stata di nuovo impalata, sente che la dividerò a metà.

Poi inizia, mi sbatto dentro e fuori da lei, spingendo il mio cazzo fino in fondo in JoJo. Piangendo di piacere JoJo digrigna i denti e con sua sorpresa si è ritrovata a spingere indietro il mio cazzo mentre le fottevo il cervello. Sbattendole dentro, il mio cazzo la riempie con la crema dei nostri precedenti orgasmi aiutandola a scivolare liberamente dentro e fuori da lei. Rabbrividendo dopo un altro orgasmo, JoJo trema e si dimena. Un altro orgasmo che sale di nuovo nel suo nucleo oscuro e profondo. Si precipita su di lei e minaccia di sopraffare i suoi sensi, poi i cancelli si aprono mentre l'orgasmo la colpisce come un treno. Mentre le pareti della sua figa si stringono e mungono il mio cazzo mentre gemo, il mio gemito diventa più forte mentre comincio a venire. Sgorga un carico dopo l'altro di sperma caldo e denso di nuovo dentro di lei. JoJo ansima di piacere mentre il mio cazzo scivola da lei. Sente ancora la sborra che le cola sul letto. Ansimando per la stanchezza JoJo alza la testa e guarda la stanza a denti stretti, con il piacere che le annebbia la testa e la vista non dolore. "John, basta, per favore." Lei geme. Con un sussulto di dolore, JoJo apre gli occhi. Il suo corpo fa male per la brutale scopata che ha appena ricevuto.

Storie simili

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

858 I più visti

Likes 0

Brutalmente scopata dal mio coinquilino etero: un altro livello di bromance_(1)

Kareem è uno studente universitario di 22 anni. Ha una specie di faccia da ragazzo carino; tiene i peli del viso allineati molto bene. È alto circa 5 piedi e 10 pollici, con una corporatura leggera e la sua pelle è del colore del caffè leggermente cremoso. Kareem ha da tempo accettato di essere gay, ma non è il tipo di gay frocio che cammina e parla in modo divertente e indossa abiti femminili. È solo un tipo delinquente che ama davvero il cazzo; un mestiere, per così dire. Bene, nel suo ultimo anno di college, ha molto più di quanto...

581 I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

504 I più visti

Likes 0

Vorresti due di me? Questo avverrà in un futuro molto prossimo….. ….Sono Lisa e ho fatto un grande passo e ho messo insieme segretamente un clone e una combinazione robotica di me stesso. La mia azienda pensava che fosse solo l'ultima ragazza robot che avevo creato. Ho aspettato che il ragazzo giusto lo provasse. Ho finalmente trovato quello che cercavo. Era bello, sexy e giovane. Perfetto…. --------- …Ron…. ...Ho ricevuto informazioni su un'azienda che voleva che qualcuno provasse la loro ultima ragazza robot. L'ho esaminato e sembrava interessante. Li ho contattati e mi hanno accettato come un buon test per lei...

1.6K I più visti

Likes 0

Un giorno da ricordare_(3)

Tutto è iniziato quando sono stato in grado di andare in un bed and breakfast senza vestiti nel Maine che i miei occhi erano aperti su ciò che mi aspettava. La visita nel Maine mi ha colto di sorpresa, mentre in viaggio d'affari ho deciso di soggiornare in un B&B invece che in un hotel. Era novembre quindi faceva un po' freddo ma hanno una piscina coperta e in un edificio accanto alla piscina una sauna. Entrando nella sauna non mi ha sorpreso trovare uomini e donne nudi seduti intorno. C'era una grande sauna, ma presto ho scoperto che c'erano diverse...

616 I più visti

Likes 0

Parte 5 - Sue diventa una star_(0)

Parte 5 continua dalla parte 4… La sua testa pendeva dalla vergogna, la sua tetta pulsava e le faceva male e ora era quasi nera, poi con suo orrore il ragazzo disse. Beh, se non l'hai tenuto giù, le palle tornano dentro. Ha messo tutte le palle nella borsa e poi ha iniziato a farla oscillare come un pendolo. Sue lanciò un urlo da grondaia e disse no stop, per favore se ne vadano. Possiamo fotterti nel culo, il ragazzo ha detto: Sì, sì, toglilo e basta. 'Sei sicuro'. 'Sì, ​​toglilo.' Lentamente le tolse la sacca e la corda attorno alla...

529 I più visti

Likes 0

Festa Madre Figlia (3 di 12)

Festa mamma-figlia (parte 3 - Mamma, papà e Anna trio) Non appena il film finisce, abbasso la bocca di Tom verso la figa di sua figlia e gli dico che spetta a lui decidere se avrà un orgasmo oggi. Cosa vorresti che facesse papà? Sto imparando velocemente che esiste più di un tipo di tortura per la mia figa. Tieni la mia figa al limite il più a lungo possibile senza permetterle di produrre sperma. Quando avrai finito, mamma mi stuzzicherà la figa con lei bocca allo stesso modo. Manteniamo Anna sull'orlo dell'orgasmo per quasi un'ora e quando stacco la bocca...

336 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

1.6K I più visti

Likes 0

Il nuovo capannone

Stavo costruendo un nuovo laboratorio e avevo bisogno di aiuto. Ho chiamato quattro amici che avevano abilità di falegnameria e per me erano incontri regolari. Sapevamo tutti di essere partner sessuali, ma mantenevamo le cose discrete poiché nessuna delle nostre mogli sapeva delle nostre attività extrascolastiche. Il cemento per il pavimento era già stato versato da due gentiluomini molto energici, ma questa è un'altra storia. Il legname era stato consegnato pochi giorni fa insieme a tutto l'hardware. La stazione della sega è stata allestita in una zona ombreggiata in modo che i lavori potessero procedere rapidamente. Le mogli hanno portato tutti...

1.4K I più visti

Likes 0

Il wrestling ci ha fatto iniziare....

Quando avevo 18 anni avevo un amico intimo con cui uscivo tutto il tempo. Il suo nome era Davide. Anche se entrambi eravamo interessati alle ragazze e all'epoca avevamo amiche fisse, abbiamo trascorso molto tempo insieme e siamo riusciti a finire con qualche sperimentazione sessuale l'uno con l'altro. La prima volta che abbiamo fatto qualcosa, stavamo scherzando sulla dimensione del cazzo e continuava a insistere che era più grande del mio. Ci eravamo visti i cazzi l'uno dell'altro e il suo sembrava essere uguale al mio. Ma ha affermato che è diventato molto, molto più grande quando è diventato difficile. Ha...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.